Jump to content

Titus Melville

Inactive
  • Content Count

    18
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Matricola

About Titus Melville

  • Rank
    Nuovo Arrivato

Preferiti

  • Team Preferito
    Hesketh
  • Circuito preferito
    Cadwell park

Info Profilo

  • Professione
    pensionato
  1. Herbert Stutz era un talentuoso motociclista teutonico che con la sua Honda spesso partecipava a competizioni britanniche. Personaggio simpaticissimo, un giorno sulla griglia a Snetterton ebbe a dire col suo accento renano "Ach, bastardi inglesi, se fostra RAF non afesse fermato nostri afiatori, qvesto sarebbe stata qvarta profa del Campionato Tel Reich!"
  2. Rimembro una grossa zuffa tra David Morgan e James Hunt a Crystal Palace, suppongo fosse nel 1969, in una delle ultime edizioni tenutesi nel parco della manche di Formula tre Inglese. Morgan arrischi? un focoso sorpasso all'interno dell'ultima curva, Hunt strinse la traiettoria e entrambi terminarono la loro giornata attaccati alle rispettive tute.
  3. Rimembro che svariati anni orsono, ritengo possibile la datazione di questo aneddoto nei primi anni Novanta, fui inviato a seguire la gara di F3000 a Pergusa e le prove del venerd? vennero annullate. In parte per l'improvviso nubifragio che si scaten?, in parte per l'inopinata invasione di pista di un centinaio di rane (!) che si erano ammassate in gran numero all'ultima chicane. TMoL
  4. Gentiluomini, L'appellativo completo è "John Colom Crichton-Stuart, Earl of Dumfries and 7th Marquess of Bute". Incidentalmente, è discendente di Re William IV. Nutro un enorme rispetto per questo conduttore, figura dall'ampia caratura umana e di eccellente lignaggio, certamente eredità del padre, personaggio schivo ma di grande eloquenza e generosità. Eccessivamente criticato da una frangia di detrattori e critici, in realtà non approfittò minimamente delle proprie considerevoli proprietà per accedere in Formula Uno, infatti nei primi anni Ottanta vinse un campionato di Formula Tre Britannica, nei suoi anni gloriosi di guerre col coltello tra i denti su piste difficilissime e altamente pericolose (Cadwell Park, Oulton, Thruxton...) stava per ripetersi anche sul Continente, ma mancò il titolo per poco, l'anno seguente, giungendo comunque secondo. In Formula Uno pagò ovviamente il confronto con Senna, e la scarsa conoscenza con i tracciati (a Brands Hatch e a Budapest assommò discrete figure). Nel Campionato Mondiale Prototipi corse con TWR Jaguar e Toyota, affermandosi con il primo marchio alla 24 Ore Di Le Mans, ove gareggiò inanellando giri piuttosto regolari. Oggi il Conte si diletta nella sua grande passione, la pittura, hobby già praticato da vari piloti del passato - il pilota e pittore surrealista americano Sam Posey su tutti-. In occasione del Goodwood Festival Of Speed alcuni anni fa, ho avuto l'occasione di ammirare alcune delle sue opere, che presentano un tratto piuttosto personale. Poco prima, quello stesso dì, Dumfries aveva danneggiato la sua TWR Jaguar contro una balla di paglia nel tracciato della rievocazione storica. Tra un drink e l'altro, scambiava volentieri parole con chiunque lo avvicinasse. Ah, avrei voluto tanto non chiedere il prezzo dei suoi quadri esposti !... Cordialmente, TMoL
  5. Eccellente discussione! Appena avr? a disposizione maggiore tempo, avr? di che contribuire. Tuttavia, nel profondo sento una lieve colpa per avere illustrato a Mongo il significato della parola "raccapricciante".. Con tutta probabilit?, trascorrer? buona parte della sua vita futura a pronunciare questo vocabolo... Comunque lodevole, lodevole Mongo! Un singolare intercalare il vostro... provenite per caso da terre ispaniche?
  6. L'idea mi aggrada, lascio a lei l'onore di aprire tale discussione! TMoL
  7. John Watson purtroppo durante la sua carriera non suscit? mai in patria l'interesse generato da conduttori come Hunt, e non avvicin? neppure lontanamente il sostegno nazionalistico che avrebbe provocato Mansell. Per la BBC era sempre troppo poco inglese, e l'aver speso buona parte della sua giovinezza a competere nei campionati nordirlandesi su piste del calibro di Bishopcourt o Kirkistown (!) probabilmente non lo aiut? in campo giornalistico. Era un pilota piuttosto simile a Carlos Reutemann, spesso dominava una gara, magari con notevoli rimonte, per poi sparire completamente la settimana seguente, trovandosi a lottare contro le Theodore sul finire dello schieramento. Lo stimo assai, specie per il suo interesse per la storia di questo sport, cosa altrimenti piuttosto rara negli ex piloti. Si tratta di una persona forse un poco tendente a parlare, e successivamente a pensare, ma mi ? sempre apparito un uomo di genuino e sincero animo.
