Jump to content
Sign in to follow this  
L.Costigan

Spa-Francorchamps 1998

Recommended Posts

In quanti se lo ricordano?

 

Si avviava alla fine il campionato 1998. Hakkinen era in testa con 77 punti. Schumacher secondo con 70. Pole del Finlandese...

 

La domenica la gara si svolse sotto la pioggia e al via Coulthard, nel tentativo di resistere ad un attacco di Irvine, and? in testacoda provocando un incidente in cui rimasero coinvolte sedici vetture. Passano Fisichella, Ralf Schumacher, Frentzen, Alesi e Tuero mentre tutti gli altri finiscono uno contro l'altro tra un mare di rottami: Irvine centra per primo la vettura di Coulthard, poi ? la volta di Salo mentre Herbert e Trulli si girano e Diniz finisce contro la Prost. Panis urta Barrichello e manda la Stewart in testacoda davanti a Wurz che lo sperona. Takagi finisce contro il muro mentre con la strada completamente ostruita Rosset finisce nel mucchio contro la Prost di Panis e la Stewart di Barrichello.

 

La pista venne poi pulita e fu ordinata una seconda partenza, alla quale per? non presero parte Salo, Panis e Rosset perch? le loro scuderie non avevano due vetture di riserva e Barrichello, ferito al gomito sinistro. Allo spegnimento del semaforo Michael Schumacher tent? di superare H?kkinen, il quale, nel tentativo di mantenere la prima posizione, perse il controllo della vettura e fu colpito da Herbert. Qualche curva dopo si toccarono Wurz e Coulthard, con l'austriaco costretto al ritiro e lo scozzese che, invece, riusc? a continuare. Entr? quindi in pista la safety car, con Hill in testa alla corsa seguito dalle due Ferrari. Al rientro della vettura di sicurezza Schumacher prese il comando e cominci? a guadagnare parecchi secondi sugli inseguitori, fino a quando, al ventiseiesimo giro, non si ritrov? davanti Coulthard. Lo scozzese, che doveva essere doppiato, venne colpito dalla Ferrari del tedesco, il quale perse una ruota e fu costretto al ritiro!!! Rientrato nella pitlane, Schumacher si diresse verso i box McLaren e una volta trovato Coulthard lo accus? di aver frenato apposta per cercare l'incidente e tent? di aggredirlo, ma venne trattenuto da Jean Todt e Stefano Domenicali e ricondotto al paddock della Ferrari. Intanto in pista Hill vinse la corsa davanti al compagno di squadra, facendo segnare quindi la prima e unica doppietta del team Jordan, e ad Alesi.

 

Nelle classifiche piloti e costruttori i punteggi rimasero invariati visto che n? i piloti Ferrari n? quelli McLaren avevano ottenuto punti.

 

Io avevo 14 anni... e questo GP rest? impresso nella mia mente come nessun'altro. Ne prima, ne poi. Una volta si che la F1 dava delle emozioni... e Schumacher era incredibile...

 

Ecco la sintesi, con la telecronaca di Mazzoni!

 

http://www.youtube.com/watch?v=TEya_e6ympc

Share this post


Link to post
Share on other sites

30 agosto 1998.

 

Nelle qualifiche del GP del Belgio le McLaren di Hakkinen e Coulthard dimostrano una superiorit? schiacciante, staccando di oltre 1? la Jordan di Hill il quale precede Schumacher, Irvine e Villeneuve ma la pioggia cambia lo scenario fin dalla domenica mattina con Schumacher che ottiene il miglior tempo nel warm-up.

 

La partenza ? caotica con Hakkinen che giunge in testa alla Source seguito da Villeneuve, Irvine, Coulthard e Schumacher. Nella discesa verso l?Eau-Rouge, Coulthard perde il controllo della sua McLaren, rimbalza contro il muretto dei box e innesca la pi? grande carambola della storia della F1 coinvolgendo ben tredici vetture e obbligando il direttore di corsa ad esporre la bandiera rossa. Fortunatamente, nonostante gli ingenti danni causati alle vetture, tutti i piloti escono indenni dall?incidente. I commissari di percorso devono lavorare per mezz?ora per ripulire il tracciato dai rottami e solo diciotto monoposto riescono a schierarsi per la seconda partenza.

