Jump to content
Sign in to follow this  
TeoItaly

Indy Racing League 2007

Recommended Posts

E, scherzosamente, una tiratina d'orecchie a RadioBox.... peccato, sarebbe stato fantastico sentirvela commentare (purtoppo Monza ? quasto ed altro...)

La merita solo il mio portatile, che non si collegava a internet stasera...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cosa ci siamo persi! Il finale pi? incredibile della storia dell'automobilismo.... Dixon e Franchitti che si lottano il campionato, uno contro uno a 2 giri dalla fine da una ripartenza, chi passa per primo sul trafuardo ? campione.... e alla fine vince Darione perch? all'ultimo giro Dixon rimane senza benzina!!!

 

Che gara gente, che gara! Dixon che finisce il carburante nel rettilineo opposto al traguardo dell'ultimo giro....

Per una volta Franchitti ha avuto una bella botta di sedere. Paga per qualche sfiga di troppo in precedenza.

 

Scandalo la Patrick che ancora sbaglia l'ingresso ai box... quante volte gli ? capitato quest'anno?

 

 

E ora Darione, ti aspetto in Champ!

 

Non va mica in NASCAR? O almeno cos? dicono, sembra nel Team Ganassi a far compagnia a Juanito Montoya.

 

 

Che gara, ragazzi, che gara.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cosa ci siamo persi! Il finale pi? incredibile della storia dell'automobilismo.... Dixon e Franchitti che si lottano il campionato, uno contro uno a 2 giri dalla fine da una ripartenza, chi passa per primo sul trafuardo ? campione.... e alla fine vince Darione perch? all'ultimo giro Dixon rimane senza benzina!!!

 

Che gara gente, che gara! Dixon che finisce il carburante nel rettilineo opposto al traguardo dell'ultimo giro....

Per una volta Franchitti ha avuto una bella botta di sedere. Paga per qualche sfiga di troppo in precedenza.

 

Scandalo la Patrick che ancora sbaglia l'ingresso ai box... quante volte gli ? capitato quest'anno?

 

 

E ora Darione, ti aspetto in Champ!

 

Non va mica in NASCAR? O almeno cos? dicono, sembra nel Team Ganassi a far compagnia a Juanito Montoya.

 

 

Che gara, ragazzi, che gara.

 

Si si va in Nascar, ma non essendo ancora niente di ufficiale si era sparsa nei giorni scorsi una voce che il NHL potesse scegliere lui e non Andrettino per sostituire Bourdais....

 

Comunque a botte di "c*lo" Franchitti quest'anno ha fatto il pieno:

 

1. Vince la 500 miglia di Indy ritrovandosi casualmente in testa mentre inizia a piovere

2. Esce fuori da un incidente pauroso dove nel ricadere spelacchia di 10 cm il mesetto della macchina di Dixon

2 bis. Non contento la gara successiva in preda alla foga agonistica centra Matsuura a gara finita e rischia nuovamente la pelle

3. Vince un campionato che probabilmente non avrebbe mai vinto se Chip non avesse voluto fare il tirchio sulla benzina....

 

E questo, scusa, come lo chiami????

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il mio report della gara:

 

Indycar Series Chicagoland Gara - Franchitti campione all'ultima curva!

10-09-2007

 

Incredibile. La vittoria alla Indy 500. Il titolo Indycar 2007. Difficile descrivere in altro modo la stagione di Dario Franchitti. Per tutta la vita ha inseguito la vittoria di un titolo in una competizione automobilistica: lo scozzese non c?era mai riuscito. N? in Formula 3, n? in DTM, n? in Formula CART. C?era arrivato vicino nel 1999? Fin? la stagione a pari punti con Montoya, ma perse perch? il colombiano aveva vinto molte pi? gare. Sempre ottime prestazioni per l?italo-scozzese, ma mai l?affondo decisivo, fino a quest?anno. Vince Indianapolis per via dell?arrivo di un temporale e va in testa al campionato; in seguito fa tremare tutti con due voli terrificanti, dai quali esce integro, ma con sempre meno punti di vantaggio da Scott Dixon.

 

Alla vigilia della PEAK Antifreeze Indy 300, al Chicagoland Speedway, ha soli 2 punti di vantaggio su Dixon, ma conquista la pole position, il che ? un vantaggio notevole. Hornish, per?, sin dalla prima curva riesce a stargli davanti, cos? come Castroneves. Le Penske vanno forte, ok, ma non sono un problema per Dario. Kanaan, anche lui in lotta per il titolo, ha problemi e al 18? passaggio ? costretto a fare un pit con bandiera verde: lo scozzese perde un rivale, ma anche un amico, perch? il brasiliano era troppo distante per tentare di vincere il campionato, pertanto avrebbe sicuramente aiutato Franchitti.

 

Al 26? giro, Dixon sorpassa Franchitti e si porta in testa al campionato! Lo scozzese riesce a stare in scia delle due Penske e delle due Ganassi, ma passare ? davvero molto difficile. La prima caution mette KO un altro dell?Andretti-Green: ? Marco Andretti, fino a quel momento in sesta posizione a difendere Franchitti. Tutti vanno ai box, e Castroneves prende la testa della gara, davanti ad Hornish.

 

La gara non ha grandi colpi di scena, e i primi 5 continuano a seguirsi senza che nessuno tenti un azzardo, quando a met? gara, Hornish sorpassa il compagno di squadra e si riporta in testa. Al 130?, le due Penske si fermano per il pit, lasciando Dixon davanti a tutti. Il neozelandese si fermer? 6 passaggi dopo, proprio quando arriva la seconda caution: Meira si gira e sbatte contro il muro. Franchitti effettua la sosta durante la bandiera gialla e riesce dietro a Dixon, che ? al comando!

 

Prima della bandiera verde, i due rivali, che hanno un vantaggio enorme sugli altri, riforniscono ancora una volta e mantengono la leadership, che per? gli viene tolta appena si ritorna in gara. Sam Hornish Jr, infatti, tenta ad ogni costo di vincere l?ultima gara della vita in Indycar Series, prima di passare in NASCAR nel 2008. Va davanti l?americano, e permette che il distacco in termini di punti tra Dixon e Franchitti si riduca: ma non si pu? ragionare cos?. Chi arriva davanti, vince. Questo ? il ragionamento corretto!

 

E? il 183? giro quando Hornish rientra per il pit: Dixon e Franchitti hanno invece gi? fatto il rabbocco di carburante e quindi dovrebbero farcela fino alla bandiera a scacchi. Tutto sembra finito per Franchitti: Wheldon sta facendo il perfetto scudiero? o quasi! Infatti l?inglese prende e passa Dixon e va in testa, lasciando proprio il compagno di squadra nella grinfie dello scozzese; dopo appena una tornata, per?, Wheldon rallenta nel rettilineo di ritorno, e nel frattempo Danica Patrick va in testacoda nella corsia dei box facendo uscire la pace car.

 

Ultimi 3 giri di gara: la bandiera verde viene sventolata con Dixon che viene pressato da Franchitti. Non c?? spazio per passare, e intanto inizia l?ultimo giro: lo scozzese non si rassegna e continua a spingere, ma all?inizio dell?ultima curva lui ? all?esterno, mentre il neozelandese ? all?interno. E qui c?? il colpo di scena! Dixon rallenta improvvisamente perch? ha finito il carburante: Franchitti passa, vincendo gara e campionato!

 

Un finale incredibile! E? il primo titolo vinto nella lunga carriera di Dario Franchitti, che non riesce a credere a quanto accaduto. Nei festeggiamenti, per?, lo scozzese ha fatto capire che questa ? stata la sua ultima vittoria con le ruote scoperte: insieme ad Hornish, infatti, passer? in NASCAR e, paradossalmente con il team di Chip Ganassi.

 

Al secondo posto si ? classificato comunque Scott Dixon, grazie al giro di vantaggio che aveva, insieme a Franchitti, su tutti gli altri; terzo ? Hornish, quarto Castroneves, quinto Sharp. Nella top10 anche Kanaan, Hunter-Reay, Mutoh (alla prima gara in carriera), Rice e Foyt IV.

