Jump to content
Beyond

The Iceman is back to vodka

Recommended Posts

18 minuti fa, Harmart ha scritto:

Secondo me si sottovaluta il supporto della squadra al pilota... forse perché si è sempre avuta l'idea che fosse un Iceman e quindi non avvertisse pressioni... la sua carriera ha dimostrato che non è così... lui è sempre andato bene quando si è trovato al centro del progetto, ovvero quando la squadra gli ha fatto capire di puntare su di lui, e così è stato in Mclaren, Lotus ed ora.

In Ferrari il clima non è mai stato ideale per lui, troppe aspettative, polemiche e critiche ad ogni gara che non andava come doveva... non è possibile pensare che la Ferrari con cui ha vinto a Spa nel 2009 fosse per lui meglio della F2008. Solo che nel 2009 con una stagione ormai compromessa correva senza i riflettori puntati addosso perché nessuno si aspettava niente.

È una buona analisi la tua. L'ambiente in effetti per lui è importante, ma credo che per lui sia sempre stato importante "sentire" la macchina. Credo che nel 2008 con il cambio della sospensione il suo feeling fosse cambiato... E sentire che la squadra supportava di più l'altro pilota nonostante fosse fresco campione, ha aggiunto un'ulteriore peso nella prestazione 

Share this post


Link to post
Share on other sites

È amato perché queste cose non le ha mai fatte notare.

È criticato perché se queste cose le avesse fatte notare, se si fosse incazzato ed avesse fatto di tutto per stare davanti, avrebbe vinto molto di piu con quel piede.

  • Like 2
  • Trottolino 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alfa in realtà sta raccogliendo meno del potenziale. Per due motivi:

1) Giovinazzi

2) gestione muretto mediocre

Raikkonen sta salvando la baracca, ma è un peccato. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, ilmonaco ha scritto:

È una buona analisi la tua. L'ambiente in effetti per lui è importante, ma credo che per lui sia sempre stato importante "sentire" la macchina. Credo che nel 2008 con il cambio della sospensione il suo feeling fosse cambiato... E sentire che la squadra supportava di più l'altro pilota nonostante fosse fresco campione, ha aggiunto un'ulteriore peso nella prestazione 

Il 2008 andò male in tutto e per tutto alla fine. Ma cominciò con un dominio nelle prime 4 gare, dopo le quali aveva 2 vittorie e molti punti di vantaggio. Poi accadde di tutto... sfortuna, strategie folli, errori suoi, il manuale di come cercare in ogni modo di perdere un mondiale. In tutto questo il suo ritmo in gara era spesso il migliore quando aveva pista libera. Solo che rimane tuttora incomprensibile il motivo per cui la squadra lo facesse partire molto spesso imbarcando più carburante del compagno e relegandolo dietro a macchine più lente impedendogli di esprimere il potenziale (in un anno in cui era decisamente problematico superare in pista). Cioè avevano un pilota campione del mondo e ne esaltavano il punto debole con le loro strategie, questo era il problema più che la macchina. 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 ore fa, sterla ha scritto:

tiene dietro bottas e batte norris con una vettura nettamente inferiore, lo facesse qualcun altro si griderebbe al fenomeno

 

gestione gomme monster considerando il soft-medium

 

e 7 giorni fa col bagnato con questa carriola andava più forte di vettel che per qualcuno è ancora un pilota forte sul bagnato.... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Harmart ha scritto:

Il 2008 andò male in tutto e per tutto alla fine. Ma cominciò con un dominio nelle prime 4 gare, dopo le quali aveva 2 vittorie e molti punti di vantaggio. Poi accadde di tutto... sfortuna, strategie folli, errori suoi, il manuale di come cercare in ogni modo di perdere un mondiale. In tutto questo il suo ritmo in gara era spesso il migliore quando aveva pista libera. Solo che rimane tuttora incomprensibile il motivo per cui la squadra lo facesse partire molto spesso imbarcando più carburante del compagno e relegandolo dietro a macchine più lente impedendogli di esprimere il potenziale (in un anno in cui era decisamente problematico superare in pista). Cioè avevano un pilota campione del mondo e ne esaltavano il punto debole con le loro strategie, questo era il problema più che la macchina. 

