Jump to content
sundance76

L'arrivo di Schumacher in Ferrari

Recommended Posts

La Benetton 1995-1996 era inferiore solo alla superWilliams

 

 

 

Personalmente ritengo la benetton del 1995 quasi alla pari con la williams , appena un p? inferiore.

Entrambe erano comunque molto pi? efficienti della ferrari 412t2 di Alesi e Berger, anche se la stessa ferrari era in quell'anno molto migliorata in termini velocistici.

Nel 1996 la williams era la dominatrice assoluta, dietro di lei il vuoto o quasi...

Benetton e ferrari partirono con un potenziale simile, in effetti forse all'inizio la benetton conservava ancora una lievissima superiorit?.

Ma gi? a Giugno la ferrari l'aveva eguagliata per poi superarla nettamente alla fine di Agosto .

La Benetton avrebbe continuato il suo rapido declino, iniziato gi? nella pausa 95-96 con la perdita degli uomini chiave emigrati in ferrari.

Al contrario la Ferrari gi? in miglioramento nel 1995 , prese letteralmente il volo dalla fine della stagione 96, migliorando e riducendo sensibilmente il distacco dalle Wiliams nel 1997, arrivando molto vicina alle prestazioni delle vetture britanniche alla fine del campionato.

Sarebbe giusto ricordare che le Meclaren erano gi? molto performanti nel 97 ed in termini velocistici avevano di sicuro superato le benetton e seguivano da molto vicino le ferrari, solo l'affidabilit? era ancora troppo precaria per puntare al titolo, che sarebbe poi arrivato con Hakkinen l'anno successivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, la Ferrari ha inseguito per anni Senna, era lui il numero 1.

Dopo la morte di Senna, a Maranello capirono molto rapidamente su chi puntare: Schumacher arrivò in Ferrari molto presto, aveva appena 27 anni (e non 35 come Prost, per fare un esempio).

E' vero, come dici tu, che la Ferrari con Schumi cambiò pelle, ma non subito! Il 1996 è un anno emblematico: gli assetti sportivi di Ferrari e Benetton erano gli stessi del 1995, ma bastò uno scambio di piloti per ribaltare tutta la situazione. La Benetton passò da 11 vittorie a 0, la Ferrari passò da 0 vittorie a 3.

Io ero felicissimo dell'arrivo di Schumacher: per me Alesi era un mediocre. La reazione del pubblico fu dovuto ad un "effetto collaterale" della propaganda pro-Ferrari dei mass media, bel buiio periodo 1992-1995.

Per tenere su di morale i tifosi, ci si inventò un "fenomeno Alesi" che non è mai esistito e lo si propagandò con accanimento (Autosprint di Carlo Cavicchi su tutti).

Un anno dopo i fatti qui postati, Monza era tutta per Schumacher: i miracoli che compì in quell'anno erano troppo eveidenti per non capire chi fosse il fenomeno e chi invece il baraccone!

:bravo:

 

perchè è stato bannato ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

perchè è stato bannato ?

 

Mi pare per dichiarazioni politiche vietate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che definire Alesi, come fa AS, come miglior pilota dell'epoca insieme a Schumacher sminuisce i titoli del tedesco...poi si ? vero nel bagnato andava forte

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'unica cosa di cui sono sicuro io, ? che Alesi non avrebbe fatto certamente peggio di Irvine (coetaneo di Alesi) e di Barrichello....

 