 

?Mi sento sollevato e felice? commenta nel dopo gara il campione Indycar Series 2007. ?Sono molto pi? felice di quello che pensavo. Credevo che vincere la Indy 500 fosse un grande sensazione, ma questo ? diverso. Credo che sia perch? ? da tutta la stagione che ci provo!?

 

Andrea Giach

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benza finita a due giri dalla fine che ti fan perdere il mondiale.. Fossi in dixon spaccherei il mondo. <_<

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stai scherzando?? Non seguo spesso la indy, cos'? franchitti?? L'alonso esportato in america?? :hihi:

Share this post


Link to post
Share on other sites

No No, proprio all'ultima curva (o meglio della penultima, ma che comunque su un ovale ? raccordata in una unica all'ultima)... Dixon all'Interno Franchitti all'esterno, a met? curva, Dixon rallenta.... e Francitti 4 secondi dopo passa sotto il traguardo, fra lo sbigottimento generale, e quella gnocca di Ashley Judd che corre come una pazza per i box, George Franchitti che piange come un bambino, e scena bellissima, quelli del Chip Ganassi che vanno ad abbracciare il box dei vincitori... A quando una scena del genere in F1?

 

http://it.youtube.com/watch?v=pbBe98N_P2E (Segui le ultimi fasi sulla TV Brasiliana!)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel mondiale!!

In bilico davvero fino all'ultima curva dell'ultima gara.

Ad inizio mondiale tifavo per Wheldon poi chiaramente simpatizzavo per Dixon.

Fino all'ultima penultima corsa speravo in Dixon su Franchitti............. ma poi, alla fine quando ho visto Dixon rallentare son saltato sul dvano contentissimo.

Non so dire cosa ? cambiato boh......... ma alla fine sono stato contento per Franchitti.

Bisogna dire che mi sono avvicinato a questo mondo da 2/3 anni quindi non sono un tifoso dello zoccolo duro ma piuttosto superficiale.

Dei 4 piloti andretti green simpatizzavo per la Patrick.

 

Sinceramente dopo le ultime sue affermazioni nei confronti di Franchitti si ? persa la mia simpatia.

 

Quindi da oggi, per il mondiale donne: SARAH FISHER e MILKA DUNO forever

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

TeoItaly complimenti per il topic, io sono nuovo arrivo fresco fresco da altri 2 lochi. Sono 'ospite' di Empolese e mi sono iscritto per lui. Oltretutto sono entrato qui esclusivamente per la CART e la IRL di cui in altri 2 forum curo completamente news resoconti e tabulati.

 

Qui vedo che per gli altri 2 'Campionati del Mondo' c'? grande verve e seguito. Sono contento. Confermo con quello che dice Nelson: BEL MONDIALE.

 

 

Alla faccia del Campionato giocato al fulmine di gara. Raikkonen ha vinto alla grande, ma Franchitti ha vinto alla pi? grande!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Occhio che Aleabr ha una opinione "particolare" della vicenda IRL/CART. E devo dire anche con molte motivazioni. Anzi a dire la verit? ne sa molto piu di me sia di IRL che di Champ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

BUGIA BUGIA BUGIA Empoli ;)

 

Non so assolutamente nulla dell'una e dell'altra. Sono qui solo come nuovo visitors.... ;)

 

Mi fa piacere vedere che cmq c'? gente che qui le segue. :sisi2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuto Aleabr

Qui,se hai letto un poco, non c'? tanta folla.

Anzi, sinceramente, pur essendo un neofita della IRL, questo thread lo sento molto mio in quanto ho seguito quasi tutte le corse e ho cercato di commentare per tenerlo un poco vivo.

Con scarsi risultati, vedendo i post ma fa niente.

Come ho gi? detto mille volte, seguo la IRL xch? Nuvolari le trasmette in diretta su satellite ma free!!

Purtroppo per la champ bisogna pagare e adesso non me lo posso permettere.......... ma spero sia questione di pochi mesi ancora (al massimo un anno).

 

Adesso, se ti va, ti passo la palla (o meglio il volante) per cominciare una discussione sulla IRL/Champ

 

 

Cominciamo col domandone:

Quale ? il futuro delle serie (collasso di entrambe, solo di una, riunione). Chi vedi messo meglio?

Riguardo ai piloti: perch? i nostri piloti sono poco appetiti ( o trovano poco appetitoso) i campionati americani?

Mi spiego meglio: diverse volte ho pensato ai campionati americani (sia IRL che Champ) e ritengo che ,se io fossi un pilota, cercherei di sfondare in F1. Indubbiamente!!

Certo che se l'alternativa ? fare il Montagny della situazione ( praticamente carriera nulla in F1 da titolare), preferirei cercare di giocarmela in un altro campionato.

Oppure come far? presumibilmente Fisichella o Ralf Schumacher........... piuttosto che correre in scuderie di bassa levatura (midland,spyker e presumibilmente forceindia) dove ben che vada te la giochi col penultimo ad anni luce dai punti iridati, preferirei andare in USA dove ci sono 2 campionati a ruot scoperte.

Invece la tendenza ?:

o F1 o in alternativa: DTM,GP2,FIA GT,Nascar,StockCar.

E non credo che il problema sia di ordine economico.

 

Ditemi la vostra

Share this post


Link to post
Share on other sites
Benvenuto Aleabr

Qui,se hai letto un poco, non c'? tanta folla.

Anzi, sinceramente, pur essendo un neofita della IRL, questo thread lo sento molto mio in quanto ho seguito quasi tutte le corse e ho cercato di commentare per tenerlo un poco vivo.

Con scarsi risultati, vedendo i post ma fa niente.

Come ho gi? detto mille volte, seguo la IRL xch? Nuvolari le trasmette in diretta su satellite ma free!!

Purtroppo per la champ bisogna pagare e adesso non me lo posso permettere.......... ma spero sia questione di pochi mesi ancora (al massimo un anno).

 

Adesso, se ti va, ti passo la palla (o meglio il volante) per cominciare una discussione sulla IRL/Champ

 

 

Cominciamo col domandone:

Quale ? il futuro delle serie (collasso di entrambe, solo di una, riunione). Chi vedi messo meglio?

Riguardo ai piloti: perch? i nostri piloti sono poco appetiti ( o trovano poco appetitoso) i campionati americani?

Mi spiego meglio: diverse volte ho pensato ai campionati americani (sia IRL che Champ) e ritengo che ,se io fossi un pilota, cercherei di sfondare in F1. Indubbiamente!!

Certo che se l'alternativa ? fare il Montagny della situazione ( praticamente carriera nulla in F1 da titolare), preferirei cercare di giocarmela in un altro campionato.

Oppure come far? presumibilmente Fisichella o Ralf Schumacher........... piuttosto che correre in scuderie di bassa levatura (midland,spyker e presumibilmente forceindia) dove ben che vada te la giochi col penultimo ad anni luce dai punti iridati, preferirei andare in USA dove ci sono 2 campionati a ruot scoperte.

Invece la tendenza ?:

o F1 o in alternativa: DTM,GP2,FIA GT,Nascar,StockCar.

E non credo che il problema sia di ordine economico.

 

Ditemi la vostra

 

Faccio l'indovino... mi sa che alla primo domanda il nostro Aleabr tirer? fuori la sua opinione sui campionati... e ne vedrete delle belle. Ha una idea tutta sua (condivisibile o meno, ma ha dietro un ragionamento che non fa una piega...). Sul fatto che non siano appetibili... Beh provo a rispodnere io. Questo perch? fino a 10 anni fa, 15 via, andare in America voleva dire estranearsi in un campionato che nessuno seguiva e che soprattutto era sentito come americano dagli stessi adetti ai lavori.... poi ? venuto il tempo dei Mansell, degli Zanardi di gente che era pagata per correre.... adesso niente. Oggi anche un volante nella piu scarsa delle Champ Car ? a pagamento, e addirittura anche nella Atlantic, vedi i filgioli di Mansell... ecco perch?, seppur ora sia la IRl che la Champ siano campionati con un rooster altamente internazionele (vedi soprattutto la Champ dove ci sono 2-3 americani), diventa una scommessa. Perch? ti tocca pagare e non ci sono molti sponsor europei che hanno il coraggio di investire su un pilota di cui non si sentir? quasi mai parlare e con la possibilit? che i tuoi sponsor siano inquadrati se va bene, 30' in chiaro su Sportitalia... chi te lo fa fare di investrici??

