Jump to content
Sign in to follow this  
Fede

WTCC 2013

Recommended Posts

Macchina su misura anche nel WTCC? :)

 

scusa che vuol dire?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Domanda: era proprio infattibile seguire le già collaudate regole delle NGTC del BTTC?
Mettere da parte l'orgoglio in favore della categoria non è proprio un comportamento da FIA...

Ok aumentarne l'aggressività, ma farle diventare delle piccole DTM farà lievitare i costi. Senza contare che maggior aereodinamica vuol dire perdere la possibilità dei lunghi inseguimenti in scia, meno dannosi laddove non è l'alettone a tenerti in pista...
Del push to pass non si sentiva davvero il bisogno, e non sono un così forte detrattore del Kers in F1: però qui siamo a ruote coperte, ci si infila in curva e ci si appoggia sull'avversario casomai, va bene evitare di mandar fuori pista la gente ma le sportellate sono l'anima della categoria...

Insomma, non me lo auguro ma ho paura che il prossimo anno di WTCC sarà un po' come gli ultimi due anni di Gt "1", o meglio GT World. Sono troppo pessimista?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi,nel circuito di Porto,si sono disputate le qualifiche:ecco gli esiti.

 

Porto, Qualifiche: Muller-Pole con Chilton al suo fianco

 

 

Nykjaer 3°, poi Michelisz, Thompson e Tarquini. Coronel 10°, bene Basseng ed Engstler, male Oriola che sbatte.

 

 

Yvan Muller partirà al palo anche sul Circuito Da Boavista, il cittadino di Oporto teatro della settima prova del WTCC. Il francese ha timbrato la pole con la sua Chevrolet Cruze in 2.05.347, precedendo il compagno di squadra Tom Chilton di 198 millesimi.

Dietro a loro il vuoto: Michel Nykjaer, con la Cruze del team Nika Racing, è lontanissimo a 630 millesimi, davanti alla prima delle Honda, quella di Michelisz, a +0.686. L'ungherese ha fallito l'ultimo tentativo per migliorarsi tagliando la prima chicane.

Molto bene la Lada Granta di James Thompson in quinta posizione, che ha preceduto la Civic diGabriele Tarquini: in casa Honda però c'è delusione per l'eliminazione in Q1 del pilota di casaTiago Monteiro, incappato in mattinata in un problema tecnico che probabilmente ha influito sull'esito delle qualifiche.

Settimo Robert Huff (+1.313) che partirà al fianco dell'altra Seat Leon di un sorprendente Marc Basseng. Dietro a loro la Chevrolet Cruze del Team Bamboo di James Nash, entrato per un soffio in Q2, e Tom Coronel, che dunque scatterà dalla Pole Position in Gara2 domani.

Chiudono la classifica della Q2 un ottimo Franz Engstler e Pepe Oriola, che ha buttato via la possibilità di fare bene al debutto con la Chevrolet Cruze, andando a sbattere ad inizio sessione in uscita della curva due; i commissari sono anche stati costretti ad esporre la bandiera rossa per rimuovere l'auto del team Tuenti.

In Q1 eliminate le BMW di D'Aste e Bennani, col marocchino che, nel tentativo di migliorarsi è andato a sbattere frontalmente contro un muro, e la Chevrolet di MacDowall, anche lui protagonista di un incidente che ha danneggiato la sua auto.

Domani Warm-Up previsto per le ore 10.00 italiane, Gara1 alle 12,20 e Gara2 alle 18,05.

 

 

Gli orari indicati ovviamente sono quelli italiani(fra l'Italia e il Portogallo c'è un'ora di differenza).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

lol Engstler di nuovo contro un mezzo di soccorso,ma come si fa a mandare un pick up in mezzo al gruppo che lotta?

 

gara1 dominata da Muller davanti a Chilton e Nyjaker

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno a tutti, mi permetto di segnalarvi questo link in cui sono riassunti i principali cambiamenti del WTCC previsti per il prossimo anno. Una serie che diventa meno "di serie" e più simile, almeno concettualmente, ad una sorta di mini DTM

 

http://motorsportrants.com/wtcc-2/cosa-cambia-nel-wtcc-2014/

 

sperando di non aver infranto nessuna regola del forum! :blush2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bruttina la gara di Porto a me non piacciono questi circuiti più di tanto, per questa categoria soprattutto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questo punto converrebbe valutare la situazione e considerare l'ipotesi di un prossimo ingresso nel 2014 con i nuovi regolamenti.Non ha molto senso far debuttare delle vetture che non erano e che probabilmente non sono veloci..

