Vai al contenuto
jeremy.clarkson

Grave incidente per Maria de Villota su Marussia

Messaggi raccomandati

voi che sapete, come sono fatti i caschi? di che materiali sono composti e quali caratteristiche hanno per resitere agli urti e alla compressione di vetture ad alta velocit

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

da quanto si sente nel documento audio postato all'inizio, non mi sembra di avvertire un'accelerazione cos? potente del motore. Non ? che abbia molta esperienza a riguardo, ma quando si alza il regime del motore di una F1, anche di poco, la differenza la avverti immediatamente. Invece nell'audio sembra che il numero di giri rimanga pressoch? lo stesso finch? non si sente il rumore sordo (terrificante, a posteriori).

Del resto il testimone parla di un'accelerata improvvisa per cui probabilmente mi sbaglio di grosso ed ? stato questo, insieme ad una serie di sfighe terribili, a causare l'impatto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono abituato alla F1 iper-attenta alla sicurezza

Allora mi sa che ti sei perso qualche dettaglio, come ad esempio la tornitura di un piantone di sterzo o il sistema di fissaggio di un'ala anteriore al musetto.

 

il problema ? che il tendone doveva essere disposto in modo che lei rientrando fosse stata parallela alla struttura,e male che vada capitava un lungo, ma a quanto pare lei arrivava tangente se non perpendicolare, per questo non ? riuscita a schivare nulla... ? stata una sfortunata disgrazia, su questo non ci piove, ma i test dovrebbero essere fatti in assoluta sicurezza, senza il minimo rischio...

Forse non ? ben chiara una cosa.

 

I test non li fanno l? davanti, bens? sulla pista di decollo. Quella zona ? ben distinta e distante da dove le macchine fanno il test. In quella zona partono e arrivano praticamente a passo d'uomo.

 

http://www.youtube.com/watch?v=gYuwxZ7W1uM&feature=relmfu

 

http://www.youtube.com/watch?v=W-mnRa5Hqqs&feature=related

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non vedo particolari carenze, semmai lo zampino della malasorte che ha fatto si che i due errori collimassero.

 

 

Gli esperti di incidenti aerei affermano sempre che non esiste un solo caso di incidente dovuto a una sola causa. Perche' succeda qualcosa di brutto ci devono essere almeno 2 concause.

 

 

Una cosa che non c'entra niente...

L'aerodromo di Duxford e' il paese delle meraviglie per gli appassionati di aeroplani d'epoca. Consiglio assolutamente una visita. D'altra parte dove si trovano posti in cui puo salire dentro a un Concorde, farti fotografare vicino alla rampa di una V1 o nella pancia di un B52??? (oltre a tutto il resto....)

Io ci son stato anni fa, e non vedo l'ora di tornarci ;)

Modificato da Riketto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io pi? leggo informazioni sull'incidente e pi? mi convinco che sia una tremenda fatalit?. Quel camion, come si vede nella foto dall'alto, non era in una posizione pericolosa. Era posto a lato di uno spiazzo di sosta, dove mai t'immagineresti che possa entrare un'auto a velocit? sostenuta.

 

Se mi dite che quest'incidente ? stato frutto di poca professionalit? da parte della Marussia, allora immagino che si dovrebbero rivedere tutte le procedure di avvio e sosta delle monoposto non solo nei test, ma soprattutto nei gran premi.

Pensate cosa potrebbe succedere se una cosa simile capitasse in box affollati mentre rientra un pilota. E durante un week end di gara di auto che passano avanti e indietro, entrano ed escono dai box a motore acceso, ce ne sono a centinaia. Ma che vogliamo fare? Soste ai box stile procedura aerea, su pista d'atterraggio totalmente vuota, meccanici a distanza di sicurezza di 300 metri che si avvicinano per il cambio gomme solo quando il pilota ? fermo e a motore spento? Ripartenza solo a pista sgombera e previa approvazione della torre di controllo con Charlie Whiting dentro?

 

Trovo che questo incidente rientri in quella variabile di fatalit? che non c'entra niente con la sicurezza delle monoposto o delle procedure seguite. Eventi tragici dettati unicamente dal caso, alla stregua di un ramo che ti cade in testa mentre cammini nel bosco.

 

Spero che Maria si riprenda presto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

.... per? quei camion erano davvero vicini....e poi il motivo del portellone abbassato? cos? vicino? insomma, non ho mai visto una cosa creata con tanta faciloneria nemmeno alle fiere dove assemblano in fretta e furia circuiti di minimoto.....

santo cielo....forza Maria!!!!!!!

 

Concordo.

