Jump to content

R.S.

Premium
  • Content Count

    2,329
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    7

Everything posted by R.S.

  1. Le stime di articoli del genere mi lasciano sempre un pochino perplesso, dato che nemmeno Pirelli dimostra di conoscere il comportamento delle gomme. Certo, in questo caso le stime sono post-gara, quindi più plausibili. Quello che conta è che il trend emerso è quello che si era già potuto intuire a occhio, ovvero che Ferrari e Mercedes si equivalgono. Le caratteristiche delle vetture danno ai piloti leggeri vantaggi in determinate fasi di gara, le quali spesso possono essere scelte dai piloti stessi con le mappature motore e la gestione gomme durante uno stint. Di solito tali scelte hanno anche il rovescio della medaglia, vedi Bottas senza benzina nel finale in Canada o Vettel senza gomme a fine primo stint a Silverstone. L'unico fattore che potrebbe sbilanciare definitivamente i valori (ovviamente a patto che gli sviluppi continuino allo stesso ritmo per entrambi i team) è la gestione della gomma standard sulla Mercedes. Se si confermasse la tendenza a surriscaldare le gomme dovrebbero intervenire sugli assetti e la Ferrari potrebbe ritrovarsi con un bel vantaggio in qualifica e in partenza, e rischierebbe meno di subire undercut. Viste le difficoltà a stare in scia, potrebbe rivelarsi un vantaggio determinante, anche se fosse sfruttabile solo in queste ultime due gare prima della sosta estiva. Urge capitalizzare.
  2. Intendevo dire che preso da una mappa non mi sembra il circuito peggiore di sempre. La F1 ha visto e vede anche di peggio, purtroppo. A me pesa molto di più dover fare a meno di quello vecchio piuttosto che ritrovarmi con quello nuovo. Hockenheim 1994 nel cuore
  3. Pensa te che razza di schifezza hanno partorito se da 17 anni non facciamo altro che ripeterlo Se guardo il circuito e me lo immagino creato da zero non fa così schifo. Per me il problema è il circuito che ha sostituito, era di gran lunga il più bello del mondiale per me, molto meglio anche di Spa e Suzuka. Credo di non essere l'unico ad apprezzare il vecchio Hockenheim, per questo non riusciamo ad accettare quello nuovo.
  4. Vero, in quell'occasione Max fece una buona gara. Vettel fece una gran rimonta, mentre Hamilton rimase dietro a Rosberg fino all'errore di Nico. Quindi 1 gara eccezionale, 1 gara buona, 1 gara pessima per Max.
  5. Vero, ma rimane sbagliato in regime di monogomma, perché devi garantire imparzialità. Molto diverso sarebbe se ci fossero più fornitori, in quel caso avrebbe senso che il tecnico Pirelli/Bridgestone si impegni a ottimizzare la resa del suo prodotto sulla vettura della squadra a cui è assegnato, e avrebbe senso che esulti per un sorpasso anche se avviene contro una vettura con le stesse gomme, perché vuol dire che ha lavorato meglio anche del collega.
  6. Ha piovuto solo in 2 gare negli ultimi 4 anni? Ho cercato in giro, fra il 2013 e il 2015 compresi non ho trovato gare bagnate. L'ultima era stata Malesia 2012. Non ho guardato le qualifiche.
  7. Luca, ok Bourdais partito quarto, ma in gara non ci fu proprio storia. Inoltre, in tutte le altre gare bagnate di quel biennio ogni volta che scendevano due gocce Sebastian era sempre fra i primi. Nel mio giudizio di Lewis invece pesano molto il grave errore in Cina 2007 e la pessima gara in Brasile 2008. Verstappen sul bagnato ha 1 prestazione eccezionale e 1 pessima, troppo poco per giudicare. Vedremo in futuro.
  8. Così tagliamo la testa al toro.
  9. Posso essere d'accordo su Silverstone 2008, ma allora Monza 2008 per Vettel non può non avere lo stesso valore, a mio avviso. Poi, guardando le altre, trovo Vettel leggermente più costante rispetto a un Lewis ogni tanto altalentante. Parlo di dettagli comunque, ci sta preferire quest'ultimo, ma non è una bestemmia avere l'opinione contraria, anzi. Rispetto a Senna e Schumacher, invece, oggi abbiamo delle macchine che limitano i piloti anche sul bagnato, vedi Vettel 2016 o Hamilton 2012, per questo non mi sento di metterli sullo stesso piano dei mostri del passato, non perché siano sicuramente più scarsi, ma perché a parte il biennio 2007/2008 le macchine non permettono pià ai piloti di fare la differenza come in passato. Poi come dice giustamente effe, piovesse ogni tanto avremmo qualche dato in più...
