Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 01/30/2020 in all areas

  1. 2 points
    Numeri a caso e allarmismo, pare Studio Aperto. Bene così.
  2. 2 points
    quali? per cortesia postale altrimenti sono str****te megagalattiche
  3. 2 points
    Quando vai a fare il mutuo, prova a parlare di TFR con la banca, poi fammi sapere.
  4. 1 point
    Il weekend appena passato sembrava un fine settimana come un altro, tranquillo, con i programmi già delineati e le tue cose da fare...poi arriva la doccia fredda, la notizia che non vorresti mai ricevere. E' da sabato che ho un magone qui, cerco di non pensarci, ma ritorna sempre in mente. Purtroppo un caro amico di famiglia ci ha lasciati. Una di quelle persone che, da che iniziano i miei ricordi, è sempre stato presente nella nostra famiglia. Da piccino andavamo in montagna insieme alla sua famiglia, abbiamo fatto un sacco di gite. Ricordo una gita fatta in bici, sarà stato 26/27 anni fa. Dovevamo fare un giro in un piccolo lago, distante circa 40 km dal luogo di partenza. Noi eravamo proprio dei dilettanti allo sbaraglio, in 3 con delle bici scrause, in bermuda e maglietta. Lui invece, insieme a suo figlio, si presentarono in bici da corsa e tenuta professionale. Inutile dire come sia finita, fu un disastro per noi, con lui che ci prendeva bellamente per i fondelli. E' stato il padrino della mia comunione, il padrino della mia cresima, mi ha visto crescere, ho visto crescere i suoi figli. Mi sono sposato ed è venuto al mio matrimonio. Poi sono diventato papà e gli ho presentato mio figlio, lo avevamo appena invitato al battesimo. Lo incontravo spesso il sabato mattina, quando facevo il giro al mercato di un paese vicino. Ci si salutava sempre, si chiacchierava, una pacca sulle spalla, mi prendeva in giro quando gli dicevo che mio figlio era una peste e non mi lasciava dormire la notte; "se non soffri che gusto c'è" mi diceva ridendo. A Natale ci si incontrava sempre per gli auguri, tranne questo natale; per una cosa o per l'altra non abbiamo fatto a tempo a vederci. Ovvio, con il tempo non ci si vedeva più come un tempo, ma si trovava sempre il modo di scambiare due chiacchiere. Due settimane fa avevamo definito la data del battesimo, lo avevamo chiamato per dirglielo. Con la mia famiglia, ci eravamo lasciati con la promessa di trovarci a mangiare una pizza a casa nostra, insieme a loro, non lo facevamo da un po'...invece ieri l'ho salutato per l'ultima volta. Sarà che sto diventando vecchio, ma il magone è tanto questa volta. Con lui se ne va un pezzettino della mia vita. Abbiamo passato tanti momenti insieme e mi conforta il fatto che, in tanti anni, mai una discussione. Spesso tra parenti e amici, a volte per delle ca**ate immani, ci si manda a quel paese e a volte non ci si guarda più. Con loro invece mai una parola fuori posto, la tranquillità di poter dire "ci siamo divertiti e siamo stati felici". Era una di quelle persone che conosci da una vita e pensi, ingenuamente, ci sarà sempre. Sapere che non lo vedrò più mi crea una grande tristezza. Anche qui chissà perché, sempre in queste circostanze, ci vengono in mente tante belle parole da dire sulle persone, ma non lo diciamo mai quando conta veramente, sempre dopo. In questi giorni pensavo a quanto diamo per scontate le cose, ci comportiamo come se il tempo fosse infinito. Quante volte ci troviamo a dire "faremo, ci troveremo, vedremo". Passa il tempo poi e non si fa niente. Io stesso lo faccio. Ultimamente mi trascino stancamente nei fine settimana e a volte, quando mi chiamano, dico "ci troveremo più avanti", poi magari passano le settimane e non ci vede più per un bel po'. Diamo per scontato, do per scontato, che le persone ci saranno sempre. Scusate se sono stato patetico, cercavo una via di sfogo, far uscire un po' della tristezza, visto che in pubblico mi sforzo di far vedere che va bene. Forse piangere, magari non sarà da uomini, ma credo sia umano.
  5. 1 point
  6. 1 point
    Succede, purtroppo. A volte la vita colpisce duro, e bisogna trovare la forza per andare avanti. Un abbraccio a te, Aviatore! Sposo in modo particolare la parte finale della tua riflessione: non bisogna perdere un'occasione per dire (per la prima volta, o anche solo per ricordare una volta in più) alle persone a cui vogliamo bene quanto sono importanti per noi. A volte l'orgoglio e la riservatezza ci bloccano e ci impediscono di esporci, ma è un peccato sia per noi sia per chi ci sta intorno. Non necessariamente perché oggi ci siamo e domani chissà, ma semplicemente perché - è una banalità assoluta, eppure troppo spesso ci comportiamo come se così non fosse - il tempo passa in fretta, e ogni minuto che se ne va non tornerà indietro. Quindi occorre chiarirsi le idee e, allo stesso tempo, aiutare chi ci sta intorno a chiarirsele. Essere orgogliosi e riservati va bene, ma solo fino a un certo punto.
  7. 1 point
    mi spiace per il tuo amico. sono situazioni che affrontiamo e affronteremo tutti, un parente o un amico a cui siamo legati molto. ognuno reagisce in modo diverso, la vita continua e anche se un po' diversa, dobbiamo trovare forza per continuare e prendere spunto da quelle persone e quei momenti per fare meglio.
