Jump to content
Mito Ferrari

SBK 2012

chi vincer? il titolo 2012?  

29 members have voted

  1. 1. chi vincer? il titolo 2012?

    • Carlos Checa (Althea Racing-Ducati 1098R)
    • Davide Giugliano (Althea Racing-Ducati 1098R)
      0
    • Max Biaggi (Aprilia Racing Team-Aprilia RSV4 1000)
    • Eugene Laverty (Aprilia Racing Team-Aprilia RSV4 1000)
    • Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport-BMW S1000RR)
    • Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport-BMW S1000RR)
      0
    • Michel Fabrizio (BMW Motorrad Italia-BMW S1000RR)
      0
    • Jonathan Rea (Castrol Honda-Honda CBR1000RR)
      0
    • altro


Recommended Posts

Dopo la gara di Aragon l'Aprilia ha avuto un calo prestazionale vistoso, anche Max forse ha tirato un po' troppo presto i remi in barca ed ? incappato in qualche caduta che poteva costargli cara. A contendergli il titolo c'? stato Melandri con una BMW che secondo me ? stata la moto pi? equilibrata tra prestazioni con gomma da superpole e quelle con gomma da gara, per non parlare del motore che secondo me ha superato in prestazioni quello pur ottimo della casa di Noale. Decisivi sono stati i 4 "zeri" consecutivi di Melandri nella terz'ultima e penultima gara, corse al Nurburgring e a Portimao. Tom Sykes ha portato in alto la verdona Kawasaki, chiudendo la stagione con ben 9 superpole e sfiorando il titolo all'ultima manche dell'ultima gara. Paradossalmente il box Kawasaki sbaglia a mostrargli il cartello "BIAGGI OUT" mentre ? al comando della prima manche di Magny-Cours, lui si irrigidisce, guida scomposto e si fa passare da Guintoli e Melandri. 9 punti persi in Gara 1 che alla fine sono risultati decisivi. I campioni 2011 Ducati e Carlos Checa troppo altalenanti, troppe cadute in momenti-chiave, troppe piste dove si ? fatta sentire la zavorra imposta al bicilindrico 1200 cc della casa di Borgo Panigale, che in allungo ? stato troppo penalizzato rispetto alle 4 cilindri.

In definitiva abbiamo visto un bellissimo mondiale, non ? un caso che tutti i weekend gli spalti siano stati gremiti in prova ed in gara, mentre non si pu? certo dire lo stesso per la Moto GP.

 

Complimenti Max, 41 anni e bi-campione SBK!!

2012-max-biaggi-2012-world-superbike-champion%205.jpg

 

 

bella analisi :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aragon, Day 1: Camier al top con un vento fastidioso

Dietro di lui ci sono Sykes e Biaggi, ma Checa tiene il loro ritmo con la 1199 Panigale

 

Leon Camier ha confermato il buon stato di forma mostrato nella parte conclusiva della stagione 2012 del Mondiale Superbike ed oggi ha messo tutti in fila nella prima giornata dei test che si stanno disputando a Motorland Aragon in vista della prossima stagione.

 

Nonostante le condizioni climatiche non fossero particolarmente ottimali, a causa di un forte vento che soffiava in direzione opposta al rettilineo di partenza, il portacolori della Suzuki ha girato su un ottimo tempo di 1'58"2, in linea con il lap record realizzato nel weekend di gara di inizio luglio.

 

Il confronto pi? corretto per? ? forse quello con i test del giorno successivo alle gare, nel quale i piloti avevano avuto modo di cimentarsi per la prima volta con le gomme da 17 pollici che verranno utilizzate nel 2013 e allora l'1'57"3 realizzato da Marco Melandri in quell'occasione sembra piuttosto lontano.

 

Alle spalle di Camier, staccato di circa quattro decimi, troviamo un Tom Sykes che oggi ha fatto un lavoro che potremmo definire di "sgrossatura" sulla nuova Kawasaki ZX-10R, arrivata in Spagna con le carene ancora in color carbonio, ma con novit? importanti a livello di motore e di ciclistica.

 

Terzo tempo per Max Biaggi: il campione in carica non ha voluto prendersi rischi con queste condizioni ed ? sceso in pista solamente nell'ultima ora della giornata, riuscendo comunque a girare su tempi simili a quelli di Sykes e precedendo di poco la Ducati 1199 Panigale di Carlos Checa.

