Jump to content
Sign in to follow this  
Spa_83

Piloti nascosti! Vorrei porvi questo quesito!

Recommended Posts

Tra gli italiani, mi sarebbe piaciuto vedere Pierluigi Martini in un top team...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra gli italiani, mi sarebbe piaciuto vedere Pierluigi Martini in un top team...

 

 

Vero, Martini era un gran bel pilota, una volta piazz? la Minardi in terza posizione in griglia.

Anche Nannini era uno che prometteva bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me Nannini piaceva molto, e anche Boutsen. Per? non arrivo a dire di aver visto dei Senna o dei Prost che non ce l'hanno fatta. Gente cos? forte in un modo o nell'altro viene fuori, anche perch? di quella stoffa l? fa parte anche il carattere e lo spessore agonistico (ed ecco che Modena e altri come lui svaniscono, mi dispiace dirlo, come neve al sole). E' chiaro che nel caso di Bellof, invece, dove ? sopraggiunta una morte prematura, non si pu? dire nulla, n? in un senso n? in un altro.

 

Ci sono carriere poi, tipo quelle di Mansell o di Button, che dimostrano che perseverare premia. Altre, come quella di Frentzen, che non bisogna dare nulla per scontato. E poi c'? Alesi, un romantico che avesse guidato una Williams (come rifiut? di fare) ora sarebbe nella Hall of fame dei pluricampioni, e che invece ricordiamo per gli exploit e per le sfighe incredibili. Ma in cuor mio sono convinto che avrebbe fatto la pelle al Leone. Anche qui, per?, non parliamo di "macchine per vincere" stile Senna o Prost. Quel genere di predestinati li vedi subito, pensiamo a Schumacher o Vettel, per intenderci. Turrini ricordava come preconizz? un futuro da fenomeno a Vettel quando ancora faceva il tester per la Williams, beh, diciamo che non c'era bisogno di Turrini...

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me Nannini piaceva molto, e anche Boutsen. Per? non arrivo a dire di aver visto dei Senna o dei Prost che non ce l'hanno fatta. Gente cos? forte in un modo o nell'altro viene fuori, anche perch? di quella stoffa l? fa parte anche il carattere e lo spessore agonistico (ed ecco che Modena e altri come lui svaniscono, mi dispiace dirlo, come neve al sole). E' chiaro che nel caso di Bellof, invece, dove ? sopraggiunta una morte prematura, non si pu? dire nulla, n? in un senso n? in un altro.

 

Ci sono carriere poi, tipo quelle di Mansell o di Button, che dimostrano che perseverare premia. Altre, come quella di Frentzen, che non bisogna dare nulla per scontato. E poi c'? Alesi, un romantico che avesse guidato una Williams (come rifiut? di fare) ora sarebbe nella Hall of fame dei pluricampioni, e che invece ricordiamo per gli exploit e per le sfighe incredibili. Ma in cuor mio sono convinto che avrebbe fatto la pelle al Leone. Anche qui, per?, non parliamo di "macchine per vincere" stile Senna o Prost. Quel genere di predestinati li vedi subito, pensiamo a Schumacher o Vettel, per intenderci. Turrini ricordava come preconizz? un futuro da fenomeno a Vettel quando ancora faceva il tester per la Williams, beh, diciamo che non c'era bisogno di Turrini...

 

 

Sono d'accordo quasi su tutto a parte che:

-mettere Button e Mansell nella stessa frase mi sembra abbastanza ingeneroso per il Leone.

-Alesi (pilota che stimo moltissimo) sicuramente avrebbe fatto molto bene in Williams vincendo gare a forse titoli ma spesso si sottovaluta l'apporto dato da Mansell alla squadra nel biennio 91-92.

Dubito che Jean avrebbe fatto risultati simili sinceramente.

