Jump to content
Sign in to follow this  
Beyond

Medio-oriente

Recommended Posts

E io che ho detto?

 

La rivoluzione ? partita spontaneamente e Francia e UK ne hanno approfittato, noi ci siamo entrati dentro. Ma le sollevazioni in atto gi? c'erano, non sono state certo fomentate dalla NATO.

 

Ma nessuno di noi pu? dire con certezza questo. La Francia (come ? emerso da alcune fonti) pu? benissimo aver dato assenso sottobanco ai cirenaici che, nel caso di una rivolta, il governo francese avrebbe spinto (come poi ha fatto) la Nato ad attaccare militarmente il regime di Tripoli, con la ridicola e tragica scusa di difendere i civili e imporre una no fly zone, mentre in realt? ha bombardato essa stessa civili inermi.

 

Centinaia di volte ? andata cos?, non vedo perch? escludere ora questa possibilit? e credere sempre alle due frottole in croce che ci raccontano i telegiornali da un secolo, i quali continuano a dirci che noi siamo belli e bravi e andiamo sempre a fare del bene contro i brutti e cattivi, cos? la gggente sta tranquilla, non ? tenuta a pensare e crede che "tutto ? chiarissimo", come hai detto tu.

Share this post


Link to post
Share on other sites

imho le rivolte in africa/MO son state tutto tranne che spontanee e i "ribelli" libici non sarebbero avanzati di un metro senza la NATO che di fatto sta combattendo il regime sia sul campo che mediaticamente.

 

Prima o poi usraele avr? il suo nuovo burattino e i loro servi francesi e inglesi si spartiranno la ricompensa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho appoggiato sin dall'inizio sia la rivolta dei libici sia l'intervento risolutore della NATO, criticando aspramente chi in passato aveva appoggiato quel criminale di Gheddafi con atteggiamenti di riprovevole riverenza. Nonostante abbia suscitato risate e riferimenti a code di paglia, non ho cambiato idea. Tanto meno la cambio adesso che la Libia sta finalmente cambiando regime. Adesso spero (e credo) che succeda come in Serbia, altro intervento che avevo appoggiato in pieno (cio? con il pacifico consolidamento della democrazia) e non come in Iraq, intervento che non ho mai appoggiato (cio? con la guerra civile). In Libia non c'? stato bisogno di un intervento di forze terrestri, proprio come in Serbia, e quindi non c'? uno straniero invasore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho appoggiato sin dall'inizio sia la rivolta dei libici sia l'intervento risolutore della NATO, criticando aspramente chi in passato aveva appoggiato quel criminale di Gheddafi con atteggiamenti di riprovevole riverenza. Nonostante abbia suscitato risate e riferimenti a code di paglia, non ho cambiato idea. Tanto meno la cambio adesso che la Libia sta finalmente cambiando regime. Adesso spero (e credo) che succeda come in Serbia, altro intervento che avevo appoggiato in pieno (cio? con il pacifico consolidamento della democrazia) e non come in Iraq, intervento che non ho mai appoggiato (cio? con la guerra civile). In Libia non c'? stato bisogno di un intervento di forze terrestri, proprio come in Serbia, e quindi non c'? uno straniero invasore.

 

Chi ? il terrorista

 

L'Occidente si considera una 'cultura superiore' (nuovo conio del razzismo, essendo diventato quello classico impresentabile dopo Hitler), ritiene di avere i valori migliori, anzi assoluti, e quindi il dovere morale di imporli, abbattendo dittature, autocrazie, teocrazie e quei Paesi, come l'Afghanistan talebano, dove si pratica l'intollerabile sharia (ma la sharia non c'? anche in Arabia Saudita? E che c'entra? Quelli sono alleati).

 