Share this post


Link to post
Share on other sites
non riesco a mettere l'embedded del video, sorry 

http://www.youtube.com/watch?v=ULklWCxLo80#action=share
42 secondi per dire al mondo “Stiamo arrivando”. Citroen punta molto sul WTCC, in cui sbarcherà ufficialmente il prossimo anno con Seb Loeb,  e pubblica un video teaser per aumentare l’hype intorno alla nuova creatura della doppia spiga. Una strategia di marketing forse inedita per il mondiale turismo ma decisamente efficace, una bella svecchiata alle abitudini dei principali attori del campionato. Un modo per ribadire tutte le loro intenzioni di ben figurare fin da subito.

Il video (è in alto, in apertura) non mostra nulla di particolarmente nuovo, se non il nome in codice: M:43. A tener fede alle immagini, la vettura (22esimo secondo) sarà una 5 porte, pare quindi scartata l’ipotesi DS3. Il modello in officina sembra infatti molto simile alla C-Elysée, world car che la Citroen intende vendere sopratutto nei mercati emergenti del Sud America, Europa dell’Est e Asia, tutti continenti toccati dal WTCC. E chissà se sfrutterà l’eco del mondiale turismo per proporla anche in Europa.

citro.png?resize=618%2C343

Nota a margine, come si può notare sempre dalla foto, avrà dei passaruota belli larghi!

citro1.png?resize=618%2C343

L’unica cosa pienamente riconoscibile del video è Sebastien Loeb, ma questa non era affatto una novità. Qualcosa ci dice che questo non sarà l’ultima anticipazione della strategia di marketing messa in atto da Citroen, quindi…stay tuned!

Intanto su Twitter, Tom Coronel…

citro3.png?resize=518%2C432

 

 

http://motorsportrants.com/wtcc-2/video-teaser-la-citroen-wtcc-2014/

Edited by PalumboMax

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stefano d’Aste: “Io, la BMW e…la Lotus!”

Il WTCC è arrivato ormai al giro di boa, il dominio di Muller e delle Chevy è un dato di fatto e sono in arrivo i nuovi regolamenti 2014, che porteranno sulla griglia di partenza nuovi Costruttori.

Ne abbiamo parlato un pò con Stefano d’Aste, genovese da sempre impegnato nel WTCC, quando ancora si chiamava ETCC. Campione del Mondo tra i Privati nel 2007, Stefano quest’anno calca le scene del mondiale con la fida BMW 320 TC, gestita per la prima volta dal team di famiglia, la PB Racing.

Siamo a metà stagione, la prima da pilota e al contempo da team owner, quali sono state le difficoltà maggiori che hai incontrato affrontando la stagione col tuo team, la PB Racing?

“Non è stato per niente facile, ma sapevo di poter contare su persone molto valide, la chiave è stata la Hexathron nella persona dell’Ing. Calovolo con cui stiamo portando avanti progetti molto interessanti sia con la Bmw nel Wtcc che con la Lotus, con la nuova vettura del Cup 2014 e una nuova vettura di cui ancora preferisco non parlare. Le prime gare sono state dure, poi abbiamo risolto i problemi della vettura e una volta rodata la squadra hanno iniziato a venire fuori i risultati. Ora siamo un bel Team, il più bello in cui abbia corso fino ad oggi.”

0003156.jpg?resize=300%2C200Sei quinto in campionato tra gli Indipendenti, a una manciata di punti da Bennani, primo dei non Chevrolet. Le vetture americane stanno dominando in lungo e in largo, mettendo in crisi anche un Costruttore ufficiale come Honda, sono così imbattibili?

“Chevrolet è una vettura strepitosa, d’altronde è stata costruita da RML. La Honda a mio parere è un po’ indietro, con quello che è costata la macchina e sapendo che il motore è costruito dai Giapponesi, e le prestazioni di accelerazione in pista si notano, mi aspettavo qualcosa in più.”

Dove pecca maggiormente la tua BMW?

“Non abbiamo libertà di gestire l’elettronica e BMW ci tiene troppo abbottonati per non avere problemi, probabilmente qualcosa in più lo possono avere le due vetture ufficiali, i clienti no.”

A metà stagione qual è il tuo obbiettivo?

“Andare avanti come stiamo andando, non abbiamo ancora espresso il nostro vero potenziale, ma ci siamo vicini.”

L’anno prossimo arriva il nuovo regolamento, che te ne pare? E’ la giusta direzione?

“Trovo molto interessante il nuovo regolamento, la direzione è quella giusta.”

Che ne sarà di BMW? Si parla di un kit di aggiornamento per i modelli 2013… Dal punto di vista del team manager, ha senso continuare in una sorta di classe B?

