Jump to content
Sign in to follow this  
SpadaJones

Problemi di cuore

Recommended Posts

Guest Rhobar_III

prevedere il futuro sarebbe logico e razionale? ma va va! :asd:

 

Non si tratta di fare previsioni sul futuro.

 

E' una semplice constatazione della realtà, basata su quanto è accaduto sino ad ora.

 

In prospettiva, è logico che le cose si evolveranno nella stessa maniera in cui si stanno evolvendo adesso.

Non c'entra il discorso delle previsioni sul futuro :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

la colpa è tua perchè non ti fai una vita sociale :sisi:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Rhobar_III

la colpa è tua perchè non ti fai una vita sociale :sisi:

 

Può essere, non lo metto in dubbio.

 

Ma ci sono anche tante persone che hanno una vita sociale normalissima, eppure hanno gli stessi miei problemi dal punto di vista sentimentale.

 

Avere delle amicizie è una cosa molto diversa dall'avere un legame sentimentale con una donna.

 

Puoi anche avere tutta la vita sociale che vuoi, ma magari alla fine non cavi comunque un ragno dal buco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

la colpa è tua perchè non ti fai una vita sociale :sisi:

 

Può essere, non lo metto in dubbio.

 

Ma ci sono anche tante persone che hanno una vita sociale normalissima, eppure hanno gli stessi miei problemi dal punto di vista sentimentale.

 

Avere delle amicizie è una cosa molto diversa dall'avere un legame sentimentale con una donna.

 

Puoi anche avere tutta la vita sociale che vuoi, ma magari alla fine non cavi comunque un ragno dal buco.

 

 

ti sbagli, c'è una stretta correlazione.

 

Se hai una vita sociale può capitare che non trovi la ragazza

 

Se non hai una vita sociale è sicuro che non la trovi. Cioè ho visto i peggio storpi con il carattere impossibile fidanzati, ma gli asociali mai, anche non brutti. Quindi consiglio di fare un vita sociale, qualsiasi cosa, o non ne esci.

 

E' meglio una piccola possibilità di trovare qualcuna o l'assoluta certezza di non averla?

 

E si, prima che mi fai i discorsi probabilistici, una possibilità c'è sempre, la vita non è un calcolo numerico

Edited by Raikkonen

Share this post


Link to post
Share on other sites

appunto prima di pensare ad un rapporto con una donna la devi conoscere e se stai chiuso in casa è difficile

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono stato così bene una mattinata intera con le porte di casa chiuse...arriva questa e si gela :fear2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rhobar, pensa a trombare che è meglio, è quello lo scopo della vita.

Ma anche no.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Rhobar, pensa a trombare che è meglio, è quello lo scopo della vita.

Ma anche no.

 

 

Ma dai, uno così depresso e asociale come Rhobar ha bisogno soprattutto di annusarla e di darci dentro!

 

Come detto da altri cari Rhobar, tu non è che sei uno sfigato che le donne non vogliono, sei un eremita che si chiude di fronte a tutto e tutti. E' da 20 pagine che ti diciamo "vai fuori, conosci gente, abbandona questo stupido forum" e tu resti qui a piangerti addosso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì però non è che uno può uscire così da solo, ci vorrebbe almeno un amico per andare da qualche parte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

si e lui ha già detto che gli inviti gli arrivano ma li rifiuta perché non li ritiene importanti facepalm.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Le donne hanno molta scelta in ambito sentimentale. Una qualunque ragazza un minimo decente ha la schiera di potenziali fidanzati che le sbavano dietro, almeno fino ai 30 anni circa, prima che la sua bellezza decada. Un ragazzo di "pari livello" ha molte più difficoltà.

 

d'altronde la fica in mezzo alle gambe ce l'hanno loro

 

 

E chi ha deciso che quello che hanno in mezzo alle gambe loro è più importante di quello che abbiamo noi?

 

Sono stati secoli di zerbinaggio maschile, con una marea di uomini che sbavano dietro a qualunque sottana che vedono, ma non solo nell'adolescenza (quello è normale) ma anche una volta diventati adulti, con 30enni, 40enni, 50enni per cui l'unica ragione di vita sembra sempre e solo essere quel triangolino bagnato.

