Jump to content
L.Costigan

Sebastian Vettel

Vettel nel 2020  

41 members have voted

  1. 2. Il rendimento velocistico complessivo di Vettel nei confronti di Leclerc sarà

  2. 3. In termini di pole e vittorie, rispetto a Leclerc ne otterrà



Recommended Posts

parere di Coulthard

 

The same can be said for the boos Sebastian Vettel received on the podium again. People should not be jealous of success. They should admire it.

Yes, he's in a Red Bull and he happens to be German not long after another German, Michael Schumacher, won seven titles. But it is for the other teams to emulate what Red Bull are doing.

As Vettel's team-mate, Webber is his reference. He has been a quality racing driver. No-one knows how much the fact he is leaving F1 at the end of the season is affecting his motivation, but I'd be pretty certain he's driving the wheels off the car every time he gets in it.

So we have to acknowledge what Vettel is achieving.

Seb is already a great, but he is only accepted as such reluctantly. If he happens to dominate a grand prix because he is in harmony with a superb car, we should not be critical of that.

[...]

Alonso, who did a great job again in Singapore in a car that is obviously not as good as the Red Bull, is clearly not enjoying seeing Vettel win more championships than he has so far.

But Fernando Alonso and Sebastian Vettel are two of the all-time greats of F1. It doesn't matter how many championships each of them wins; they are equal.

The numbers are irrelevant. As complete packages, Vettel and Alonso are in a league of their own in F1 in the modern age.

 

 

No, Coulthard nn capisce un tubo di F1, Webber e' un mediocre/pessimo pilota !!!!! :whistle:

Edited by Wajdi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io quello che non capisco è non dare merito a chi vince in un determinato periodo e al momento a vincere è Vettel, ma questo succede ovunque (ad esempio nel tennis chi tifa federer non sopporta Nadal o Djokovic).

Il senso del discorso dovrebbe essere non tanto se Vettel è all'altezza di Alonso e Hamilton ma il contrario.

 

Facendo un confronto Vettel-Hamilton sembra che il secondo sia considerato piu talentuoso dal momento che all'esordio in Formula 1 ha gareggiato alla pari subito con Alonso, per me invece Luigino sembra campare di rendita per questo, se penso che è arrivato dietro aButton in campionato definito da qualcuno un paracarro.

 

A me quello che colpisce di Vettel è la voglia di vincere e di stare sempre davanti (esempio duello con Webber in Malesia) e in questo mi sembra superiore a tutti.

 

Mi sarebbe piaciuto un duello con Alonso in Ferrari ma si dovrebbe fare subito e non fra qualche anno quando Fernando sarà ancora piu anziano.

 

Ein Prosit:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io quello che non capisco è non dare merito a chi vince in un determinato periodo e al momento a vincere è Vettel, ma questo succede ovunque (ad esempio nel tennis chi tifa federer non sopporta Nadal o Djokovic).

Il senso del discorso dovrebbe essere non tanto se Vettel è all'altezza di Alonso e Hamilton ma il contrario.

 

Facendo un confronto Vettel-Hamilton sembra che il secondo sia considerato piu talentuoso dal momento che all'esordio in Formula 1 ha gareggiato alla pari subito con Alonso, per me invece Luigino sembra campare di rendita per questo, se penso che è arrivato dietro aButton in campionato definito da qualcuno un paracarro.

 

A me quello che colpisce di Vettel è la voglia di vincere e di stare sempre davanti (esempio duello con Webber in Malesia) e in questo mi sembra superiore a tutti.

 

Mi sarebbe piaciuto un duello con Alonso in Ferrari ma si dovrebbe fare subito e non fra qualche anno quando Fernando sarà ancora piu anziano.

 

Ein Prosit:

 

Riguardo Hamilton, direi che è considerato più talentuoso di Vettel per tre motivi:

 

1: dal 2009 in poi non ha mai lottato fino all'ultima gara x il titolo mondiale, non ha mai dato veramente fastidio alla Ferrari, ha conquistato solo qualche Gp all'anno e non ha vinto "troppo" come Vettel. Tali piloti sono giudicati spesso con più benevolenza e simpatia, poichè alla fin dei conti sono innocui. Una cosa simile è capitata nel Motomondiale alcuni anni fa: ricordate che fino al 2006 ogni vittoria di un pilota Ducati era vista con simpatia? Dal 2007 in poi invece tutto il contrario; verso il suo ex pilota di punta (Stoner) deve esserci stato un odio davvero forte, tant'è vero che qualcuno continua a tirargli frecciate anche adesso che non corre più..