 

Allo spegnersi delle luci rosse Hill sorprende tutti e passa a condurre. Schumacher affianca Hakkinen all?esterno della Source, le vetture si toccano e il finlandese va in testacoda. La sua gara termina subito dopo quando il sopraggiungente Herbert non riesce ad evitare la McLaren danneggiandola irreparabilmente. A met? del primo giro Coulthard viene a contatto con Wurz e riparte ultimo mentre entra in pista la safety-car. Al 3? giro la gara riprende con Hill in testa seguito da Schumacher, Irvine, Villeneuve, Frentzen e Alesi. Villeneuve perde due posizioni andando in testacoda al 4? passaggio ma l?attenzione del pubblico ? tutta rivolta al duello di testa tra i vecchi rivali Hill e Schumacher. Il tedesco, perfettamente a suo agio sulla pista bagnata, attacca con decisione e all?8? giro passa a condurre alla staccata della chicane Bus-Stop. La pioggia aumenta di intensit? e costringe i piloti a fermarsi ai box per montare gomme da bagnato estremo. All?11? giro Irvine rovina l?ala anteriore e rientra ai box per sostituirla scendendo al nono posto. Ralf, tra i primi a montare le ?full-wet?, sfrutta al meglio la situazione e recupera fino al 3? posto mentre gli avversari seguono la sua scelta con notevole ritardo. La corsa di Villeneuve si interrompe al 16? giro dopo un incidente causato da un improvviso aquaplaning.

 

A met? gara Schumacher ? nettamente al comando davanti a Hill, Ralf, Alesi, Frentzen e Irvine. Dopo due giri il pilota della Ferrari raggiunge Coulthard per doppiarlo e Todt chiede al box McLaren di non ostacolare il proprio pilota. Nella discesa verso Pouhon, Coulthard rallenta improvvisamente proprio quando Schumacher gli ? in scia, troppo vicino per evitarlo, l?impatto ? violento e strappa la sospensione anteriore destra della F300. Entrambi i piloti raggiungono lentamente i box dove il tedesco, infuriato, si dirige minacciosamente verso il garage dell?avversario nonostante l?inutile tentativo di Stefano Domenicali di dissuaderlo. I meccanici evitano lo scontro diretto interponendosi tra i due piloti, con Coulthard che mantiene prudentemente il casco ben allacciato. Pochi istanti dopo si conclude anche la gara della seconda Ferrari con Irvine che esce di pista proprio a Pouhon.

 

Quando mancano diciotto giri alla fine Hill eredita la prima posizione davanti al compagno di squadra Ralf. Seguono Alesi, Frentzen, Fisichella e Diniz. Gli incidenti non sono ancora terminati, Fisichella tampona violentemente la Minardi di Nakano e rischia di schiantarsi contro il guard-rail dell?ingresso box. Entra nuovamente in pista la safety-car per ricompattare le sole sei vetture rimaste in gara, la McLaren intravede la possibilit? di conquistare un punticino e, dopo aver riparato la MP4/13, rimanda in pista Coulthard staccato di sei giri. Il finale di gara non riserva pi? sorprese se non quella della prima vittoria e doppietta per la Jordan con Hill che precede Ralf, Alesi, Frentzen, Diniz e Trulli. Per il figlio di Graham si tratta della 22ma ed ultima vittoria in F1.

 

98bel09za.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solo una piccola precisazione....

Coulthard, anni dopo, ammise di aver volontariamente provocato l'incidente con Schumacher, su ordine di Ron Dennis.

 

puoi tirarmi fuori l'intervista dove ammette questa cosa?

perch? lo scozzese ammise di aver dato strada nel punto sbagliato, non di averlo fatto apposta.

grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ultima vittoria per Damon Hill, ma anche ultimo podio (in tutto sono 32: 1 vittoria, 16 secondi posti e 15 terzi posti) della carriera per Jean Alesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gran premio pazzesco, e non mi levo dalla testa il fatto che la colpa sia stata tutta di Coulthard (presente cosa vuol dire togliere il piede in pieno rettilineo su una formula 1, con tutto il freno aereodinamico che ha?).

 

Mi soffermo sull'affermazione "una volta la formula 1 dava emozioni". Sicuramente Spa 1998 fu emozionante, ma ricordo che 12 anni fa si dicevano esattamente le stesse cose che si dicono oggi sull'assenza di spettacolo, e le stagioni 98-99 vissero sul grandissimo duello Schumacher-Hakkinen fatto di millesimi di secondo e strategie dai box, ma di sorpassi se ne vdevano molto meno di oggi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher poteva benissimo stare dietro Coultard, senza rischiare nulla. Ma ormai lo conosciamo il crucco !! Godo ancora per il botto se lo merito' al 100 x 100. :thumbsup:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher poteva benissimo stare dietro Coultard, senza rischiare nulla. Ma ormai lo conosciamo il crucco !! Godo ancora per il botto se lo merito' al 100 x 100. :thumbsup:

 

UAU :thumbsup:

 

( :asd: )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nemmeno io ho mai letto questa "ammissione" di Coulthard, mi piacerebbe saperne di pi?...

