Jump to content
Sign in to follow this  
Frankystoffersson87

Berger: "Senna voleva correre in Ferrari"

Recommended Posts

Io non sono per niente d'accordo.

 

La Lotus ebbe una crisi tecnica iniziata con il fallimento della Lotus 80 del 1979, la terribile macchina del 1980, la proibita Lotus 88 a doppio telaio del 1981 e la morte di Chapman. Con l'arrivo di Decarouge nel 1983, il team risalì la china e cominciò a giocarsi e le vittorie e vincere. C'era prima il potentissimo motore Renault (di grande aiuto per le pole position) e poi l'Honda. C'erano pure gli sponsor (prima la Player's e poi la Reynold.. Il declino della Lotus economicamente partì proprio nel 1987 con la squadra che aveva speso ingenti risorse per un sistema a sospensioni attive che aveva ripagato il team solo nelle due gare su cittadini di Monaco e Detroit e trascurò in qualche modo lo sviluppo della vettura dell'anno successivo, che pur avendo un motore Honda stratosferico (l'unico progettato appositamente per la pressione di 2.5 bar e 150 di benzina per un solo anno di vita), non riuscì a battere la Ferrari che disponeva di un semplice motore adattato alle nuove regolamentazioni. Da lì iniziò la fine con la perdita della Honda, poi della Reynold, il fallito matrimonio con la Lamborghini e il resto.

 

Negli anni '80, era normale esordire in F1 tra i 24 e i 28 anni, quindi Senna era giovane lo stesso. Barrichello, arrivato a 21, era veramente considerato giovanissimo, mentre oggi sembra che se a 22 non sei in F1, ormai non ci arrivi più.

 

Senna in Lotus ci è stato il tempo giusto, abbastanza per provare a vincere qualcosa e imparare tanto, nemmeno troppo per bruciarsi, come invece è successo con Martini alla Minardi, Capelli e Gugelmin alla March.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non sono per niente d'accordo.

 

La Lotus ebbe una crisi tecnica iniziata con il fallimento della Lotus 80 del 1979, la terribile macchina del 1980, la proibita Lotus 88 a doppio telaio del 1981 e la morte di Chapman. Con l'arrivo di Decarouge nel 1983, il team risalì la china e cominciò a giocarsi e le vittorie e vincere. C'era prima il potentissimo motore Renault (di grande aiuto per le pole position) e poi l'Honda. C'erano pure gli sponsor (prima la Player's e poi la Reynold.. Il declino della Lotus economicamente partì proprio nel 1987 con la squadra che aveva speso ingenti risorse per un sistema a sospensioni attive che aveva ripagato il team solo nelle due gare su cittadini di Monaco e Detroit e trascurò in qualche modo lo sviluppo della vettura dell'anno successivo, che pur avendo un motore Honda stratosferico (l'unico progettato appositamente per la pressione di 2.5 bar e 150 di benzina per un solo anno di vita), non riuscì a battere la Ferrari che disponeva di un semplice motore adattato alle nuove regolamentazioni. Da lì iniziò la fine con la perdita della Honda, poi della Reynold, il fallito matrimonio con la Lamborghini e il resto.

 

Negli anni '80, era normale esordire in F1 tra i 24 e i 28 anni, quindi Senna era giovane lo stesso. Barrichello, arrivato a 21, era veramente considerato giovanissimo, mentre oggi sembra che se a 22 non sei in F1, ormai non ci arrivi più.

 

Senna in Lotus ci è stato il tempo giusto, abbastanza per provare a vincere qualcosa e imparare tanto, nemmeno troppo per bruciarsi, come invece è successo con Martini alla Minardi, Capelli e Gugelmin alla March.

Io trovo sia abbastanza palese che 3 anni fossero troppi per uno come lui considerato poi il suo mondiale al primo colpo in mclaren contro un veterano e campione. Poi nessuno dice che la Lotus facesse schifo però di certo era impossibile vincere un mondiale, e come già detto 6 vittorie in 3 anni non sono nemmeno i lgiusto riconoscimento per la velocità mostrata in pista in quel triennio in cui non credo sia una bestemmia affermare che fosse già il pilota più VELOCE, però erano altri tempi si vinceva anche con meno velocità e più affidabilità nell'arco di una stagione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era già il più veloce si, non è affatto una bestemmia affermare che 3 anni in Lotus furono un po' sprecati, anche se la macchina si poteva giocare delle vittorie.

Cmq nei primi anni 90 aveva già firmato per la Ferrari, quando questa non andava bene, poi è saltato tutto ed è rimasto con Dennis

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con la Ferrari 1990 Senna avrebbe vinto? Giusto per buttare una bomba a mano :lol2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non sono per niente d'accordo.

