Vai al contenuto
Corracar

Le nostre carriere a GP2/3/4...

Messaggi raccomandati

non è hai messo delle texture legata alla pista, per es io avevo fatto per le piste europee richiedevano i file con le livree no tabacco e nei gp extra europa caricava le livree tabacco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi scusate il mio post precedente avevo combinato una cazzata io... le auto sono tornate con il loro colore originale e i circuiti sono installati :)... pero me ne visualizza solo uno alla volta... nel csm mi chiede con quale circuito far partire il gioco.... e sono costretto a cambiare circuito solo uscendo dal gioco... e normale o ho scazzato io come al solito??? grazie mille ragazzi e scusatemi se sono cosi rompi scatole :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tutte e due, dipende quante piste erano caricate nel track pack se è solo una è normale nel gioco ci sia solo quella, invece se ci sono tutte devi andare nella schermata del csm a metà altezza e segnare l'intera stagione non un circuito alla volta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

SI, mi ricordo: devi impostare la stagione intera, infilando circuito per circuito, nel tsm, anche eventuali piste originali

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

GARA 10 – FRANCIA: Dopo la delusione del Nurburgring, mi tocca cercare riscatto nella pista per me più brutta del mondiale… :vomito:

Inizio le qualifiche, al primo giro trovo traffico: prima al curvone Estoril, c’è Irvine che sta uscendo dai box, ma riesco a passare io per primo, anche se la macchina mi si allarga di brutto; poi alla curva Lyceé dò un colpo ad Alesi che non si sposta, d’ora in poi sarà questo il trattamento riservato ai doppiati e ai polentoni che non si spostano :ph34r: (ma mi consolo vedendo che i vari Alonso, De la Rosa & C. non danno strada facilmente nemmeno alle Williams né agli altri miei rivali, chissà che la cosa mi dia più serenità nei venturi doppiaggi…), e faccio 1’15”220, un tempo che non mi piace. Nel giro successivo c’è Fisichella, ma lo passo di forza nel rettilineo prima della staccata Adelaide. Poi faccio 1’14”315, un tempo già molto soddisfacente. E rientrando ai box chi mi ritrovo davanti? De la Rosa! Bene, mi prendo una piccola vendetta tamponandolo e mandandolo in testacoda. Io riesco a rientrare ai box indenne, mentre lui, dopo mezzo minuto che se ne sta fermo, spacca l’alettone anteriore sul muretto box. Peccato che stava comunque rientrando, quindi non l’ho danneggiato facendogli perdere giri. Poi, per scrupolo più che altro, provo un assetto più morbido…primo settore sopra di millesimi, secondo settore 0”5 sotto!!! E poi 1’13”904!!! Quasi 2” di vantaggio su Schumi! A fine qualifica sarà 1”5 il mio vantaggio su Ralf ma è allucinante, quasi da livello Asso…beh, forse no, ma da Pro sicuramente lo è. E dire che proprio a Magny Cours avevo una tradizione infelice a GP2…

 

La gara si annuncia esaltante: le previsioni dicono che potrebbe scendere un po’ d’acqua, ma non tanto da allagare la pista, quindi tipo Sepang, per gomme da asciutto. Alla partenza ho a fianco Ralf, che al primo giro mi prende la scia in rettilineo e tenta di attaccarmi al tornante Adelaide, costringendomi a difendermi all’interno. Ma poi vado via e non riesce più a prendermi :emovedi: : al primo giro ho un vantaggio di 1”4 su di lui, come accadde al Nurburgring, dopo un giro, su Montoya, ma stavolta l’epilogo lo voglio rendere diverso. Infatti continuo ad andare fortissimo e al secondo giro gli do un altro 1”1 andando a +2”5. Al terzo giro faccio per la terza volta consecutiva il giro più veloce della corsa e il mio vantaggio sale a 4”3 su Ralf. Al 4°giro vado più piano di soli 40 millesimi rispetto al mio record, il mio vantaggio è già salito a 7”0!!! Spiegazione: Ralf Schumacher ha rotto il motore prima della Lyceé e sta facendo da tappo. Si ritira al 5°giro lasciando la seconda posizione a Coulthard. Batto ancora una volta il giro più veloce e vanto 10”8 su Coulthard. Nei due giri seguenti giro ancora sul piede dell’ 1’15” e il mio vantaggio sale a 12”7 e 14”2. All’8° giro mi trovo già il primo pilota da doppiare: è Button, che dista 25” da Alonso. Mi dico di stare calmo perché sono da solo e perché poi farà perdere tempo anche agli altri, comunque riesco a saltarlo tranquillamente poco prima della Lyceé (precisiamo: non è lui che si sposta ma sono io che mi metto all’interno e lo attacco), con mio gran sospiro di sollievo. Nonostante il doppiaggio il mio vantaggio sale ancora di altro 0”4 e diventa 14”6. Poi riprendo il largo e giro a meno di 2 decimi dal giro più veloce, vantaggio 16”2. Al 10°giro ho 17”8 di vantaggio su Schumacher, che nel giro precedente ha superato Coulthard al tornante Adelaide con un bel sorpasso deciso. Io continuo a girare fortissimo sfiorando ancora il mio giro più veloce, il mio vantaggio cresce a 19”9 e 20”3. Ormai ho raggiunto Alonso e Enge, i prossimi piloti da doppiare…già, proprio loro: Alonso che mi aveva fatto perdere il Gp di Monaco, Enge che mi aveva dato parecchio fastidio a Melbourne…che non mi facciano altri sgarri, sono assetato di vendetta…se mi bloccano li prendo a ruotate, ma spero di poterli passare pacificamente. Al penultimo giro supero Alonso all’interno della “180 degréés”, all’uscita ho Enge che va lento come un ubriaco, lo sposto io con una bella ruotata che gli cagiona il sorpasso subito da Alonso, così impara lui a non spostarsi (anche se il regalino gratuito ad Alonso non era proprio voluto…). La gara delle vendette :asd:: contro i doppiaggi in generale, contro Alonso ed Enge, e un po’ pure De la Rosa (il piccolo dispetto delle prove) . E ancora una volta guadagno nonostante i doppiaggi: 20”8 su Schumi, un altro mezzo secondo. Che al traguardo diventano oltre 21”. Una gara che per me è bella come un sollievo, andare a dominare così è un divertimento unico. Una gara resa bella dal mio ritmo insostenibile per tutti gli altri, dai 3 doppiaggi perfetti, dalle nuvole che minacciano di aprirsi, dalla rottura del motore della Williams di Ralf, dalla rimonta di Schumi che limita i danni in classifica col suo 2° posto. Io vado a 64 punti, lui a 47. Nonostante la pista brutta, una vittoria ancora più bella di quella austriaca (Grand chelem con continuo guadagno su tutti…ma stavolta anche 2”al giro!). E aggiungo un altro record al mio palmares: una media sulla distanza che è superiore al giro più veloce del mio miglior avversario, Montoya!