 

infatti, l'unica cosa detta da Coulthard ? che ha fatto una cazzata ad alzare il piede in piena traiettoria per farsi doppiare, ma non ha ammesso di aver provocato apposta l'incidente su ordine di Dennis (anche perch? se fosse stato cos? l'avrebbero scoperto nelle comuncazioni via radio della Mclaren dato che ? dal '98 che la FIA pu? controllarle)

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'unica cosa non detta in questo topic ? che la Jordan ha ordinato a Ralf di non tentare il sorpasso su Hill nonostante fosse pi? veloce per non rischiare un incidente tra i due e mandare in fumo la doppietta

 

http://www.youtube.com/watch?v=1g6nhjcJy4E

Edited by Murray Walker

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher ? Schumacher, perch? ha sempre dato il massimo. Non si ? mai accontentato di vincere, ha sempre voluto stravincere.

 

Quello di Spa, fu 1 degli unici 2 episodi* della sua carriera, dove la sua grinta fu eccessiva. E in questo caso ci fu lo zampino di Coultard, che di irregolare non fece nulla, gioc? solo un po' sporco. Ma lo stesso Schumy l'anno prima, tent? di speronare Villeneuve per buttarlo fuori...

 

Per il resto, io mi auguro che la McLaren sia sempre cos? forte per infiammare la corsa al titolo. I duelli che ha regalato in passato con la rossa sono di rara bellezza. Io godo pi? in questo, che dei suoi errori.

 

*L'altro fu in Australia mi pare, dove si schiant? col fianco della vettura, contro un muro dopo una curva secca presa troppo larga. Distrusse l'auto ma vinse ugualmente il mondiale.

 

@srok: Con "emozioni" io non mi riferivo necessariamente ai sorpassi. Mi riferivo al fatto che di duelli serrati (con sorpassi in pista o ai box) come quelli tra Schumacher e Hakkinen se ne sono rivisti pochi... I gran premi mi tenvano letteralmente inchiodato alla TV. Ma devo dire che quest'anno, con Alonso e Hamilton sto provando emozioni simili. Ma la stagione ? appena iniziata, ? presto per giudicare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grande hill. questo fatto dell'ordine che ha in pratica dato non me la ricordavo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'unica cosa non detta in questo topic ? che la Jordan ha ordinato a Ralf di non tentare il sorpasso su Hill nonostante fosse pi? veloce per non rischiare un incidente tra i due e mandare in fumo la doppietta

 

:up:

 

Diciamo che quello di Hill ? stato un "consiglio". :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Schumacher poteva benissimo stare dietro Coultard, senza rischiare nulla. Ma ormai lo conosciamo il crucco !! Godo ancora per il botto se lo merito' al 100 x 100. :thumbsup:

se vuoi ti aggiungo nella mia personalissima black list.

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti, l'unica cosa detta da Coulthard ? che ha fatto una cazzata ad alzare il piede in piena traiettoria per farsi doppiare, ma non ha ammesso di aver provocato apposta l'incidente su ordine di Dennis (anche perch? se fosse stato cos? l'avrebbero scoperto nelle comuncazioni via radio della Mclaren dato che ? dal '98 che la FIA pu? controllarle)

 

quoto

attendo con ansia di essere smentito

Share this post


Link to post
Share on other sites

schumacher non ha alcuna colpa sull'incidente era nettamente più veloce e oltretutto lo stava doppiando..

coulthard ha semplicemente fatto una cagata, si è messo all'interno e ha rallentato pensando che fosse il punto migliore per dargli strada invece lì non si vedeva una cippa.

ma con lo scozzese da doppiare nessuno poteva stare tranquillo :asd:

Edited by lucaf2000

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di questa gara ricordo anche un fatto. Ron Dennis and? al muretto Jordan e parlott? un po con un divertito Eddie, che si saranno detti? :asd:

 

Anche Todt and? al muretto Mclaren per chiedere a Ron di avvertire David del doppiaggio imminente... :asd:

 

Se non ricordo male.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×