 

2: Hamilton ha battuto Massa nel 2008, non Alonso; da quel che mi sembra leggendo in giro, un eventuale trionfo del brasiliano (come quello eventuale di Irvine nel 1999) sarebbe stato considerato come il titolo conquistato da Raikkonen, ossia come il Trofeo Birra Moretti nel calcio (amichevole estiva priva di ogni validità ufficiale). In altre parole, non ha battuto il più forte di tutti i tempi (che ovviamente è tale da quando guida x la Rossa).

 

3: Ho visto che c'è la tendenza a giustificare i risultati esclusivamente basandosi sulle prestazioni dell'auto: merito ad essa in caso di vittorie ripetute (a meno che non si tratti del proprio beniamino), solo colpa sua in caso di insuccesso e il pilota fa i miracoli. Ho già visto in passato piloti ritenuti fenomeni alla guida di vetture da metà schieramento (Frentzen, Fisichella) ma che poi hanno deluso al volante di auto vincenti.

 

A scanso di equivoci, non sto dicendo che Hamilton sia scarso (anzi!); però mi sembra che lui sia sempre considerato il migliore a prescindere da ciò che fa, mentre con Vettel ed Alonso si cerca con il microscopio qualunque motivo per sminuirli (inventandosi colpe difetti inesistenti e ridicoli, come riporto nella mia firma).

Share this post


Link to post
Share on other sites

A Hamilton manca la costanza per essere a livello dei due migliori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho letto tanti discorsi e tante teorie (alcune assurde come quella secondo cui Vettel è antipatico perché è fortunato e la macchina si rompe solo al compagno, come se nel 2010 non avesse mai rotto o in GB il cambio abbia retto...), ma vorrei capire la vostra opinione su questa domanda:

 

Se Vettel e Alonso guidassero entrambi la F138, chi sarebbe ora davanti in classifica?

 

Perché siamo d'accordissimo che Vettel con la F138 non dominerebbe come ora e se ci fosse Hamilton/Raikkonen sulla lattina anche il tedesco potrebbe puntare solamente al secondo posto, ma il punto è che qualificandosi sempre davanti ad Alonso quest'ultimo sarebbe stato spesso costretto ad accontentarsi di finirgli dietro, quindi quest'anno Vettel avrebbe comunque battuto Alonso. E se in Red Bull ci fosse, per esempio, la coppia Ricciardo-Webber, Vettel sarebbe comunque in testa al mondiale, anche con la F138.

 

Da tifoso di Alo, io direi Vettel però secondo me, se Vettel fosse il compagno di squadra di Alonso, lo spagnolo alzerebbe l'asticella e sarebbe super motivato a dare il massimo in ogni gara. Quest'anno ogni tanto lo vedo moscio.

 

Per me, se la Ferrari ha deciso di puntare su Raikkonen nel 2014, è anche per stimulare Alonso all'interno del team.

 

Quindi la mia risposta alla tua domanda è non lo so.

 

Cmq mettere Vettel e Alonso come compagni di squadra in qualsiasi team, sarebbe una follia. E' da pazzi ...

 

Sono troppo simili in certe caratteristiche. Per il team sarebbe un inferno.

 

Edited by Ferrari 2001

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alonso, senza saperlo, nel 2007 si trovò come compagno di squadra un top driver, un top driver partito subito dal suo vertice con un mezzo al vertice, come Marquez oggi nel motomondiale, e che nel suo vertice, buon per lui perchè altissimo, sebbene incostante, è rimasto.

In quella stagione lo spagnolo capì cosa significa non essere la prima donna nella squadra, e cosa significa correre contro uno forte vero.

Ne uscì tutto sommato bene, perchè non si vince sempre, quando un altro campione guida la tua stessa macchina, ha dovuto accettarlo anche Senna.

 

Per il prossimo anno, questa volta sapendolo, Alonso si troverà di nuovo a non avere tutta la squadra per lui, ed a condividere la macchina con un altro campione.

Vedremo come finirà.

Schumacher queste sfide non le ha mai affrontate, sebbene, secondo me, il tedesco dei primi anni 90 non avesse nulla da temere da nessuno.

Poi, magari, anche si, ma non lo sapremo mai.

Vettel? Chi lo sa, al momento si è assicurato un altro paio d'anni con un paggetto al seguito, ma forse un giorno si troverà a dividere il box con un altro campione, magari senza avere tutte le attenzioni della squadra per lui.