 

GARA 11 – GRAN BRETAGNA: Dopo prove libere asciutte, anche le qualifiche lo sono. Faccio 1’21”389, un tempo che sa di strepitoso; testo vari assetti. Schummy, che era a 1”7, riduce il gap a 0”6 ma io resto saldamente in pole. Strano che sinora non abbia piovuto, adesso che volevo la pioggia…

In gara, al primo giro prendo già 2”4 a Michael. Ma il giro più veloce lo fa Hakkinen, 2” meglio di me. Al secondo giro vado a 4”6 di vantaggio. Poi domino tranquillo, faccio sempre 1’22” fino alla fine della gara. Dopo l’ 1’22”484 del secondo giro mi attesto su 1’22”7 e 1’22”9. All’8°giro leggo che Button, 18° (e già doppiato tranquillamente a Magny Cours), è entrato ai box, allora tiro il più possibile e faccio il giro più veloce in 1’22”437. Ma ci vorranno ancora un paio di giri prima di raggiungerlo. Al 9°giro nuovo record in 1’22”363, poi 1’22”5. All’inizio del penultimo giro, mentre ho 11”1 di vantaggio su Schumacher, raggiungo Button alla prima curva, rallento per non tamponarlo, lo supero immediatamente dopo la curva senza ulteriori perdite di tempo. A fine giro raggiungo la Minardi di Yoong e la supero senza problemi sul traguardo. La maledizione dei doppiati è proprio finita! :D Magny Cours non fu un’eccezione, dunque. Vantaggio su Schumi 11”8, tempo 1’22”775, non ho neanche perso troppo tempo. Ultimo giro in 1’22”730 e vittoria con 12”5 di vantaggio, oltre 1” al giro! Grand Chelem. Alonso lo raggiungo solo nel giro d’onore e lo supero con spintarella all’uscita della curva Stowe (per vendetta :diavoletto: ). Vantaggio mondiale: 21 punti su Schumi (2°) e 42 su Coulthard (3°)!

Progressione dei distacchi:2”4; 4”6; 4”6; 5”3; 5”9; 6”7; 7”5; 8”6; 9”9; 11”1; 11”8; 12”5. Tempi sul giro: 1’28”; 1’22”484; 1’22”939; 1’22”762; 1’22”982; 1’22”746; 1’22”713; 1’22”437; 1’22”363; 1’22”577; 1’22”775; 1’22”730. Per la serie: un orologio svizzero. Solo la pioggia potrebbe ravvivare questo campionato.

 

GARA 12 – GERMANIA: inizio le qualifiche credendo di non avere un grosso margine sui miei avversari, invece…Schumacher fa 1’42”, ma sta sfottendo o fa sul serio? Persino il mio primo tempo è stato migliore… Invece vado a fare una pole facile facile con 2”452 di vantaggio sui rivali, che pure su una pista lunga come questa è un’enormità!!! 1’39”900 il mio record in qualifica. Il mio primo tempo sarebbe stato comunque da pole con 0”8 di vantaggio. Non sarei ancora da livello asso, ma da Pro sì, con un margine di ben 0”6. Ormai questo campionato ben poco senso ha, però va portato sino in fondo, e poi sarei ancora in tempo a gettarlo al vento, per cui è meglio pensare a evitare gli errori e portare a casa il campionato. Potrebbe accadere già alla prossima gara in Ungheria se le vinco entrambe e se Schumi non prende più di due punti, o più probabilmente in Belgio, se le vinco tutte e tre, a prescindere dai piazzamenti di Schumi. Gli altri invece sono quasi tagliati fuori.

