Jump to content
Sign in to follow this  
chatruc

Monoposto curiosa

Recommended Posts

Guardate con attenzione la foto allegata. Se siete i megaesperti della storia delle monoposto ditemi tutti i dettagli che sapete. Comunque non si tratta di un quiz, questa monoposto ha una soluzione molto interessante che anni dopo ? stata ripresa da una grande scuderia. Guardate attentamente e poi ne discutiamo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan

 

Bh? dal retrotreno si vede che ? un motore sovralimentato, in pi? si vede anche che ? un motore-portante

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ? portante, si vedono i tiranti che vanno dalla scocca alle sospensioni. Forse ? parzialmente portante.

 

Comunque ? importante il tuo commento su quella cosa che c'? sopra il motore ma non ? un turbocompressore o la valvola pop off (infatti ? simile alle valvole pop off della CART). Infatti si vede come dalla bancata destra ci siano i tromboncini di aspirazione sotto una griglia che serve da filtro. Non so a cosa serva quel coso sopra il motore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' una tecno F3 del 1968 (il pilota mi pare Van Lennep) che montava una trasmissione "variomatic" (quello delle DAF) , un cambio a variazione continua (CVT).

 

Eccovi un'immagine del marchingegno. L'apparato sul motore dovrebbe essere semplicemente il sistema di azionamento del cambio, che a quei tempi non poteva essere controllato dall'elettronica ma sfruttando la depressioni presente nel collettore di aspirazione (o roba simile blink.gif ) ma non sono un tecnico quindi non chiedetemi di pi? unsure.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Arraffae

sarebbe una F1 col variatore in pratica...o mi sbaglio del tutto? sapete io di tecnica non sono molto ferrato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

non una F1 perch? si tratta di una F3 biggrin.gif la DAF continu? con i variatori anche nella categoria turismo. In F1 fu la Williams a sviluppare questa soluzione alla fine del 1993 ma la FIA proib? il sistema prima del suo debutto (con tanto di soldi buttatu via per lo sviluppo da parte di zio Frank).

user posted image

ecco qui sopra la vettura. In poche parole, suppongo che non si dovrebbero sentire i passaggi di marcia o sbaglio?

 

Nella foto della DAF si vede il rotore tra motore e ruota posteriore. Cert Gigi che le sai tutte!

Share this post


Link to post
Share on other sites

In poche parole, suppongo che non si dovrebbero sentire i passaggi di marcia o sbaglio?

Esatto, si passa dalla marcia pi? corta a quella pi? lunga passando attraverso una lunga serie si rapporti intermedi.

Prima della Tecno (appproposito, GIL, fa una delle tue belle monografie sulla casa dei fratelli Pederzani) anche altre F3 avevano montato questo sistema.

Questa ? la DAF al GP di Monaco di F3 del 1964

Share this post


Link to post
Share on other sites

...e questa invece ? la Brabham-DAF BT18A, credo del 1966

Share this post


Link to post
Share on other sites

riguardo la seconda foto, di che circuito si tratta? Il manto stradale e il bordo pista non sembrano in ottime condizioni.

 

Mi chiedo perch? la DAF non abbia fatto niente in F1 visto che in certi circuiti quel sistema poteva dare un notevole vantaggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
In poche parole, suppongo che non si dovrebbero sentire i passaggi di marcia o sbaglio?

Esatto, si passa dalla marcia pi? corta a quella pi? lunga passando attraverso una lunga serie si rapporti intermedi.

Un sistema simile lo ha appena adottato la Wolkswagen sulla Golf e la Touran: praticamente i rapporti sono disposti su due assi invece di uno (marce pari e dispari) e il sistema ? provvisto di due frizioni (su due alberi concentrici) che lavorano in sincronia (mentre una si chiude l'altra sia apre); praticamente mentre si sta su un rapporto, c'? un ingranaggio gi? su quello successivo e quando si abbassa la frizione e si sposta la leva del cambio (? un cambio manuale) entra in azione l'altro ingranaggio, e praticamente non si sentirebbe il passaggio da una marcia all'altra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

riguardo la seconda foto, di che circuito si tratta? Il manto stradale e il bordo pista non sembrano in ottime condizioni

vattelapesca pensieroso.gif ...tra quelli che conosco ricorda il Nuerburgring o Zandvoord

Mi chiedo perch? la DAF non abbia fatto niente in F1 visto che in certi circuiti quel sistema poteva dare un notevole vantaggio.

Si deve pensare che con le tecnologie attuali sembra tutto pi? semplice ma a quei tempi un sistema simile doveva risultare molto complicato (e costoso) da mettere a punto.

