Jump to content
Corracar

Stagione F1 1991: i dilemmi tecnici della Ferrari

Recommended Posts

Sun, cmq secondo me come alcuni affermano nel forum non fu il V12 Honda ad affossare la McLaren, ma la Williams che come telaio, aerodinamica, eletrronica era su un altro pianeta.

 

Mi sono riguardato Monza 1991, la McLaren di Senna consumava le gomme troppo in fretta ed era lentissima (rispetto alle Williams) a Lesmo 2 e alla parabolica, nonostante Mansell e Patrese uscissero attaccati a Senna alla parabolica il V12 Honda allungava addirittura sul rettilineo d'arrivo nonostante la scia e un ala di incidena maggiore, all'epoca la scia si sentiva, Senna venne superato all'Ascari perch? in crisi di gomme era lentissimo a Lesmo 2 dove le Williams erano una fucilata...

 

Il V10 Honda era al limite dell sviluppo infatti a fine stagione fu superato dal V12 Ferrari, il V12 Honda d'altro canto era una due spanne sopra il V12 Ferrari...

 

Il V12 Honda era un motore vincente e ha vinto molte corse, era la Williams che tecnologicamente era su un altro pianeta, infatti tenne il vantaggio fino al 1997...

Edited by Muresan80

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ad Hockenheim ad esempio la McLaren non riusc? assolutamente a tenere il passo delle Williams.

Il numero di vittorie per? non giustifica il reale valore in campo. Le vittorie di forza della McLaren in quei 2 anni si contano sulle dita di una mano.

Il V10 Honda credo non sia mai stato surclassato dal V12 Ferrari, in quanto le rosse, durante tutta la stagione 1990, facevano una fatica incredibile nel restare in scia alla rivale.

Il V12 Honda non ? stato IL motivo, ma uno dei motivi che hanno messo la McLaren in difficolt?. Il V10 Renault non credo fosse cos? tanto lontano dal propulsore giapponese.

 

Servirebbe capire il perch? del ritiro Honda a fine 1992, il motivo vero. A questo punto servirebbe l'aiuto di ***, che sicuramente lo sapr

Edited by Aviatore_Gilles

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, ragazzi, non bisogna esagerare in un senso o nell'altro.

 

La Williams '91, gi? DI BASE, era tutta un'altra cosa rispetto alle precedenti.

Senza contare tutto il lavoro svolto da Patrese e Boutsen nel biennio precedente. Nei test di Imola erano sempre in pista, una cosa allucinante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ad Hockenheim ad esempio la McLaren non riusc? assolutamente a tenere il passo delle Williams.

Il numero di vittorie per? non giustifica il reale valore in campo. Le vittorie di forza della McLaren in quei 2 anni si contano sulle dita di una mano.

Il V10 Honda credo non sia mai stato surclassato dal V12 Ferrari, in quanto le rosse, durante tutta la stagione 1990, facevano una fatica incredibile nel restare in scia alla rivale.

Il V12 Honda non ? stato IL motivo, ma uno dei motivi che hanno messo la McLaren in difficolt?. Il V10 Renault non credo fosse cos? tanto lontano dal propulsore giapponese.

 

Servirebbe capire il perch? del ritiro Honda a fine 1992, il motivo vero. A questo punto servirebbe l'aiuto di ***, che sicuramente lo sapr?.

 

secondo me il ritiro della honda era nell'aria gia' dal 91,piu' o meno come quello renault nel 96'.aveva vinto tutto e raggiunto il limite dello sviluppo nel suo motore.per ripartire avrebbe dovuto cambiare progetto,certo e' che se cambi progetto col v12 e vai peggio di prima allora quella e' la mazzata finale.

 

oltretutto gia' a fine 91 si parlava di una crisi economica(niente rispetto ad oggi) che faceva propendere honda per una fine del programma f.1.

 

nel 90' la ferrari raggiunse la potenza del motore honda verso la fine della stagione.a monza ci fu il pareggio e prost fece segnare le velocita' massime in gara.per questo honda si senti' minacciata e ando' al v12,aveva paura che ormai il v10 fosse destinato a non reggere piu' il confronto.

 

il progetto v12 fu frettoloso,e quando arrivo' diede un sacco di problemi di consumi lubrificazione e pesi.questo costrinse la mclaren ad azzerare il lavoro per lamclaren elettronica del 92' e concentrarsi allo smagrimento della vettura 91.