ma come fai ad esserme sicuro? secondo me no.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alesi era nettamente superiore ad Irvine per tecnica e velocit? e anche rispetto a Barrichello (un buon pilota) ,Jean era pi? aggressivo e meno arrendevole di lui in gara.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche se sono OT, visto che se ne è parlato, devo dire che la gara del nurburgring fu buttata alle ortiche dal muretto con una strategia a dir poco ottimistica. Alesi fino alla prima sosta (quando la pista ormai era asciutta) aveva continuato ad andare più veloce degli inseguitori tanto che era arrivato ad accumulare oltre 40 sec di vantaggio. Anche dopo la sua sosta (circa a metà gara) nei primi giri fu molto più veloce degli altri. Fu solo dopo la seconda sosta degli inseguitori che cominciò a perdere, prima lentamente, poi sempre più velocemente. Questo per 3 motivi: gomme più vecchie, necessità di gestire le stesse fino a fine gara, necessità di gestire la benzina fino a fine gara. Infatti a 15 giri dalla fine fu addirttura comunicato al francese che doveva risparmiare benzina altrimenti non avrebbe raggiunto il traguardo. In ogni caso dopo la seconda sosta degli inseguitori sembrava che la strategia ad una sosta potesse funzionare: poteva perdere più di un secondo al giro e arrivare comunque primo. Il problema fu, quando diventò evidente che con quelle gomme e senza poter tirare al massimo cominciò a perdere 3 secondi al giro da Schumacher. L'enorme vantaggio si sciolse come neve al sole, eppure si poteva ancora fare qualcosa con un minimo di reattività ai box. Alla Benetton infatti avevano puntato su una rischiosissima strategia a 3 soste. Per questo schumacher stava volando: serbatoio scarico e possibilità di tirare al massimo. La possibilità di leggere la strategia della Benetton c'era andando a vedere i tempi di rifornimento, quindi la Ferrari poteva sapere. A questo punto avrebbero dovuto fare due conti e capire che la situazione per Alesi era critica. Se Schumacher si fosse fermato appena raggiunto il francese avrebbe perso una ventina di secondi, d'altra parte Alesi si sarebbe trovato con delle gomme sempre più vecchie e sempre più a corto di benzina quindi avrebbe potuto perdere anche più di 3 secondi al giro e una volta raggiunto non avrebbe avuto scampo. La scelta corretta sarebbe stata di richiamarlo ai box quando ancora aveva una decina di secondi di vantaggio facendogli un breve rabbocco e rimandandolo in pista con gomme nuove e la possibilità di spingere. A quel punto avrebbe potuto limitare molto lo svantaggio e avrebbe avuto 10 sec di margine da amministrare e cosa più importante, se raggiunto, avrebbe avuto modo di difendersi. Invece la Ferrari non fece niente, Schumacher raggiunse Alesi a 16 giri dalla fine, si fermò immediatamente, tornò in pista e guadagnò ben più di 3 secondi al giro su Alesi il quale fu pesantemente rallentato dai doppiaggi visto che in quelle condizioni con gomme andate e coll'obbligo di conservare benzina era molto difficile sorpassare altre vetture. Dopo la fine della gara, la Ferrari scaricò elegantemente tutta la colpa sul francese, accusandolo di essersela presa troppo comoda e di essere un incapace nei doppiaggi, atteggiamento che mi ricorda tantissimo quello che si è visto qualche anno fa nei confronti di Raikkonen.

Edited by gliarrabbiatirestano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordo con chi ha difeso Alesi, io sono stato un suo tifoso ma non ho mai avuto problemi in quegli anni ad affermare che Schumacher fosse il migliore, anche se non ancora così incontrastabile ed infallibile..

Ma non si potrebbe essere più miopi quando si pensa che fu Schumacher a salvare la ferrari ed Alesi ad affondare la Benetton!

Come alcuni hanno fatto giustamente notare, nel 1996 , il pilota francese si trasferì nel team campione del mondo in carica, ma la realtà del campionato dimostrò una Benetton fin dall'inizio lontanissima dalla Williams, così come la stessa Ferrari del tedesco.

La Ferrari che osservate bene non dal 1996, ma già dal 95 era in netto miglioramento ,con la nuova iniezione di capitali degli Agnelli , potè permettersi insieme a Schumacher anche i migliori ingegneri della Benetton, senza parlare del responsabile dell'aereodinamica Rory Byrne che dopo aver progettato la vettura del 96 si dimise per poi passare alla Ferrari l'anno successivo.

Di fatto non solo Schumacher , ma l'intera Benetton nel corso di due anni si sarebbe trasferita a Maranello!

Ciò nonostante il duello tra Schumacher ed Alesi fino a metà Agosto arrideva al Francese, Jean sfiorò la vittoria a Monaco dove fu costretto al ritiro quando era primo a causa della rottura di una sospensione e si dimostrò altamente competitivo anche a Monza, dove non fu sconfitto unicamente dal tedesco, bensì dalla migliore strategia di gara studiata in Ferrari.

