Jump to content
Sign in to follow this  
The Magic

Burt Munro e La Sua Indian

Recommended Posts

Burt_Munro.jpg

 

Burt Munro nasce nel 1899 in un piccolo paese della Nuova Zelanda: Invercargill. Nel 1915 acquista la sua prima motocicletta (una Duglas) che nel 1919 viene affiancata da una Clyno con sidecar. Quest'ultima, priva del sidecar, viene utilizzata da Burt per i record di velocit? disputati nel circuito di Fortose nei pressi di Invercargill. Nel 1920 Burt acquista quella che diverr? la "Indian pi? veloce del mondo" una delle prime Indian Scout prodotte (motore n. 5OR627). Da questo momento l'ambizione di Burt sar? quella di rendere questa Indian sempre pi? veloce, continuando a migliorarala per il resto della sua vita.

 

Indian originale 1920

indian_scout_1920.jpg

 

La prima Indian Scout viene costruita nel settembre del 1919 con il numero di motore 5OR001, questo modello rimarr? in produzione fino al 1931 praticamente invariato. Dotato di un bicilindrico a V a 42? di 600cc a valvole laterali, ? abbinato ad un cambio a 3 marce dotato di comando a mano con frizione a pedale. La scatola del cambio, a tenuta d'olio, ? in alluminio con trasmissione finale a catena. Il telaio, rigido sul posteriore, ? composto da due tubi discendenti mentre la forcella ? dotata di sospensione a balestra con escursione di circa 5 cm.

 

Burt inizi? a modificare la sua Indian nel 1926 nel garage di casa. I primi pistoni verranno ottenuti colando alluminio fuso direttamente in buchi scavati nella vicina spiaggia locale! Nel corso degli anni realizzer? cilindri, volani, pistoni, alberi a cammes, bielle, sistema di lubrificazione, e molti altri componenti. Speritmenter? fusioni con leghe di vari metalli per trovare quella pi? adatta al suo scopo. Le rifiniture dei pezzi spesso venivano fatte a mano. Qui sotto ? raffigurata strana esposizione di pistoni, cilindri e altro materiale sacrificato, ironicamente intitolata "le offerte al dio della velocit?".

 

 

offering-to-the-god-of-speed-700x698.jpg

To be continued

Share this post


Link to post
Share on other sites

BM4.jpg

 

La frizione sar? modificata sostituendo i dischi originali con 17 dischi in acciaio bloccati da 24 molle, il tutto per una pressione sul spingi disco pari a circa 617 kg. Nel corso degli anni la trasmissione primaria passer? da catena quadrupla una una triplex con pignone da 22 lato albero motore e 46 lato frizione. La scatola del cambio rimane originale mentre gli ingranaggi "Power Plus Indian" del 1916 verranno modificati. Il materiale per le canne dei cilindri proviene solitamente da vecchie tubazioni del gas in ghisa in disuso, mentre costruire per i cilindri esterni Burt fondeva i vecchi pistoni; quest'ultimi venivano riprogettati quasi ogni anno e costruiti circa una mezza dozzina alla volta. I primi carburatori utilizzati provenivano da una Indian Chief del 1924. Nel 1927 dopo aver gi? utilizzato e modificato cinque carburatori Schebler H decide di passare alla versione Schebler Deluxe che equipaggiava le nuove Indian. Il collettore che alimentava i due cilindri a forma di "T" era costruito con tubo di acciaio da 1" e 3/8.

 

Burt fece vari esperimenti areodinamici per migliorare la velocit? della moto, fino a costruire una carenatura completa (streamlined shell). Per ottenere la prima carenatura integrale Burt part? da lastre di alluminio che vennero sagomate a mano con l'uso del martello. Passarono cinque anni dall'inizio al completamente della carena... riusciva a lavorarci solo nel poco tempo non impiegato a lavorare sui motori o sulla ciclistica della moto.

 

ca2_02d_ucjyr.jpg

 

ca6_30c_ucjyr.jpg

 

 

Nel 1920 la moto originale raggiungeva una velocit? massima pari a circa 80 km/h. Nel 1967 verr? cronometrata in qualifica a Bonneville a 305,9 km/h (Burt comunque assicur? di aver superato i 330km/h in prove non cronometrate). Una spiaggia a poche miglia da Invercargill, nella quale vinse anche qualche gara, sar? sede dei suoi test di velocit?.