E vediamola allora, a volo d'uccello, la storia della 'cultura superiore'. Dal 1500 al 1700 portoghesi, spagnoli e inglesi si specializzarono nella tratta degli schiavi (la schiavit? era scomparsa da mille anni, col crollo dell'impero romano). Ma nel 1789 arriv? la Rivoluzione francese con i suoi sacri principi: libert?, egalit?, fraternit?. Peccato che l'800 sia stato il secolo del colonialismo sistematico europeo. I 'sacri principi' non valevano per gli altri. Gli Stati Uniti, gli attuali campioni della morale occidentale, hanno alle loro origini un genocidio infame e vile (winchester contro frecce) che non disdegnava l'uso delle 'armi chimiche' dell'epoca (whisky). Sono stati gli unici, in epoca moderna, a praticare, sul proprio territorio, la schiavit?, abolita solo nel 1865 e hanno avuto l'apartheid fino a 50 anni fa. Nelle ultime fasi della seconda guerra mondiale questi corifei dei 'diritti umani' bombardarono Berlino, Dresda, Lipsia mirando appositamente ai civili, fra cui fecero milioni di morti, "per fiaccare il morale del popolo tedesco" come dissero esplicitamente i loro comandi e sono l'unico Paese al mondo ad aver usato l'Atomica. Sgretolatosi il contraltare sovietico hanno inanellato, in vent'anni, cinque guerre. Il primo conflitto del Golfo poteva avere qualche ragione perch? Saddam aveva invaso il Kuwait, peraltro uno Stato fasullo creato nel 1960 per gli interessi petroliferi Usa. Ma le guerre bisogna anche vedere come le si fanno. Per non affrontare fin da subito l'imbelle esercito iracheno bombardarono per tre mesi le principali citt? dell'Iraq. Sotto le luminarie che ci fece vedere il prode Del Noce morirono 160 mila civili, di cui 32.195 bambini (dati del Pentagono). 32.195 bambini. Quando lo scrivo o lo dico mi immagino che i miei connazionali, 'italiani brava gente', siano percorsi da brividi di orrore. Ma non ? cos?. In questo momento, a detta della Tv di Stato, gli italiani e le italiane sono dilaniati dal lacerante dilemma: "Poich? la moda quest'anno non ha dato indicazioni, quale dovr? essere la lunghezza della gonna la prossima estate: al ginocchio, sopra, sotto, mini, maxi?".

 

Poi c'? stata l'aggressione alla Serbia del tutto immotivata ("Gli stupri etnici! Gli stupri etnici!". I debosciati occidentali, che vanno a comprare le bambine e i bambini a Phuket, proiettano la loro ombra: vedono stupri dappertutto). I morti furono 5500. In Afghanistan sono, per ora, 60 mila, la maggioranza provocata, secondo un rapporto Onu del 2009, dai bombardieri Nato, spesso droni, aerei senza equipaggio teleguidati da Nellis nel Nevada. Gli occidentali, si sa, hanno uno stomaco delicato, gli fa orrore il corpo a corpo, il sudore, la vista del sangue. Gli sembra pi? morale schiacciare un bottone, fare qualche decina di morti a 10 mila chilometri di distanza e poi andarsene a cenare a casa. In Iraq i morti sono stati 170 mila. Il calcolo ? stato fatto, in modo molto semplice, da una rivista medica inglese confrontando i decessi degli anni di Saddam con quelli degli anni dell'occupazione. Per la Libia i calcoli li faremo alla fine. Rimaniamo sul certo. Le cinque guerre occidentali hanno causato circa 400 mila vittime civili, il terrorismo internazionale circa 3500. Un rapporto di 110 a uno. E allora chi ? il terrorista?

 

Massimo Fini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io vedo che oggi la Serbia ? un paese democratico che ambisce ad entrare nell'Unione Europea...

Milosevic dove sperava di entrare? Nell'URSS?

 

Il tutto grazie al famoso intervento militare del 99.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io vedo che oggi la Serbia ? un paese democratico che ambisce ad entrare nell'Unione Europea...

Milosevic dove sperava di entrare? Nell'URSS?

 

Il tutto grazie al famoso intervento militare del 99.

 

 

Guarda che fin dai tempi di Tito tra l'Urss e la Jugoslavia non ? che ci fosse grande feeling eh.

E fidati che ai 5000 morti e ai feriti della guerra del '99 di entrare in Europa non gliene frega niente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cioe ma come si fa, quest ? il pi? importante tg nazionale e FALSIFICA le notizie :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mica ? una novit?.

 

Mi ricordo un servizio (sempre sul TG1) su D'Alema (all'epoca al Governo) smascherato da Striscia. Una manipolazione di una telefonata della Bindi (allora ministro della sanit?) a Rai Uno per far sembrare che l'avessero applaudita e invece l'avevano contestata, ecc......

Share this post


Link to post
Share on other sites

In rai una leccata di c*lo non la si rifiuta a nessuno, destra, sinistra e centro.

Certo che Minzolini sta diventando veramente un caso umano, non ha davvero nessuna decenza. :zizi:

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ipocrisia dei pacifisti: urla su Saddam e silenzio su Gheddafi

Nessuno degli "antimperialisti" indignati per l?attacco a Saddam ? sceso in piazza contro la sporca guerra voluta da Londra e Parigi.