 

Alla partenza della gara, Schumi scatta un po’ meglio di me, ma alla prima curva mantengo la posizione, in rettilineo prende la mia scia, io mi difendo bene all’interno e all’esterno, poi dopo la prima chicane non c’è trippa per gatti: volo via al ritmo di 1”6 al giro. Al 4°giro mi si accende una spia gialla, che rimane accesa per due giri, mi distrae un po’ e il mio guadagno si riduce a circa 0”6 al giro, salvo riaumentare negli ultimi tre giri. Vinco con un vantaggio di quasi 12”su Schumi che è 2°, con una media sulla distanza che è più veloce del suo giro più veloce, ed è pure Grand chelem: pole vittoria, giro più veloce, gara tutta in testa, più continuo guadagno (come in Austria e in Francia). 11°pole, 8°vittoria (la 3°consecutiva), 9°giro più veloce, 7°Hat trick e 7° Grand Chelem. Margine in classifica 25 punti. Impossibile vincere il titolo all’ Hungaroring, ma possibile in Belgio a Spa se vinco entrambe le prossime. Alla Ferrari mancano 2 soli punti per il titolo costruttori (margine di 78 punti con 80 ancora disponibili) e tre per il titolo piloti, essendo Coulthard 3° e quasi tagliato fuori dalla lotta iridata.

Il mio tempo medio in gara è stato inferiore al tempo di qualifica di tutti i miei rivali! Ho tenuto in gara un ritmo da pole position mediando tutti i giri compreso il primo! :D

 

[…continua…]

Modificato da konradkid

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niente raga vi ringrazio come al solito infinitamente.. o capito cosa volevate dire ma mi carica ancora una sola pista alla volta... solo che nn capisco konrakid kuando dice di di caricare una pista alla volta nel tsm... come sarebbe???? ora pero aspetta che leggo il tuo cammino da Magny Cours a Hockenaim :)

Modificato da Senna is simply the best

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai ragione, sono stato impreciso perchè sono andato a memoria :rolleyes: . Ora ho dato un'occhiata. Si clicca prima su copy default tracks in modo che il tsm le veda, poi clicchi su manage tracks e vedi le piste già installate. Quando fai "create new track" puoi installare altre piste.

Il passo successivo è quello di creare un profilo, cioè una stagione, e lì, riga per riga, clicchi e selezioni la pista, dalla 1 alla 17, una per una (mi riferivo a questo nel precedente post). Poi si clicca su load tracks e quindi si può giocare ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai ragione, sono stato impreciso perchè sono andato a memoria :rolleyes: . Ora ho dato un'occhiata. Si clicca prima su copy default tracks in modo che il tsm le veda, poi clicchi su manage tracks e vedi le piste già installate. Quando fai "create new track" puoi installare altre piste.

Il passo successivo è quello di creare un profilo, cioè una stagione, e lì, riga per riga, clicchi e selezioni la pista, dalla 1 alla 17, una per una (mi riferivo a questo nel precedente post). Poi si clicca su load tracks e quindi si può giocare ;)

 

 

nn capisco come caricare le nuove piste... ce se clicco su adelaide mi dice no tracks loaded... c'è nn trovo proprio la voce load tracks... :)

Modificato da Senna is simply the best

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Raga o avuto un idea... per non complicare più le cose o deciso di disinstallare tutto e reinstallare... ora o la mod 1994 devo installare solo i circuiti.... Ho il TSM completamente vuoto e ho il "TSM file" che sarebbe il trackpack del 1994 (forse nn mi sono spiegato nn o i 16 circuiti divisi ma li o tutti in unico file che installo tramite il TSM)o il TSM e la trackpack??? che faccio??? o provato a fare solo install track ma come o già detto mi vede solo un circuito.. poi o notato una cosa strana.. nn ce la voce Loading\Restoring... insomma se qualcuno riuscisse a spiegarmi bene i passaggi sarei infinitamente grato a tutti e scusatemi se sono cosi rompi scatole grazie :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma ce le hai le guide per aggiornare il gioco? Magari lì trovi tutte le risposte :D. Sono guide molto chiare, le avevo scaricate anni fa da uno dei siti "istituzionali". Altrimenti te le posso mandare per PM (se il regolamento non lo vieta...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma ce le hai le guide per aggiornare il gioco? Magari lì trovi tutte le risposte :D. Sono guide molto chiare, le avevo scaricate anni fa da uno dei siti "istituzionali". Altrimenti te le posso mandare per PM (se il regolamento non lo vieta...)

 

Guide? :huh:... Emh..... No :lol2:... Se riuscissi ad inviarmele x PM ti sarei grato o anche per e mail se sei disponibile :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Guide? :huh:... Emh..... No :lol2:... Se riuscissi ad inviarmele x PM ti sarei grato o anche per e mail se sei disponibile :)

 

Ti ho mandato un mp e te le mando per email ;)

 

 

 

Presto la cronaca delle ultime 5 gare del campionato :D A seguire, il primo impatto serio (anche contro il muro :lol2: ) con volante e pedaliera e il successivo campionato :caldo::asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco il finale del campionato GP4 semipro, tastiera:

 

 

GARA 13 – UNGHERIA: Dopo la solita pole, in gara non voglio rischiare eppure…alla prima curva Hakkinen mi supera all’esterno, io nemmeno mi accorgo di averlo a fianco, ci tocchiamo, ma lui continua indenne mentre io vado in testacoda e vengo tamponato davanti e dietro perdendo entrambe le ali. Rientro ai box e poi in pista sono 20°: Alesi, che mi aveva urtato, si è ritirato, Panis ha avuto conseguenze pure lui ed è entrato ai box dopo di me. Inizio una furente rimonta e non perdo tempo nei sorpassi. Dopo aver battuto il giro più veloce del fedifrago Hakkinen :emovedi: , supero via via Alonso (con una spettacolare manovra al traguardo del secondo settore), Bernoldi ed Enge (in serie alla fine dello stesso giro), Coulthard che si ritira, poi Yoong. Mentre Irvine si ritira per un incidente e De La rosa è costretto ai box perché urta l’alettone rotto di Irvine danneggiando a sua volta la propria vettura, supero Verstappen all’ultima curva (l’avevo quasi superato un paio di curve prima, ma i detriti mi hanno per un attimo spaventato e distratto). Faccio ancora il giro più veloce a quattro tornate dal termine, sono a 34” dal leader Hakkinen, supero ancora Button, Fisichella, Raikkonen, Heidfeld, e all’ultimo giro mi porto in 7° posizione completando una prodigiosa rimonta. Ancora un giro e avrei preso anche Villeneuve entrando in zona punti! Distacco dal primo: sceso a 28”, cioè in 4 giri gli ho preso 6” pur con tutti i sorpassi che ho fatto!