 

L'esordio in mezzo al resto del gruppo ? stato incoraggiante per la nuova creatura di Borgo Panigale, che ha girato subito su tempi non troppo distanti dai rivali pi? accreditati e gi? simili a quelli ottenuti quest'anno dallo spagnolo in sella alla 1198R.

 

Positivo anche l'esordio di Michel Fabrizio e del Team Ducati Roma con l'Aprilia RSV4: il pilota romano infatti ? riuscito ad inserirsi immediatamente davanti alla moto factory di Eugene Laverty, nonostante abbia preso la via della pista solamente con gomme da 16,5 pollici.

 

Il gruppo poi si chiude con Loriz Baz, il collaudatore Aprilia Alex Hofmann, Josh Waters e Davide Giugliano. Il penultimo di questi ? salito sulla seconda Suzuki del Team Crescent, prendendo in extremis il posto di Sylvain Guintoli, che ha rotto l'accordo con la squadra di Paul Denning ancora prima di porre la sua firma sul contratto. Assenti invece BMW ed Honda, che cominceranno solo pi? avanti il loro programma di test.

 

WORLD SUPERBIKE, Motorland Aragon, 15/10/2012

Prima giornata di test

1. Leon Camier - Suzuki - 1'58"2

2. Tom Sykes - Kawasaki - 1'58"6

3. Max Biaggi - Aprilia - 1'58"7

4. Carlos Checa - Ducati - 1'59"0

5. Michel Fabrizio - Aprilia - 1'59"3

6. Eugene Laverty - Aprilia - 1'59"4

7. Loris Baz - Kawasaki - 1'59"6

8. Alex Hofmann - Aprilia - 2'00"4

9. Josh Waters - Suzuki - 2'00"5

10. Davide Giugliano - Ducati - 2'00"7

 

http://www.****/magazine/22397/world-superbike-test-aragon-day-1-camier-al-top-con-un-vento-fastidioso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guintoli ha rotto il pre accordo con Suzuki e non si ? presentato ai tests di Aragon perch? ha ricevuto "un'offerta irrinunciabile da Aprilia". Quindi Biaggi si ritira?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, anche Biaggi ha partecipato ai test, per cui non vedo perch? dovrebbe lasciare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aragon, Day 2: Sykes si porta al comando

Il pilota della Kawasaki si migliora di 1" e precede Biaggi di due decimi. Checa e la Ducati pi? indietro

 

Migliorano le condizioni e i tempi si abbassano decisamente rispetto a ieri nella seconda giornata dei test del Mondiale Superbike a Motorland Aragon. Togliendo ben 1" rispetto alla prestazione ottenuta ieri, Tom Sykes ha portato la sua Kawasaki in vetta al gruppo.

 

Il vice-campione del mondo in carica ha girato con una ZX-10R dotata ancora di carene completamente nere ed ? riuscito quindi a migliorare di sei decimi il miglior tempo realizzato ieri da Leon Camier, oggi arretrato in terza posizione con la sua Suzuki, chiudendo con all'attivo 52 giri ed un tempo di 1'57"6.

 

Detto del terzo tempo di Camier, che invece ? rimasto al di sopra della soglia dell'1'58", tra i due britannici si ? inserita l'Aprilia di Max Biaggi e sulla giornata del campione del mondo c'? un dato curioso: anche lui ha tolto un secondo al tempo e completato 52 giri, esattamente come il rivale nella corsa al titolo di quest'anno.

 

Continuano a segnare tempi simili Eugene Laverty e Michel Fabrizio, entrambi accreditati di 1'58"4. L'esordio del pilota romano in sella alla RSV4 della Red Devils Roma, dunque, si sta facendo sempre pi? convincente, visto che ? gi? in grado di reggere il ritmo di uno dei piloti ufficiali della Casa di Noale e con i suoi 70 giri ? stato anche il pi? attivo di oggi.

 

Chi invece non ? riuscito a progredire troppo rispetto a ieri ? Carlos Checa: ieri lo spagnolo aveva girato in 1'59"0 ed oggi si ? fermato ad 1'58"5, ma ? anche vero che per lui si tratta ancora di uno dei primi test sulla Ducati 1199 Panigale, quindi ? normale che il lavoro vada un po' pi? a rilento rispetto al resto della truppa.

 

Restando nel tema della Casa di Borgo Panigale, bisogna segnalare la caduta di Davide Giugliano, fortunatamente illeso e ottavo a fine giornata, alle spalle anche di Loris Baz. Il gruppo si chiude poi con la Suzuki di Josh Waters e l'Aprilia del collaudatore Alex Hofmann, che sono gli unici a non essere riusciti a scendere sotto al muro dei due minuti.

