Jump to content
Corracar

Stagione F1 1991: i dilemmi tecnici della Ferrari

Recommended Posts

diciamo che i tecnici McLaren tra il 1991 e il 1993 non ci fecero bella figura nel calcolare la quantit? di benzina, cmq Senna fece doppietta di "secchi" ad Hockenheim 1991 anche!

Share this post


Link to post
Share on other sites

diciamo che i tecnici McLaren tra il 1991 e il 1993 non ci fecero bella figura nel calcolare la quantit? di benzina, cmq Senna fece doppietta di "secchi" ad Hockenheim 1991 anche!

 

secchi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

il passaggio al V12 fu deleterio per la honda (nell'insieme mclaren)...

se fossero rimasti al V10 forse avrebbero potuto continuare a vincere ancora..

quoto rumpen su tutto

Share this post


Link to post
Share on other sites

il passaggio al V12 fu deleterio per la honda (nell'insieme mclaren)...

se fossero rimasti al V10 forse avrebbero potuto continuare a vincere ancora..

quoto rumpen su tutto

 

assolutamente no, la Williams era invincibile per via delle sospensioni attive e per la modernit? della vettura, non per il motore, poi il V10 Honda nel 1991 con la Tyrrell fece pena...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il V10 Honda sulla Tyrrell non ha sfigurato, anzi, si trattava p'ur sempre anche di un motore dell'anno prima, con scarse possibilit? di sviluppo durante la stagione. Il V12 montato sulla McLaren non era determinante per vincere comunque, l'elettronica stava incominciando a farla da padrona, infatti l'unica cosa che mancava alla McLaren erano le sospensioni attive, ma non c'era un distacco abissale dalla Williams secondo me, Berger e Senna si qualificavano quasi sempre terzi e quarti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il V10 Honda sulla Tyrrell non ha sfigurato, anzi, si trattava p'ur sempre anche di un motore dell'anno prima, con scarse possibilit? di sviluppo durante la stagione. Il V12 montato sulla McLaren non era determinante per vincere comunque, l'elettronica stava incominciando a farla da padrona, infatti l'unica cosa che mancava alla McLaren erano le sospensioni attive, ma non c'era un distacco abissale dalla Williams secondo me, Berger e Senna si qualificavano quasi sempre terzi e quarti.

 

a inizio stagione andava molto bene la tyrrel fece bei risultati,tra cui il secondo posto a monaco in qualifica.poi la mancanza cronica di soldi e di sviluppo compromise la seconda parte della stagione

Share this post


Link to post
Share on other sites

La williams aveva un equilibrio perfetto di telaio e un'ottima aerodinamica, che rendeva ancora meglio grazie alle sospensioni attive. Inoltre il motore renault consumava poco, aveva tanta coppia bassi regimi e come potenza era niente male anche se non come i V12.

 

La Ferrari troppi litigi, alla fine non han reso possibile la risoluzione rapida dei problemi della macchina...anzi, un calo costante fino al 1993

 

Alla Mc LAren il talento di Senna ci metteva una pezza

Share this post


Link to post
Share on other sites

il passaggio al V12 fu deleterio per la honda (nell'insieme mclaren)...

se fossero rimasti al V10 forse avrebbero potuto continuare a vincere ancora..

quoto rumpen su tutto

 

 

Lo credo anch'io.

Mi sto riguardando alcune gare del 1990 e il V10 Honda aveva una superiorit? netta rispetto al V12 Ferrari. In uscita di curva la coppia del motore giapponese era incredibile e in allungo il V12 Ferrari faticava a tenere il passo. Sulle piste pi? veloci la Ferrari faticava e non si pu? dare colpa alla macchina, in quanto la 641 aveva un'ottima aerodinamica e andava bene su tutte le piste.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovviamente quando parlate della "641" in realt? volete intendere la "641/2".

 

La 641 ha corso solo due gare, Phoenix e Brasile '90. Per il resto della stagione 1990 la Ferrari us? la 641/2.

 

Che a sua volta ? diversa dalla 642 usata nelle prime sei corse del 1991, poi sostituita dalla 643...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sar? ma il V12 Honda nel 1991 aveva 775 cv, mentre il V10 non ? mai andato oltre i 715...

 

A Monza la McLaren Honda V12 pagava l'eccessiva usura delle gomme nei rettifili era un missile, Senna fece il record della piasta frantumando di 1,5 secondi il record dell'anno prima col V10...

 

e la McLaren aerodinamicamente era davvero troppo convenzionale e di vecchia concezione

 

Il V12 Honda nel 1991 era in netto vantaggio rispetto al V12 Ferrari

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che il V12 Honda fosse in vantaggio sul V12 Ferrari lo credo anch'io, era anche pi? moderno come idee e costruzione.