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Benvenuto Aleabr

Qui,se hai letto un poco, non c'? tanta folla.

Anzi, sinceramente, pur essendo un neofita della IRL, questo thread lo sento molto mio in quanto ho seguito quasi tutte le corse e ho cercato di commentare per tenerlo un poco vivo.

Con scarsi risultati, vedendo i post ma fa niente.

Come ho gi? detto mille volte, seguo la IRL xch? Nuvolari le trasmette in diretta su satellite ma free!!

Purtroppo per la champ bisogna pagare e adesso non me lo posso permettere.......... ma spero sia questione di pochi mesi ancora (al massimo un anno).

 

Adesso, se ti va, ti passo la palla (o meglio il volante) per cominciare una discussione sulla IRL/Champ

 

 

Cominciamo col domandone:

Quale ? il futuro delle serie (collasso di entrambe, solo di una, riunione). Chi vedi messo meglio?

Riguardo ai piloti: perch? i nostri piloti sono poco appetiti ( o trovano poco appetitoso) i campionati americani?

Mi spiego meglio: diverse volte ho pensato ai campionati americani (sia IRL che Champ) e ritengo che ,se io fossi un pilota, cercherei di sfondare in F1. Indubbiamente!!

Certo che se l'alternativa ? fare il Montagny della situazione ( praticamente carriera nulla in F1 da titolare), preferirei cercare di giocarmela in un altro campionato.

Oppure come far? presumibilmente Fisichella o Ralf Schumacher........... piuttosto che correre in scuderie di bassa levatura (midland,spyker e presumibilmente forceindia) dove ben che vada te la giochi col penultimo ad anni luce dai punti iridati, preferirei andare in USA dove ci sono 2 campionati a ruot scoperte.

Invece la tendenza ?:

o F1 o in alternativa: DTM,GP2,FIA GT,Nascar,StockCar.

E non credo che il problema sia di ordine economico.

 

Ditemi la vostra

 

Allora caro Nelson, grazie del benvenuto. Almeno c'? chi si fa il mazzo perch? non ? lobotomizzato dalla sola F1. Che dirti, io e l'EmpLo ci spacchiamo il popy su altri forum per sollecitare la CART e la INDY. E non perch? non siano altrettanto grandiose, professionali o etc etc.... ma perch? in Italia c'? maturit? motoristica eguale a 0 (Zero). Segui la F1 perch? c'?..... una Ferrari... senn?.... tanti auguri.

 

Cmq venendo a noi. La folla non ci sat? ma c'? pi? grumo che in altri forum ti assicuro. O perlomeno c'? interesse. Almeno a me pare che ci sia per quel poco che ho letto.

 

Neofita??? Quant'? che la segui??? No perch? io la seguo GPxGP da 3 anni suonati e prma neppure sapevo che esistevano 2 categorie in America.

 

I risultati son scarsi perch? non c'? informazione ne conoscenza. Ma quando ti senti un Mazzoni che durante una cronaca di F1 ti parla di Bourdais perch? corre in CHAMP CART Cosa ti aspetti che la gente possa interessarsene?? Quando al GP di Indianapolis di luglio un Mazzoni non citi neppure chi abbia vinto la 500miglia corsa appena neppure 2 mesi prima cosa aspetti???? Non per dirla con Mazzoni, per l'amor del cielo ? un cronista bravissimo, ma se dovessi elogiarlo per la sua conoscenza del campo dell'automobilismo, anche solo a ruote scoperte, direi una castroneria.

 

E cos? senza organi ufficiali che ne parlino la INDY e la CART vengono considerate meno che del Superstars italiano!!!!

 

Nuvolari st? facendo un lavoro egregio. Cos? come Eurosport per la CART. Quando la IRL era su SI, le dirette come quella di Motegi saltavano e ti beccavi un sunto il giorno seguente. Si sentiva pure da R50 che gli frullavano perch? non poteva cronizzare un GP in diretta, che, a mio avviso, non c'? cosa pi? fastidiosa che vedere un GP che ? gi? passato. Non essere in diretta contemporanea mentre si corre. Ecco ? una vera rottura giuro. Da che Nuvolari ha le dirette danno tutti i GP a qualunque ora di giorno e di notte, collegamenti di mezz'ora perlomeno prima del GP, 2 cronisti come Gabbiani e Cortesi che sono meravigliosamente professionali e precisi. Cos? come Eurosport che ha cullato la CART anche nei momenti pi? bui come 4-5 anni fa. Ora si hanno i collegamenti gi? mezz'ora prima dei GP, Villani ed R50 sono 2 pozzi di automobilismo trasversale. Dirette (come quella di Zolder) in contemporanea con il GP di istambul di F1. Indipendentemente da quanto ? stata una cappellata sovrapporli Eurosport ha trasmesso tranquillamente la diretta. Che grandi. Insomma Cos? si cura un evento. E motoristicamente parlando a parte la F1 me li trovi 2 Campionati altrettanto validi come CART ed INDY (a ruote scoperte intendo). Sulla NASCAR non mi esprime perch? diventerei volgare. Con tutto il bene e il rispetto ad AG.

 

E ora passo alle risposte dove EmpLo mi ha gi? preceduto su molte.

 

Collasso???? Di che della IRL???? Secondo te il Campionato pi? antico della storia dell'automobile risalente al 1902 pu? collassare???? Manco per la M****A.

 

Fusione??? Perch? c'? stata una scissione Nigel?? Non guardare quello che ti raccontano in giro. Li chiamano per 'convenzione' Ovali, ma dimmi, visto che di geometria abbiamo studiato tutti, vedi qualche ovale fra le piste della IRL??? Indianapolis ? un rettangolo, Milwaukee un cerchio allungato, gli altri per lo pi? ellissi, solo motegi potrebbe lontanamente essere un uovo. Che boiata!!!!!

 

La scissione non c'? mai stata. Consiglio. Vatti a leggere un annale di automobilismo dal 1979 in poi. C'era un uomo, tale Dan Gurney che nel 1979 concep? un Campionato alternativo allo USAC e alla F1 ma con sede in America e valore internazionale. Questa idea attrasse le TV che abbandonarono velocemente lo USAC che in 4 anni perse quasi tutti i propri GP tranne la 500INDY che era anche GP della CART. Risultato? Per oltre 10 anni il grande Campionato USAC si ? disputato sulla sola 500INDY.

 

Ma te le vengono a dire ste cose?? No.

 

Baracche e burattini si spostarono dallo USAC alla CART e poco poco il pi? Antico Campionato Automobilistico originariamente denominato AAA stava per scomparire. Quando poi la CART, com'era giusto che fosse, si stava sempre pi? internazionalizzando, tale Tony George si dissoci? dichiarando che la CART non era pi? il Campionato d'America e cambi? nome allo USAC denominandolo IRL. Cio? Lega delle corse derivate da Indianapolis, cio? dai Catini, cio? dalla tradizione storica automobilistica Americana.

 

Il bello ? che sarebbe dovuto essere cos? dal 1979, quando Gurney volle la CART. Egli non voleva un clone dello USAC. Non ce ne era il senso.

 

E oggi finalmente la CART st? riprendendo la sua via. Ma cos? come sarebbe dovuto essere.

 

Non ? la IRL che si ? staccata dalla CART, ? la CART che si ? aggiunta allo USAC e alla F1. Non ? accaduto quello che poteva accadere in F1 se fosse nata la GP1, c'? stata proprio la nascita di un nuovo Campionato.

 

Il fatto ? che tutto credono che la CART sia la continuazione dello USAC. Ma quando?? Ma dove??? Ma de ch????? Ma non diciamo cappellate per cortesia.

 

Allora Foyt il suo 7? titolo USAC vinto nel 1979 su cosa lo vinceva se quell'anno Mears vinceva il suo 1? titolo CART???? Sulla pista delle biglie di plastica??? Ma famola finita perfavore.

 

La IRL e la CART sono 2 Campionati differenti, 2 campionati che si giocano il titolo su diverse strutture. Sono 2 Formule completamente diverse. E' pi? vicina per certi versi la CART alla F1 di quanto non lo sia alla IRL.