Doveva essere tappa di avvicinamento al titolo invece il distacco è sceso a 19 punti, per colpa di Hakkinen che ha causato l’incidente al via, ma almeno ha vinto e ha tolto punti al mio ormai unico rivale al titolo Schummi. Di sicuro niente titolo in Belgio, ma a Monza…potrà esserlo. Ferrari campione costruttori e piloti, visto che ormai il titolo si giocherà tra me e Michael.

 

GARA 14 – BELGIO: Per le qualifiche la pista è inizialmente asciutta ma è prevista pioggia da intermedie entro la prima mezz’ora, quindi scendo subito per fare il tempo, e la pole è mia con 1’49”029, migliorato al passaggio successivo in 1’48”833 (meno di due decimi dalla pole vera…la mia competitività su questa pista è spettacolare, anche se i rivali sono più vicini del previsto). Nel mio giro da pole inizia a piovigginare. A pochi minuti dalla fine torno in pista con gomme intermedie e assetto da bagnato un po’ scaricato, e faccio 1’59”685, contro l’1’58”925 di Coulthard e l’1’59”446 di Schumacher e il 2’00”176 di Hakkinen. Segno che nel bagnato da intermedie non sono altrettanto forte che sul bagnato da monsoon.

Gara: preoccupazione per la partenza, dopo l’ultimo start infelice, invece stavolta tutto fila liscio. Montoya, in prima fila accanto a me, manco lo vedo :D , al primo giro ho già 1”9 di vantaggio, poi 2”8 al secondo giro, poi 3”7, 4”6, 5”8, 6”9…8”8, 10”, e a due giri dal termine Hakkinen sorpassa Montoya e si porta al secondo posto, mentre Ralf resiste all’attacco del fratello. Al penultimo giro Ralf sorpassa Montoya, ma Michael resta solo quinto, per mia fortuna. Io vinco la gara con la 13°pole (la 10°consecutiva), 9°vittoria, 12°giro più veloce, 8°Grand Chelem, 4°gara con costante guadagno su tutti, e ritmo comunque notevole nonostante i miei rivali fossero l’1% sopra la pole vera (contro il solito 3-4% delle altre piste, e il 2% di Silverstone, dove già erano stati più competitivi del previsto). Vantaggio in classifica 27 punti, ormai me ne mancano solo altri 3 per vincere il titolo! Appuntamento a Monza…

 

GARA 15 – ITALIA: Nelle qualifiche, con un assetto duro, faccio 1’23”379 al primo tentativo e poi miglioro facendo 1’22”794 al secondo giro lanciato; è nettamente pole position, la 11°consecutiva, la 14°stagionale.

La domenica c’è il sole, nel warm up faccio facilmente il miglior tempo. In gara la partenza è temuta ma perfetta: Hakkinen, contrariamente a quanto accaduto in Ungheria, si fa superare dagli Schumacher, che in lotta tra di loro si toccano perfino! Però continuano. Nel frattempo io alla prima variante accuso un ritardo nella risposta del comando dello sterzo :incazzato: e rallento di più per non uscire fuori pista, ma ciononostante semino tutti :D e filo via tranquillo con un già macroscopico margine di vantaggio. Al traguardo del 1°giro ho già 2”9 su Michael Schumacher, poi gli dò 1”al giro. Al 6°e al 7°giro gli dò addirittura 1”6 al giro! Unici lievi spaventi per me, un’uscita troppo larga alla Roggia al 5°giro, e un leggero lungo alla prima variante al penultimo giro. Per il resto fila tutto liscio e vinco (10°vittoria stagionale, ennesimo Grand Chelem, il 5° con perenne guadagno) con 13”1 di vantaggio assicurandomi il mio primo titolo mondiale a GP4!!!! 31 punti di vantaggio in classifica a due gare dal termine…

CAMPIONE DEL MONDO!!! :yeah: Italiano su Ferrari che vince a Monza il titolo mondiale… :super: una sceneggiatura degna del miglior regista! Quindi non tutto il male (pioggia, incidenti coi doppiati, incidenti alla partenza…) vien per nuocere. Ma sì, diciamo che l’ho fatto apposta per rendere più avvincente questo campionato altrimenti noioso… :asd:

 

GARA 16 – STATI UNITI: è ampiamente sufficiente per la pole il mio record in 1’12”216, con oltre 1”2 di vantaggio sul 2°, che è Coulthard. Michael solo 5°, che delusione! Finito il duello, si ammoscia!

