Jump to content
Sign in to follow this  
sundance76

Alain Prost

Recommended Posts

Ricordo, mi sa che quell'articolo lo avevo anche letto. Certe perle non si dimenticano!

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, MartinM ha scritto:

Questa invece è di Autosprint n. 45, 1989, esempio perfetto della professionalità dei giornalisti, ossia di chi dovrebbe "informare".

Penso che sia anche questo accanimento implacabile dei media contro Prost a rendermelo simpatico, ma viceversa è proprio l'accanimento dei media ad averlo reso odioso a molti.

 

Non è stato solo Alain Prost a vincere il campionato del mondo. A cingersi del titolo è stata anche l'arroganza del potere, il personalismo nella sua forma più negativa, il falso e la menzogna trasformato in un documento ufficiale.

(già dall'incipit si capisce che ci troviamo di fronte a una ricostruzione imparziale)

 

Siamo arrivati alla farsa. ( ... ) La dettagliata e precisa difesa presentata da Ron Dennis edalla McLaren non è stata nemmeno presa in considerazione. Tutto è stato scientemente ignorato, dal momento che Balestre le sue decisioni leaveva già prese nemmeno trenta secondi dopo che la McLaren di Senna e Prost si erano agganciate.

(nemmeno l'addetto stampa della McLaren sarebbe arrivato a tanto)

 

In quell'occasione il presidentissimo si era alzato in piedi dalla sedia della sala stampa e aveva urlato, battendo i pugni sul tavolo: "Disqualifié", squalificato.

(circostanza che appare quantomeno improbabile, smentita tra gli altri da Turrini - amico, come la stragrande maggioranza dei giornalisti, di Senna)

 

Poi se ne era andato indirezione corsa a istruire i commissari sulle decisioni da prendere. Procedura che veniva fatta insieme a Prost, mentre in pista Senna la sua corsa la vinceva rimontando Nannini.

(circostanza smentita dagli steward che comminarono la squalifica. Dal racconto di uno di loro si evince che Balestre non fu presente alla riunione)

 

Chi l'ha scritto? Manucci?

 

In ogni caso era un attacco contro Balestre più che contro Prost. Balestre era veramente un dittatore e rompeva le palle a tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uscito il libro Alain&Ayrton di Fulvio Conti ex motorista Ferrari. Conoscendolo, credo che meriti di essere letto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, chatruc said:

 

Chi l'ha scritto? Manucci?

 

In ogni caso era un attacco contro Balestre più che contro Prost. Balestre era veramente un dittatore e rompeva le palle a tutti.

 

Non lo so, l'ho ripreso da un forum inglese che non indicava l'autore (cmq trattandosi di giornalisti italiani in linea di massima l'uno vale l'altro)

 

.

57 minutes ago, VincenzoFerrari said:

Uscito il libro Alain&Ayrton di Fulvio Conti ex motorista Ferrari. Conoscendolo, credo che meriti di essere letto. 

 

Se fosse un libro vagamente imparziale lo leggerei volentieri, sarebbe una rarità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciò che lascia perplessi è che anche sul canale youtube ufficiale Formula1 e sul sito ufficiale Formula1 Prost venga presentato in una luce negativa.

Ad esempio, così recita l'incipit della sua biografia su Formula1:

Il suo posto nella storia come uno dei più grandi piloti di questo sport è certo, anche se una carriera piena di conflitti e controversie ha in qualche modo sminuito i suoi notevoli risultati.

 

Questo incipit risulta tanto più sconcertante se paragonato all'incipit dedicato a Senna:

Ha attraversato lo sport come una cometa, una superstar ultraterrena il cui splendore come pilota era accompagnato da un intelletto abbagliante e da un carisma scintillante che ha illuminato le gare di Formula Uno come mai accaduto prima.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, MartinM ha scritto:

Ciò che lascia perplessi è che anche sul canale youtube ufficiale Formula1 e sul sito ufficiale Formula1 Prost venga presentato in una luce negativa.