 

"Per i primi 22 anni dopo il 1926 i miei fine settimana e le notti furono impegnate per preparare la moto per ogni tipo di prova: gare in salita, velocit? sul quarto di miglio, velocit? con sidecar su 1 miglio. Dal '26 al '29 ho ottenuto parecchi record di velocit? ed un record nelle gare di consumo (economy runs) alla media di 49 km/lt! "

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo aver raggiunto le 90 mph (144,8 km/h) con le valvole laterali, Burt decide di trasformare la sua indian a valvole in testa. Da una fonderia Burt impara le tecniche per costruire i calchi e fondere i metalli e in meno di un anno la moto ? pronta: nuove teste e nuova distribuzione (alberi a cammes compresi). La prima corsa con il nuovo motore a valvole in testa non fu gratificante: la moto non riusc? a superare i record precedenti ottenuti con le valvole laterali. Burt non si arrese e continu? a sviluppare questa soluzione con i risultati che gi? conosciamo.

 

Le continue modifiche alla motocicletta ne increment? la potenza a tal punto da causare continue rotture delle bielle. Non riuscendo a trovare bielle adatte, Burt decide di costruirsele in casa: acquista un asse di un vecchio camion Ford e nel giro di cinque mesi si ritrova con due nuove bielle che resisteranno per vent'anni permettendo alla moto di superare i 240 km/h !

 

c9y_a7e_ucjyr.jpg

 

Nel 1926 corse la Penrith Mile Dirt Track in New South Wales con sidecar. La velocit? massima misurata fu di 74km/h. Nonostante questo inizio non molto promettente, Burt detiene tuttora il record australiano di velocit? su sidecar ottenuto nel 1927 a Inverlock Beach, Victoria alla velocit? di 144,8 km/h. La lunga carriera di recordman sar? affiancata da numerose cadute, una delle prime fu appunto nel 1927 quando cadde alla velocit? di 145 km/h in una gara di dirty track a Aspendale Speedway. L'abbigliamento dell' epoca non era prottettivo come quello odierno, potete ben immaginare quindi l'esito di queste cadute! In questi anni Burt partecipa a qualsiasi gara si disputasse con veicolo a due ruote.

 

Nel 1929, a causa della grande depressione, dopo quattro anni trascorsi in Australia Burt decide di tornare in Nuova Zelanda dove trascorrer? i seguenti dieci anni a gareggiare in moto.

 

Nella lettera a Jhon, Burt scrisse "Nel 1937 in una gara su spiaggia stavo viaggiando a 180km/h quando il pilota Hugh Currie in sella alla sua BSA Special pens? bene di svoltare mentre ero affiancato per sorpassarlo. Ho provato a frenare ma non riuscii ad evitarlo. Un gran colpo mi spezz? il casco in due pezzi. Volai per almeno 400 metri. Dal colpo persi quasi tutti i denti, tanto che mio fratello dovette raccoglierli dalla sabbia. Accorgermi di non avere pi? i miei inestimabili denti! fu uno dei momenti pi? tristi della mia vita". Qualche settimana dopo Hugh gli raccont? di aver trovato dei segni di vernice del casco di Burt nel basamento del suo motore...

 

Nel 1940 fissa il nuovo record di velocit? NZ (neozelandese) "Open Road" a Aylesbury alla media di 194,4 km/h. Questo record resister? valido per 12 anni. In questo periodo Burt disputava qualsiasi tipo di gare: su spiaggia, velocit? su miglio, velocit? su 1/4 di miglio, salita, trials... nella sua lettera a Jhon scrisse "penso che nel 1940 le gare pi? belle furono quelle in spiaggia". Corse interrottamente fino al 1941 anno in cui non pot? usare la motocicletta per undici mesi a causa di un grave incidente nel quale sbatt? violentemente la testa rimanendo incoscente per un ora e mezza causa emmoragia celebrale. In questi anni Munro divorzi? dalla moglie.