Il problema della trasmissione e della trazione era molto sentito in quell'ultimo scorcio degli anni 60 ma verr? percorsa la via della trazione integrale, che nel 1969 trover? il massimo, quanto effimero, fulgore.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non sbaglio era la Lotus a turbina del 1971 ad avere quattro ruote motrici. Invece nella Indy 500 ci furono diverse soluzione. C'? stata qualche altra vettura in F1 a quattro ruote motrici?

Share this post


Link to post
Share on other sites

A parte la lotus a torbina, che merita un discorso a parte, Chapman mise in pista la 63 a trazione integrale(nella foto sotto).

 

Il 1969 fu l'anno delle f1 4WD. Anche la Matra (con la MS84) e la McLaren (con la M9A) sperimentarono questa via e infine persino Costin e Duckworth (CosWorth) collaudarono una F1 a quattro ruote motrici, che per? non corse mai.

 

Tuttavia ? bene precisare che anche prima del 1969 erano apparse delle monoposto a trazione integrale. Si tattava della BRM P67 del 1964 e, soprattutto della Fergosson P99 del 1961, probabilmente la F1 pi? innovativa degli anni 60.

 

La prima F1 a trazione integrale costruita per il mondiale piloti resta per? la Cisitalia del 1950. Purtroppo non corse mai e. soprattutto, non si pot? mai ammirare il pilota scelto per condurla: Tazio Nuvolari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

queste sono invece la Cosworth 4WD e, sotto, la McLaren M9A

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa ? invece la Ferguson P99, della quale gi? parlammo nel vecchio forum di gp4. Mi pare che abbia corso solo te gare nel 1961, una sola delle quali, ad Aintree, valevole per il mondiale

Oltre alle 4 ruote motrici, regolato con un differenziale autobl?occante sistemato al centro della monoposto, montava anche il Dunlop Maxaret, un sistema frenante di derivazione aeronautica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho dato un' occhiata alle novit? per quanto riguarda la trazione nella Indy 500. Tra gli anni '30 e '40 si ? visto di tutto, prima i compressori che sono stati addottati da quasi tutti, poi vetture a trazione anteriore, esperimenti con motori due tempi, il doppio motore di Paul Russo, le sei ruote di Pat Clancy e diverse vetture con trazione sulle quattro ruote.

Ecco la Pat Clancy Special

user posted image

 

Oltre ai compressori, l' idea vincente fu quella della trazione anteriore che fu utilizzata da tanti fino agli anni '50, quando la resistenza aerodinamica del sistema era rilevante. Le quattro ruote motrici invece sono tornate con la macchina a turbina del 1967 di Granatelli, che l' anno successivo chiam? Chapman per sviluppare la vettura.

ecco il modello 1967 con pilota a destra e turbina a sinistra

user posted image

 

invece la Lotus del 1968 ? questa, molto simile a quella utilizzata in F1 nel 1971, con la turbina sietro il motore. In entrambe il sistema Ferguson (idraulico credo) forniva la trazione alle quattro ruote

user posted image

Non s? quella del '67 ma quella del '68 corse tutta la stagione USAC, quindi anche su circuiti stradali.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Ma il cvt in una f1 non ? moooolto dispendioso in termini di

energia assorbita?

 

E che vantaggi porta? (visti anche i cambi marcia che adesso

avvengono nell'ordine dei millisecondi)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi come oggi si stanno sviluppando delle doppie frizioni con l' obiettivo di avere il CVT in maniera legale. Anche se il passaggio di marcia ? velocissimo un piccolo guadagno ci sarebbe. Anche la Williams del 1993 aveva un cambio semi-automatico molto veloce nelle cambiate, anche se non come oggi, ma il sistema ? stato sviluppato ugualmente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il cambio messo a punto dalla VW non ? un vero ? proprio CVT, perch? non ? a variazione continua. Lo scopo del CVT ? quello di tenere il motore sempre in condizione di coppia ideale avendo ha disposizione una serie infinita di rapporti tra quello + basso fino a quello + alto. Fisicamente ho visto solo quello della Fiat che era montato sulla Y10 e sulla Uno, quindi posso descrivere solo il funzionamento di quest'ultimo. Ci sono 2 pulegge collegate da una cinghia metallica che ha la sezione trapezioidale. I 2 dischi che formano le pulegge possono avvicinarsi ed allontanarsi mediante un comando idraulico. Questo permette alla cinghia di scorrere verso l'interno o l'esterno della puleggia cambiando continuamente il rapporto di trasmissione. In quello della VW ci sono sempre 5-6 marce fisse , viene solo ridotto (o quasi annullato) il tempo di cambio da una marcia all'altra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti ho specificato che quello della VW ? un "particolare" cambio manuale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×