Jump to content
Sign in to follow this  
Kimimathias

Come funziona una Formula 1?

Recommended Posts

il loro compito ? principalmente quella di deviare aria lungo i bordi laterali delle fiancate e nn sotto...di fatti il flusso turbolento deviato creerebbe una sorta di "minigonna pneumatica"atta a "sigillare"il flusso a bassa pressione transitante sotto la vettura cos? da ridurre al minimo l'afflusso di aria ad alta pressione dall'esterno con la conseguente riduzione dell'effetto deportante.

 

Coap Ken tongue.gif , benvenuto, spero che ti possa divertire tra noi. La ua osservazione ? corretta (alemno per quanto possiamo saperne noi (ed io in particolare rolleyes.gif )

L'argomento ? stato anche toccato in questa discussione:

http://www.f1grandprix.it/public/IBforum/i...?showtopic=2456

 

Riciao e a presto smile.gifcool.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao GIGI grazie per il benvenuto...ho visto sul forum che sei ferrato in materia e che disponi di una documentazione niente male...io sono un grande appassionato di formula uno e fin da ragazzino ho avuto il pallino dell'aerodinamica,passione che poi mi ha spinto a laurearmi in ingegneria aerospaziale,anche se svolgo un lavoro completamente diverso,ahim?!...l'aerodinamica,al di la delle formule e storie varie,? una materia molto affascinante e la formula uno ? di sicuro una categoria dove ci si puo sbizzarrire alla grande(oggi un po meno per via dei regolamenti molto restrittivi e perch? no,della carenza di fantasia dei progettisti attuali,conservatori allo spasimo)...ho letto la discussione che mia hai indicato,fa riferimento alle famose bandelle laterali introdotte dalla lotus...ecco,i progettisti attuali sono riusciti attraverso i deviatori di flusso anteriori laterali a crearne fatte di...aria!questo ? solo una delle tante diavolerie che montano queste monoposto dopo l'introduzione del muso rialzato e a tal proposito vorrei scrivere in maniera semplice e coincisa senza usare termini tecnici,qu? nn dobbiamo progettare ma capire,le varie funzioni di alcuni dispositivi aerodinamici che incuriosiscono gli appassionati di formula 1 come me..

 

MUSO RIALZATO:introdotto dalla tyrrell nei primi anni 90,ideato dall'aerodinamico francese jean claude migeot e dal telaista inglese harvey postlehwaite,il principale compito del muso rialzato ? quella di accellerare l'aria sotto il muso ed aumentarne ovviamente la portata...normalmente,in una monoposto a muso basso,si aveva un rallentamento dell'aria che avveniva a circa met? fondo piatto con conseguente formazione di vortici e riduzione dell'effetto deportante dell'estrattore posteriore...con l'inalzamento del muso la maggior quantit? d'aria che si incanala attraverso il divergente posto sotto il muso,sopra il piano verticale posto per regolamento,infatti fino a quella zona il fondo deve rimanere piatto,accellera il fluido o aria,come preferite chiamarla,ed evita il suddetto inconveniente a tutto vantaggio dell'estrattore posteriore che ora puo lavorare in maniera piu "pulita"ed efficace.

 

DEVIATORI DI FLUSSO ANTERIORI LATERALI:come gi? spiegato sopra la loro funzione ? quella di creare una sorta di "minigonna"deviando il flusso ai lati della monoposto ,e nn sotto come molti credono,cos? da sigillare il flusso a bassa pressione transitante sotto la monoposto ed esaltarne l'effetto deportante.

 

BANDELLE LATERALI DELL'ALETTONE ANTERIORE:queste ultime,ovviamente,oltre a fissare le ali hanno anche un compito ben preciso e complesso che sarebbe molto lungo da spiegare brevemente e che necessiterebbe di addentrarsi in discorsi tecnici...cmq negli ultimi anni questi dispositivi hanno cambiato foggia ed ora sono svergolate e stracolme di appendici aerodinamiche varie..hanno funzioni varie tra le quali quella di carenare in parte le ruote anteriori attraverso alette ricurve verso l'alto,in realt? la funzione di quaste alette ? di aumentare il carico e anche in maniera considerevole(vi assicuro che a 350 all'ora anche un dito messo fuori dal finestrino genera carico)...inoltre,le bandelle del tipo rientranti in basso,hanno il compito di deviare aria verso la zona bassa interna degli pneumatici cos? da schermare il flusso transitante sotto l'ala e diretto verso il fondo piatto dalle turbolenze create dal rotolamento delle ruote.

