Jump to content

Bigmeu

Premium
  • Content Count

    2,729
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    13

Everything posted by Bigmeu

  1. Il sud Italia può intercettare "solamente" il traffico marittimo proveniente dal canale di Suez e diretto in Europa, dove forse il trasporto su ferro/gomma per il continente è più veloce del mare. Per una nave che passa da Gibilterra, fare rotta per Genova o Gioia Tauro è praticamente indifferente, ma Genova ha la posizione a suo vantaggio.
  2. Ma anche se ci fossero tutti i collegamenti possibili, non penso che un'azienda che si basa sulla trasformazione di materie importate e sulla distrubuzione, stabilirà mai un impianto produttivo al sud a meno di condizioni notevolmente vantaggiose, o nel caso in cui il principale cliente sia proprio in zona. In linea d'aria da Torino a Salerno ci sono 750km (reali sono molti di più), se creiamo un cerchio di raggio 750km da Torino, non solo includi buona parte dell'Italia, ma anche il 90% della Francia, la Germania fino a Dortmund, il Belgio, metà Repubblica Ceca e tutta l'Austria. Per raggiungere gli stessi territori su terra dalla Campania, anche con tutte le infrastrutture possibili, devi raddoppiare il trasporto(in entrata e in uscita), che se non giustificato da condizioni particolari o nella reperibilità locale delle materie prime, è palesemente contro qualsiasi logica imprenditoriale. Il nord sarà sempre meglio collegato (via terra) al resto dell'Europa rispetto al sud, non c'è infrastruttura (teletrasporto a parte) che possa sopperire a questa situazione.
  3. Bigmeu

    Ferrari SF21

    Non vedo come la stessa squadra, con la stessa leadership, con praticamente la stessa vettura e se non erro con molto meno budget, possa rialzarsi da un anno all'altro. Il 2021 sarà un altro anno di passione vera, poi vedremo nel 2022. Penso che il campanello del WEC sia suonato molto forte in casa Liberty Media. Non dico che adesso si scaglieranno contro Mercedes, RB e Aston, ma io lo vedo come un primo passo nella direzione di una crescita più sul piano politico che sportivo.
  4. Bigmeu

    Ferrari SF21

    Che poi, avesse detto "puntiamo al titolo" tutti lo avrebbero preso per imbecille. È palese che con questa vettura non si può fare molto. Se arrivasse anche solo una vittoria sarà una stagione positiva.
  5. Probabilmente con un giallo meno fluo (tipo il giallo del logo RB) il risultato finale sarebbe stato migliore. Così sembra un'accozzaglia di grafiche non integrate tra loro.
  6. Bigmeu

    Ferrari SF21

    Non è illegale pubblicizzare birra/alcolici, mentre lo è pubblicizzare tabacco(almeno nel mondo occidentale). In tv è pieno di pubblicità di birra/amari e simili, il fatto che Heineken(che sponsorizza 1/3 dei Gp) e Estrella Galicia utilizzino il marchio analcolico è per una questione di apparenza/immagine e coerenza rispetto alla FIA che negli anni ha portato avanti la campagna "Fia Action for Road Safety". E anche perché in questo modo non devono rimuovere la sponsorizzazione nei paesi mediorientali. Per anni Johnnie Walker è stato sponsor McLaren e nessuno ha detto nulla. Se il Cosacons prepara un altro esposto Ferrari gli piscia in testa tappezzandogli la sede di adesivi Mission Winnow. Estrella Galicia è sponsor personale di Sainz già dai tempi della Toro Rosso, seguendolo in Renault prima e McLaren poi. Quindi il Codacons non può dire nulla, nemmeno che prima non aveva poteri dato che le precedenti scuderie sono straniere, visto che la storia di questa sponsorizzazione parte da Faenza.
  7. Bigmeu

