Jump to content
Sign in to follow this  
Ferrari248f1

Telaio Formula 1

Recommended Posts

Se fosse come pensavi tu saremmo di fronte ad un monomarca e la F1 ? sempre andata nella direzione opposta ...........

 

Questa mi suona nuova.................!!!??? Incredibile come si possa ignorare la realt?, e poi ci lamentiamo dei politici!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questa mi suona nuova.................!!!??? Incredibile come si possa ignorare la realt?, e poi ci lamentiamo dei politici!!!!!!!

 

?

Share this post


Link to post
Share on other sites

quello che Raphael voleva intendere ? che la f1 di per s? ? gi? un monomarca

Share this post


Link to post
Share on other sites
quello che Raphael voleva intendere ? che la f1 di per s? ? gi? un monomarca

 

E allora complimenti all'On. Raphael.

 

La F1, secondo lui, ? un monomarca?

 

Per piacere, mi spieghi come mai alcuni Giganti della produzione dell'automobile sputano ettolitri di fiele per il fatto di essere regolarmente battuti da quasi 2 lustri da un "nano tecnologico" con sede a Maranello?

 

Ma per favore, impiegate bene il vostro tempo libero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
E allora complimenti all'On. Raphael.

 

La F1, secondo lui, ? un monomarca?

 

Per piacere, mi spieghi come mai alcuni Giganti della produzione dell'automobile sputano ettolitri di fiele per il fatto di essere regolarmente battuti da quasi 2 lustri da un "nano tecnologico" con sede a Maranello?

 

Ma per favore, impiegate bene il vostro tempo libero.

la f1 non ? un monomarca formalmente,ma quando riduci la libert? di progettazione a un paio di alette e a due buchi per i puristi questo ? monomarca.

basta vedere il regolamento sui motori per capire a che livello siamo,piu che un regolamento sembra un manuale di montaggio

che poi alcuni team vadano piu forte di altri questo succede anche nei veri monomarca per cui...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La F1 ? talmente monomarca che la McLaren ha dovuto buttare tra i rifiuti la MP4/18 e correre 2 stagioni intere con la MP4/17 perch? aveva sbagliato in pieno il telaio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Splendida "carrellata" sulla tecnica costruttiva dei primi anni '70!

 

Si pu? notare come solo 2 vetture non adottassero i puntoni di reazione posteriori: la March e la Connew.

 

La novit? maggiore della March 721X era la sospensione posteriore che ripeteva i concetti della Ferrari 312B2 del 1971.

Per il 1972, mentre la Ferrari abbandonava tale sospensione, Robin Herd costru? una vettura con una sospensione similare. In pratica un traliccio collegava la ruota al gruppo molla-ammrtizzatore piazzato pressoch? orizzontalmente sopra il cambio. Questo per cercare di diminuire le masse non sospese.

Da notare che questo tipo di sospensione era in pratica una antesignana delle moderne sospensioni push-rod.

Purtroppo ad inizio anni '70 le stesse non riuscivano a funzionare bene anche a causa degli ammortizzatori non adatti, a quei tempi, a funzionare montati in posizione quasi orizzontale.

L'ing. Chiti, allora all'Alfa Romeo, a quei tempi, era abbastanza critico su quel tipo di sospensione. Sosteneva che non avrebbe mai potuto funzionare a causa di problemi di "cavitazione".

 

Altra caratteristica della March 721X era il cambio entrobordo. Ispirandosi alla Porsche e all'Alfa, il cambio venne montato a rovescio. Mentre tutte le altre F1 avevano il cambio oltre l'assale posteriore, la 721X aveva il cambio piazzato tra il motore e l'assale posteriore. Montare il cambio in quel modo, serviva per portare i pesi pi? vicini al baricentro.

 

Le March 721X debuttarono al GP di Spagna guidate da Ronnie Peterson e Niki Lauda.

Subito ci si accorse che la vettura era poco competitiva anche a causa di gommature non adatte a quel tipo di sospensione. Dopo soli 3 GP venne sostituita dalla 721G che altro non era che una March Formula 2 riadattata alla Formula 1.

 

 

Altra idea interessante, la Connew.

 

Peter Connew, ex collaboratore di John Surtees, decise di costruire una sua vettura. Pur senza troppi soldi costru? una interessantissima vettura di F1.

Le sue caratteristiche principali, oltre ai radiatori olio intubati ai lati del motore, erano un musetto particolare ed una sospensione posteriore totalmente fuori dagli schemi.

 

Il musetto prendeva aria per il radiatore da sotto la vettura per cui non presentava alcuna presa anteriore. Davanti all'abitacolo un'apertura faceva da sfogo per l'aria calda.