In Ferrari si misero in testa di far vincere il pilota sbagliato.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, lucaf2000 ha scritto:

 

e 7 giorni fa col bagnato con questa carriola andava più forte di vettel che per qualcuno è ancora un pilota forte sul bagnato.... 

 

Dipende quanto un pilota vuole spingere sul bagnato. 

Anche Vettel è capace di andare forte, poi può capitare che faccia un errore.

Come li ha fatti chi sembrava averne di più a Hockenheim. Hanno sbagliato tutti tranne Verstappen.

E Vettel, che però ha rischiato di meno. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, Davide384 said:

 

Dipende quanto un pilota vuole spingere sul bagnato. 

Anche Vettel è capace di andare forte, poi può capitare che faccia un errore.

Come li ha fatti chi sembrava averne di più a Hockenheim. Hanno sbagliato tutti tranne Verstappen.

E Vettel, che però ha rischiato di meno. 

 

Io Verstappen l'ho visto trottolino, ma gli è andata bene

  • Trottolino 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zitto zitto, altra gran gara. Soft - Medium, l'unico a farla del suo gruppo e gestione perfetta. Bravo a difendersi alla fine su Bottas. Da dire, anche un po' fortunato con Norris visto il problema al pit, posizione compensata dall'undercut di Gasly. Forse, ma è difficile dirlo, poteva anche essere una sesta posizione. Ma va bene così.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardavo la sua progressione nei tempi, piuttosto costante e soprattutto bravo alla fine a riaccelerare quel quanto che è bastato per tenersi dietro Bottas :up: 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, KimiSanton ha scritto:

Zitto zitto, altra gran gara. Soft - Medium, l'unico a farla del suo gruppo e gestione perfetta. Bravo a difendersi alla fine su Bottas. Da dire, anche un po' fortunato con Norris visto il problema al pit, posizione compensata dall'undercut di Gasly. Forse, ma è difficile dirlo, poteva anche essere una sesta posizione. Ma va bene così. 

 

oltre al pit c'è che norris è finito nel traffico, comunue kimi ne aveva di più per me perchè gli è sempre rimasto vicinissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abbiamo già tutti scritto il nostro punto di vista sulla carriera di Kimi Räikkönen.

Quello che non mi é piacciuto di lui, é il fatto di subire Massa, dopo il via di Todt.

Di non ribellarsi.

Nel 2009, fino al incidente di Massa, Räikkönen faceva davvero pena.

Nel 2014, francamente, perché tornare per questo scempio ?

La peggior stagione della sua carriera.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forse gli hanno fatto presente che i tuffi che di solito fa nella sua piscina e di cui ha sfoggio su Instagram sono un po' pericolosi nel caso dovesse farsi male per cui magari hanno brontolato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il lato oscuro dell'aver guadagnato troppe piscine in carriera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende da cosa intende per ubriaco.

Se intende 7 bicchieri invece di 3 nulla di particolare, se intende zuppi chapeau, io credo di essere arrivato a 10/12 consecutivi, ma a 20 anni, non ai 34 che aveva nel 2013. I tempi di recupero sono diversi, oggi lascio scie di sangue degli avversari al bar come facevo da bocia, ma il giorno dopp, ed anche quello dopo ancora, devo respirare.

A 20 anni era martedì, mercoledì, venerdi sabato e domenica in discoteca a rovinarmi.

Oggi mi verrebbe il vomito.

Bravo Kimi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma veramente ha detto che leggere è stupido? 

se è vero è una delle dichiarazioni più cretine che abbia letto in f1 da un pezzo

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

×