Sostanzialmente la Benetton non ebbe i giusti sviluppi aereodinamici, mentre la Ferrari riuscì a concretizzare con le vittorie in Belgio ed in Italia una netta evoluzione della vettura, in questo modo si potè vincere l'unco vero duello della stagione, ovvero quello con la Benetton Renault e Jean Alesi.

Ma è falso dire che arrivò Schumacher e la ferrari cominciò a vincere, nel 95 Alesi vinse in Canada e con meno sfortuna avrebbe di certo vinto anche a Monza , senza dimenticare il Nurburgring.

I fatti dimostrano una ferrari nel 1995 già in netto cambiamento con il passato e potenzialmente vincitrice di tre gare, di fatto i tempi stavano già cambiando.

Certo la ferrari era ancora troppo acerba per lottare per il mondiale nel 95, ma lo sarebbe stata anche con il tedesco nel 96 nonostante i grandi investimenti fatti intorno a lui che comunque era certamente il migliore.

La storia dimostra che solo nel 1997 la Ferrari guarda caso con l'ultimo innesto proveniente dalla Benetton ormai in profonda crisi (Ross Brawn) , potè lottare per il titolo e solo nel 1999 riuscì a vincere il costruttori e nel 2000 entrambi i titoli.

Quando Schumacher arrivò in Ferrari , l'intera Ferrari formula 1 mutò, da realtà Italiana divenne una super multinazionale con grandi fondi a disposizione, cominciò a diventare più vincente e competitiva, ma perse anche quel qualcosa che l'aveva resa poetica negli anni bui, quell'anima latina che Jean Alesi incarnava con la sua generosità grinta e spregiudicatezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

La storia dimostra che solo nel 1997 la Ferrari guarda caso con l'ultimo innesto proveniente dalla Benetton ormai in profonda crisi (Ross Brawn), pot? lottare per il titolo e solo nel 1999 riusc? a vincere il costruttori e nel 2000 entrambi i titoli.

Quando Schumacher arriv? in Ferrari , l'intera Ferrari formula 1 mut?, da realt? Italiana divenne una super multinazionale con grandi fondi a disposizione, cominci? a diventare pi? vincente e competitiva, ma perse anche quel qualcosa che l'aveva resa poetica negli anni bui, quell'anima latina che Jean Alesi incarnava con la sua generosit? grinta e spregiudicatezza.

 

Nel 1997 solo gente come Schumacher o Senna potevano fare il miracolo di arrivare all'ultima gara in lotta per il campionato contro l'astronave Williams Renault. Le 14 gare vinte dal tedesco nel triennio 1996-1998 (e potevano essere anche di pi? senza alcuni episodi sfortunati) sono a dir poco poetiche, delle gare condotte tirando come un forsennato dal primo all'ultimo giro, quando spesso i rivali con le astronavi (Hill, Villeneuve, Hakkinen) potevano permettersi il lusso di andare a spasso e amministrare il vantaggio dopo met? gara. Nel 1999 la McLaren quasi riusciva nel miracolo di regalare entrambi i titoli a Maranello, ma come prestazione non c'era storia a parte 2 GP particolari (Monaco e Malesia) dove Schumacher diede lezioni di guida al resto della ciurma. Anche in Canada Schumacher stava tirando a tutta sovra ritmo prima di schiantarsi sul "muro dei campioni", mentre Hakkinen con la pipa in bocca lo seguiva a pochi secondi di distacco e con macchina pi? pesante. Irvine ovviamente disperso, sarebbe stato oltraggioso vederlo col titolo a fine anno dovuto a 4 vittorie praticamente quasi tutte regalate da SALO, Michael al rientro e dal buon Coulthard che si divertiva a speronare Hakkinen nella parte centrale della stagione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se vabbè Hakkinen con la pippa in bocca :-)

Io invece sono dell'idea che nel '99 le macchine all'incirca si equivalevano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che nel 1999 Hakkinen si sia "rilassato" un pò visto l'incidente di Schumacher ma sono d'accordo con lucaf2000, la Ferrari già a metà 1999 aveva raggiunto i livelli della McLaren e se ci fosse stato Schumacher al posto di Irvine ,per me il mondiale lo avrebbe vinto il Tedesco.

