Jump to content

The Stig

Members
  • Content Count

    896
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Everything posted by The Stig

  1. Bottas è ampiamente secondo nel mondiale, alla faccia della vettura non dominante.
  2. Quella di oggi è stata davvero ridicola e pessima, e su questo siamo tutti d'accordo visto che l'ennesimo mondiale di cartapesta è già saldamente nella mani di mr.Treccine. Ma Bottas è profumatamente pagato per fare il servo di Hamilton. E tutto sommato a lui va bene così: è un pilota modesto, senza quel missile sotto il fondoschiena non vedrebbe pole, podi, gpv e vittorie nemmeno a piangere. Secondo me Lewgend pensava di averne di più con le gomme rosse e lo ha detto anche via radio ("sono buone" ha tradotto Genè), oppure pensava che Leclerc, Vettel e Verstappen avrebbero perso tempo nel traffico, salvo poi accorgersi di avere completamente sbagliato i calcoli (poi dopo la gara è facile dire "sapevo che dovevamo fare l'undercut"). In ogni caso con le gomme bianche la Mercedes inspiegabilmente non aveva il passo Ferrari, e si vedeva ogni qual volta la Safety Car usciva di scena: le rosse allungavano su tutti e Hamilton veniva seminato da Verstappen. Poi alla Safety Car successiva il distacco si azzerava, e quindi alla fine si è trovato ad attaccare Verstappen (che le aveva forzate all'inizio per raggiungere Leclerc nel traffico), altrimenti sarebbe arrivato molto più distante.
  3. "Astronave Ferrari" mi sembra eccessivo.
  4. L'hanno assunto per questo. Mi sembra chiaro che in caso contrario avrebbero preso Ocon, maggiordomo altamente efficiente e si è visto quando correva in Force India. Alla fine credo che ad Ambrogio vada bene così… pilota modesto che riesce a vincere qualche gara e fare qualche pole position grazie al missile terra-aria che guida, senza il quale tornerebbe nell'oblio che merita (meriterebbe).
  5. Vero, soprattutto nel sorpasso su Gasly (che si è difeso con DRS) si è vista tutta la voglia di riscatto, ma anche la grinta e la determinazione del Vettel 4 volte campione del mondo. Si è preso un rischio enorme pur di non perdere tempo e mettere distacco tra sé e Charles (distacco poi annullato dalle varie Safety Car). Poco da dire, per me oggi non ha rubato assolutamente nulla a nessuno.
  6. Sono pessimi e antisportivi. Lo sono sempre stati. Sempre lo saranno.
  7. Il mondiale è finito da tempo (se mai è iniziato). Comunque si, "poverata" è il termine giusto.
  8. Con le gomme bianche non ne aveva per stare lì, ogni volta che la SC usciva prendeva la paga dalle Ferrari. E' inspiegabile, ma è così.
  9. Una doppietta Ferrari qui non era nemmeno nei miei sogni più bagnati. Strategia di gara azzeccata, upgrade funzionanti, pit-stop perfetti, piloti che hanno corso alla grandissima (entrambi). Giù il cappello, una vittoria come questa va solo applaudita. Non importa l'ordine d'arrivo, fosse stato Leclerc davanti per me era lo stesso. Ciliegina sulla torta: nessuna Mercedes sul podio, pur essendo arrivate tutte e due al traguardo senza problemi (cosa che si vede raramente).
  10. Voleva vincere, pensava di vincere, e non avendo vinto ne è uscito un po' amareggiato. La reazione, per un ragazzo così giovane che è alla prima stagione su questi palcoscenici, e data l'adrenalina della pista, è comprensibile. Questo pilota ci darà soddisfazioni, vedrete. Charles ha la grinta e la fame del campione, la stessa che abbiamo visto nel Kaiser, in Fernando, in Seb e in Lewis.
  11. Un grande Seb oggi. Quando si è trovato davanti ha chiuso a gara con freddezza nonostante ben tre ripartenze da SC. Sulla strategia, è ovvio che lo hanno chiamato ai box per coprirsi da Verstappen e per forzare Luigino alla sosta per proteggere anche la prima posizione di Leclerc. Ne è venuta fuori una doppietta, se vuoi nell'ordine inverso a quello previsto, ma sempre doppietta.