Anche se ? tutto un altro campo, ho organizzato e lavorato nella preparazione di numerose feste, con camion che scaricano materiali vari (concerti...) e uno dei principali pensieri era sempre di non lasciare in giro qualcosa di pericoloso. Il pannello di scarico rimaneva a mezz'altezza solo quando lo si usava come "ponte" per raggiungee un piano rialzato, quindi era ben difficile non accorgersi della sua presenza (palco, camion, ecc...). Altrimenti l'ho sempre visto o tutto su o tutto gi?, perch? la regola ? che se lasci in giro qualcosa di pericoloso, stanne certo, anche se fosse nel posto pi? improbabile, qualcuno che ci va attorno lo trovi, sempre!

Nel caso di Maria, l'altezza era quella "giusta", e io dico che se non ci ha lasciato le penne (in un modo orribile, tra l'altro) ? un miracolo. Inoltre tra la posizione di guida, la direzione di marcia e la posizione del piano, credo che non abbia manco visto il pannello sporgente.

Sar?, ma per me la sicurezza vada pensata prima di tutto.

Ci vuole talmente poco a spostare un camion dove non passa nessuno.

Ci vuole talmente poco a tirar su qual piano e a ritirarlo gi? solo quando serve, mica sono in gara e devono agire sulla vettura in tempi brevissimi per rispedire in pista la macchina.

Modificato da altafollia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se mi dite che quest'incidente ? stato frutto di poca professionalit? da parte della Marussia, allora immagino che si dovrebbero rivedere tutte le procedure di avvio e sosta delle monoposto non solo nei test, ma soprattutto nei gran premi.

Pensate cosa potrebbe succedere se una cosa simile capitasse in box affollati mentre rientra un pilota. E durante un week end di gara di auto che passano avanti e indietro, entrano ed escono dai box a motore acceso, ce ne sono a centinaia. Ma che vogliamo fare? Soste ai box stile procedura aerea, su pista d'atterraggio totalmente vuota, meccanici a distanza di sicurezza di 300 metri che si avvicinano per il cambio gomme solo quando il pilota ? fermo e a motore spento? Ripartenza solo a pista sgombera e previa approvazione della torre di controllo con Charlie Whiting dentro?

 

 

durante la percorrenza dei box le auto procedono parallelamente ai box senza mai intercettare ostacoli, l'unico momento in cui si trovano a rischio sono quando sterzano per entrare nella piazzola, pur non conoscendo esattamente le procedure penso che li siano gi? in folle, ed in ogni caso ne hanno investiti di meccanici... mentre in questo caso, a quanto pare lei per allinearsi alla piazzola doveva percorrere una traiettoria tangente ai box, molto pi? pericoloso, soprattutto quando in pista c'e una "novellina" che ? la prima volta che vede la macchina..

 

non serve esasperare le norme di sicurezza, serve solo mantenere un po di buon senso quando si dispongono le attrezzature, perch? nei vari documenti postati si vede pi? volte il camion nella medesima posizione,ma una parte si vede che ha la motrice dalla parte esposta, e l'altro ? un camion tipo hospitality, in entrambi i casi non ci sono angoli sporgenti all'altezza del casco, e l'altezza dei camion ? sempre inferiore a quella della monoposto, al massimo sarebbe successo un tamponamento...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

durante la percorrenza dei box le auto procedono parallelamente ai box senza mai intercettare ostacoli, l'unico momento in cui si trovano a rischio sono quando sterzano per entrare nella piazzola, pur non conoscendo esattamente le procedure penso che li siano gi? in folle, ed in ogni caso ne hanno investiti di meccanici... mentre in questo caso, a quanto pare lei per allinearsi alla piazzola doveva percorrere una traiettoria tangente ai box, molto pi? pericoloso, soprattutto quando in pista c'e una "novellina" che ? la prima volta che vede la macchina..

 

non serve esasperare le norme di sicurezza, serve solo mantenere un po di buon senso quando si dispongono le attrezzature, perch? nei vari documenti postati si vede pi? volte il camion nella medesima posizione,ma una parte si vede che ha la motrice dalla parte esposta, e l'altro ? un camion tipo hospitality, in entrambi i casi non ci sono angoli sporgenti all'altezza del casco, e l'altezza dei camion ? sempre inferiore a quella della monoposto, al massimo sarebbe successo un tamponamento...

 

E poi, senza voler giustificare nulla, per carit?, occorre tener presente che durante la pole o la gara si ? tutti "al limite", pertanto qualche errore non dico sia concesso ma ce lo possiamo aspettare, ma lo mettiamo in conto.