Comunque a confronto ,trovo più astronave la McLaren di Hakkinen del 1998 che la Williams di Villeneuve del 1997,non dimentichiamoci che in Australia le frecce d'argento doppiarono il terzo classificato...ed ebbero a disposizione le evoluzioni di Adrian Newey ,cosa che non ebbe la Williams nell' estate del 1997.

Senza parlare del motore "al berillio"...

Però la Mecca del 1998 era davvero stupenda !

Sul duello Schumy- jean-burrasca, dico che effettivamente solo Michael avrebbe potuto fare quello che ha fatto ,non solo per le grandi doti in pista ,ma anche per il richiamo "commerciale" presso gli sponsor....

Ovvero ,la Ferrari potè ,secondo me ,utilizzare molti più bigliettoni ,perchè la presenza di Schumacher era vista come garante di successo a lungo termine, quindi tanti sponsor decisero di sostenere l'impresa Ferrari, che comunque effettivamente già dal 1995 stava progredendo...

Poi Schumy è stato anche fortunato ad essere seguito diciamo "in massa" dagli uomini Benetton,però a mio avviso tutto questo fu anche possibile grazie alla figura del Tedesco.

Edited by jax

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Benetton del 94 era palesemente inferiore.

Se fosse verò che la Benetton (solo quella di MSC) era illegale,spiegatemi perchè quando Schumacher venne squalificato e non potè correre Monza ed Estoril...la Benetton #5 sparì dalla circolazione???

Il 95 erano quasi alla pari con la Williams...ma il fatto che nel 96 e 97 in benetton ottennerò solo una vittoria, la dice lunga sulla differenza che Schumacher faceva con auto inferiori...

Non si passa da super auto a cesso di auto dal 95 al 96 senza manco accorgersene.

Poi in generale MSC ha sempre tenuto testa ad una Williams (97) e Mclaren (98) con una Ferrari inferiore...il 99 è un anno a parte,il fatto che Irvine riuscì a giocarsi il titolo....

Certo che anche Hakkinen ci mise del suo facendo alcuni errori come Imola e Monza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono perfettamente d'accordo con MSCWIN riguardo al fatto che in quell'epoca solo Schumacher avrebbe potuto lottare nel 1997 contro la Wiliams e nel 1998 contro il bolide McLaren, io che sono stato tifoso di Alesi ammetto senza problemi che Jean (così come tutti eccetto il tedesco) non ci sarebbe riuscito.

Schumacher era il solo ingrado di poter fare la differenza anche con una vettura legermente inferiore, perchè ritengo che con una vettura nettamente ma proprio palesemente inferiore, nessun pilota sia ingrado di fare miracoli.

E proprio per questo non posso convenire con Ranieri nel confronto tra Benetton 1996 e 1995.

Non credo si debba pensare che nel 1995 la Benetton vinceva e dal 96 non vinse più solo per l'abbandono di Schumacher.

Perdonami , ma credo si debba necessariamente essere obiettivi, la realtà è che la Benetton nel 1995 era fin dall'inizio alla pari o al limite poco sotto la Wiliams ,ricordiamo che perfino Herbert vinse due gare (Herbert che sarà schiacciato da Alesi alla Sauber) .

Nel 1996 invece la Wiliams monopolizzò il campionato, la Benetton e la Ferrari potevano competere esclusivamente tra loro e raccogliere gli avanzi di Hill e Villeneuve.

Poi lo sappiamo, Schumacher era più bravo di Alesi, ma in realtà il francese ( che sfiorò comunque almeno una vittoria nel 96) ebbe di fatto una vettura alla pari della ferrari in quell'anno , anzi a fine estate anche meno competitiva ed è con quella ferrari che si deve fare il paragone ,non certo con le Benetton guidate dal tedesco.

La B196 e la stagione 1996 furono cosa ben diversa dall'anno precedente.

