Jump to content

ilguappo

Inactive
  • Content Count

    110
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Everything posted by ilguappo

  1. Invece è esattamente lo stesso. Fattelo prestare per un paio di giri quel kart anziché guardare da fuori e ti sarà tutto più chiaro.
  2. Beh, cominciamo con il sottolineare la cosa più importante in questo caso: è a trazione integrale. La faccenda vale più lei da sola che il telaio in carbonio o la benzina protonica... perché risolve il problema n.1 dello zerocento, cioè i pattinamenti iniziali che, come ampiamente scritto in questo stesso thread, sono quelli che incidono sul dato. La differenza fondamentale sta nel fatto che dopo i cento ( che appunto per i problemi che lo caratterizzano è alla fin fine il dato meno interessante) la F.1 prosegue con immutata gioia di vivere verso i duecento e i trecento, mentre la Fiesta si "pianta" molto molto prima.
  3. Beh, considerando i motorini asfittici attuali e il carico di benzina che hanno ora al via, ancora si difendono...
  4. Ho sempre avuto una particolare predilezione per Adelaide '92, nonostante il fatto ( o forse a causa di ci?) che non sia pi? riuscito a rivederla. Mansell aveva vinto il suo mondiale in carrozza con la super Williams-Renault, mietendo record di ogni tipo, Senna aveva portato a casa "solo" tre vittorie con la McLaren-Honda v12, subendo spesso distacchi pesanti sia in prova ch in gara. Al via di quel G.p. d'Australia il Leone era scattato al comando imprimendo un ritmo insostenibile per tutto il gruppo, come era nelle aspettative generali e come era stato per tutto l'anno, tranne che per uno: Senna appunto, che incredibilmente rimaneva incollato all'inglese nonostante quello tirasse al limite. Ricordo giri e giri al limite uno nella scia dell'altro a battere record sul giro a raffica in uno sfoggio di competizione pura, senza calcoli di sorta, all'arma bianca. Mi pare ci furono due o tre sorpassi finch? finirono fuori entrambi (Senna tampon? Mansell alla frenata del tornantino che immetteva sul traguardo) dopo aver mollato il terzo a mezzo minuto... A 'sto punto chiedo: qualcuno conserva il gp in questione? Magari ? la volta che me lo rivedo...
  5. ilguappo

    nuovo lutto nei rally

    Tralasciando le risibili argomentazioni sul fatto che i "non campioni" non dovrebbero guidare auto difficili ( e quindi, per sillogismo, sostenere che i professionisti non possano farsi male in quanto tali...) leggo curiose novit? da parte della stampa su questa faccenda, battute dall'Ansa col c*lo, come sempre, perch? non si capisce niente. Ebbene, pare che dei testimoni sostengano che la Peugeot avesse gi? sbattuto tecento metri prima, andando anche in testa coda. Poi che sia ripartita ed abbia sbattuto nuovamente, stavolta nel famigerato muro, arrestandosi per? sul ciglio... senza quindi finire nella buca e soprattutto senza fiamme. Non ? chiaro quindi come abbia fatto a finire gi? e perch? nessun equipaggio di quelli che sopraggiungevano si sia fermato a prestare soccorso visto, che l'auto era visibilissima. Boh, chi ci capisce qualcosa ? bravo.
  6. Le hanno infilato dentro anche uno che sar? venti centimetri pi? alto di Jaquot... la testa oltre il roll bar stravolge tutte le proporzioni originali. Poi, gi? che c'erano, non potevano reperire una manciata di Bell Star originali su Ebay, che ce n'? a carrettate, anzich? utilizzare la riedizione fatta dalla casa ultimamente? E la Tuta di Lauda? La sua Maxessoires aveva le cuciture curvilinee, non rettilinee... (lo trascinano via in preda al delirio filologico...)
  7. ilguappo

    MotoGP 2012

    Per? ha il casco in testa bene allacciato e la luce accesa, SEMPRE!
  8. ilguappo

