Jump to content

tigre

Premium
  • Content Count

    4,844
  • Spam

    145 
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

Everything posted by tigre

  1. Parlando del pilota perfetto, mi ? venuto a mente uno dei migliori piloti degli ultimi trent'anni, ? stato uno di quelli che ho ammirato di piu', ricordo le sue grandi gare nella CART degli anni '90, la sua forza era un insieme di aggressivit? e sapienza tattica allo stesso tempo, e mi rincresce che un pilota cos? non abbia potuto far parte piu' a lungo della F1 quanto segue ? quanto sono riuscito a trovare su Internet e alcuni miei tributi. "Emmo" come egli ? conosciuto dai fan americani comincio' la sua fama in Europa, iniziando a correre in Kart dopo un assaggio sulle motociclette, era il figlio del noto giornalista Brasiliano Wilson Fittipaldi. In 1867 insieme a suo fratello e ai Kart di loro fabbricazione vinsero ogni cosa in Brasile. Sapendo che ogni cosa dell'automobilismo passa dall'Inghelterra ben presto si trasferi li sotto l'ala del grande istruttore Jim Russell. Comincio' a vincere in F3 ed F2 Nel Maggio del 1970 fu invitato da Colin Chapman a sostenere un test in Formula 1 da Colin Chapman. Quest'ultimo fu tanto impressionato da farlo terzo pilota del team dietro a John Miles e Jochen Rindt. Il suo debutto fu all'ottavo posto nel Gp di Brands Hatch. In Germania la volta dopo fece i primi punti. Dopo la morte del suo compagno Jochen Rindt vinse nel GP degli stati uniti mentre il suo compagno fu talmente scioccato da ritirarsi dalle corse. Il 1970 fu funestato per lui da un incidente al di fuori dalle corse ma nel 1972 divenne il campione del mondo piu' giovane. Colin Chapman nella speranza di riportare il team ai fasti di jim Clark lo affianco' a Ronnie Peterson. Quest'ultimo causo' dei problemi nel team con Emmo che inizio' a fare diversi errore, e stufato dal team decise di firmare per la McLaren. Tre vittorie e numeroso piazzamenti portarono a lui il secondo titolo mondiale. Negli anni successivi ci fu la sua mossa sciagurata di entrare in societ? con il fratello fondando la Copersucar, un progetto finanziato con i soldi di alcune grandi aziende Brasiliane, e per lui fu l'inizio della fine della sua avventura in Formula 1 a causa dei pessimi risultati che il team era in grado di offrire. Cos? a fine anni '80 si ritiro' dalla categoria. Nel 1984 cerco' di rientrare nel giro ma a causa delle pessime vetture che gli erano state offerte prefer? riciclarsi nella Indycar grazie anche alle conoscenze di cui disponeva. Ben presto divento' uno dei riferimenti della serie con 2 500 miglia vinte e un titolo vinto nel 1989, conl team Penske dove sviluppo' una grande amicizia conl compagno Al Unser Jr. La sua carriera si interruppe definitivamente nel 1996 dopo due gravi incidenti, uno in CART su un'ovale e uno su un suo aereo che gli crearono lesioni permanenti alla schiena. Due anni fa ha partecipato alla GPMasters ben sapendo che un ulteriore incidente avrrebbe potuto avere conseguenze gravissime per lui, ma come disse "Le corse sono la mia vita e la mia famiglia lo s?"
  2. Che gran video questo, peccato corto della L72 sulle strade di san Paolo, che macchina e che motore; su quella macchina Emmo era uno dei pochi ad avere le pèalle di montarci
  3. Non c'è da rimproveragli poimolto, la maggior parte delle vittorie erano sue; piuttosto ho notato che Prost in quell'anno aveva cambiato trattica, partiva forte invece di aspettare per scrollarsi il cpmpagno di dosso cosa che qualche volta gli era riuscita; stava per riuscirgli anche a Suzuka poii senna recuperò come un forsennato, forse in altre gare quest'ultimo ebbe problemi di benzina ma non ne sono poi cosi sicuro. In questo video dedicato a senna pirro racconta un po' di questa macchina
  4. Certo Christian bale pè dimagritissimo in questo film per interpretare il secco ken miles, tantoi di cappello come attore e uomo. remo girone nella parte di enzo ferrari direi che è erfetto forse iun po' troppo rude la caratterizzazione. L'unica pecca di stogfilm è che non si capisce bene chi abbia inventato da zero il GT40, va bene che lo hanno sviluppato Miles e Shelby dopo il ritiro per cardiopatia, una macchina leggendaria
  5. Comunque di piquet si racconta che entrò facendo il tuttofare e uno del paddocmk lo mise a pulire ilcasco di reutemann che quando se ne accorse lo mandò via incazzato nero
  6. Anche a me è piaciuto. Magari la figura di Enzo Ferrari poteva essere un po' attenuata rguarrdo alle trattive co n Fprd è solo parzialmente vera quella scena, non riguardava la presenza a Le Mans la clausola ma il budget sulla scuderia; vero è l'aneddoto di aver detto a Gozzi, andiamo a magna; riportato anche su questa ricostruzione della vicenda
  7. Casualmente passanmto da mediaworld ho trovato le Mans 66 c'era anche in blue ray, qui c'è il trailer, 2 attori di grande risalto
  8. tigre

