Jump to content
Beyond

Pizza e pizzerie

Recommended Posts

ma è il farsi pagare la divisione che deve far riflettere, come se l'azione da parte del pizzaiolo nel dividere la pizza richiedesse un compenso (Io te l'ho cucinata, che vuoi ancora? Che ti imbocchi?)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, una ce l'ho: si chiama "Antica pizzeria da Michele". Ti spiego come arrivarci: vai alla stazione centrale di Bologna, prendi il primo Frecciarossa e scendi a Napoli centrale. Da là sono 10 minuti a piedi :zizi:

E che saranno... 20 minuti di viaggio? :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

so che vi manca qualche bella foto quindi vi mostro l'ultima puntatina da Di Matteo della settimana scorsa... :ninja: :ninja: :qq: :qq:

 

Margherita

KVYHlgx.jpg

 

 

Diavola con bufala

dmCaEf5.jpg

 

 

Capricciosa

YLIwfwq.jpg

 

 

Con prosciutto

kNXR9Yh.jpg

 

 

Bianca con pomodorini

WIuycnp.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

che c'è da discutere? solita mentalità italiana che per risparmiare un euro al giorno si vende pure la mamma. Basterebbero davvero poche accortezze per fare una pizza coi fiocchi, l'olio di soia pure dalle vostre parti non me lo sarei aspettato :zizi:

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'olio sulla pizza tradizionalmente è leggero perchè non deve coprire il sapore degli altri ingredienti. quindi sono d'accordo con quelli, la stragrande maggioranza in effetti, che non lo usa. l'olio d'oliva sulla pizza si riconosce subito, non è male ma da alla pizza un sapore molto più deciso.

riguardo la cosa della pizza bruciata, secondo me molta fuffa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'olio sulla pizza tradizionalmente è leggero perchè non deve coprire il sapore degli altri ingredienti. quindi sono d'accordo con quelli, la stragrande maggioranza in effetti, che non lo usa. l'olio d'oliva sulla pizza si riconosce subito, non è male ma da alla pizza un sapore molto più deciso.

riguardo la cosa della pizza bruciata, secondo me molta fuffa.

Se non vuoi sentire l'olio non ce lo metti :asd:

 

Molta fuffa nel senso che la pizza mangiata una volta ogni tanto non credo fa male, però in effetti non ci vuole niente ad evitarlo.

 

Inoltre io ho parlato dell'olio ma anche mozzarella, pomodoro, farina ecc ecc non erano di qualità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ti ripeto, sulla pizza tradizionale l'olio d'oliva non c'è mai stato. anche la mozzarella, non viene usata ma si usa il fiordilatte perchè è più compatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

l'olio sulla pizza tradizionalmente è leggero perchè non deve coprire il sapore degli altri ingredienti. quindi sono d'accordo con quelli, la stragrande maggioranza in effetti, che non lo usa. l'olio d'oliva sulla pizza si riconosce subito, non è male ma da alla pizza un sapore molto più deciso.

riguardo la cosa della pizza bruciata, secondo me molta fuffa.

Se non vuoi sentire l'olio non ce lo metti :asd:

 

Molta fuffa nel senso che la pizza mangiata una volta ogni tanto non credo fa male, però in effetti non ci vuole niente ad evitarlo.

 

Inoltre io ho parlato dell'olio ma anche mozzarella, pomodoro, farina ecc ecc non erano di qualità.

 

 

Tutte le pizzerie di Napoli usano ingredienti di altissima qualità. Lo stesso titolare della pizzeria "da Michele" ha rilasciato, poi, un'intervista in cui ha specificato che usa solo pomodoro San Marzano dell'agro nocerino-sarnese e fior di latte di Agerola (cosa che i napoletani sanno da sempre). Chissà perchè questo report non l'ha detto, ma ha fatto di tutta l'erba un fascio.

Riguardo all'olio, io concordo: l'olio di semi è adatto alla pizza perchè non copre i gusti. La pizza senza olio è pane e pomodoro, a quel punto mi faccio una fresella.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

La maggior parte delle pizzerie di Napoli usa ingredienti di altissima qualità.

 

 

Secondo me va meglio così, non bisogna essere troppo categorici ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vabbè ovvio, ci sono dovunque gli speculatori. Però, da napoletano, penso che puoi concordare con me che a Napoli, in media, si mangia una buona pizza, fatta con buoni ingredienti. Poi è ovvio che ci sono quelli che ti rifilano la m***a, però sono la minoranza visto che la clientela ha, mediamente, delle richieste molto alte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vero, specialmente in centro, se fai la pizza uno schifo chiudi presto. Però brutte esperienze ne ho avute.

P.S. ultima vera pizza mangiata a Pasqua, vorrei piangere :'(

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Lo stesso titolare della pizzeria "da Michele" ha rilasciato, poi, un'intervista in cui ha specificato che usa solo pomodoro San Marzano dell'agro nocerino-sarnese e fior di latte di Agerola (cosa che i napoletani sanno da sempre).

 

hai chiesto all'oste se il vino è buono? :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

non penso che si mettono a dire cose false sulla provenienza dell'ingrediente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ritorno a ripetere: a Napoli la concorrenza è spietata ed i clienti sono altamente esigenti. Basta vedere la fine che ha fatto la storica Trianon: ormai non ci va più nessuno e la gente preferisce farsi 1 ora di fila da Michele piuttosto che andare là. La "fascificazione" delle pizzerie operata da Report sa molto di attacco pretestuoso. Non si possono attaccare le pizzerie di Venezia mettendole sullo stesso piano di quelle napoletane: la clientela di Venezia si sorbisce anche la pizza surgelata, quella di Napoli decisamente no.

 

Tutto questo, per dire che una pizzeria può anche mentire sulla qualità della propria pizza, ma il cliente se ne accorge e non ci torna più.



 

P.S. ultima vera pizza mangiata a Pasqua, vorrei piangere :'(

 

Io da agosto :cray:

Share this post


Link to post
Share on other sites

×