“Lotti sta lavorando per non avere una classe A ed una classe B, non è facile, ma le macchine attuali sembra possano essere dotate di un kit che le possa rendere competitive nei confronti delle nuove Citroen, Honda e Lada. Se riescono a confermare questo, il campionato sarà davvero entusiasmante.”

Si vocifera di nuovi Costruttori in arrivo, Honda e Lada ci sono già, Citroen ha confermato, Seat è superchiaccherata, ci attendono altre sorprese?

“Seat dovrebbe arrivare con la macchina nuova, hanno già una buona base su cui lavorare e penso che, se non all’inizio, ad un certo punto entreranno. So che Ford è interessata e sento parlare da tempo di un altro marchio del Sol Levante, ma non so se siano solo chiacchere.”

Prima di diventare un pistaiolo, hai provato a fare il rallysta, cosa ti è rimasto di quell’esperienza?

“I Rally sono stupendi, mi piacciono tantissimo, ma io comunque vengo dalle moto e dalla pista. Il Rally è stato il primo contatto con le auto e quando c’è da lavorare non mi tiro di certo indietro dal farne uno. Mia sorella in pista e Miriam Marchetti nelle prove vere sono le navigatrici designate. Può essere che uno dei prossimi progetti sia proprio nel mondo Rally, visti i risultati che abbiamo ottenuto con la Exige l’anno passato.”

A proposito di rally, dal 2011 corri con le Lotus, prima in pista e poi nei rally. La Exige andava forte, tanto forte che di punto in bianco è stata dichiarata non più regolare…

“Avventura stupenda! Con quattro soldi ed una metodologia di lavoro scientificamente impeccabile, grazie a Hexathron e all’Ing. Calovolo, abbiamo sviluppato un vero e proprio mostro, surclassando il progetto fatto sulla vettura nuova con la nuova motorizzazione da un’altra azienda che aveva ricevuto il mandato dal vecchio management di Lotus Mortorsport. Oggi è cambiato tutto nel management di Lotus e infatti siamo tornati a lavorare nel modo giusto, il contratto fatto per la costruzione delle nuove 20 vetture Cup (nelFM3B8578_Snapseed1.jpg?resize=300%2C199la foto, ndr) che ci è stato affidato ne è la dimostrazione. Nei Rally abbiamo dato un pò troppo fastidio, in Italia sappiamo come funzionano certe cose, è inutile farsi venire del sangue marcio per niente. Certe cose o le accetti o è come rimbalzare contro un muro di gomma o volersi scontrare con la solidarietà femminile: battaglie perse in partenza per noi uomini. Purtroppo dovrebbe dare da pensare il numero di auto partenti in un Rally nazionale francese o spagnolo paragonato al nostro italiano: là le vetture sono cinque volte più delle nostre e Lotus, Gt e altre vetture possono partecipare.

Con quello che è successo e per come si sono comportati tutti è stato meglio, ci hanno fatto una pubblicità pazzesca e ne siamo usciti dopo quattro vittorie su quattro, quindi direi a testa alta!”

0003153.jpg?resize=300%2C200

Quali sono i tuoi rapporti col costruttore inglese? Possibilità per il futuro?

“Sono sempre stati ottimi, un po’ travagliati negli anni di Dany Bahar, ma ora tornati ad essere ottimi, anzi direi meglio di prima. Con l’Ing. Calovolo abbiamo già avuto due riunioni in Inghilterra e alla seconda siamo rientrati con un bel progetto ed un bel lavoro da portare avanti per la Lotus Cup 2014. Siamo già partiti con lo sviluppo e stiamo lavorando sodo, in quella sede abbiamo affrontato altri discorsi interessanti riguardo altri progetti e loro si sono dimostrati interessati a loro volta alle nostre idee…”

0003154.jpg?resize=200%2C300Prima di lasciarti andare, raccontaci come nascono le tue tute… Sono forse qualcosa di unico nel motorsport!

“Le mie tute nascono da due menti un po’ pazze, io e Martina Timossi di Omp. Martina è una vera artista, è davvero brava ed è figlia d’arte: la mamma è una sarta, sempre di Omp. Io mi faccio un’idea di quello che voglio, parlo con lei e iniziamo ad analizzare bozze, poi insieme si decide.”

Dove vedremo Stefano d’Aste nel 2014?

