Jump to content
Sign in to follow this  
Hunaudieres

Circuiti: chi è dentro, chi è fuori

Recommended Posts

Però Imola potrebbe restaurare il GP di San Marino, il Mugello vuole il GP di Italia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Imola merirebbe di tornare.

Un bel gp di San Marino o d'Europa lo potrebbero fare lì. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

GP Italia a Monza

GP San Marino a Imola

GP Europa a Mugello

GP dello Stato del Vaticano a Vallelunga

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarebbe ora che strutturassero il calendario con una 15ina di gp fissi e 5-7 a rotazione ogni anno. 

In questo modo ci sarebbero le opportunità per tutti di entrare in calendario e soprattutto avere gare differenti ogni anno. 

 

In ogni caso scordatevi un gp d’italia lontano da Monza. L’ACI, ovvero chi mette i soldi, da quest’ann ha la gestione diretta del tracciato (e forse anche una quota di proprietà). 

Non pagherá mai per organizzare un evento a casa di altri. 

 

Se Imola o il Mugello vogliono le gare, devono trovare qualcuno che paghi la quota annuale. Qualcuno che non sia Aci.

Buona fortuna. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, chatruc ha scritto:

ecco un test recente in cui è stato provato il circuito.

 

 

Figata! motore sempre a palla, voglio vedere chi arriva alla fine.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Bigmeu ha scritto:

Sarebbe ora che strutturassero il calendario con una 15ina di gp fissi e 5-7 a rotazione ogni anno. 

In questo modo ci sarebbero le opportunità per tutti di entrare in calendario e soprattutto avere gare differenti ogni anno. 

 

In ogni caso scordatevi un gp d’italia lontano da Monza. L’ACI, ovvero chi mette i soldi, da quest’ann ha la gestione diretta del tracciato (e forse anche una quota di proprietà). 

Non pagherá mai per organizzare un evento a casa di altri. 

 

Se Imola o il Mugello vogliono le gare, devono trovare qualcuno che paghi la quota annuale. Qualcuno che non sia Aci.

Buona fortuna. 

 

Assolutamente daccordo sulla rotazione di alcune gare ogni anno, a patto che a ruotare siano quelle dei famosi "nuovi mercati", tipo Bahrein, Abu Dhabi, Cina, Baku, Singapore ecc. e non quelle storiche.

Il gettone richiesto a tali gare dovrebbe essere più alto (tanto lo pagherebbero comunque perchè sono ricchi), in modo tale che alle gare storiche non debba essere richiesto alcun gettone. In questo modo i circuiti storici come Monaco, Silverstone, Spa, Monza avrebbero anche più soldi da investire nell'ammodernamento delle proprie strutture.

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 ore fa, White Star ha scritto:

 

Assolutamente daccordo sulla rotazione di alcune gare ogni anno, a patto che a ruotare siano quelle dei famosi "nuovi mercati", tipo Bahrein, Abu Dhabi, Cina, Baku, Singapore ecc. e non quelle storiche.

Il gettone richiesto a tali gare dovrebbe essere più alto (tanto lo pagherebbero comunque perchè sono ricchi), in modo tale che alle gare storiche non debba essere richiesto alcun gettone. In questo modo i circuiti storici come Monaco, Silverstone, Spa, Monza avrebbero anche più soldi da investire nell'ammodernamento delle proprie strutture.

 

Se fai pagare tanto ai nuovi mercati e zero ai vecchi, i nuovi si incavolano. Infatti, l'aumento del canone al minimo di 25M che quasi ci costa la perdita del GP (e che ci costa le nostre tasse versate per tale gara) è dovuto proprio a quello. Se l'AD di un'azienda fa ruotare i clienti ricchi a favore di preservare i clienti poveri, sarebbe licenziato dopo mezzo secondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, chatruc ha scritto:

 

Se fai pagare tanto ai nuovi mercati e zero ai vecchi, i nuovi si incavolano. Infatti, l'aumento del canone al minimo di 25M che quasi ci costa la perdita del GP (e che ci costa le nostre tasse versate per tale gara) è dovuto proprio a quello. Se l'AD di un'azienda fa ruotare i clienti ricchi a favore di preservare i clienti poveri, sarebbe licenziato dopo mezzo secondo.

 

I nuovi si incavoleranno, ma ce ne saranno altri ancora più nuovi pronti a subentrare pagando il doppio. Il problema è proprio considerarli clienti, ma è chiaro che ormai li trattano così e a quel punto hai ragione tu.

 

Per me dovrebbe essere come in NFL o nel calcio: il grosso dei campionati si gioca nei luoghi storici, ma alcuni eventi vengono venduti a prezzi astronomici e giocati altrove (Londra - NFL, Pechino - supercoppa italiana, tournee estive varie in USA per le squadre europee ecc...). Se Abu Dhabi non vuole pagare più 50 milioni, entrerà l'Arabia pagandone 70 e di Abu Dhabi non ne sentiremmo la mancanza, ma almeno Spa o Monza non rischierebbero di uscire dal calendario per dei governi del c...o che non riescono a trovare 2 milioni.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

@chatruc, concordo sul fatto che se sei AD e consideri clienti tutti i circuiti, allora fissi il prezzo e chi può paga. 
Il problema però si pone dal momento che alcuni tuoi clienti sono anche quelli che ti permettono di fare il prezzo.La storia e la tradizione di un prodotto aiutano a valorizzare il prodotto stesso.

Correre su circuiti senza storia, senza tradizione, senza tifosi, porta alla perdita di valore (assoluto e percepito).  Prova a ripetere la scena del podio di domenica in Bahrain. Con tutto il pubblico presente in pista non ci riempi nemmeno la griglia di partenza. Così chi guarda da casa percepisce che non è spettacolo da vedere dal vivo, figuriamoci da guardare a casa in tv e sottrarre tempo ai cavoli propri. 