  8. Un enorme talento, la cui triste scomparsa mi colp? profondamente. Ne seguivo le gesta sin da quando correva in F2 con la squadra Maurer. In F2 mai dimenticher? un suo pauroso testacoda in prova, in piena accelerazione sul bagnato fuori da Allard Bend, la prima curva di Thruxton - purtroppo non riesco a collocare bene questo aneddoto, sono incerto tra 1982 o 1983 - Non appena sceso dall'abitacolo si rivolse ad un commissario di pista indicando la curva successiva, ove si scorgeva a malapena del fumo bianco - un altro concorrente aveva avuto un piccolo incidente, purtroppo non rimembro chi egli fosse. Dio sa come fosse stato in grado Bellof di vederlo in quella nebbia... tuttavia il commissario si incammin? con altri verso il luogo dell'incidente e Bellof spinse da solo la vettura fuori traiettoria... ricordo che mi diede l'impressione di un giovane volenteroso e scarsamente snob. Non ricordo se scattai alcune foto quel giorno, tuttavia ? piuttosto probabile che nei d? venturi possa fornirvi qualche scatto di quella gara. Cordialmente, TMoL
  9. No, non ne possiedo alcuna, trovo il loro aspetto raccapricciante. Senza rancore, TmoL
  10. Ah! costei mi ricorda una signora, incidentalmente del medesimo ambiente. Alcuni decenni orsono ebbi il rimarchevole privilegio di montare la suddetta, una brunetta non priva di charme, allora nei suoi anni più floridi. bei tempi . . . Mi sto interrogando se per caso non sia parente
  11. Essendo le designazioni dei commissari di pista uno degli argomenti di conversazione pi? salienti di questo campionato, in assenza di questioni pi? tecnicamente rilevanti, mi permetto di caldeggiare la candidatura di Bertrand Gachot, che essendo belga potrebbe avere una storica occasione di rivalsa nei confronti di un tal pilota che del di lui arresto seppe cos? abilmente trarre profitto. TMoL
  12. Promette bene Joylon Palmer, figlio del Dottor Palmer ex Tyrrell. Se sapr? maturare una propria personalit?, diventer? un ottimo conduttore. E' presto detto, tuttavia, che per maturare una propria coscienza il correre in un campionato organizzato dal padre non ? il massimo. Tra l'altro il Dottor Palmer potrebbe agilmente contribuire alla carriera dell'erede, considerando il fatto che detiene una valigia dalle ragguardevoli dimensioni, possedendo vari circuiti britannici pi? altre oscure attivit
  13. In effetti non ? un idea tanto balzana quanto potrebbe apparire. La pista scozzese di Knockhill ? autorizzata da anni dalla BRDC per correre in entrambi i sensi, per quanto non contemporaneamente, evidentemente. Anche nella pista australiana di Oran Park, che tristemente al giorno d'oggi riposa sotto una coltre d'asfalto in un parcheggio, alcune gare negli anni Ottanta furono disputate in senso contrario, ovverosia orario. Brands Hatch era usata in origine nel senso contrario da un club di motociclisti e ciclisti che avevano sede al Portobello Inn, vicino a quel tracciato. In Nuova Zelanda Pukekohe venne utilizzata per qualche tempo in senso di marcia inverso, tuttavia dopo poco il buon senso prevalse e si torn? alla originale configurazione, anche perch? in quella che era diventata la prima curva l'unica via di fuga era rappresentata da un gregge di pecore . . . Pure a Mallory Park, un circuitino grazioso assai e purtroppo misconosciuto nell'Inghilterra del nord-ovest, si tengono gare in senso diverso. Chicca finale, la pista australiana di Lakeside, defunta e ora in via di ristrutturazione, fu progettata per essere percorsa in senso antiorario, ma durante il primo trackday i piloti si accorsero che la sicurezza, ah!, costituiva un problema... cos? la leggenda di gare turismo Tom Walkinshaw (futuro intrallazzone Arrows), munito di ruspa e brandendo un badile, esegu? personalmente i lavori necessari per il cambio di senso. Quando si dice sporcarsi le mani . . . TMoL
  14. Spero vivamente che il minuto di silenzio osservato prima del calcio d'inizio fosse in memoria del defunto attore "Ferribotte" e non di qualche uomo politico avvezzo a ladrocini e nefandezze varie. TMoL
×