Nelle prove, test et simila, dovrebbe regnare una certa tranquillit?, dovuta alla mancanza dell'adrenalina da competizione/risultato

Modificato da altafollia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il portellone abbassato, per quanto casuale, costituiva comunque un ingombro anomalo.... madama fatalit? va a nozze con questi subdoli particolari, purtroppo :( spero davvero che Maria si riprenda al meglio.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scusate, si ? parlato nelle pagine precedenti, che una possibile causa dell'incidente sia l'antistallo, premettendo che non ho la minima idea di come funzioni e come si inneschi, ma se ? davvero cos? rischioso, come possono permettere alle vetture di passare a bassissime velocit? in mezzo alla folla??

guardatevi l'ultimo minuto, ? stato fatto sia per la Caterham, sia per Ferrari, Mclaren, Redbull e Mercedes, se fosse davvero cos? rischioso come potrebbero permetterlo??

 

http://www.youtube.com/watch?v=QtzKnEBsJoE

 

a questo punto credo che l'incidente sia dovuto pi? ad un guasto tecnico o ad un suo errore...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scusate, si ? parlato nelle pagine precedenti, che una possibile causa dell'incidente sia l'antistallo, premettendo che non ho la minima idea di come funzioni e come si inneschi, ma se ? davvero cos? rischioso, come possono permettere alle vetture di passare a bassissime velocit? in mezzo alla folla??

guardatevi l'ultimo minuto, ? stato fatto sia per la Caterham, sia per Ferrari, Mclaren, Redbull e Mercedes, se fosse davvero cos? rischioso come potrebbero permetterlo??

 

http://www.youtube.com/watch?v=QtzKnEBsJoE

 

a questo punto credo che l'incidente sia dovuto pi? ad un guasto tecnico o ad un suo errore...

 

cavolo pensavo facessero solo passerella, invece sembra vadano anche forte in alcuni tratti (ad occhio direi che i 200 li passano). Io me la farei sotto non solo ad andare cos? forte in un corridoio tanto stretto, ma anche a stare a bordo "pista" protetto solo da una balla di fieno!

 

Per quanto riguarda la passerella in mezzo alla gente a passo d'uomo, beh, se non succedono problemi elettronici non vedo come la macchina possa schizzare in avanti. Evidentemente non deve essere una cosa tanto facile che la macchina si metta a sgasare da sola.

Modificato da nemo981

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

F1, situazione De Villota grave ma stabile

 

ROMA - Restano ?gravi ma stabili? le condizioni di Maria De Villota, la test driver della scuderia di Formula 1 Marussia (ex-Virgin) vittima di un serio incidente tre giorni fa nel corso di una sessione di prove a Duxford, in Gran Bretagna. La giovane spagnola, 33 anni, che a seguito dell'impatto della monoposto contro un autocarro della scuderia ha perso l'occhio destro, e' ricoverata all'Addenbrooke's Hospital, dove era stata anche sottoposta ad un'operazione.

 

NOTA DI FAMIGLIA - In una nota diffusa a nome dei familiari sul sito del team Marussia, la sorella Isabel spiega che non ci sono ?novita' particolari sullo stato di salute di Maria, ma il fatto stesso che sia rimasta stabile dal momento dell'incidente, in particolare nella notte successiva all'operazione, e' motivo di incoraggiamento per tutti noi?. La famiglia ringrazia poi il personale medico, il team e tutti coloro che si sono dimostrati vicini alla giovane donna dopo l'incidente. Maria e' figlia di Emilio De Villota, pilota spagnolo che corse due Gp nel 1977 con la McLaren. L'anno scorso aveva gi? provato una F1 al volante di una Lotus-Renault sul circuito Paul Ricard. Martedi' stava facendo la sua prima uscita come test driver, con l'obiettivo di provare un nuovo pacchetto aerodinamico della Marussia destinate ai piloti titolari, il francese Charles Pic e il tedesco Timo Glock, per il Gp di Silverstone, ottava gara del Campionato del mondo di Formula 1.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

spero presto si sappia altro sulle sue condizioni, quando si dice grave ma stabile non si ? mai molto tranquilli...anche perch? qui i traumi devono essere stati notevoli....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

GPDA chairman de la Rosa wants investigation into de Villota?s accident

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Visitatore Rhobar_III

Questa povera ragazza deve veramente aver sub?to un danno estremamente grave, se ? stata necessaria anche una seconda operazione...

 

Mi dispiace enormemente, davvero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

beh danni al volto e al cranio di solito richiedono pi? operazioni

 

Anche per via dell'elevatissimo numero di ossa e muscoli presenti nella zona facciale. Una botta cos? forte fa tanti danni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×