Jump to content

Schumi4ever

Legends
  • Content Count

    1,280
  • Spam

  • Joined

  • Last visited

  • Points

    0 [ Donate ]

Community Reputation

0 Matricola

About Schumi4ever

  • Rank
    Membro Senior
  • Birthday 08/05/1974

Contatti e Social

  • Website URL
    http://

Preferiti

  • Team Preferito
    Ferrari
  1. Dammi info e puoi gi? contare su di me!!!
  2. Dopo l'incidente (con la rabbia che avevo addosso e la determinazione a superare qualsiasi dolore per rimettermi a fare quello che mi riusciva di più a fare, cioè il discesista) che mi ha spazzato via il ginocchio destro i miei obiettivi erano due: 1. Il chirurgo che mi ha operato non capisce un ca**o e io sugli sci ci voglio ritornare 2. Mi hanno dato nove mesi prima di camminare bene, bene io gli dimostro che alla maturità di giugno ci vado senza stampelle, senza aiuti, sulle mie gambe, salgo le scale della scuola a tempo di rock e dopo l'orale, quando mi dicono che sono promosso, scendo le scale di corsa e mi metto a correre intorno al cortile per la gioia alla faccia di Mannheimer. Bene il secondo obiettivo è stato centrato, il primo è stato uno schianto terribile. Dopo la Maturità, accompagnato dai miei e dal mio bastardo di agente feci una prova sul Plateau Rosa e sulla pista Ventina nella parte alta quella del ghiacciaio. Pista nera. Dopo due ore di allenamento cominciai a sentirmi pizzicare il ginocchio e dopo 5 minuti ero in lacrime dal dolore. Il ginocchio si era gonfiato come un melone. Mi ci vollero tre giorni di camera d'albergo e di antinfiammatori perchè ritornasse come prima. E' li fu la fine di tutte le speranze e di tutti i miei sogni. Ecco perchè quando vedo simili incidenti rabbrividisco al pensiero di una carriera stroncata. Poi provai a fare un annetto di ciclismo, ma la cosa mi annoiava a morte tanto è vero che nonostante allenamenti e qualche corsa amatoriale ingrassai di 15 chili. Rimettersi tra la folla è molto più devastante dell'incidente. Perciò mi auguro con tutto il cuore che Kubica ritorni a guidare una monoposto. Se non ci riuscisse il vuoto che ti si crea dentro è terribile.
  3. Frequentando molto il circus ( e non ? una cosa che scrivo mangiato dall'emozione per quello che ? successo ieri) posso dire che sono quattro i piloti che vedo sempre contenti quando la gente si avvicina a loro e possono firmare autografi e sono in ordine alfabetico: Alonso, Button, Kubica e Schumacher. 4 grandissimi piloti e 4 persone fantastiche. Gli altri se la tirano come le modelle di Louis Vuitton. Tanto ? vero che Alonso ieri era a sciare in Val Gardena ha preso l'elicottero ed ? volato a vedere come stava il collega cos? gravemente infortunato. Massa invece ? rimasto in montagna e ha mandato un fax all'agente di Kubica. Quando la classe non ? acqua!!!
  4. Il Santo Corona non è certamente un ospedale di seconda fascia. E' specializzato nelle cure alla mano e in microchirurgia. Ha un'unità spinale che è all'avanguardia nel mondo. E' in buonissime mani. Sicuramente l'ospedale di Savona è meno attrezzato e fors'anche per questi traumi il Policlinico di Genova. L'unico ospedale con eccellenza superiore da quelle parti è il CTO di Torino ma le condizioni del pilota al momento dei soccorsi hanno portato a questa scelta per via della poca distanza e della preparazione di quell'ospedale, presumo.
  5. Da quello che mi ? successo, leggi post sopra, la prognosi per Kubica sar? riservata per molto tempo. La prognosi non ? altro il tempo con cui i medici stabiliscono per quanto tempo la persona potr? guarire. E da ci? che hanno detto i medici (varie operazioni ancora da effettuare) credo che la prognosi possa esssere sciolta solo verso met?-fine marzo!!! Per Kubica sar? lunghissima la guarigione e la riabilitazione.
