Jump to content

GD59

Inactive
  • Content Count

    149
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

Everything posted by GD59

  1. l'abbraccio di Briatore non pu? che essere sempre "mortale" e da respingere. Ci? non toglie che le dichiarazioni che ha fatto non facciano una piega e che siano condivisibili da chiunque abbia a cuore questo sport, esclusi ovviamente coloro che vengono colpiti da "noia mortale" ogni qualvolta si parli di qualcosa che gli comporti qualche fastidio o qualche sforzo in pi? a livello di neuroni e di spirito critico, o, pi? banalmente, di qualcosa che li possa costringere ad una sana e morale indigazione di fronte a chi RUBA o TRUFFA. Gente pi? propensa oramai a vivere la vita secondo la fiolosofia spicciola, ma molto meno faticosa da adottare, di un incontro di wrestling universale e totale. Divertente, sollazzante, movimentato e tanto finto. Ovviamente il pulpito dal quale partono queste dichiarazioni ? quanto di meno autorevole, immacolato e disinteressato possa esistere, ma sar? bello vedere anche, in tribunale, due cosche rivali che si scannano, Dennis vs Briatore... da film!
  2. ma si dai, oggi alla sbarra avrebbe dovuto esserci la Ferrari, la condotta antisportiva non c'? stata da parte della Mclaren, ma da parte della Ferrari che non ha controllato abbastanza i suoi tecnici. Hai scritto km di post nell'intento di spostare il problema da quello che ? in realt?, non ti arrendi nemmeno davanti ad una sentenza che indica chiaramente la Mclaren colpevole di aver violato l'art. 151c. E' evidente che oramai la tua ? una provocazione reiterata, pura e semplice.
  3. Che per mancanza di prove concrete sull'utilizzo dei dati alla Mclaren non venisse comminata una sazione pesante, come una penalizzazione, squalifica per qualche Go o, addirittura, esclusione credo che tutti possiamo arrivare a capirlo. Ma la sentenza dice che la Mclaren ha violato una norma, una norma generica, ma sempre di una violazione si tratta. Una norma violata comporta una sanzione, ripeto, posso comprendere che non sia pesante, ma almeno una reprimeda o una multa andava comminata, cio? qui si ? fatto passare il concetto che la violazione di una norma non comporti nulla, ? questo il punto della questione. La sentenza per questa ragione lascia quantomeni perplessi. La Mclaren non ? stata assolta, ? stata ritenuta colpevole, non in maniera grave (per mancanza di prove), ma colpevole di una violazione del regolamento, ? illogico che anche la piu minima delle sanzioni non gli sia stata comminata. ? tutto inutile, ? da oggi pomeriggio che si sta cercando di spiegare ad alcuni festaioli qui nel forum questo concetto tanto banale quanto semplice: sei riconosciuto colpevole di aver violato una norma? paghi ma si sa, gli occhi foderati di prosciutto ce li hanno i ferraristi...
  4. se non ha vinto davanti al Consiglio Mondiale dubito possa vincere a livello di giustizia ordinaria. Probabile piu' che altro una richiesta di risarcimento danni da parte della McLaren per il caso montato a mezzo stampa sull'affidavit di Coughlan. Anche se a questo punto conviene a tutti rifarsi solo sui due tecnici per evitare altri danni. non credo che alla Mclaren siano deficienti a tal punto da andare a chiedere i danni alla Ferrari con in mano una sentenza di COLPEVOLEZZA nei loro confronti per la violazione dell'art. 151c e una specie di "libert? vigilata" riguardo l'utilizzo del materiale Ferrari a suo beneficio. E oltretutto sarebbe anche un po' prestino, visto che l'inchiesta penale va avanti e non ? ancora conclusa. E nel caso fosse ritenuta colpevole nel processo per spionaggio industriale, perderebbe miseramente anhe questa eventuale causa di richiesta di risarcimento danni, vedendosi condannata anche al pagamento delle spese processuali.
