Jump to content
Muresan80

1995 Renault V10 vs Ferrari V12

Recommended Posts

Mi pare curioso che nel '95 reputino 750 CV al Renault e 730 al Ferrari.... A Monza '95 ho letto che pi? o meno il Ferrari doveva avere 20-25 cavalli in pi? (altra cosa il '94, quando il divario era molto pi? ampio a favore del Ferrari 3500...)

 

Non so su quali basi e con quale criterio siano stati raccolti quei dati. Confido nella credibilit? dell'autore ma non li ritengo incontestabili, anzi.

 

Li ho pubblicati perch? provengono da una fonte unica e quindi, in teoria, dovrebbero essere relativamente giusti. Resta comunque il fatto che la vera potenza del motore la conosce solo il costruttore, noi possiamo solo appoggiarci a quanto viene pubblicato a meno che, come Marcof4, non abbiamo l'opportunit? di avere informazioni dirette.

Share this post


Link to post
Share on other sites

750 cv nel 95, al primo anno con motori da 3 litri? No, mi s? che c'? qlc errore. Saranno stati giusto sui 700 cv, ma forse manco quelli (parlo di motore standard, la versione per germania e italia magari li raggiungeva). In ogni caso non ? detto che il ferrari fosse molto pi? potente. Nel 92 senza l'utilizzo delle valvole pneumatiche, ma ancora delle molle, pagava diversi cv rispetto al renault. Ovviamente nel 95 le nuove valvole le aveva gi?, ma magari col cambio di cilindrata i francesi si erano trovati pi? pronti. Cmq, potenza o meno, il renault era nettamente il migliore motore in quelli anni, tanto che anche in germania e italia le ferrari non erano al livello di benetton (cio? di schumy, perch? herbert si beccava sempre 1 vita) e williams (che per? facevano sempre una marea di pirlate, vedi appunto monza).

Share this post


Link to post
Share on other sites
? vero,le formule da te utilizzate sono corrette, per le stesse tecnologie utilizzate, che non ? cos? nella realt?...ogniuna ha infatti pregi e difetti, vantaggi e svantaggi che si possono sposare ad applicazioni differenti...

Ma come fai a sapere con precisioni la potenza di un motore, calcolando in un semplice formula matematica tutti i parametri di funzionamento i quali si influenzano tra loro in alcuni casi?...Sei troppo fiducioso nella matematica,secondo quello che dici tu, le prove al banco sarebbero inutili....

Tieni presente poi che alcune formule matematiche non sono affato lineari, quelle della fluidodinamica soprattutto...sarebbe bello se bastassero delle formule matematiche per risolve tutti i problemi!

 

Fluidodinamica? Le formule che utilizzo non implicano l'analisi di fluidodinamica o roba simile, si basano sulla geometria del motore e considerano gli altri parametri equivalenti per ogni tipo di motore, le formule si applicano in formulazione parametrica, non vado mica a calcolarmi le portate e velocit? dei fluidi che esistono nel funzionamento di un motore, vado a valutare cosa comporta ai fini della potenza e rendimento un condotto pi? grande o piccolo, stop. Come ti ho gi? detto se mi dai un motore, la sua architettura il suo rendimento e la sua potenza io posso dirti che potenza avrebbe lo stesso motore con numero di cilindri e cilindrata diversa, non ti posso calcolare che potenza che avr? dal nulla, solo conoscendo la sua architettura, ho bisogno di un dato di partenza che ? un altro motore ed i suoi dati.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fluidodinamica? Le formule che utilizzo non implicano l'analisi di fluidodinamica o roba simile, si basano sulla geometria del motore e considerano gli altri parametri equivalenti per ogni tipo di motore, le formule si applicano in formulazione parametrica, non vado mica a calcolarmi le portate e velocit? dei fluidi che esistono nel funzionamento di un motore, vado a valutare cosa comporta ai fini della potenza e rendimento un condotto pi? grande o piccolo, stop. Come ti ho gi? detto se mi dai un motore, la sua architettura il suo rendimento e la sua potenza io posso dirti che potenza avrebbe lo stesso motore con numero di cilindri e cilindrata diversa, non ti posso calcolare che potenza che avr? dal nulla, solo conoscendo la sua architettura, ho bisogno di un dato di partenza che ? un altro motore ed i suoi dati.

