Jump to content
Sign in to follow this  
Redstory

Mondiale 1997

Recommended Posts

Spero non sia già stata aperta una discussione in merito, in caso contrario chiedo venia :)

 

Primo mondiale che ho seguito per intero; molti gli spunti: dal duello per il titolo fra Villeneuve e Michael Schumacher, conclusosi con il famoso episodio di Jerez, al confronto fra i due fornitori di pneumatici Bridgestone e Goodyear; l'approdo di Adrian Newey alla McLaren nel corso della stagione, l'ultimo titolo mondiale (piloti e costruttori) vinto dalla Williams; le gare in Ungheria e Austria con due outsider (rispettivamente Damon Hill su Arrows e Jarno Trulli su Prost) lungamente in testa e poi fermati da problemi meccanici; la prima vittoria di Hakkinen in carriera nell'ultimo gran premio dell'anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, forse c'era un topic incentrato su Jerez 1997 ,ma non sul campionato.

Allora,il campionato 1997 fu l'ultimo della Formula 1 "classica" con vetture più larghe e grandi e con maggiore carreggiata,gli pneumatici erano slick ed i motori dei V10.

L'anno in questione partì con la non conferma di Damon Hill (campione del mondo in carica) da parte della Williams che scelse per la sostituzione un vecchio pallino di Sir Frank, il veloce Tedesco Heinz Harald Frentzen, come prima guida fu promosso il convincente Jacques Villeneuve dopo un fenomenale 1996.

Per la Williams la stagione 1997 fu caratterizzata da una grande pressione,infatti alla fine del 96 ,Adrian Newey lasciò la scuderia in favore della McLaren,interrompendo quindi gli studi sulla FW19,che ebbe nel corso del campionato delle difficoltà nel migliorare il suo grado di sviluppo ed inoltre la scuderia Britannica sapeva di poter disporre per l'ultimo anno del motore Renault,che al termine del campionato avrebbe finito la sua esperienza trionfale in F1, quindi per la WIlliams il 1997 era un anno assolutamente da non sbagliare,ma la pressione era già alle stelle...

Al contrario in Ferrari cominciarono ad esserci degli sviluppi significativi con Michael Schumacher all'apice della sua carriera agonistica e soprattutto con la presenza della triade Jean Tod , Ross Brawn e Rory Byrne, praticamente la squadra della Benetton bicampione del mondo piloti...

La scuderia di Maranello partì ancora con un considerevole gap rispetto alla Williams,che però mano a mano si sarebbe assottigliato per poi risultare nullo nelle fasi finali del campionato ,da agosto in poi...

La crisi della Benetton continuò,con una vettura solida ma con scarsi sprazi velocistici, Alesi condusse un anno da separato in casa con Briatore,ebbe la possibilità di vincere a Monza ma gli risultò fatale una pessima sosta ai box, Berger riuscì ad aggiudicarsi il gp di Germania dopo alcune operazioni e la morte del padre..

La McLaren Mercedes di Newey iniziò la sua crescita esponenziale,tanto da poter far paura alla Williams in alcuni Gp estivi,ma pagò la fragilità dei potentissimi motori Mercedes,Coulthard vinse due gare,Hakkinen una, la scuderia cominciò a fare le prove per il trionfale 1998.

Discreto fu l'anno anche per la Jordan con Fisichella (che per poco non vinse il Gp di Germania) per la Prost con Panis (il cui incidente in Canada ,cambiò la sua carriera) e Trulli e per la Sauber di Herbert.

Il 1997 fu il primo anno per la Stewart Ford di Barrichello che centrò un grandioso secondo posto al Gp di Monaco,mentre per l'inaffidabile Arrows Yamaha , il campione del mondo in carica,Damon Hil stava per centrare in Ungheria una clamorosa vittoria. In coda da segnalare la presenza della storica Tyrrell e della Minardi.

In quell'anno ci fu anche la prima sfida tra gli storici pneumatici Good Year e i Giapponesi della Bridgestone,queste ultime gomme favorirono in alcune circostanze i team minori,in una Formula 1 che vide il duello al vertice tra Michael Schumacher e Jacques Villeneuve,ma che di fatto non escludeva alcuni outsiders dalle singole vittorie,il 1997 non si rivelò essere un anno granitico come ad esempio il 1998 (dove vinsero solo piloti Ferrari e McLaren con l'eccezone di Hill a Spa).