Ma poi per la gara…tragica sorpresa: piove! Parto montando gomme morbide da bagnato, e la scelta si rivela azzeccata. Primi giri sulla prudenziale, Coulthard gira più o meno sui miei stessi tempi, finchè al 6°giro gli do 2”6 e porto di botto il mio vantaggio da 2”0 a 3”6! 1’23”2 il tempo registrato. Gasato, magari anche un po’ distratto dal record, alla terza curva del giro successivo pizzico l’erba e vado in testacoda! Schumi 3°mi tampona e rientro ai box su tre ruote :censura2: . Esco ultimo, come una furia batto e strapazzo più volte il mio giro più veloce facendo persino un 1’22”542 che rinfocola i rimpianti della perduta occasione di riscossa sul bagnato. Supero tre avversari di colpo: Button all’interno della Parabolica, Enge sulla linea del traguardo, Alonso in fondo alla staccata con una manovra spettacolare, visto che oppone resistenza. Alla fine sarò 16°, con un giro più veloce di 1”6 migliore rispetto a quello del mio miglior rivale Coulthard. Ma quando vincerò sul bagnato? :(

 

GARA 17 – GIAPPONE: nelle qualifiche…piove a dirotto, uaaaa! Così posso cercare rivincita e sperare di cancellare la maledizione della pioggia! È un diluvio da gomme Monsoon, un’acqua così non si era mai vista prima! E sul bagnato mi sento iper in forma! Monto appunto le gomme Monsoon, esco dai box e faccio subito il tempo: 1’53”350! Poi sono sotto di 0”3 al primo settore ma vado lungo alla staccata del tornante. Schumacher fa 1’56”!!! Al secondo round devo scansare Fisichella e perdo 3”al primo settore, ma negli altri due vado più forte…allora al giro successivo ci riprovo, sta scendendo ancora più acqua di prima, nessuno dei miei avversari riesce a migliorare; io nei primi due settori sono sopra di pochi millesimi, ma al terzo…abbatto il tempo facendo 1’52”789, cioè 3”7 meglio del 2°!!!! Molto probabilmente sarebbe stata pole anche al livello Asso. Mi auguro la pioggia in gara anche per le prestazioni, stavolta molto migliori sul bagnato che sull’asciutto(!), incredibile a dirsi, oltre che per smentire la maledizione… Faccio la danza della pioggia…

Il warm up è bagnato da gomme intermedie, faccio il 2°tempo a 0”100 da Coulthard che è primo. Forse è col bagnato da Monsoon che vado fortissimo, ma la mia incostanza non si spiega. Poi la pista peggiora e a fine sessione siamo tutti più lenti. Michael fa il terzo tempo a 0”1 circa da me.

Spero che in gara piova, invece…niente da fare: non piove, la pista è asciutta e ci sono solo nuvole. Si parte tutti con gomme e assetto da asciutto. Al primo giro prendo subito il largo davanti a Coulthard che è partito benissimo, guadagno 1”8 su di lui. Al secondo giro Michael Schumacher lo supera alla chicane e diventa il mio principale avversario. Al terzo giro mi soffia il giro più veloce di pochi millesimi, comunque ce l’ho a oltre 2”. Lo so, lascio margini all’entrata del cucchiaione e all’entrata della chicane, ma è prudenza per evitare uscite fuori pista, inoltre non è il caso di forzare troppo se non si ha la sicurezza necessaria in quelle curve. Poi inizia un po’ di elastico: gli prendo 3 decimi, rispondendo al suo giro più veloce, poi lui mi riprende un decimo, poi io ne prendo 4, mi prende 1 decimo al quartultimo giro, ne prendo 4 al terzultimo, se li riprende tutti al penultimo, infine all’ultimo giro gli do (eppure non tiro!) 5 decimi. Vinco con 3”3 di vantaggio su di lui, il terzo è a oltre 10”. Grand chelem, l’ennesimo stagionale; una gara piuttosto tirata…e divertente. Unico neo: la pista era asciutta.

 

Fine di una stagione d’oro, unico neo nessuna vittoria sul bagnato (però due pole col diluvio!!), stagione comunque propedeutica per passare all’uso del volante e al livello Professionista il prossimo campionato.

Modificato da konradkid

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E adesso ti vogliamo vedere...

 

Beh, certo. Quella era stata una stagione "facile", poichè le mie prestazioni erano tali che mi avrebbero permesso di lottare senza problemi anche al livello pro nella maggior parte delle piste :D , quindi godevo di un grosso margine. I 2 campionati successivi, fatti col volante, sono stati molto più tirati e difficili.... :up: Già abituarmi all'uso del volante è stata un'impresa.....nel prossimo racconto, i test precampionato e l'inizio del campionato Pro. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Finito il mondiale propedeutico al livello semipro, passo all’uso del volante: mi basterebbe solo eguagliare i tempi per essere competitivo al livello pro (col senno di poi, sarei dovuto partire da questo livello!), ed è questo il mio obiettivo! So che è più difficile la guida col volante, senza aiuti, ma mi ci devo abituare! Così programmo parecchie giornate di test (ben 4.200 km virtuali!!) precampionato, sparse tra Monaco, Sepang, Nurburgring, Suzuka, Barcellona, Hungaroring, sull’asciutto e sul bagnato!

Ma il primo test col volante è un disastro, come all’inizio! Non è cambiato niente!! Sembra che sia stato inutile disputare il campionato con la tastiera! Le difficoltà sono le stesse di prima. Analizzo il problema. La macchina sembra inizialmente non rispondere a sterzo e acceleratore/freno, per poi muoversi brutalmente…ecco perchè non riesco a stare in pista!! Strano, mi dicevo, eppure la zona a bassa sensibilità (da me chiamata “zona morta”) è del 50%, in teoria dovrebbe aiutare un principiante…già…ma se fosse proprio questo il problema? Praticamente concentra tutta la risposta di volante e pedali in metà della corsa, reagendo più brutalmente una volta superata la metà. Allora provo a ridurla al 30%. TA-DAAA!!! Magicamente riesco a guidare!! :auguri: Allora era questo il problema!! Forse bastava semplicemente fare subito questo cambiamento, senza stare a disputare un campionato con la tastiera…a saperlo prima!!