    Ferrari SF21

    @Beyond prendo il tuo commento per ricollegarmi, ma poi il discorso vale in generale. Il problema non c'è, come non ci sarebbe con le sigarette onestamente. Il fatto che la birra sia analcolica è un tecnicismo, dato che alla fine tappezzano il circuito della scritta Heineken comunque. Philip Morris non è nemmeo autorizzata a usare un marchio di sua proprietà (marchio che non produce sigarette), mentre chi fa alcolici se ne esce pulito mettendo uno 0 e cambiando il colore dello sfondo da verde a blu. Il fulcro della faccenda non risiede nella F1 in se, la quale se ne fregherebbe abbastanza di chi sponsorizza cosa, ma che sia proibita la pubblicità di tabacco in molti stati (come lo è di alcolici nei paesi arabi, Martini spariva dalla Williams in quei GP), mentre in genrale non è proibito pubblicizzare birra e alcolici. Se gli stati decidono che il tabacco è più pericoloso dell'alcool e per questo non va sponsorizzato, non c'è molto che la F1 possa fare se non smettere di correre in quegli stati, ma non penso sia fattibile. Che poi l'alcool crea relativamente meno dipendenza del tabacco. È molto più probabile che uno che prova una sigaretta da un amico poi diventi fumatore, rispetto a uno che si beve una birra ad una festa diventi alcolista. Spesso chi diventa alcolista nasconde altre problematiche irrisolte, mentre un tabagista inizia per scherzo e senza accorgersene in un attimo si trova a comprare un pacchetto. Quindi diciamo che tra alcolici e tabacco, se bisogna scegliere chi pubblicizzare meglio i primi, soprattutto se insieme alla sponsorizzazione ci aggiungi una campagna di sensibilizzazione per evitare che la gente guidi dopo aver bevuto. Cosa che non si può fare con il tabacco.
  8. Bigmeu

    Ferrari SF21

    Mah, Philip Morris è con Ferrari dal 73, non penso che siano i risultati a spostare l'ago della bilancia. (Anche perché alla fine dal 2008 ad oggi si è fatto veramente schifo solo nel 2009, nel 2014 e nel 2020. In tutti gli altri anni bene o male si lottava per posizioni decenti, pur non avendo vinto nulla.) Penso che PM staccherà la spina perché non ha più senso investire per una sponsorizzazione che non ti porta nessuna visibilità. Penso abbiano fatto più pubblicità le cause contro Mission Winnow del Codacons o omologhi, rispetto a quella effettivamente prodotta da Mission Winnow. Il mondo è cambiato, il consumo di tabacco nei paesi sviluppati è in calo, se il trend continua dovranno sicuramente migliorare il tasso di conversione tra spese pubblicitarie e nuovi fumatori. E probabilmente stare in F1 non ha più molto senso.
  9. Come se la persona che lavora al CFD o al Cad, nei ritagli di tempo si dedicasse al marketing.
  10. Magari ci è rimasto talmente male per come sia finito il suo sogno, che sedersi dietro ad un volante con il cavallino gli provoca più sensazioni negative che positive. O molto semplicemente vende le macchine che usa meno/che gli costavano tanto di manutenzione, tasse e spese varie rispetto alle soddisfazioni che gli davano. Con LaFerrari ha percorso meno di 500km in 5 anni. Praticamente non l'ha mai usata se non per portarla a fare il tagliando. La macchina ha praticamente gli stessi Km che separano Maranello al canton Turgovia, l'ha guidata fino a casa e non l'ha mai più toccata. Lo stesso vale per la Enzo, che ha 1700km ma l'ha presa usata, quindi anche se li avesse percorsi tutti lui, sono nulla. Ipotizzando che uno esca per farci un giro, almeno 50km li fa. Facciamo anche 100. In un attimo hai fatto 1000km. Insomma a me sembra la solita polemica all'italiana, soprattutto perchè sta vendendo anche 2 Mercedes e una Bmw.
  11. Bigmeu