 

Nel 1948 decise di abbandonare il lavoro e di dedicarsi completamente a migliorare le prestazioni delle sue vecchie moto (Indian del 1920 e Velocette del 1936). Si trasferisce in una baracca e partecipa al suo primo Canterbury Speed Trials che si tiene ogni anno nel nord del Christchurch (un viaggio di 1000miglia). Sar? la prima di ventidue partecipazioni. Per combattere il caldo neo zelandese, Burt vorrebbe costruirsi una abitazione con altezza ridotta ma deve arrendersi alle leggi edilizie locali; risolve il problema costruendo un garage basso che servir? da casa e da officina.

 

11v4_c94_ucjyr.jpg

 

ca0_4e2_ucjyr.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel 1959 cade in circuito alla velocit? di circa 180km/h... fortunatamente se la cavasolo con sette settimane di ospedale e qualche osso spezzato... gli servirono solo cinque mesi per guarire dalle varie ferite riportate. Nello stesso anno costruisce due nuovi cilindri e pistoni con i quali raggiunge la cilindrata di 968,64cc: la pi? elevata mai raggiunta dalla sua Indian.

 

Burt racconta di avere avuto terrificanti esplosioni di motori nella sua carriera, uno di questi ? raccontato nella lettera a Jhon " ero nella spiaggia di Beach a Auckland nel 1969, precisamente nel mese di aprile. Avevo trasportato la moto per 1800 km. Nelle prove esplose un pistone (ne avevo appena costruiti tredici nuovi nel '69!) con relativa biella e spinotto: andarono distrutti entrambi i nuovi cilindri ed il basamento si incrin?, un disastro. Riportai a casa la moto e in otto settimane e mezzo la misi in condizioni di correre nuovamente costruendo anche otto nuovi pistoni e due nuove bielle fatte in casa."

 

ga8r_a8e_ucjyr.gif

 

Il sogno di Burt era quello di provare la sua Indian nel lago salato di Bonneville nello Utah, tempio dei record mondiali su terra. Mise da parte i soldi per anni fino a quando nel riusci a coronare il suo sogno nel 1962 anche grazie al contributo economico di alcuni amici (motociclisti e non). Part? per l'America con un budget limitato, con il cuore malato ma con la voglia di superare tutti gli ostacoli che si sarebbero potuti frapporre fra lui e il record mondiale. Si pag? il viaggio lavorando come cuoco nella nave che lo trasport? in USA, Burt aveva sessantatre anni.

 

tflh_f2d_ucjyr.jpg

 

Burt part? dalla Nuova Zelanda senza registrarsi per l'evento e rischi? di non poter correre. In Nuova Zelanda infatti per correre una gara era sufficiente presentarsi al via e firmare un modulo, a Bonneville invece era necessario registrarsi entro un mese prima dell'evento. Grazie agli amici che si era fatto in America, in particolar modo Rollie Free e Marty Dickerson membri rispettati della "Land Speed Record fraternity", i commissari accettarono non solo l'scrizione in ritardo di Burt, ma chiusero anche un occhio sugli aspetti tecnici del suo mezzo. La motocicletta ed il suo proprietario non soddisfavano i requisiti minimi richiesti dalle competizioni AMA: dispositivi di emergenza, abbigliamento tecnico, paracadute di emergenza e l'et? stessa di Burt lasciavano qualche dubbio sulla sicurezza di questa impresa. Durante il primo test, con il quale i commissari volevano valutare la reale capacit? del pilota e della sua Indian, Burt non riusc? a guidare al meglio, aveva quasi accettato l'idea di tornarsene a casa quando fu felice di apprendere che gli era stato dato il consenso per gareggiare. Nel suo primo anno a Bonneville Burt ottenne il record mondiale AMA di velocit? per motori inferiori a 916cc: 288 km/h con il motore portato a 850 cc. Gareggi? con la seconda carentura da lui costruita. La prima in alluminio, che rendeva la guida difficoltosa non avendo spazio a sufficienza per muovere la gamba e cambiare le marce, venne utilizzata come stampo per la costruizione di due carene in fibra di vetro. Burt non lasci? molto spazio per se stesso nemmeno in queste nuove carenature, tant'? che durante il record del '62 si bruci? la gamba sullo scarico.

 

Il certificato qui sotto riprodotto ? il documento formale di partecipazione all'evento e riporta anche la velocit? record di 178.971mph (288,0 km/h) ottenuto nel "Flying One Mile".