Con l’aiuto della telemetria, cerco di capire in quali curve perdo rispetto all’uso della tastiera, e gradatamente miglioro i miei tempi (senza aiuto trazione né aiuto sterzo) avvicinandomi sensibilmente ai record fatti con la tastiera, in alcune piste superandoli.

Dopo svariate giornate di test, mi sento pronto per cominciare il mio primo campionato col volante!!! Senza aiuti (solo il cambio automatico, visto che non riesco a attivare le levette dietro il volante, ma lo odio! A volte scalo una marcia a mano, quando l’automatismo non va secondo il mio stile di guida), livello Pro, distanza di gara 20%. Difficile dire se posso ambire al titolo, dal momento che in certe piste e in certi settori non ho ancora le prestazioni desiderate, cioè non sono ancora veloce quanto lo ero con la tastiera. Il mio obiettivo minimo è pareggiare i tempi fatti con la tastiera. Il resto verrebbe, forse, di conseguenza… Ma non punto a un risultato preciso. :P

 

GARA 1 – AUSTRALIA: L’obiettivo, per questa volta, non è di vincere la gara o di salire sul podio, ma è arrivare al traguardo, meglio se in zona punti :rolleyes: . So quanto sarà difficile col volante, ma finchè la macchina andrà, io non mi fermerò. Lotterò sino alla fine :asd: .

Nelle libere inizio con un pessimo 1’30”8, 14° tempo. La telemetria mi aiuta a capire dove perdo col volante rispetto alla tastiera, più che altro all’uscita di tutte le curve lente. Torno in pista, 1’29”8, poi cambiando l’assetto, caricando leggermente le ali, faccio 1’29”2. Ottimo! Mio record assoluto!! Carico ancora di più le ali, il tempo scende a 1’28”9 ma il feeling peggiora, soluzione scartata.

Nelle qualifiche, trovo che la pista sia parecchio scivolosa, per cui non mi trovo a mio agio. Faccio subito 1’29”5, che mi vale il 5° posto, e all’ultimo minuto disponibile strappo la seconda fila con 1’29”197. Sono lento nel primo settore rispetto ai miei soliti tempi, negli altri due quasi pari. La pole è a mezzo secondo, ma in gara sono convinto di poter ben figurare.

Ma nel warm up qualcosa non quadra: sono lentissimo e faccio a malapena il 10° tempo in 1’30”029, contro l’1’28”6 di Schumi. Le cose si mettono male. :doh:

In gara, lo scatto è buono, ma il proseguimento molto meno, schiaccio poco l’acceleratore e mi trovo dalla parte sbagliata; vado pure lungo alla prima curva, nella via di fuga, rientro in pista 5°, superato da una BAR e da Montoya. Duello con Montoya, ma con gomme fredde e sporche e freni freddi finisco nella ghiaia gialla del tornante, nuovamente lungo, rientro in pista 12°, addio alla zona punti? La macchina ha ancora un’aderenza schifosa, come nelle qualifiche se non peggio, vado nuovamente lungo anche alla chicane verde nel giro successivo, facendomi raggiungere dalla Jaguar di Irvine. Inizia il 3°giro e Irvine mi attacca sul rettilineo; alla prima staccata pizzico inavvertitamente l’erba, vado in testacoda a velocità elevata, finisco nella via di fuga e urto il guard-rail perdendo la ruota posteriore sinistra. Incastrato nella ghiaia, sono costretto a un mesto ritiro, mentre le McLaren doppiettano indisturbate :scalaspecchio: , Ralf è 3° e Michael 4° dopo una splendida rimonta. Montoya era andato in testacoda al 2° giro attaccando la Bar, poco prima del mio incidente quindi ero 11°. Che schifo! Non è cominciata esattamente bene… Fin dalle qualifiche c’era qualcosa che non andava, dovevo approfondire, non l’ho fatto e ho pagato l’errore con una gara schifosa (una delle peggiori di sempre). :incazzato::down:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella gara :asd: Non preoccuparti, stai parlando con il maestro di gare buttate come niente XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh, l'esordio col volante, non poteva che finire così :asd: , a nulla sono valsi tutti quei km di test :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

GARA 2 – MALESIA: Nei test privati, fatti dopo la delusione australiana, giro a 2” dalla pole vera, ma batto i miei vecchi record. Pare un buon inizio e dovrei giocarmi la pole a livello Pro…

Nelle prove libere, faccio un incidente con una Prost cercando di sorpassarla (e te pareva!!), e siglo appena il 5°tempo in 1’39”147, contro l’ 1’37”858 di Schumacher. Ma io ho caricato la macchina di benzina, lui no, per cui sono tranquillo. Nelle qualifiche, strano che ci sia ancora il sole, faccio un 1’37”230, subito da pole, come conferma il mio vantaggio sui due Schumi, che è di 0”7! Psicologicamente mi rilasso, anche se cerco di migliorare; sfioro il record, ma resta quello, tanto basta per la mia prima pole stagionale, prima in assoluto col volante e al livello Pro!!!!