Perfetto...per? converrai che sono formule che danno delle risposte di riferimento ,non assolute....gi? ? difficile che due motori identici abbiano la stessa potenza figurati due motori con gli stessi parametri di funzionamento, con un diverso numero di cilidri...? un discorso interessante, anche perch? in funzione dello specifico utilizzo e delle tecnologie utilizzate, pu? essere vantaggioso un tipo di frazionamento piuttosto che un'altro.

Tu ti sei stupito che discutavamo sulla potenza del V12 rispetto a quella del V10...ma non c? da stupirsi, nella realt? non ? cos? ovvia la cosa....solo questo volevo dire, penso che tu sia d'accordo con me!...Dai ingegniere non fare troppo il teorico!! :rotfl: Anche la leggi che governano la fisica delle previsioni del tempo,si conoscono, purtroppo in maniera perfetta non si riesce a fare delle previsioni azzeccate e per un tempo abbastaza lungo...Io penso che sia difficile che due motori di frazionamento diverso abbiano i parametri di funzionamento identici, delle variazioni ci sarebbero comunque, e queste possono fare la differenza...non ? che un motorista deve scegliere il frazionamento in funzione di quei dati teorici,ma fa altre coniderazioni...La Ferrari non ? passata al V10 per quei dati,ma perch? visto che lo utilizzava la Ranult e che vinceva ed era ritenuto da tutti il motore migliore, decisero di seguire la stessa strada. Nessuno vieta che Marannello potesse seguire la propria realizzando un motore vincente, anche Bernard Dudot, allora a capo della Renault,rimase molto sorpreso della scelta...ricordo una sua intervista in cui sosteneva che lui non evrebbe cambiato considerando l'esperienza che ormai avevano accumulato per quel tipo di frazionamento..Anche Lombardi, a sempre sostenuto che fu una scelta dettata dall'asigenza di dover cambiare il progetto,si poteva realizzare un V12 completamente nuovo...fecero diversamente...tanto ? vero che Lombardi fu allontanato, essendo contrario al cambiamento...Non s? se sai chi sia costui...? anche quello che permise alla Lancia di vincere 6 titoli mondiali di fila nei rally, che ha inventato il motore a doppia turbina della S4...cosa dici, mi posso fidare di quello che dice?....Io penso che la domanda a cui sia interssante rispondere sia la seguente...il V12 sarebbe potuto essere un motore vincente in F1?...io sono convinto di si!...Ciao Ingegniere...e non ti arrabbiare troppo!! :D

 

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
750 cv nel 95, al primo anno con motori da 3 litri? No, mi s? che c'? qlc errore. Saranno stati giusto sui 700 cv, ma forse manco quelli (parlo di motore standard, la versione per germania e italia magari li raggiungeva). In ogni caso non ? detto che il ferrari fosse molto pi? potente. Nel 92 senza l'utilizzo delle valvole pneumatiche, ma ancora delle molle, pagava diversi cv rispetto al renault. Ovviamente nel 95 le nuove valvole le aveva gi?, ma magari col cambio di cilindrata i francesi si erano trovati pi? pronti. Cmq, potenza o meno, il renault era nettamente il migliore motore in quelli anni, tanto che anche in germania e italia le ferrari non erano al livello di benetton (cio? di schumy, perch? herbert si beccava sempre 1 vita) e williams (che per? facevano sempre una marea di pirlate, vedi appunto monza).