 

Questo ha dato un potere enorme alle donne nella scelta del partner. Un vantaggio che ha l'uomo è che comunque la sua bellezza tendenzialmente diminuisce più lentamente che nella donna; un uomo di 35-40 normale può essere ancora piacente, una donna spesso e volentieri è già in caduta libera da un pezzo a quell'età. Oltre al fatto che un uomo ha un range di scelta anagrafico più ampio, perchè può uscire con le coetanee, con donne più grandi ma anche con donne più piccole, anche molto più piccole; un 35enne può stare benissimo con una 20enne o poco più, una donna 35enne che esce con un 20enne 9 su 10 si fa ridere dietro.

 

Per questo ad una certa età abbassano le pretese, perchè soprattutto la concorrenza delle più giovani si fa spietata. Questo comunque riguarda solo una parte delle donne, non certo tutte (lo dico per non essere tacciato di anti-femminismo o misoginia), oltre al fatto che come già specificato è colpa soprattutto degli uomini tutto questo; le donne hanno la colpa che in alcuni casi se ne approfittano troppo, ma faremmo lo stesso anche noi al posto loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

E chi ha deciso che quello che hanno in mezzo alle gambe loro è più importante di quello che abbiamo noi?

 

Sono stati secoli di zerbinaggio maschile, con una marea di uomini che sbavano dietro a qualunque sottana che vedono, ma non solo nell'adolescenza (quello è normale) ma anche una volta diventati adulti, con 30enni, 40enni, 50enni per cui l'unica ragione di vita sembra sempre e solo essere quel triangolino bagnato.

 

Questo ha dato un potere enorme alle donne nella scelta del partner. Un vantaggio che ha l'uomo è che comunque la sua bellezza tendenzialmente diminuisce più lentamente che nella donna; un uomo di 35-40 normale può essere ancora piacente, una donna spesso e volentieri è già in caduta libera da un pezzo a quell'età. Oltre al fatto che un uomo ha un range di scelta anagrafico più ampio, perchè può uscire con le coetanee, con donne più grandi ma anche con donne più piccole, anche molto più piccole; un 35enne può stare benissimo con una 20enne o poco più, una donna 35enne che esce con un 20enne 9 su 10 si fa ridere dietro.

 

Per questo ad una certa età abbassano le pretese, perchè soprattutto la concorrenza delle più giovani si fa spietata. Questo comunque riguarda solo una parte delle donne, non certo tutte (lo dico per non essere tacciato di anti-femminismo o misoginia), oltre al fatto che come già specificato è colpa soprattutto degli uomini tutto questo; le donne hanno la colpa che in alcuni casi se ne approfittano troppo, ma faremmo lo stesso anche noi al posto loro.

 

:up:

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

 

E chi ha deciso che quello che hanno in mezzo alle gambe loro è più importante di quello che abbiamo noi?

 

Sono stati secoli di zerbinaggio maschile, con una marea di uomini che sbavano dietro a qualunque sottana che vedono, ma non solo nell'adolescenza (quello è normale) ma anche una volta diventati adulti, con 30enni, 40enni, 50enni per cui l'unica ragione di vita sembra sempre e solo essere quel triangolino bagnato.

 

Questo ha dato un potere enorme alle donne nella scelta del partner. Un vantaggio che ha l'uomo è che comunque la sua bellezza tendenzialmente diminuisce più lentamente che nella donna; un uomo di 35-40 normale può essere ancora piacente, una donna spesso e volentieri è già in caduta libera da un pezzo a quell'età. Oltre al fatto che un uomo ha un range di scelta anagrafico più ampio, perchè può uscire con le coetanee, con donne più grandi ma anche con donne più piccole, anche molto più piccole; un 35enne può stare benissimo con una 20enne o poco più, una donna 35enne che esce con un 20enne 9 su 10 si fa ridere dietro.