 

La Lotus ebbe una crisi tecnica iniziata con il fallimento della Lotus 80 del 1979, la terribile macchina del 1980, la proibita Lotus 88 a doppio telaio del 1981 e la morte di Chapman. Con l'arrivo di Decarouge nel 1983, il team risalì la china e cominciò a giocarsi e le vittorie e vincere. C'era prima il potentissimo motore Renault (di grande aiuto per le pole position) e poi l'Honda. C'erano pure gli sponsor (prima la Player's e poi la Reynold.. Il declino della Lotus economicamente partì proprio nel 1987 con la squadra che aveva speso ingenti risorse per un sistema a sospensioni attive che aveva ripagato il team solo nelle due gare su cittadini di Monaco e Detroit e trascurò in qualche modo lo sviluppo della vettura dell'anno successivo, che pur avendo un motore Honda stratosferico (l'unico progettato appositamente per la pressione di 2.5 bar e 150 di benzina per un solo anno di vita), non riuscì a battere la Ferrari che disponeva di un semplice motore adattato alle nuove regolamentazioni. Da lì iniziò la fine con la perdita della Honda, poi della Reynold, il fallito matrimonio con la Lamborghini e il resto.

 

Negli anni '80, era normale esordire in F1 tra i 24 e i 28 anni, quindi Senna era giovane lo stesso. Barrichello, arrivato a 21, era veramente considerato giovanissimo, mentre oggi sembra che se a 22 non sei in F1, ormai non ci arrivi più.

 

Senna in Lotus ci è stato il tempo giusto, abbastanza per provare a vincere qualcosa e imparare tanto, nemmeno troppo per bruciarsi, come invece è successo con Martini alla Minardi, Capelli e Gugelmin alla March.

 

la lotus rimaneva comunque un top team,in grado di pagare a nelson piquet l'ingaggio piu' alto della f.1 nel 1988,la crisi era prettamente tecnica dopo la morte di chapman,la macchina era veloce,in qualifica grazie alla potenza renault e all'abilita' di senna,ma in gara e in ottica campionato non permetteva di vincere un mondiale.

 

il rimpianto di senna credo sia stato quello di essere stato testato con grandi tempi da mclaren e williams che erano in procinto di prenderlo,e invece si e' dovuto fare 4 anni di purgatorio o mezzo purgatorio prima di vincere.

 

come giustamente fatto notare senna era probaimente il piu' veloce sin dll'85',basta rivedere quella stagione per capire come fosse gia' in grado di fare le pole e condurre una gara fino alla fine,salvo poi l'inaffidabilita' in gara della macchina.

 

se senna fosse andato in mcalren o williams poteva ritrovarsi a 28 anni gia' con 2 3 mondiali,invece ando' in mclaren a 0 titoli contro i 3 di piquet.

 

poi che con la lotus siano stati anni belli e importanti nessuno lo mette in dubbio,ertamente senna non aveva necessita' di "imparare" per 4 anni

 

Con la Ferrari 1990 Senna avrebbe vinto? Giusto per buttare una bomba a mano :lol2:

 

il tomentone della stagione 90'....se invertiamo i piloti chi vincerebbe?....

Share this post


Link to post
Share on other sites

toleman fu la scelta giusta,ma 3 anni in lotus furono uno spreco,una marea di pole position ma la miseria di 6 vittorie in 3 anni,per un pilota come senna che era' gia' da mondiale ma chi ben ricorda non poteva competere in gara per l'inaffidabilita' di una macchina veloce in qualifica ma incostante e molto meno efficace in gara.

l'87 poi fu l'anno buttato via,per fortuna ci penso' la honda a portarlo in mclaren.

 

e' vero che a 27 anni sei ancora giovane,ma neanche giovanissimo,resta il rammarico per non aver potuto vedere senna in quegli anni con una williams o con una mclaren,la lotus era gia' una scuderia in declino tecnico e finanziario dai primi anni 80'.

 

insomma 4 anni quasi buttati,ci sta l'apprentistato,ma a uno come senna sarebbe bastato il primo anno

 

 

Mah il mondiale dell'85 l'ha buttato la Lotus puntando proprio su Senna, infatti de Angelis era in testa al mondiale. Già nell'85 Senna poteva vincere il mondiale. Anche la Williams era meno forte della Lotus, Mansell e Rosberg facevano anche pole o prime file ma poi si piantavano in partenza per via del motore ancora acerbo della Honda. Nell'86-87 poi aveva un team tutto suo, Senna in quegli anni ha avuto anche troppo per un debuttante, voglio dire che è stato parecchio fortunato. E se Nelson arrivava in McLaren dubito avrebbe vinto un mondiale subito

Share this post


Link to post
Share on other sites

A leggere questo forum sembra che senna avrebbe dovuto vincere 10 mondiali... mah, ormai la massa la vede così, poi dopo