 

La F1 ? il Campionato automobilistico per monoposto a ruote scoperte dei costruttori. Era cos? anche ai tempi del GrandPrix quando ancora non si chiamava F1. E si parla degli anni '20 e '30.

 

La F.CART ? il Campionato automobilistico per monoposto a ruote scoperte per scuderie su tracciati nonpermanenti. Cos? com'era la tradizione dei primi GP su circuito del mondo. Cio? ricavati dalle citt? e pertanto permanenti.

 

La F.INDY ? il Campionato automobilistico per monoposto a ruote scoperte per Anelli o Ring (e non Ovali). L'unico Campionato che si corre su quelli che sono i derivati dei primi circuiti permanenti assoluti della storia dell'automobile. Le piste per cavalli. E su questa conczione che sono nate Brooklands in Inghilterra, Indianapolis nell'Indiana e Monza in Italia. Cos? come molti altri tracciati per lo pi? negli Stati Uniti e non solo.

 

Ecco quali sono le differenze.

 

La F.INDY E' il Campionato Automobilistico d'America. La F.CART di americano ha solo la sede e la maggior parte delle gare. Perch? per il resto ? internazionale. Ne pi? ne meno della F1 che altres? ? europea visto che la sede ? Parigi!!!!!

 

 

 

 

 

Vedo messo meglio entrambe perch? la CART si st? espandendo verso il mondo, cos? com'era nell'idea di Gurney fin dall'inizio e che poi cos? non fu fino ad un decennio fa. La INDY invece purtroppo soffre della NASCAR che ? diventata la 'madrina' della F.INDY.

 

Sarebbe come dire che Biaggi diventa 'Padrino' di Agostini!!!!!

 

La F.INDY ? la storia dell'automobilismo americano, la NASCAR ? la storia da un certo punto in poi.

 

L'Automobile in America (e nel mondo anche) ? nata con lo AAA nel 1902: Con Barney Oldfield, con Ralph De Palma, con H. Wilcox, con Jimmy Murphy, con Tommy Milton, con Peter De Paolo, con Ted Horn, Louis Meyer, Louis Strang, Bettenhausen, Foyt, Andretti, Unser e su su fino a Dario Franchitti.

 

Cos? la F1 ? nata con Goux, Lautenschlanger, Nazzaro, Campari, Ascari (Antonio), Nuvolari, Caracciola, Rosemayer, Varzi, Ascari (Alberto), Fangio, Brabham, Hill, Clark e su fino a Schumacher, Alonso e Raikkonen.

 

La F.CART nasce con Mears, Rutherford, Unser, Rahal, Mansell, Zanardi e su fino a Bourdais....

 

Se non si riconosce questo non si riconosce l'automobilismo ma solo un pezzo che ci pu? piacere o meno.

 

Sull'appetitoso te l'ha spiegato EmpLo, purtroppo la CART e la INDY hanno perso gran parte del proprio peso a vantaggio della NASCAR. Eppure oggi il valore ? internazionale. C'? poco da fare. Ancor di pi? nella CART che si st? espandendo in 3 continenti. Presto saranno 4.

 

E infine perch? la CART si st? ricostruendo quello zoccolo di piloti storici che a suo tempo se ne and? in INDY lasciando la CART con i soli Tracy, Vasser e uno sparuto gruppetto di quasi giovani quali Dominguez, Servia, Tagliani a difendere il campionato.

 

Oggi lo zoccolo si st? ricostituendo. Ha smesso Vasser, Da Matta si ? rotto e Bourdais se ne ? andato, ma restano Tracy (e chi lo ammazza), Tagliani, Servia, Dominguez, Wilson e i quasi storici Philippe e Power. Gli altri piloti saranno scremati e resteranno per fare la storia futura, ma ricordiamoci che quando arriva uno come Doornbos in CART, non arriva un debuttante, arriva un veterano. Poco importa se debutta in CART perch? in F1 ci ha passato 2 anni.

 

Insomma con calma stiamo ricostruendo la CART e le stiamo ridando il volto che Gurney aveva creato.

 

Diamogli tempo. Grazie

 

La INDY ha gi? i suoi veterani e una strutturazione stratificata. Ricordiamoci che non dobbiamo considerare il debutto di un pilota che arriva dalla CART o dalla F1, ma un debutto avviene quando un pilota arriva da uno di queste 3 Formule.

 

D'altro canto i vari Kanaan, Castroneves, Herta, Franchitti etc.... non hanno debuttato negli anni seguenti al 2000, ma negli anni '90, quando hanno debuttato in CART.

 

Non vedi oggi Kanaan come un pilota che arriv? nel 2001 ma come un pezzo di storia che debutt? nel 1998!!!!

 

Cos? come Franchitti, Castroneves, Herta (fino all'anno scorso) o altri ancora.

 

Sharp arriv? in INDY il suo 1? anno quando appunto venne rinominato lo USAC IRL, ma lui aveva debuttato in CART nel 1993 e pertanto correva gi? nello USAC da quello stesso anno.

 

Hornish ha debuttato in INDY e l? ? rimasto fino al decollo per la NASCAR. Cos? Wheldon, la Patrick, Andretti etc etc....

 

Ma Dixon ad esempio non ha debuttato nel 2003, bens? nel 2001 in CART per poi vincere nel 2003 il titolo IRL, s? al debutto nella IRL ma con ben 2 stagioni di CART. Eh bella vittoria al debutto.

 

Insomma la INDY i suoi strati ce li ha e via via li rigenera.

 

Nel 2005 sono rimast la Patrick e Briscoe, del 2006 Andretti e Chesson, del 2007 la Duno e Mutoh, nel 2008 debutter? Lloyd e chiss? chi altro.....

 

Ma in ogni caso il cambio graduale c'?.

 

Alla CART bisogna dare il suo tempo. Considerato anche che nel triennio 2004-2006 ci sono stati continui debutti di masnadiere di piloti che non sono rimasti e quindi non c'? rimasto molto di piloti del 2004, del 2005 e del 2006. Quelli che sono rimasti oggi hanno esperienza di 3, 2 e 1 stagione. Il prossimo anno si spera restino i pezzi grossi e che quelli che sono arrivati cementifichino il Campionato.

 

La CART e la INDY possono solo migliorare. E parecchio....

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Neofita??? Quant'? che la segui??? No perch? io la seguo GPxGP da 3 anni suonati e prma neppure sapevo che esistevano 2 categorie in America.

il 2007 ? stato il 1 anno completo, nel 2006 4/5 gare, prima il nulla

 

 

Collasso???? Di che della IRL???? Secondo te il Campionato pi? antico della storia dell'automobile risalente al 1902 pu? collassare???? Manco per la M****A.

Se non lo fanno collassare ? un discorso ma da come commentavano, spesso dicevano che c'erano 20000 (ventimila) spettatori, le tribune erano spesso vuote (ecluso 500miglia di Indian)......... oh, intendiamoci, mica voglio che sparisca, anzi!!!!

 

Fusione??? Perch? c'? stata una scissione Nigel?? Non guardare quello che ti raccontano in giro. Li chiamano per 'convenzione' Ovali, ma dimmi, visto che di geometria abbiamo studiato tutti, vedi qualche ovale fra le piste della IRL??? Indianapolis ? un rettangolo, Milwaukee un cerchio allungato, gli altri per lo pi? ellissi, solo motegi potrebbe lontanamente essere un uovo. Che boiata!!!!!

No, dai Nigel no!!! Alain si,anche Mika,Keke,Niki,Emerson,Riccardo,Elio,Jhon,Mario,James tutti bene .......... ma Nigel no!!

(scherzo,eh!!)

 

 

Baracche e burattini si spostarono dallo USAC alla CART e poco poco il pi? Antico Campionato Automobilistico originariamente denominato AAA stava per scomparire. Quando poi la CART, com'era giusto che fosse, si stava sempre pi? internazionalizzando, tale Tony George si dissoci? dichiarando che la CART non era pi? il Campionato d'America e cambi? nome allo USAC denominandolo IRL. Cio? Lega delle corse derivate da Indianapolis, cio? dai Catini, cio? dalla tradizione storica automobilistica Americana.

