Jump to content
Sign in to follow this  
Villeneuve

Quali sono i problemi dell'attuale F1?

Recommended Posts

...ah! Beh magari nemmeno è quello giusto il link (non potendolo vedere)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Stiamo parlando anche di una notizia in Italiano, tradotta ed estrapolata chissà come. C'è un equivalente in inglese?

 

 

 

 

...vogliamo pensare giornali come Corriere della Sera e Quattroruote sono tutti incapaci a tradurre una frase dall'inglese presa da una videointervista di sky?

No beh, siamo noi che siamo complottisti, ovvio :asd:

 

però guarda caso il video è stato disabilitato e non si può vedere (o almeno io non riesco a trovarlo, ma magari ce ne è una versione ninja su qualche altro sito nei bassifondi del web)

 

un sito inglese rimanda per esempio a questo link (ma a me non si apre e non riesco a vederlo, proprio perchè si pensa sia stato disabilitato)

http://sport.sky.it/sport/formula1/video/f1_parla_ecclestone_235145.html

 

 

 

Non so Quattroruote, ma già Gazzetta e Corriere, quando non si tratta di calcio, scrivono boiate immonde. Ancora peggio la stampa normale tipo Repubblica, Corriere della Sera & co...

Share this post


Link to post
Share on other sites

sì tu hai ragione eh, almeno generalmente parlando, ma sbagliare a tradurre addirittura una frase da un video mi sembra un po' tanto.

Magari se qualcuno lo trova lo posta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
In Germania non hanno nemmeno un GP, il pubblico sta calando ovunque.

Questo vuol dire che tanta gente ha capito che le loro sono vittorie farlocche, probabilmente comprate.

Io questo ormai lo do' per scontato, ciò che mi preoccupa è il timore che la mia squadra abbia potuto ricevere qualcosa in cambio dell'accettazione di questo dominio pilotato. Questo mi darebbe molto fastidio.

 

Per rimanere attuali, temo che sia successo come a Catania (calcio).

 

 

se è vero che è un complotto stai tranquillo che sono tutti d'accordo altrimenti starebbero zitti davanti ai 1000 km o alle modifiche per affidabilità dopo 6 gare con lo stesso motore? sarebbero una banda di allocchi e non credo

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Germania non hanno nemmeno un GP, il pubblico sta calando ovunque.

Questo vuol dire che tanta gente ha capito che le loro sono vittorie farlocche, probabilmente comprate.

Io questo ormai lo do' per scontato, ciò che mi preoccupa è il timore che la mia squadra abbia potuto ricevere qualcosa in cambio dell'accettazione di questo dominio pilotato. Questo mi darebbe molto fastidio.

 

Per rimanere attuali, temo che sia successo come a Catania (calcio).

 

 

A pensar male può essersi creata una situazione di questo tipo: se la Mercedes non vince si ritira e la F1 va a rotoli, perché già adesso sta perdendo i pezzi, quindi a cascata salta tutto il giro d'affari e le fette di torta si rimpiccioliscono.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io per un anno farei così.

Scindere i 2 campionati.

1 piloti, e 1 costruttori, perché ora non è proprio così, piloti e macchine sono legati, invece...

20 piloti, 20 gare.

3 tipi di gomma a gara,

Prove invernali fatte da piloti collaudatori.

Quando inizia il campionato, ad ogni gp, i piloti si cambiano le macchine, alla fine dell'anno tutti i piloti hanno guidato tutte le macchine, e tutte le macchine sono state guidate da tutti i piloti.

Più sportivo di così non si può, e ci si chiarirebbero di più le idee sul vero valore dei piloti.

Un anno si potrebbe provare.

Ggr

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'aveva proposto Mosley nel 2003. Sono perfettamente d'accordo

 

Io per un anno farei così.

Scindere i 2 campionati.

1 piloti, e 1 costruttori, perché ora non è proprio così, piloti e macchine sono legati, invece...

20 piloti, 20 gare.

3 tipi di gomma a gara,

Prove invernali fatte da piloti collaudatori.

Quando inizia il campionato, ad ogni gp, i piloti si cambiano le macchine, alla fine dell'anno tutti i piloti hanno guidato tutte le macchine, e tutte le macchine sono state guidate da tutti i piloti.

Più sportivo di così non si può, e ci si chiarirebbero di più le idee sul vero valore dei piloti.

Un anno si potrebbe provare.

Ggr

Share this post


Link to post
Share on other sites

Domanda: metti che la Williams è fortissima a Monaco per un'ottima trazione, la McLaren fortissima a Barcellona grazie all'efficienza aerodinamica e la Ferrari fortissima a Monza per via del motore; metti che un pilota guida la Ferrari a Monaco, la McLaren a Monza e la Williams a Barcellona e praticamente ha perso il titolo. Questa proposta non ha alcun senso.

 

Eventualmente, se si vuole rendere la F1 un campionato esclusivamente per piloti, si può decidere di fare come in NASCAR dove le macchine sono molto vetuste (distribuzione ad aste e bilancieri, carburatori fino a due anni fa, cambio H 4 rapporti e niente telemetria in gara) per dare molto spazio alla bravura del pilota e invece convogliare la ricerca tecnica dei costruttori verso le gare endurance.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccessivo. Bisognerebbe (come ha detto qualcuno, mi pare proprio tu, pochi post fa) ricreare un certo equilibrio prestazionale a fronte di una grande libertà tecnica.