    Ferrari SF21

    Concordo sul fatto che cacciare Binotto al momento non migliorerebbe i risultati. Quello di cui la Ferrari ha bisogno è stabilità, cambiare ogni 2 anni il team principal non porta a nessun risultato. Wolff e Horner sono al loro posto da anni, nonostante spesso RB sia stata pure dietro a Ferrari. Quello che deve cambiare in Ferrari (e in italia) è la cultura dell'inquisizione. Al posto che lavorare per risolvere i problemi si lavora per trovare i responsabili e per cacciarli. Trovare e cacciare un colpevole non farà andare la macchina più veloce, anche perché si è visto negli anni come alcuni colpevoli incapaci sono andati alla concorrenza a dominare.
  12. Per quanto possiamo essere affezionati alle tradizioni, ormai tutto quello che viene trasmesso in diretta in tv/internet inizia a dipendere fortemente dal pubblico presente su quelle piattaforme. Mi pare ovvio che le prove libere non se le inculi quasi nessuno e probabilmente le qualifiche interessano sempre meno, vuoi perché la prevedibilità degli ultimi anni ne abbia ridotto l'appeal, vuoi perché cambiano gli interessi del pubblico, quando al contrario le gare, al netto della platea ridotta delle PayTv riscuotono più interesse nonostante il campionato già scritto. In qualsiasi settore, chi prende le decisioni, e deve dare un occhio al bilancio, cercherà di modificare o tagliare i prodotti che vengono venduti meno a favore di quelli venduti di più. La gente preferisce le gare e meno le qualifiche? Bene, diamogli gare di qualificazione. Sono scelte fatte in base a visioni economiche e non sportive. Alla fine, gli appassionati guarderanno comunque, non importa quale sia il formato.
  13. Se non erro Zack Brown disse che volendo avrebbero potuto trattenere Carlos, ma che data la sua onestà nelle trattative e soprattuto perché hanno riconosciuto che un interessamento Ferrari è un'occasione da non sprecare, hanno deciso di lasciarlo andare. Probabilmente quello + Ricciardo disponibile ad un trasferimento. Non ricordo se Ricciardo aveva trattato anche con Mclaren prima di passare in Renault, ma sicuramente 2 anni fa a Woking tirava un'aria pessima e nessun top driver avrebbe accettato di buon grado il trasferimento. Penso comunque alla fine sia tutto stato generato dall'allontanamento di Vettel, Mclaren l'anno scorso pareva soddisfatta dei piloti, i quali costavano poco, rendevano abbastanza bene e avevano creato un ambiente pressoché perfetto nel team.
  14. Concordo, SeBaldstian Vettel sarebbe più appropriato.
  15. Ma quanti capelli ha perso? https://youtu.be/kpTy81QuhPo
  16. Bigmeu