Per usare un paragone moderno, i vari Monaco, Monza, Spa, Suzuka ecc sono gli influencer della F1. Tolti questi il prodotto che cercano di vendere perde valore in modo esponenziale. Nessuno pagherebbe 50 milioni per essere elencati accanto ai prestigiosi circuiti di Abu Dhabi, Singapore, India, Baku e compagnia cantante, così come nessuno comprerebbe una maglietta bianca con una macchia di sugo per 300€, mettila addosso ai Ferragnez e vai in sold out ancor prima di metterla sul mercato.

 

Allora, essendo tu l'AD, per fare in modo che il tuo prodotto rimanga di valore non devi soffocare chi ti permette di tenere in piedi la baracca. Al contrario li devi valorizzare e fare in modo che il loro valore unitario aumenti cosicché di riflesso aumenti anche il tuo. 

 


 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 14/9/2019 Alle 11:08, Bigmeu ha scritto:

@chatruc, concordo sul fatto che se sei AD e consideri clienti tutti i circuiti, allora fissi il prezzo e chi può paga. 
Il problema però si pone dal momento che alcuni tuoi clienti sono anche quelli che ti permettono di fare il prezzo.La storia e la tradizione di un prodotto aiutano a valorizzare il prodotto stesso.

Correre su circuiti senza storia, senza tradizione, senza tifosi, porta alla perdita di valore (assoluto e percepito).  Prova a ripetere la scena del podio di domenica in Bahrain. Con tutto il pubblico presente in pista non ci riempi nemmeno la griglia di partenza. Così chi guarda da casa percepisce che non è spettacolo da vedere dal vivo, figuriamoci da guardare a casa in tv e sottrarre tempo ai cavoli propri. 


Per usare un paragone moderno, i vari Monaco, Monza, Spa, Suzuka ecc sono gli influencer della F1. Tolti questi il prodotto che cercano di vendere perde valore in modo esponenziale. Nessuno pagherebbe 50 milioni per essere elencati accanto ai prestigiosi circuiti di Abu Dhabi, Singapore, India, Baku e compagnia cantante, così come nessuno comprerebbe una maglietta bianca con una macchia di sugo per 300€, mettila addosso ai Ferragnez e vai in sold out ancor prima di metterla sul mercato.

 

Allora, essendo tu l'AD, per fare in modo che il tuo prodotto rimanga di valore non devi soffocare chi ti permette di tenere in piedi la baracca. Al contrario li devi valorizzare e fare in modo che il loro valore unitario aumenti cosicché di riflesso aumenti anche il tuo.

 

Bernie Ecclestone ha dichiarato tre anni fa che storia e tradizione non si toccano, e che la tradizione è sempre stata che la F1 andasse dove gli organizzatori pagano di più. Ha detto pure che i primi a rompere con la tradizioni sono gli organizzatori europei che non vogliono essere più quelli che pagano di più.

 

Tolta questa premessa, a Liberty Media non sono scemi e infatti con Monza hanno pure rinnovato, così come hanno aumentato il numero di gare in Europa con Austria, Francia e ora Olanda. In ogni caso, sotto una certa cifra (Monaco esclusa) non scenderanno mai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se "gli europei" si mettessero d'accordo per dare picche alla F1 e ottenere condizioni più vantaggiose in qualità di piste storiche piegherebbero in meno di un secondo Liberty Media. 


Il problema sta nel fatto che mettersi tutti d'accordo è impossibile e soprattutto in molti casi per ogni circuito che se la tira, ci sono altri due che farebbero carte false per accaparrarsi l'evento. Vedi Monza con Imola e Mugello.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Bigmeu ha scritto:

Se "gli europei" si mettessero d'accordo per dare picche alla F1 e ottenere condizioni più vantaggiose in qualità di piste storiche piegherebbero in meno di un secondo Liberty Media. 


Il problema sta nel fatto che mettersi tutti d'accordo è impossibile e soprattutto in molti casi per ogni circuito che se la tira, ci sono altri due che farebbero carte false per accaparrarsi l'evento. Vedi Monza con Imola e Mugello.

 

Sono d'accordissimo. E questo non doveva succedere solo ora che lo Stato deve intervenire con soldi pubblici per salvare il GP ma 15/20 anni fa, quando era già insostenibile l'organizzazione degli eventi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Bigmeu ha scritto:

Se "gli europei" si mettessero d'accordo per dare picche alla F1 e ottenere condizioni più vantaggiose in qualità di piste storiche piegherebbero in meno di un secondo Liberty Media. 


Il problema sta nel fatto che mettersi tutti d'accordo è impossibile e soprattutto in molti casi per ogni circuito che se la tira, ci sono altri due che farebbero carte false per accaparrarsi l'evento. Vedi Monza con Imola e Mugello.

Concordo con quello che dici tu.

Sulla parte in grassetto ti dico che, secondo me, sia Imola che Mugello non sono realmente interessate alla F1. 

Perché hanno parlato di interesse ad entrare solo quando Monza ha firmato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mugello mai perchè è di proprietà Ferrari e la Ferrari non vuole finanziare la F1 ma vuole che sia la F1 a finanziare lei.

 

Invece Imola sì che voleva la F1 tre anni fa e il Selvatico Estense fece una proposta all'ACI dove lo stato avrebbe dovuto sborsare meno che per finanziare Monza ma alla fine lo stato ha preferito sperperare più danaro pubblico.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 12/9/2019 Alle 13:07, Antonio91 ha scritto:

GP Italia a Monza

GP San Marino a Imola

GP Europa a Mugello

GP dello Stato del Vaticano a Vallelunga

 

Spettacolo, ne andrei a vedere dal vivo almeno 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×