Il film per molti senna è diventato un essere soprannaturale

 

Riguardo alla stagione 90 c'è una certezza: a compagni di squadra invertiti prost lo avrebbe vinto con la pipa in bocca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con la Ferrari 1990 Senna avrebbe vinto? Giusto per buttare una bomba a mano :lol2:

 

Avrebbe vinto come avrebbe potuto fare Prost senza un certo speronamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le due coppie sarebbero state Prost-Berger e Senna-Mansell: molto sarebbe dipeso dalla loro eventuale gestione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con la Ferrari 1990 Senna avrebbe vinto? Giusto per buttare una bomba a mano :lol2:

Nel 90 Prost fece una stagione strepitosa con una macchina leggermente inferiore.

Stava facendo un miracolo, poche chiacchiere

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

toleman fu la scelta giusta,ma 3 anni in lotus furono uno spreco,una marea di pole position ma la miseria di 6 vittorie in 3 anni,per un pilota come senna che era' gia' da mondiale ma chi ben ricorda non poteva competere in gara per l'inaffidabilita' di una macchina veloce in qualifica ma incostante e molto meno efficace in gara.

l'87 poi fu l'anno buttato via,per fortuna ci penso' la honda a portarlo in mclaren.

 

e' vero che a 27 anni sei ancora giovane,ma neanche giovanissimo,resta il rammarico per non aver potuto vedere senna in quegli anni con una williams o con una mclaren,la lotus era gia' una scuderia in declino tecnico e finanziario dai primi anni 80'.

 

insomma 4 anni quasi buttati,ci sta l'apprentistato,ma a uno come senna sarebbe bastato il primo anno

 

 

Mah il mondiale dell'85 l'ha buttato la Lotus puntando proprio su Senna, infatti de Angelis era in testa al mondiale. Già nell'85 Senna poteva vincere il mondiale. Anche la Williams era meno forte della Lotus, Mansell e Rosberg facevano anche pole o prime file ma poi si piantavano in partenza per via del motore ancora acerbo della Honda. Nell'86-87 poi aveva un team tutto suo, Senna in quegli anni ha avuto anche troppo per un debuttante, voglio dire che è stato parecchio fortunato. E se Nelson arrivava in McLaren dubito avrebbe vinto un mondiale subito

 

 

non sono d'accordo.non basta prendere la classifica e fare i conti con la calcolatrice.de angelis era in testa e' vero ma in virtu' dei piazzamenti e della regolarita'.

 

senna domino' a imola quando fini il carburante a 3 giri dalla fine,a monaco era in testa quando si rompe il motore,a silvertone condusse tutta la gara in testa finche' si ritiro per problemi alla pompa della benzina.

 

quindi con una macchina affidabile senna poteva aver vinto 3 4 gare a meta' stagione.de angelis aveva una guida piu' regolare,ma con i piazzamenti non avrebbe mai potuto cvincere il mondiale.

 

qualcuno dimentica che prost dopo monza aveva 16 punti di distacco,l'impresa era abbastanza ardua,siamo sicuri che avrebbe vinto in giappone e australia?

 

se piquet va alla mclaren che succede?semplice non trova i motori honda e la mclaren non vince un bel tubo.perche' l'ingaggio di senna fu fortemente voluto da dennis e prost per strappare i motori honda alla williams.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su Prost vincitore del mondiale 1990, era impossibile. Ha fatto ottime cose, poteva anche vincere in Giappone ma sarebbe stata veramente dura vincere. Nel complesso dell'intero anno la McLaren è stata superiore. Solo nel periodo estivo la Ferrari è andata meglio. Senna è stato il giusto campione, peccato per quel brutto speronamento.

 

Sulle rotture della Lotus e la benzina finita, molte erano riconducibili allo stesso Senna che usava troppo l'overboost ad inizio gara (era stato redarguito dalla Renault per questo). Per questo motivo dico che gli anni in Lotus sono serviti a Senna per imparare molto, gestire la meccanica, tenersi lontano dai guai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su Prost vincitore del mondiale 1990, era impossibile. Ha fatto ottime cose, poteva anche vincere in Giappone ma sarebbe stata veramente dura vincere. Nel complesso dell'intero anno la McLaren è stata superiore. Solo nel periodo estivo la Ferrari è andata meglio. Senna è stato il giusto campione, peccato per quel brutto speronamento.

 

Sulle rotture della Lotus e la benzina finita, molte erano riconducibili allo stesso Senna che usava troppo l'overboost ad inizio gara (era stato redarguito dalla Renault per questo). Per questo motivo dico che gli anni in Lotus sono serviti a Senna per imparare molto, gestire la meccanica, tenersi lontano dai guai.

