Jump to content

The Stig

Members
  • Content Count

    912
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Everything posted by The Stig

  1. Ho visto il GP solo perchè si è tornato a correre a Imola. Era già difficile passare 15 anni fa, e lo è ancora oggi, è inutile negarlo e già si sapeva. Ma, se non altro, a Imola gli errori si pagano: Bottas che esce alla Rivazza e perde tempo sulla ghiaia favorendo il sorpasso di Verstappen ad esempio... ma ve lo immaginate fosse successo sui vari tilkodromi dove ci sono parcheggi di supermercati come vie di fuga? Sarebbe uscito largo, avvertimento dei commissari e Verstappen sarebbe rimasto dietro. Lo stesso discorso va fatto per Russel, che perde il controllo e sbatte contro i muretti: fosse successo ad esempio in Bahrain sarebbe tornato bello tranquillo in pista perchè ci sono vie di fuga chilometriche in asfalto! E questi errori ci sono stati nonostante le gomme abbiano un'aderenza enorme all'asfalto, cosa che limita considerevolmente gli errori. Quindi la mia opinione, al di là delle difficoltà nei sorpassi, è che sia una pista che riesce ad essere, un minimo, selettiva, non a caso Kimi è arrivato a punti con un catorcio, al termine di una gara sontuosa. Non sto qui a dire che la superiorità Mercedes è imbarazzante e che è frutto di precise scelte politiche fatte dalla (ma)FIA, che non si fermerà fino a quando non avrà consegnato ad Hamilton l'8° titolo piloti di cartapesta. E non venitemi a dire che il dominio Ferrari era la stessa cosa: a parte la libertà di effettuare test su pista e la presenza all'epoca di due fornitori di gomme (e non un solo fornitore al soldo dei mafiosi di Stoccarda) dei cinque mondiali consecutivi del Kaiser, due furono aperti fino alla penultima (2000) e ultima (2003) gara, e la FIA già al terzo anno di dominio rosso, il 2002, tentò di cambiare i regolamenti per mischiare le carte, riuscendoci poi al secondo tentativo nel 2005. Stiamo parlando di un dominio rosso durato nei fatti soli 5 anni (di cui due neanche dominati, solo vinti alla fine), qui siamo al settimo campionato consecutivo dominato più o meno a spasso (2018 a parte) con la (ma)FIA che, invece di cercare di interromperlo, fa di tutto per azzoppare la concorrenza e farlo proseguire. Speriamo che il pagliaccio superi al più presto tutti i record, è forse l'unico modo per liberare la F1 da questo cancro in metastasi. Ah già, oggi la VSC su misura messa giusto quei 15 secondi in cui Hamilton era ai box è stato un altro bell'articolo da aggiungere alla collezione di pagliacciate della direzione gara negli ultimi anni. Che poi avrebbe vinto lo stesso, ma si sa mai... per sicurezza.
  2. Comunque è vergognoso dare 15 punti e 400.000 € di multa per aver copiato Mercedes. Solo con la gara di oggi ne hanno fatti 14, e 400.000 € glieli passerà sotto banco la Mercedes come ringraziamento per essersi presi la colpa. Che poi la devono raccontare a qualcun altro che lo hanno fatto da delle foto, non sono un ingegnere ma qua rasentiamo l'assurdo. Inoltre parliamo di un team che ha migliorato di circa 3 secondi i tempi rispetto alla scorsa stagione. E' solo per le prese d'aria? Stroll senior ha già ammesso che hanno comprato da Mercedes e ovviamente si punisce solo il compratore, nessuno tocchi Caino. Speriamo che sia la volta buona e che gli altri team facciano il casino. Il fatto che tu non ti fidi più è apprezzabile. Perchè lo fai solo ora. Io è dalla 1000km di Barcellona del 2013 che sostengo che FIA, Pirelli e Mercedes siano un'associazione a delinquere, e che siano anche un cancro per questo sport. Ma io si sa, sono malfidato.
  3. "Comunicato Pirelli: annunciato cambio delle gomme dal prossimo GP per motivi di sicurezza" in tre, due, uno...