Quel giorno, se arriverà, scopriremo se e quanto Seb ne ha piu degli altri.

Al momento, piu di dire che sicuramente si tratta di un campione come ce ne sono altri, è impossibile dare una misura al suo valore.

Sicuro che è alto, ma quanto, senza avversari in squadra e con la superiorità del mezzo, non si può dire.

Se si giudicasse Hamilton dai due anni fatti con Kovalainen ed una macchina da titolo ne uscirebbe il nuovo Senna. A vederlo con Alonso, Button, ed ora anche Rosberg, deve e doveva sudarsi i risultati.

E' questo che manca a Vettel, un paragone probante che guida la seconda macchina ed una stagione con un mezzo che non sia dominante.

La seconda succederà quasi di sicuro, il pilota vero a farlgi da metro...chissà

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma il SEB di domenica scorsa, capace di dare 2 secondi al giro a tutti, credo che avrebbe la meglio con qualsiasi compagno di box.

Ho detto CREDO perchè è una mia considerazione che lascia il tempo che trova. ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io quello che non capisco è non dare merito a chi vince in un determinato periodo e al momento a vincere è Vettel, ma questo succede ovunque (ad esempio nel tennis chi tifa federer non sopporta Nadal o Djokovic).

Il senso del discorso dovrebbe essere non tanto se Vettel è all'altezza di Alonso e Hamilton ma il contrario.

 

Facendo un confronto Vettel-Hamilton sembra che il secondo sia considerato piu talentuoso dal momento che all'esordio in Formula 1 ha gareggiato alla pari subito con Alonso, per me invece Luigino sembra campare di rendita per questo, se penso che è arrivato dietro aButton in campionato definito da qualcuno un paracarro.

 

A me quello che colpisce di Vettel è la voglia di vincere e di stare sempre davanti (esempio duello con Webber in Malesia) e in questo mi sembra superiore a tutti.

 

Mi sarebbe piaciuto un duello con Alonso in Ferrari ma si dovrebbe fare subito e non fra qualche anno quando Fernando sarà ancora piu anziano.

 

Ein Prosit:

Ma l'hai vista la scorsa stagione di Hamilton?L'hai visto come andava con la macchina performante?E quante pole ha fatto quando aveva la macchina nella sua carriera...no perchè dire che Hamilton vale un vettel come guida non è una sopravalutazione, è una cosa oggettiva credo.E aggiungere che è più veloce sul giro secco è comprovato da un passato recente. Poi può anche essere che milioni di appassionati e svariati piloti si siano bevuti il cervello folgorati da una preferenza per Hamilton ma ho i miei dubbi. Lo stesso discorso per Alonso, in qualifica inferiore a Vettel, ma lo vale tranquillamente prendendo in considerazione tutto. Io non credo che Vettel vince tranquillo un mondiale contro Alonso e Hamilton su una redbull, se la giocano, di conseguenza appartengono alla stessa categoria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma anche Alonso in carriera a parte Hamilton alla McLaren non ha mai avuto grossi avversari, per di più partivano svantaggiati in quanto Briatore puntava solo sul suo pilota di cui era anche manager(Team Manager e Manager allo stesso tempo); non mi sembra Alonso abbia avuto dei grossi compagni di squadra nell'arco della carriera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hamilton l'ha avuto comunque, prossimo anno kimi...è già tanto rispetto a uno Schumacher il solo fatto di annoverare questi due come compagni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh Schumacher ha avuto Piquet per un breve periodo e anche Brundle con 12-13 anni esperienza prima e lui era appena agli inizi, va detto che quest'ultimo era davvero un valido pilota che fece moilti podi con la Ligier anche mettendo il sale sulla coda a Senna tante volte nel 93; da li in poi è sempre stato prima guida per forza di cose.

Tra l'altro cose direi che i campioni non vennero alla Ferrari negli anni di Schumy proprio perchè c'era lui, perchè lo ritenevano troppo ingombrante. Hakkinen Villeneuve erano molto considerati a Maranello, soprattutto per Gianni Agnelli

 

Edited by tigre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh Schumacher ha avuto Piquet per un breve periodo e anche Brundle con 12-13 anni esperienza prima e lui era appena agli inizi, va detto che quest'ultimo era davvero un valido pilota che fece moilti podi con la Ligier anche mettendo il sale sulla coda a Senna tante volte nel 93; da li in poi è sempre stato prima guida per forza di cose

Scusa ma anche Prost allora per forza di cose non si sarebbe mai dovuto ritrovare Senna e Mansell in squadra...Piquet era un buon confronto ma stiamo parlando di uno che per sua stessa ammissione correva solo per i soldi dopo l'incidente,fine carriera, non era più veloce.