 

il risultato fu che quando la vettura 92' arrivo' era in netto ritardo,inaffidabile e con un v12 forse peggio dell'anno precedente

 

Mansell e Senna erano due collaudatori sopraffini, purtroppo la stampa fomenta miti, falsi miti, dicerie, purtroppo la gente ci crede.

 

Mansell in Ferrari ha sviluppato il semiautomatico e gli ingegneri si affidavano a lui per lo sviluppo della vettura che ? migliorata in maniera netta durante la stagione e non a Berger, che ci ha messo sette mesi per capire come funzionava quel cambio...

 

secondo me solo chi ci ha lavorato puo' dare un giudizio obbiettivo.la stampa dall'esterno sostanzialmente fa l'equazione "pilota ragioniere=ottimo collaudatore",e " pilota spettacolare=scarso collaudatore"

 

a me sembra un modo molto riduttivo di vedere le cose,villeneuve mansell montoya non capiscono niente di sviluppo,prost lauda sono fenomeni,senna sta nel mezzo.

 

la base e' sempre la bonta' del progetto.l'ingegnere fa la macchina e la deve fare bene.poi gli ingegneri in pista e i vari reparti concorrono tutti llo sviluppo.il pilota da delle indicazioni.

 

sul fatto che mansell fosse svolgiato nei test non ci vedo grande importanza.senna stava 3 mesi in vacanza,poi arrivava rivoltava la macchina come un calzino e faceva il miglior tempo.berger ci aveva passato 3 mesi.

 

poi bisogna vedere che tipo di sviluppo si deve fare.perche' non e' detto che il regolarista sia adatto aun certo tipo di lavoro.a volte ce' bisogno anche del pilota che supera certi limiti eporta la vettura a certi livelli prestazionali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si Muresan quello lo disse Patrese, onestamente non saprei dove andarla a ripescare l'intervista, c'? su Motorsport.com

 

Ma a parte questo, vorrei fare una considerazione. Come mai la Ferrari nonostante gli ingenti investimenti e il vantaggio di avere gi? il V12 non riusci nemmeno a vincere una gara. Il V12 ebbe parecchie rotture quell'anno, segno che non c'erano solo problemi di Management come dicono alcuni; ricordiamo che a spa Prost teneva il passo della McLaren e della Williams e anche Alesi stava andando a vincere, e i due m otori finirono arrosto. Anche il V12 dette parecchi problemi diversamente dall'anno prima. Certo se fossero partiti un po' pi? avanti nelle qualifiche forse una o due gare l'avrebbero vinte, ma non c'era solo l'aereodinamica o il management che era in crisi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Senza contare tutto il lavoro svolto da Patrese e Boutsen nel biennio precedente. Nei test di Imola erano sempre in pista, una cosa allucinante.

 

patrese fece un ottimo lavoro,mansell fu importante perche' capace di spingere il limite della vettura ancora piu' in alto,hill sviluppo' le sospensioni attive.

 

pero' alla base di tutto c'era il genio di newey,e la volonta' di head di ripescare le sospensioni attive e crederci fortemente,il motore renault completava il quadro perfetto.

 

se mettevi gli stessi piloti a sviluppare la ferrari non avrebbero combinato nulla

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra l'altro ricordate la bella vignetta di Matitaccia, con Mansell che stringe la mano ad Ayrton che vibra: "problemi di sospensioni?" :asd: guardando i gp del '92 si vede che la Williams FW15 ? stata una delle migliori in assoluto della F1 che ha raggiunto la sublimazione per via delle sospensioni attive, guardavo recentemente Patrese e Mansell dominare in Messico sembravano veramente andare a passeggio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sun, cmq secondo me come alcuni affermano nel forum non fu il V12 Honda ad affossare la McLaren, ma la Williams che come telaio, aerodinamica, eletrronica era su un altro pianeta.

 

Mi sono riguardato Monza 1991, la McLaren di Senna consumava le gomme troppo in fretta ed era lentissima (rispetto alle Williams) a Lesmo 2 e alla parabolica, nonostante Mansell e Patrese uscissero attaccati a Senna alla parabolica il V12 Honda allungava addirittura sul rettilineo d'arrivo nonostante la scia e un ala di incidena maggiore, all'epoca la scia si sentiva, Senna venne superato all'Ascari perch? in crisi di gomme era lentissimo a Lesmo 2 dove le Williams erano una fucilata...

