Jump to content
Sign in to follow this  
luke36

La storia della sicurezza in F1

Recommended Posts

io non trovo giusto aver creato gare noiosissime per la sicurezza!io ripeto se questo è la base da seguire meglio chiudere questo sport!il rischio fa parte di questo sport se lo si vuole eliminare completamente fermiamo questo sport!

 

per me chi fa questo mestiere(che gli piace ricordiamocelo)deve accettare i rischi!voi dite che siete contenti che le gare siano sicurissime anche se noiose!ma siete anche i primi a lamentarvi che sono noiose!

 

 

e poi che centra la morte con lo spettacolo?io vorrei vedere sorpassi non feriti!corriamo a Brands Hatch a Estoril dove stà scritto che si deve fare male qualcuno?

 

per quanto riguarda la sicurezza credo che il rischio sia ancora presente!e anche incidenti come Kubica possono essere ancora fatali!frontali a 300 km e passa non danno la certezza di salvarti nemmeno con queste scocche!e poi il corpo umano sopporta fino a un limite prefissato la decelerazione!kubica ha avuto anche fortuna per me!

 

Ma vi pare possibile che la media di un gran premio di F1 sia di 170 km orari?ma non scherziamo!queste vetture non arrivano nemmeno più ai 300 km!

 

poi servosterzo e ca**ate varie!motorti depotenziati...ma lasciamo perdere va!

Edited by Spa_83

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'incidente di Massa poteva essere fatale per qualche centimetro (o millimetro),l'incidente di senna poteva non esserlo per qualche millimetro o centimetro, mi sembra.

La verit? ? che negli ultimi tre decenni la pericolosit? ? andata degradando fino a rendere sicurissime le F1, ma non altrettanto le altre categorie, vedi l'incidente di Surtees o peggio i rallies. Dopo gli incidenti di Villeneuve e ancor di pi?Paletti, si fece molto e in F1 negli anni 80 non mor? pi? nessuno, se si eccettua De Angelis in circostanze particolarissime.

Poi c'? stato il 1? maggio 94, e ci si ? accorti che le F1 stavano diventando di nuovo pericolose, ma il fatto che gli unici due morti degli ultimi 24 anni ci siano stati sullo stesso circuito, a meno di 24 ore di distanza, ha fatto capire che il problema non erano solo le vetture ma anche i circuiti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non ? giusto per? essere arrivati a creare circuiti del genere!ripeto chiudiamo quetso sport allora se vogliamo la certezza che non accada nulla!non si pu? snaturare lo sport delle corse fino a quetso punto per la sicurezza!dico male?

Share this post


Link to post
Share on other sites

non ? giusto per? essere arrivati a creare circuiti del genere!ripeto chiudiamo quetso sport allora se vogliamo la certezza che non accada nulla!non si pu? snaturare lo sport delle corse fino a quetso punto per la sicurezza!dico male?

 

 

Segnalo comunque che paradossalmente le morti del 1994 furono causate da cedimenti meccanici clamorosi, evitabilissimi. Errori umani marchiani. L?incidente di Barrichello fu semmai un segnale forte di inadeguatezza dei regolamenti.

 

Interessante sarebbe analizzare punto per punto le introduzioni tecniche e regolamentari nel corso della storia della F1 finalizzate all'incremento della sicurezza. Ad esempio si ? parlato di freni a disco o di motore posteriore. Ora sembrano concetti banali ma proviamo a pensare a quando furono introdotti. Delle vere e proprie rivoluzioni !!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

per quanto riguarda la sicurezza credo che il rischio sia ancora presente!e anche incidenti come Kubica possono essere ancora fatali!frontali a 300 km e passa non danno la certezza di salvarti nemmeno con queste scocche!e poi il corpo umano sopporta fino a un limite prefissato la decelerazione!kubica ha avuto anche fortuna per me!

 

Ma vi pare possibile che la media di un gran premio di F1 sia di 170 km orari?ma non scherziamo!queste vetture non arrivano nemmeno pi? ai 300 km!

 

poi servosterzo e ca**ate varie!motorti depotenziati...ma lasciamo perdere va!

 

La media penso non c'entri proprio nulla con lo spettacolo, tantomeno ora che la tenuta delle macchine ha raggiunto livelli elevatissimi; cio? in pratica la Formula1 attuale ha il problema che ? quasi tutto un rettilineo si pu? dire, anche se qualche polota la differenza la fa l? ma non di certo come fino a fine anni '70 dove c'era meno aderenza, ad esempi Schumacher quando era alla ferrari i primi anni sopperiva all'Estoril le carenze della macchina con il coraggio nei curvoni veloci nella prima parte del circuito ma ? roba di pochi decimi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Segnalo comunque che paradossalmente le morti del 1994 furono causate da cedimenti meccanici clamorosi, evitabilissimi. Errori umani marchiani. L?incidente di Barrichello fu semmai un segnale forte di inadeguatezza dei regolamenti.