 

Il campionato cominciò in Australia con le WIlliams in prima fila,pole di Villeneuve, ma alla partenza il Canadese scattò male e fu poi messo fuori gioco da una manovra spericolata di Eddie Irvine,perdendo l'occasione di portare a casa una facile vittoria, vittoria che sfuggì a pochi giri dal termine al compagno di squadra Frentzen,per l'esplosione di un disco del freno, vinse così Coulthard su McLaren (prima vittoria McLaren dal 1993) davanti a Michael Schumacher (partito terzo) e Mika Hakkinen.

 

In Brasile ,Villeneuve centra nuovamente la pole ,al suo fianco partì la Ferrari di Schumacher, Ad inizio gara Michael partì meglio e Jacques tentando di resistere arrivò lungo alla prima curva perdendo così diverse posizioni,tuttavia alle loro spalle è il caos totale,con le vetture di Barrichello, Fisichella, Magnussen, Frentzen, Hill, FIsichella, Irvine ed Herbert coinvolte in vari incidenti e la direzione di corsa sospese la gara.

Alla ripartenza,Schumacher bruciò nuovamente Villeneuve,ma questi all'inizio del secondo giro supererà il rivale in staccata per poi involarsi verso la prima vittoria stagionale.

A podio finiranno anche Berger su Benetton ed il sorpendente Panis su Prost, Schumacher terminerà quinto.

 

In Argentina Villeneuve conquistò ancora la pole davanti a Frentzen, ed in gara ,nonostante dei problemi "intestinali" vinse con relativa facilità respingendo nel finale l'attacco di Irvine che terminò ottimo secondo, terzo giunse Ralf Schumacher (nell'anno del debutto) su Jordan, male andò a Schumacher che al primo girò tampono la Stewart di Barrichello e fu costretto al ritiro.

 

Ad Imola Jacques Villeneuve conquistò la quarta pole stagionale (la quinta consecutiva da Suzuka 1996) davanti a Frentzen . In gara Villeneuve partì bene,seguito da Schumacher (sattato dalla seconda fila) e Frentzen.

Schumacher prese il comando della gara dopo i primi pit stop ,infatti Villeneuve rientrò dopo di lui ai box,ma durante il giro di rientro fu rallentato dal doppiaggio delle due Tyrrell e questo lo fece scivolare alle spalle del rivale.

Il duello tra Schumacher e Villeneuve proseguì con il pilota Ferrari più lento del Canadese , questo favorì Frentzen che in testa alla gara, iniziò ad effettuare dei giri veloci , Heinz Harald riuscì a restare al comando anche dopo la sua prima sosta ai box.

Al 47esimo giro Villeneuve ancora in lotta per una potenziale vittoria fu costretto al ritiro per un problema al cambio, la gara la vinse Frentzen (prima vittoria in carriera) con Shumacher secondo ed Irvine terzo (con una Ferrari in salute).

 

A Monaco la pole la realizza Frentzen ,seguito da Schumacher e Villeneuve (che non ha mai nascosto il suo scarso feeling con Monaco) .

In una gara bagnatissima la Williams sbaglia in pieno la strategia e le previsioni del tempo ,facendo partire i suoi due piloti con assetto e gomme d'asciutto,così Frentzen e Villeneuve vengono letteralmente "mangiati" dagli altri piloti ed entrambi non finiranno la gara.

La Ferrari di Schumacher ha la strada spianata per la vittoria e con sicurezza taglierà per prima il traguardo, seguita dal sorprendente Barrichello su Stewart e da Irvine per la seconda volta consecutiva sul podio.

 

In Spagna è chiaro già dalle qualifiche che Villeneuve lascerà solo le briciole agli altri contendeti,infatti il Canadese realizza la quinta pole stagionale (quinta su sei,una media alla Ayrton Senna) davanti a Frentzen ,Coulthard ed Alesi, mentre Schumacher parte dalla settima posizione.