 

Il V10 Honda era al limite dell sviluppo infatti a fine stagione fu superato dal V12 Ferrari, il V12 Honda d'altro canto era una due spanne sopra il V12 Ferrari...

 

Il V12 Honda era un motore vincente e ha vinto molte corse, era la Williams che tecnologicamente era su un altro pianeta, infatti tenne il vantaggio fino al 1997...

Ero a Monza quell'anno, bel gran premio!

Monza tifava tutta Mansell, una cosa impressionante. Quel pilota era amatissimo in Italia.

Torniamo al 1991, fu una stagione da shock. Gi? ero depresso per fatti miei e confidavo in quella stagione per consolarmi un p?.

Eravamo tutti sicuri che la Ferrari avrebbe dominato. Poi il Gran Premio di Phoenix ci fece capire la dura realt?.

Per me fu una grande delusione. Ho dovuto aspettare 9 lunghi anni per vedere la Ferrari vincere.

 

E' bene ricordare che la monoposto pi? forte della stagione fu la Williams.

Se la McLaren vinse fu per due motivi:

1) Il 40-6 piazzato da Senna su Mansell nei primi 4 gran premi, quando la Williams pagava problemi di affidabilit? iniziale;

2) Avere Senna al volante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, ragazzi, non bisogna esagerare in un senso o nell'altro.

 

La Williams '91, gi? DI BASE, era tutta un'altra cosa rispetto alle precedenti. Muso alto, aerodinamica totalmente diversa. Era gi? veloce nei test ma anche nelle prime gare (Brasile, Imola).

Quella macchina di Newey fu la base azzeccata su cui il team sar? vincente fino al 1997, con tanti piloti differenti.

 

Con la Williams '89-'90 non credo che Mansell, con qualsiasi decantata messa a punto (in cui io credo relativamente), potesse fare tanto meglio, e certo non vincere il mondiale...

 

La messa a punto e le indicazioni di sviluppo possono far migliorare una macchina, ma non certo trasformare un cancello in un'auto da mondiale...

 

Va bene questo ? ovvio per? certi netti passi avanti e/o indietro sono indicativi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ero a Monza quell'anno, bel gran premio!

Monza tifava tutta Mansell, una cosa impressionante. Quel pilota era amatissimo in Italia.

Torniamo al 1991, fu una stagione da shock. Gi? ero depresso per fatti miei e confidavo in quella stagione per consolarmi un p?.

Eravamo tutti sicuri che la Ferrari avrebbe dominato. Poi il Gran Premio di Phoenix ci fece capire la dura realt?.

Per me fu una grande delusione. Ho dovuto aspettare 9 lunghi anni per vedere la Ferrari vincere.

 

E' bene ricordare che la monoposto pi? forte della stagione fu la Williams.

Se la McLaren vinse fu per due motivi:

1) Il 40-6 piazzato da Senna su Mansell nei primi 4 gran premi, quando la Williams pagava problemi di affidabilit? iniziale;

2) Avere Senna al volante.

 

 

Purtroppo, con la crescente importanza dell'aerodinamica, il V12 stava segnando il passo.

Diventava difficile costruirci intorno una monoposto perfettamente equilibrata.

Erano motori potenti, ma non facevano una differenza tale da preferirli ai V10.

Edited by Aviatore_Gilles

Share this post


Link to post
Share on other sites

cmq Tigre non si ? inventato le cose, quella di Mansell che sale sulla FW13 del 1990 nei test al Paul Ricard e abbassa di 1,5 secondi il tempo, stravolgendo la geometria delle sospensioni l'ho sentita anche io.

 

Fece un po' di giri, poi torn? al box e disse, "no cos? non va" interven? pesantemente sulle barre e le sospensioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cmq per quanto riguarda la stagione 1991, io credo che il V12 con la sua potenza abbia parato molto il c*lo alla McLaren, dato che aveva molti cavalli in pi? del Renault, se la McLaren avesse avuto il V10 sarebbe stata superata in potenza dalla Williams e visto quanto quest'ultima era avanti sul fronte telaistico e aerodinamico non avrebbe avuto problemi a vincere il mondiale.