 

Una delle guerre pi? stupide e sporche della storia europea cominci? con una sequela di menzogne, parte delle quali timbrate dalle Nazioni Unite, parte subite nell?ignavia della comunit? internazionale: bisogna difendere i civili da Gheddafi, bisogna riscattare un paese in cui il de?stino dell?opposizione pri?maverile sono le fosse comu?ni (inesistenti, si trattava di un cimitero marino), biso?g?na cacciare un tiranno stra?tegicamente pericoloso per la pace nel Mediterraneo, ma non daremo la caccia a Gheddafi, vogliamo solo pro?teggere i diritti di coloro che lo combattono, gente solida e affidabile che garantisce un futuro di pace e di democrazia per la Libia. Saddam Hussein era effettivamente un tiranno fuorilegge da anni nella comunit? internazionale, un signore della tortura che non piantava le sue ten?d?e e le sue amazzoni nei centri storici di Roma e Pa?rigi, che non faceva affari, se non loschi e clandesti?ni, con l?occidente, che era stato dichiarato fuori?legge per avere tentato di accaparrarsi il Kuwait, per avere stermina?to curdi e sciiti con armi di distru?zione di massa, per aver progetta?to il n?ucleare militare finch? Israe?le con un blitz non distrusse il suo sogno e il nostro incubo del reatto?re di Ozirak, detto anche O-Chi?rac. E dietro la guerra a Baghdad, costata molto agli iracheni e agli americani e combattuta anche con il sacrificio di migliaia di vite di soldati eroici dell?Occidente in reazione politica dopo l?11 settem?bre, non c?erano le menzogne del?l?Onu e le farneticazioni della rive gauche parigina, non c?erano le bestialit? umanitarie che cercano penosamente di coprire il bagno di sangue clanistico e tribale in corso in Libia con la nostra fattiva complicit?,c?era un manifesto po?litico delle libert? civili nel mondo islamico, c?era il riscatto costitu?zionale di un popolo vissuto per trentaquattro anni all?ombra di un socialismo arabo del terrore e della repressione pi? spietata. Co?me in Siria, dove l?umanitarismo non penetra chiss? perch?. Avete per caso visto un manife?stante pacifista di quelli indignati contro la ?guerra per il petrolio?, che non ha portato una goccia di petrolio nelle casse imperialiste e ha lasciato l?oro nero finalmente nelle casse di uno stato ricostruito secondo giustizia, ribellarsi alla vera guerra del petrolio, per di pi? cinica e levantina perch? non era in discussione la giugulare petroli?fera libica ma solo le condizioni di forza tra diversi paesi europei per il suo accaparramento? Avete let?to qualcuno dei commentatori malmostosi e insinceri del dolore iracheno scrivere con toni indi?gnati del carattere neocoloniale, assurdo, surreale e sanguinario, della guerra dei cieli che la Nato ? stata portata a combattere senza una strategia chiara, senza un sen?so politico accettabile, con un di?spendio vano e crudele di risorse dall?alto che ha imposto la feroce, lunga carneficina in corso? La guerra in Iraq aveva piegato quel vecchio capo tribale, quel mascalzone di Tripoli, e lo aveva convinto a trasformarsi in uomo d?affari, a eliminare i programmi di riarmo non convenzionale, a mettersi sotto la tutela delle diplo?mazie e delle cancellerie occiden?tali. La guerra giusta aveva inflitto una sconfitta strategica definitiva al clan Gheddafi, bisognava solo lavorare per un cambio di regime politico con mezzi politici. Ma l?iperattivista Sarkozy e l?inesper?to pupo del numero 10 di Dow?ning Street non potevano aspetta?re, avevano bisogno di muovere lo scacchiere e farsi belli di qual?che decina di migliaia di morti a scopo umanitario. Cos? il paese, la Francia, che aveva diviso l?Occi?dente davanti a un pericolo reale, Saddam, e a una missione leale, ha trascinato l?Europa e purtrop?po una riluttante Italia minore, con la solida eccezione della Ger?mania, in una insidiosa avventura che al meglio ? destinata a sostitui?re Gheddafi con i gheddafiani, al peggio ? candidata a procurarci un?altra bella Somalia nella quar?ta sponda. Pu? succedere che la politica di potenza abbia risvegli da incubo, e produca menzogne belluine, ma che l?opinione pubblica ?de?mocratica e pacifista e antimpe?rialista ? abbia subito tutto questo, con rare eccezioni,e che abbia ac?comp?agnato l?avventurismo euro?peo con una palese esibizione del doppio standard, due pesi e due misure, ? un?ombra che peser? sulla nostra storia, e sui nostri ef?fettivi interessi strategici, per mol?ti anni a venire.

