Vai al contenuto

acorba67

Members
  • Numero contenuti

    40
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Comunità

0 Matricola

Su acorba67

  • Rango
    Nuovo Arrivato
  • Compleanno 20/09/1967

Contatti e Social

  • Website URL
    http://yaf1blog.blogspot.com/
  1. acorba67

    Thierry Boutsen

    Assolutamente vero quello che tu dici, ma a patto di non prendere la macchina come alibi. Nel senso: siamo proprio sicuri che Boutsen, Modena, Giacomelli, etc, con una macchina da mondiale avrebbero vinto un mondiale? Due esempi su tutti (il primo mi piange ancora il cuore) Patrese: anni a evocare una macchina competitiva per lui e cosa combina quando si trova in mano una Brabham Bmw da mondiale? Scivola sul terriccio di Imola quando ? in testa. Un carriera stroncata. E Alonso? Un anno in Minardi, e poi alla prima occasione che ha fa capire a tutti quello che vale. Ciao
  2. acorba67

    La peggior debacle

    giusto...
  3. acorba67

    La peggior debacle

    Dunque, cos? a memoria: Ferrari 1973,1980,1992,1993 Honda 2007,2008 Wolf 1979 (era un team di primo piano allora) Lotus 1976 (a parte la vittoria di Andretti in Giappone sotto il diluvio) Brabham 1979 e adesso altre non me ne vengono in mente ciao
  4. acorba67

    Thierry Boutsen

    Ciao, discussione molto, molto interessante. Credo che al solito la verit? stia nel mezzo. Occhei non considerare come ciechi solo e sempre Formula 1, ma il banco di prova ? quello. La possibilit? di dimostrare chi sei veramente, magari in una stagione o in poche gare addirittura, o altrimenti perderti per sempre ? quella. La pressione ? tutta l?. Da sempre. Sono d'accordo su Boutsen ottimo pilota - come Patrese (che non dimentichiamo ? uno dei pochi italiani ad aver vinto la 1000 km del Nurburgring), Teo Fabi, Ghinzani, Giacomelli, Brundle, e ce ne sarebbero di nomi - ma i campioni "veri", quello che si contano sulle dita di una mano, facciamo due, in cinquant'anni, sono andati forte ovunque e comunque. Formula 1 compresa. Comunque rimane una delle discussioni migliori. Ciao a tutti
  5. acorba67

    JIM CLARK

    Ciao a tutti, premetto non ho nulla contro Jim Clark, anzi, mi ha sempre affascinato come personaggio, ma tutto quello che conosco di lui ? per averlo letto su forum o vecchio giornali. Mi son imbattuto per? in un'intervista a Jack Brabham, e questi quando ? stato il momento di citare il pilota pi? talentuoso della sua epoca - Jim Clark incluso dunque - non ha avuto nessun'esitazione a segnalare Jochen Rindt e non lui. Forse non si vedevano troppo bene i due?
  6. acorba67

    A Proposito Di Telecronisti

    Fantastico Mario Poltronieri, poteva cascare il mondo, ma l'importante era che "le Ferrari sono ben messe". Considerando poi i mezzi che aveva a disposizione ? stato un grande, senza dubbio.
  7. acorba67

    Il brutto anatroccolo

    Pi? di Hakkinen e Mansell non saprei indicarne altri. Forse Hunt? (rimanendo a chi vinse un mondiale poi) Ciao
  8. acorba67

    Nelson Piquet

    Ci si dimentica spesso di lui quando si parla di classifiche, ma era uno intelligente, veloce, all'occorrenza grintoso ma senza strafare, e poi fece quel sorpasso all'esterno su Senna in Ungheria nel 1986 che rimane uno dei migliori spot per la F1 negli ultimi trent'anni. Ciao
  9. acorba67

    Perch? dopo Ascari pi? niente?

    Teoria perfettamente applicabile in ogni periodo della storia della F1 (vedi Schumacher-Ferrari e Clark-Lotus) Ciao
  10. acorba67

    Il pilota a voi pi? simpatico

    Graham Hill dava delle risposte durante le interviste che erano formidabili.
  11. acorba67

    Perch? dopo Ascari pi? niente?

    Sono d'accordo sul fatto che Capelli fu bruciato dal suo periodo in Ferrari, ma non lo vedo in grado di lottare per un mondiale dalla prima all'ultima gara. Cos? come i tanto citati De Angelis, Alboreto, Nannini, (io ci metto anche Patrese perch? ero un suo tifoso), Modena, Trulli, Fisichella, (e Badoer che fece sfracelli in F3000 suonandole a tutti quanti Coulthrd e Barrichiello compresi?). Credo che nessun italiano dopo Ascari abbia dimostrato una costanza ad alti livelli tale da poter essere considerato un potenziale campione del mondo. E adesso insultatemi pure... Ciao
  12. acorba67

    riccardo paletti

    Di Paletti ho il ricordo di quando lo vidi in F2 a Monza nel 1980, fu per tutto il week end a mordere le code delle due velocissime Toleman di Henton e Warwick. Quando esord? in F1 mi sembr? una cosa logica, uno sbocco naturale per la sua carriera. Poi successe quello che successe...
  13. acorba67

    Formula 1:I campioni del passato

    Di Jones ricordo soprattutto l'atteggiamento ostile (al limite) nei confronti di Reutemann durante la stagione 1981. Era certamente uno veloce, si parl? anche di un suo trasferimento in Ferrari all'epoca, ma quell'atteggiamento nei confronti di Reutemann finirono per non rendermelo troppo simpatico. Ciao
  14. acorba67

    CanAm

    A livello estetico direi che le vetture sono state fra le migliori di ogni epoca, soprattutto quelle del periodo d'oro degli anni sessanta (Chapparal, Mclaren, Lola). Mi ricordo un paio di campionati vero la fine anni settanta con Gilles e Tambay su quelle macchine che somigliavano a F1 carenate che se le suonavano di santa ragione. Ciao
  15. acorba67

    Perch? dopo Ascari pi? niente?

    Sono d'accordo, per varie ragioni Ferrari non ha mai troppo amato le tensioni che si creavano quando aveva piloti italiani in squadra, e credo che il seme sia ancora ben vivo nella squadra. D'altra parte se sento un intervista adesso di un Trulli o Fisichella rispetto a tanti colleghi ? tutto un continuo io, io, io quando le cose vanno bene, e la macchina, la macchina, la macchina quando le cose non vanno. Forse un po' pi? di diplomazia aiuterebbe a trovare posto in squadre top. Ciao
×