  5. eccomi leggi meglio: Mclaren COLPEVOLE di violazione dell'art, 151c. leggere meglio il comunicato ufficiale please, pena figure barbine
  6. ROTFL ragione di che? leggiti bene il comunicato ufficiale: Mclaren colpevole di violazione dell'art. 151c. Altro che innocente! Quindi sentenza DEMENTE, senza se e senza ma. Sei colpevole ma non ti punisco. a-ri- ROTFL
  7. mi sa che state facendo un po' di confusione. Dal punto di vista penale c'? un'inchiesta in corso. La Ferrari si ? fermata a quanto in suo possesso e ha fatto denuncia, oltre ci andr? la magistratura coi suoi mezzi di indagine, che sicuramente la Ferrari non pu? avere. L'iter fin qui ? assolutamente normale. Se l'inchiesta dovesse concludersi con un rinvio a giudizio della Mclaren, la Ferrari si costituir? parte civile. Come sempre si fa. Rimane lo scandalo di un tribunale FIA che riconosce la Mclaren colpevole di violazione dell'art. 151c e la punisce semplicemente con una ridicola minaccia verbale per il futuro.
  8. Ottima sintesi. Spero di non urtare la suscettibilit? di qualche tifoso, ma credo che l'assoluzione della McLaren assomigli all'assoluzione della Juventus per doping. Colpevoli, ma non punibili perch? ? stato dimostrato il movimento di farmaci illeciti, ma non il loro utilizzo. no, secondo me non ci siamo. la sintesi ?: imputato colpevole, punibile, ma non ci va di punirlo. il comunicato ufficiale dice chiaramente che la Mclaren ha infranto l'articolo 151c, ma, cosa incomprensibile, non la si punisce. E io mi domando: cosa serve scrivere un codice se poi uno che ne infrange anche un solo articolo non subisce sanzioni di alcun tipo? il paragone con la juve non regge, quello non era un procedimento sportivo, era penale, e lo scandalo l? fu ancora pi? grande, in quanto la giustizia sportiva non si mosse proprio.
  9. ma che ti ridi? e che si ? montato?, informati meglio prima di "grassettare" La FIA ha dichiarato che la Mclaren era in possesso di materiale confidenziale Ferrari, quindi di questo ci sono le prove, senza che "grassetti" delle fandonie. La cosa grave ? che in pratica per la FIA possedere materiale confidenziale di un'altra scuderia non viola alcun articolo del codice sportivo e non ? quindi punibile e tu ridi, contento tu... Quando si monta un caso a mezzo stampa come ha fatto la stampa di propriet? FIAT da un mese a questa parte. Se permetti penso di essermi abbastanza documentato... grazie ai potenti mezzi dell'ufficio stampa di Maranello (con succursali a Torino e Milano). Questo ? il comunicato ufficiale della FIA: (in inglese) World Motor Sport Council - Decision 26.07.2007 : An extraordinary meeting of the World Motor Sport Council was held in Paris on 26 July, 2007. The following decision was taken: “The WMSC is satisfied that Vodafone McLaren Mercedes was in possession of confidential Ferrari information and is therefore in breach of article 151c of the International Sporting Code. However, there is insufficient evidence that this information was used in such a way as to interfere improperly with the FIA Formula One World Championship. We therefore impose no penalty. “But if it is found in the future that the Ferrari information has been used to the detriment of the championship, we reserve the right to invite Vodafone McLaren Mercedes back in front of the WMSC where it will face the possibility of exclusion from not only the 2007 championship but also the 2008 championship. “The WMSC will also invite Mr Stepney and Mr Coughlan to show reason why they should not be banned from international motor sport for a lengthy period and the WMSC has delegated authority to deal with this matter to the legal department of the FIA.” in pratica la FIA dichiara che la Mclaren, in violazione all'art. 151c, era in possesso di materiale confidenziale Ferrari, ma non punisce, lo capisci o no????