    MotoGP 2012

    Anche a me ha impressionato quella grafica. Ammesso che sia davvero fedele ai movimenti delle farfalle, Lorenzo spalancava completamente (intendo proprio "senza parzializzare" come l'altro davanti a lui) molto prima e molto pi? repentinamente di Pedrosa, nonostante questo abbia uno stile peculiare col quale raddrizza la moto a fionda appena oltre la corda riaprendo il gas in anticipo.
  9. Probabile che la memoria ormai mi faccia difetto, per? mi sembra che il team Italia venne dirottato sulla gestione del programma rallye della casa del leone per scelta strategica del management transalpino. Infatti l'ufficio sportivo diretto da Popi Amati ed Alba Zucca torn? alla sola gestione della Coppa Peugeot e dei suoi iscritti sul campo di gara per quanto riguarda la pista, dal '97. Il team che gestiva le 405 ufficiali era infatti Peugeot Italia con l'appoggio tecnico sull'Italtecnica di Cavagnero, impossibile quindi che potesse passare a gestire altri marchi. Tra l'altro la decisione non fu poi tanto indolore, perch? fino a met? stagione '96 qualcuno ambiva all'affidamento delle nuove 406 e spingeva per affiancare la filiale italiana nella gestione in pista,ma rimase per motivi poco "eleganti" diciamo, con il classico pugno di mosche in mano.
  10. ilguappo

    MotoGP 2012

    Mi riallaccio all'ultima affermazione: vera, verissima ma con distinguo importanti da fare. Di fatto Ducati ha imbroccato due sole Desmosedici dal debutto in Motogp, quella di Capirossi nella stagione dello strike di Gibernau e la 800 mondiale del 2007. Stoner ? senza dubbio un mostro di velocit?, ma anche lui ? andato in calando quanto a vittorie, quindi la moto uno scadimento prestazionale stagione dopo stagione l'ha avuto. Ricordo che nel 2010 Rossi, con quattro gare in meno, la spalla dolorante ed una frattura scomposta ha vinto un solo Gp meno di stoner e gli ? arrivato davanti in campionato.Che poi lui sul ducati non vada manco a spingerlo non toglie che anche Stoner, fosse rimasto dov'era avrebbe avuto le sue belle difficolt? a continuare a vincere, nonostante sia il pi? rapido.
  11. ilguappo

    MotoGP 2012

    Problemi ad accasarsi Rossi non ne avr? per conto mio. E' ancora l'unico, anche dopo questa striscia tragica di risultati a spostare i soldi nel motociclismo. Nel bene o nel male, primo od ultimo ? l'unico "personaggio" spendibile a livello promozionale per il movimento e, stante la situazione comatosa, la Dorna ha tutto l'interesse che ritrovi una sella pi? competitiva. Per quanto riguarda la faccenda Simoncelli, pu? essere non siano stati cos? amici, non posso saperlo, ma io, che rimango scosso se tiro sotto un cane per la strada, mi sentirei maluccio se lo facessi con una persona,anche sconosciuta. Andava gi? piano prima, la faccenda non ? che aiuti a risalire la china, mi pare.
  12. ilguappo