 

Per questo ad una certa età abbassano le pretese, perchè soprattutto la concorrenza delle più giovani si fa spietata. Questo comunque riguarda solo una parte delle donne, non certo tutte (lo dico per non essere tacciato di anti-femminismo o misoginia), oltre al fatto che come già specificato è colpa soprattutto degli uomini tutto questo; le donne hanno la colpa che in alcuni casi se ne approfittano troppo, ma faremmo lo stesso anche noi al posto loro.

 

 

quoto ogni singola parola

 

si e lui ha già detto che gli inviti gli arrivano ma li rifiuta perché non li ritiene importanti facepalm.gif

 

Rhobar rifiuta gli inviti? Non mi risulta, lui ha detto che non ha amici intimi con cui uscire :ermm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Rhobar_III

Adesso state a vedere i salti mortali che devo fare per colpa del limite massimo dei 2 quote per volta... facepalm.gif

 

Raikkonen, on 08 Oct 2013 - 00:24, said:

ti sbagli, c'è una stretta correlazione.
Se hai una vita sociale può capitare che non trovi la ragazza
Se non hai una vita sociale è sicuro che non la trovi. Cioè ho visto i peggio storpi con il carattere impossibile fidanzati, ma gli asociali mai, anche non brutti. Quindi consiglio di fare un vita sociale, qualsiasi cosa, o non ne esci.
E' meglio una piccola possibilità di trovare qualcuna o l'assoluta certezza di non averla?
E si, prima che mi fai i discorsi probabilistici, una possibilità c'è sempre, la vita non è un calcolo numerico

 

Io la vedo in modo diverso.

Se hai della vita sociale intensa, puoi sicuramente conoscere un range più ampio di persone, quindi anche molte più donne, e quindi molte più "potenzialI" partner.

Ma questo non ti dà la sicurezza assoluta nè la garanzia di trovare una partner.

Ti può dare un vantaggio, semmai. Ma se dovessi quantificarlo, non ritengo sia fondamentale.

 

Come ho detto, ci sono persone che hanno una vita sociale attivissima, eppure non riescono a trovare una partner, o che non hanno la possibilità di concretizzare alcunchè.

 

Quanto al discorso numerico, io non dico che non c'è alcuna possibilità.

Penso che non ci sia nulla di matematicamente impossibile.

Io stesso ho 5 probabilità su un miliardo di trovarne una adatta alle mie caratteristiche, e che si senta attratta reciprocamente da me.

Significa che non è impossibile che questa donna esista.

Sicuramente potrei trovarla nell'arco dei prossimi 10000 anni.

 

Ma realisticamente, le probabilità che questo si verifichi nell'arco dei prossimi 25 anni, è piuttosto improbabile.

 

F.126ck, on 08 Oct 2013 - 11:53, said:

appunto prima di pensare ad un rapporto con una donna la devi conoscere e se stai chiuso in casa è difficile

 

 

Ma io non sto sempre chiuso in casa, perchè frequento un posto di lavoro (dove ci sono anche delle colleghe).

I colleghi hanno a loro volta amici e amiche.

Frequento e passo tutti i giorni per locali abbastanza affollati di persone giovani (stazione ferroviaria, quartiere di una nota Università milanese).

 

Di ragazze ce ne sono a bizzeffe.

 

Ovviamente ciò che manca è l'occasione e il contesto appropriato per fare conoscenza: mica si può pensare che si può avvicinare la prima carina che passa per strada per dirle: "Ciao, sei molto carina, ti andrebbe di conoscermi?"

E' un'ipotesi assurda, è assurdo pensare che possa funzionare in questa maniera.

 

D'altro canto, è ovvio che non basta la propria volontà per fare conoscenza.

Ci vuole anche quella della donna: se lei non ha alcuna intenzione di conoscerti, non puoi farci niente.

 

chatruc, on 08 Oct 2013 - 14:21, said:

Come detto da altri cari Rhobar, tu non è che sei uno sfigato che le donne non vogliono, sei un eremita che si chiude di fronte a tutto e tutti. E' da 20 pagine che ti diciamo "vai fuori, conosci gente, abbandona questo stupido forum" e tu resti qui a piangerti addosso.