  6. No ? come una spada che ti trafigge il cuore. Il bello che io per i risultati in pista ero a pochi punti a saltare in nazionale A juniores e che mi avrebbe spalancato la porta della Nazionale Maggiore. Sognavo gi? il cancelletto di partenza di Kitzbuhel, di Wengen, della Sasslonch in Val Gardena, di Bormio, di Garmisch e della fantastica Face du Bellevarde, discesa olimpica della Val d'Isere. Tutto resettato in un secondo. Ed ? durissima!!! Perch? ti sei fatto degli "amici" nell'ambiente che perdi (con uno solo ho ancora contatti: Sulzenbacher) e ho dovuto costruire amicizie nella mia citt? che non avevo pi? da 8 anni perch? nei fine settimana ero quasi sempre in montagna. Insomma ci sono tanti aspetti da considerare quando si ? coinvolti in simili incidenti che ti stroncano la carriera. E soprattutto ti da molto fastidio il vittimismo. Infatti quando sono tornato a casa ed ero in convalescenza, tecnici e "amici" dell'ambiente dello sci mi chiamavano ogni giorno per capire come stavo. Quando compresero anche loro che il mio futuro nello sci era finito, tutti spariti dalla circolazione eccetto quello che ho scritto sopra. Insomma capisci che eri un oggetto. Spero che a Robert gli stiano accanto molti piloti nella vita, ma terminato l'attimo drammatico te ne rimangono 1/2 ad esserti veri amici se sei fortunato e devi contare solo sull'appoggio degli amici di infanzia e della famiglia.
  7. Ho visto Studio Aperto su Italia Uno quello della Parodi e di "Cotto e Mangiato" e questo già fa capire a che livello siamo arrivati nell'informazione italiana. Inviata a Pietra Ligure per seguire il decorso tutt'altro che una formalità di Robert Kubica. Prime parole: Kubica sta bene e poi sprolocquio sulle ore trascorse al mattino dal polacco e sull'operazione che ha effettuato. Ma è mai possibile dire "sta bene" come se non fosse in rianimazione, non fosse a rischio infezione per le fratture esposte, non fosse ventilato e soprattutto in coma indotto da sedazione. Ma sanno cosa vuol dire "sta bene" questi inviati da avanspettacolo!!! Poi intervengo sui post di alcuni amici del forum che hanno parlato di miracolo e che un ritorno alla vita civile di Kubica sia già un gran traguardo. Senza voler creare un polverone le cose non stanno così perchè le ho vissute sulla mia pelle. Io all'età di 18 anni ho subito un grave incidente sciando. Ero nella formazione B juniores di discesa libera della nazionale e per pericolosità la downhill è l'equivalente della F1 e dei rally. Viaggi a più di 100 all'ora con solo due sci attaccati ai piedi e ti reggi in equilibrio grazie a due bastoncini. Ho gareggiato contro gente come Hermann Maier, Stefan Eberharter, Didier Cuche e Bruno Kernen. Enormi sacrifici per me che abito in pianura. Dispensato da scuola, al sabato mi svegliavo alle 4 del mattino per raggiungere gli allenamenti a Cervinia o le sedi gara e talvolta le partenze se le gare erano in Germania erano a mezzanotte tra venerdì e sabato. Tutto ciò da ottobre a marzo. Poi in estate sul Plateau Rosa (ghiacciao del Cervino) e sulla pista Ventina allenamenti che duravano anche 15 giorni consecutivi. 28/12/1992 quadrangolare Germania, Italia, Svizzera e Austria a Innsbruck. Prendo la funivia e dall'alto una curva a sinistra del percorso mi sembrava che portasse in un canalone e non in un salto con schuss. Deciso che fosse così e anche il mio tecnico era dello stesso parere (era nuvoloso quel giorno perciò non si potevano vedere le ombre), faccio la prima parte della pista decisamente poco tecnica a velocità sostenuta (era una prova, la gara sarebbe stata il giorno successivo)e arrivo alla fatidica curva a sinistra a quasi 80 orari. Un tecnico di una squadra straniera mi urla di rallentare, ma ormai sono sul dente del salto, volo per 60 metri, atterro in piano con il piede destro e il mio ginocchio va in frantumi. Per il dolore vado in coma. Mi diagnosticano rottura del crociato anteriore e posteriore, mediale e collaterale, più una lesione parziale al tendine rotuleo e la rottura di due menischi. Incredibilmente non mi spacco niente a livello osseo. Operato da Wolfhart Mannheimer, medico ora del Bayern Monaco, mi sveglio dopo due giorni a operazione già conclusa. Era ugente perchè avevo un grosso versamento interno che dal ginocchio andava verso il quadricipite femorale. Se non fossero intervenuti all'istante avrei perso l'arto per cancrena. Lo specialista quando mi vede la prima volta mi spiega come era arrangiato il ginocchio, il problema del versamento, e che al 100% mi potevo dimenticare gli sci. Per me fu uno shock: era da quando avevo 6 anni che sciavo e 8 da agonista. Ripresi a camminare bene solo verso la maturità. Intanto la rabbia mi aveva trasformato in un onnivoro di qualsiasi cosa e da 80 kg che ero in un anno e mezzo mi ritrovai con 110 kg da portare appresso. Adesso a distanza di anni mi considero un miracolato, sono ritornato a sciare da turista (fino a piste blu), ma i primi anni successivi per me furono una tragedia. E state tranquilli, non si sta bene per niente.