 

Ancora pi? interessante era la sospensione posteriore. Essa, come gi? detto, non faceva uso dei puntoni di reazione che servivano per dare maggior robustezza all'insieme ed evitare oscillazioni longitudinali delle ruote posteriori. Un complicato traliccio a flessibilit? variabile fungeva da sospensione. Il tutto dava maggior pulizia al posteriore. Solo a fine anni '70 tutte le scuderie eliminarono i puntoni di reazione proprio per pulire la zona posteriore, importante per l'effetto suolo.

 

Altra caratteristica della Connew era la modularit? costruttiva molto spinta che permetteva di togliere totalmente l'avantreno.

 

La vettura si present?, guidata da Migault, ad un paio di gare ma il motore molto scarso non gli permise di ottenere risultati.

Poi il progetto fu abbandonato a causa delle risorse finanziarie limitatissime.

Share this post


Link to post
Share on other sites

bel? 3D peccato sia caduto nel dimenticatoio :)

avere una monoscocca in carbonio, vuol dire solo con che materiale ? fatta.

? un po' come dire "giacca" (ora che viene il freddo :D ), che ? un capo di abbigliamento, ma che nn definisce se pi? o meno pesante ecc ecc ecc

una monoscocca in carbonio ? fatta da molte pelli di carbonio sovrapposte, ognuna di esse pu? essere di diverse grammature (peso al metro quadro, che ? legato alla grossezza della fibra) e di diversa tessitura (pari , twill, oltre a una marea di altre tessiture, o unidirezionale)

quindi dipende da come ? fatta, dire in carbonio, non ha nessun significato

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma sono totalmente in fibra di carbonio oppure hanno anche all'interno dei riempitivi, che fungono anche da alleggerimento, tipo honeycomb in alluminio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dentro sono fatti con nido d'ape in alluminio (honeycomb), nn penso con altri riempitivi (non penso, ma non lo so...magari aver le conoscenze a quei livelli...)

cmq volendo oltre al nido d'ape (che ha tutte le complicazioni di lavorazione) si possono usare altri riempitivi + economici, ma soprattutto dalle minori complicazioni di lavorazione (vedi schiume, pannelli vari ecc)

sto facendo delle prove in questi giorni..quando ho fatto casomai posto 2 forine

ben inteso, nessun uso pratico almeno x il momento, ma curiosit? si tanta (sto facendo una mini monoscocca in compositi a casa, vedo se riesco a resinarla oggi o i prox giorni, in vetro + carbonio...solo x semplice curiosit?, ripeto nessun uso pratico)

Share this post


Link to post
Share on other sites
sto facendo una mini monoscocca in compositi a casa, vedo se riesco a resinarla oggi o i prox giorni, in vetro + carbonio...solo x semplice curiosit?, ripeto nessun uso pratico

 

Magari per destinarla a questo uso?

 

sl270852resbw7.th.jpgthpix.gif

 

sl270853resgm3.th.jpg

 

sl270854resuh5.th.jpg

 

sl270855resqn4.th.jpgthpix.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
dentro sono fatti con nido d'ape in alluminio (honeycomb), nn penso con altri riempitivi (non penso, ma non lo so...magari aver le conoscenze a quei livelli...)

cmq volendo oltre al nido d'ape (che ha tutte le complicazioni di lavorazione) si possono usare altri riempitivi + economici, ma soprattutto dalle minori complicazioni di lavorazione (vedi schiume, pannelli vari ecc)

sto facendo delle prove in questi giorni..quando ho fatto casomai posto 2 forine

ben inteso, nessun uso pratico almeno x il momento, ma curiosit? si tanta (sto facendo una mini monoscocca in compositi a casa, vedo se riesco a resinarla oggi o i prox giorni, in vetro + carbonio...solo x semplice curiosit?, ripeto nessun uso pratico)

Effettivamente ? veramente un bell'argomento, peccato che si sappia poco o niente di come le scuderie realizzano questi "pezzi" della monoposto....all'universit? ho avuto modo di vedere vari particolari realizzati con honeycomb in alluminio e fibra di carbonio e sono veramente resistentissimi; bastano 2 strati di tessuto spesso 0.2mm sopra l'honeycomb e il composito ha una resistenza incredibile!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Magari per destinarla a questo uso?

 

sl270852resbw7.th.jpgthpix.gif

 

sl270853resgm3.th.jpg

 

sl270854resuh5.th.jpg

 

sl270855resqn4.th.jpgthpix.gif

 

 

no no, nn avrei neanche lo spazio x tenerlo a casa :D

una cosa molto + piccola, tipo 30x40 cm

alla fina una cosa cos? piccola non avrebbe nessun uso pratico,sarebbe solo curiosit? x poi vedere quanto flette ecc ecc.

