Jump to content

Hunaudieres

SOPF Members
  • Content Count

    23,106
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    14

Posts posted by Hunaudieres


  1. Lo so che in molti storceranno la bocca ma a me garba moltissimo l'idea di una monoposto a ruote coperte rolleyes.gif .

    Le Can Am per un certo periodo furono monoposto a ruote coperte

    Io vorrei vedere una F1 fatta di auto come le Audi R8

     

    user posted image

    rolleyes.gif


  2. Non sapevo se postarla qui o nella sezione superiore, ma dato che ? un'informazione tecnica, questo mi sembra il posto pi? adatto.

     

    Perch? le F1 hanno sempre avuto le ruote scoperte, fatta eccezzione per la Mercedes W196 del '54, che comunque non usava le ruote carenate in ogni gara (penso).

    C'? un qualche motovo tecnico per questa soluzione, o fu deciso cos? agli inizi (anche prima della guerra) che le auto da Grand Prix Dovevano avere ruote scoperte, e la regola ? rimasta invariata fino ad oggi?

     

    GRAZIE.


  3. per quello che posso aver capito io ,l'idea appare di certo originale a livello visivo anche se una soluzione di questo tipo nn penso possa migliorare in maniera significativa i livelli di deportanza generale...si tratterebbe,ripeto,sempre per quello che posso aver appreso io dai tuoi disegni,di un tentativo per accellerare il fluido verso il divergente posto sul piano orizzontale(ahime,qu? mi confondo spesso tra verticale ed orizzontale unsure.gif )...considera anche, semplicisticamente parlando,che maggior strozzatura di un condotto nn significa sempre maggiore velocit? dell'aria,anzi!cmq sia la soluzione mi incuriosice e sarebbe bello avere delucidazioni ulteriori e disegni tuoi a tal riguardo in maniera da poter realizzare un disegno a tre dimensioni al computer

    Mah, io mi sono ispirato alla tendenza attuale degli ingegneri di convogliare il flusso nella parte bassa della vettura, la Williams usa un muso alto con due enormi e larghi piloni per aumentare la quantit? di aria convogliata sotto la vettura, allora mi sono detto: perch? non fare un muso che "raccoglie" abbastanza aria (la forma larga dei supporti), senza perturbazioni del flusso (eliminazione della parte centrale del profilo), e lo accompagni sotto la vettura (i supporti che sono contigui alle chiglie e i deviatori di flusso vicino alla scocca).

    Per la strozzatura del flusso, ripeto che in materia fluidodinamica sono ancora inogrante, ricordo solo che se un fluido passa da una sezione pi? larga ad una pi? stretta, a pari portata, aumenta la sua velocit?, ma sono reminescenze liceali, non ne sono tanto sicuro

     

    Per darti un'idea di come dovrebbe essere, pensa ad un muso come quello della McLaren, basso e piccolo, ed aggiungici un'ala a delta rovesciata ed incurvata alle sue estremit?, poi mettici dei profili (vedi un po' te come devono essere).

    Gli attacchi dell'ala anteriore che si uniscono con la doppia chiglia dovrebbe funzionare come una sorta di minigonna.

    Il resto della vettura metticelo tu.


  4. Ecco il mio progetto

    user posted image

     

    Purtoppo non so desegnare una vista frontale o una vista "tridimensionale".

     

    Nell'immagine in alto si pu? notare il muso che va ad inarcarsi fra le ruote, il supporto orizzontale ? una sorta di profilo alare mentre quello verticale ? molto lungo e va a congiungersi con la doppia chiglia.

    Ho precisato che sotto il supporto c'? il vuoto, infatti manca la parte centrale del profilo inferiore, questo per due motivi: avere una portata d'aria maggiore ed un flusso pulito; La mancanza della parte centrale comporta sicuramente una perdita di carico all'anteriore, carico che viene dato dal supporto che diventa profilo portante.

     

    Notare quella sorta di labbro che circonda il muso: quella soluzione mi ? venuta nel momento stesso che la disegnavo!

     

    Il flusso che "entra" nel muso viene accelerato dalla strozzatura (ma non ne sono tanto sicuro, sono ancora ignorante in materia di fluidodinamica embaressed_smile.gif ), per fare in modo che il flusso non "scappi", prevedo dei deviatori di flusso molto vicini alla scocca.

     

    Un'altra "genialata" che mi ? venuta ? quella dell'accoppiamento dell'attacco delle sospensioni sdoppiato con quello singolo sull'anteriore: la parte anteriore del triangolo ? sdoppiata mentre quella posteriore unica.

    Non so quanto sia valida, e semplice, questa soluzione, ma la Renault una un sistema analogo per la sospensione posteriore.

     

    Nelle mie intenzioni il muso potrebbbe esssere anche pi? basso.

    Quella pi? in basso ? la mia idea originale.


  5. veramente?piacere futuro collega...spero che almeno tu riesca dove io ho fallito,almeno per ora,lavorare nel settore dell'automobilismo sportivo

    La F1 ? stato uno dei motivi della mia scelta (l'altra scelta era architettura), ma in generale la mia scelta ? stata determinata dalla passione per tutto ci? che corre, dal centometrista al Concorde.