Edited by Leno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti do ragione, non volevo sminuire Mansell, semplicemente ? un esempio di uno che ? esploso tardi e ha dovuto aspettare parecchio per affermarsi, e ancora di pi? per vincere il titolo, in questo Button lo ricorda, tutto qui. Sull'apporto di Mansell a quella Williams niente da dire (ma il lavoro di Boutsen-Patrese non va dimenticato in quell'ascesa), ma diciamo che una sfida alla pari con il migliore Alesi sarebbe stata secondo me molto bella, considerato i due temperamenti in pista. Credo che l'Alesi del quinquennio 90-95 fosse forse il pi? forte in pista dopo Senna-Prost-Schumacher, ma sono solo sensazioni che non possiamo verificare. Semplicemente credo che il miglior Mansell sia stato quello della seconda met? degli '80, anche per ragioni anagrafiche. Inoltre l'impatto con Prost fu duro per lui, gli fece praticamente passare la voglia se me lo concedi (anche perch? Prost raccolse frutti che Nigel aveva seminato l'anno prima con una stagione eroica, per? cos? sono le corse e Prost era Prost).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti do ragione, non volevo sminuire Mansell, semplicemente ? un esempio di uno che ? esploso tardi e ha dovuto aspettare parecchio per affermarsi, e ancora di pi? per vincere il titolo, in questo Button lo ricorda, tutto qui. Sull'apporto di Mansell a quella Williams niente da dire (ma il lavoro di Boutsen-Patrese non va dimenticato in quell'ascesa), ma diciamo che una sfida alla pari con il migliore Alesi sarebbe stata secondo me molto bella, considerato i due temperamenti in pista. Credo che l'Alesi del quinquennio 90-95 fosse forse il pi? forte in pista dopo Senna-Prost-Schumacher, ma sono solo sensazioni che non possiamo verificare. Semplicemente credo che il miglior Mansell sia stato quello della seconda met? degli '80, anche per ragioni anagrafiche. Inoltre l'impatto con Prost fu duro per lui, gli fece praticamente passare la voglia se me lo concedi (anche perch? Prost raccolse frutti che Nigel aveva seminato l'anno prima con una stagione eroica, per? cos? sono le corse e Prost era Prost).

 

 

Non so, per me il Mansell 91-92-93 (in F.Cart) fu altrettanto forte di quello della seconda met? degli anni 80.

Su un ipotetico duello con Alesi pur con tutto l'affetto che nutro per Jean la vedo un po' dura per lui, Mansell era dotato di qualit? velocistiche molto superiori al piccolo francese e i confronti in parallelo con Prost e Berger lo confermano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

quindi diciamo che a parte bellof non ? esistito un prost o senna che non ? esploso per sfortune varie?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, Jarier era uno velocissimo che causa molti guai meccanici perse tante gare negli anni'70 e idem Amon, ma non so se avessero realmente la stoffa per diventare dei campioni del mondo con monoposto pi? affidabili e competitive.

Share this post


Link to post
Share on other sites

quindi diciamo che a parte bellof non ? esistito un prost o senna che non ? esploso per sfortune varie?

per me proprio NO ! e anche su Bellof avrei qualche dubbio ma solo perch? non abbiamo avuto il tempo per capire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

capito!ok ragazzi per? se pic fosse forte come un vettel o un alonso come lo capiamo con quel catorcio che dovrebbe portarlo in q2?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me tutta la "generazione perduta" dei piloti italiani della fine degli anni ottanta - Nannini, Larini, Modena, Tarquini, Caffi, Martini... - alla guida di vettura decenti (anzich? vasche da bagno come Coloni o Eurobrun) avrebbe sicuramente ottenuto fior di risultati.

 

Un altro mio cruccio ? il danese Jan Magnussen: dopo aver vinto la Formula 3 inglese stracciando il record di Senna (con 14 vittorie su 18 gare) ed essere stato ingaggiato come test-driver dalla McLaren (con cui disput? anche un Gp in sostituzione di Hakkinen) si perse correndo una stagione nelle retrovie con la Stewart, da cui venne licenziato alla met? della successiva, concludendo cos? di fatto la sua carriera in Formula 1. Se avesse avuto la fortuna di un Massa di avere l'opportunit? di salire da subito su una vettura vincente magari ora staremmo parlando di un campione del mondo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

capito!ok ragazzi per? se pic fosse forte come un vettel o un alonso come lo capiamo con quel catorcio che dovrebbe portarlo in q2?

Vettel e soprattutto Alonso avevano gi? mostrato nelle categorie minori doti particolari (Pic non mi pare, ma posso sbagliarmi). Se Pic fosse di quella razza l?, strapazzerebbe il suo compagno come facevano Vettel e soprattutto Alonso nel loro primo annno di F1. Tranquillo, non per deluderti ma Pic non ? un fenomeno. Il che non significa che sia uno da mettere alla porta, anzi: ma le stimmate del campione, per me non le ha.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non dico che sarebbero diventanti assi del volante, ma qualche gara (o qualche gara in pi?) avrebbero sicuramente meritato di vincerla: Tarquini, Montermini (frenato, anche, dall'aver iniziato la carriera di pilota molto tardi), Modena, Boutsen, Capelli...anche Martini e Van de Poele non erano male

Aggiungo: andando indietro nel tempo direi Merzario, tra chi non ? mai arrivato nella massima formula segnalo Tom Kristensen