Il confronto 1996 vide Schumacher battere Alesi 59 a 47 punti e la Ferrari battere la Benetton 70 a 68 punti.

Irvine fece solo 11 punti, naturalmente in Ferrari Schumacher correva da solo, in Benetton Alesi e Berger invece erano trattati alla pari e lottavano seppur lealmente tra loro.

Da notare infine che il sorpasso del tedesco sul francese avvenne solo nelle ultime 4 gare ,quando ormai la Ferrari era proiettata a diventare la seconda forza assoluta ,mentre la Benetton al declino e non certo per colpa di Alesi.

Nel 1997 poi , perfino la McLaren di Newey eguagliò e poi superò la Benetton, ormai priva della squadra tecnica che l'aveva fatta vincere insieme a Michael Schumacher.

Insomma ciò che voglio dire è in breve che nel 1996 Ferrari e Benetton erano alla pari, inizialmente la Benetton legermente superiore e alla fine viceversa per la Ferrari.

Poi ci sta che Alesì potesse perdere il confronto con Schumacher che era fuori scala, ma non si può dire con il tono trionfalistico degli Schumacheriani oltransisti che il Francese fu schiacciato , fu certo battuto ma solo a fine stagione, e neppure si può dire che la ferrari fosse inferiore alla Benetton.

Spero di non essere andato troppo OF TOPIC ma purtroppo quando si parla di Schumacher alla Ferrari non si può evitare di parlare del pre Schumacher ovvero Alesi che troppe volte viene ingiustamente ritenuto la causa del declino della Benetton o della mancanza di vittorie in Ferrari.

Edited by Blasto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ne abbiamo parlato cos? tante volte che diventa noioso ripetere cose gi? dette in altri due o tre topic pi? appropriati di questo.

 

Dire che Alesi nel '93 fece pari con Berger ? un'altra cosa che non mi trova d'accordo. La macchina faceva schifo, ? vero, ma Alesi fece 20 giri in testa all'Estoril (Berger non ci ? nemmeno arrivato lontanamente a prestazioni del genere), inoltre Jean arriv? 2? a Monza e 3? a Monaco, mentre Berger acciuff? solo un 3? posto in Ungheria. Poi Alesi fece perfino due volte la seconda fila in qualifica (Belgio e Italia), nel totale delle qualifiche Alesi fece meglio del compagno 9 volte contro 7. In Classifica Mondiale Alesi arriv? addirittura 6? e Berger 8?. Insomma, Berger fu davvero superiore ad Alesi solo nel '94.

 

Possiamo anche dire che la differenza non fosse tanta, ma era certamente a favore di Alesi. Berger era capacissimo di gettare al vento vittorie come Adelaide '94, Estoril '87, Phoenix '90.

Alesi, nei 19 GP in cui si ? trovato in testa in carriera, o si ? ritirato o ? stato superato, ma non ? MAI andato a sbattere o in testacoda.

 

Se poi qualcuno dice che Berger ha vinto una gara in pi? e allora secondo lui per questo ? pi? concreto, io ribatto che i titoli mondiali e le posizioni nel Mondiale si fanno coi punti, e che nelle corse la parola "concreto" va a chi fa pi? punti e che si piazza davanti nella Classifica Mondiale. Altrimenti diamo il titolo a chi vince pi? corse, e diciamo che nel 2008 Massa fu "pi? concreto" di Hamilton perch? vinse 6 gare contro 5, quelli che voi oggi chiamate gli unici "risultati di prestigio".

 

Il computo:

 

1993 - Class. mondiale:

6? Alesi.....16

8? Berger..12

Qualifica: Alesi-Berger 9-7

Podi: Alesi 2 (1 secondo e un terzo), Berger 1 (1 terzo)

 

1994 - Class. mondiale:

3? Berger.. 41

5? Alesi......24

Qualifica: Alesi-Berger 8-6

Podi: Berger 5 (1 primo, 3 secondi, 1 terzo), Alesi 4 (1 secondo, 3 terzi)

 

1995 - Class. mondiale:

5? Alesi.....42

6? Berger..31

Qualifica: Berger-Alesi 12-5

Podi: Alesi 5 (1 primo, 4 secondi), Berger 6 ( tutti terzi)

 

1996 - Class. mondiale:

4? Alesi.....47

6? Berger..21

Qualifica: Alesi-Berger 13-3

Podi: Alesi 8 (4 secondi, 4 terzi), Berger 2 (1 secondo e 1 terzo)

 

1997 - Class. mondiale:

4? Alesi.....36

6? Berger..27

Qualifica: Alesi-Berger 7-7

Podi: Alesi 5 (4 secondi, 1 terzo), Berger 2 ( 1 primo, 1 secondo)

 

TOTALE:

Punti: 165 a 132 per Alesi

Qualifica: 42 a 35 per Alesi

Podi: 24 a 16 per Alesi

Classifica Mondiale: 4 volte su 5 prevale Alesi.

 

E allora?

I tifosi della domenica, i distratti e i superficiali potrebbero dire che nell'87 Mansell (6 vittorie) era pi? "concreto" (in senso rumpeniano-leniano) rispetto a Piquet (3 vittorie) perch? aveva "pi? risultati di maggior prestigio".

 

Ma gli addetti ai lavori invece dicono che Piquet era "pi? concreto" di Mansell perch? ha fatto pi? punti e quindi per regolamento sta davanti, e si prende il titolo Mondiale.

 

Allora per favore, per una sola vittoria in pi? (e a fronte di un computo totale chiaramente a favore dell'altro, per non parlare delle occasioni in cui si ? lottato per la vittoria) non potete venirmi a dire che Berger "era pi? concreto".... (ma dde che..).

 

Le sensazioni sono una cosa, i fatti un'altra

innanzi tutto ringrazio *** che con questi articoli mi ha fatto tornare veramente indietro con la memoria(senza andare in cantina a prendere i miei!!!).comunque secondo me berger e' stato più "concreto" solo rispetto alle sue potenzialita',non in senso assoluto verso alesi. berger e' stato solo un buon pilota,che pur avendo molto meno talento di alesi e riuscito in più occasioni,vuoi per fortuna rispetto al francese,per ritiri di altri piloti(vedi la tanto glorificata hockenaim 94),o per motivazioni legate ai rinnovi contrattuali sembrare più costante di alesi.il furbo berger secondo me sapeva quanto potevano valere le ottime prestazioni dell'estate 94 davanti gli occhi dei tifosi ferraristi in sede contrattuale.. dico questo non per sminuire un pilota che comunque ha corso contro tutti grandi degli anni 80-90,ma per dire che il confronto con alesi non regge.alesi e' stato un pilota "veloce" nel vero senso della parola, emozionante,coraggioso,ma secondo me limitato sul punto di vista caratteriale.e' questo, insieme all'aver guidato le peggiori ferrari degli ultimi 30 anni, ad aver danneggiato la sua carriera,alesi non e' diventato un campione per questo motivo:invece di guidare una rifondazione,un cambio di mentalita come ha fatto Schumacher sul piano umano e dello sviluppo si e lasciato andare ai nervi a una mentalita perdente e al complesso di inferiorità verso il compagno di squadra.secondao me la verifica di questo e' la stagione 96,dove con una ferrari e una Benetton allo stesso livello,schumacher sviluppava la vettura sempre di più,alesi "campava" su una macchina sviluppata e migliorata grazie soprattutto al tedesco dal 1993.riguardo il clima sul passaggio di Schumacher alla ferrari devo dire che se lo si dice al tifoso ferrarista degli ultimi 15 anni ti da del pazzo ma e' cosi.ricordo discussioni con amici o articoli sulle riviste dove addirittura per tornare a vincere si preferiva ingaggiare Jacques Villeneuve o i vari italiani Fisichella larini Badoer...,perché Schumacher era scorretto,o vinceva grazie alla macchina(ragazzi vogliamo paragonare le b194/b195 alle Williams renault o dire che Herbert che non era un brocco arrivava a un giro.....?)o che 40 miliardi erano troppi?un campione si paga,perche col cuore si vincono i gran premi,con la bravura e la professionalità si vincono i mondiali

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×