 

WORLD SUPERBIKE, Motorland Aragon, 16/10/2012

Seconda giornata di test

1. Tom Sykes - Kawasaki - 1'57"6 - 52 giri

2. Max Biaggi - Aprilia - 1'57"8 - 52

3. Leon Camier - Suzuki - 1'58"1 - 60

4. Eugene Laverty - Aprilia - 1'58"4 - 68

5. Michel Fabrizio - Aprilia - 1'54"4 - 70

6. Carlos Checa - Ducati - 1'58"5 - 60

7. Loris Baz - Kawasaki - 1'59"2 - 51

8. Davide Giugliano - Ducati - 1'59"4 - 37

9. Josh Waters - Suzuki - 2'00"2 - 48

10. Alex Hofmann - Aprilia - 2'00"8 - 50

 

22419_aragon,_day_2:_sykes_si_porta_al_comando.jpg

http://www.****/magazine/22419/world-superbike-test-aragon-day-2-sykes-si-porta-al-comando-davanti-a-biaggi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come tempi non viaggia male, ovvio che ? ancora presto per parlare per?.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aragon, Day 3: Sykes al top, problemi per Checa

Nella scia del pilota della Kawasaki c'? Biaggi. La 1199 Panigale si ? fermata in mattinata

 

Tom Sykes e la Kawasaki si sono confermati in grande forma anche nella terza ed ultima giornata dei test di Motorland Aragon: il pilota britannico ha ripetuto pure oggi il tempo di 1'57"6, dimostrando la bont? degli aggiornamenti portati sulla ZX-10R a livello di ciclistica ed aerodinamica. Il motore evoluzione invece esordir? solamente nei prossimi test della "verdona", a Valencia.

 

Alle spalle del vice-campione del mondo ha chiuso Max Biaggi, anche lui rimasto sui tempi realizzati nella giornata di ieri, quindi distanziato di un paio di decimi con la sua Aprilia. Nella classifica generale della tre giorni, in terza posizione troviamo poi la Suzuki di Leon Camier, autore del miglior tempo luned? e primo tra i piloti rimasti al di sopra della soglia dell'1'58".

 

Si migliora invece Eugene Laverty, molto attivo anche oggi con la sua RSV4: il pilota britannico ? riuscito a scendere fino ad un tempo di 1'58"1, distanziando di circa tre decimi l'altra Aprilia di Michel Fabrizio, che oggi pomeriggio ha avuto modo di girare anche lui con la gomma da 17 pollici per la prima volta.

 

Tormentata la giornata di Carlos Checa: in mattinata la sua Ducati 1199 Panigale ha patito un problema tecnico, perdendo parecchio olio sul rettilineo di partenza e costringendo anche la direzione gara ad una lunga interruzione per ripulire la pista. Purtroppo, quindi, non ? stato in grado di migliorare il tempo di 1'58"5 che aveva realizzato ieri.

 

Ma non ? stato il solo, visto che poi nel pomeriggio si ? alzato anche un vento piuttosto fastidioso, che soffiava in senso opposto a quello di marcia sul rettilineo pi? lungo del tracciato spagnolo. Dunque, nelle posizioni a seguire la classifica ? rimasta pressoch? invariata rispetto a ieri.

 

WORLD SUPERBIKE, Motorland Aragon, 17/10/2012

Classifica riepilogativa test

1. Tom Sykes - Kawasaki - 1'57"6

2. Max Biaggi - Aprilia - 1'57"8

3. Leon Camier - Suzuki - 1'58"1

4. Eugene Laverty - Aprilia - 1'58"1

5. Michel Fabrizio - Aprilia - 1'58"4

6. Loriz Baz - Kawasaki - 1'58"5

7. Carlos Checa - Ducati - 1'58"5

8. Davide Giugliano - Ducati - 1'59"4

9. Alex Hofmann - Aprilia - 2'00"7

10. Josh Waters - Suzuki - 2'00"9

 

http://www.****/magazine/22440/world-superbike-test-aragon-day-3-sykes-al-top-problemi-per-checa

 

 

 

Stamattina, sulla Gazzetta, Biaggi diceva "corro l'anno prossimo e poi smetto". Dopo la Superbike ha detto che gli piacerebbe correre in qualche Campionato Turismo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Max non molla, mi piace perch? in molti masticheranno amaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'? pure la notizia, non l'avevo vista.