 

Nel '92 il motore era praticamente ancora quello progettato fa His,nel 1988...con non troppe modifiche...? stato utilizzato per molti anni..aveva ancora il basamento in ghisa e le 5valvole per cilindro..sinceramente non si sapeva neanche se il team avrebbe continuato in F1...dopo l'arrivo ti Todt sono cominaciate le vere modifiche...alla fine del '94 il motore non aveva nulla in comune..? allora che iniziarono ad adottare le valvove pneumatiche, ma grazie agli alti regimi di rotazione saltavano...la ditta che realizzava gli anelli di tenuta della pressione dell'aria nei pistoncini era la stessa che forniva la Renault, per loro stessa ammissione non erano in grado di realizzare prodotti adatti al motore di Maranello...Il V12 del 1995 era un'avoluzione con cilindrata ridotta dello 043 di 3500...ti assicuro che di cavalli ne aveva!! La ferrari inoltre aveva appena iniziato a collaborare con il Centro Ricerche Fiat...purtroppo nella realizzazione del V10....in quel momento erano davvero artigiani in confronto alla struttura che adottavano i francesi che gi? collabnoravano con l'indistria aerospaziale...pensa te che divario di tecnologia!! Pensare che il primo satellite in Europa ed in terzo nel mondo lo abbiamo messo on orbita noi italiani!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perfetto...per? converrai che sono formule che danno delle risposte di riferimento ,non assolute....gi? ? difficile che due motori identici abbiano la stessa potenza figurati due motori con gli stessi parametri di funzionamento, con un diverso numero di cilidri...? un discorso interessante, anche perch? in funzione dello specifico utilizzo e delle tecnologie utilizzate, pu? essere vantaggioso un tipo di frazionamento piuttosto che un'altro.

Tu ti sei stupito che discutavamo sulla potenza del V12 rispetto a quella del V10...ma non c? da stupirsi, nella realt? non ? cos? ovvia la cosa....solo questo volevo dire, penso che tu sia d'accordo con me!...Dai ingegniere non fare troppo il teorico!! :rotfl: Anche la leggi che governano la fisica delle previsioni del tempo,si conoscono, purtroppo in maniera perfetta non si riesce a fare delle previsioni azzeccate e per un tempo abbastaza lungo...Io penso che sia difficile che due motori di frazionamento diverso abbiano i parametri di funzionamento identici, delle variazioni ci sarebbero comunque, e queste possono fare la differenza...non ? che un motorista deve scegliere il frazionamento in funzione di quei dati teorici,ma fa altre coniderazioni...La Ferrari non ? passata al V10 per quei dati,ma perch? visto che lo utilizzava la Ranult e che vinceva ed era ritenuto da tutti il motore migliore, decisero di seguire la stessa strada. Nessuno vieta che Marannello potesse seguire la propria realizzando un motore vincente, anche Bernard Dudot, allora a capo della Renault,rimase molto sorpreso della scelta...ricordo una sua intervista in cui sosteneva che lui non evrebbe cambiato considerando l'esperienza che ormai avevano accumulato per quel tipo di frazionamento..Anche Lombardi, a sempre sostenuto che fu una scelta dettata dall'asigenza di dover cambiare il progetto,si poteva realizzare un V12 completamente nuovo...fecero diversamente...tanto ? vero che Lombardi fu allontanato, essendo contrario al cambiamento...Non s? se sai chi sia costui...? anche quello che permise alla Lancia di vincere 6 titoli mondiali di fila nei rally, che ha inventato il motore a doppia turbina della S4...cosa dici, mi posso fidare di quello che dice?....Io penso che la domanda a cui sia interssante rispondere sia la seguente...il V12 sarebbe potuto essere un motore vincente in F1?...io sono convinto di si!...Ciao Ingegniere...e non ti arrabbiare troppo!! :D

 

Arrabbiato? Ma dove? Quando? No, nessuna arrabbiatura :-)

Anch'io sono convinto che il V12 ? un motore vincente. Comunque la bont? di una configurazione rispetto ad un'altra dipende anche dal regolamento.

Presumo che la scelta del V10 sia stata di tipo politico e non tecnico (da li a poco il V10 sarebbe stato obbligatorio per regolamento)

Infine ti dico che le formule sono pi? affidabili di quanto pensi, mettile alla prova, dammi un motore e ti dar? i valori di un altro motore con diversa configurazione (meglio se dello stesso produttore).