     

    Posso unirmi anch'io al progetto? Cos? vediamo se funziona il mio muso a "ornitorinco", liberamente ispirato dal "tricheco" Williams, ma profondamente diverso, con un muso piccolo (come Mc Laren) e gli attacchi dell'alettone larghi che vanno a carenarsi con il muso e gli schermi fra le ruote, formando una sorta di profilo aerodinamico e un largo canale che, stringendosi, convoglia ed accelera il flusso sotto la monoposto.

    Purtroppo non ho disegni da far vedere perch? col disegno sono una p..., al massimo delle viste laterali che non rendono bene l'idea del progetto.

    spiegato a parole la tua idea sembra interessante...scannerizza un bozzetto dai,chi se ne frega della qualit? del disegno,? la sostanza che conta...

    Far? il possibile...


  6. sono uno studente di Ingegneria Aerospaziale al Politecnico di Milano, sono al secondo anno.

     

    Per quanto riguarda Ingegneria Meccanica la migliore dicono sia a Torino data la vicinanza della Fiat, anche i professori sono molto rinomati; per quanto riguarda Aerospaziale la migliore ? il Politecnico visto che ha i laboratori + avanzati, abbiamo 4 gallerie del vento, 3 in scala ed 1 grande dove l'anno scorso venne la Ferrari F1 a testare alcune componenti per l'alettone anteriore...

     

    Anche tu ? IO SONO AL PRIMO ANNO , chi avevi come prof di istituzioni ? Jantzen , Merlini ?

    [OT/]

    Come state messi ad esami?

    Io sono disperato: questo doveva essere il mio secondo anno ma mi sono mancati 12 crediti ed ho dovuto fare il contratto a 5 anni, nelle intenzoni di dare Analisi II a Febbraio (per 3 crediti, un dannatissimo esame d'Inglese, non ho potuto fare quello a 4 anni mad.gif )

    Ora mi trovo nella situazione che se non do almeno 2 esami a Settembre il secondo anno me lo scordo anche questa volta.

    Il problema che uno dei due esami deve essere per forza Analisi II (col professore bastardo), l'altro deve essere o Informatica (non ho seguito nemmeno il corso) o Chimica (che ha propedeuticit? pi? importanti di Fisica II).

     

    Sto nella m***a, mi sento demoralizzato, sono inca***to con me stesso...

    AIUTOOOOOOOOOO

    inlacrime.gif

    *fine dello sfogo*

     

    Il professor Savino dovr? aspettare ancora una anno sad.gif

     

     

    Ma come ? stato organizzato da voi il corso di istituzioni? Qui a Napoli hanno diviso il corso in 3 parti: Aerodinamica, Strutture e Sistemi Spaziali.

    [\OT]


  7. veramente?piacere futuro collega...spero che almeno tu riesca dove io ho fallito,almeno per ora,lavorare nel settore dell'automobilismo sportivo

    La F1 ? stato uno dei motivi della mia scelta (l'altra scelta era architettura), ma in generale la mia scelta ? stata determinata dalla passione per tutto ci? che corre, dal centometrista al Concorde.

     

    Posso unirmi anch'io al progetto? Cos? vediamo se funziona il mio muso a "ornitorinco", liberamente ispirato dal "tricheco" Williams, ma profondamente diverso, con un muso piccolo (come Mc Laren) e gli attacchi dell'alettone larghi che vanno a carenarsi con il muso e gli schermi fra le ruote, formando una sorta di profilo aerodinamico e un largo canale che, stringendosi, convoglia ed accelera il flusso sotto la monoposto.

    Purtroppo non ho disegni da far vedere perch? col disegno sono una p..., al massimo delle viste laterali che non rendono bene l'idea del progetto.


  8. Purtroppo i primissimi Autosprint che ho comprato ('94-'95-'96, e forse anche qualcuno precedente) sono finiti tutti tagliuzzati dalla forbice mossa dall mia mano (ah sciagurato me!!!!!!!! sad.gifmad.gif ), assieme a vari Auto Oggi e Quattroruote e Gente Motori comprati da mio padre, perch? volevo fare un quaderno con tutte le foto delle auto, un progetto che non ha mai visto la luce ( angry_smile.gif ).

    Dal '97 al 2001 mi sono rimasti solo gli Autosprint delle gare di F1, gli altri mi servivano solo per la descrizione dei circuiti che usavo per il setup di GP2.

    Dal 2001 ho smesso di comprare Autosprint, fatta eccezzione per quei numeri con il libretto di presentazione del mondiale di F1.

    Da quest'anno il mio "rapporto" con Autosprint ? ricominciato di nuovo e lo compro ogni settimana (a proposito, domani devo passare per l'edicola, speriamo che arrivi), guai a perdere un numero.

