Jump to content

SebMat

Premium
  • Content Count

    3,143
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

Everything posted by SebMat

  1. Ma non è vero, in qualifica è sempre stato davanti Vettel.
  2. Ha firmato quel contratto quando era considerato ancora il messia sceso in terra, non è difficile da capire.
  3. Secondo me il motore nuovo, nell'ultimo GP dell'anno, ha influito tantissimo rispetto agli altri (a parte Leclerc) che sono arrivati invece al limite del proprio utilizzo.
  4. Sono stati I due errori principali che hanno dato una botta psicologica pazzesca. La perdita del presidente Marchionne, il ritiro quando era in testa in Germania, lo sfortunato contatto a Monza che lo manda in fondo al gruppo per un sorpasso banalissimo subito. Tutto ciò avrebbe messo in difficoltà chiunque, e quest'ultimo anno è servito a Seb per riprendersi e rimettersi sulla strada giusta in vista della prossima stagione. Sempre pregando che la Ferrari riesca a fare una vettura da mondiale
  5. Vettel si porta dietro antipatie dai periodi in Red Bull quando vinceva solamente perché era fortunato e aveva il mezzo migliore, attenuate dai miracoli fatti in Ferrari nei primi anni con cui aveva smentito più o meno tutti. Trovatemi uno che alla firma di quel rinnovo aveva il coraggio di criticarlo, secondo me nessuno l'avrebbe scambiato per Hamilton e ricordo bene che discorsi si facevano. Poi sono bastati un paio di errori, come Germania e Monza, a cancellare tutto il resto, comprese le magie fatte lo scorso anno, e scatenare il putiferio dove Seb è andato in difficoltà nel finale di stagione e piano piano si sta riprendendo quest'anno, annata non perfetta ma neanche disastrosa. Perché no, non è finito neanche quest'anno e ve lo ha dimostrato con più di una prestazione superlativa. Molto più importanti di un testacoda a Monza per il futuro. Sono il primo a sapere che non sta correndo ai suoi standard, ma abbiate un minimo di fiducia. Di piloti che hanno attraversato periodi neri ne è pieno, o che hanno buttato nel cesso mondiali molto più alla portata. Spero solamente che Leclerc in futuro non debba subirsi lo stesso trattamento che puntualmente viene attribuito ai piloti Ferrari, ogni volta I meno colpevoli di questa situazione drammatica. Che poi c'è sempre questa credenza che se difendi un pilota che stimi, automaticamente diventi l'hater dei suoi rivali o dei suoi compagni di squadra.
  6. A parte che non penso si possa paragonare Leclerc a Rosberg, e il futuro sono certo che mi darà ragione. Ma come si può paragonare un mondiale perso senza avversari ad un quarto e quinto posto del titolo piloti? Bah, alcune volte...
  7. Che possa sentire un po' la stanchezza, che non sia più al 100% meticoloso con la F1 come prima, che fatichi a trovare motivazioni nuove quando la macchina non è al top, posso anche comprenderlo ma non lo giustifico da tifoso. L'importante è che non abbia perso velocità, il resto si recupera.
  8. La stagione della consacrazione, non sali su una Ferrari così presto se non sei un fenomeno, e di certo Ferrari non è mai stata una che si prende certi rischi, quindi sapevano perfettamente del talento del ragazzo. Dimostra una straordinaria velocità in qualifica confermando quanto di buono fatto vedere in GP2 e in Alfa, da migliorare in quanto a gestione gara ma nei 2 GP migliori per la SF90 conquista la vittoria con due grandi gare. Presente e futuro, adesso è atteso alla prova di avere tra le mani una macchina da titolo.
  9. Si merita la sufficienza per quanto mi riguarda, per quel che era possibile fare con questa macchina. A parte lo spezzone di campionato in cui aveva problemi di guida col posteriore, passando improvvisamente da 7 decimi rifilati in qualifica al compagno a prenderli nel GP successivo, e dove in realtà la Ferrari sembrava essere una vettura più competitiva rispetto all'inizio anno dominato da Mercedes, è stato nel 70% dei casi più veloce di un compagno già velocissimo. La storia del 4 volte campione del mondo non significa nulla, non ti rende automaticamente più veloce. L'esperienza esce fuori quando ti giochi il titolo, non quando lotti per stabilire se sei seconda o terza forza nel mondiale. Nel 2018 aveva picchi di velocità assurdi rovinati da errori gravi sotto pressione, la speranza è che il prossimo anno Ferrari riesca a produrre una macchina da titolo e che Seb limiti quegli errori. Se in più avrà finalmente un compagno come Leclerc in grado di attaccare la Mercedes con due punte, tutto di guadagnato.
  10. Gara anonima azzoppata dalla strategia Ferrari. Adesso viene il bello, 2020.
  11. Unica nota positiva i piloti. Per il resto disastro.
  12. Strategia Ferrari da suicidio veramente, ma che cazz pensano.
  13. Che sfiga Vettel, quando doveva attaccare Verstappen DRS fuori uso.
  14. Finalmente è finito quest'anno, non vedo l'ora di staccare.
  15. E invece nel terzo settore fantastico della Mercedes ancora.
  16. Anche nell'ultima qualifica dell'anno ci devono regalare delle perle. Comunque pista in peggioramento, nessuno che migliora.
  17. Mi aspetto una Ferrari comodamente in terza fila, dipende da Albon in realtà quando vicino sarà a Verstappen.