La gara è un monologo di Villeneuve che vince in scioltezza davanti a Panis al secondo podio stagionale e al redivivo Alesi su Benetton al primo podio stagionale,Schumacher chiuderà al quarto posto.

 

In Canada Schumacher realizza la pole ,strappandola a Villeneuve per soli 13 millesimi,terzo parte Barrichello e quarto Frentzen.

In gara Schumacher parte bene e lotta per un po' con Villeneuve che al secondo giro compie un errore e finisce a muro, la gara è caratterizzata da vari incidenti,ma Schumacher la condurrà dall'inizio alla fine concludendo splendidamente primo davanti al risorto Alesi e ad un sorprendente Fisichella su Jordan.

Schumacher passa in testa alla classifica mondiale piloti con 37 punti ,7 in più di Villeneuve.

 

In Francia Schumacher conquista la seconda pole consecutiva davanti a Frentzen,Ralf Schumacher e Villeneuve..

Al via Schumacher scatta bene e manterrà la testa per tutta la gara,mentre il suo rivale giungerà al quarto posto con un disperato tentativo di sorpasso all'ultimo giro su Irvine .

Quindi vince Schumacher ,seguito da Frentzen ed Irvine. Nella classifica piloti Schumacher distanzia Villeneuve di 14 punti.. 47 a 33.

 

In Inghilterra Villeneuve ottiene la sesta pole position stagionale,davanti a Frentzen,Hakkinen e Schumacher.

Alla partenza Villeneuve scatta bene,seguito da Schumacher,Coulthard ed Hakkinen, col passare dei giri Jacques fa il vuoto ,seguito a distanza da Schumacher,tutti gli altri sono molto lontani.

Al 21esimo giro il pilota Canadese rientra ai box per il rifornimento,ma a causa di problemi al fissaggio della ruota anteriore è costretto ai box per 33 secondi e sei decimi.

Schumacher si ritrova così in testa alla gara davanti ad Hakkinen ,Alesi,Wurz (che sostituisce Berger) e Villeneuve ,ma al 36º passaggio, il pilota della Ferrari effettua la sua seconda sosta ai box, ed appena ripartito è costretto al ritiro a causa del grippaggio di un cuscinetto di una ruota posteriore.

In testa così balza Hakkinen seguito da Villeneuve che riesce a sbarazzarsi delle due Benetton di Alesi e Wurz.

Hakkinen è però costretto al ritiro al 53esimo passaggio con il potenziato motore Mercedes in avaria, vince così Villeneuve che completa la sua rimonta dando la centesima vittoria alla Williams. Completano il podio Alesi e Wurz su Benetton.

Nella classifica piloti Villeneuve riduce a quattro i punti di svantaggio con Schumacher.(47 a 43) al terzo posto sale Alesi che supera Frentzen (21 a 19).

 

In Germania ,dopo varie disavventure personali,Berger su Benetton conquista la pole seguito dal sorprendente Fisichella , da Hakkinen e Schumacher.

Le Williams non si adattano alla perfezione ad un circuito veloce come Hockenheim e per la prima volta sono entrambe fuori dai primi quattro posti dello schieramento , Frentzen quinto e Villeneuve nono.

in gara combattono per la vittoria Berger e Fisichella ,mentre in terza posizione c'è Schumacher seguito da Hakkinen ,Alesi ,Villeneuve (in rimonta) e Trulli.

Al trentesimo giro si accende un furioso duello tra Hakkinen e Villeneuve per la quarta posizione,con il Canadese che cerca di sorprendere Mika alla staccata della prima curva,tuttavia Jacques finisce lungo e viene infilato da Trulli. Al giro seguente Villeneuve cerca di riprendersi la posizione , tenta un sorpasso su Trulli che però resiste e per evitare l'incidente il Canadese finisce in testacoda nella via di fuga ed è costretto al ritiro (mica era come accade oggi con le vie di fuga aereoportuali!) .

Intanto Fisichella che lotta per la prima posizione è costretto ai box da una foratura, ne approfittano così Schumacher ed Hakkinen che chiudono il podio alle spalle del magnifico Berger.

In classifica piloti Schumacher allunga su Villeneuve (53 a 43).

