Jump to content
Beyond

The Iceman is back to vodka

Recommended Posts

7 ore fa, crucco ha scritto:

Beh, insomma... non credo che non sappia fare proprio niente. Una certa carriera l‘ha fatta. Forse ha mostrato i propri limiti.

 

diciamo che come capacità di rimettere in carreggiata qualche cosa di andato in malora non è stato male, c'era un team allo sbando, disunito e non molto motivato, nelle ultime due stagioni ha fatto vedere cosa è in grado di fare quel team, ha fatto uscire il potenziale che era andato perduto. Questo team è così grazie anche a lui, motivato, combattente e unito.

certo gli è mancato quel qualcosa che gli avrebbe permesso di conquistare il titolo, qualcosa che per ovvi motivi potrebbe mancargli a livello gestionale, ma li le responsabilità vanno divise, di certo il grosso del lavoro lo ha fatto bene, mancava affinare il tutto.

non mi è stato mai simpatico, poi sono anche un antiferrarista (cit.illustre) ma non vedo motivo per criticare il suo operato sapendo da dove è partito, in mclaren stanno ancora cercando di capire come girano le ruote, in williams di che colore farla.

 

Edited by The King of Spa

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 9/1/2019 Alle 14:51, PheelD ha scritto:

Purtroppo la versione italiana ancora non è arrivata. 

 

Ho chiesto anche io una decina di giorni fa in una libreria in Italia e oltre a dirmi che in italiano non era ancora arrivata, controllando sul loro pc, non avevano a disposizione nemmeno una data di un probabile arrivo :(

Non so se si sia mosso qualcosa negli ultimi giorni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che aver potuto gidere di un impegno piu grande da parte della squadra, con investimenti piu importanti ed un gruppo tecnici che alla prova dei fatti ha messo in pista dei progetti migliori dei predecessori, ma aver fatto peggio, in termini di risultati rispetto alla gestione Domenicali, sia stata la condanna di Arrivabene.

Non progettano, non guidano, ma se va bene o male sono, ovviamente, i responsabili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'unica cosa buona di Arrivabene è aver cacciato Alonso.

:up: :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Rio Nero ha scritto:

L'unica cosa buona di Arrivabene è aver cacciato Alonso.

:up: :asd:

Fece tutto Mattiacci con Alonso, anche se secondo me dopo un 2014 così negativo Alonso sarebbe scappato da Maranello anche gli avessero offerto anche la Presidenza della FCA S.p.A.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per dirla tutta, i mondiali 2007 e quello 2008 sono arrivati con una vettura al top, spesso la migliore. Era lo sviluppo di un progetto vincente, della gestione precedente.

 

Le situazioni ed i team successivi, in Ferrari, non hanno più raggiunto certi livelli, di potere, tecnici e nemmeno di investimenti, nonostante Marchionne aprì di più il rubinetto.

 

Domenicali ha ringraziato e preso i titoli. Poi, quando ha dovuto fare da solo, è stata più dura. Infatti...

Edited by crucco

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, The-Flying-Finn ha scritto:

Quei tre mondiali sono arrivati perché c’era un pilota top, ovvero Massa.

Dai Finn...fai il bravo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minuti fa, The-Flying-Finn ha scritto:

Quei tre mondiali sono arrivati perché c’era un pilota top, ovvero Massa.

Germano-Mosconi-2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

E poi per dirla tutta quella Massa se la giocava alla pari con prestazioni simili al Raikkonen al pieno della sua forma...come sempre dovete sparare caxxate...

Eh già!

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, crucco ha scritto:

Per dirla tutta, i mondiali 2007 e quello 2008 sono arrivati con una vettura al top, spesso la migliore. Era lo sviluppo di un progetto vincente, della gestione precedente.

 

Le situazioni ed i team successivi, in Ferrari, non hanno più raggiunto certi livelli, di potere, tecnici e nemmeno di investimenti, nonostante Marchionne aprì di più il rubinetto.

 

Domenicali ha ringraziato e preso i titoli. Poi, quando ha dovuto fare da solo, è stata più dura. Infatti...

Non mi riferivo ai mondiali infatti, che non erano farina del sacco di Domenicali, ma all'arrivare a giocarsela fino all'ultima gara, cosa mai riuscita nella gestione di mr. Marlboro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo è vero, credo però che non dipenda solo da Arrivabene, forse nemmeno soprattutto da lui. Anche il pilota di punta è stato meno solido di quanto ci si aspettasse nei 4 anni; pure il secondo, a dire il vero. Ciò influenza tutta la squadra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, The-Flying-Finn ha scritto:

Quei tre mondiali sono arrivati perché c’era un pilota top, ovvero Massa.

Giusto così

Share this post


Link to post
Share on other sites

a dirla tutta potevano essere benissimo 4 titoli.

ricordandosi come Massa ha perso il piloti nel 2008

 

poi merito a LH...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 13/1/2019 Alle 19:00, crucco ha scritto:

Questo è vero, credo però che non dipenda solo da Arrivabene, forse nemmeno soprattutto da lui. Anche il pilota di punta è stato meno solido di quanto ci si aspettasse nei 4 anni; pure il secondo, a dire il vero. Ciò influenza tutta la squadra.

Buona parte delle responsabilità sono di Vettel, ovviamente nel 2018.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

È pronto per l‘assalto al secondo titolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 ore fa, crucco ha scritto:

È pronto per l‘assalto al secondo titolo.

:asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto la sua biografia. Si concentra maggiormente sulla storia pre-F1, ossia tutte le peripezie avute per riuscire a correre anche al di fuori della Finlandia (è venuto spesso in Italia, viene citata anche Rimini), passando per l'Olanda e poi per l'Inghilterra. Ci sono molti racconti delle persone che sono state vicine a Kimi in quegli anni. Del periodo F1 si parla molto poco, se non per anedotti "esterni" alla pista.

 

Il libro scorre via molto veloce, si parla anche della morte del padre Matti (o Masa, come veniva colloquialmente chiamato). La sensazione è che sia ancora tormentato dai momenti precedenti (una discussione sulle abitudini del padre mai risolta). 

 

Si percepisce un grosso cambiamento in Kimi dopo aver incontrato Minttu. Il Kimi pre-2013, quello dei numerosi party, alcool e via dicendo praticamente scompare (ok, il gala FIA era un'eccezione, ma quella che conferma la regola :asd:) per lasciare spazio a un Kimi decisamente più maturo.

 

Una caratteristica che si trova in tutto il libro è la lealtà del finlandese, citata praticamente da tutte le persone con le quali l'autore ha parlato. L'autore parla di "a big heart and a sincere soul". In certe occasioni, anche troppo, e qui si spiegherebbero i presunti problemi finanziari di cui si parlava anni fa.

 

Io ve lo consiglio: non si svela al 100%, ma emergono vari lati della persona Kimi Raikkonen che danno un quadro più completo di chi sia nella vita di tutti i giorni, fuori dai circuiti. 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

×