 

L'Honda alla prima esperienza col V12 fece un motore nettamente migliore sotto tutti i punti di vista della Ferrari che quel motore lo conosceva da una vita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si infatti Sun alla 130R ricordo le velocit? simili di Benetton Williams, un punto molto particolare in cui misurare l'efficienza aereodinamica, Patrese si riferiva al fatto che quando arrivo' Mansell le prestazioni migliorarono di botto anche per viaq che stravolse un po' il metodo di lavoro, e pungolo' gli uomini di Renault e Williams a migliorare il pacchetto.

Sono d'accordo con quanto affermato Marcello1997, tuttavia gi? a Phoenix si capii che l'anno doveva essere almeno sulla falsariga del precedente invece a mano a mano la stagione si eclisso', eppure di elettronica la Ferrari era quella messa meglio, doveva essere almeno a livello della Mclaren che non aveva nemmeno il cambio automatico, e sul motore avevano anche un vantaggio rispetto al nuovo V12 Honda

Edited by tigre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si infatti Sun alla 130R ricordo le velocit? simili di Benetton Williams, un punto molto particolare in cui misurare l'efficienza aereodinamica, Patrese si riferiva al fatto che quando arrivo' Mansell le prestazioni migliorarono di botto anche per viaq che stravolse un po' il metodo di lavoro, e pungolo' gli uomini di Renault e Williams a migliorare il pacchetto.

Sono d'accordo con quanto affermato Marcello1997, tuttavia gi? a Phoenix si capii che l'anno doveva essere almeno sulla falsariga del precedente invece a mano a mano la stagione si eclisso', eppure di elettronica la Ferrari era quella messa meglio, doveva essere almeno a livello della Mclaren che non aveva nemmeno il cambio automatico, e sul motore avevano anche un vantaggio rispetto al nuovo V12 Honda

 

Nessuno vantaggio da parte del Ferrari, il V12 Honda era gi? pi? potente del Ferrari poi il divario ? aumentato nel corso della stagione in modo elevato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non erro, il V12 Ferrari ebbe il richiamo a molle fino a met? stagione 1993, il che non permise di superare i 13.500 giri/min (forse anche meno) e la potenza era 700 cv risicati. Il Renault contava gi? sulle valvole idropneupmatiche e 14.500/15000 giri, ma lavorava gi? a temperature oltre i 110?C, a tutto vantaggio delle ridotte masse radianti. Il V12 Honda non lo so, ma era pi? potente del Ferrari. A partire da met? 1993 il Ferrari introdusse le valvole pneumatiche, con netta crescita della potenza...ma l'inferiorit? telaistica (legata forse anche al motore stesso? Ma secondo me non solo quello...) non permise al V12 di far la differenza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il top si raggiunse nel 1994, con lo 043 che annichil? la concorrenza quanto a potenza pura.

Oltretutto il vecchio V12 Ferrari, oltre che il richiamo a molle, aveva anche 5 valvole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il V12 aveva il richiamo pneumatico delle valvole gi? nel 1992, cmq non so quale aveva pi? potenza in qualifica tra il V12 Honda del 1992 e il V12 Ferrari del 1994, ho sentito 880 cv per l'Honda e 858 per il Ferrari, cmq siamo l?.

 

La Ferrari assunse nel 1993 Osamu Goto padre dei V10 e V12 Honda forse il motore 4 valvole con richiamo pneumatico che esord? a fine 1993 ed era due spanne superiore al vecchio 5 valvole che altro non era poi quello del 1989, aveva molto del tecnico giapponese.

Edited by Muresan80

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissima la vignetta di Matitaccia ahh postata da Sun. Io comunque ritengo che il V12 valesse pi? del Renault in termini di potenza pura, e non fosse poi molto lontano dall'Honda. Vedendo le immagini del 1991 mi sembrava che quella macchina fosse in crisi di assetto e in aereodinamicaq pi? che di motore. Ricordo da Renato Ronco un giornalista affermare le stesse cose. Ricordiamo che una vittoria la fece anche la Benetton col motore V8 seppure maturata in circostanze fortunate. Nei circuiti veloci Silverstone ed Hockenheim fu la carenza di aerodinamica che tenne la Ferrari lontano dalla vittoria e dal podio non di certo il V12

Share this post


Link to post
Share on other sites

×