Jump to content
Beyond

Pizza e pizzerie

Recommended Posts

In pi? aggiungo che la pala di legno non ? adeguata a prendere le pizze dal forno dato che serve una lamina sottile da infilare sotto la pizza per tirarla fuori...cosa impossibile con una tavola di legno spessa vari centimetri...

un paio di centimetri... e che ?? una mazza di cricket? :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma le hai mai viste le pale di legno dei pizzaioli? Sono molto pi? spesse e si usano solo per portare la pizza dal tavolo al forno. Per rigirarla e per sfornarla si ? sempre usata quella di metallo (e di pizzaioli ne ho visti).

Edited by Ferrarista

Share this post


Link to post
Share on other sites

certo che le ho viste non vengo da marte, ma non son certo altre due centimetri, vanno comunque ad assottigliarsi sulla punta

 

Comunque hai ragione, la pala di legno la usano per infornare e c'? la paletta di ferro per ruotarle ed estrarle. Il motivo per cui usano la pala di legno per infornare? :shock: Per avere il giusto attrito tra l'impasto-farina-superficie della pala nell'atto di adagiarla nel forno? :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per infornare e muovere la pizza nel forno si usa rigorosamente una pala con un piatto di metallo, sottilissima.

Per togliere la pizza dal forno e metterla nel piatto si usa una pala col piatto di legno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma infatti ? come ho detto io, la pala di legno si usa solo per l'infornata quando la pizza viene messa a mano sulla stessa. Poi, per le altre operazioni, quella di legno ? troppo spessa, quindi si usa quella metallica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

insalatina di verdure, branzino al profumo di t? verde e riso soffiato, alga nori

29,00 euro

 

Ma mi prendi per il c*lo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pizzeria Pellone. Via Nazionale, 93. Napoli (quartiere Vasto)

 

Recensione by Ferrarista :sbav:

 

Pellone ? una delle pizzerie pi? note di Napoli. Fondata negli anni 60 (quindi molto pi? tardi delle altre pizzerie storiche gi? recensite), si ? costruita la sua fama con una delle migliori pizze di Napoli. Si trova in una zona abbastanza periferica, tra la stazione centrale e il centro direzionale (un agglomerato orribile di palazzoni pieni di uffici progettati da un giapponese negli anni 60, una delle zone pi? brutte di Napoli), quindi ? svantaggiato dal punto di vista "turistico". In compenso sfrutta la vicinanza del centro direzionale, e infatti non ? raro vedere gente in giacca e cravatta pranzare l?.

C'? da aggiungere una nota non molto felice. La pizzeria Pellone venne alla ribalta della cronaca nel 2004 quando un pregiudicato fu assassinato proprio mentre mangiava una pizza dentro la pizzeria. Nell'immaginario collettivo, costui (tale Salvatore Peluso) ? diventato l'emblema del boss di camorra che muore ammazzato con la testa nella pizza. Questo evento ? citato anche nella canzone Guapparia 2000 del pianista e jazzista napoletano Lorenzo Hengeller.

 

Locale: Pellone possiede due sale distaccate, ognuna col suo forno. In totale penso che non si possano sedere pi? di 100-150 persone all'interno. Gli ambienti sono abbastanza spogli, c'? giusto qua e l? qualche decorazione alle pareti come la riproduzione del tipico balcone napoletano o qualche bicchiere di birra famosa, ma per il resto non c'? da aspettarsi fronzoli. Il pasto viene consumato su tavoli di marmo che vengono puliti di volta in volta dai camerieri. Voto: 5

 

Servizio: Trattandosi di una pizzeria alla buona come tutte le altre recensite, il servizio ? molto essenziale. Prima di tutto non ? possibile prenotare, quindi si fa la fila e si aspetta che si liberino i tavoli. Se si ? in pochi o in numero dispari ? molto probabile trovarsi a tavola con perfetti sconosciuti. Appena entrati, il cameriere porta la solita coppia di posate a testa e un bicchiere di plastica ad ognuno.