 

Vedi chatruc, quello che dici è vero in parte.

 

E' vero che io sono un eremita e che sono piuttosto chiuso, riservato, ribelle, anticonformista, asociale, apatico e quant'altro.

Ma questa non è la sola causa della mia situazione.

E' una delle concause.

 

Se io sono diventato così, un motivo ci deve pur essere, no?

Il motivo è che, da prima che io diventassi così e che iniziassi a pensarla così, è che le mie coetanee mi avevano dimostrato con le parole e con i fatti proprio la prima tesi che hai citato, ovvero "che io sono uno sfigato che le donne non vogliono".

 

Obiettivamente, mi sono analizzato introspettivamente, e ho capito da solo che ho troppi difetti fisici e caratteriali per poter essere considerato positivamente dal pubblico femminile.

E' questa la prima vera ragione e la causa principale della mia situazione.

 

La seconda causa è un'aggravante, ma non è quella principale.

 

Mi piango addosso? Potrebbe sembrare.

Ma per piangersi addosso, uno deve essere certo che sta perdendo qualcosa di positivo.

 

Io l'ho mai provato per poterlo valutare come positivo?

La risposta è no, perchè non avendo mai avuto la ragazza, non ho mai provato l'effetto che fa.

Non ho mai provato cosa significa avere un'esperienza affettiva, sentimentale e sessuale con una donna.

Quindi, non posso dire a priori che sto perdendo qualcosa di positivo, dato che non so se è positivo oppure no.

 

Immagino che potrebbe essere piacevole sotto certi punti di vista.

Ma magari, sotto altri, potrebbe essere negativo.

 

Quindi io alla fine ci sto perdendo, o ci sto guadagnando?

Bella domanda: come faccio a saperlo?

 

Raikkonen, on 08 Oct 2013 - 14:33, said:

Sì però non è che uno può uscire così da solo, ci vorrebbe almeno un amico per andare da qualche parte.

 

Esatto, da soli è complicatissimo.

A meno che non ti si presenta l'occasione e il contesto adatto, da solo non puoi fare assolutamente niente.

E ancor peggio, non ci puoi riuscire se non hai alcun tipo di esperienza e non sai quindi come ti devi comportare in quelle circostanze.

 

F.126ck, on 08 Oct 2013 - 14:44, said:

si e lui ha già detto che gli inviti gli arrivano ma li rifiuta perché non li ritiene importanti facepalm.gif

 

Nì.

Qualche mio collega ha provato a invitarmi a qualche serata o a qualche attività extra-lavorativa.

Ma non si trattava di nulla che avesse a che fare con ragazze o robe simili.

 

Erano soltanto uscite organizzate con scopi ben precisi (chessò: partita a tennis tra colleghi, partita a calcetto, arrampicate, sciate, escursioni in montagna, ecc...)

Ma non è roba per me, ecco perchè ho rifiutato diverse volte.

 

M.SchumyTheBest, on 08 Oct 2013 - 21:42, said:

Un vantaggio che ha l'uomo è che comunque la sua bellezza tendenzialmente diminuisce più lentamente che nella donna; un uomo di 35-40 normale può essere ancora piacente, una donna spesso e volentieri è già in caduta libera da un pezzo a quell'età. Oltre al fatto che un uomo ha un range di scelta anagrafico più ampio, perchè può uscire con le coetanee, con donne più grandi ma anche con donne più piccole, anche molto più piccole; un 35enne può stare benissimo con una 20enne o poco più, una donna 35enne che esce con un 20enne 9 su 10 si fa ridere dietro.
Per questo ad una certa età abbassano le pretese, perchè soprattutto la concorrenza delle più giovani si fa spietata. Questo comunque riguarda solo una parte delle donne, non certo tutte (lo dico per non essere tacciato di anti-femminismo o misoginia), oltre al fatto che come già specificato è colpa soprattutto degli uomini tutto questo; le donne hanno la colpa che in alcuni casi se ne approfittano troppo, ma faremmo lo stesso anche noi al posto loro.