Ad esempio, così recita l'incipit della sua biografia su Formula1:

Il suo posto nella storia come uno dei più grandi piloti di questo sport è certo, anche se una carriera piena di conflitti e controversie ha in qualche modo sminuito i suoi notevoli risultati.

 

Questo incipit risulta tanto più sconcertante se paragonato all'incipit dedicato a Senna:

Ha attraversato lo sport come una cometa, una superstar ultraterrena il cui splendore come pilota era accompagnato da un intelletto abbagliante e da un carisma scintillante che ha illuminato le gare di Formula Uno come mai accaduto prima.

 

Robe da non credere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che puttanata!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Puro stile agiografico, non c'è neanche troppo di cui stupirsi. La tendenza a narrativizzare la storia non è nuova, e da un punto di vista popolar-spettacolare funziona (per cui anche nello sport ci sono il buono e il cattivo, l'eroe e l'antagonista, il cavaliere senza macchia e il losco contendente).

 

P.S. (per chi era a Bologna): Prost era uno che "si dava da fare". :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stohr, nel suo libro, dice che non ha stretto amicizie con altri piloti, stava per lo più per i fatti suoi... però sa tutto di tutti sto pettegolo :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 hours ago, F.126ck said:

Stohr, nel suo libro, dice che non ha stretto amicizie con altri piloti, stava per lo più per i fatti suoi... però sa tutto di tutti sto pettegolo :asd:

 

Di solito basta essere amico del più pettegolo per sapere i cazi di tutti senza esporsi :whistling:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prost è stato un grandissimo campione, probabilmente se non ci fosse stato Senna parleremmo di un palmares in stile Schumacher (stesso discorso può valere per il Brasiliano). Da molti viene dipinto come un cattivo solo perché era l'antagonista di Senna. Chi dice che non era un pilota veloce e che non rischiava si sbaglia perché ad inzio carriera era veramente velocissimo e si prendeva molti rischi poi dopo le sconfitte mondiali con Piquet (1983) e Lauda (1984) diventò il pilota che tutti noi abbiamo conosciuto, ovvero un calcolatore attento a portare a casa più punti possibili. Che dire un fenomeno che ha scritto la storia di questo sport.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, ForzaFerrari ha scritto:

 Che dire un fenomeno che ha scritto la storia di questo sport.

 

Anche perché Prost è l'anagramma di sport

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Mito Ferrari ha scritto:

Anche perché Prost è l'anagramma di sport

"Lo sport è colpito alle spalle" titolo di Autosprint post Suzuka 1990

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prost è un grandissimo è si è confrontato con i grandissimi  Senna,Lauda,Mansell,Piquet
pilota che usava la testa , forte in pista e anche fuori , imparo dall'esperienza dell'83 con la storia della benzina della Brabham di Piquet ed Ecclestone che la F1 non è solo quello che succede in pista 

Prost viene ricordato come cattivo perche piu scaltro fuori dalla pista e perche nelle sue sconfitte  con Lauda e con Piquet  l'epica l'impresa era tutta per i suoi rivali 
e nelle sue vittorie si trovo Un Senna che con le sue isterie era quello che lottava contro i poteri forti il campione a cui veniva negata la possibilità di vincere , poi con la tragedia il francese poteva solo uscirne peggio nel ricordo collettivo

in realtà nel loro essere diversi erano identici , il fine giustifica i mezzi i rischi in pista che prendeva Senna per Prost erano scorretti 
la scaltrezza Di Prost fuori dalla pista erano scorretto 

P.s.  A Michael Schumacher  per renderlo unanimemente  il top gli son mancati gli avversari  di personalità e talento che potessero veramente esaltare le sue imprese

naturalmente è una mia opinione 



 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al quarto posto nella classifica all time del Saggio Leno, vedi un po' tu di che incredibile pilota stiamo parlando :lecwink:

Questo ovviamente non toglie che fosse un bel paraculo e sportivamente parlando pure un gran figlio di putt***.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×