Jump to content
Alex_Ferrari

GP di Roma, già firmato l'accordo

Recommended Posts

il fatto che in asia gli autodromi siano vuoti dipende esclusivamente dal fatto che la gente non se lo pu? permettere di andare

 

mica sono tutti come in italia

 

della serie:"i calciatori devono andare in miniera!altro che milioni!mille euri al mese come me devono prendere"

 

per? 500 euri di abbonamento vanno via lo stesso

 

chi fa quei discorsi non spende di sicuro 500 ? per vedere 1 gp a monza.

e poi non mi torna una cosa: siccome qualche arabo multimiliardario investe nella F1, allora il suo paese deve avere il Gran Premio ???? manco sanno cos? una vettura a ruote scoperte e gli diamo addirittura un gp, al pari di nazioni che dovrebbero averne due o tre di diritto : italia,francia,germania,inghilterra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho una posizione a met? tra i tradizionalisti e i futuristi. Credo che andare in mercati nuovi sia necessario perch? da l? arrivano sponsor e arrivano pure certi proprietari di team. Prima o poi arriveranno pure i piloti. Credo che l'importante sia non esagerare. OK un GP in medio oriente ma Bahrein e Abu Dabi sono troppe, una avanza. Stesso discorso con Malesia, Cina e Singapore, potrebbero ruotare un po' una un po' l'altra.

 

Dall'altra parte si trascurano troppo paesi come Sudafrica, Argentina e Messico, dove la passione del pubblico ? infinita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

IL GRAN PREMIO ALL'EUR

 

"Colata di cemento con la scusa della F1"

 

Roma, mega progetto intorno al circuito dell'Eur: grattacieli al posto delle aree verdi. Italia Nostra: i terreni ceduti ai privati in cambio delle infrastrutture del Gran Premio

 

di PAOLO BOCCACCI

 

Il cemento ha il colore di una fotografia di quello che sar?. Due alti palazzi gemelli da una parte e dall'altra all'altra del verde delle Tre Fontane, davanti ai bianchi marmi dell'Eur, dove adesso si stagliano il rosso dei campi da tennis e delle piste di atletica e il verde di quelli da basket. Ognuno sar? un piccolo grattacielo, ben quindici piani fuori terra che si allungano in altri sette piani accanto, a forma di una L, e tutti e due ospiteranno appartamenti di lusso, uffici e negozi, messi in vendita per lanciare e realizzare il Gran Premio di Roma e far sfrecciare nell'estate del 2013 i bolidi della Formula Uno nel quartiere.

 

Il progetto ? stato presentato all'inizio di agosto in grandi cartelle rosse e bianche nelle stanze che contano del Campidoglio e adesso aspetta il via libera della conferenza dei servizi, convocata per il 9 novembre, e poi del consiglio comunale. I due palazzi del comprensorio si chiamano con nomi poetici, Porta dei Pini e Porta delle Tre Fontane. Ma sono 80 mila metri cubi che si abbatterebbero su uno degli angoli storici destinati a verde attrezzato del quartiere, quelli dove dagli anni Sessanta intere generazioni di ragazzi, con le loro magliette bianche e le scarpette da ginnastica, hanno cominciato a correre sulle piste, a giocare a tennis e a pallacanestro.

 

Cos? scendono in campo le associazioni dei cittadini del quartiere (Comitato Salute Ambiente Eur, Coordinamento Comitati e Cittadini per la Difesa dell'Eur, Coordinamento No Alla Formula Uno e La Vita degli Altri Onlus) e Italia Nostra, con un dossier dal titolo "Le mani sull'Eur" e un appello al sindaco Alemanno, ma anche ai ministri dei Beni Culturali, Sandro Bondi , e dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e al premier Silvio Berlusconi. "Ribadiamo" scrivono "la nostra estrema preoccupazione riguardo un progetto che sembra aver preso forma parallelamente alla concezione di Roma Capitale, dimostrando finalit? e modi privatistici, troppo lontani dall'interesse pubblico. Un'impresa che si ? avvalsa, finora, di modalit? di comunicazione a nostro avviso poco chiare, basate sui pi? agili metodi dell'imprenditoria privata, quando l'oggetto in discussione sono un quartiere storico, gioiello del Razionalismo, e il benessere di migliaia di cittadini"

 

I nuovi edifici, che si aggiungerebbero ai 150 mila metri cubi da costruire nell'ex Velodromo, spazzeranno via all'inizio tutte le strutture sportive delle Tre Fontane che sarebbero rase al suolo per far posto ai cantieri e poi ricostruite nello spazio rimanente.

 

Frutto dell'operazione sarebbero quei cento milioni che servono a Roma Formula Futuro capitanata dal presidente degli industriali della Federlazio Maurizio Flammini, ex pilota e patron della macchina organizzativa del Gran Premio romano, per approntare le opere necessarie a far sfrecciare i bolidi per le strade dell'Eur.