    Ferrari SF21

    Fuori dal circus non credo. Tra due anni molto probabilmente Alonso, Hamilton, Vettel, Raikkonen avranno un piede (o due) fuori dalla porta, senza escludere Bottas che pure lui non so dove possa finire dopo Mercedes. Insomma, ci sarà un bel valzer nei top team in futuro. Carlos è un 95, alla peggio si farà un anno a riposo. Ma non penso accadrà. soprattutto perché: 1) è molto probabile che salti Binotto prima della fine del contratto di Sainz. Se la macchina 2022 farà schifo, Mattia verrà al 99% sollevato dall'incarico. 2) Mick è un diesel, la prima stagione non è mai competitivo. Metà del pubblico che lo spinge verso la rossa manco ha mai visto una sua gara di F2 o F3 europea. Questi si aspettano di vedere il padre in pista. Cosa che probabilmente non avverrà, dopo metà stagione verrà già bollato come brocco e la spinta subirà una brusca frenata. In più il rinnovo/cacciata di Sainz dovrà avvenire circa a metà 2022 e Mick potrebbe non aver dimostrato abbastanza per meritarsi il sedile rosso. 3) Non è detto che Mick prenda il posto di Sainz, con una macchina di M, nel 2022 Leclerc potrebbe anche salutare tutti e cercare fortuna altrove.
  17. Secondo me invece è l'opposto. Mercedes vorrebbe un pluriennale per poter costruire su basi solide il 2022 e soprattutto non rischiare di trovarsi con 2 nuovi piloti su una vettura completamente nuova. Russel sarà anche una mezza garanzia, ma passare da Williams a prima guida di un team 8 volte campione del mondo in carica, espone ad una pressione mica da ridere e potrebbe giocare brutti scherzi. Lewis probabilmente vorrebbe un anno secco per avere le idee più chiare (e la possibilità di cambiare) con il cambio di regolamenti. O semplicemente per avere la certezza di chiudere imbattuto da 8 volte campione in carica. Hamilton sa bene che corre il rischio di trovarsi Russel come compagno nel 2022 e sa altrettanto bene che se per una qualsiasi ragione George gli dovesse finire davanti, in un secondo il valore dei 7 titoli e di tutti i record conquistati con Mercedes crollerebbe. Vettel è li ad insegnare. Da baby Schumi a "ha vinto perché era il più forte tra i due con la macchina migliore e aveva il supporto della squadra". Vale la pena rischiare? Oltre all'aspetto sportivo c'e anche l'aspetto tecnico. Vuoi mettere potersi permettere il lusso di alzare il telefono a metà settembre e chiamare Ferrari, Aston, Redbull, Alpine, Mclaren e chiedere "Secondo le vostre simulazioni, in quanto girate a Silverstone nel 2022?" Se tutti rispondono 1.25 e un team tira fuori un 1.19, anche al netto di eventuali errori, varrebbe la pena approfondire il discorso. (tranne nel caso Ferrari, la quale avrà sicuramente sbagliato le simulazioni)
  18. Per l'inserimento automatico si potrebbe sperimentare qualcosa tipo google Forms. Io l'ho usato solo una volta, ma come risultato ti fornisce una tabella excel che dovrebbe integrarsi con il tuo sistema delle classifiche. Non sono sicuro pero che: - si possa assegnare un valore ad ogni risposta (pilota) e controllare che le risposte per i vari gruppi non superino il totale stabilito. - ci sia un modo per verificare che ognuno invii una sola formazione/conteggi solo l'ultima valida
  19. Se Mercedes ha visto o prevede un calo nelle entrate, è plausibile che voglia ridurre i costi dove meno necessari. Soprattutto non puoi permetterti di rinnovare ad almeno 40 milioni un pilota, quando poi devi lasciare a casa migliaia di dipendenti. Russel ha dimostrato di essere veloce con quella macchina e con 4 milioni verrebbe di corsa, Verstappen, è l'unico altro pilota che prende cifre sopra i 20 milioni, ma per guidare una Mercedes penso scenderebbe volentieri sotto. Il coltello dalla parte del manico lo tiene Stoccarda. Ma non penso che il problema siano le cifre. Se veramente in Germania hanno messo un limite oltre al quale non sono intenzionati ad andare, Hamilton lo saprà benissimo, quindi saprà bene che se vuole correre ancora con Mercedes le cifre sono quelle. Probabilmente i problemi sono altri. Tipo che l'anno prossimo Bottas sarà a piedi e Lewis dovrà confrontarsi contro un pischello che messo nella sua macchina dalla sera alla mattina, non fa un hat trick per un soffio. Pole sfumata di un nulla e vittoria buttata al pit stop. Stai a vedere che quello che a fine anno sarà 8 volte campione del mondo non vuole rischiare di rovinare lo smalto dei suoi nuovi e scintillanti record? Mercedes probabilmente un contratto annuale non glielo vuole fare e non ha intenzione di tenere Bottas per altro tempo. Impasse mica da ridere. Voglio 60 milioni per 3 anni! No, massimo 20. Allora voglio il maggiordomo per tutto il tempo! No, Bottas saluta a fine 2021. Allora rinnovo per un solo anno e poi decido. Il contratto deve essere pluriennale. Allora voglio 60 milioni per 3 anni!... ...
  20. Bigmeu