    MotoGP 2012

    Le sorprendenti dichiarazioni di Rossi al termine del Gp sono di fatto in linea con quanto accaduto dopo il secondo test a Sepang.E' chiaro che ? in quel momento che il rapporto si ? definitivamente incrinato, quando il pesarese disse testuale " di smetterla di cercare soluzioni rivoluzionarie perch? con quel metodo a Sepang avevano fatto cagare". Mai prima in tutta la stagione scorsa, aveva osato attaccare cos? apertamente Preziosi, rifugiandosi regolarmente nel classico: "dobbiamo ancora lavorare". Probabile anche che dopo aver provato la moto nuova e capito che non andava nemmeno questa si sia definitivamente scaricato, infatti in tutto il week end in Qatar si vedeva lontano un miglio che faceva giusto il compitino, senza grinta. Tenendo conto che viene profumatamente pagato per? sarebbe pi? elegante sfilarsi dal contratto rinunciando al compenso da qui a novembre piuttosto che girare in tondo senza nessuna possibilit? di essere competitivo. Semprech? lo choc dell'investimento dell'amico non l'abbia invece azzerato definitivamente ( e in questo caso, lo capirei perfettamente).
  13. Me l'ero dimenticata, la tranvata con lo Sport prototipo! Merzario si ripresent? il giorno dopo nel paddock rigido come uno stoccafisso con un collare esagerato. Muoveva solo gli occhi.Clay invece bello tranquillo sulla barchetta..
  14. Avevo gi? visto questa sequenza e non ho mai capito come diavolo ha fatto la sua testa a passare sotto il rail...
  15. Guarda che Biaggi dopo barcellona NON avevava perso niente, perch? la notizia della cancellazione dell'ultimo Gp sarebbe arrivata dopo la penultima gara, quindi in quel momento c'eranoa ancora un bel 75punti a disposizione per Biaggi e nessun motivo per non impegnarsi. Mi ripeto, grandissima stagione di debutto del romano, ma il titolo lo perse per l'incostanza di risultati, perch? i Checa, i Criville e i Crafar, nonostante si presume fossero pi? "scarsi" di lui, gli tolsero un bel po' di punti arrivandogli spesso davanti, prima ancora che Doohan. Discorso Rossi: nella prima fase della carriera ha battuto tutti perch? era il pi? forte, nella seconda, coi lorenzo, stoner, Pedrosa ha vinto meno, ha preso ceffoni ma, ricordo, tanti ne ha dati anche agli ultimi fuoriclasse ( i mondiali 2008 e 2009 li ha vinti battendo chi scusate?). Non ci sta che dopo nove titoli chiuda un po' prima il gas di gente che ha sette otto anni in meno di corse e successi sulle spalle e la stessa manetta? Ci sta. ci sta.
  16. Non solo non lo baston? come s'? detto, ma nemmeno gli rimase davanti in classifica fino allo sciagurato Gp a Barcellona! Biaggi, dopo lo straordinario debutto vittorioso, rest? in testa al campionato a colpi di piazzamenti fino alla quinta gara, in Francia,dove pass? in testa Doohan e poi riprese il comando per altre due gare per poi riperderlo a Donington (dove vinse addirittura il carneade Crafar,pensa te...)e restare dietro anche in Germania. fatto sta che mentre lui arrivava, pi? o meno davanti, l'altro volava in terra e quindi alla fatidica Barcellona c'erano solo SEI punti a separarli. Se anche avesse vinto Max e Doohan fosse arrivato terzo (ma magari avrebbe passato Barros e sarebbe stato secondo)sarebbero ripartiti da l? con 17 punti di distanza alla peggio per Doohan oppure 11, non sarebbe bastato comunque, perch? le ultime due gare le vinse entrambe l'australiano e in carrozza, con Max 8? e poi 5?. Di fatto il titolo Biaggi non ? che lo perse da Doohan ma dai Crafar, dai Checa e dai Criville che molto spesso gli finirono davanti.
  17. Dovrei scendere a frugare in cantina e non ? che la cosa mi entusiasmi.. Se trovo qualche libro in casa del Supert/CIVT posso cercare qualcosa da scansionare. Non garantisco.
  18. Esagerato! Comunque no, non salgo su un'auto da corsa da pi? di dieci anni: ? la mia vita precedente diciamo
  19. No, no, un attimo.. non voglio far passare il messaggio che allora era tutto facile, eh? Non lo ? mai stato n? nei novanta n? prima, l'automobilismo costa e tanto a tutti i livelli,anche l'"entry level", come dicevate, ? roba per pochi: nessuno regala nulla e l'idea che il talentuoso senza soldi venga notato e portato in alto pura fantasia. Ci? che per? dico a favore del fu CIVT ? che era strutturato in modo da favorire al massimo l'ingresso attraverso i premi che venivano elargiti, sotto forma di denaro e materiale tecnico. Resta evidente per? che ai premi aspiravano qualcosa come 35/40 piloti per ognuna delle sette classi del Turismo, derivandone gare tremendamente competitive e tirate dal primo all'ultimo metro. Faccio un esempio pratico, terra terra, cos? ci capiamo e diamo magari qualche spallata ai "si dice" che inevitabilmente circolano tra chi non ha avuto la fortuna di entrare direttamente nel meccanismo, tanto siamo tra appassionati in un forum ed ? il posto giusto. Io nel '93 avevo 23 anni e andavo all'Universit?, quindi zero soldi.Volendo fortissimamente scendere in pista dopo aver fatto karting per qualche anno avevo scientificamente vagliato le opportunit? sulla piazza e quindi no ruote coperte, a meno di correre con la F.Panda (che andava benone ma girava solo a Monza),perch? fuori budget e no Coppa Renault perch? seppur anch'essa competitiva e ricca di premi era fine a se stessa, diciamo, mentre il Civt aveva al suo vertice il SuperTurismo che era una figata (per me, ma direi anche per altri...)e c'era la speranza di potervi accedere in qualche modo (forse l'illusione ). Orbene, l'analisi successiva capir con cosa correre e in che classe. Nell'anno '93 la scelta migliore fu la classe minore e purtroppo anche la pi? incazzata del CIVT, l'N7, che vedeva al via una media di quaranta macchine per gara. Il perch? ? ovvio, auto pi? piccole e quindi "economiche" all'acquisto, preparazione pi? leggera (ma questo non era vero...anzi), minori costi di gestione lungo il campionato, equivalenza di prestazioni. L? c'era da operare un'ulteriore scelta, perch? in pista c'erano le ultime Peugeot 205 Rallye, le nuovissime 106 xsi, le Metro, le Ax Gt. Detto fatto, l'unica ad avere un montepremi interno, che cos? si poteva sommare a quello dell'Italiano e che per sopramercato aveva la squadra ufficiale nel SuperT era Peugeot, che all'epoca schierava Piedone e Ayles ed aveva una specie di "junior team" con Amato Ferrari. Faccio presente che il '93 fu anche l'anno dell'adozione del "magico" regolamento D2, che ha fatto la fortuna della categoria. Scoperto che la Filiale Peugeot con relativo ufficio sportivo stava ad un tre chilometri da casa mia, mi ero fiondato l? un pomeriggio a cheidere informazioni e ne ero uscito, dopo aver rimbambito Amati (l'ex naviga di Zanussi sulla 205 t16)che ne era il responsabile, per scendere nel salone a prenotare una fiammante xsi che, per uso agonistico ed iscrizione alla Coppa Peugeot, godeva anche di un bello sconto che non faceva male. Rate a profusione caricate sulle spalle di pap? (Dio, se c'?, l'abbia in gloria)e l'indirizzo di un preparatore comasco dal quale portai la vettura a zero chilometri per un lavoro che di "Gruppo N" aveva pochissimo, perch? i soldi erano contati, se ben ricordo il gruzzolo per l'operazione era contenuto in venti milioni furoi le rate mensili per l'auto. Per arrotondare m'ero rivenduto tutto ci? che la preparazione scartava, cio? interni completi, cerchi, scarico ed altri ammennicoli. Cos? messo, dopo un test a Monza nel quale avevo pensato bene di mettermi in testa la macchina in prima variante ( riparata da un carrozziere amico di famiglia per una bottiglia di vino ed un prosciutto)ero sceso in pistra per la prima prova di campionato proprio a Monza. Se avessi mancato i"soldi" per due o tre gare consecutive il sogno sarebbe finito l?, invece fui settimo e beccai l'ultimo dei premi d'arrivo che girai istantaneamente al preparatore, e da l? andai avanti con quel metodo "rude" ma formativo. A fine stagione fui la prima 106 in classifica e spedito a disputare la Top Cup al Motorshow opposto a tutti gli specialisti di salite, rally della casa, incamerando altri benefit. Questi soldini mi permisero di proseguire ed arrivare un paio d'anni dopo a sedermi sulla 405 mi16 semiufficiale grazie all'iniziativa portata avanti da Autosprint e Peugeot che ci mettevano i soldi. Insomma ci voleva c*lo, molta pianificazione (che non molti facevano), COMUNQUE SOLDI in partenza, il vecchio caro piede destro e, soprattutto determinazione a vagonate, perch? lo scoramento era sempre alla porta. Il dramma ? che oggi tutto ci? non credo sia sufficiente, la voce soldi da predominante ? diventata assoluta e cancella anche le altre caratteristiche che ho scritto, questo s?, forse, ? il vero cambiamento.
  20. Scusa Lykos, vedo che sei un fan di Giovanardi, gi? che ci sono ti racconto un "nanetto" divertente su di loro. Uso il plurale perch? nel '95 il fratello minore di Fabrizio correva il CIVT con la 106 Classe N7 del team SEM Auto, ed io ero compagno suo. Bon, lui (cazz, quanto tempo, non mi ricordo pi? il nome...)correva con materiale giratogli da Fabrizio (tute, caschi, ecc) quindi a vederlo nell'abitacolo pareva il "solito"Giovanardi, anche perch? la tuta era quella ufficiale bianca con la fascia azzurra Peugeot e non quella biancogrigia della Coppa che vestivano gli altri ( e Popi Amati dell'ufficio sportivo della Casa,chiudeva un occhio perch? la cosa era passibile di squalifica dagli eventuali premi arrivo). Dunque, siamo ad Imola, incolonnati in pit lane per entrare a afre le libere e il Giovanardino ? davanti a me quando, con aria via via pi? sorpresa, arriva Di Pillo, lo speaker ufficiale di TMC, che si ferma a guardarlo incredulo, e comincia a