 

la lotus non era al livello di mclaren e ferrari,le possibilita' erano 2 o accontantarsi dei piazzamenti con una buona classifica senza infamia e senza lode,oppureprendersi certi rischi,resta il fatto che lotus non era al livello dei concorrenti,senna ottenne il massimo un sacco di pole e giri in testa,6 vittorie e molti podi...

poteva essere regolare,ma almeno cosi ha imparato a vincere..

 

sul 1990 dopo l'iinghilterra era in testa e li pareva fatta.poi ci fu un inspiegabile hockenheim dove la ferrari col v12 fu inesistente(persino la bentton 8 cilindri ando' meglio)un ritiro in ungheria,e due gare spa e monza dove le macchine sembravano equivalersi ma senna leggermente meglio soprattutto nei doppiaggi.

 

comunque dopo monza era difficile,certamente ad estoril poteva riporarsi a -10 e invece

Share this post


Link to post
Share on other sites

a spa e monza la mclaren era superiore, a monza prost fece fatica anche a passare berger che in pura accelerazione gli era scappato.

 

sono d'accordo sul fatto che senna fosse più efficace nei doppiaggi, ma questo non dipendeva tanto dalla sua abilità, quanto dall'atteggiamento dei doppiati che quando lo vedevano negli specchietti "scappavano come conigli"

 

aggiungerei sull'ungheria che lì le mclaren andarono avanti buttando fuori gli avversari, ma non fu emessa alcuna penalità

Edited by klitschko

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto giusto, ma se vogliamo parlare della stagione '90 in quanto tale e come si è svolta sarebbe meglio aprire una discussione specifica

Share this post


Link to post
Share on other sites

a spa e monza la mclaren era superiore, a monza prost fece fatica anche a passare berger che in pura accelerazione gli era scappato.

 

sono d'accordo sul fatto che senna fosse più efficace nei doppiaggi, ma questo non dipendeva tanto dalla sua abilità, quanto dall'atteggiamento dei doppiati che quando lo vedevano negli specchietti "scappavano come conigli"

 

aggiungerei sull'ungheria che lì le mclaren andarono avanti buttando fuori gli avversari, ma non fu emessa alcuna penalità

 

beh dai non e' vero che scapavvano come conigli,in brasile senna perse una vittoria sicura per il doppiaggio di nakajima.semplicemente era piu' determinato ed efficace.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'idea di tornare in topic non è malvagia.

 

Io credo con argomenti certi che Senna volesse correre in Ferrari, ma soprattutto in una macchina competitiva. Prima di pareggiare il conto titoli con Prost, non sarebbe mai approdato in Ferrari. Fu contattato nel 1991 quando con Prost le cose andavano male e si era certi della sua partenza ma Senna rispose picche perchè la vettura non era competitva. Io avrei fatto la stessa cosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piquet anche con i motori honda le avrebbe prese da prost perchè era già mezzo finito come pilota e non è un parere personale...chiuso off topic

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'idea di tornare in topic non è malvagia.

 

Io credo con argomenti certi che Senna volesse correre in Ferrari, ma soprattutto in una macchina competitiva. Prima di pareggiare il conto titoli con Prost, non sarebbe mai approdato in Ferrari. Fu contattato nel 1991 quando con Prost le cose andavano male e si era certi della sua partenza ma Senna rispose picche perchè la vettura non era competitva. Io avrei fatto la stessa cosa.

 

ricordiamo il contesto del 91',la ferrari dopo le grandi attese si era rivelata il flop della stagione.prost se ne ando',tentarono pure dei contatti con mansell.i top driver avevano capito che a maranello le cose andavano abbastanza male.nel 92' ancora peggio,la peggior ferrari di sempre.difficile convincere senna in quelle condizioni,soprattutto un 3 volte campione del mondo che a 32 anni aveva in testa solo il record di fangio.

 

purtroppo la storia di senna ferrari,e'una lunga storia di occasioni perse,cominciate gia' nel'84,e come spesso succede,troppe occasioni mancate portano poi ad un nulla di fatto

Share this post


Link to post
Share on other sites

a spa e monza la mclaren era superiore, a monza prost fece fatica anche a passare berger che in pura accelerazione gli era scappato.

 

sono d'accordo sul fatto che senna fosse più efficace nei doppiaggi, ma questo non dipendeva tanto dalla sua abilità, quanto dall'atteggiamento dei doppiati che quando lo vedevano negli specchietti "scappavano come conigli"

 

aggiungerei sull'ungheria che lì le mclaren andarono avanti buttando fuori gli avversari, ma non fu emessa alcuna penalità

Direi che Senna perdendo due gare nell'88 per colpa dei doppiati in Francia e a Monza, con cui avrebbe ulteriormente surclassato in fatto di vittorie Prost, un contributo pesantino in carriera l'aveva già lasciato sul tema.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×