  10. ma che ti ridi? e che si ? montato?, informati meglio prima di "grassettare" La FIA ha dichiarato che la Mclaren era in possesso di materiale confidenziale Ferrari, quindi di questo ci sono le prove, senza che "grassetti" delle fandonie. La cosa grave ? che in pratica per la FIA possedere materiale confidenziale di un'altra scuderia non viola alcun articolo del codice sportivo e non ? quindi punibile e tu ridi, contento tu...
  11. In soldoni, per ora, l'unica cosa certa ? che, per la FIA, possedere materiale confidenziale di un'altra scuderia non viola alcun articolo del codice sportivo e non ? quindi punibile. vomito
  12. Eccolo!!! Finalmente l'ho trovato. Ora mi baster? controllare i tuoi post PS: Una safety car pu? entrare anche per una vettura ferma con guasto che non si riesce a spostare. ma tu qui stai? pensavo fossi al Nurburgring armato di pistola, aspettando l'occasione buona per sparare ad Alonso, visto che ? lui che l'ha tirata ad Hamilton due settimane fa, dicendo: "mica gli andr? sempre bene..."
  13. http://www.repubblica.it/2007/03/motori/fo...aren-email.html Nel primo gp 2007 Stepney avvert? Coughlan: gli inglesi fecero reclamo La prova decisiva nel computer del tecnico dei rivali della Ferrari L'email-spia: "Guardate quel fondo..." Crolla l'impianto difensivo McLaren dal nostro inviato MARCO MENSURATI Mike Coughlan MODENA - "Stavolta la McLaren non la salva nemmeno il dottor House". Scherzavano cos?, ieri sera, tra Modena e Maranello nel commentare gli ultimi sviluppi di questa interminabile spy story della Formula Uno. E in effetti, le cose sembrano mettersi sempre peggio per il team anglo tedesco, i cui avvocati il prossimo 26 luglio a Parigi dovranno esibirsi in peripezie logiche di non poco conto per evitare l'inevitabile: ovvero "la profezia del Times" secondo la quale la condanna per scuderia e piloti ? praticamente inevitabile. Dopo il ritrovamento, in casa del capo progettista della McLaren, al secolo Mike Coughlan, del dossier Ferrari (una sorta di manuale su come fabbricare e perfezionare in casa una Rossa, versione 2007), dopo le ammissioni dello stesso capo progettista (che ha raccontato di aver parlato di quel dossier con i vertici della scuderia), dopo l'apertura di una inchiesta da parte della Federazione internazionale dell'automobilismo contro la McLaren, dopo tutto questo arriva ora il colpo di grazia. Un colpo di grazia, raccontato dal settimanale Autosport, che ha l'aspetto innocuo e familiare di una email, "confidential", inviata al solito Coughlan (era nel suo pc) da un altro dei protagonisti di questa estate rovente di segreti, bugie e pedinamenti: il meccanico Ferrari, Nigel Stepney. Siamo a fine marzo e il mondo della Formula Uno ? terrorizzato. Perch? le Ferrari, al loro debutto sul circuito di Melbourne, sono andate benissimo. Raikkonen ha vinto e le prestazioni delle macchine sono state ottime anche in prova. Ma all'improvviso, nella cartella di posta in arrivo, sull'outlook di Coughlan arriva il messaggio che potrebbe cambiare la stagione: "Perch? non date un'occhiata al nuovo fondo piatto mobile della Ferrari? Magari ? irregolare...", chiede, anzi suggerisce, il tecnico del Cavallino. Il fondo piatto "mobile" era una delle grandi novit? della Ferrari del 2007. Pochi giorni dopo l'arrivo di quella email, prima del Gp in Malesia, la McLaren chieder? alla Fia un "chiarimento" sulla regolamentazione con particolare riferimento proprio al "fondo piatto"; una sorta di avvertimento, in risposta al quale la Ferrari, prudentemente, torner? ad utilizzare il vecchio fondo, quello "non mobile". Cosa sia successo dopo l'arrivo della mail, se sia stato cio? proprio Coughlan a girare l'informazione ai vertici del proprio team, non ? dato sapersi con certezza. Ma certo difficilmente i membri del consiglio mondiale che dovranno decidere sul comportamento della McLaren ignoreranno la coincidenza. Alle coincidenze, in Formula Uno, generalmente ci si crede poco. A questa, poi, che ? stata gi? fatta notare nel "capo di imputazione" che la Fia ha contestato alla McLaren, ancora meno. Oltre ad anticipare di alcuni mesi l'inizio dello spionaggio