 

ci sarebbero tante altre cose da trattare,CAMINI,AERODINAMICA POSTERIORE A COCA COLA eccetera,eccetera,eccetera...spero di poterne tornare a discuterne presto con voi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest AlKa105

Ciao Kentyrrel benvenuto, complimenti per le tue delucidazioni, tuttavia ancora non mi ? chiaro come funzionino i deviatori di flusso anteriori....se magari potresti essere pi? preciso mi faresti un grande favore biggrin.gifbiggrin.gifbiggrin.gif

 

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao alka e grazie per il benvenuto...per farti comprendere meglio la funzione di questi dispositivi ho usufruito di un modellino e ho suddiviso l'aria a bassa pressione,cio? lo strato che passa sotto la monoposto e che genera la deportanza,in bianco e la zona ad alta pressione,cio? quella dell'aria esterna tutta intorno alla monoposto ,in rosso...le strisce nere che ho realizzato col pennarello rappresentano invece il flusso deviato dai "deviatori di flusso laterali",quindi cosa succede?in pratica il flusso canalizzato dai deviatori crea una sorta di barriera ed evita che il flusso rosso passi sotto la monoposto a disturbare quello bianco...in pratica ? come se ci fossero delle minigonne(ma il siggillo ? meno efficace ovviamente).Spero sia riuscito a fare intendere il principale compito di questi dispositivi.

post-17-1091455720.jpg

post-17-1091455720.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest AlKa105

ohmy.gifohmy.gifohmy.gif

 

Grazie per la delucidazione, ma i deviatori "annegati" nelle sospensioni anteriori non servono anche a deviare un flusso meno turbolento verso la zona del radiatore?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, che studi avete fatto/fate?

A chi ti rivolgi?

A quelli che hanno scritto tutte queste cose di aerodinamica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io mi sn laureato in ingegneria aerospaziale all'UNIVERSITA' DI PISA. FACOLTA' DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale e ho lavorato dopo la laurea presso il CENTRO SPAZIO di PISA.Attualmente lavoro presso ARTEMIS,Soluzioni per l? industria Aerospaziale e della Difesa.Anche se ? un lavoro un po distante dalla formula uno mi da cmq la possibilit? di tenere in forma le mie conoscenze in campo aerodinamico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao kentyrrell!!!

benvenuto e grazie per le dritte! L'importante ? imparare sempre qualcosina di pi?!

grazie ancora e c alla prossima!

Share this post


Link to post
Share on other sites

prego KIMI,figurati!questo forum ? molto bello e sto notando che l'argomento aerodinamica affascina in molti...il piu delle volte per? questo argomento viene trattato anche da chi ne ha poca conoscenza con termini altisonanti e poco comprensibili..come puoi vedere in realt? si possono discutere questioni apparentemente complicatissime usando un gergo comprensibilissimo a tutti...vorrei ricordare a tutti che veri maghi dell'aerodinamica sono semplici periti meccanici e che tra questi;vedi il mitico jhon barnard,certi neppure sapevano usare la galleria del vento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io mi sn laureato in ingegneria aerospaziale all'UNIVERSITA' DI PISA. FACOLTA' DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale e ho lavorato dopo la laurea presso il CENTRO SPAZIO di PISA.Attualmente lavoro presso ARTEMIS,Soluzioni per l? industria Aerospaziale e della Difesa.Anche se ? un lavoro un po distante dalla formula uno mi da cmq la possibilit? di tenere in forma le mie conoscenze in campo aerodinamico

Allora ne approfitto immediatamente tounge_smile.gif

Quella che vedi sotto ? una ricosrtuzione dell'Opel Rak2 , una vettura da record di velocit? del 1928.

Questa ? la prima vettura terrestre sulla quale compaiono degli alettoni (in verit? qualcosa di simile si vede anche nella RAK 1), o meglio delle ali, visto che la forma suggerisce un effetto portante.

Potresti chiarire (o ipotizzare) quale fosse la funzione di tali appendici, ammesso ovviamente che io ne abbia interpretato correttamente il profilo?

 

ecco altri siti al riguardo:

http://www.main-kinzig.de/auto/opel/100jah...hre_bild_05.htm

http://www.rak2.opel.de/intro.php3?sub=premiere&caller=none

http://www.rak2.de/uk/

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao!le appendici laterali di questa opel,che interpreto vedendola per la prima volta,complimenti a te per il tuo ampio archivio di fotografie,sono atte a generare carico aerodinamico ai lati della monoposto,in pratica il progettista dell'epoca ? come se avesse applicato due lamiere inclinate in maniera da generare carico,cosi facendo per? ha anche ottenuto un profilo vagamente ad incidenza positiva,o piu semplicemente portante.sinceramente nn sarei mai salito a lanciare in velocit? quest'auto sad.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevo il sospetto che fosse questo l'intento.

 

Qualcosa di simile comparve su alcune F1 del 1979, in pieno sviluppo delle Wing car. Gli alettoni anteriori sembravano a volte avere un profilo "positivo".

C'? da dire che gli alettoni anteriori avevano avuto fino ad allora una funzione pi? che altro equilibratrice con il carico posteriore.

Sulle migliori Wing-car essi spesso scomparvero del tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti volevo alcune delucidazioni sulla forma svergolata degli alettoni? Perch? si fanno di questa forma, in questo modo il flusso non dovrebbero essere omogeneo o mi sbaglio? Ciao

 

Una curiosit?, siccome ho intenzione di laurearmi in ing. mecc. dov'? la facolt? migliore? biggrin.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×