Un progetto per il quale la contropartita per la citt? consisterebbe nel nuovo ponte su via delle Tre Fontane, nella ristrutturazione di via delle Tre Fontane, trasformata in un boulevard, e la recinzione dei parchi dell'Eur, da quello degli Eucalipti a quello del Ninfeo all'altro del Turismo.

 

E la variante al piano regolatore, con relativo accordo di programma, che dovrebbe dar vita al comprensorio, sarebbe ricavata mettendo a disposizione di privati una parte di suolo pubblico destinata originariamente a verde e a servizi di livello locale come "paesaggio naturale di continuit?" che collega la valle del Tevere al parco di Tormarancia. Insomma Ente Eur e Comune regalerebbero i terreni alla societ? costruttrice in cambio di altre opere necessarie per il Gran Premio.

 

"Un'operazione ridicola" attacca il consigliere del Pd Athos De Luca, uno degli storici difensori del verde della Capitale "se si pensa che gli edifici dovrebbero ospitare alla fine solo 720 abitanti e trecento addetti degli uffici".

Altro discorso l'allargamento del ponte delle Tre Fontane per far passare sotto il circuito, un'opera da 26 milioni di euro. E quale sar? l'impatto con almeno centomila spettatori? Basteranno i parcheggi in un'area di tre-cinque chilometri intorno al circuito?

 

Infine ? di pochi giorni fa l'ennesima bagarre sul fronte del contestatissimo Gran Premio all'Eur. "Non c'? alcun contratto con Roma", rivela Bernie Ecclestone dal circuito coreano di Yeongam. E il sindaco Gianni Alemanno precisa: "La disponibilit? di Ecclestone ? certa, la proposta deve passare in Consiglio". Ma davanti ora c'? il grande scoglio della colata di cemento sull'Eur.

 

 

Da "La Repubblica"

(27 ottobre 2010) ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magari daranno gli appalti a gente come Calatrava o peggio ancora Meyer che nella loro carriera hanno solo costruito cose oscene contro l'estetica e pure l'etica. Tipo come quella schifezza di copertura sopra l'Ara Pacis costata miliardi.

Edited by Osrevinu

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah. A leggere i commenti di chi ci vive sembra che di campi da basket, atletica ecc... sia rimasto ben poco, e che il quartiere sia in uno stato abbastanza pietoso già di suo.

Edited by M.SchumyTheBest

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magari daranno gli appalti a gente come Calatrava o peggio ancora Meyer che hanno nella loro carriera hanno solo costruito cose oscene contro l'estetica e pure l'etica.

 

Non dai nessuna speranza al trio Anemone-Balducci-De Santis? :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho capito, che il GP di F1 sia una scusa per costruire e basta????

 

Io penso, con i Gp di India e Russia, quanti ci saranno in calendario? 22? QUello di ROma mi sembra di troppo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non dai nessuna speranza al trio Anemone-Balducci-De Santis? :asd:

 

risate :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quisquilie, "un vero appassionato non si può mica dispiacere se ci sono 30 gare all'anno"...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho capito, che il GP di F1 sia una scusa per costruire e basta????

non ? una novit?, anche fra Verona e Mantova c'? un progetto faraonico che nasconde una speculazione edilizia

 

Io penso, con i Gp di India e Russia, quanti ci saranno in calendario? 22? QUello di ROma mi sembra di troppo.

il limite, per ora, ? 20

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quisquilie, "un vero appassionato non si pu? mica dispiacere se ci sono 30 gare all'anno"...

 

Se sono fatte in piste del cavolo si dispera eccome :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

i limite ? 20, Ecclestone e la FOTA (esiste ancora, o serviva solo per essere anti Mosley?) almeno li si trovano d'accordo, come lo sono per le nuove location e le vie di fughe asfaltate, l'aumento creerebbe problemi eccessivi a team per logistica e varie, ad Ecclestone conviene tenere sempre qualche Gp in "panchina" pronto per minacciare un eventuale esclusione a chi non rispetta i patti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spero venga sacrificata qualche altra pista orientale e non Monza.

Ma tanto della tradizione non interessa pi? niente a nessuno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

bene, l'Italia ha gi? i suoi autodromi, corrano l

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi Monza non corre rischi perch? ? stato firmato l'accordo con bernie fino al 2016 e per quanto riguarda il Gp romano io ho visto il circuito virtualmente ? un circuito cittadino dovrebbero occupare la zona vicino al Colosseo a me personalmente non piace.Poi se ci dovrebbe essere un Gp d'italia in pi? meglio per noi e per lo spettacolo.Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche se di spettacolo nella f1 di adesso ce ne ben poco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×