Ma che fosse cos? superiore ho qualche dubbio. E' innegabile comunque che il passaggio al V12 sia stata la fine della Honda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che il V12 Honda fosse in vantaggio sul V12 Ferrari lo credo anch'io, era anche pi? moderno come idee e costruzione.

Ma che fosse cos? superiore ho qualche dubbio. E' innegabile comunque che il passaggio al V12 sia stata la fine della Honda.

 

la fine dela Honda sono state le sospensioni attive della Williams quello era il vantaggio,

 

il V10 Honda ha vinto 16 corse in due stagioni e nella stagione 1989 la McLaren era troppo superiore e aveva Senna e Prost oltretutto con una reale concorrenza nel 1990 ne vinse 6 quante il V12 Ferrari...

 

Il V12 Honda vinse 13 corse in due anni appena tre in meno in un regime di concorrenza spietata visti i progressi telaistici Williams e le sospensioni attive oltretutto lo guidava Berger che vale un decimo di Prost e la McLaren era indietro sul fronte telaistico aerodinamico...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Williams vinse per il perfetto equilibrio di tutte le parti, non solo per le sospensioni attive. Anche il motore faceva la sua parte, potendo contare su potenza ed elasticit?.

Se guardiamo la potenza bruta possiamo dire che il V12 Honda era in vantaggio, ma il motore non ? tutto.

Le gare vinte da Senna in quel 1991 arrivarono anche per regali altrui, ma pure lui sapeva che contro quella Williams non si poteva fare niente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

la fine dela Honda sono state le sospensioni attive della Williams quello era il vantaggio,

 

il V10 Honda ha vinto 16 corse in due stagioni e nella stagione 1989 la McLaren era troppo superiore e aveva Senna e Prost oltretutto con una reale concorrenza nel 1990 ne vinse 6 quante il V12 Ferrari...

 

Il V12 Honda vinse 13 corse in due anni appena tre in meno in un regime di concorrenza spietata visti i progressi telaistici Williams e le sospensioni attive oltretutto lo guidava Berger che vale un decimo di Prost e la McLaren era indietro sul fronte telaistico aerodinamico...

 

e' un calcolo un po' semplicistico,da queste statistiche sembrerebbe quasi che il v 12 valeva il v10 renault.

 

nel 91 senna vinse 7 gare ma alcune di esse furono dovute all'inafidabilita' della williams.

 

nel 92' la mclaren per vincere doveva aspettare i ritiri delle williams.

 

se la mclaren rimase indietro telisticamente la colpa fu soprattutto del v12.e qui entriamo negli eterni discorsi di pesi ingombri etc. etc.

 

un motore non si valuta solo con i cv sviluppati.la realta' e' che newey col v10 renault poteva disegnare le vetture che voleva,non serve avere una manciata di cv in piu' se poi penalizzi tutte le altre aree della vettura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ricordo che AS riporto' le rilevbazioni cronometriche a Suzuka a fine '90; Williams e Benetton erano alla pari alla 130R mentre Ferrari e McLaren erano alla pari immediatamente pi? in alto di quelle due sopracitate. Nel 1990 Patrese disse che con l'arrivo di Mansell guadagnarono 2 secondi al giro, fu anche una questione di messa a punto della Williams non era solo l'elettronica a fare la differenza. Quello lo fece nel 1992 inbfatti Patrese disse che sapevano gi? di essere fuori dalla portata delle altre vetture. Certo nel 1991 ci fu la mancanza dei piloti nel giro secco nelle qualifiche che fece perdere almeno una vittoria alla ferrari

Edited by tigre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ricordo che AS riporto' le rilevbazioni cronometriche a Suzuka a fine '90; Williams e Benetton erano alla pari alla 130R mentre Ferrari e McLaren erano alla pari immediatamente pi? in alto di quelle due sopracitate. Nel 1990 Patrese disse che con l'arrivo di Mansell guadagnarono 2 secondi al giro, fu anche una questione di messa a punto della Williams non era solo l'elettronica a fare la differenza. Quello lo fece nel 1992 inbfatti Patrese disse che sapevano gi? di essere fuori dalla portata delle altre vetture. Certo nel 1991 ci fu la mancanza dei piloti nel giro secco nelle qualifiche che fece perdere almeno una vittoria alla ferrari

 

QUOTE(tigre @ Jul 31 2008, 08:13 AM)

Mansell ha sviluppato e fatto vincere una macchina che negli anni precedenti valeva quanto una Benetton, questa storia della supermacchina di Mansell mi fa ridere

 

 

grandissimo tigre che sfodera gli artigli, incensa Mansell e da indirettamente addosso a Prost!