  12. Hamilton dal punto di vista della guida non ha rubato niente nel 2008, ma anche Massa meritava quel titolo, ha corso molto bene quell'anno tenendo testa a un Raikkonen all'apice. Dal punto di vista sportivo, la McLaren doveva essere radiata dalla F1 per la Spy Story, e invece se l'è cavata con una multina e l'azzeramento dei punti del costruttori del 2007. Ragion per cui, il mondiale 2008 è indelebilmente macchiato da quei fatti sportivamente gravissimi.
  13. Secondo me non è una questione di professionalità, ma di motivazione. Dopo l'epilogo dell'anno scorso ha capito che non vincerà in rosso, tutto qui. Ma non lo sto giustificando o meno, fornisco solo una chiave di lettura alternativa alle solite che sentiamo. Non credo che sia diventato improvvisamente un brocco, come non lo era diventato nel 2014, semplicemente ha perso le motivazioni e forse pensa che il suo tempo in squadra sia finito. La gara del Canada dimostra che sa ancora il fatto suo eh... forse in quest'ultimo anno solare ha semplicemente esagerato a spingere oltre al limite per cercare di rimanere ancorato alle Mercedes, finendo per fare tanti errori di guida. Purtroppo a guidare sempre oltre al limite succede.
  14. Seb nel 2013 guidò molto bene, dominando alla fine la stagione, ma fu in grado di massimizzare anche nelle prime gare dell'anno, le uniche corse regolarmente, quando la Red Bull e soprattutto la Mercedes avevano grossi problemi di consumo gomme. Dico questo perché comunque a partire da Monaco in poi il campionato è stato falsato dalla 1000km di test dei e poi dal cambio delle mescole pro-Mercedes, che hanno indirettamente favorito Red Bull, danneggiando Lotus e Ferrari. Vettel è ancora oggi un gran pilota, lo hanno dimostrato alcune gare, semplicemente io ritengo che abbia un po' mollato perché quest'anno non si vince niente. Charles invece ha tutto l'interesse ad andare forte.
  15. Questo lo escludo. Hamilton smetterà nel momento in cui capirà di non poter più dominare a spasso grazie al missile che ha sotto il deretano. Il suo unico obiettivo è continuare a correre senza avversari e vincere facile. Quando questo non sarà più possibile lo saluteremo, e speriamo che si porti dietro quel cancro nominato Mercedes.
  16. Sono punti di vista. La F2000 era decisamente meno veloce della McLaren e lo dimostrano le prestazioni di Barrichello che era costantemente il 4° del lotto. Per quanto riguarda la F2003-GA, anche in questo caso Rubinho si è classificato quarto a fine anno, con Montoya e Raikkonen che hanno conteso il titolo al Kaiser fino alla fine. La differenza l'ha fatta lui, in entrambi i casi, e stiamo parlando di un'era geologica fa, dove il pilota con il suo "manico" ancora poteva sopperire alle carenze della vettura, cosa che oggi è impossibile. La McLaren del 2012 era comunque la seconda macchina del lotto dal punto di vista velocistico, ma fu comunque un campionato molto strano, dove di gara in gara (questo almeno fino a Monza) cambiavano un po' i valori in pista. Da Singapore in poi (ma Hamilton al momento di rompere il cambio in quella corsa era già indietro in classifica, va ricordato) i valori non cambiarono più, e questo determinò la vittoria della Red Bull.
  17. Certo, me lo ricordo bene ma con tutti gli autogol successivi della McLaren… e il Kaiser mica sarebbe arrivato 6° a Monza (con Salo 3°) e 7° al Nurburgring sotto l'acqua come ha fatto Valleverde Formula… e già solo questo sarebbe bastato per vincere.
  18. Non ci crede nessuno che Verstappen va in Ferrari, per quanto lui e Leclerc siano sicuramente il top di gamma. E' quasi sicuramente destinato ai grigi quando il Rapper deciderà di mollare.