    Mika Häkkinen

    Il mondiale 1999 è meritatissimo non penso abbia a che fare con l'incidente di Schumacher; anche se fosse sceso con le sue gambe dal crash di Silversone il Kaiser era diertro a lui e Irvine http://www.chicanef1.com/racetit.pl?year=1999&gp=British GP&r=1
  9. Su Masterpilot preludoino a un qualcosa di più anche del ruolo di pilotaggio
  10. tigre

    Mika Häkkinen

    A leggere alcune interviste del 2000 mi pare che non fosse già troppo sicuro di se stesso, che poi anche la figuraccia di Imola dell'anno prima sta un po' a dimostrarlo; un talento purissimo comunque; anche nel DTM è stato un top driver e io assistetti alla sua ultima vittoria al Mugello nel 2007
  11. Si lo ricordò infatti anche Minardi sul canale youtuibe di Bobbiese. Inoltre Ferrari lo faceva venire in fabbrica per prendere le turbine tedesche perchè luoi si era impunhtato su quelle Garrett americane ben sapendo che erabno peggiori ma ormai il drake non poteva far altro e Minardi sceglieva tra quelle tedesche anche quelle migliori
  12. Interessante anche sto canale Motor1. la storia di jackie Stewart, sul tubo si trova anche la ricostruzione di Stewart del suo incidente di spa 66, sembrava a quei tempi come il TT dell'isola di Man delle moto Interessante anche sto canale Motor1. la storia di jackie Stewart, sul tubo si trova anche la ricostruzione di Stewart del suo incidente di spa 66, sembrava a quei tempi come il TT dell'isola di Man delle moto https://www.youtube.com/watch?v=I3buBRd7J94
  13. Io citerei più scarsi quelli con meno abilità di guida. Tra quelli citati Damon probabilmnente era quello con meno capacità rispetto ad altroi vedi il figlio di Rosberg o J Villeneuve. Nel 95 fece tanti errori per reggere il passo di Scvhumy, a volte finivano fuori entrambi per colpa sua, ricordo anche la guida con diversi errori a Bercellona nel 96 sotto l'acqua ma nell'insieme era bravo come mettere al posto la macchina ad esempio. J Villeneuve non mi ha mai impressionato come Nico Rosberg come abilità di guida era inferiore al padre. Button invece è un pilota che ho sempre apprezzato, non ha mai sfigurato anche di fronte ad Alonso e Hamilton e secondo me ha chiuso la carriera troppo presto. Alan jones un altro di cui si portrebbe parlare ma non ho vissuto quegli anni. Se andiamo indietro nel tempo poi reputo gli anni 70 come quelli più abbomndanti di talenti non vedo nessuno che ha vinto il titolo per caso, quella era una grande azienda di talenti
  14. Bellissima tra l'altro il lotus 72, anni avanti alle altre macchine col radiatore sul muso come fece notare Merzario. Dovrebbe essere questa
  15. tigre