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nel '92 il motore era praticamente ancora quello progettato fa His,nel 1988...con non troppe modifiche...? stato utilizzato per molti anni..aveva ancora il basamento in ghisa e le 5valvole per cilindro..sinceramente non si sapeva neanche se il team avrebbe continuato in F1...dopo l'arrivo ti Todt sono cominaciate le vere modifiche...alla fine del '94 il motore non aveva nulla in comune..? allora che iniziarono ad adottare le valvove pneumatiche, ma grazie agli alti regimi di rotazione saltavano...la ditta che realizzava gli anelli di tenuta della pressione dell'aria nei pistoncini era la stessa che forniva la Renault, per loro stessa ammissione non erano in grado di realizzare prodotti adatti al motore di Maranello...Il V12 del 1995 era un'avoluzione con cilindrata ridotta dello 043 di 3500...ti assicuro che di cavalli ne aveva!! La ferrari inoltre aveva appena iniziato a collaborare con il Centro Ricerche Fiat...purtroppo nella realizzazione del V10....in quel momento erano davvero artigiani in confronto alla struttura che adottavano i francesi che gi? collabnoravano con l'indistria aerospaziale...pensa te che divario di tecnologia!! Pensare che il primo satellite in Europa ed in terzo nel mondo lo abbiamo messo on orbita noi italiani!!!

 

quoto, infatti il V12 Honda ad esempio era su un altro pianeta rispetto al V12 Ferrari

Share this post


Link to post
Share on other sites
quoto, infatti il V12 Honda ad esempio era su un altro pianeta rispetto al V12 Ferrari

 

 

Per? va sempre precisato QUALE V12: il Ferrari 3500 '94 aveva una potenza che secondo me poteva benissimo rivaleggiare con un'eventuale evoluzione dell'Honda.

 

Comunque ecco qui, rifacciamoci un p? le orecchie:

 

http://www.youtube.com/watch?v=aBXUOomynxw...feature=related

Share this post


Link to post
Share on other sites
Arrabbiato? Ma dove? Quando? No, nessuna arrabbiatura :-)

Anch'io sono convinto che il V12 ? un motore vincente. Comunque la bont? di una configurazione rispetto ad un'altra dipende anche dal regolamento.

Presumo che la scelta del V10 sia stata di tipo politico e non tecnico (da li a poco il V10 sarebbe stato obbligatorio per regolamento)

Infine ti dico che le formule sono pi? affidabili di quanto pensi, mettile alla prova, dammi un motore e ti dar? i valori di un altro motore con diversa configurazione (meglio se dello stesso produttore).

Ciao

 

Son molto felice che la pensi come me!!...sarebbe interessante analizzare ci? che succede in superbike dove la Ducati utilizza il bicilindrico e le giapponesi il 4 cilindri...

Da 2anni il primo ha ricevuto per regolamento un aumento di cilindrata del 20% rispetto ai 4cilindri.....per ragioni di costi, sostenevano in ducati....allora a parit? di potenza, circa, un 4cilindri costa meno....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Son molto felice che la pensi come me!!...sarebbe interessante analizzare ci? che succede in superbike dove la Ducati utilizza il bicilindrico e le giapponesi il 4 cilindri...

Da 2anni il primo ha ricevuto per regolamento un aumento di cilindrata del 20% rispetto ai 4cilindri.....per ragioni di costi, sostenevano in ducati....allora a parit? di potenza, circa, un 4cilindri costa meno....

 

No, non ? cos?.

Allora diamo un p? di numeri.

Quando in SBK vi erano i 4 cilindri 750cc ed i 2 cilindri 1000cc (periodo d'oro della SBK) si applicava l'equivalenza della formula da me velocemente esposta, infatti un 2 cilindri per equivalere ad un 4 cilindri di 750 cc deve avere una cilindrata di 1060,66 cc.

I motori in questo caso erano praticamente equivalenti in potenza (ed anche in coppia ed curva di erogazione nonostante certa (dis)informazione dica il contrario).

Le uniche differenze degne di nota tra i due motori sono un maggior peso ed un miglior rendimento per i 2 cilindri, quasi ininfluenti per il regolamento SBK.

Con queste condizioni di equivalenza i motori hanno lo stesso costo.