 

In Ungheria Schumacer conquista la pole seguito da Villeneuve e dal rinato Damon Hill su un' Arrows finalmente competitiva anche grazie alle Bridgestone.

In gara Schumacher parte bene,seguito da Hill ,Hakkinen e Villeneuve ,ma Damon ha una marcia in più rispetto agli altri ed all'ottavo giro supera Michael.

Al quattordicesimo giro Villeneuve riesce a superare Schumacher e si pone alle spalle di Hill.

La gara procede senza colpi di scena,se non con la crisi di gomme che si verificherà sulla Ferrari di Schumacher che perderà la terza posizione in favore della Sauber di Herbert.

Al penultimo giro qualcosa si blocca sulla Arrows di Hill che guida il Gp con più di 30 secondi di vantaggio su Villeneuve, Damon cerca disperatamente di tirare avanti ma nel corso dell'ultimo giro verrà superato dall'ex compagno di scuderia finendo comunque splendidamente secondo,il terzo posto andrà all'ottimo Herbert su Sauber che precederà Schumacher.

In classifica piloti Villeneuve riduce il suo distacco a 3 punti ( 56 a 53)

 

A Spa ,Villeneuve conquista la settima pole stagionale davanti ad Alesi e Schumacher.

In gara c'è la pioggia e Schumacher dopo aver passato Alesi e Villeneuve fa il vuoto.

Dopo 25 giri Schumacher è primo davanti a Fisichella,Alesi,Herbert e Villeneuve, il pilota Canadese riuscirà a recuperare due posizioni ,ma sarà costretto ad una sosta supplementare ai box a causa della rottura del distanziale finendo solo sesto. Tuttavia Hakkinen (quinto) verrà squalificato per l'utilizzo di benzina irregolare e Jacques verrà classificato quinto.

Schumacher vince a Spa seguito da Fisichella e Frentzen, in classifica piloti Schumacher allunga su Villeneuve ora il distacco è di 11 punti.

 

A Monza è l'ex Ferrarista Jean Alesi a far palpitare il cuore dei tifosi,il Francese conquista la pole davanti a Frentzen ,Fisichella e Villeneuve, solo nono Schumacher.

In gara per vntisei giri Alesi mantiene la prima posizione seguito a Frentzen e da Coulthard con una McLaren in gran spolvero capace di poter puntare alla vittoria.

In realtà restano solo Alesi e Coulthard in lotta per la vittoria ,i due rientrano ai box contemporaneamente ma in McLaren sono più veloci..

La gara terminerà con la vittoria di Coulthard davanti al deluso Alesi e a Frentzen. Solo quinto Villeneuve e sesto Schumacher.

 

In Austria Villeneuve conquista l'ottava pole stagionale davanti ad Hakkinen e a Trulli aiutato dalle gomme Bridgestone montate sulla Prost.

Alla partenza scatta molto bene Häkkinen, che mantiene la prima posizione; parte ancora meglio Trulli, che sopravanza Villeneuve portandosi alle spalle del finlandese. Il pilota abruzzese conquista la testa della corsa già nel corso del primo passaggio, quando Häkkinen deve ritirarsi per la rottura del motore Mercedes. Il pilota della Prost è seguito da Barrichello, Villeneuve, Magnussen, Frentzen, Michael Schumacher.

Al 24esimo giro Villeneuve passa Barrichello ed inizia ad inanellare un'impressionante serie di giri veloci tanto è che dopo i rifornimenti sarà lui a guidare la gara,davanti a Trulli, Fisichella (partito per un solo pit stop), Michael Schumacher, Barrichello e Magnussen.

Trulli sarà costretto al ritiro mentre Schumacher sconterà uno stop and go per aver superato Frentzen con le bandiere gialle ....

Villeneuve trionfa in Austria davanti a Coulthard e Frentzen,Schumacher giungerà solo sesto.

Nella classifica piloti Villeneuve riduce ad un solo punto il suo svantaggio da Schumacher (68 a 67) mentre per la terza posizione è lotta tra Frentzen ,Coulthard ed Alesi (31,30,28)

 

 

In Lussemburgo ,Hakkinen conquista la sua prima pole in carriera davanti a Villeneuve e Frentzen, solo quinto Schumacher.