Non vorrei fare il bastian contrario ma questa mi pare una scissione

 

 

Non ? la IRL che si ? staccata dalla CART, ? la CART che si ? aggiunta allo USAC e alla F1. Non ? accaduto quello che poteva accadere in F1 se fosse nata la GP1, c'? stata proprio la nascita di un nuovo Campionato.

Ho riletto diverse volte quello che hai scritto e i casi sono 2: o non ho capito quello che vuoi dire o che ? la IRL che si stacca!!!

 

 

La IRL e la CART sono 2 Campionati differenti, 2 campionati che si giocano il titolo su diverse strutture. Sono 2 Formule completamente diverse. E' pi? vicina per certi versi la CART alla F1 di quanto non lo sia alla IRL.

concordo

 

 

La F.CART ? il Campionato automobilistico per monoposto a ruote scoperte per scuderie su tracciati nonpermanenti. Cos? com'era la tradizione dei primi GP su circuito del mondo. Cio? ricavati dalle citt? e pertanto permanenti.

La F.INDY ? il Campionato automobilistico per monoposto a ruote scoperte per Anelli o Ring (e non Ovali). L'unico Campionato che si corre su quelli che sono i derivati dei primi circuiti permanenti assoluti della storia dell'automobile. Le piste per cavalli. E su questa conczione che sono nate Brooklands in Inghilterra, Indianapolis nell'Indiana e Monza in Italia. Cos? come molti altri tracciati per lo pi? negli Stati Uniti e non solo.

 

Ecco quali sono le differenze.

 

La F.INDY E' il Campionato Automobilistico d'America. La F.CART di americano ha solo la sede e la maggior parte delle gare. Perch? per il resto ? internazionale. Ne pi? ne meno della F1 che altres? ? europea visto che la sede ? Parigi!!!!!

Bello questo parallelo!!!!

 

 

 

Vedo messo meglio entrambe perch? la CART si st? espandendo verso il mondo, cos? com'era nell'idea di Gurney fin dall'inizio e che poi cos? non fu fino ad un decennio fa. La INDY invece purtroppo soffre della NASCAR che ? diventata la 'madrina' della F.INDY.

 

La F.INDY ? la storia dell'automobilismo americano, la NASCAR ? la storia da un certo punto in poi.

 

L'Automobile in America (e nel mondo anche) ? nata con lo AAA nel 1902: Con Barney Oldfield, con Ralph De Palma, con H. Wilcox, con Jimmy Murphy, con Tommy Milton, con Peter De Paolo, con Ted Horn, Louis Meyer, Louis Strang, Bettenhausen, Foyt, Andretti, Unser e su su fino a Dario Franchitti.

 

Cos? la F1 ? nata con Goux, Lautenschlanger, Nazzaro, Campari, Ascari (Antonio), Nuvolari, Caracciola, Rosemayer, Varzi, Ascari (Alberto), Fangio, Brabham, Hill, Clark e su fino a Schumacher, Alonso e Raikkonen.

 

La F.CART nasce con Mears, Rutherford, Unser, Rahal, Mansell, Zanardi e su fino a Bourdais....

 

Se non si riconosce questo non si riconosce l'automobilismo ma solo un pezzo che ci pu? piacere o meno.

 

Sull'appetitoso te l'ha spiegato EmpLo, purtroppo la CART e la INDY hanno perso gran parte del proprio peso a vantaggio della NASCAR. Eppure oggi il valore ? internazionale. C'? poco da fare. Ancor di pi? nella CART che si st? espandendo in 3 continenti. Presto saranno 4.

 

E infine perch? la CART si st? ricostruendo quello zoccolo di piloti storici che a suo tempo se ne and? in INDY lasciando la CART con i soli Tracy, Vasser e uno sparuto gruppetto di quasi giovani quali Dominguez, Servia, Tagliani a difendere il campionato.

 

Oggi lo zoccolo si st? ricostituendo. Ha smesso Vasser, Da Matta si ? rotto e Bourdais se ne ? andato, ma restano Tracy (e chi lo ammazza), Tagliani, Servia, Dominguez, Wilson e i quasi storici Philippe e Power. Gli altri piloti saranno scremati e resteranno per fare la storia futura, ma ricordiamoci che quando arriva uno come Doornbos in CART, non arriva un debuttante, arriva un veterano. Poco importa se debutta in CART perch? in F1 ci ha passato 2 anni.

 

Insomma con calma stiamo ricostruendo la CART e le stiamo ridando il volto che Gurney aveva creato.

 

Diamogli tempo. Grazie

 

Chiaro il concetto

 

 

D'altro canto i vari Kanaan, Castroneves, Herta, Franchitti etc.... non hanno debuttato negli anni seguenti al 2000, ma negli anni '90, quando hanno debuttato in CART.

 

Non vedi oggi Kanaan come un pilota che arriv? nel 2001 ma come un pezzo di storia che debutt? nel 1998!!!!

 

Cos? come Franchitti, Castroneves, Herta (fino all'anno scorso) o altri ancora.

 

Sharp arriv? in INDY il suo 1? anno quando appunto venne rinominato lo USAC IRL, ma lui aveva debuttato in CART nel 1993 e pertanto correva gi? nello USAC da quello stesso anno.

 

Hornish ha debuttato in INDY e l? ? rimasto fino al decollo per la NASCAR. Cos? Wheldon, la Patrick, Andretti etc etc....

 

Ma Dixon ad esempio non ha debuttato nel 2003, bens? nel 2001 in CART per poi vincere nel 2003 il titolo IRL, s? al debutto nella IRL ma con ben 2 stagioni di CART. Eh bella vittoria al debutto.

 

Insomma la INDY i suoi strati ce li ha e via via li rigenera.

 

Nel 2005 sono rimast la Patrick e Briscoe, del 2006 Andretti e Chesson, del 2007 la Duno e Mutoh, nel 2008 debutter? Lloyd e chiss? chi altro.....

 

Ma in ogni caso il cambio graduale c'?.

 

Alla CART bisogna dare il suo tempo. Considerato anche che nel triennio 2004-2006 ci sono stati continui debutti di masnadiere di piloti che non sono rimasti e quindi non c'? rimasto molto di piloti del 2004, del 2005 e del 2006. Quelli che sono rimasti oggi hanno esperienza di 3, 2 e 1 stagione. Il prossimo anno si spera restino i pezzi grossi e che quelli che sono arrivati cementifichino il Campionato.

 

La CART e la INDY possono solo migliorare. E parecchio....

 

Su questo ultimo punto non sono particolarmente d'accordo...............

Per la IRL ok, i pezzi grossi rimangono (qualcuno va ma nell'ordine naturale delle cose: ritiri, cambio serie ecc ecc), per quello che riguarda la Champ Car la vedo molto + improvvisata (per quel che riguarda i piloti).

Mi sembra che il pezzo grosso sia solo Bourdais.

Non me ne vogliano gli estimatori di Wilson e Doornbos (che mi fa piacere che siano in Champ!!!) ma quando vedo che Doornbos si aggrega al Minardi USA Team a pochi giorni dall'inizio del campionato e se la gioca per il titolo (a met? stagione era vicino a SB)......... mi fa un pochino pensare!!!

E lo dico da ammiratore della Champ tanto che ho sbirciato il calendario l'estate scorsa per vedere se le mie vacanze in Olanda potevano combaciare col week end di Zolder!!!

 

 

Comunque grazie per le spiegazioni e mi farebbe piacere rileggerti (anzi rileggervi).

 

Nelson

Share this post


Link to post
Share on other sites

OK sei abbastanza un neofita non proprio un neofita he he he :complimenti:

 

 

Lo so la gente era davvero poca in molti casi e questo ? un bel cruccio. Sono fiducioso largamente per il futuro. Semper Fidelis.

 

Scusa Nelson, il Nigel mi era scappatello hi hi hi hi :angel:

 

 

 

Allora sulle questioni fusioni scissioni ? bene che ti racconti un p? di eventi altrimenti faremo sempre confusione.

 

Nel 1902 nasce lo AAA (AutomobileAmericanAssociation) che ? anche il nome del Campionato Automobilistico Americano. Lo AAA ? il 1? assoluto Campionato automobilistico della storia ed ? all'origine di tutti i Campionati automobilistici del mondo.