 

1u53_118_ucjyr.jpg

 

cm91_912_ucjyr.jpg

 

11v4_654_ucjyr.jpg

 

11v4_ade_ucjyr.jpg

 

20v5_c96_ucjyr.jpg

 

L'anno successivo, il 1963, ruppe la biella quando stava viaggiando ad una velocit? stimata di 313,8 km/h.

 

Nei successivi cinque o sei anni Burt dovette risolvere parecchi problemi di guidabilit? mentre tentava di migliorare il record di velocit?. Gi? nel 1962 per risolvere un problema di ondeggiamento a 260 km/h, costrui in loco un mattone di piombo dal peso di circa 27 kg che venne fissato davanti alla ruota posteriore. Durante il tentativo del record non appena passato il rilevatore di velocit? del terzo miglio la moto inizi? a sbandare in modo mostruoso... burt cerc? di resistere ma alla fine fu costretto a buttare la moto a terra. Quando arrivarono, i soccoritori trovarono Burt che rideva come un pazzo, alla loro domanda Burt rispose semplicemente che era felice di essere ancora vivo!

 

Nel 1966 con una cilindrata di 920cc non riusci a superare i 270,5 km/h. Smont? e ricostru? completamente la sua moto.

 

Nel 1967, con il motore portato a 950cc ottene il record di classe (cilindrata inferiore a 1000cc) alla velocit? di 295,5 km/h, in qualificazione venne cronometrato a 305,9 km/h, la velocit? ufficiale pi? alta mai registrata con una motocicletta Indian. In un intervista pubblicata nel 1973 Burt disse : "Nel 1967 nel lago, stavo andando come una bomba quando la moto cominci? ad ondeggiare paurosamente; per rallentarla mi alzai ed il vento mi port? via gli occhiali: la pressione dell'aria mi spinse gli occhi dentro la testa.. non vedevo niente. Ero cos? lontano dalla linea nera di riferimento che dovetti buttare gi? la moto per fermarla...". Burt stava viaggiando oltre i 330 km/h e aveva 68 anni!

 

Il team di supporto a Bonneville consisteva in un gruppo di affezionati del marchio Indian arrivati da tutte le parti degli stati uniti per aiutare ed incoraggiare Burt. Nella stessa intervista di cui sopra Burt racconta che il quartier generale del "team Indian" fu una station wagon acquistata per 90$ a Los Angeles.

 

20vc_382_ucjyr.jpg

 

Nel 1969 vinse il record di numero di corse per uno streamliner, quattordici tentativi in quattro giorni e mezzo! La moto aveva problemi di dinamo e carburazione e alla fine gripp? i pistoni durante l'ultimo tentativo di qualificazione.

 

Al Latham, un appassionato motociclista, visit? Burt a Invercargill nel 1970. Non lo aveva mai conosciuto ed era un po' timoroso dell'accoglienza che gli avrebbe riservato. Al trov? invece presso la baracca di Burt disponibilit? e l'incredibile entusiasmo del settantunenne pilota. La foto dell'Indian qui sotto ritrae una moto "laboratorio": monta infatti il motore utilizzato a Bonneville ed un telaio diverso utilizzato per i test di messa a punto. Il telaio e la carena originali utilizzati nei record di Bonneville venivano infatti lasciati negli Stati Uniti; il solo motore veniva trasportato dalla Nuova Zelanda a Bonneville ad ogni partecipazione. Un altra foto ritrae Burt mentre beve un the vicino al tornio con il quale costruiva i pezzi per le sue moto.

 

Nel 1971 Burt, che ha superato i settant'anni, termina cos? la sua lettera a Jhon:

 

"E' un po' difficile raccontare una breve storia e le caratteristiche della motocicletta che acquistai nel 1920 e che iniziai a modificare dal 1926. Durante questi 44 anni la velocit? della moto ? cresciuta mediamente di circa 5 km/h per ogni anno, la stessa media di di qualche costruttore del periodo! Guido la moto dal 1915 ed ho possedunto una Clyno v-twin dal 1919 al 1920, anno in cui ho acquistato una una Indian Scout con motore nr. 5OR627. ho costruito cinque teste, un numero innumerevole di pistoni e bielle, carburatori, parti della dinamo, alberi a cammes, modificato forcelle, utilizzato innumerevoli ruote, pneumatici e raggi. L'ultimo cambio di ruota risale allo scorso luglio quando sono passato da 19" a 18" e non sono pi? riuscito a ritrovare le velocit? ottenute con i pneumatici da 19 x 2.75. Su queste ho tolto i tappi con un coltello e trasformato un pneumatico "tassellato" in uno slick!