Giusto, ma quella fu la causa degli incidenti, non delle morti, che avvennero per gravi responsabilit? del circuito di Imola, tra l'altro bellissimo, allora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

bellissimo ma pericoloso!quindi come risolviamo sto problema?il discorso ? tutto l?!

Share this post


Link to post
Share on other sites

bellissimo ma pericoloso!quindi come risolviamo sto problema?il discorso è tutto lì!

Beh, Imola lo aveva risolto snaturando il circuito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto, ma quella fu la causa degli incidenti, non delle morti, che avvennero per gravi responsabilità del circuito di Imola, tra l'altro bellissimo, allora.

 

Tanto bello insomma, già allora avevano tolto la chicane alle acque minerali, punto secondo me piu' bello del circuito, il Tamburello veniva fatto in pieno non è che fosse molto selettivo dal punto di vista dei decimi, inoltre avvantaggiava chi disponeva di tantissimi cavalli e di un'aerodinamica migliore, come successe di subire i sorpassi a Senna nell'87 e nel '93, secondo me la distruzione di Imola è iniziata parecchio prima

Edited by tigre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanto bello insomma, gi? allora avevano tolto la chicane alle acque minerali, punto secondo me piu' bello del circuito, il Tamburello veniva fatto in pieno non ? che fosse molto selettivo dal punto di vista dei decimi, inoltre avvantaggiava chi disponeva di tantissimi cavalli e di un'aerodinamica migliore, come successe di subire i sorpassi a Senna nell'87 e nel '93, secondo me la distruzione di Imola ? iniziata parecchio prima

Sono in parte d'accordo, ma la Tosa era una delle curve pi? belle e difficile e anche la Rivazza, che peraltro ? stata spesso modificata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono in parte d'accordo, ma la Tosa era una delle curve pi? belle e difficile e anche la Rivazza, che peraltro ? stata spesso modificata

 

Si la Tosa era difficile, arrivavi a oltre trecento all'ora per una staccata in curva in pratica, sullo spettacolo pero' insomma, un mio amico che ci ando' nel '95 mi disse per? che dal circuito in pratica si vedeva molto poco, una staccata a ruote incandescenti e basta XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Voglio ricordare una cosa: non è affatto detto che spettacolo e sicurezza siano incompatibili, anzi! Il problema sono i regolamenti tecnici che hanno 'appiattito' tutto omologando le macchine l'una all'altra, ma anche l'introduzione massiccia dello studio aerodinamico a sfavore di quello meccanico non aiuta affatto. Per non parlare delle piste, ormai tutte lente o comunque ad alto carico aerodinamico, fatto questo che rende instabili le scie. Voglio fare un esempio di regolamento a mio parere conciliante spettacolo e sicurezza, non essendo io comunque un ingegnere potrebbe anche essere un po' una cavolata, comunque per quanto ne so io potrebbe essere così:

 

  • Telaio: costruito attorno ad una cellula di sicurezza in Carbonio e sottoposto per omologazione a crash tests estremamente severi (ad esempio, la stessa scocca viene sottoposta ad urti simulati di 350 km/h frontali, laterali e sul retro). Il manichino non deve segnalare ferite invalidanti o peggio. Il resto del telaio dev'essere in Alluminio od in altro materiale e presentare una deformabilità sufficente, in caso d'urto, ad evitare eccessive forze 'G' al pilota in caso di incidente. Per il resto la libertà progettuale è totale.
    Aerodinamica: libera, con possibilità di sperimentare anche l''effetto suolo'.
    Motore: fino a 12 cilindri e 3500 cm3 di cilindrata per gli aspirati, 8 cilindri, 1000 cm3 e due compressori per i turbo. Il motore sarà in ogni caso limitato in modo da non superare i 1000 cv di potenza o di non far superare alla macchina i 350 km/h.

 

Ovviamente, bisognerebbe tornare anche alle piste 'vecchia maniera', magari ampliando le vie di fuga, ma sterrate e pure piene di pantano per rallentare le macchine.

Edited by Enzo_F.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forse vuoi dire 3000 con due compressori meccanici, perch? se ci fossero due turbocompressori, avremmo quattromila cavalli e pi?...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho gi? proposto l'utilizzo di un limitatore per tenere a 1000 cavalli i motori.