 

Con l'introduzione della cilindrata unica (a quanto pare favorita dalla richiesta a gran voce dal popolo, imbeccato, si dice, dai jap) il 2 cilindri 1000 per fronteggiare i 4 cilindri di medesima cubatura ha avuto il "regalo" di una maggiore possibilit? di preparazione e modifiche dal modello di serie. Regalo che in pratica ha reso i costi del 2 cilindri vicini a quelli della MotoGP.

La Ducati si lamenta di ci? e riesce ad ottenere un aumento di 200 cc grazie ai quali con l'elaborazione del motore meno spinta abbassa i costi.

L'elaborazione permessa credo sia comunque superiore ai 4 cilindri i quali da parte loro sono costretti a correre con flange all'aspirazione (questo mi sembra almeno di ricordare), perch? tutto ci?? Ma perch? di cc per equivalere i 4 cilindri i 2 cilindri ne dovrebbero avere 1400 e non 1200 (esattamente 1414,21).

 

Ci tengo a sottolineare che dovrebbe essere lontano da te l'idea di classificare la bont? di un motore col semplice rapporto potenza/cilindrata, la bont? di un motore si misura principalmente con la potenza (ai vari regimi), il peso (comprensivo di accessori), il volume (leggi cilindrata), il consumo specifico di carburante (leggi rendimento) ed infine i costi di esercizio e manutenzione (che per le corse ha poca importanza).

Con meno cilindri a parit? di potenza si ha un motore pi? voluminoso e pesante, ma si ottiene anche maggior rendimento, a parte qualche altra caratteristica secondaria ed occasionale (vedi per esempio la diversa usura del pneumatico e sensibilit? in trazione tra 2 cilindri e 4 in SBK) non ci sono altre differenze.

Il fatto che le assicurazioni determinino quanti soldi "rubare" in base ai soli centimetri cubici questo ? un altro discorso che nulla ha a che fare con la tecnica.

 

Saluti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per? va sempre precisato QUALE V12: il Ferrari 3500 '94 aveva una potenza che secondo me poteva benissimo rivaleggiare con un'eventuale evoluzione dell'Honda.

 

Comunque ecco qui, rifacciamoci un p? le orecchie:

 

http://www.youtube.com/watch?v=aBXUOomynxw...feature=related

 

ehm il V12 Honda nei due anni che ha corso contro il V12 Ferrari lo sovrastava in tutto potenza ingombri fruibilit?, nel 1992 aveva le valvore pneumatiche il V12 Honda e penso che tra i due all'epoca ci fossero oltre 70-80 cavalli a favore dell'Honda...

 

sono che alla Honda non avevano fatto i conti con le sospensioni attive e si ritirarono, facendo male imho...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan
ehm il V12 Honda nei due anni che ha corso contro il V12 Ferrari lo sovrastava in tutto potenza ingombri fruibilit?, nel 1992 aveva le valvore pneumatiche il V12 Honda e penso che tra i due all'epoca ci fossero oltre 70-80 cavalli a favore dell'Honda...

 

sono che alla Honda non avevano fatto i conti con le sospensioni attive e si ritirarono, facendo male imho...

 

'nsomma , potenza erano pressoch? identici, fruibilit? ok , ma da un altro lato l'Honda aveva un affidabilit? piuttosto risicata che comprometteva tutto l'equilibrio della vettura e costringeva i tecnici a miracoli e voli pindarici per arrivare al traguardo e Senna a tal proposito si lament? tantissimo.

 

Per Il resto sono daccordo dato che il v12 Honda nel 1992 a fine stagione toccava quasi gli 800 cv al banco , avessero proseguito avrebbero fatto quantomeno un lavoro dignitoso.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
'nsomma , potenza erano pressoch? identici, fruibilit? ok , ma da un altro lato l'Honda aveva un affidabilit? piuttosto risicata che comprometteva tutto l'equilibrio della vettura e costringeva i tecnici a miracoli e voli pindarici per arrivare al traguardo e Senna a tal proposito si lament? tantissimo.

 

Per Il resto sono daccordo dato che il v12 Honda nel 1992 a fine stagione toccava quasi gli 800 cv al banco , avessero proseguito avrebbero fatto quantomeno un lavoro dignitoso.