    Nelson Piquet

    Recentemente ho visto il GP del messico 1987 che non ero stato in grado di vedere allora causa differenza orario allora ma lessi il resoconto di scalera mi pare sul corriere; gara veramente bella con gli Ita.liani in Brabham Patrese e de Cesaris vicini ai top driver, fu la corsa in cui Mansell rietntrò per il titolo ma venne svantaggiato dal fatto che la gara venna riavviata permetytendo a Piquet di riavvicinarsi e andare in testa ma limare soltantoil distacco di Nigel. Parole sante di Poltronieri: questi due della williams nonb si discutono
  16. Non ento nel merito di chi fosse più forte, a quei tempi se fossi stato F. Williams avrei preso Alboreto, guardando indieto alle loro carriere ora invece non saprei; entrambi hanno fatto cose incredibili con macchine non al top, Patrese con la Arrows e Alboreto con la Tyrrell. Sentendo l'intevista certo ferrari teneva davvero ai piloti Italiani tutto il conrtrario della gestione Montezemolo secondo me giustamente tirata giù da Marchionne. Solo pe citarne alcuni tenuti in conto da Ferrari o arrivati: _ Merzario che fece discretamente - Regazzoni quasi iridato - Giacomelli a cui voleva offrire un sedile ma non ben definito - Patrese che doveva venire nel 79 - de Cesaris ma poi sostuito da Alboreto
  17. secondo me invece era alla pari con Alboreto, come velocità lo uguagliuava sicuramente, forse sbagliava leggermente di più, de Angelis andava forte se ben suppoortato , nel 1986 fino al momento dell'incidente non era in palla. Sentendo quest'intervista mi pare di capire che ebbe l'opportynità di essere titolare Williams perchè ben supportato da bernie Ecclestrone, suo stimatore ai danni di Alboreto, infatti quest'ultimo era sul punto di firrnare con Frank
  18. Di Senna Ciccarone disse che la piccola fazenda aveva un'estensione pari alla Lombardia però non so' se in seguito alle ricchezze accumulate da Ayrton perchè AS diceva che la famiglia era benenestante ma non ricchissima
  19. Questo non so' si risale troppo indietro nel tempo. I miei ricordi e letture di giornali partono inoltre da metà anni 80. A proposito di merzario c'è questa breve intervista a Goodwood in cui ricorda di aver vibnto il mondiale marche nel 1977 con l'Alfa Romeo, non so' se fosse davvero più importante della F1 come afferma però è indubbbio che per la Ferrari avesse un grande valore rileggendo il recente libro di AS sul drake. Una vettura da quasoi 400 all'ora quell'Alfa, il massimo fu raggiunto mi pare da un prototipo Peougeot a fine anni 80 a oltre 400 km/h circa le velocità delle Penske a Indianapolis
  20. Non ho sotto mano il libro di Ramirez, ma penso la battuta derivò anche dal fatyto che come disse Pirro la macchina aveva un'impostazione diversa dalle precedenti capitalizzando gli errori della Brabham BT55 infatti il progettista Murray era passato in McLaren; probabilmente era già in avanti molto tutte le altrre come la Lotuis del 74 rispetto alla concorrnza
  21. Anche per me la mp4/4 ma più per via dell'anno di transizione nonostante la sovralimentazione fosse stata dimezzata, comunque sia anche Caffi e Modena in recenti interviste dicevano che con la pressione al massimo era praticamente impossibile guidare. Nella bio di ramirez poi ricorda che Prost dopo averla testata per qualche giro ritornò dicendo: "Che macchina avete fatto" aveva un'impostazione molto diverse dalle precedenti. Uno dei pochi a essere in grado di controllare i 1000 cv di quei mostri era di sicuro Piquet, forse anche Rosberg, entrambi dominarono il Paul Ricard nell'85
  22. tigre

    Juan Manuel Fangio

    Qualche dichiarazione di N. Mansell anche su dfangio; su Villeneuve ricordo che l'anno prima della morte a Zolder fece una grande battaglia prima di andare sul podio, disse anche che battagloiare con Gilles era veramente dura https://autosprint.corrieredellosport.it/news/formula1/2020/06/16-3071548/mansell_ricorda_gilles_vederlo_volare_e_stata_la_cosa_piu_scioccante_della_mia_vita_/
  23. tigre

    Ivan Capelli

    Ho rivisto alcune gare dell'88 e in almeno un paio di occasioni battagliava con le McLaren, al di la della vettura di A. Neway penso che Fiorio aveva visto giusto su di lui; peccato per il motore Judd che esplodeva spesso, d'altronde dovevano rischiare per star dietro ai turbo; comunque ai pilotoi Italiani mancava sempre qualcosa per essere al livello dei top driver
  24. Ho sentito molte sue interviste. Come pilota F1 non era male ma ha guidato la ferrari nel momento sbagliato 71-72 in cui anche Ickx grande talento non fece grandi cose. poi avrebbe dovuto passare in Lotus ma nonb c'ando' per via della sicurezza della monoposto di Chapman giudicata troppo pericolosa, anche da Reutemann infatti e quindi quii incontrò Frank Wuilliams che praticamente non lo pagò mai. Sui prototopi invece ha vinto parecchio supportato da un grande come l'ing Chiti anche
  25. Interessanti le chicchierate di Bobbiese con Merzario, a volkte divaga ma è veramente una fonte di aneddoti. A proposito di Williams è in pratica un ritorno alle origini, è partito praticamente dal nulla ma era in grado di fare buone cose con pochi spiccioli; ma era anche egoista si è visto il modo con cui ha a volte trattato qualche suo pilota
×