Gara!! La mia partenza è perfetta, ma nel primo giro sono troppo teso, ciò mi spinge alla prudenza. Guido come ingessato, impaurito, così Ralf e Michael sono subito alle mie spalle. Ralf mi attacca all’interno della terza curva (quella a destra, che precede il 1°traguardo di settore), io mi difendo all’interno. Ripete la manovra al tornante in salita, e riesce a passarmi: con mia grande delusione me lo vedo davanti in uscita perché sono finito un po’ largo avendo frenato tardi (o troppo). Cerco di mantenere la calma perché Michael è alle mie spalle e potrebbe fare la stessa cosa, e io ho bisogno dei primi punti stagionali. Ma non mi dò per vinto, anzi, inizio a spingere con più coraggio, pur senza esagerare (e questo è incredibile, vista la mia indole da “testa calda”), gli resto abbastanza vicino, tento un primo attacco all’ultima curva del primo giro, esco bene in accelerazione (potenza del pedale! Altro che traction control!!! Io sono meglio!), lo attacco alla prima curva, all’interno, lui resiste, io lo lascio passare per infilarmi nella controcurva sempre all’interno, lo infilo passando un po’ sull’erba, altro sorpasso da cineteca!!!! :D Sono nuovamente in testa alla gara!! Spingo discretamente, faccio il giro più veloce in 1’38”6, lo sfioro al passaggio successivo, poi vado un po’ più piano e lo vedo riavvicinarsi. Al giro successivo spingo ancora, intanto ho notizia di Alonso e di un altro pilota ai box (oh, no! Doppiaggi? Ma ci arriveremo con calma…), poi Michael supera Ralf, si avvicina a me quando mancano 4 giri al termine perché vado troppo lento nei curvoni veloci, non voglio deconcentrarmi perchè so quanto è facile sbagliare col volante… Mi dico: “dai, rispondigli con qualche giro perfetto. Non deconcentrarti o fai il suo gioco”, e quasi senza accorgermene gli piazzo il giro più veloce della corsa in 1’38”0, andando veloce e concentrato. Nel terzultimo giro vedo il doppiato che spunta, la nera Minardi di Alonso, ma è ancora abbastanza lontana; Schumi sembra che si avvicini ma ce l’ho ancora a 1”5, lo leggo palesemente nel display. Nel penultimo giro soffro, Schumi si avvicina come una furia e penso “oh oh, questo mi vuole attaccare all’ultimo giro!” :o . All’ultimo giro, prima doppio la Minardi di Alonso sul rettilineo del traguardo, con qualche incomprensione sulla traiettoria, complice il fatto che lui non si sposta e la mia indecisione su dove passare (interno o esterno?), metto due ruote sull’erba, quelle di sinistra, ma per fortuna non succede niente di grave, anche se mi riappare per un attimo il fantasma dell’errore di Melbourne (beh, ma non ero primo…e il disastroso doppiaggio a Monaco dello scorso campionato? Per fortuna che non mi viene in mente…). Con tutto ciò spero di avere respiro, che Schumi abbia problemi nel doppiarlo…macchè, anzi, se ne sbarazza in un attimo e sembra che sia più vicino che mai. Tengo duro…all’ultima curva le bandiere blu mi ricordano la passata stagione, la vittoria tesa a causa di quella pioggia che aumentava…e io con gomme da asciutto (come tutti)…mi commuovo, ma ancora di più uscendo indenne dall’ultima curva e accelerando libero vero il traguardo della mia prima vittoria col volante in una gara ufficiale!!!!! E prima vittoria a livello Professionista!!!!! Con pole e giro più veloce, un bell’ “hat trick” (si ho tirato fuori il coniglio dal cappello!!!), alla grandeee!!! :yeah: Hakkinen primo in classifica con 11 punti, io 2° con 10, si comincia a ragionare, ma ora non penso al mondiale: penso soltanto a godermi questa mia prima vittoria!!! Sepang mi porta bene: grande vittoria al primo campionato, con tanto di bagnato (leggero) e condita da una pole sotto il diluvio…e ora la prima, tesissima ma splendida, vittoria col volante. Magnifico. Non ho parole, altro non posso dire se non che adoro la pista di Sepang!!!

 

GARA 3 – BRASILE: Dopo prove libere discrete, nelle qualifiche siglo prima in 1’15”6 che non mi soddisfa, poiché ero un po’ troppo teso nel secondo settore; ma insisto e faccio 1’15”3, infine il record in 1’14”889! E gli altri? Lontani anni luce!!! Non vanno oltre l’ 1’16”1! Le loro libere erano un fuoco di paglia. Grande pole, ma è la gara che conta. E, visto il mio potenziale, la voglio vincere!

La partenza mia è perfetta, e al primo giro ho già 1”7 di vantaggio. Poi vado a passeggio girando in 1’16”-1’15” e accumulando 7” di vantaggio in 9 giri, guadagnando nella maggior parte dei casi 0”9 a giro. Incredibile!! Tutto questo fino al 10° giro, quando Alonso, doppiato con la sua Minardi, mi oppone un’assurda resistenza e mi prende pure a ruotate!!!! :incazzato: Io, che non ho nessunissima voglia di buttare di nuovo all’aria un GP per colpa di un doppiato, sono prudente e lo passo solo all’uscita del tornante Laranji, ma non senza patemi, visto che mi resiste all’esterno e mi tocca. Il mio vantaggio scende a soli 2”!!! Una vergogna assurda! Lo picchierei e a fine gara sono ancora nero con lui! Aveva le bandiere blu da un giro e non si è mai spostato, ha fatto solo una finta, a inizio giro, alla S di Senna, ma poi mi ha chiuso! È che non ero riuscito a prendere la sua scia all’arquibancada, perché all’ultima curva ho frenato presto (colpa sua: si perdono i punti di riferimento). Oltretutto mi ha fatto perdere il ritmo: guadagno 0”9 all’11° giro, per la rabbia, ma poi nel giro successivo solo pochi decimi, porto il mio vantaggio a 3”; al traguardo scende a 2”7…ma vinco la gara. Hat trick, il secondo consecutivo, ma soprattutto il primo Grand chelem col volante, ma sopra-soprattutto sono in testa al campionato :auguri: !!! Prima vittoria in Brasile a livelli professionistici da GP2 in poi!!! Ottenuta col volante, che lusso! Interlagos a Gp4 non può essere ritenuta pista sfavorevole.