 

 

I Giapponesi avevano soldi e capacit? per sviluppare un'ottimo V12.

Ricordiamo che il 1992 era il secondo anno per questo motore.

C'era da lavorare sull'affidabilit? e sull'erogazione, ma gi? a fine 1992 si ottennero buoni risultati (se non sbaglio lo stesso Senna fu soddisfatto)

Fu un peccato il ritiro della Honda, con un adeguato sviluppo avrebbero potuto puntare in alto.

 

Nel 1992 c'era da constrastare la fortissima FW14B, lavoro mica da poco.

Edited by Aviatore_Gilles

Share this post


Link to post
Share on other sites
No, non ? cos?.

Allora diamo un p? di numeri.

Quando in SBK vi erano i 4 cilindri 750cc ed i 2 cilindri 1000cc (periodo d'oro della SBK) si applicava l'equivalenza della formula da me velocemente esposta, infatti un 2 cilindri per equivalere ad un 4 cilindri di 750 cc deve avere una cilindrata di 1060,66 cc.

I motori in questo caso erano praticamente equivalenti in potenza (ed anche in coppia ed curva di erogazione nonostante certa (dis)informazione dica il contrario).

Le uniche differenze degne di nota tra i due motori sono un maggior peso ed un miglior rendimento per i 2 cilindri, quasi ininfluenti per il regolamento SBK.

Con queste condizioni di equivalenza i motori hanno lo stesso costo.

 

Con l'introduzione della cilindrata unica (a quanto pare favorita dalla richiesta a gran voce dal popolo, imbeccato, si dice, dai jap) il 2 cilindri 1000 per fronteggiare i 4 cilindri di medesima cubatura ha avuto il "regalo" di una maggiore possibilit? di preparazione e modifiche dal modello di serie. Regalo che in pratica ha reso i costi del 2 cilindri vicini a quelli della MotoGP.

La Ducati si lamenta di ci? e riesce ad ottenere un aumento di 200 cc grazie ai quali con l'elaborazione del motore meno spinta abbassa i costi.

L'elaborazione permessa credo sia comunque superiore ai 4 cilindri i quali da parte loro sono costretti a correre con flange all'aspirazione (questo mi sembra almeno di ricordare), perch? tutto ci?? Ma perch? di cc per equivalere i 4 cilindri i 2 cilindri ne dovrebbero avere 1400 e non 1200 (esattamente 1414,21).

 

Ci tengo a sottolineare che dovrebbe essere lontano da te l'idea di classificare la bont? di un motore col semplice rapporto potenza/cilindrata, la bont? di un motore si misura principalmente con la potenza (ai vari regimi), il peso (comprensivo di accessori), il volume (leggi cilindrata), il consumo specifico di carburante (leggi rendimento) ed infine i costi di esercizio e manutenzione (che per le corse ha poca importanza).

Con meno cilindri a parit? di potenza si ha un motore pi? voluminoso e pesante, ma si ottiene anche maggior rendimento, a parte qualche altra caratteristica secondaria ed occasionale (vedi per esempio la diversa usura del pneumatico e sensibilit? in trazione tra 2 cilindri e 4 in SBK) non ci sono altre differenze.

Il fatto che le assicurazioni determinino quanti soldi "rubare" in base ai soli centimetri cubici questo ? un altro discorso che nulla ha a che fare con la tecnica.

 

Saluti.

Ma guarda che io non giudico un motore solamente in base al rapporto potenza/cilindrata, per? ? evidente che a parit? di quest'ultima per ottenere la stessa potenza sia necessario utilizzare tecnologie pi? costose...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma guarda che io non giudico un motore solamente in base al rapporto potenza/cilindrata, per? ? evidente che a parit? di quest'ultima per ottenere la stessa potenza sia necessario utilizzare tecnologie pi? costose...

 

Non a caso ho detto "...dovrebbe essere lontano da te l'idea..." non sapendo in realt? come la pensi.