 

Questo Campinato tranne nel periodo 1942-1945 e il buco del 1981, non ha mai cessato di essere disputato. Ha mutato 2 volte nome ma oggi nel 2007 c'? ancora. Nel 1956 lo AAA divenne lo USAC (si quello famoso). Lo USAC ? esisito fino al 1995. Nel 1979 Dan Gurney parallelamente allo USAC e alla F1 fond? la CART(ChampionshipAutomobileRacingTeam), un campionato che avrebbe dovuto assomigliare alla F1 per la sua internazionalit? ma aver sede negli Stato Uniti differentemente dalla F1 che aveva sede in Europa. In breve tempo (5 anni) molte scuderie, piloti, sponsor e Co., si spostarono dall'americano USAC al nuovo campionato CART. Nello USAC rimasero pochi fedeli fra cui un certo A.J.Foyt che vinse appunto proprio l'ultimo suo titolo (il 7?) proprio nel 1979.

 

Dal 1984 lo USAC aveva perso tutti i suoi GP tranne la 500 INDIANAPOLIS che per? era una delle gare in calendario anche al CART.

 

Nel 1995 la CART aveva preso un enorme internazionalit? cos? come voleva il proprio creatore Dan Gurney nel 1979. Tony George fedele al modello di gare americano perlopi? su anello fece valige e bagagli e 'ritorn?' in quello che era sempre stato il vero Campionato Automobilistico Americano, lo rinomin? da USAC a IndyCarRacing e ricominci? a rialimentarlo, ritornando nel 'luogo' da cui molti erano venuti via nel lontano 1979.

 

Non c'? stata una scissione, c'? stata la nascita di un nuovo campionato, con immediata emigrazione e poi una reimmigrazione nell'originario Campionato da cui si era venuti via 16 anni prima.

 

Questo ennesimo spostamento ha rimesso in ordine una situazione che era stata scombussolata dal 1979 in poi. Tant'? vero Nelson che le 2 storiche scuderie dello USAC/IRL e della CART/CCWS sono rimaste nei propri medesimi posti.

 

La Penske che correva nello USAC oggi corre in IRL e la Newman-Haas che debutt? in CART nel 1983 con Mario Andretti corre nel CCWS.

 

Pi? chiaro di cos?!!!! Cmq se hai altre nebbie sul problema fammi sapere.

 

 

Di fatto la F1 ? un Campionato Europeo. Non guardare alle staffette fuori continente, ma la sede ? a Parigi, le maggiori sedi delle scuderie sono in Europa (la Toyota ? a Colonia!) e in origine tutto il Campionato, tranne la 500INDY per la quale neppure si prendevano punti, era corso tutto in Europa. Se dobbiamo considerare la F.CART un Campionato USA con 'qualche' GP fuori sede (su 14 il prox anno saranno ben 8 i GP fuori dagli States!!!) allora la F1 ? un Campionato Europeo con GP fuori sede!!!! Se poi la vogliamo vedere dal punto di vista dei piloti o delle scuderie, la CART ? molto meno americana di quanto la F1 sia europea!!! In CART su 17 piloti quest'anno ci sono stati solo 2 statunitensi. L'anno scorso su 17 neppure 2 visto che Vasser e Rice hanno fatto 1-2 gare e Allmendinger se ne ? venuto via a met? stagione!!!! Su 17 piloti pi? della met? erano europei quest'anno. Addirittura c'erano 3 francesi e ben 4 britannici!!!! Non ci sono in F1 3 francesi!!!!! E sul discorso scuderie uguale. La Forsythe ? canadese, la Walker ? diventata l'Australia, la Conquest ? belga e la Minardi ? australo-neerlandese!!!! Forse sar? il caso di riconcepire cosa si intende in F1 per internazionale!!!! Su 11 scuderie le uniche non europee sono la Toyota che ? nipponica solo nel nome e le 2 Honda che sono giapponesi. Nel 2008 arriva la Spyker che fino a 1 mese fa era olandese. La RBR ? austriaca, cos? come la Toro Rosso che italo-austriaca. Ferrari parla da se. Renault ? anglo-francese. McLaren ? anglo-tedesca. Williams parla da se e BMW pure. Insomma se ? internazionale la F1 allora la CART ? spaziale!!!!

 

 

 

Allora Nelson, Justin Wilson ? un signor pilota, bruciato dalla F1 quando ancora non aveva neppure fiatato. Era meglio se restava in Minardi invece di andare a rimpiazzare Burti alla Jaguar. Quando arriv? in F.CART nel 2004 aveva alle spalle 1 anno di F1. In quel 2004 si classific? 11?, nel 2005 3? e negli ultimi 2 anni ha sempre beccato la piazza d'onore, ecco perch? ? il favorito per il 2008. Non ha mai mancato le aspettative seppur in molti momenti non ha mostrato quella cattiveria che ha tirato fuori Bourdais. Wilson assieme a Tracy sono stati i 2 unici veri inseguitori di Bourdais. E' con Wilson che Bourdais ha fatto i duelli pi? belli ed ? a Wilson che il francese ha lasciato il sedile della sua NHLR.

 

Wilson ? sicuramente il pilota con il maggior numero di risultato dopo Bourdais negli ultimi 3 anni.

 

Doornbos invece ? un altro elemento importante. Arriva con 2 anni di F1 alle spalle. E arriva in una struttura quale la neo HVM-Minardi che l'anno precedente regal? la prima vittoria ad un fenomeno come Philippe. Doornbos ? stato la rivelazione dell'anno. Ovvio che con meno galli nel pollaio anche l'olandese ha avuto pi? facilit?.

 

 

Va detto che negli ultimi 3 anni i debuttanti ad ogni anno (e per debutt considero solo quelli che non arrivano da F1 o F.INDY), sono stati 6-7. Tutto questo rinnovamento ha messo in luce i pochi veterani rimasti in campo. Doornbos non ? un debuttante ? un veterano. E quest'anno era gi? al suo 3? anno in una massima serie. Insomma anche Power l'anno scorso ha migliorato enormemente eppure nel 2005 aveva disputato 2 soli GP. E quando Power arriv? nel 2005 alla Walker non era certo piombato in una scuderia gi? avviata. Doornbos invece arriva in una scuderia come la Minardi che gi? aveva alle spalle HVM che nei 2 anni precedenti era enormemente migliorata ed aveva avuto un driver come Philippe. Doornbos poi era stato oltre che pilota collaudatore della Red Bull pertanto aveva enorme esperienza. Se non era gi? pi? che navigato Doornbos chi poteva esserlo??

 

Poi Nelson ti scordi di una figura. Forse la figura fondamentale di tutta l'attuale F.CART: Paul Tracy. Non mi metto a snocciolare i palmares di Tracy ci metterei troppo. oltre 200 GP, non so pi? quante vittorie, pole, giri veloci e altri record. Tracy poi ? l'altro unico Titolato che assieme a Bourdais girava in F.CART quest'anno. Ha avuto 2 stagioni non brillantissime ma per colpa di una scuderia che non ha saputo gestirsi al meglio. Ed ? stato un vero peccato.

 

Su Power che dire. Debutta a fine 2005 disputando 2 GP. Nel 2006 si piazza 6? e nel 2007 4?. Il prossimo anno con una scuderia veramente in crescita punta letteralmente al titolo.

 

Questi 4 sono i principali protagonisti del 2008 gi? presenti sul Men?. Potrebbe aggiungersi anche qualche altro elemento non si pu? mai sapere.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caro aleabr, faccio volentieri la tua conoscenza visto che non partecipo ad altri forum.

Tanto per chiarire, ho una grande passione (bench? da tempo breve, solo qualche anno) per le corse americane, ho avuto il piacere di parlare con tante persone che conoscono bene l'ambiente e che mi hanno spiegato molto, ma gioco forza sono le categorie che conosco meno a livello di "prima mano" perch? il viaggio al di l? dell'Atlantico non l'ho mai fatto. Quindi perdonatemi se scrivo qualche castroneria, anzi, correggetemi perch? mi fa piacere imparare. Quello che dico sono mie impressioni solamente.