 

Giuliano Ferrara

Edited by Osrevinu

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti: non solo dovevamo lasciare che quel sanguinario di Gheddafi facesse bombardare le popolazioni in rivolta e stuprare le donne di quelle popolazioni, ma si doveva pure protestare contro l'intervento. Strano che lo pensi proprio tu che conti i morti dei regimi comunisti cellula per cellula...

E non basta, bisogna considerare missili a precisione come bombardamenti a tappeto e invasioni terrestri, sono proprio la stessa cosa! Per non parlare dell'esistenza di un esercito anti Gheddafi da aiutare, ma quello ? un particolare del tutto insignificante...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peccato, per te, che le stesse cose di Gheddafi le faceva Saddam, gasando i curdi e bombardando le popolazioni del sud a Bassora e tenendo il popolo alla fame.

 

Ah ora esistono i missili intelligenti? Ma come? Dicevate che erano tutte ca**ate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

So che, informati dal TG1, non ci crederete, ma molte (non tutte) delle malefatte attribuite ai satrapi islamici non sono affatto vere, ma ottime menzogne ripetute fino allo sfinimento finch? diventano verit?.

 

Sarei pure d'accordo nel dire che, per coerenza, si doveva protestare anche per questa guerra (i "ribelli" in realt? erano gi? d'accordo con la Francia, visto che i capi di Bengasi si erano gi? incontrati con il governo francese molto prima che scoppiasse la "rivolta"), ma dire che la guerra contro l'Iraq fosse giusta e, peggio, dire che oggi gli iracheni (che muoiono a centinaia ogni giorno, ogni giorno, ogni giorno) adesso stanno meglio di quando c'era Saddam, ? una bestiale, malefica menzogna che nemmeno Minzolini e Mimun potevano partorire...

Share this post


Link to post
Share on other sites

So che, informati dal TG1, non ci crederete, ma molte (non tutte) delle malefatte attribuite ai satrapi islamici non sono affatto vere, ma ottime menzogne ripetute fino allo sfinimento finch? diventano verit?.

 

Sarei pure d'accordo nel dire che, per coerenza, si doveva protestare anche per questa guerra (i "ribelli" in realt? erano gi? d'accordo con la Francia, visto che i capi di Bengasi si erano gi? incontrati con il governo francese molto prima che scoppiasse la "rivolta"), ma dire che la guerra contro l'Iraq fosse giusta e, peggio, dire che oggi gli iracheni (che muoiono a centinaia ogni giorno, ogni giorno, ogni giorno) adesso stanno meglio di quando c'era Saddam, ? una bestiale, malefica menzogna che nemmeno Minzolini e Mimun potevano partorire...

Io non ho detto che la guerra in Iraq era giusta e questa in Libia sbagliata. Non sono entrato nel merito della questione. Ho postato l'articolo di Ferrara solo per sottolineare l'ipocrisia e il doppiopesismo di chi ieri si stracciava le vesti e oggi applaude i caccia. Ripeto: non ho espresso un giudizio sulla vicenda.

 

Magari se questa guerra in Libia la faceva Bush era anche questa una porcata; invece l'ha fatta il premio Nobel per la pace di sti ca**i Obama e allora va tutto bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peccato, per te, che le stesse cose di Gheddafi le faceva Saddam, gasando i curdi e bombardando le popolazioni del sud a Bassora e tenendo il popolo alla fame.

 

Ah ora esistono i missili intelligenti? Ma come? Dicevate che erano tutte ca**ate.

E allora perch? non si ? intervenuto allora? Ah no ? successo, Clinton intervenne senza che nessuno disse nulla, e come? Solo con le bombe! E poi adesso in Iraqc s? che si sta bene, c'? pi? di fame di prima e anche il rischio di morire per una bomba.

Beninteso, io odiavo Saddam. Ma credo che ci sia modo e modo di intervenire.

Sono d'accordo a: aiutare la resistenza armandola, istruendola e utilizzando strumenti tecnologici come i missili intelligenti per colpire con precisione le armate dei dittatori che le usano per combattere il loro stesso popolo. Cos? ? successo in Serbia e Libia.

Non sono d'accordo a: invadere terre altrui senza appoggi locali e bombardare a tappeto. Cos? ? successo in Iraq.

Io non ho mai negato l'esistenza dei missili intelligenti, se a te fa piacere pensarlo giudicati da solo. Io credo che l'intelligenza stia soprattutto nel saperli usare, Bush non li sapeva usare, Clinton s?, Obama-Sarkozy-Cameron s

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×