 

Quest'anno da quando sono arrivato negli USA cinque mesi fa, ho lavorato 560 ore nella Munro Special: due nuove bielle in lega (due settimane), due nuovi cilindri e canne (una settimana), otto nuovi pistoni e tante altri piccoli lavoretti. Sto preparando due nuovi set di alberi a cams modificando e riprogettando la distribuzione. Sono uscito a provare la moto in spiaggia 17 volte e ho rotto (blow-ups) il motore per ben 11 volte! La rottura ? stata causata quasi sempre dai pistoni di vecchia progettazione. In questi ultimi due o tre anni ho testato bielle in acciaio, nuovi carburatori: per testare le bielle ho fatto girare il motore con compressione 20:1 quindi ho costruito pistoni testandoli per sopportare una compressione di 13:1. Non appena ho abbassato la compressione a 13, la biella che ha resistito a tutti i pistoni precedenti si ? finalmente frantumata mentre acceleravo ben oltre i 5.500 rpm. Ho smontato il motore: il nuovo pistone era in pezzi, lo spinotto rotto a met?, il cilindro grippato.. anche la distribuzione non era messa moto bene!" Lo sviluppo delle mie moto continua ogni giorno cos? come ? stato per tutti i giorni degli ultimi 22 anni. Mi piacerebbe costruire una DOCH set up. Ne ho ancora una che ho costruito ed utilizzato in una gara nel 1951. Oggi ho somontato la testa e sto iniziando la costruzione di due nuove bielle da un elica di un DC6 B. Spero di trovare il materiale resistente a sufficienza. Mi ? stata spedita da Auckland visto che non sono riuscito a procurarmi la lega 70-70 o 20-24 in Nuova Zelanda. Spero di migliorare le prestazioni della moto ogni anno lavorando sulle cammes, sui carburatori (ne ho appena finito uno ieri), conrods, pistoni e qualche volta anche sulle valvole e reltive guide e cilindri.

 

E' quasi impossibile per mi darti una reale fotografia del tempo che ho speso sulle mi motociclette... Gli ultimi 22 anni sono stati intensissimi e per un arco di 10 anni ho lavorato mediamente 16 ore al giorno tutti i giorni, tranne il giorno di natale dove mi sono sempre preso il pomeriggio libero.

 

Ho prenotato una cuccetta nella SS P&O Oriana che parte per gli Stati Uniti il 15 di giugno, ma non riuscir? ad andarci se non passo la visita medica"

 

Nel 1975, a causa delle sue cattive condizioni fisiche, Burt perse la licenza per correre. Nonostante questo riusciva ogni tanto a gareggiare in qualche corsa clandestina con le sue amate moto. Secondo i medici fu lo stile di vita e gli innumerevoli incidenti a danneggiare il suo cuore.

 

Burt muore nel 1978 all'et? di 79 anni. Aveva un figlio maschio John Munro e tre femmine: June Aitken, Margaret Popenhagen, and Gwen Henderson.

 

Durante la sua vita Burt non era molto conosciuto al di fuori dell'ambiente motociclistico, divenne un "eroe" per il popolo neo zelandese solo dopo l'uscita del film "The World's Fastest Indian" nel 2005. La memoria di Burt ? stata accolta nel celeberrimo Motorcycle Hall of Fame Museum. Il figlio John ? onorato di questo riconoscimento ed ? orgoglioso nel sottolineare che fra tanti nomi famosi presenti al museo, suo padre ? l'unico neozelandese. Il nipote Peter Aitken ? sicuro che Burt sarebbe stato imbarazzato ed allo stesso molto onorato da questo riconoscimento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho il DVD del film con Antony Hopkins gran bella storia! :superlol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Magic. Tutto molto bello davvero.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho il DVD del film con Antony Hopkins gran bella storia! :superlol:

Si molto Bella

 

Grazie Magic. Tutto molto bello davvero.

Prego sono contento che ti piaccia :up:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×