Edited by Ingegner Br1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non dico che sarebbero diventanti assi del volante, ma qualche gara (o qualche gara in pi?) avrebbero sicuramente meritato di vincerla: Tarquini, Montermini, Modena, Boutsen, Capelli...anche Martini e Van de Poele non erano male

 

 

Boutsen vinse 3 gare con la Williams Renault tra l'89 e il 90 facendo complessivamente meglio del compagno Patrese, all'arrivo di Mansell fu per? appiedato da Sir Frank che gli prefer? comunque il padovano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un altro pilota sfortunato fu Olivier Panis,dopo l'incidente non fu pi? lo stesso ,ma prima del 1998 era davvero un pilota completo.

Curioso il confronto Alesi- Mansell, credo che Nigel fosse pi? veloce ,specialmente in qualifica, in gara sarebbero stati molto pi? vicini ,Jean era un corridore grintoso e sul bagnato era indubbiamente superiore al Leone inglese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boutsen vinse 3 gare con la Williams Renault tra l'89 e il 90 facendo complessivamente meglio del compagno Patrese, all'arrivo di Mansell fu per? appiedato da Sir Frank che gli prefer? comunque il padovano.

 

Ne vinse 3 di cui una fortunatissima (Montreal 1989) con un motore Renault da svezzare, ma ho sempre avuto la sensazione che avrebbe meritato di pi?; fece molto bene alla Benetton e poi alla Williams nonostante i suoi compagni di scuderia fossero Fabi, Nannini e Patrese, che non erano di certo gli ultimi arrivati.

Poi volevo dire anche che tra i Campioni mancati inserisco Alboreto, un po' sottovalutato (specie sul finale di carriera) ma che secondo me aveva il DNA dell'asso del volante

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un altro pilota sfortunato fu Olivier Panis,dopo l'incidente non fu pi? lo stesso ,ma prima del 1998 era davvero un pilota completo.

Curioso il confronto Alesi- Mansell, credo che Nigel fosse pi? veloce ,specialmente in qualifica, in gara sarebbero stati molto pi? vicini ,Jean era un corridore grintoso e sul bagnato era indubbiamente superiore al Leone inglese.

 

 

Ti concedo che Alesi era superiore sul bagnato (non che Mansell fosse lento per? andava a sbattere molto spesso)ma sul ritmo gara il Leone era impressionante, Berger durante la sua convivenza in Ferrari ne usc? con le ossa rotte proprio da questo punto di vista.

 

Ne vinse 3 di cui una fortunatissima (Montreal 1989) con un motore Renault da svezzare, ma ho sempre avuto la sensazione che avrebbe meritato di pi?; fece molto bene alla Benetton e poi alla Williams nonostante i suoi compagni di scuderia fossero Fabi, Nannini e Patrese, che non erano di certo gli ultimi arrivati.

Poi volevo dire anche che tra i Campioni mancati inserisco Alboreto, un po' sottovalutato (specie sul finale di carriera) ma che secondo me aveva il DNA dell'asso del volante

 

 

Ci metterei anche DeAngelis allora che non era certo inferiore ad Alboreto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti concedo che Alesi era superiore sul bagnato (non che Mansell fosse lento per? andava a sbattere molto spesso)ma sul ritmo gara il Leone era impressionante, Berger durante la sua convivenza in Ferrari ne usc? con le ossa rotte proprio da questo punto di vista.

 

 

 

 

Ci metterei anche DeAngelis allora che non era certo inferiore ad Alboreto.

 

Su DeAngelis non posso far altro che darti ragione; in ogni caso il discorso che facevo io era che Alboreto pass? dalla Ferrari a scuderie di medio-basso livello in un lampo, e non credo se lo meritasse

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su DeAngelis non posso far altro che darti ragione; in ogni caso il discorso che facevo io era che Alboreto pass? dalla Ferrari a scuderie di medio-basso livello in un lampo, e non credo se lo meritasse

 

 

Vero ma all'epoca le scuderie in grado di piazzarsi bene non erano molte e con gente come Senna, Prost, Piquet, Mansell in giro trovare un sedile decente non era affato facile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vero ma all'epoca le scuderie in grado di piazzarsi bene non erano molte e con gente come Senna, Prost, Piquet, Mansell in giro trovare un sedile decente non era affato facile.

 

Certamente, ma se non fosse successo quel maledetto incidente non credo che da li a un paio d'anni si sarebbe accordato per correre in scuderie tipo Larrousse o Scuderia Italia. Solo la fatalit? gli ha privato una carriera luminosa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×