  10. Ridurre tutto alle vittorie è abbastanza sterile, soprattutto considerando la differenza di vetture fra i due a inizio carriera. Per esempio se per voi il 5° posto di Hamilton in Brasile 2008 vale di più del 6° di Vettel 4 anni dopo nello stesso circuito, chiedo scusa per essermi intromesso nel discorso. Comunque nulla vi vieta di tenervi la vostra opinione, e allo stesso tempo nessuno vi obbliga sempre a rispondere a un discorso serio con del sarcasmo. Capirei se avessi dato a Lewis dello scarso sull'acqua o se avessi detto Vettel nettamente superiore, ma non mi sembra di averlo fatto. Io mi tengo la mia opinione e continuo a godermi Vettel senza rimpiangere Hamilton, così come (per tornare di nuovo in topic senza più divagare) preferisco pregustarmi Leclerc in futuro al posto di Verstappen. Pare che su quest'ultimo comunque non esistano mezze misure, come sono accusati alcuni ferraristi di sottovalutarlo per antipatia, altri lo esaltano oltre misura per motivi analoghi. La verità a mio avviso sta nel mezzo, il potenziale per diventare campione c'è ma non è ancora maturo, e al momento in questo campionato sta deludendo parecchio.
  11. nemmeno su marte credo. Con tutto il rispetto, la tua è solo una opinione personale. Di gare sbagliate di Hamilton sul bagnato ce ne sono parecchie: - Cina 2007 fu il preludio al più incredibile sconfitta subita della storia recente della F1 - Monaco 2008 andò a sbattere mentre perdeva da Massa, e solo al cambio gomme che ne conseguì e alla successiva SC riuscì a salvare il weekend. L'errore lo aveva comunque fatto - Monza 2008 sbagliò la qualifica e finì 7° dietro a Massa a una vita dal compagno di squadra - Brasile 2008 stava per ritoccare il record di sconfitta più incredibile della storia Vettel, nello stesso periodo appena scendevano due gocce brillava costantemente con una Toro Rosso, e se non era per il regalo di Glock era lui a togliere il primo mondiale a Lewis. I pochi anni in cui Hamilton ha avuto auto mediocri (2011 e 2012) ma comunque superiori alla Toro Rosso non si è mai distinto in gare sul bagnato e ha preso spesso paga da Button. Gare come Silverstone 2008 dimostrano che è nella categoria dei piloti fortissimi sul bagnato, ma i maghi della pioggia come Senna e Schumacher erano tutt'altra cosa. In questa era, risultati alla mano, al livello di quei mostri ci si è avvicinato più il tedesco dell'inglese. Per tornare in topic, credo che nessuno potrà più ripetere le gesta di quei piloti perché ora anche sul bagnato il pilota non può fare più la differenza come prima, in ogni caso anche solo per raggiungere il livello sul bagnato di Vettel/Hamilton, o anche il livello di Alonso/Button, Verstappen ha ancora moltissimo da dimostrare.
  12. Un GP bagnato non basta, Hamilton, Vettel, Button e Alonso hanno dimostrato di andare sul bagnato per anni anche con vetture inferiori. Verstappen potrebbe essere della stessa pasta, ma deve dimostrarlo in più di una occasione e non solo con la vettura col miglior telaio. P.S. Vettel > Hamilton sul bagnato per me, non solo per Monza 2008, ma anche per Fuji/Cina 2007 e Brasile 2008/2012.
  13. I problemi sono arrivati dopo, l'errore alla Becketts che gli ha fatto tagliare Chapel è tutto suo. Anzi, forse è la causa dei problemi che hanno poi portato al ritiro, visti i salti che ha fatto la vettura quando ha tagliato. Sulla partenza me ne ero accorto dall'inizio, anche perché in diretta magicamente Kimi dal tamponamento di Lewis in cui gira ampiamente terzo, torna ad essere inquadrato due curve dopo dietro a entrambe le RB. Purtroppo invocare penalità per l'olandese equivale a sprecare fiato a meno che non sia palese, l'unica era sperare che passando all'esterno si agganciasse con Hamilton e lo danneggiasse, allora sì, ma a quanto pare l'unico che riesce a stare vicino a Max senza danneggiarsi è proprio Lewis.
  14. Assolutamente, sarà un duro avversario come lo è ora Hamilton e come lo sono stati in passato i vari Alonso, Senna ecc. Per fortuna si può contare su Seb e Kimi per oggi e su Leclerc per domani.
  15. Tra l'altro negli onboard si vede anche l'errore banale di Max che propizia il sorpasso di Kimi. Gran bel fenomeno... per fortuna abbiamo Leclerc.
  16. E nonostante questo Reanult non riesce a farne uno decente da anni...
  17. Voleva pittare e fare undercut, intendeva quello quando diceva di essere aggressivi. Gli hanno risposto che ci stavano pensando ma che i 10 secondi di penalità erano un problema. Ed è stato lì che lui si è sentito tagliato fuori dalla decisione.
  18. GPV con sorpasso, non capita esattamente tutti i giorni...
  19. Da notare la differenza di atteggiamento rispetto a Leclerc, che di Alonso ha lodato l'intelligenza tattica. Per fortuna la Ferrari ha Charles, sto qua finché non cresce deve restare alla larga da Maranello.
  20. Non esageriamo, è buona ma non come la Haas, con la Haas pure Ericsson arriverebbe ogni tanto in Q3.
  21. Risulta anche a me, torna con quanto spiegatomi a suo tempo.
  22. Era mai successo che ci fosse SC/VSC in ognuna delle prime 10 gare della stagione?
  23. R.S.