  4. Gara spettacolare! Waaaaa stupendooooo, bellissimo!!! Sono riusciti a creare un mondiale peggiore del 2014 e del 2016. Saranno tutte doppiette dei mafiosi con quarti d'ora di vantaggio su tutti. Mercedes senza rivali, anche grazie alla (ma)FIA che ha azzoppato l'unica scuderia che poteva realmente concorrere. Però il DAS, solo per quest'anno e solo per i grigi, lo hanno giudicato regolare anche se non lo è visto che modifica l'aerodinamica. Naturalmente niente da ridire anche sul fatto che la Mercedes corre con 4 macchine, di cui due travestite da pantera rosa e due da calimero, per sviare i sospetti. Ma pur di far vincere 8 titoli al gangsta va bene tutto, anche rinviare le nuove regole e regalare un'altra stagione ai mafiosi di Stoccarda. Come ho detto la settimana scorsa: prima o poi questa pagliacciata finirà... e si potrà tornare a parlare di qualcosa che somigli a uno sport. Quando il gangsta raccomandato, Mercedes, Pirelli, commissari collusi, vertici FIA corrotti e altri vari ed eventuali colpevoli di questa situazione si leveranno dalle .... per la F1 sarà come guarire da un Cancro. p.s.: ma Binotto cosa aspetta a dimettersi?
  5. Più che altro, quando la Ferrari trova delle soluzioni per avere un vantaggio di prestazione, la (MA)FIA si appresta in tutta fretta a metterle al bando e dichiararle illegali, spesso dopo i pianti di Luigino e Toto. Poi lo fa la Mercedes, tramite un dispositivo che è palesemente irregolare come il DAS, e la (MA)FIA non solo lo dichiara regolare non si sa bene in base a quale principio regolamentare, ma lo dichiara già illegale a partire dal 2021! Non sia mai che alla concorrenza venga in mente di fare lo stesso. Che devo dire... prima o poi questa pagliacciata finirà.
  6. Praticamente mollano più di mezzo secondo ai bibitari e un secondo al resto della combriccola, di cosa stiamo parlando? Stai sereno, il mondiale ce l'ha già in saccoccia LH44, c'è un divario incolmabile con tutti. Oggi ci sono volute tre Safety Car, due mescole di differenza a favore di Albon e un incidente per far finire il piagnone giù dal podio. Domenica doppietta con LH44 davanti ad Ambrogio e tutto come prima.
  7. CI mancano alcuni pezzi orribili che non dovrebbero mancare: - il ricciolo di Shanghai (prima variante) che è un aborto - il curvone sempre di Shanghai che immette sul rettilineo lungo 8 chilometri - la parte nello stadio del Messico (suggestivo eh... ma mamma mia che pena!) - tutto il T3 di Austin (da dopo il classico rettilineo con tornante) che fa letteralmente vomitare Dimentico qualcosa?
  8. L'Hungaroring rimarrà in F1 fino alla fine dei tempi! Comunque almeno è un layout con le sue particolarità, che rimescola i valori in campo. Se dovessi scegliere 5/6 circuiti da silurare, sicuramente l'Hungaroring non sarebbe tra questi. Prima ci sono i vari Austin, Shanghai e compagnia bella.
  9. Intervengo per dire che il budget limitato può anche starci come concetto. Però ci deve essere messo dentro ogni aspetto: stipendi, sviluppo, materiali, ingaggi dei piloti. Solo così ci potrà essere un vero rimescolamento delle carte, o un parziale riavvicinamento delle scuderie che non si trovano nella top-3. E, naturalmente, andrebbe lasciato completamente libero lo sviluppo: se un team vuole spendere tutto per fare 47 evoluzioni del motore in un anno sono fatti suoi. Questi non hanno ancora capito che la Formula 1 non è una endurance, dove deve vincere chi fa i pezzi più resistenti! Deve essere uno sport principalmente di prestazione! Bisogna proprio andare nella direzione opposta, spingere i team (sempre all'interno del budget stabilito) a fare evoluzioni, inventare e rischiare... e forse si potrebbe tornare a vedere qualcosa di più avvincente e imprevedibile, con i valori in campo che cambiano e non sempre con le solite due vetture dei mafiosi di Stoccarda dare giri di pista a tutti. Il blocco della R&S, i gettoni limitati, il divieto di testare sono tra le cause principali del corteo funebre che in F1 va avanti, ormai, dal 2014. Io metterei il budget e il resto lo lascerei tutto libero. Poi va beh, andrebbe sistemato il regolamento tecnico (ma anche quello sportivo, con annessa messa alla porta dei commissari di gara che sono inadeguati al compito, è palese da anni) e andrebbe silurato il fornitore di pneumatici a favore di un altro (se lo si riesce a trovare)... Pirelli da quando è in F1 è stato un disastro su tutta la linea.
  10. The Stig