Quando i semafori si spengono le due McLaren partono a razzo ma alla prima curva dietro succede il patatrac: arrivano affiancati in tre, ossia i fratelli Schumacher e Fisichella, e per tre non c'è abbastanza posto. Fisichella tocca Ralf il quale decolla sulla Ferrari di Michael che rompe una sospensione.

Dopo la girandola delle soste le due McLaren conducono indisturbate davanti a Villeneuve, Barrichello, Magnussen, Hill; la gara si decide clamorosamente fra il 42º e il 43º giro: proprio mentre passa davanti al traguardo esplode il Mercedes di Coulthard che era in seconda posizione; lo scozzese non fa neanche in tempo ad uscire dalla vettura che nello stesso punto arriva anche lo sfortunatissimo Häkkinen con il motore fumante. Le McLaren che avevano portato in Lussemburgo le evoluzioni del Mercedes vengono tradite dall'affidabilità, Villeneuve su una Williams più conservativa ma affidabile trionfa davanti ad Alesi e a Frentzen.

Nella classifica mondiale piloti Villeneuve distanzia Schumacher di 9 punti (77 a 68) e si appresta a chiudere i giochi in Giappone.

 

In Giappone il finale di campionato diventa un vero giallo ! Infatti la gara forse si decide già il sabato mattina durante le prove libere:

Infatti Verstappen rimane fermo in pieno rettilineo e i commissari agitano le bandiere gialle di pericolo; i primi sei piloti che transitano non rallentano e vengono poi sanzionati in base all'articolo 4. La pena come sempre è associata alla condizionale fino a fine stagione: il fatto è che fra i sei piloti c'è Jacques Villeneuve che corre già con la condizionale !

Essendo recidivo scatta la squalifica: la cosa più assurda è che Villeneuve viene fatto ugualmente correre sub judice. Il canadese conquista così (per soli 62 millesimi) la nona pole stagionale davanti al rivale Schumacher, un ritrovato Irvine con una Ferrari ormai vicinissima in prestazioni alla Williams.

Al primo giro Villeneuve transita davanti a Schumacher, Häkkinen, Irvine, Frentzen, Berger, Alesi, Herbert, Coulthard e Fisichella. Il vero protagonista di questi primi giri è Eddie Irvine che, dopo aver affrontato con aggressività la esse dopo il traguardo, affianca e passa all'esterno Häkkinen e Schumacher. Al 3º giro arrivando all'ultima chicane con una staccata mozzafiato all'esterno passa in testa!

Quando finisce la prima tornata di rifornimenti Irvine torna in testa davanti al compagno Schumacher, Villeneuve, Frentzen, Häkkinen, e Alesi, successivamente Irvine farà passare Schumacher rallentando poi Villeneuve che sarà vittima del gioco di squadra Ferrarista.

Il canadese decide così di effettuare la seconda sosta in anticipo, ma durante la sosta il bocchettone si blocca, e a causa di ciò rientra in pista in settima posizione !

Villeneuve riesce a recuperare due posizioni ma è tutto inutile, vince Schumacher davanti a Frentzen ed Irvine...Villeneuve giunto quinto ,sarà squalificato a fine gara .

Nel campionato piloti ,inaspettatamente Schumacher, complice la squalifica di Villeneuve ribalta la situazione superando il rivale di un punto (78-77)

 

 

A Jerez ,nel Gp d'Europa,il duello tra Schumacher e Villeneuve è infuocato. Nelle qualifiche del Gran Premio per la prima volta tre piloti realizzano lo stesso tempoper la pole position: in base ai regolamenti FIA, la prima piazza viene assegnata al primo pilota che aveva fatto segnare la prestazione, quindi in questo caso a Jacques Villeneuve,seguito da Schumacher e Frentzen.

I due rivali per il titolo si schierano a fianco, entrambi con la solita strategia delle due soste. Al via, Villeneuve fa pattinare troppo le gomme e Schumacher infila la prima curva in testa davanti a Frentzen, Villeneuve, Häkkinen, Coulthard ed Hill. Il ferrarista si invola con un passo veloce, Frentzen non riesce ad avvicinarlo ed all'ottavo giro fa passare il compagno di squadra.