    La F1 in TV

    Anche nel riconoscere il contro-sorpasso di Verstappen è stato imparziale. Qualche urletto di troppo qua e la l'ho sentito, ma era comunque accettabile. L'unica cosa fastidiosa sono le sue teorie di quello che stanno pensando i piloti in certi frangenti della gara, potrebbe risparmiarseli. La gara su Sky Sport UK invece è stata praticamente l'Hamilton Channel, Brundle ci ha messo un po' a riprendersi dopo il sorpassissimo di Seb.
  24. Uno dei lunedì più belli da un sacco di tempo, grazie Seb!
  25. Sulla prima frase, io ricordo parecchie partenze sbagliate o troppo aggressive anche di Alonso, eppure nel secondo caso a quel tempo lo si giustificava come un generoso, al contrario di Vettel a cui si da del pollo che si comporta alla Verstappen. Inoltre, la maggior parte degli incidenti al via capitano in seguito a qualifiche opache (nel caso di Alonsoo Vettel in passato era a volte per colpa loro e a volte per colpa del mezzo) e anche se è vero che partire male o dietro non da il diritto agli altri di speronarti, è ovvio che corri più rischi rispetto a partire bene dalla pole ed è inutile stare a polemizzare, salvo casi eccezionali in cui qualcuno va eccessivamente sopra le righe e diventa pericoloso come a Spa 2012. Capisco il nervoso a caldo, anche perché sicuramente in questi anni hanno perso l'abitudine, ma come si è dovuto accettare gli incidenti di Alonso/Vettel degli anni passati, Hamilton (e soprattutto la Mercedes) dovranno accettare questo. Sulla seconda, riuscire a difendersi nel finale senza un treno di S nuove resta tutto da dimostrare. Sicuramente non avrebbe allungato così tanto il primo stint, perché avrebbe dovuto coprire l'undercut di Kimi, e molto probabilmente avrebbe finito le gomme come Valtteri. E comunque Bottas, fra il 2015 e il 2017, ha reso il centrare Raikkonen una vera e propria arte. Fino a prova contraria, siamo a 1 solo errore a testa per i Ferraristi. Non c'è proprio paragone.
×