    Corona Circus

    La rimonta del piangina ad Hockenheim fu favorita dalla pioggia, dalle Safety Car e dal fatto che il fenomeno da baraccone non venne penalizzato per il taglione in ingresso in corsia box, e per la spinta alla macchina in qualy. In condizioni standard, sicuramente rimonterebbero ma almeno si vedrebbe un po' di azione. Ah già... e in gara 2 disabiliti il DRS, almeno i sorpassi se li devono sudare! Poi è ovvio che se c'è un team dominante c'è poco da fare lo stesso, non ci sono "sorprese" che tengano. Se Ferrari e Red Bull fossero un po' più vicine ai ladroni di Stoccarda invece sarebbe davvero molto, molto interessante.
  11. S A proposito di buttare fuori tutti... scusami, mi ero dimenticato dell'orgia di gruppo a Spa '98. Mascellone numero 1 indiscusso. Quanto l'ho odiato...
  12. The Stig

    Corona Circus

    La Formula 1 attuale dove, oltre ad essere scomparse le rotture meccaniche, ad essere generosi (nei confronti dei piloti) la macchina conta per circa il 95% e il pilota il 5%, non sarebbe possibile avere gare differenti. Se fai due gare sullo stesso circuito a distanza di un giorno, l'esito sarà sempre quello. Ad esempio Silverstone con i valori del 2019: due doppiette Mercedes senza storia, e così su molti altri circuiti. Capisco che vincere senza avversari sia l'hobby preferito di Luigino, ma spero davvero che non adottino questa soluzione. Per rimescolare le carte dovresti fare qualifica unica, invertendo "a specchio" le prime dieci posizioni di partenza di gara 2. Allora, forse, ci sarebbe un po' più di movimento, di spettacolo, e sarebbe più incerto. Se no tanto vale assegnare le vittorie a tavolino.
  13. Io giro poco in generale. I flag che ho messo sono Napoli e zone limitrofe, che ho visitato in una unica volta. Flaggate Bologna, Parma, Reggio Emilia e Modena visto che sono emiliano è inevitabile, e poi, Roma, Firenze, Milano. In realtà anche io avevo in programma di visitare un paio città quest'anno (ad es.Verona, Venezia, Pisa…), naturalmente mi son già messo l'animo in pace. Uno dei pochi posti dove sono stato, ma merita. Città veramente splendida.
  14. Vero, nel 1995. Ma poi ne ha fatte altre di cappelle più o meno grosse, solo che non riesco a ricordarmele tutte. Anche nel 1999 una discreta malora: ha sbattuto fuori Irvine in Canada, Hakkinen in Austria, ha ostacolato Schumacher in Giappone (era doppiato, ovviamente dopo che si era schiantato tutto da solo al curvone dopo il tornante).
  15. Indimenticabile. E riuscì a non qualificarsi (fuori dal 107%) nella pista più corta del mondiale. Poi va beh, Spa '98 dove si tuffa nel mucchio di vetture già incidentate è l'apoteosi dell'ignoranza sportiva. Che idolo.
  16. Quasi perfetta direi! A parte alcuni che non conosco. Alla pattuglia comunque manca Re Coulthard, uno che di sfasciare macchine ne sapeva parecchio, e Ricardo Rosset, quello che si tuffò nel mucchio a Spa '98. Mascellone non era di certo un fermo, come del resto non lo era Juan Pablo. Ma alla pari del Colombiano resta comunque uno sfasciacarrozze professionista, e tra le altre sue imprese ricordiamo: - L'entrata da macellaio su Wurz a Melbourne; - L'uscita di pista a Monza nel giro di ricognizione; - L'incidente in ingresso box ad Adelaide.