Va detto che i camerieri non sono molto gentili, forse i meno gentili tra tutte le pizzerie che ho girato, ma qualcuno, ogni tanto, si intrattiene col cliente a fare una battuta. La cosa impressionante di Pellone ? la velocit? con cui vengono serviti i clienti: non appena ci si siede passa il primo cameriere a chiedere cosa si desidera da bere. Appena finisce lui (davvero dopo pochi secondi), arriva il cameriere panzuto della foto precedente a chiedere che pizze si desiderano. Nel giro di 5 minuti (massimo 10 quando c'? molta gente), il tutto ? servito. Altra cosa impressionante di Pellone sono i camerieri che prendono le ordinazioni a memoria, anche se al tavolo ci sono 10 persone e se qualcuno chiede una variante della pizza (ad esempio io ordino spesso capricciosa senza origano). Questa estrema organizzazione merita decisamente un voto superiore alla sufficienza: Voto 7

 

Bevande: Sulle bevande la scelta ? quella solita. C'? l'acqua da mezzo litro, coca cola e birra Paulaner (anche alla spina). Diciamo che non c'? molto da segnalare. Voto 6

 

Cibo: E ora veniamo alla parte pi? interessante :sbav: Pellone fornisce l'offerta tipica di una pizzeria-friggitoria. Tra gli antipasti si pu? scegliere tra varie fritture: arancino di riso (per? fatto "alla siciliana", cio? a forma di cono, non la tipica palla di riso napoletana), frittatina di pasta e crocch? di patate. A mio avviso, il crocch? di patate ? il pi? buono in assoluto che io abbia mai provato, superiore anche a Di Matteo che, per me, resta il top in fatto di friggitoria. Anche la vetrina esterna offre fritture da asporto, che sono le stesse gi? citate pi? la tipica pizza fritta con ricotta e pepe.

Ma le pizze, secondo me, sono il piatto forte di Pellone. Prima di tutto si tratta della pizzeria che fa, forse, le pi? grandi che si vedano in giro. La pizza traborda dal piatto e non ? detto che la si riesca a finire, soprattutto se si tratta di una pizza un po' pi? elaborata. L'offerta spazia molto: si va dalle classiche margherita e marinara a quelle pi? elaborate come capricciosa o l'ortolana della foto per finire ai ripieni al forno e fritto.

La pizza ? ottima, pasta sofficissima e stesa molto sottile. Solitamente la cottura ? sempre perfetta e uniforme (infatti, come ho detto, nelle foto di ieri ? capitato casualmente di beccare la pizza un po' bruciacchiata). Come ho gi? detto varie volte, solo la qualit? della pasta, basterebbe a qualificare la pizza dato che ? l'ingrediente pi? importante. Ma va detto che anche i condimenti sono di prima qualit?, non mi ? mai capitato di avere una pizza con ingredienti scadenti o di poco sapore. Una nota di merito va data a Pellone visto che usa solo ingredienti di stagione (ad esempio ? impossibile chiedere un'ortolana a gennaio).

Il giudizio generale sul cibo ? molto alto, ovviamente. Voto 8 (Non me ne voglia Beyond, ma per me Di Matteo sta sopra :asd:)

 

All'insieme darei un Voto 8

 

 

Per concludere va raccontato un bel siparietto capitato ieri col cameriere (quello panzuto :asd:). Gli abbiamo chiesto cosa ne pensasse del fatto che, per il gambero rosso, la migliore pizzeria d'Italia fosse a Verona. Dapprima sorpreso (sembrava non sapere la notizia), poi gli abbiamo spiegato la cosa e ha risposto con un laconico "A Verona? Ma chisti se drogano!" :asd:

 

 

Alla prossima recensione :closedeyes:

Edited by Ferrarista

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'altro ieri sono andato a mangiare una pizza al filetto di pomodoro. Non scrivo il locale perche' lo denigrerei, ma la pizza al centro era spessa mezzo millimetro. Risultato: una fame da lupi dopo la pizza, cosi' sono andato al bar di fronte e ho integrato conuna bomba alla crema. E' un'indecenza.

 

 

 

 

 

Regards,

The frog

Share this post


Link to post
Share on other sites

Porta Nolana non tradisce!!! :rock:

 

un ripieno fritto completo e una margherita divise con mio padre, avr? lasciato 10cm di cornicione della margherita ma solo perch? era ormai freddo e non c'era alcun gusto a finirlo

 

e come antipasto ci siamo fatti portare un "filoncino" ripieno di ricotta, mozzarella, prosciutto crudo, pomodorini e rucola, con una spolverata di parmigiano sopra, una goduria!!! :sbav:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nome della pizzeria?

notoriamente si dice che si va da "Gigino a Porta Capuana" (non Nolana, mi confondo sempre :doh:) ma il nome ? un'altro (Pizzeria Vincenzo Costa)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh in quella zona immagino che ce ne siano a bizzeffe di pizzerie. Comunque se ? a porta Capuana, devo averlo gi? sentito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

e che era quella diavola da pellone ieri :sbav:

una delizia oltre ogni immaginazione

 

zMdUQ.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

da dimatteo oggi a fare la pizza era proprio il proprietario

 

che opera d'arte ha fatto :qq:

 

65Grz.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

×