Il vantaggio di Schumacher su Villeneuve rimane stabile intorno ai cinque secondi, ma anche gli altri non sono lontani..

Al 22º giro Schumacher si ferma per la prima sosta e rientra quarto davanti a Coulthard. Un passaggio più tardi dopo è Villeneuve che rifornisce, tornando in pista ancora alle spalle del rivale; ciononostante a parità di gomme , Villeneuve (che era partito con pneumatici "vecchi") inizia ad avvicinarsi progressivamente al rivale (Schumacher era partito con gomme nuove) e tenta già un primo assalto al 27º giro ma esagera e va con due ruote nella sabbia perdendo contatto.

I due proseguono molto vicini l'uno all'altro. Al 31º giro si ritrovano a doppiare la Sauber di Norberto Fontana, che lascia passare Schumacher e blocca Villeneuve facendogli perdere secondi preziosi; il distacco dal ferrarista è ora salito ad oltre 3 secondi.

Schumacher effettua la sua seconda sosta alla 43ª tornata (9"4); un giro dopo tocca a Villeneuve (8"3). Il canadese rientra ancora dietro a Schumacher e alla prima staccata si fa sorprendere anche da Coulthard, che si inserisce fra i due. Lo scozzese lascia però immediatamente strada al pilota della Williams, rifornendo a sua volta il giro successivo; in questo momento della gara Schumacher dispone di circa due secondi e mezzo di vantaggio su Villeneuve.

Il duello tra i primi due non è però terminato; Villeneuve recupera sul rivale, arrivando nuovamente a tallonarlo. Dopo diversi attacchi, neutralizzati da Schumacher anche in modo molto aggressivo, nel corso del 47º giro, alla curva Dry Sack, Schumacher si fa sorprendere da un attacco del canadese. Il tedesco prova comunque a chiudere la traiettoria, quando ormai è evidente che il rivale lo ha sorpassato; le due vetture si agganciano, ma a rimetterci è la Ferrari che finisce nella sabbia e non riesce a ripartire. Più tardi, a causa di questa manovra, interpretata come un deliberato tentativo di eliminare l'avversario, Schumacher sarà escluso dalla Classifica Mondiale.

Anche la vettura di Villeneuve è rimasta danneggiata nello scontro; il canadese, costretto a rallentare, può comunque controllare la situazione,nei giri finali Jacques si farà passare da Hakkinen e Coulthard ,infatti gli basta il terzo posto per laurearsi campione del mondo.

 

Si concluse così una stagione appassionante ,in un finale, al di là del tifo ,epico per quello che si vide in pista.

Il nome Villeneuve tornò alla ribalta per merito di Jacques che in tre anni era riuscito a vincere la 500 miglia di Indianapolis,il campionato Cart e quindi il mondiale di Formula 1 distinguendosi come uno tra i piloti più veloci e competitivi del mondo in assoluto.

Schumacher fu sconfitto in pista per la prima volta da un rivale (con Hill aveva sempre dominato) e ci perse molto a lovello sportivo ed umano,la strada per la sua "riabilitazione" morale partirà da Jerez...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo riassunto :)

Sull'episodio di Jerez, è lampante come Schumacher non si aspettasse l'attacco - forse pensando che Villeneuve fosse troppo lontano - ma se avesse evitato il contatto probabilmente Jacques sarebbe andato lungo e non avrebbe completato con successo la manovra...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jacques di certo sarebbe arrivato un po' lungo ,anche se non in modo "grave" però non credo che Schumacher avrebbe avuto lo spazio per incrociare la traiettoria in uscita, il sorpasso di Jerez può ricordare un po' un sorpasso che Schumacher subì da Montoya in Brasile nel 2001,solo che Villeneuve rischiò molto di più ed aveva una posta in gioco molto più alta...