 

Biaggi: "Continuo per vincere di nuovo"

Max ? carico in vista del 2013, ma mette le mani avanti: "Senza zavorra, Ducati ha mezzo mondiale in tasca"

 

Il rinnovo che tardava ad arrivare aveva quasi iniziato a far pensare che, una volta conquistato il suo secondo Mondiale nella Superbike, il sesto assoluto in carriera, a Max Biaggi fosse venuta la voglia di appendere il casco al chiodo. La sua presenza in sella all'Aprilia nei test di Motorland Aragon per? ha fatto capire che, anche se l'anno prossimo spegner? 42 candeline, il "Corsaro" non ha ancora intenzione di mollare.

 

E a chiarire il concetto ? stato lui stesso in un'intervista concessa alla Gazzetta dello Sport: "Se mi sono gi? rimesso il casco in testa ? chiaro quello che voglio fare. Faccio questi test per migliorare la moto e capire qual ? la strada da percorrere. Per vincere di nuovo" ha detto, aggiungendo che non si tratta di un problema economico se non c'? ancora la firma sul contratto: "Non ? quello. Ci sono alcune cose da sistemare. Prima di ripartire dalla Spagna ne parler? con Dall?Igna".

 

Anche se in questi test per ora non ha brillato particolarmente, secondo Max la Ducati, che porta al debutto la 1199 Panigale, sar? la moto da battere nel 2013. Ma il nodo secondo lui sono ancora i famigerati 6 kg di zavorra, che dall'anno prossimo non ci saranno pi?.

 

"La Ducati torner? ad essere la moto da battere. Non capisco perch? le hanno tolto i 6 kg di zavorra: hanno vinto 7 gare e con la Panigale senza zavorra hanno mezzo Mondiale gi? in tasca" ha spiegato, aggiungendo poi cosa serve per mantenere vincente la sua "vecchia" RSV4: "Combattere con il coltello tra i denti e migliorare l? dove possibile, cos? ce la possiamo fare. Ripartiremo con la stessa moto che abbiamo utilizzato a Magny Cours. Qui non abbiamo tante cose da provare: una forcella, poco altro".

 

Guardando all'avvenire, infine, Max non esclude un futuro a quattro ruote: "Non ? detto che avrei l?abilit?, nessun pilota di moto di questa epoca ? andato forte in auto. Mi piacerebbe il DTM, il Superturismo. Sono auto che appassionano: pochi controlli, conta il pilota. Si, sarei curioso di vedere quanto corre Max".

 

22422_biaggi:__continuo_per_vincere_di_nuovo_.jpg

http://www.****/magazine/22422/world-superbike-max-biaggi-continua-per-vincere-ma-vede-la-ducati-favorita-senza-zavorra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande Max, anche se al posto suo avrei salutato tutti da campione del mondo...

 

Sulla Ducati ha ragione, anche se dicendo certe cose fa, come al solito, la figura del paraculo. :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Fede

 

Che bella notizia di prima mattina. :yeah:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Max Biaggi ? uno dei pi? grandi di sempre e sono 6 ! ! !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pare che la conferma dell'ingaggio di Max per il 2013 sar? annunciata alla festa del Team Aprilia domani sera a Noale, in Piazza Castello.

Edited by Kraven Van Helsing

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa mi ? nuova

 

Superbike: Melandri

Il pilota ravennate ? stato condannato a un anno e sette mesi di carcere per evasione fiscale.

Melandri ? stato riconosciuto colpevole di aver creato una residenza fittizia in Gran Bretagna

per evadere il fisco italiano

Edited by Kesi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Me lo ricordavo che vivesse in Inghilterra. Vabbe' nulla di nuovo, guadagnano milioni e tentano di pagare il meno possibile. Sicuramente fidandosi del consiglio di qualche commercialista espertone.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ducati divorzia da Althea: torna il factory team?

Sicura solo la presenza di Checa per il 2013 e si parla anche di un possibile ritorno di Tardozzi

 

La notizia ? di quelle clamorose, ma ormai era nell'aria da parecchio tempo: Ducati Corse ed il Team Althea hanno interrotto la loro collaborazione proprio quando tutti iniziavano a dare per scontato che Carlos Checa avrebbe continuato a correre per la struttura di Genesio Bevilacqua anche nella prossima stagione, cosa che era facile presagire visto che le due parti avevano iniziato insieme lo sviluppo della 1199 Panigale nei test di Motorland Aragon.