 

Non ho ancora trovato la pioggia…e prima di disputare questa gara ho scoperto che, per un errore di salvataggio delle impostazioni, in questo campionato non la troverò mai! Poiché, nonostante l’impostazione meteo realistico, la probabilità di pioggia resta fissa allo 0%! E non mi va di ricominciare il campionato per rimediare a ciò!

 

GARA 4 – SAN MARINO: Col tempo di 1’24”280 mi prendo la terza pole position consecutiva, con oltre 0”4 di vantaggio su Schumi. A causa del cambio automatico che sono costretto a usare, mi tiene una marcia troppo alta all’entrata della Piratella, per cui devo scalarla manualmente con un pulsante posto sulla razza del volante, anteriormente. Una seccatura, ma ci faccio l’abitudine.

Per la gara, allo start…regolo perfettamente il regime del motore, ma, chissà perché, nonostante il cambio automatico, non entra la prima marcia (una ragione in più per odiarlo). Io al momento non ci faccio caso, ma quando si spegne il semaforo il cambio mi resta in folle e la prima entra in ritardo! Ritardo fatale perché mi sfilano la Ferrari di Michael e la Williams di Ralf Schumacher. Alla prima staccata sorpasso Ralf di prepotenza, poi in uscita dal Tamburello parzializzo un po’ per paura di andare addosso a Michael, che si difende all’interno della Villeneuve, va lungo nella sabbia e rientra in pista, lento; io cerco di approfittarne per superarlo ma lui resta un po’ in mezzo; praticamente mi taglia la strada; io, complice una lacrima al mio occhio destro che mi impedisce di vedere bene, cercando di infilarmi all’interno della Tosa non mi sposto abbastanza a sinistra…è un attimo e gli vado addosso: rompo l’alettone anteriore, lui invece resta intero! :doh: Vado persino lungo nella via di fuga ed esco dalla sabbia della Tosa in ultima posizione, con l’ala rotta. Recupero i box, rientro a oltre 33” dal penultimo, all’8°giro prendo a fatica il giro più veloce della corsa (dopo un paio di errori più o meno gravi, tra cui un testacoda al 2°giro alle Acque Minerali). Al 10° giro ho 18” da Alonso, che entra ai box. Quindi ho 7” da Yoong, ma resto 21° e così arrivo al traguardo. Zero punti era proprio ciò che non volevo, invece perso per 3 punti la leadership mondiale e Ralf mi pareggia. Accidenti! Ma ormai è meglio pensare alla prossima gara.

 

GARA 5 – SPAGNA: nelle qualifiche inizio con 1’19”9, mi sembra un tempo discreto. Passo subito in 3° posizione. Poi faccio un errore al curvone uscendo fuori, macchina intera, proseguo e faccio 1’19”2, insisto e miglioro di un decimo (ma ero in vantaggio di 0”4, quindi ho perso 0”3), è il tempo definitivo della pole. Faccio l’ultimo tentativo di migliorare, ma sbatto e perdo una ruota al 2° settore. Ormai non c’è più tempo, ma sono in pole, la 4°consecutiva!

 

Nel warm up mi preoccupo perché faccio appena il 5° tempo, non segno mai 1’19”, ma quel che è peggio è che stavolta trovo lo slow motion del computer più vergognoso che mai. Cosa che poi, in gara, mi impedisce di fare un buona partenza. :confuso: Rischio di sbandare, tutto sommato controllo la scodata (in 1°marcia. Altre volte affondavo tranquillamente e non succedeva nulla, la risposta del gioco è scostante! La cosa mi allarma anche per il futuro.). Nei primi 3 giri vado via con paura, e Coulthard mi sta incollato. Non vedo che alla partenza Schumi va in testacoda e deve rimontare dall’ultimo posto, buon per me e per la mia classifica. Al 4°giro mi scrollo di dosso la paura grazie al giro più veloce e al guadagno di 0”2 su Coulthard. Miglioro il record per 3 giri di fila, dandogli successivamente 0”8 e 1”, per cui al 6°-7°giro sto tranquillo con 2”4 di vantaggio su Coulthard. Ma Hakkinen lo sorpassa e mi recupera un paio di decimi a ogni passaggio. I miei tempi, dopo la folata di record, si sono ormai stabilizzati sull’1’21”, a 1” dal mio record (che resterà comunque il giro più veloce della corsa, il mio 4° stagionale), e Hakkinen mi si avvicina: 2”, poi 1”4, poi 0”8, poi 0”4…negli ultimi due giri ce l’ho in scia, per un attimo rivivo l’incubo-sorpasso all’ultimo giro :stralunato: (Fisichella campionato Asso GP2…) ma stavolta difendo la leadership; nelle ultime curve la cosa si fa più ardua, poiché mi raggiunge anche la Williams di Montoya. Così vinco con un trenino alle spalle :asd: . Distacco record su Hakkinen: 0”064!!! Con Schumi fuori dai punti vado a +7, tornando in sella al mondiale. Con orrore, scopro di aver fatto sulla distanza 2” peggio dello scorso mondiale…ma è colpa della pressione di Hakkinen negli ultimi giri: l’ultimo l’ho fatto in 1’24”!

 

[...continua...]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×