Al riguardo posto un'interessante dichiarazione del Canadese :

 

« Michael era convinto che gli altri non potessero sorpassarlo, si sentiva il più forte. Dovetti agire d'astuzia: dopo il pit-stop avevo le gomme più fresche di lui perché ero entrato dopo. Sapevo che quello sarebbe stato il solo momento per passarlo. Allora l'ho tratto in inganno: non gli sono stato troppo vicino perché non si insospettisse. Sapevo dove avrei potuto attaccarlo e ho fatto la curva precedente tanto forte da rischiare di uscire. Quando gli sono arrivato addosso lui non se lo aspettava. Sono passato. »

Share this post


Link to post
Share on other sites

Coulthard ha vinto una sola gara, non due.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Coulthard ha vinto una sola gara, non due.

 

Vinse in Australia e a Monza

 

Jacques di certo sarebbe arrivato un po' lungo ,anche se non in modo "grave" però non credo che Schumacher avrebbe avuto lo spazio per incrociare la traiettoria in uscita, il sorpasso di Jerez può ricordare un po' un sorpasso che Schumacher subì da Montoya in Brasile nel 2001,solo che Villeneuve rischiò molto di più ed aveva una posta in gioco molto più alta...

Al riguardo posto un'interessante dichiarazione del Canadese :

 

« Michael era convinto che gli altri non potessero sorpassarlo, si sentiva il più forte. Dovetti agire d'astuzia: dopo il pit-stop avevo le gomme più fresche di lui perché ero entrato dopo. Sapevo che quello sarebbe stato il solo momento per passarlo. Allora l'ho tratto in inganno: non gli sono stato troppo vicino perché non si insospettisse. Sapevo dove avrei potuto attaccarlo e ho fatto la curva precedente tanto forte da rischiare di uscire. Quando gli sono arrivato addosso lui non se lo aspettava. Sono passato. »

 

Mah, mi sembra che Jacques tiri troppo la staccata, secondo me difficilmente avrebbe completato il sorpasso.

Secondo te quale fu la gara più bella di Villeneuve in quell'anno?

Share this post


Link to post
Share on other sites

E pensare che gà avere un calendario come quello del 1997 e quella F1 sarebbe già oro...!me lo ricordo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il debutto di Mazzoni inoltre :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Mah, mi sembra che Jacques tiri troppo la staccata, secondo me difficilmente avrebbe completato il sorpasso.

Secondo te quale fu la gara più bella di Villeneuve in quell'anno?

 

 

Beh ,questa è una bella domanda,di gare belle ne fece..

Jerez 1997 resta dal punto di vista emotivo ,della forza psicologica dimostrata e del coraggio nel sapersi assumere dei rischi la gara più bella,un vero esempio.

Dal punto di vista del "dominio assoluto"dico Spagna,Brasile (Hat Trick) ed Argentina, dal punto di vista della spettacolarità il Gp d'Austria,dove Villeneuve, una volta superato Barrichello ,cominciò ad inanellare una serie di giri veloci notevoli e recuperò su Trulli ,conquistando quindi la prima posizione, realizzando alla fine pole,vittoria e giro più veloce...

L'unica vittoria che non mi piacque fu quella in Ungheria ,dove onestamente Hill avrebbe meritato su quell'Arrows...

Share this post


Link to post
Share on other sites

97jap_051.jpgJacques-Villeneuve-+-Michael-Schumacher-villeneuve_682x400_498681a.jpgmichael_schumacher___jean_alesi__belgiumbX6t36E.jpg