Sono d'accordo che in linea di principio c'? pi? tecnologia nel realizzare potenze specifiche pi? elevate, ma se consideriamo il solo numero di cilindri fare un motore con grossi cilindri pu? essere pi? "tecnologico" che realizzarne uno con pi? cilindri ma pi? piccoli, questo comunque non pu? essere preso come regola generale, fare un mono di 1000 cc pu? essere pi? complicato tecnologicamente che realizzarne uno con 4 cilindri da 250 cc ciascuno, per? realizzarne uno con 12 cilindri pu? essere pi? complicato che realizzarne uno con 4 cilindri (i motivi sono diversi).

Tutti i motori, monocilindrici o pluricilindrici possono essere dotati di testata a 4 valvole, turbo, fasature variabili e tutte quelle tecnologie costose che possono alzare la potenza specifica (alcune per? penalizzando il rendimento, altre migliorandolo).

Quindi, concludendo, quello che voglio dire ? che se consideriamo 2 motori tipo SBK di qualche hanno addietro 4 cilindri 750 cc e 2 cilindri 1000 cc ambedue con la medesima tecnologia, cio? iniezione elettronica, 4 valvole, raffreddamento a liquido, ecc ecc, questi motori tecnologicamente parlando sono identici, sbaglia colui che dice che il 4 cilindri 750 cc ? un motore migliore perch? a parit? di potenza ha meno cc, infatti ha anche minore rendimento (consuma di pi?).

 

Addirittura io posso dirti che il motore della mia moto (Ducati SS 1000 DS) pur essendo tecnologicamente semplice ? un motore moderno (contrariamente al pensiero comune) infatti non ha alcune tecnologie. ? raffreddato ad aria, ha 2 valvole per cilindro, ma tutto il motore ? costruito in modo moderno, e la semplicit? viene ripagata in bassi costi di costruzione ed esercizio. Comunque ammetto che questo tipo di ragionamento ? un p? troppo "ingegneristico" se mi passate il termine.

Edited by Raphael

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non a caso ho detto "...dovrebbe essere lontano da te l'idea..." non sapendo in realt? come la pensi.

Sono d'accordo che in linea di principio c'? pi? tecnologia nel realizzare potenze specifiche pi? elevate, ma se consideriamo il solo numero di cilindri fare un motore con grossi cilindri pu? essere pi? "tecnologico" che realizzarne uno con pi? cilindri ma pi? piccoli, questo comunque non pu? essere preso come regola generale, fare un mono di 1000 cc pu? essere pi? complicato tecnologicamente che realizzarne uno con 4 cilindri da 250 cc ciascuno, per? realizzarne uno con 12 cilindri pu? essere pi? complicato che realizzarne uno con 4 cilindri (i motivi sono diversi).

Tutti i motori, monocilindrici o pluricilindrici possono essere dotati di testata a 4 valvole, turbo, fasature variabili e tutte quelle tecnologie costose che possono alzare la potenza specifica (alcune per? penalizzando il rendimento, altre migliorandolo).

Quindi, concludendo, quello che voglio dire ? che se consideriamo 2 motori tipo SBK di qualche hanno addietro 4 cilindri 750 cc e 2 cilindri 1000 cc ambedue con la medesima tecnologia, cio? iniezione elettronica, 4 valvole, raffreddamento a liquido, ecc ecc, questi motori tecnologicamente parlando sono identici, sbaglia colui che dice che il 4 cilindri 750 cc ? un motore migliore perch? a parit? di potenza ha meno cc, infatti ha anche minore rendimento (consuma di pi?).

 

Addirittura io posso dirti che il motore della mia moto (Ducati SS 1000 DS) pur essendo tecnologicamente semplice ? un motore moderno (contrariamente al pensiero comune) infatti non ha alcune tecnologie. ? raffreddato ad aria, ha 2 valvole per cilindro, ma tutto il motore ? costruito in modo moderno, e la semplicit? viene ripagata in bassi costi di costruzione ed esercizio. Comunque ammetto che questo tipo di ragionamento ? un p? troppo "ingegneristico" se mi passate il termine.

 

Ottimo ragionamento!...Che bello hai una Ducati!...lo sai mi piaci come persona...come posso contattarti?...scusate l'OT...

Share this post


Link to post
Share on other sites

×