 

Pensandoci bene forse farebbe bene anche ai costi perché tante soluzioni diverse mettono i team in concorrenza "indiretta": non dispongono del medesimo materiale, quindi non bisogna dannarsi l'anima per guadagnare un piccolo vantaggio determinante. Si potrebbe sviluppare più in libertà e con meno soldi. D'altronde dare il mondo per guadagnare un decimo non è conveniente se posso magari riuscire a sviluppare allo stesso prezzo un guadagno di un secondo: con mezzi diversi magari è possibile.

 

Sono parole da profano, che si affiderebbe a limitazioni da profano (penso a materiali industriali, limitazioni elettroniche, calmieri per la rivendita dei prezzi ecc...) però chissà, mi piacerebbe sapere l'opinione di uno "inside". Soprattutto perché nel WEC c'è qualcosa di simile.

 

Per rendere più spettacolare il campionato c'è solo una via: aumentare i punteggi degli inseguitori in proporzione alla vittoria. Anche un leggero incremento (penso per esempio ad un 25-19-17...) potrebbe sortire effetti molto positivi. So che è antisportivo ma bisogna anche essere realisti.

 

Per quanto riguarda l'aspetto "organizzativo" si potrebbe fare una sorta di "fair-play" finanziario come nel calcio, con multe per i morosi all'incontrario.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma come lo controlli il fair play finanziario? Per introdurre nuove regole serve che la FIA sia in grado di farle rispettare, altrimenti continuerà a vincere chi se le fa scrivere meglio (o se le scrive da solo).

In regime di libertà tecnica e finanziaria ognuno spende ciò che può e non vince necessariamente il più ricco. Guarda Honda, Toyota e Mercedes (McLaren) dello scorso decennio: solo fallimenti e figure barbine a fronte di investimenti faraonici!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Villeneuve, la questione dei punteggi è proprio il contrario. Se le differenze tra primo e secondo, e poi terzo, sono troppo vicine, poi risulta impossibile o quasi rimontare. Vedi Schumacher nel 2003 a giocarsi il titolo all'ultima gara dopo sette vittorie contro una di Raikkonen per qualche gara andata male a inizio anno. Con il vecchio 10 6 4... avrebbe chiuso (giustamente) la partita in anticipo. Resto dell'idea che se le gare sono belle, il campionato interessa poco o niente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo con Chatruc, il campionato può anche essere a senso unico, ma se le singole gare fossero belle non sarebbe un problema.

Per fare un esempio, penso al 1996: campionato deciso già in primavera, ma non ricordo certo noia, le gare erano incerte e combattute e la stessa Williams non aveva la garanzia di vincerle (come accade oggi con le mer.), perchè con libertà di sviluppo è normale avere problemi di affidabilità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quell'anno la Williams aveva una capacità impressionante di sbagliare le strategie altrimenti avrebbe dominato in maniera più netta.

 

Non sono per niente d'accordo sulla rotazione dei piloti, il motorsport è sempre stata l'accoppiata macchina - pilota (o macchina - equipaggio nelle gare di durata)

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti ho detto un'idiozia sui punteggi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I problemi dell'attuale F1 sono i costi e le regole.

 

Da ormai 10 anni assistiamo a campionati dove c'è una sola scuderia che azzecca la macchina. Gli altri fanno a gara a chi si avvicina di più.

 

Una F1 in queste condizioni è una F1 priva di lotte al vertice. Di lotte per la prima piazza. Dietro, nelle retrovie, battaglie e sorpassi ce ne sono. Ma mai nelle prime 3 posizioni. Quelli che hanno la macchina buona (che sia Brawn GP, Red Bull o Mercedes) scappano. Gli altri rincorrono.

 

Con i regolamenti attuali è molto difficile azzeccare la macchina. Chi è bravo a interpretare il regolamento e trova lo stratagemma per vincere, stacca tutti gli altri e corre da solo. Per riavere un F1 bella da vedere bisogna rendere lo sviluppo della vettura più semplice e chiaro, in modo da dare meno appigli per sotterfugi aerodinamici e/o motoristici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

tutto libero (obbligo ruote scoperte, misure e peso vettura e tutto ciò che comporta limitazioni per la sicurezza) ma budget bloccato e 110Kg di carburante per tutti senza soste!!!

 

vedete che si torna a vedere GP VERI!!

 

questo non esclude domini di un team solo che azzecca tutto, ma dovrebbe consentire più variabilità, almeno spero...

Edited by JLP

Share this post


Link to post
Share on other sites

guardate che il dominio di un team unico è l'ultimo problema...è sempre avvenuto questo nella storia di questo sport...i problemi sono altri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quell'anno la Williams aveva una capacità impressionante di sbagliare le strategie altrimenti avrebbe dominato in maniera più netta.

 

Non sono per niente d'accordo sulla rotazione dei piloti, il motorsport è sempre stata l'accoppiata macchina - pilota (o macchina - equipaggio nelle gare di durata)

 

Mi sembra che sia nel DNA della Williams sbagliare le strategie ....allora come oggi....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quell'anno la Williams aveva una capacità impressionante di sbagliare le strategie altrimenti avrebbe dominato in maniera più netta.

 

Non sono per niente d'accordo sulla rotazione dei piloti, il motorsport è sempre stata l'accoppiata macchina - pilota (o macchina - equipaggio nelle gare di durata)

 

Mi sembra che sia nel DNA della Williams sbagliare le strategie ....allora come oggi....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×