 

tigre :idolo:

Edited by Muresan80

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ricordo che AS riporto' le rilevbazioni cronometriche a Suzuka a fine '90; Williams e Benetton erano alla pari alla 130R mentre Ferrari e McLaren erano alla pari immediatamente pi? in alto di quelle due sopracitate. Nel 1990 Patrese disse che con l'arrivo di Mansell guadagnarono 2 secondi al giro, fu anche una questione di messa a punto della Williams non era solo l'elettronica a fare la differenza. Quello lo fece nel 1992 inbfatti Patrese disse che sapevano gi? di essere fuori dalla portata delle altre vetture. Certo nel 1991 ci fu la mancanza dei piloti nel giro secco nelle qualifiche che fece perdere almeno una vittoria alla ferrari

 

che ci vuoi fare? la storiella che nello sviluppo delle macchine Prost era il professore e Senna e Mansell due carciofi la sento da vent'anni.

 

Nessuno mi ha ancora spiegato perch? il professore dal '90 al '91 tir? fuori quel capolavoro che fatto il mondiale '91.

 

Nessuno mi ha ancora spiegato perch? Mansell che correva senza cervello dal '90 al '92 ha creato le superwilliams che hanno dato il via ad un dominio concluso nel '98.

 

Nessuno mi ha ancora spiegato perch? Prost va vai nell'89 e Senna da solo sviluppa la macchina che vicnce due mondiali, partito lui la McLaren sprofonda e torna competitiva a meta '97

Edited by Ayrton4ever

Share this post


Link to post
Share on other sites

che ci vuoi fare? la storiella che nello sviluppo delle macchine Prost era il professore e Senna e Mansell due carciofi la sento da vent'anni.

 

Nessuno mi ha ancora spiegato perch? il professore dal '90 al '91 tir? fuori quel capolavoro che fatto il mondiale '91.

 

Nessuno mi ha ancora spiegato perch? Mansell che correva senza cervello dal '90 al '92 ha creato le superwilliams che hanno dato il via ad un dominio concluso nel '98.

 

Nessuno mi ha ancora spiegato perch? Prost va vai nell'89 e Senna da solo sviluppa la macchina che vicnce due mondiali, partito lui la McLaren sprofonda e torna competitiva a meta '97

 

Mansell e Senna erano due collaudatori sopraffini, purtroppo la stampa fomenta miti, falsi miti, dicerie, purtroppo la gente ci crede.

 

Mansell in Ferrari ha sviluppato il semiautomatico e gli ingegneri si affidavano a lui per lo sviluppo della vettura che ? migliorata in maniera netta durante la stagione e non a Berger, che ci ha messo sette mesi per capire come funzionava quel cambio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, ragazzi, non bisogna esagerare in un senso o nell'altro.

 

La Williams '91, gi? DI BASE, era tutta un'altra cosa rispetto alle precedenti. Muso alto, aerodinamica totalmente diversa. Era gi? veloce nei test ma anche nelle prime gare (Brasile, Imola).

Quella macchina di Newey fu la base azzeccata su cui il team sar? vincente fino al 1997, con tanti piloti differenti.

 

Con la Williams '89-'90 non credo che Mansell, con qualsiasi decantata messa a punto (in cui io credo relativamente), potesse fare tanto meglio, e certo non vincere il mondiale...

 

La messa a punto e le indicazioni di sviluppo possono far migliorare una macchina, ma non certo trasformare un cancello in un'auto da mondiale...

 

Il progetto di base deve gi? essere almeno abbastanza valido, poi si pu? affinare.

 

Mansell non era certo un deficiente nella messa a punto, ma diciamo che altri piloti erano un p? pi? versati.

 

Bernard Dudot ha ripetuto pi? volte (ho molte riviste al riguardo) che Damon Hill era uno dei migliori piloti nella messa a punto con cui egli avesse lavorato, degno, in questo settore, di essere paragonato a Prost e Senna. Ma di Mansell non faceva cenno, n? in positivo n? in negativo.

 

Prost si lamentava (intervista alla Tv francese, febbraio 1991) che Mansell sin dall'inverno '89 era sempre molto svogliato nei collaudi, non era disposto a dividersi equamente il lavoro con lui, e poi alla fine diceva ai tecnici che per lui andava bene adottare l'assetto di Prost.

 

Ora, nel 1985 Mansell diceva che anche l'assetto di Rosberg gli andava bene, solo modificando le misure della pedaliera...

 

E nel 1989, Nigel fece una delle gare pi? stupende della sua carriera in Francia, dove alla seconda partenza prese il muletto di Berger(!) che era totalmente diverso sia per misure (Berger ? altissimo) sia come messa a punto!!

 

Insomma, secondo me Nigel non era stupido nella messa a punto, ma non era un fenomeno.

Fenomeno lo era nella guida, per sapere portare ai massimi vertici in gara vetture che avevano assetti completamente diversi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

×