  19. Il Kaiser non si tocca, nessuno dopo di lui si è avvicinato. Solo parlando degli anni in Ferrari (anche perché ho realmente poca memoria di quelli prima, per ragioni anagrafiche), nel 1996 ha vinto tre gare guidando un TIR con rimorchio, nel 1997 e nel 1998 si è giocato il titolo fino alla fine pur avendo a disposizione un mezzo ampiamente inferiore alla concorrenza (e lo dimostrano le prestazioni di Frentzen, Coulthard e Irvine in quegli anni). Nel 1999, con un mezzo inferiore, lo avrebbe vinto a mani basse se non si fosse fatto male. Nel 2000 e nel 2003 lo ha vinto con un mezzo inferiore. Stiamo parlando del Re, punto. Alonso, Hamilton e Vettel sono i piloti più forti che ho visto dopo di lui, ma nessuno ha mai eguagliato quelle imprese, nessuno di questi ha vinto il mondiale con un mezzo oggettivamente inferiore (Alonso ci è quasi riuscito col catorcio nel 2012). Poi, chiaramente, ogni stagione fa storia a se. Lo Schumacher post-2010 non era di certo quello dei sette titoli mondiali, così come il Kimi di oggi non può essere quello titolato del 2007. Seb, fino a Hockenheim del 2018, ha regalato ottime gare e colpi di classe. Da Monza 2018 in poi credo che abbia capito che non vincerà più il mondiale con la Ferrari e, sempre secondo me, ci ha un po' mollato, come nel 2014. Ora si può discutere se questo sia professionalmente accettabile o meno, ma Vettel resta sicuramente un campione. Il 95% del lavoro lo fanno i mezzi tecnici e lui dal 2014 non ha più avuto il mezzo necessario, tranne che per la stagione 2018, anche se ritengo che non avrebbe vinto ugualmente anche avesse dato il 100% fino alla fine.
  20. Speriamo si rimettano insieme e si lascino prima di ogni gara allora.
  21. Il marcio dal 2013 ad oggi è tutto Merceds/Pirelli/FIA. Se ci sarà del marcio più avanti lo verremo a commentare senza problemi. Detto questo non capisco cosa avrebbe da guadagnarci Hamilton a passare in Ferrari, dal momento che guida la macchina migliore, aiutata in tutti i modi dal gommista e dalla federazione, e pure quando non vince gli assegnano le vittorie a tavolino (Canada). Alla storia di "vincere con la Ferrari" ecc... non ci crede nessuno, a lui interessa solo vincere facile (se possibile senza avversari come è quasi sempre stato) e con tutto l'aiuto possibile dai piani alti. Del resto non gliene importa nulla.
  22. Hamilton non è incoerente, è semplicemente un bambino viziato. E' abituato ad essere la prima donna e che qualunque cosa egli chieda gli viene dato (e non da quest'anno). Quando non gli danno ciò che vuole, frigna. Come ha già detto qualcuno poi, la sua coerenza ha come presupposto che gli diano sempre ragione.
  23. Visti i loro metri di giudizio (ovvero interpretare le cose sempre e solo contro la Ferrari) questo è quasi certo, e hanno fatto bene per la loro incolumità, perché se gli davano penalità, il pubblico faceva invasione di pista e andava a prendere a schiaffoni i commissari. Giusto non penalizzare, anche dal taglio di chicane non ha guadagnato nulla. Ha vinto regolarmente, senza aiuti… non come quell'altro che anche ieri pretendeva che penalizzassero quello davanti solo perché non era riuscito a superarlo in pista.
  24. Questa è la F1. Gare equilibrate, incerte, ricche di tensione e con un colpo di scena dietro l'angolo. Sono stato 53 giri incollato alla TV, con una tensione addosso incredibile, e alla fine ho scaricato tutta questa tensione, liberando la gioia con le lacrime agli occhi. Queste erano le emozioni che mi dava il Kaiser vent'anni fa. Grazie Charles, sei riuscito a farmele provare di nuovo con una gara magistrale, DA FENOMENO! Con la pressione di correre a Monza con la Ferrari, consapevole che è l'ultima pista favorevole, da solo contro le due Mercedes e con il pulsante della lamentela alla FIA sempre premuto dai grigi. Una grande giornata di sport e di motori in mezzo al mare di schifo che c'è stato quest'anno! Grazie ancora Charles!
×