  17. Bottas è ampiamente secondo nel mondiale, alla faccia della vettura non dominante.
  18. Quella di oggi è stata davvero ridicola e pessima, e su questo siamo tutti d'accordo visto che l'ennesimo mondiale di cartapesta è già saldamente nella mani di mr.Treccine. Ma Bottas è profumatamente pagato per fare il servo di Hamilton. E tutto sommato a lui va bene così: è un pilota modesto, senza quel missile sotto il fondoschiena non vedrebbe pole, podi, gpv e vittorie nemmeno a piangere. Secondo me Lewgend pensava di averne di più con le gomme rosse e lo ha detto anche via radio ("sono buone" ha tradotto Genè), oppure pensava che Leclerc, Vettel e Verstappen avrebbero perso tempo nel traffico, salvo poi accorgersi di avere completamente sbagliato i calcoli (poi dopo la gara è facile dire "sapevo che dovevamo fare l'undercut"). In ogni caso con le gomme bianche la Mercedes inspiegabilmente non aveva il passo Ferrari, e si vedeva ogni qual volta la Safety Car usciva di scena: le rosse allungavano su tutti e Hamilton veniva seminato da Verstappen. Poi alla Safety Car successiva il distacco si azzerava, e quindi alla fine si è trovato ad attaccare Verstappen (che le aveva forzate all'inizio per raggiungere Leclerc nel traffico), altrimenti sarebbe arrivato molto più distante.
  19. "Astronave Ferrari" mi sembra eccessivo.
  20. L'hanno assunto per questo. Mi sembra chiaro che in caso contrario avrebbero preso Ocon, maggiordomo altamente efficiente e si è visto quando correva in Force India. Alla fine credo che ad Ambrogio vada bene così… pilota modesto che riesce a vincere qualche gara e fare qualche pole position grazie al missile terra-aria che guida, senza il quale tornerebbe nell'oblio che merita (meriterebbe).
  21. Vero, soprattutto nel sorpasso su Gasly (che si è difeso con DRS) si è vista tutta la voglia di riscatto, ma anche la grinta e la determinazione del Vettel 4 volte campione del mondo. Si è preso un rischio enorme pur di non perdere tempo e mettere distacco tra sé e Charles (distacco poi annullato dalle varie Safety Car). Poco da dire, per me oggi non ha rubato assolutamente nulla a nessuno.
  22. Sono pessimi e antisportivi. Lo sono sempre stati. Sempre lo saranno.
  23. Il mondiale è finito da tempo (se mai è iniziato). Comunque si, "poverata" è il termine giusto.
  24. Con le gomme bianche non ne aveva per stare lì, ogni volta che la SC usciva prendeva la paga dalle Ferrari. E' inspiegabile, ma è così.
  25. Una doppietta Ferrari qui non era nemmeno nei miei sogni più bagnati. Strategia di gara azzeccata, upgrade funzionanti, pit-stop perfetti, piloti che hanno corso alla grandissima (entrambi). Giù il cappello, una vittoria come questa va solo applaudita. Non importa l'ordine d'arrivo, fosse stato Leclerc davanti per me era lo stesso. Ciliegina sulla torta: nessuna Mercedes sul podio, pur essendo arrivate tutte e due al traguardo senza problemi (cosa che si vede raramente).
×