Il discorso sulla scissione o mica scissione mi sembra poco rilevante, ? solo un aspetto relativo al linguaggio su cui posso anche darti ragione, ma non sta qui il problema. Concordo invece sul fatto che tu definisca la Champ Car come una serie poco americana per tutti i motivi che hai precisamente elencato. Anzi, il problema, secondo me sta proprio qui. La Champ Car non ha deciso cosa vuole fare da grande. Mi spiego.

La Formula 1, come tu dici, ? una serie essenzialmente europea, per tradizione prima ancora che per provenienza di squadre e piloti. Ma a capo c'? una delle persone pi? furbe e lungimiranti (forse la pi? furba e lungimirante) che il motorsport ricordi, ossia Mr. B o il nano come preferite. I miei venticinque lettori di manzoniana memoria sapranno bene che quando c'? da scagliarsi contro il nano o il suo amichetto avvocato io sono sempre il primo, ma se di Max ho veramente scarsa stima per diversi motivi che non elencher? qui, Bernie ? una persona i cui meriti vanno indubbiamente riconosciuti. Prima di tutto ha un piano ben chiaro in testa. La Formula 1 ? europea e rimarr? tale il suo zoccolo duro, ma la congiuntura economica del momento fa s? che vada esportata il pi? possibile verso i nuovi mercati. Questo ? noto a tutti.

Da come la vedo io, la Champ Car non ha un piano altrettanto chiaro. Lo zoccolo duro ? americano per tradizione, ma non ci sono piloti americani e le scuderie americane sono poche (senza contare che un americano medio quando vede i trenini della Champ si addormenta). Vuole espandersi a livello internazionale, ma l'awareness che esiste a livello internazionale di questa serie ? bassissimo e il substrato economico non ? sufficientemente stabile da permettere a tante squadre tutte queste trasferte (e infatti le squadre che possono fare il campionato sono pochissime). Mi sembra una bella accozzaglia che fa s? che la Champ rimanga nel limbo senza fare il grande salto che io personalmente mi auguro ma di cui non la ritengo al momento capace.

Io nasco a livello di passione per i motori con la Formula 1, per cui in linea teorica sarei pi? vicino alla Champ come concezione. Invece io delle formule americane adoro la IndyCar Series. La Champ Car mi fa il pi? delle volte dormire come e peggio della F1. La Indy la guardo sotto una prospettiva del tutto diversa, cio? spengo quella parte del mio cervello che ? abituata all'Europa e me la godo come se la godrebbe un americano. Indubbiamente per? la Indy non ha quelle caratteristiche di appeal internazionale che la potrebbero rendere esportabile. Ma, in un certo senso, non gliene importa nemmeno nulla, dacch? si configura, come tu hai giustamente spiegato a livello storico, come serie puramente americana. In un certo senso ha trovato la sua nicchia e sta cercando di crescere inseritasi in quella ben precisa nicchia. Il che mi sembra funzioni meglio del minestrone Champ.

Sui piloti, concordo con te sul valore di Doornbos (che Lorenzo sa essere mio beniamino), Wilson, Power e Tracy. Il problema ?, e gli altri? Il livello medio degli altri ? estremamente basso. In Indy togliamo anche i big (facciamo quattro per par condicio?): metti Castroneves, Kanaan, Dixon e Wheldon... o scegli tu quelli che vuoi. Rimangono una serie di drivers di assoluto livello: Danica, Briscoe (che mi piace da matti), Marco Andretti, Meira e sto citando solo quelli che mi vengono in mente ora. Se li mettiamo a confronto con i vari Gommendy, Figge, Legge e compagnia cantante, con tutto il rispetto non c'? paragone. Cio? ? il livello medio ad essere differente, sempre secondo me ovviamente.

Cos? ? come la penso io e mi fa piacere confrontarmi con te che sicuramente ne sai ben pi? di me in materia. Insomma, io promuovo la Indy e rimando a settembre la Champ.

Posso un'ultima bacchettata? Sei troppo ecumenico nelle tue valutazioni sui commentatori... Va bene Roberto e Nicola che sono carissimi amici, ma ti piacciono tutti, anche Mazzoni!!! (salutiamo caramente Giancarlo che ? uno che non se la prende... vero???)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Caro aleabr, faccio volentieri la tua conoscenza visto che non partecipo ad altri forum.

Tanto per chiarire, ho una grande passione (bench? da tempo breve, solo qualche anno) per le corse americane, ho avuto il piacere di parlare con tante persone che conoscono bene l'ambiente e che mi hanno spiegato molto, ma gioco forza sono le categorie che conosco meno a livello di "prima mano" perch? il viaggio al di l? dell'Atlantico non l'ho mai fatto. Quindi perdonatemi se scrivo qualche castroneria, anzi, correggetemi perch? mi fa piacere imparare. Quello che dico sono mie impressioni solamente.

Il discorso sulla scissione o mica scissione mi sembra poco rilevante, ? solo un aspetto relativo al linguaggio su cui posso anche darti ragione, ma non sta qui il problema. Concordo invece sul fatto che tu definisca la Champ Car come una serie poco americana per tutti i motivi che hai precisamente elencato. Anzi, il problema, secondo me sta proprio qui. La Champ Car non ha deciso cosa vuole fare da grande. Mi spiego.

La Formula 1, come tu dici, ? una serie essenzialmente europea, per tradizione prima ancora che per provenienza di squadre e piloti. Ma a capo c'? una delle persone pi? furbe e lungimiranti (forse la pi? furba e lungimirante) che il motorsport ricordi, ossia Mr. B o il nano come preferite. I miei venticinque lettori di manzoniana memoria sapranno bene che quando c'? da scagliarsi contro il nano o il suo amichetto avvocato io sono sempre il primo, ma se di Max ho veramente scarsa stima per diversi motivi che non elencher? qui, Bernie ? una persona i cui meriti vanno indubbiamente riconosciuti. Prima di tutto ha un piano ben chiaro in testa. La Formula 1 ? europea e rimarr? tale il suo zoccolo duro, ma la congiuntura economica del momento fa s? che vada esportata il pi? possibile verso i nuovi mercati. Questo ? noto a tutti.

Da come la vedo io, la Champ Car non ha un piano altrettanto chiaro. Lo zoccolo duro ? americano per tradizione, ma non ci sono piloti americani e le scuderie americane sono poche (senza contare che un americano medio quando vede i trenini della Champ si addormenta). Vuole espandersi a livello internazionale, ma l'awareness che esiste a livello internazionale di questa serie ? bassissimo e il substrato economico non ? sufficientemente stabile da permettere a tante squadre tutte queste trasferte (e infatti le squadre che possono fare il campionato sono pochissime). Mi sembra una bella accozzaglia che fa s? che la Champ rimanga nel limbo senza fare il grande salto che io personalmente mi auguro ma di cui non la ritengo al momento capace.

Io nasco a livello di passione per i motori con la Formula 1, per cui in linea teorica sarei pi? vicino alla Champ come concezione. Invece io delle formule americane adoro la IndyCar Series. La Champ Car mi fa il pi? delle volte dormire come e peggio della F1. La Indy la guardo sotto una prospettiva del tutto diversa, cio? spengo quella parte del mio cervello che ? abituata all'Europa e me la godo come se la godrebbe un americano. Indubbiamente per? la Indy non ha quelle caratteristiche di appeal internazionale che la potrebbero rendere esportabile. Ma, in un certo senso, non gliene importa nemmeno nulla, dacch? si configura, come tu hai giustamente spiegato a livello storico, come serie puramente americana. In un certo senso ha trovato la sua nicchia e sta cercando di crescere inseritasi in quella ben precisa nicchia. Il che mi sembra funzioni meglio del minestrone Champ.

Sui piloti, concordo con te sul valore di Doornbos (che Lorenzo sa essere mio beniamino), Wilson, Power e Tracy. Il problema ?, e gli altri? Il livello medio degli altri ? estremamente basso. In Indy togliamo anche i big (facciamo quattro per par condicio?): metti Castroneves, Kanaan, Dixon e Wheldon... o scegli tu quelli che vuoi. Rimangono una serie di drivers di assoluto livello: Danica, Briscoe (che mi piace da matti), Marco Andretti, Meira e sto citando solo quelli che mi vengono in mente ora. Se li mettiamo a confronto con i vari Gommendy, Figge, Legge e compagnia cantante, con tutto il rispetto non c'? paragone. Cio? ? il livello medio ad essere differente, sempre secondo me ovviamente.