industriale, la questione dell'email, se confermata, appare particolarmente pesante perch? incenerisce in un colpo solo i due principali argomenti che erano alla base della strategia difensiva elaborata da Ron Dennis e soci. I legali anglo tedeschi davanti alla corte vorrebbero infatti riuscire ad affermare che mai e poi mai alcun dato acquisito dall'"uomo accusato dalla Ferrari" (? il modo sprezzante con cui la McLaren chiama Coughlan in questi giorni) ? stato utilizzato dal team. Che poi ? esattamente il punto dolente messo in risalto dal Times quando nei giorni scorsi ha spiegato che l'operazione difficile da compiere sar? dimostrare che mai Coughlan, una volta lette le carte Ferrari, ha utilizzato la sua conoscenza per favorire le McLaren. Il secondo obbiettivo che si erano dati i legali era convincere la corte che nessun membro del team, eccezione fatta per il solito "accusato dalla Ferrari", ? mai stato in possesso di informazioni o documenti di Maranello; n? ha mai saputo che Coughlan aveva quelle carte. Prima del ritrovamento di quell'email era molto difficile riuscire a dimostrare tutto questo. Adesso ? praticamente impossibile. A meno di non trovare conferma della cosiddetta "teoria Stepney" (dal nome del meccanico Ferrari che continua ad enunciarla da localit? riservata). Teoria cos? riassumibile: "E' tutta una montatura ad opera di qualcuno. Una messa in scena". (20 luglio 2007)
  14. http://www.ministerosalute.it/dettaglio/pd...b=2&lang=it Consigli contro il caldo * Bere pi? liquidi (in particolare acqua), non aspettare di avere sete per bere; attenzione: se il medico, in presenza di particolari patologie, ha dato indicazioni per limitare la quantit? di liquidi da bere, chiedergli quanto si pu? bere quando fa caldo; sempre in presenza di patologie o particolari farmaci, chiedere al medico indicazioni sui sali minerali da assumere o meno (ad es quelli contenuti nelle bevande per lo sport); non bere liquidi che contengano alcool, caffeina n? bere grandi quantit? di bevande zuccherate: tali bibite causano a loro volta la perdita di pi? fluidi corporei; non bere liquidi troppo freddi. * Stare in casa o in zone ombreggiate e fresche e, se possibile, in ambienti condizionati nelle ore di maggiore insolazione (tra le 11 e le 15). * Ventilare l'abitazione attraverso l'apertura notturna delle finestre e l'uso di ventilatori. I ventilatori possono fornire refrigerio, ma quando la temperatura supera i 35?C il loro effetto non previene pi? i disturbi legati al calore. * Se si percepisce un surriscaldamento corporeo, aumentare la ventilazione, usare un condizionatore se ? possibile. * Nelle ore pi? calde, se non si ha un condizionatore in casa, fare docce e bagni extra o recarsi in luoghi vicini in cui vi sia l'aria condizionata (per esempio, cinema, centri commerciali, biblioteche); anche poche ore trascorse in un ambiente condizionato possono aiutare l'organismo a sopportare meglio il caldo quando si torna ad essere esposti ad esso. * Indossare abiti leggeri, di colore chiaro, non aderenti, anzi sciolti, per permettere la circolazione dell'aria sul corpo. * Evitare esercizi fisici non necessari all'aperto o in luoghi non condizionati ed evitare l'esposizione inutile al sole diretto. Se esposti a sole diretto mitigare l'effetto con cappelli leggeri a tesa larga o parasole, occhiali da sole e usando sulla pelle filtri solari con protezioni ad ampio spettro. * Nel caso in cui si debbano svolgere attivit? all'aria aperta: limitarle alle ore mattutine e serali; limitare gli sforzi fisici, nel caso in cui sia necessario compiere tali sforzi introdurre dai 2 ai 4 bicchieri di bevande non alcoliche; riposarsi in luoghi ombreggiati. * Preferire pasti leggeri e fare attenzione all'opportuna conservazione dei cibi. * Non sostare in automobili ferme al sole n? lasciare mai persone, specialmente bambini o anziani, n? animali domestici in auto o altri veicoli chiusi. * Telefonare all'autorit? sanitaria locale o al Comune per conoscere i servizi a cui ci si pu? rivolgere in caso di necessit? e per saper se e dove, nelle vicinanze dell'abitazione vi sono appositi luoghi per il sollievo dal caldo.