 

Poi parliamo di compagni da campioni affermati, è li che si ha tutto da perdere...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher ha accettato subito di correre come compagno di Piquet praticamente all'esordio. Schumy ha sempre detto di volere qualsiasi compagno di squadra tranne Frentzen. Come dicevo non ha mai avuto compagni forti perchè lo ritenevavo troppo ingombrante, come dicevo Agnelli avrebbe preso Hakkinen ma Hakkinen nonb sarebbe mai venuto con Shumy come compagno tanto più Villeneuve

Edited by tigre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher non ha accettato Piquet, se lo è ritrovato perchè non era nessuno all'epoca...cosa volevi che dettasse subito da esordiente gli ordini al team?!Schumacher non voleva Villeneuve e non viceversa, se non ricordo male, anche perchè visto come era messo con la macchina Jacques sarebbe stato idiota a rifiutare l'unica occasione per rientrare nel giro che conta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher non ha accettato Piquet, se lo è ritrovato perchè non era nessuno all'epoca...cosa volevi che dettasse subito da esordiente gli ordini al team?!Schumacher non voleva Villeneuve e non viceversa, se non ricordo male, anche perchè visto come era messo con la macchina Jacques sarebbe stato idiota a rifiutare l'unica occasione per rientrare nel giro che conta.

 

Ma quello successivamente per Villeneuve. Tra l'altro vorrei dire, ma Hamilton in pratica Alonso se lo è ritrovato per caso; fosse stato per lui avrebbe voluto come compagno de la Rosa, nemmeno pensava che al primo anno fosse così forte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hamilton attualmente è in squadra con Rosberg, che non è certo comodo ed ha un albo d'oro scarno solo per problemi tecnici a mio avviso. Hamilton aveva Button prima, penso non gli si possa dire nulla a uno che si è cuccato Alonso, Button e Rosberg ed è a metà carriera.

Edited by biuspeed

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo infatti parlavo di Alonso che in pratica ha sempre goduto di contratto da prima guida (sulla carta e per forza di cose), per lui il 2007 è stato un anno atipico.

 

Chiudiamo OT

Edited by tigre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il discorso "seconda guida forte per verificare la reale velocità della prima guida" ha senso solo per noi appassionati, che ci divertiamo a vedere battaglie in pista, ma (giustamente) alla Red Bull sono perfettamente in grado di resistere alla curiosità. Voglio dire, chissenefrega di verificare se Vettel è davvero più forte di Alonso finché Vettel vince? Il mondiale piloti va a un pilota solo, e se quel pilota ha dimostrato di saper vincere, vuol dire che per la Red Bull quel pilota è più che sufficiente.

 

Vettel ha AMPIAMENTE dimostrato di essere in grado di trionfare, quando la macchina è all'altezza, e tanto basta. Tutto il resto è accademia, discorsi da bar (detto in senso positivo: sono discorsi che anch'io faccio volentieri). Due galli nello stesso pollaio fanno più male che bene a un team che è già vincente (si veda il 2007 della McLaren), e di certo alla Red Bull non sentono l'impellente bisogno di mettere in discussione quel che tanto è già loro. E Vettel non ha certo voglia di cercare confronti dai quali ha tutto da perdere (non perché non ne sia all'altezza, ma semplicemente perché meglio di come sta già facendo adesso, dal punto di vista dei risultati, non potrà mai fare).

 

Discorso diverso per la Ferrari, dove la strategia a due punte è motivata da una penuria di vittorie e dalla necessità di essere più aggressivi.

Edited by rimatt

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah certo hai perfettamente ragione, chiaro che i ragionamenti dei team manager sono professionali e non sullo spettacolo...detto questo per fortuna nella storia non è sempre stato così altrimenti ci sarebbero parecchie cose in meno da ricordare emozionandoci nel rivederle.

Edited by biuspeed

Share this post


Link to post
Share on other sites

Due galli nello stesso pollaio fanno più male che bene a un team che è già vincente (si veda il 2007 della McLaren),

 

ma, non sono mica tanto d'accordo.

non è una formula perfetta. due grandi piloti in un grande team possono solo essere un bene. se poi il team non è in grado di gestirli, quello è un altro discorso.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×