Cos? ? come la penso io e mi fa piacere confrontarmi con te che sicuramente ne sai ben pi? di me in materia. Insomma, io promuovo la Indy e rimando a settembre la Champ.

Posso un'ultima bacchettata? Sei troppo ecumenico nelle tue valutazioni sui commentatori... Va bene Roberto e Nicola che sono carissimi amici, ma ti piacciono tutti, anche Mazzoni!!! (salutiamo caramente Giancarlo che ? uno che non se la prende... vero???)

 

Fabrizio, era l'ora che finalmente ci conoscessimo. Era l'ora e il punto giusto. La cuspide di diamante in questo forum che tu bazzichi in quanto immagino a te affezionato ed io perch? uno come Lorenzo mi ha invitato caldamente a venire a trovare. In quell'altro forum quello di Automoto, vengo definito quello "delle Formule Americane". Anche Villani e 50 a telefono una volta mia hanno scherzosamente bollato come il 'grande esperto delle Formule Americane'. Il bello ? che non c'? niente di pi? errato. Non che non sia un esperto (ne prendo atto sarei un falso modesto se non lo facessi), ma che sono quello delle Formule Americane. Sono cresciuto con un padre che fin dalla pi? neonata et? mi placco su un seggiolone di fronte ai GP di F1. Sono cresciuto con la F1, ho mangiato, vinto, deluso e continuato in tutto sulla F1. Sono nato ferrarista per non esserlo pi? a 22 anni (grazie al cielo), non perch? detesti la blasonata scuderia, ma perch? credo che.... ci sia dell'altro e ancora. Quando poi ho scoperto che esisteva, o meglio ho preso coscienza, anche la F.CART e la F.INDY, mi si ? riaperto 2/3 di schermo. E' come se prima vedessi 1/3 di televisione. Sono cresciuto sul mito di Nuvolari e sono spinto a tal punto alla scoperta dell'automobilismo della 'F1' prima della F1 a tal punto da stilare un albo assoluto di quello che secondo me resta e sar? il triunvirato dell'automobilismo a ruote scoperte. Te lo pu? dire Lorenzo T. che ha avuto la bozza in anteprima. E' solo un albo d'oro ma almeno per me ? la definitiva scrittua di una sorta di Tavole della Legge. Il pi? grande automobilismo passa per le ruote scoperte. Bene su quella 'tavola' ci passa tutta ma proprio tutta la storia dell'automobilismo.

 

Dicevo quindi che sono nato e cresciuto sulla F1, quindi non c'? pi? grande balla che io sia quello delle Formule Americane. Io sono quello delle Formule se proprio si vuole. Sfido a vedere il mio Avatar e firma nei 2 forum dove scrivo. Quello di SAM e su F1.community.

 

In ogni caso sposo praticamente tutto quello che hai scritto. Quindi come vedi non siamo A: poi cos? distanti B: non hai scritto castronerie da correggere e C: non hai poi molto da imparare. Non certo da me. Io da parte mia ci tengo a raccontare la storia com'? andata. Non se oggi questo sia stato bene o male. Io non ce l'ho con Ecclestone, ne con George ne con Johnson. Anzi spero che tutti e 3 riescano l? dove vogliono. Anche perch? il loro successo ? quello del Campionato che si portano appresso.

 

Non ce l'ho con Mazzoni in modo particolare. Perch? dovrei?? Ma come sono rispettoso verso la F1 lo sono verso CART ed INDY che hanno palmares pieni di Campioni e di piloti fra i migliori del mondo. E quando sento un cronista fare un resoconto in diretta, mi aspetto che faccia un lavoro trasversale raccontando quello che c'? attorno e non solo quello che viene letto in ottica F1, come se tutto il resto del mondo dei motori a ruote scoperte fosse inesistente o invisibile.

 

Se poi questo non deve avvenire per una sorta di gioco di share va pur bene, ma non vedo come possa disturbare lo share la dimostrazione del pi? alto e trasversale numero di informazioni sul resto del mondo delle monoposto a ruote scoperte. Mazzoni poi ? una bravissima persona, ci mancherebbe, ma uno che evidentemente ci st? dietro si rende conto delle mancanze o delle inesattezze. Mi sembrerebbe anche sciocco non farle notare o correggerle.

 

Che poi per me F1, CART ed INDY sia tutto un grande Circus questo ? comprovato anche dai continui e lunghi riferimenti che faccio impastando eventi, piloti, circuiti e tutto il resto dei 3 Campionati.

 

Tornando al valore dei piloti CART nei confronti di quelli di INDY beh..... Fabrizio il tuo discorso non fa una piega, ma si sposa con il mio. La CART vive la mancanza di un suo contorno di qualit? e d'esperienza per il fatto che questo contorno e polpa se ne sia andata a farlo in F.INDY.

 

Alla CART sono rimasti 2-3 figure di lunga e grande esperienza e poi poco altro. C'? poco da fare ma ? su questo materiale che va ricostruito il pandan della CART. E cmq sarebbe stato peggio se anche Tracy, Vasser, Da Matta se ne fossero andati via completamente.

 

Tracy ? l'istituzione che conferma l'importanza che la CART si era guadagnata in oltre 20 anni di GP a livello anche internazionale. Il peso che oramai sponsor e altro hanno sul Campionato picchiano forte a tal punto che solo piloti con denaro possano corrervi. E questo ne depotenzia e di molto il valore in campo. Ovvio che la CART debba fare il salto e a mio avviso ? Tony Cottman che rappresenta la chiave di risalita. Un uomo dalle lunghe vedute che conosce benissimo la CART e sopratutto ne apprezza e ama il format.

 

Quindi il gioco adesso st? nell'attesa di un 2008 con il pensiero a che sia migliore del 2007 e su su.

 

Tornando alle 3 serie. Ribadisco una cosa. E' bene spiegare cosa successe e nel 1979 e nel 1996, altrimenti si continuer? in eternum a ribadire concetti che di fondo e storicamente sono errati.

 

E' un bene che lo USAC sia tornato ad essere un Campionato con pi? di un GP, cos? com'? un bene che la CART, seppur ancora in modo disorientato, riprenda quello che era il progetto iniziale del suo creatore.

 

Tornando ai cronisti. Sai non ho mai diretto la cronaca di un GP in vita mia, ma credo sia piuttosto complicato riuscire a tenere tutto assieme. E' certo che da fuori si ? tutti molto bravi a criticare e far del bene. Il problema ? che sei da solo e non vai in diretta su milioni di persone.

 

Concludo con l'augurio sia alla CART che alla INDY di aumentare sempre di pi? la propria storia e il proprio prestigio. Perch? sono le altre 2 F1 al mondo e il valore in campo di piloti e scuderie ? quello stesso che da oltre 100 anni sia in America che in Europa si susseduono di stagione in stagione.

 

S? credo che potremmo far quattro chiacchiere e scambiar 2 parole live.

 

Buona notte e finalmente abbiamo avuto modo di conoscerci seppur in rete.

 

aleabr

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ahhhhh.... dopo un anno di duro lavoro dietro alla Champ, ? un sollievo vedervi confrontare qui.... finalmente a qualcosa siamo arrivati! Certo ? vero, la Champ ? spesso una noia, ma per me, per motivi che sia Fabrizio che Aleabr conoscono, ci sono affezionato, dato che ?, per me, l'unica vera serie sui circuiti cittadini... ed in fondo, mi piace fare il Robin Hood della situazione, tifar eper la categoria piu debole! Dopotutto, da uno ceh tifa Empoli che speravate! :D

Scherzi a parte, fa paicere questo confronto, le idee all'antitesi e i chiarimenti... penso solamente che se la Champ o la IRL avessero piu spazio e piu pubblicita (anche nei giornali specializzati, dove ce n'? sempre di meno), farebbero altri ascolti per la gioia di r50 (che ? 5 volte pi? forte di r10, cio? ronaldo, ndr) e nick villani, e di noi che non ci limitiamo alla sola f1...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×