  8. forza Robert, non ho mai tifato cosi' per un pilota in vita mia, nemmeno per schumacher, il mio idolo. ti ricordero' ogni giorno nelle mie preghiere perche' so che il circuito che dovrai affrontare sara' pieno di curvoni, di dolorosi tornanti, di chicane che ti verranno sbattute in faccia, di bandiere gialle impreviste, di stop and go ingiusti, ma sono sicuro che questo gp lo vincerai con una forza incredibile, doppiando tutti gli altri, salutandoli con la mano ferita ad ogni doppiaggio. ritornerai piu' forte di prima. il tuo protettore, come tu dichiarasti dopo il mostruoso incidente di montreal, sara' beatificato il 1° maggio a roma. il grande karol ti sara' sempre vicino, guidera' la mano dei medici nel corso dei tanti interventi che dovrai fare e ti dara' la forza di superare tutte le prove che da qui a un anno dovrai affrontare. Kubica siamo con te, non mollare mai e vinci la corsa della vita. forza Robert!!!
  9. Se è successo questo (e bisogna vedere cosa dicono bene le carte prima di esprimere un giudizio) se il Comune di Milano e Monza ritengono di essere stati offesi da come la Csai ha operato nel fare le nomine e costituire il nuovo organo di amministrazione non hanno che da rivolgersi al TAR della Lombardia!!!
  10. Ho visto un servizio di Report l'anno scorso (a uso e consumo di Alemanno, Flammini e compagnia cantando) su ciò che succede alla CSAI, all'ACI di Milano e alla SIAS, ma se il gp lo fanno tutti gli anni ed è un gp organizzato alla grande, centomila volte meglio di Montecarlo che è uno schifo (parlo di organizzazione, un giorno scriverò cosa succede nel Principato in quei giorni) è perchè "mangiano" anche loro, ma non tanto da pregiudicare l'evento. Anche per Expo 2015 ci sono tangenti e favori a go-go, ma l'esposizione universale la faranno e bene perchè al Nord sono consci del valore dell'immagine che daranno al mondo, mentre dall'Appennino in giù a chi organizza un qualcosa non gliene frega una mazza!!!! Questi sono i fatti. Un esempio a Torino quest'anno al Palazzo Olimpico, quello vicino allo stadio dovevano fare la final four di Eurolega di basket. Accortisi gli organizzatori della mancanza di fondi hanno rinunciato e mi sembra che adesso lo faccia Istanbul. A Roma avrebbe fatto i salti quadrupli per tenerselo, tanto prendevano i soldi dallo Stato, cioè da Pantalone, cioè da Noi.
  11. Io ho fatto un parere da appassionato di F1. E adesso te lo faccio da leghista. Due anni fa a Roma ci sono stati i Mondiali di nuoto e all'AcquaCetosa dovevano fare un megaimpianto per il nuoto al chiuso. Appalto dato all'azienda di Calatrava nel 2005 con Veltroni gongolante per le tangenti che sarebbero state riscosse. Ebbene il mondiale si è disputato nel vecchio impianto al Foro Italico all'aperto con tutte le tv mondiali incazzate perchè il nuoto all'aperto ha una visibilità estremamente ridotta per via dei riflessi sull'acqua del sole che un impianto al chiuso azzera. Ebbene di quel mega impianto c'è solo il tetto e gli spogliatoi, nessuna vasca è stata costruita, lo Stato, cioè Noi, abbiamo speso una cifra intorno ai 250 milioni di euro con la Procura di Roma che ha aperto un fascicolo, per ora contro ignoti, per l'opera mai realizzata. La Federazione Mondiale Nuoto ha scritto bianco su nero che dopo i catastrofici mondiali di nuoto di Roma chi vorrà avere i mondiali in vasca dovrà presentare un progetto con già un impianto al chiuso per ottenere la candidatura. Ecco secondo me se avessero dato a Roma un Gp si sarebbero mangiati i soldi degli appalti, ma non si sarebbe corso lo stesso perchè non sarebbero riusciti a realizzare la pista. A Roma tutti gli sport vengono ancora giocati sugli impianti delle Olimpiadi del 1960!!!! alcuni ristrutturati e migliorati e solo una struttura il Palasport di Roma degli anni 80 è stato costruito negli ultimi 50 anni nella Capitale. Ecclestone ha sentito puzza di marcio e ha fatto bene a rispedire al mittente la richiesta. Per evitare una figuraccia mondiale alla F1 dopo aver rischiato con il gp di Corea.....