 

@nicol?

eh magari aver fatto universit?, l'avrei fatta solo x il discorso compositi, passione che per? mi ? venuta finita scuola...

che universit?? tipo padova (io sono da treviso) corrono in formula student, e quindi costruiscono la monoposto in casa, per? purtroppo non conosco nessuno dentro, e cmq mi sembra il telaio sia sempre in tubi saldati.

honeycomb ne trovi anche fatto + semplicemente in cartone, lo usano x fare le porte ecc, ne ho portato a casa un pezzetto ma non l'ho + provato...il discorso ? ceh usando l'honey devi usare pre-peg, o impregnare a parte la fibra con la resina, e poi posizionarla sopra, altrimenti riempi le celle di resina. ci son altri materiali, dalle propriet? meno "nobili", che per? x lavori caserecci si prestan meglio, come gli espansi, schiume, stifferite, tarmanto.

 

 

ieri cercando ho trovato questo link...insommma...mi mancherebbero giusto giusto il CNC e l'autoclave :unsure: , x vuoto e infusione mi arrangio

guarda le gallery di foto,solo che anche qui ci son passaggi e materiali che mi sfuggono

http://www.fsae.co.nz/index.php?option=com...2&Itemid=28

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
@nicol?

eh magari aver fatto universit?, l'avrei fatta solo x il discorso compositi, passione che per? mi ? venuta finita scuola...

che universit?? tipo padova (io sono da treviso) corrono in formula student, e quindi costruiscono la monoposto in casa, per? purtroppo non conosco nessuno dentro, e cmq mi sembra il telaio sia sempre in tubi saldati.

honeycomb ne trovi anche fatto + semplicemente in cartone, lo usano x fare le porte ecc, ne ho portato a casa un pezzetto ma non l'ho + provato...il discorso ? ceh usando l'honey devi usare pre-peg, o impregnare a parte la fibra con la resina, e poi posizionarla sopra, altrimenti riempi le celle di resina. ci son altri materiali, dalle propriet? meno "nobili", che per? x lavori caserecci si prestan meglio, come gli espansi, schiume, stifferite, tarmanto.

ieri cercando ho trovato questo link...insommma...mi mancherebbero giusto giusto il CNC e l'autoclave :unsure: , x vuoto e infusione mi arrangio

guarda le gallery di foto,solo che anche qui ci son passaggi e materiali che mi sfuggono

http://www.fsae.co.nz/index.php?option=com...2&Itemid=28

 

Faccio l'Universit? di Parma; anche da noi c'? la formula SAE, l'anno scorso per? hanno partecipato solo con il progetto, diciamo su carta, ma da quest'anno se si riescono a reperire i fondi sufficienti dovrebbero realizzare l'intera monoposto. Il concorso poi si svolge a Fiorano alla presenza di molti esperti del settore...ingegneri Ferrari, Dallara, Magneti Marelli ecc...ecc...

 

Per quanto riguarda il link devo ammettere che l'argomento mi affascina, ma non sono molto ferrato...da quello che vedo cmq mi sembra di aver capito tutti i vari passaggi. C'? un sito di una ditta che vende materili compositi, la Prochima, sul quale, se non ricordo male, ci dovrebbero essere tutti i vari passaggi per realizzare un componente molto preciso in composito senza dover avere un CNC per realizzare il modello ed una autoclave per la polimerizzazione...prova a darci un'occhiata!

Share this post


Link to post
Share on other sites

si il sito della prochima lo conosco, anche se non ho mai preso da loro.

la prochima vende i carbon kit, dai costi assurdi..

insieme la prochima mi sembra dia un manuale dove spiega come creare uno stampo da un oggetto gi? esistente, e poi ricrearlo in carbonio. niente autoclave, cmq, vende se ricordo bene il materiale di consumo x fare il sottovuoto (ma nn vende neanche le pompe se ricordo bene), l'autoclave ? alquanto + impegnativa da costruire (il vuoto fai un sacco e togli l'aria, l'autoclave lavorando vuoto+ pressione, necessita di una struttura resistente alla pressione - immagina 2 o 3 kg, anche se si arriva anche a 7, x cm2 che forza crea sull'involucro dell'autoclave)

eh affascina affascina il mondo dei compositi... :) diciamo che ci ho preso un po' la mano ormai :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, ma se lo fai solo per passione non ? necessaria l'autoclave...diverso il discorso in F1 dove si cerca di realizzare componenti in composito con caratteristiche tecnologiche altamente avanzate... Non voglio pensare quante differenze ci possono essere tra telai costruiti da scuderie differenti, visti gli innumerevoli tipi di tessuti, grammature, resine, intrecci delle fibre e sovrapposizione con vari angoli dei tessuti... Peccato solo che la fibra di carbonio sia un pessimo conduttore di calore!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Magari per destinarla a questo uso?

 

sl270852resbw7.th.jpgthpix.gif

 

sl270853resgm3.th.jpg

 

sl270854resuh5.th.jpg

 

sl270855resqn4.th.jpgthpix.gif

 

Hanno fatto un mix tra la Forti del 95 e quella del 96 per realizzarla...

 

Come modello ne potevano prendere certamente un'altro... :hihi:

Edited by DavideHill

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×