 

Alla base di questo divorzio ci sono ancora i dissapori nati alla fine del 2011, che avevano anche portato Checa ad un passo dalla BMW, ma anche il fatto che a Borgo Panigale si sono fatti due conti in tasca, rendendosi conto che alla fine offrire il supporto ufficiale al Team Althea non aveva avuto dei costi troppo inferiori rispetto a quelli della gestione di un factory team interno.

 

Ed ? questa la soluzione verso cui si dovrebbe andare, perch? pare che l'ex campione del Mondo abbia storto il naso di fronte alla possibilit? di correre per un altro team satellite, lavorando per? con persone che non conosce. E c'? anche chi pensa che sul muretto della Rossa potrebbe fare il suo ritorno Davide Tardozzi.

 

Per quanto riguarda i piloti, ? importante ricordare che Checa ha firmato un contratto direttamente con Ducati, quindi far? sicuramente parte del progetto, mentre Davide Giugliano ? legato al Team Althea, quindi per lui la situazione ? pi? difficile. I nomi che circolano per la seconda 1199 Panigale sono quindi quello di Michele Pirro, che far? anche il collaudatore in MotoGp per Ducati, e quello di Sylvain Guintoli.

 

Ancora poco chiaro invece quello che sar? il futuro del Team Althea, anche se le alternative non mancano: la soluzione pi? probabile sembra quella di un passaggio alla BMW (con materiale 2012), possibilit? di cui si era vociferato parecchio anche nella parte conclusiva della stagione.

 

22815_ducati_divorzia_da_althea:_torna_il_factory_team_.jpg

http://www.****/magazine/22815/world-superbike-ducati-divorzia-con-althea-e-potrebbe-riallestire-il-team-ufficiale

Share this post


Link to post
Share on other sites

wow..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ducati divorzia da Althea: torna il factory team?

Sicura solo la presenza di Checa per il 2013 e si parla anche di un possibile ritorno di Tardozzi

 

La notizia ? di quelle clamorose, ma ormai era nell'aria da parecchio tempo: Ducati Corse ed il Team Althea hanno interrotto la loro collaborazione proprio quando tutti iniziavano a dare per scontato che Carlos Checa avrebbe continuato a correre per la struttura di Genesio Bevilacqua anche nella prossima stagione, cosa che era facile presagire visto che le due parti avevano iniziato insieme lo sviluppo della 1199 Panigale nei test di Motorland Aragon.

 

Alla base di questo divorzio ci sono ancora i dissapori nati alla fine del 2011, che avevano anche portato Checa ad un passo dalla BMW, ma anche il fatto che a Borgo Panigale si sono fatti due conti in tasca, rendendosi conto che alla fine offrire il supporto ufficiale al Team Althea non aveva avuto dei costi troppo inferiori rispetto a quelli della gestione di un factory team interno.

 

Ed ? questa la soluzione verso cui si dovrebbe andare, perch? pare che l'ex campione del Mondo abbia storto il naso di fronte alla possibilit? di correre per un altro team satellite, lavorando per? con persone che non conosce. E c'? anche chi pensa che sul muretto della Rossa potrebbe fare il suo ritorno Davide Tardozzi.

 

Per quanto riguarda i piloti, ? importante ricordare che Checa ha firmato un contratto direttamente con Ducati, quindi far? sicuramente parte del progetto, mentre Davide Giugliano ? legato al Team Althea, quindi per lui la situazione ? pi? difficile. I nomi che circolano per la seconda 1199 Panigale sono quindi quello di Michele Pirro, che far? anche il collaudatore in MotoGp per Ducati, e quello di Sylvain Guintoli.

 

Ancora poco chiaro invece quello che sar? il futuro del Team Althea, anche se le alternative non mancano: la soluzione pi? probabile sembra quella di un passaggio alla BMW (con materiale 2012), possibilit? di cui si era vociferato parecchio anche nella parte conclusiva della stagione.

 

22815_ducati_divorzia_da_althea:_torna_il_factory_team_.jpg

http://www.****/magazine/22815/world-superbike-ducati-divorzia-con-althea-e-potrebbe-riallestire-il-team-ufficiale

Io penso:

-Checa e Pirro con la Panigale curata dal team ufficiale capitanato da Tardozi

-Althea con Giugliano e Guintoli con moto Aprilia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×