“Questa è una bella domanda, la struttura WTCC è avviata e non è detto che l’anno venturo non si faccia la seconda macchina, il mio target è quello di rimanere con Bmw, adoro quella macchina e la sua trazione messa dalla parte giusta. Insieme al WTCC non escludo si possano aprire strade verso il GT con Lotus, ma di questo se ne parlerà più avanti.”

http://motorsportrants.com/wtcc-2/stefano-daste-io-la-bmw-e-la-lotus/

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Il francese ha effettuato il suo primo test con la vettura con cui Citroën debuttera' nel WTCC

Si e' subito trovato a suo agio Sébastien Loeb in occasione del suo primo test con la nuova C-Elysèe WTCC sulla pista francese di Val de Vienne, l'arma di Citroën per il suo debutto nel Mondiale Turismo 2014.

L'alsaziano, che aveva già testato una WRC modificata per assomigliare alle future WTCC, sarà il leader della squadra ufficiale, nonostante il nove volte campione del mondo rally ammetta che sia irrealistico pensare di vederlo da subito in lotta per le prime posizioni, causa la sua scarsa esperienza in circuito. Seb comunque ha detto di essersi sentito rassicurato da quanto velocemente si sia sentito a suo agio nell'abitacolo della C-Elysèe: "Quando abbiamo provato per la prima volta la vera WTCC ero da subito in sintonia con essa. Ovviamente mi sono trovato molto meglio che il test precedente, visto che la squadra ha sviluppato un sacco di cosette. Ero molto sorpreso e contento di maneggevolezza e bilanciamento."

A proposito delle aspettative, Loeb ha dichiarato: "So che tanti si aspettano di me di vincere subito in WTCC solo perché ho vinto così tanto nei rally. Però a questo livello cambiare categoria non è facile e il caso di Kimi Raikkonen ne è un perfetto esempio: è passato ai rally e non riusciva a vincere, poi è tornato in F1 ed è tornato un vincente. È un grande cambio per me, ma lo intraprendo con la voglia di essere competitivo. Sarà difficile essere al top da subito, perché mi presenterò con la stessa esperienza che uno come Yvan Muller aveva da teenager."

Loeb ha aggiunto che spera di fare altri test sui circuiti del WTCC per fare esperienza dove si correrà, cosa che sarà difficile compiere durante i weekend di gara: "Al momento stiamo cercando di trovare il metodo migliore per testare e accumulare esperienza, visto che sia io che la squadra partiamo da un foglio bianco nel Mondiale Turismo. Sarà difficile per me imparare una pista nelle prove libere. Non conosciamo molti impianti dove il campionato corre normalmente e vogliamo imparare. Spero riusciremo a provare su alcune piste del WTCC prima dell'inizio della stagione."

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una Honda Civic per Takuya Izawa a Suzuka

La Honda schiererà una terza vettura ufficiale in occasione della sua gara del WTCC, a Suzuka. La Casa giapponese ha infatti annunciato che la JAS metterà a disposizione dell'idolo localeTakuya Izawa, attuale leader del Super GT, una Civic identica a quelle di Gabriele Tarquini e Tiago Monteiro.

 

Per il 29enne si tratterà del debutto nella serie, anche se ha già avuto modo di provare la vettura durante i test di sviluppo effettuati proprio dalla JAS in Portogallo. In questo modo parteciperà inoltre all'Asia Trophy, la classifica riservata proprio ai piloti orientali che si baserà sui risultati degli ultimi tre appuntamenti stagionali.

 

"Sono davvero entusiasta di poter correre nel WTCC e di competere con i suoi piloti di livello mondiale. Desidero ringraziare la Honda, la JAS e tutti i soggetti coinvolti nel programma WTCC per avermi dato l'opportunità di gareggiare a Suzuka" ha commentato Izawa.

 

"Ho effettuato un test in Portogallo con la JAS nella passata stagione ed ho avuto modo di toccare con mano la grande professionalità della squadra. So che sarà difficile ottenere dei risultati importanti contro dei piloti tanto esperti, ma sono convinto che questa esperienza sarà molto importante per il proseguimento della mia carriera" ha aggiunto.

 

http://www.****/magazine/29733/wtcc-una-honda-civic-della-jas-per-takuya-izawa-a-suzuka

 

29733_una_honda_civic_per_takuya_izawa_a

Share this post


Link to post
Share on other sites

in Argentina Muller domina gara1 davanti a un ottimo Oriola e Chilton

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lopez vince gara2 dopo essere partito dalla pole;2°Tarquini e 3°Oriola;Muller penalizzato per aver spinto fuori pista Michelisz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lopez vince gara2 dopo essere partito dalla pole;2°Tarquini e 3°Oriola;Muller penalizzato per aver spinto fuori pista Michelisz

 

Che il parvenù vinca gara 2.... la dice lunga sul livello dei piloti del WTCC

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×