  15. se ? vero quanto scritto nell'articolo, a rigor di logica un modo di agire come questo ha senso solo da parte di chi sa di trovarsi in una situazione parecchio compromessa.
  16. Indipendentemente da come andr? a finire, da quello che si dimostrer? o meno, da sanzioni o assoluzioni, bisognerebbe comunque capire che, quando ci si cimenta in una qualsiasi competizione, questa ? regolata da norme precise che si accettano e sottoscrivono nel momento esatto in cui si comincia a misurarsi con i propri avversari. Bisogna quindi mettere in conto che quando si sbaglia, spesso SI PAGA. E avere la necessaria dose di dignit? per non mettersi a frignare come un bimbominkia nel momento in cui ti prendono in castagna. Lo so che ? banale, ma qui in Italia, sembra incredibile, ci? che dovrebbe essere ovvio va sempre pi? faticosamente sottolineato. Se uno ad esempio vince un campionato a tavolino, evenienza rara, per fortuna, vuol dire solo una cosa: che si ? dimostrato che chi gli era davanti si ? comportato da BANDITO e ha commesso infrazioni gravissime dal punto di vista sportivo. L'aspetto pi? grave, in un caso come questo, NON E' la sanzione, ma il MISFATTO che ha portato all'emissione della sanzione, ? talmente semplice... Chi non capisce questo, e si ritrova spesso a parteggiare per il "bandito", beh... dovrebbe cominciare a preoccuparsi seriamente. Ma ? chiedere troppo, a preoccuparsi sempre di pi? sono altri, circondati oramai da masse di italioti con senso civico pari allo zero e, purtroppo, quasi tutti dotati di apparato riproduttivo regolarmente funzionante.
  17. quando leggo ragionamenti come questi mi intristisco, altro che "squallido", qui siamo alla "morte civile". E' poprio vero che con la scusa che "il pi? pulito c'ha la rogna" oramai c'? gente che accetta di tutto, e non parlo solo dal punto di vista sportivo... dal punto di vista logico, ? comunque un ragionamento che non fila per nulla. Lo spionaggio industriale ? REATO PENALE, ma tanto checcefrega... "il pi? pulito c'ha la rogna"...
  18. schumi schumi, dove sei... il team... io ho avuto la netta impressione che kimi sia partito in ritardo dopo che il meccanico ha alzato la paletta
  19. certo che lo ha perso scusa, si parlava del vantaggio che aveva accumulato in pista, non gli ? rimasto solo il vantaggio del pitstop?
  20. e ha cercato lo scontro anche stavolta, capisco che sta facendo una serie di figuracce, ma rosicasse di meno...
  21. Ed ? gi? la seconda volta che rientra in pista alla kamikaze. oltretutto davanti al compagno di squadra, e sicuramente anche stavolta nessuno dir? nulla... Comunque vedere Alonso che piano piano si sta montoyizzando non ? male...
×