dire: - "Fabrizio! Che ca**o fai, corri anche il Turismo di nascosto?" E l'altro, che aveva il complesso di inferiorit? nei confronti del fratello cercava di scagionarlo, urlandogli: - Non sono lui, sono l'altro!!! :-))) Io dietro mi pisciavo nella tuta :-))) Il povero Di Pillo continuava - Ma cosa dici l'altro? Ti alleni con l'N7 e non me lo dici? Dai che facciamo l'intervista, c'? lo scoop per TMC! - e il poveraccio si sgolava continuando a ripetere che era "l'altro e di lasciarlo in pace". Pochi istanti dopo salta fuori Fabrizio, che seguiva sempre il fratello durante le prove e addirittura veniva a catechizzarlo sotto la tenda prima che questo salisse in macchina, in borghese e saluta Di Pillo che a quel punto ha gli occhi fuori dalla testa con due Giovanardi identici davanti a lui ( il piccolo aveva ovviamente il casco in testa ma era tutta roba dell'altro). - No, ma qua c'? la notizia, cosa significa questa messa in scena?", insomma da morire, perch? tutto ci? gi? coi motori accesi per entre in pista e col giornalista che non ci capiva una mazza!
  21. Mah, guarda, io c'ero allora, giovane e pieno di sogni di gloria :-)ma nemmeno standoci dentro ho capito il perch? del declino: forse solo circostanze, interessi di uomini e marchi verso altre direzioni, cambi di organizzatore ( io ci sono entrato ed uscito dal CiVT quando era la Salerno Corse ad organizzarlo), cose cos?. Piuttosto ? stata sorprendente la rapidit? della fine, perch? ancora nel '96 mi ricordo di aver visto 40.000 spettatori sugli spalti dell'ultima gara Supert e CIVT a Vallelunga ed anche negli altri autodromi non ? che la gente mancasse, anzi. Mi rendo conto che per i pi? giovani pu? sembrare immpossibile ma in quel momento, gli anni '90, il Turismo era"LA" categoria di successo in Italia, Ferrari o non Ferrari, con Tv, giornali, spettatori, valanghe di auto al via e i marchi ufficiali nella classe regina. Era efficace perch? democratico in un certo senso: poche regole su peso e cose cos? e poi dentro: potevi correre in N7 con le 106 ed aspirare ai ricchi premi d'arrivo in palio, sognando di arrivare al SuperT. E per alcuni succedeva davvero, io stesso venni piazzato alla guida della 405 mi 16 della Peugeot Italia per la prova monzese del, mi pare '96, grazie alla collaborazione di Autospint che cercava di promuovere giovani al verde ma con piede pesante.insomma, era molto bello, formativo e spietato, perch? nessuno, in nessuna classe regalava nulla, anche perch? si correva per i soldi dei premi. Il SuperTurismo era poi davvero la sublimazione del turismo, quanto a competitivit? e spettacolarit?: anche l?, regolamenti piuttosto semplici, belle macchine ed ex Formula 1 mischiati a velocissimi gentleman. Dirlo ora con, la desolante situazione sportiva ed economica pare assurdo, ma allora l'equazione fu semplice e lineare: Tante auto con prestazioni vicinissime + piloti veloci + promozione = gran pubblico. Perch? questo non ? pi? possibile non sono in grado di dirlo.
  22. Bella l?, anche per l'anno prossimo Rossi ? fuori dai giochi. Il solito distacco che becca da un anno esatto, cio? da quando siede sulla Desmo16. Ormai nelle interviste non ci crede pi? nemmeno lui mentre dice "ci sono cose buone e altre da sistemare..." Un mezzo da corsa, se competitivo, va forte appena messo in pista, e questo da sempre e la Honda lo ha mostrato chiaramente sia con la Rcv 212 l'anno scorso negli stessi test a Valencia che con questa 213. Un secondo e mezzo dai primi non lo recuperi pi? manco a piangere nel corso dello sviluppo, che poi ? la stessa identica situazione di un anno fa, preciso preciso. Probabile, visto anche i distacchi contenutissimi inflitti ai compagni di marca (quando non subiti!)con moto uguale identica,che il marchigiano abbia meno voglia di un tempo. Del resto il tempo (e la fame agonistica) passano per tutti. Diverso il discorso sullo staff tecnico: Preziosi ? 'sto genio che ci hanno sempre voluto far sembrare oppure lo era perch? Stoner faceva vincere la sua creatura? I fatti cominciano a darci una risposta.
  23. Plato me lo ricordo debuttare nel Btcc a fine anni '90, nel team Renault con Alain Menu, direttamente con una pole position. Pareva un ragazzo prodigio, ma poi ? rimasto praticamente sempre a quei livelli medio alti senza svettare particolarmente, col vizietto di sportellare sempre ben vivo. Eppoi, come detto, anche nel Civt e nel Superturismo la prassi era quella: quando c'era la gara decisiva per il titolo, in qualsiasi classe, spuntavano piloti extra col compito di giustiziare alla prima curva gli "obiettivi"designati...
  24. Mah, dopo lo sdegno iniziale avrei potuto resistere alle voci doppiate ( ed ? gi? uno sforzo supremo) se non mi avessero proposto la McLaren che affronta le Piscine a Monaco col sonoro del motore che sale verso il Casin?...
×