  18. Ha un futuro enorme davanti a sè. In pochi da così giovani sono saliti subito su macchine al vertice. Io credo che Seb per Leclerc sia anche uno scudo: so di avere un quattro volte campione del mondo vicino a me, qualora la Ferrari avesse la macchina da titolo, io potrei permettermi di correre meno sotto la luce dei riflettori e scaricare le pressioni su Seb, più stipendiato-più esperto ecc... Questo non significa non potersi giocare le proprie chance, anzi, aumenterebbero a dismisura perchè il fattore psicologico è tutto nello sport, e correre molto più rilassati aiuta. Metti Hulkenberg vicino a me... ca**o se la Ferrari va forte, non ho alcuna attenuante. Devo vincere e basta, soprattutto con la Ferrari che è l'ambiente più ansioso del paddock. Correrebbe in maniera profondamente diversa, e con meno esperienza, potrebbe cadere in errore. Come normale che sia a quell'età. Parliamo di un rapporto che deve continuare per altri 1-2 anni, non 12.
  19. Ha commessi errori sotto pressione in una sfida che nè Alonso nè Hamilton avevano mai affrontato. La più difficile secondo me. Vincere con la Ferrari dopo tanti anni, contro il team più forte della storia della F1 che ha dominato l'era ibrida e Hamilton, tutto ciò non avendo globalmente la macchina migliore e alcuni fattori esterni che gli sono andati contro (gomme in quei 3 GP, pioggia nel momento sbagliato, strategie Ferrari spesso che gli hanno fatto perdere gare). Già nel 2017, con molta meno pressione perchè la Ferrari era assolutamente l'underdog, ha fatto una stagione praticamente perfetta. Insomma, non raccontiamoci la favola che Vettel ha buttato nel cesso un mondiale già vinto. Possiamo dire che non è stato bravo a portare la lotta fino in fondo e magari mettere pressione alla Mercedes, ma non di più. Col gap prestazionale che ha creato la Mercedes da Monza in poi, difficile fare più di tanto e spesso infatti Vettel si è trovato in situazioni da all or nothing. Che poi Vettel ha vinto da giovanissimo due mondiali all'ultimo GP, uno in cui dopo 4 curve sembrava spacciato in fondo al gruppo. Nel 2017 e nel 2018 spesso si è preso vittorie e punti importanti con sorpassi chirurgici nei momenti decisivi, una qualità che spero di rivedere il prossimo anno con una macchina da mondiale. Credo che senza una solidità mentale adeguata non vinci quei 4 titoli come li ha vinti lui. Hamilton è arrivato ad essere questo anche passando per delle sconfitte, anche lui commettendo errori in momenti in cui non doveva farli.
  20. L'anno scorso l'abbiamo massacrato Seb per l'errore in Germania, direi che almeno quest'anno la palma dell'errore più grossolano debbano prendersela Leclerc ed Hamilton per la gara buttata sempre in Germania, almeno per continuare la tradizione. L'errore brutto di Vettel non è la trottola ma il rientro in pista di Monza. Lì unico momento in cui anch'io ho pensato che non ci fosse più con la testa, ma fortunatamente, vedendo questo finale di stagione e la successiva vittoria a Singapore, questi dubbi sono spariti. Perchè alla fine l'errore non è così diverso dal testacoda di Verstappen in Australia, e ricordo pure in Germania forse, o il fuori pista di Hamilton in Austria che causa la sosta.
  21. Vabbè ma se uno è veloce è veloce, in pista non contano niente 4 titoli mondiali o primo anno in Ferrari. Non è che automaticamente se hai vinto 4 titoli allora hai il vantaggio di 1 decimo a giro. Anzi, più giovane sei e più col fisico riesci a dare prestazioni migliori, che l'altro colma con l'esperienza. Io sono contentissimo che Leclerc abbia da subito dimostrato di essere un potenziale fenomeno, spero che con una vettura da mondiale possa regalarci grosse soddisfazioni. E vedo anche un gran rapporto tra i due piloti, che giustamente vogliono dimostrare di essere all'altezza. Sana competitività, perchè poi come a Spa quando c'è da mettersi a disposizione dell'altro non ci sono problemi. Spero non sia un contattino da niente, che sfortunatamente ha prodotto una catastrofe, a rovinare questo rapporto. E sicuramente non sarà così. Perchè Seb è una persona intelligente, e Leclerc ha tutto da guadagnarci in una sana convivenza.
  22. "L'errore" in Canada lo considero come "l'errore" di Leclerc a Monza, due gare veramente simili con prestazioni fantastiche dei due piloti con due episodi decisivi valutati in maniera diversa da commissari diversi. Non ha tutti i torti Toto quando disse, dopo quello che successe in Canada a Seb, che se avessero penalizzato Leclerc a Monza serviva la scorta della polizia per uscire dal circuito. Comunque dai, vogliamo considerarlo come errore? Sono comunque pari. Perdere una posizione alla partenza non è un dramma, appurato che non si trattasse di falsa partenza. Quest'anno tante volte il poleman ha perso la posizione alla prima curva, cominciamo a considerarli tutti errori non finiamo più. Brasile non lo cito altrimenti torniamo indietro di 20 pagine... Come vedi io non mi attacco nemmeno ai presunti problemi della vettura di Vettel a Monza, eppure sarebbe molto comodo, specialmente dopo quello che è successo ad Austin.
×