  12. La pagliacciata ? finita. Alemanno ha fatto la sua solita figuraccia da politico di terza serie, Flammini non ci ha capito un ca**o sin dall'inizio che Ecclestone lo prendeva solo in giro (per piacere rimani in SBK con i tuoi 40enni piloti gi? finiti - negli ultimi 20 anni solo uno come Spies ? riuscito a fare bene anche in Motogp per il resto ? solo un cimitero di elefanti la tua serie - e non farti pi? vedere in F1!!!) e tutto il cocuzzaro romano che sentiva profumo di tangenti sugli applati si metta a 90 per piacere. Il Gp resta a Monza dove ? logico che stia, per la sua storicit? e per il fatto di essere un impianto permanente che con gli eventi collaterali ammortizza i costi del Gran Premio. Ciao Roma e se volete un Gp tagliate le erbacce del Circo Massimo e fateci correre delle bighe. Ciao ciao Roma!!!
  13. Ufficialissima: anzi sono andato a leggere un articolo sul sito della Rossa sui Ferrari Days di Valencia che parla di terzo pilota per Fisichella e per i ruoli di tester Gené e Bianchi.
  14. Fisichella, il pi? grande paraculo della storia, ma fammi il piacere. Resta alla Ferrari fin quando avr? 50 anni, ha trovato nell'ambientino di Maranello la sua situazione migliore!!!
  15. Ho letto stamattina su "La Stampa" di Torino, che ha fatto un ottimo reportage sulle giornate valenciane del Ferrari Days, del licenziamento di Badoer avvenuto durante la cena della vigilia con Montezemolo; ciò non è stato preceduto da alcun comunicato ufficiale di Maranello e, nemmeno a cose fatte, dopo con un annuncio pubblico di ringraziamento da lanciare a tutto volume dagli altoparlanti del circuito Ricardo Tormo. "La Stampa" dice che Montezemolo, conscio che Badoer è arrivato alla soglia dei 40 anni, non è più indispensabile alla Rossa e non gli rinnoverà più l'accordo di tester nel 2011. PER ME SONO INACCETTABILI i modi con cui è stata presa questa decisione. Badoer è stato una delle chiavi del successo sia nell'epoca d'oro di Schumi, sia quando Raikkonen vinse il mondiale nel 2007. Si è sciroppato più di 13mila chilometri di test senza mai mugugnare, dal 2000 quando divenne tester titolare della Rossa, senza mai chiedere di essere ceduto ad altra squadra per correre gp dopo le infelici esperienze con vetture e team in difficoltà tecniche e finanziarie negli anni 90 come la Lola, Forti e Minardi. Nel 1999 non disse nulla quando da tester Ferrari, in prestito alla Minardi Ford, Todt invece di scegliere lui, per correre a fianco di Irvine dopo l'incidente di Schumi alla Stowe di Silverstone, optò per lo sconosciuto Mika Salo. Bocca cucita sempre e tanto lavoro tanto da meritarsi, quando i test erano ancora liberi, il plauso di Brawn e Schumi che al termine di ogni campionato vinto ricordavano "il grande lavoro di Badoer nello sviluppo invernale della monoposto e negli step durante l'anno" che consentivano sia alla squadra test che a quella impegnata in gara di avere una monoposto già efficiente su cui lavorare al meglio e ottenere grandi prestazioni. Schumi lo definì una volta pubblicamente "il miglior tester della F1"! E lo si caccia così, senza comunicato, nè annuncio pubblico. E' proprio vero, la Ferrari è cambiata! Tenetevi Jules Bianchi che ne farete di strada. E Montezemolo per piacere vai in politica, non ne azzecchi una, nemmeno nel modo di licenziare coloro che hanno fatto grande in questi anni la tua Scuderia. Mi sa tanto che non aveva tutti i torti Stepney quando boicottò nel 2007 la vettura di Raikkonen a Montecarlo e fornì i dossier sui segreti industriali della Rossa a Coughlan della Mclaren. In Ferrari negli anni sono stati appiedati tutti coloro che hanno reso grande la Scuderia in questi ultimi 15 anni e promossi i paraculi. Esempio lampante: Luca Badoer. P.S. I prossimi tre tester della Ferrari saranno Fisichella, Genè e Bianchi che in un epoca di test contingentati faccio fatica a capire quanto e come proveranno. Comunque per girare nei due rettilinei di Vairano possono farcela comunque!!!!
×