 

4000 cv? Io so solo che la Veyron con un W16 8600 cm3 quadriturbo di cavalli ne fa 1040, 4000 da un V8 biturbo di 3000 cm3 mi pare una stima un po' esagerata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

in ogni caso lo vogliamo capire che ? impossibile togliere il pericolo di morte negli sport motoristici?l'unico modo ? eliminarli!

 

 

ricordiamoci anche che ? vero che non succede nulla dal 1994 per?:

Schumacher nel 1999!lui stesso affermo che si era sentito morire!

Villeneuve nel 2001 e diciamo che gli ? andata anche bene!

Burti 2001 se non erro e anche l? tutto bene!

Sato 2002!Notevole rischio

Wurz 2007 l? ? stata solo la fortuna!

Kubica 2007 anche l? ? andata bene popeva perdere le gambe!guardate le foto!

e che dire di Massa a mio parere questione di cm!

 

ripeto grandi passi in avanti ma anche la sorte ha dato una mano!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forse vuoi dire 3000 con due compressori meccanici, perchè se ci fossero due turbocompressori, avremmo quattromila cavalli e più...

 

è il caso della Porsche 917-30 Can-Am 1973 che aveva un 12 cilindri boxer da 5500cc con due turbocompressori KKK..la potenza non venne mai dichiarata ufficialmente, ma in porva sembra che la amcchian avesse almeno 1400 cavalli "limitati" in gara a 1100..in nemmeno due secondi accelerava da 0 a 100 all'ora..no comment...

 

canam-porsche-4.jpg

917+engine+porn+web1172473872.jpg

 

e si disse che la Shadow DN4 che corse in Can-Am l'anno successivo, guidate da Jackye Oliver e George Follmer erano ancora più potenti avendo un motore Chevrolet 8 cilindri da 8000cc a cui erano stati applicati due turbocompressori...

 

74-Shadow_DN4_DN4-1P_DV_07_MH-06.jpg

Edited by Emulman

Share this post


Link to post
Share on other sites

in ogni caso lo vogliamo capire che ? impossibile togliere il pericolo di morte negli sport motoristici?l'unico modo ? eliminarli!

 

 

ricordiamoci anche che ? vero che non succede nulla dal 1994 per?:

Schumacher nel 1999!lui stesso affermo che si era sentito morire!

Villeneuve nel 2001 e diciamo che gli ? andata anche bene!

Burti 2001 se non erro e anche l? tutto bene!

Sato 2002!Notevole rischio

Wurz 2007 l? ? stata solo la fortuna!

Kubica 2007 anche l? ? andata bene popeva perdere le gambe!guardate le foto!

e che dire di Massa a mio parere questione di cm!

 

ripeto grandi passi in avanti ma anche la sorte ha dato una mano!

Ma rileggi quello che scrivi ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

perch? che ho scritto di castroneria?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho gi? proposto l'utilizzo di un limitatore per tenere a 1000 cavalli i motori.

 

4000 cv? Io so solo che la Veyron con un W16 8600 cm3 quadriturbo di cavalli ne fa 1040, 4000 da un V8 biturbo di 3000 cm3 mi pare una stima un po' esagerata.

 

Scusa, ma le proporzioni da te proposte mi sembrano un p? strane e senza troppa logica.

 

Perch? permettere un 3500 aspirato, e poi addirittura un 3000 turbocompresso?

 

E se 25 anni fa i turbo da 1500 cc arrivavano gi? a 1400 CV, e se tu vuoi limitare i cavalli a 1000, allora basterebbe gi? un 900 cc: sembra piccolo, ma oggi col turbo tireresti fuori molto, molto pi? di 1000 CV...

 

Insomma, un 3000 turbocompresso da F1 oggi arriverebbe a cifre mostruose (quindi visto che tu vuoi solo 1000 cavalli, a che serve un enorme 3000 da limitare? ? )

 

Lasciando stare le supercar stradali (che non possono certo avere le prestazioni da F1), se i turbo 1500 anni '80 arrivavano a 1400 CV, oggi un 3000 turbo arriverebbero come minimo al doppio, cio? circa 3000 CV. Ho detto 4000, ma forse non ? esagerato, calcolando 25 anni di progresso tecnico, di materiali ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

fra le vetture abbastanza recenti ricordo la Nissan R90C che corse nel mondiale marche 1990

 

800px-Nissan_R_90_CK%2C_LM_Story%2C_Le_Mans.jpg

 

aveva un 8 cilindri a V da 3496cc con doppio turbocompressore e 800 CV in gara e 1100 in qualifica...si vede che o era appositamente limitata sulla valvola pop-off (la potenza) oppure era il motore che non poteva tirare di più, ma di certo io propendo per la prima...

Edited by Emulman

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×