     

    Autosprint ? davvero una bella risorsa wub.gif


  9. Ricordo di aver letto di un'altro caso in cui i punti furono tolti soloa lla squadra; non ricordo l'anno ma mi sembra che ch fu la McLaren (sempre lei) che aveva le gomme troppo larghe, o comunque una carregiata irregolare, e furono lasciati i punti ai piloti perch? erano in "buona fede".

     

    Non potevano usare lo steso metro con le Williams e le Toyota in Canada? In fondo la colpa ? stata delle squadre, non dei piloti.


  10. Mi sembra che il quarto pedale nelle auto di serie non si usi pi? da un bel po' di tempo.

     

    Sul terzo pedale della McLaren: io ricordo che gi? nelle ultime gare del 1997 lo usasse; ricordo i disegni del congegno sull'Autosprint.

    Mentre nel '98 la McLaren us? una particolare centralina che non basava pi? il suo funzonamento su due parametri (pressione sull'acceleratore e apertura farfalla) ma su tre (acceleratore, farfalla e giri motore); anche questo sistema fu contestato perch? dicevano funzionasse come una sorte di traction control.

    Hunaudi?res, hai fatto un p? di confusione. La polemica di fine 1997 alla quale ti riferisce riguarda il drive by wire e i diagrammi a 3D che significavano una sorta di controllo di trazione.

    No ho fatto confusione: sul numero 44 del 1997 di Autosprint (quello del Gran Premio di Jerez), a pagina 54, dove si parla di tecnica, c'? un chiaro disegno del dispositivo (ho scannerizzato l'immagine me non riesco a postarla).

     

    Riporto l'articolo:

    E la McLaren parla perfino di spionaggio

    JEREZ - La McLaren ? andata su tute le futie per la fuga di notizie sul nuovo sistema frenante, che agisce in uscita di curva sulle ruote posteriori in modo da non farle slittare, "strozzando" in pratica l'azione del motore. Il dispositivo era stato provato fin dall'estate, ma finora la squadra era riuscita a tenere il segreto.

    Poi qualcuno ha smascherato il terzo, piccolo pedale sulla vettura di Mika Hakkinen, che dal 1994 ne usava solo due, dopo l'introduzione della frizione a mano.

    Secondo Dennis ? stata presa una foto ai box (e non lungo la pista, come testimonierebe l'assenza del volante che invece va lasciato in vettura in caso di abbandono): una foto "commissionata" dalla concorrenza. "Sono molto risentito - dice il capo della McLaren - per quello checonsidero un tentativo deliberato di rendere pubblici i nostri segreti non solo alla stampa, ma anche agli altri team. Dal prossimo anno rafforzeremo la sicurezza nel nostro garage". Nessun dubbio, invecem sulla legalit? del sistema. "Se ? azionato dal pilota - commenta il presidente FIA Mosley - anche un freno che agisce su una sola ruota rientra nello spirito del regolamento!.

     

    Quindi il terzo pedale funzionava come un antispin "meccanico", ed io non ci trovo nulla di irregolare, visto che ? il pilota ad azionarlo.

     

     

    Un'altra polemica che coinvolse al McLaren nel '98 fu il sistema che permetteva di recuperare l'energia dissipata in calore per dare pi? potenza al motore.


  11. Mi sembra che il quarto pedale nelle auto di serie non si usi pi? da un bel po' di tempo.

     

    Sul terzo pedale della McLaren: io ricordo che gi? nelle ultime gare del 1997 lo usasse; ricordo i disegni del congegno sull'Autosprint.

    Mentre nel '98 la McLaren us? una particolare centralina che non basava pi? il suo funzonamento su due parametri (pressione sull'acceleratore e apertura farfalla) ma su tre (acceleratore, farfalla e giri motore); anche questo sistema fu contestato perch? dicevano funzionasse come una sorte di traction control.


  12. come i pericolosissimi alettoni che si adeguano alla velocit?.

    Come ad esempio il flap posteriore della BAR che si flette al centro in rettilineo?

    Sar? un ignorante in materia, ma non trovo la soluzione cos? pericolosa, almeno che non si rompa come sta succedendo alle sospensioni.

    Mentre la flessione dell'intero supporto posteriore la trovo alquanto rischiosa, sopratutto con gli scarichi che soffiano in alto, e la federazione fa bene a proibire questa soluzione.


  13. In poche parole, suppongo che non si dovrebbero sentire i passaggi di marcia o sbaglio?

    Esatto, si passa dalla marcia pi? corta a quella pi? lunga passando attraverso una lunga serie si rapporti intermedi.

    Un sistema simile lo ha appena adottato la Wolkswagen sulla Golf e la Touran: praticamente i rapporti sono disposti su due assi invece di uno (marce pari e dispari) e il sistema ? provvisto di due frizioni (su due alberi concentrici) che lavorano in sincronia (mentre una si chiude l'altra sia apre); praticamente mentre si sta su un rapporto, c'? un ingranaggio gi? su quello successivo e quando si abbassa la frizione e si sposta la leva del cambio (? un cambio manuale) entra in azione l'altro ingranaggio, e praticamente non si sentirebbe il passaggio da una marcia all'altra.

×