 

Mah, non sono troppo d'accordo.

 

Tendenzialmente è vero che, in media, una donna passati i 35 anni inizia a deturparsi più precocemente rispetto a un uomo.

Ma ci sono donne che sono belle anche passati i 45 anni, quindi non è che si debba per forza generalizzare.

Inoltre, non è che tutti gli uomini restano piacenti fino a 50 anni.

 

E poi, ci sono donne di 30/35 anni che nel maschio "ispirano più sesso" di ragazze di dieci anni più giovani.

 

Il fatto che se una donna di quell'età si mette con un ventenne "fa ridere", è dovuto a due motivi:

- il primo è un tabù sociale, che è generazionale, per il quale è l'uomo che deve essere più vecchio, e non viceversa

- il secondo è per via del discorso che hai fatto tu, ovvero che le donne maturano più in fretta degli uomini, ma per questo "invecchiano" anche precocemente.

O meglio, hanno la tendenza a manifestare precocemente e con più evidenza l'invecchiamento rispetto a un uomo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda Rhobar è da un po' che seguo i tuoi interventi e ti posso assicurare che se il modo di porti nella vita di tutti i giorni è lo stesso che vediamo qui, beh togli pure la probabilità di 5 su un miliardo ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Esatto, da soli è complicatissimo.

A meno che non ti si presenta l'occasione e il contesto adatto, da solo non puoi fare assolutamente niente.

E ancor peggio, non ci puoi riuscire se non hai alcun tipo di esperienza e non sai quindi come ti devi comportare in quelle circostanze.

 

--------------------------------------------------------------------------------

 

Nì.

Qualche mio collega ha provato a invitarmi a qualche serata o a qualche attività extra-lavorativa.

Ma non si trattava di nulla che avesse a che fare con ragazze o robe simili.

 

Erano soltanto uscite organizzate con scopi ben precisi (chessò: partita a tennis tra colleghi, partita a calcetto, arrampicate, sciate, escursioni in montagna, ecc...)

Ma non è roba per me, ecco perchè ho rifiutato diverse volte.

 

 

 

Quindi ti lamenti che da soli è complicatissimo e che ci vorrebbe un amico ma quando ti invitano per fare qualcosa insieme senza ragazze per fare amicizia dici di no.

 

Inutile aggiungere altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Rhobar_III

Guarda Rhobar è da un po' che seguo i tuoi interventi e ti posso assicurare che se il modo di porti nella vita di tutti i giorni è lo stesso che vediamo qui, beh togli pure la probabilità di 5 su un miliardo ;)

 

Ti posso assicurare che il mio modo di pormi nella vita di tutti i giorni è sempre pragmatico e calcolato come lo leggi nei miei interventi.

Non vado mai fuori dagli schemi che mi sono prefissato.

 

Se ritengo che qualcosa sia inutile, non mi affanno e non ci perdo dietro del tempo.

 

 

Quindi ti lamenti che da soli è complicatissimo e che ci vorrebbe un amico ma quando ti invitano per fare qualcosa insieme senza ragazze per fare amicizia dici di no.

 

Inutile aggiungere altro.

 

Ma che c'entra!

 

Rimarrebbero soltanto attività ricreative con i colleghi di lavoro.

Non si tratta di amicizia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora, matematicamente la faccenda è così:

 

1) conosci maschi per fare hobby

2) diventi un po' amico dei maschi

3) ci esci con loro e magari conosci delle tipe

4) fai esperienza con le tipe

5) ti trombi una o più tipe

6) trovi la morosa

7) ti lascia la morosa

8) ripeti i punti 5 6 e 7 (soprattutto devi ripetere il 5)

9) trovi una con cui ci convivi

10) ti separi e torni al punto 9 (o anche 5 soprattutto) oppure resti con quella.

 

Se il mio ragionamento matematico non funziona, non è detto che trombi con un maschio e magari sei felice lo stesso, io non ho pregiudizi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ben detto Chatruc :up:

Edited by carlomm73

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io al momento sono fermo al punto 9 da diverso tempo, spero di non dover fare il passo successivo :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×