    Ferrari SF21

    Finchè il comparto stradale andrà bene, non avranno mai interesse nell'avere un reparto corse vincente. Stanno capitalizzando adesso il periodo dei primi 2000. Con chi, al tempo giovane e squattrinato, ha sognato di possedere una Ferrari guardando Michael vincere e oggi può permettersi di realizzare quel sogno. Quando la generazione di quelli che hanno segnato di possedere una Rossa volgerà al termine allora saranno ca**i.
  21. No, non siamo dei complici perché in primis non eravamo con te e non abbiamo la certezza della tua affermazione e soprattutto perché l'uso personale non è reato. Se però spacciassi e noi, per qualsiasi ragione, accettiamo dei soldi da te di cui conosciamo la provenienza, si, questo farebbe di noi complici e anche riciclatori di denaro. Soprattutto se poi la polizia ti becca e noi diciamo "no, non ne sapevamo nulla". Se uno è a conoscenza di qualcosa, volendo può anche non fare la spia, ma se a domanda specifica risponde come se fosse estraneo, allora si, c'è complicità.
  22. A parte il già citato rischio d'impresa. La società si evolve e con essa cambiano domanda e offerta. Se sei un imprenditore o ti adatti al cambiamento o chiudi. Quando si passò dal cavallo all'automobile, i maniscalchi si saranno ritrovati senza più cavalli da ferrare. Alcuni si saranno pianti addosso, altri saranno diventati gommisti. Ovvio che non è così semplice, però alla fine va così. O ti reinventi o chiudi e vai a fare il dipendente. Che poi parli come se, finita sta situazione, tutta la popolazione smetterà di uscire di casa. Come detto ci sono una marea di lavori che non si possono fare da casa. Quelli continueranno ad uscire, a pranzare fuori, a bere il caffè al bar come è sempre stato. Non penso poi che in futuro le aziende faranno lavorare da casa 5 giorni a settimana. Sarà probabilmente bilanciato in 3 e 2 o 2 e 3. Quindi la domanda continuerà ad esserci, ma leggermente meno di prima.
  23. @effe non ha senso pensare che l'introduzione massiccia del lavoro da casa porti il datore di lavoro ad assumere in bangla paesi a metà del costo. Se io posso svolgere il mio lavoro da casa, al 90% è perchè il lavoro lo consente e soprattutto perché sono "solo" io persona specializzata/formata/illuminata a poter svolgere quel lavoro, non è quindi importante dove svolgo il lavoro, ma chi lo svolge. Se negli anni abbiamo assistito a fenomeni di delocalizzazione non è certo stato per colpa delle aziende di servizi, dove il fattore umano è ancora importante, ma si sono spostate aziende il cui fattore umano era nullo, in cui dipendenti erano e sono solamente chiamati ad azionare dei macchinari. Poi ovviamente non tutti i lavori si prestano al lavoro da casa. Durante la prima pandemia, mia madre, impiegata in una filiale bancaria, ha fatto 2 o 3 giorni di smart working a settimana. Lascio a te le conclusioni.... Converrai con me che, a meno di non riempire di soldi le case degli impiegati, uno sportello non può operare da casa. Io sono architetto e se le mie idee me le faccio venire in ufficio, a casa o in spiaggia alle Hawaii non frega niente a nessuno, basta che consegni i miei disegni per tempo. Se non consegno però il capo si incazza.
  24. Dal 23 Marzo 2020 giorni in ufficio: 1. Per quanto mi riguarda, facendo un lavoro creativo, avere l'ufficio a casa ha decisamente aumentato la mia produttività. L'idea arriva quando arriva e avere la possibilità di lavorarci in ogni momento è un gran vantaggio, così come non dover interrompere il lavoro ad un orario preciso perché il treno non aspetta. Non conosco i dati precisi sulla produttività, però ad ottobre 2021 dovremmo cambiare ufficio e al momento non è così remota la possibilità che finché i capi non trovano l'ufficio "perfetto", spostino i server da qualche parte e smaterializzino l'ufficio. Quindi penso che tanto male non non stia andando. Il discorso è: Sono/Siamo più produttivi perché lo smartworking effettivamente funziona o solo perchè siamo chiusi in casa a causa pandemia e non abbiamo accesso a svaghi/amici/ecc?
×