vill_schu_jere_1997.jpg

Edited by jax

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher stava iniziando a recuperare popolarità dopo il 1994 (sostituzione forzata con Senna in cima che non accontentò molti tifosi di f1 che consideravano un disastro doversi abituare a un personaggio come lui dopo Senna) e soprattutto dopo quel finale con trucchetto indecente ad Adelaide, nel 1996 dopo un arrivo in ferrari non accolto con entusiasmo generale dilagante conquistò stima con alcune ottime prestazioni sfruttando un mezzo decisamente scarso rispetto alla concorrenza. Ecco con quel finale a Jerez fece decisamente una marcia indietro, ricordo bene mentre seguivo la gara ci rimasi molto male e anche tutti i tifosi ferrari all'epoca lo condannarono, era evidente che jacques l'avesse beffato di sorpresa ma il buon schumi fece una chiusura veramente infantile e disperata per certi versi un po' alla prost suzuka 89. Fu una bella stagione con colpi di scena ed equilibrio, Villeneuve come personaggio prendeva abbastanza a torte in faccia Schumacher ricordo...per fortuna di Michael si autoeliminò dall'anno dopo e non tornò mai più ai piani alti per l'iride, sostituito da quel gentleman di Hakkinen.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se Schumi avesse perso con onore gli avrei dato 11, perché, con una rossa che non valeva la Williams, seppe tener testa al canadese, dare la zampata quando serviva ed approfittare di ogni occasione gli veniva offerta. Arrivare in testa al mondiale all'ultima gara fu un vero e proprio miracolo. Purtroppo rovinò tutto con quella manovra stupida, per questo gli do un 6, non ho mai potuto perdonarlo per quel gesto altamente inutile e stupido. Cercò di replicare un adelaide bis, ma quella volta gli andò male.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma perché Schumacher rallentò così tanto nella seconda parte di gara? non son mai riuscito a trovare una spiegazione esauriente e certificata al 100%. Problemi con le gomme? Ai freni?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sento dire spesso che Schumacher dopo l'ultimo pit stop ebbe dei problemi di gomme,problemi mai confermati dalla Ferrari, tuttavia ,io ho la gara, ed è ben prima che Schumacher perde il suo vantaggio.

Nella parte centrale di gara,Villeneuve (prima del doppiaggio di Fontana) è già incollato a Michael tanto è vero che tenta di farsi vedere alla Dry Sack,probabilmente facendo le prove per il sorpasso finale...

Schumacher a Jerez sfruttò una grande partenza e le gomme nuove all'inizio,Villeneuve partì male ed aveva gomme vecchie, ma dopo alcuni giri,Jacques girava quasi sugli stessi tempi di Michael con degli pneumatici meno performanti...

Dopo il primo pit,stop se, non sbaglio, entrambi i piloti montarono le stesse gomme ed è lì che si nota come la Williams fosse molto più agile e performante,infatti Villeneuve si incolla a Schumacher,fin quando Fontana non gli fa perdere quasi 3 secondi, e proprio con questo vantaggio Schumacher effettua la sua seconda sosta montando pneumatici se non sbaglio rodati ....ma Villeneuve ha le gomme nuove !

Infatti qualche giro dopo accade matematicamente l'invitabile...con grande astuzia di Villeneuve che utilizzò tutta la sua esperienza nel corpo a corpo accumulata nella Formula Cart (in quest'unico aspetto Jacques era nettamente superiore a Michael..)

Share this post


Link to post
Share on other sites

uhm, grazie mille per questi chiarimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La F310B era famosa per essere una divora gomme. Nelle piste più gravose sugli pneumatici la Ferrari pativa tantissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La F310B era famosa per essere una divora gomme. Nelle piste più gravose sugli pneumatici la Ferrari pativa tantissimo.

 

A Barcellona e in Ungheria infatti Schumi andò in grave crisi di gomme mentre era in ottima posizione.

 

I

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che dire, dopo il pit sembrava fatta... poi il patatrack con l'esclusione del tedesco dal mondiale (per le statistiche).

si può solo aggiungere che tutti i grandi campioni sono riusciti a buttare un mondiale più difficile a perdere che a vincere. E' toccato pure a Schumy

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che dire, dopo il pit sembrava fatta... poi il patatrack con l'esclusione del tedesco dal mondiale (per le statistiche).

si può solo aggiungere che tutti i grandi campioni sono riusciti a buttare un mondiale più difficile a perdere che a vincere. E' toccato pure a Schumy

 

A dire il vero ha fatto doppietta anche l'anno dopo buttando un mondiale che si stava conquistando con i denti e le unghie, più che all'ultima gara con il disastro in partenza, con l'episodio di spa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher ottenne 3 pole (Canada, Francia e Ungheria) e 5 vittorie (Montercarlo, Canada, Francia, Spa e Suzuka). Solo quella in Francia fu frutto della superiorità della monoposto, per il resto fu decisivo il meteo (pioggia a Montecarlo e in Belgio) e il fatto che Villeneuve non fosse in gara (in Canada e a Suzuka)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×