  8. 1 point
    Comunque non è vero che il gommino lo davano solo a Rossi, volevo solo provocare il rossista becero che c'è in @PheelDma non ci sono riuscito neanche questa volta.
  9. 1 point
    La SARS nel 2002 fece più di 800 morti... ed era molto più temuta anche come letalità
  10. 1 point
    No Pano, no dai... non ci si può appellare al sentito dire in questi casi... sicuramente i numeri ufficiali sono sottostimati ma per il momento sono gli unici dati certi... ovvero più di 6000 casi di contagio accertato e 132 morti accertati... ma 20000 decessi... XD
  11. 1 point
    Da buon ipocondriaco quando sento parlare di nuovi virus che si diffondono velocemente stringo sempre un pò le chiappe.
  12. 1 point
    onestamente mi sembra difficile tenere nascoste certe informazioni, parliamo di milioni di persone, è strapieno di occidentali lì. se si fosse alla pandemia lo sapremmo. che poi la situazione sia poco chiara è un altro discorso.
  13. 1 point
    Tutti gli ufficiali= Rossi
  14. 1 point
    No, stavo per tanare B ma si è salvato in corner
  15. 1 point
    Ormai questo è l'andazzo un po' ovunque, fingersi esperti (e con arroganza) quando non si sa minimamente di cosa si sta parlando. Apri un qualsiasi social e vedi. In questi giorni tutti esperti di elicotteri, dopo la morte di Kobe Bryant. Senti di quelle robe da accapponare la pelle (io ho lavorato nel settore), e lo dicono con una convinzione mai vista.
  16. 1 point
    Capisco cosa dici, sul fatto che i cinesi siano ingestibili. Verissimo. Però cerchiamo di non allontanarci troppo dalla realtà: ad aprile 2018 dopo un disastro ferroviario dell'altra velocità cinese (più di 40 morti) il governo è stato beccato mentre stava SOTTERRANDO le carcasse del treno per occultare il fatto. Trovi le news sul web. In Italia dobbiamo stare zitti perché abbiamo visto cosa è successo a Viareggio. Anche questo è vero. I drastici provvedimenti presi in questi giorni sono il male minore rispetto alla verità, su questo puoi starne certo. Sapendo quindi che la Cina è un paese di cui non ci si può fidare io non rischierei mai la salute di spettatori e addetti ai lavori.
  17. 1 point
    Io per le strade guido come una vecchietta, perchè correre sul dritto non mi da alcuna soddisfazione, e perchè la fretta è cattiva consigliera dato che statisticamente risparmi dai 2 ai 5 secondi dopo che hai fatto il co****e sorpassando tutti su linea continua. C'è sempre uno stop o un semaforo a vanificare la fretta e la sete di velocità dell'incapace medio, rappresentato da un buon 90% degli autisti e che sta peggiorando con il moltiplicarsi delle tecnologie automobilistiche in aiuto agli incapaci. Fatta questa premessa, sono i limiti ad essere sbagliati, anacronistici. Ora, ci sta tutta che nei centri abitati i limiti siano bassi, ma piu in generale sono troppo bassi per essere rispettati dalla massa. Io dopo una gioventù passata a collezionare e pagare multe, stremato, sono tra quelli che in presenza delle colonnine (che da noi nel Vicentino sono OVUNQUE) si piazza a 50/55 all'ora per evitare nuove molte (non perchè, andare a 65 in molti di quei punti sarebbe piu pericoloso), con il risultato di gente che mi sfanala e pianta i freni per non venirmi copiosamente in culo, pronti a sorpassarmi, magari in prossimità di un attraversamento pedonale, perchè vado troppo piano. La dove i limiti sono adeguati non vedo piu grandi coglionerie. 20 anni fa se stavi a 150 in autostrada ti spostavano passandoti a 200 all'ora, ed era la norma. Oggi onestamente ne vedo molti di meno di mentecatti del genere, perchè 140 all'ora (mettiamoci tolleranze dei tutor e tachimetri) è una velocità ragionevole su un'autostrada a tre corsie. 60/70 su una provinciale senza abitazioni....no, ed infatti è li che vedo le cose peggiori. Ci muoviamo (in modo sempre meno consapevole visto che si impara a guidare su auto che vanno da sole) su macchine con assistente di frenata, assistente di corsia, abs, telecamere a 360 gradi, in grado di fermarsi in 45 metri a 70 all'ora ed abbiamo gli stessi limiti di velocità di quando per strada c'erano le Fiat 124 (quelle vere) e Renault 4. Puoi educare, puoi punire, ma devi anche adeguare le regole.
  18. 1 point
    Io non sono un esperto in materia ma è opinione comune, almeno in Asia, che la Cina stia fallendo nel contenimento della malattia a livello nazionale. A Shanghai ci sono 66 contagi e un decesso confermati. Molte aziende giapponesi stanno valutando l'interruzione dei contatti con tutta la Cina. Sempre secondo i virologi più esperti il picco della malattia si avrà verso la fine di febbraio dopo che i cinesi saranno tornati dalle vacanze. Un vaccino, sperimentale, è in lavorazione ma non sarà pronto prima di marzo. Non so quanto tempo ci voglia per preparare un GP ma credo che almeno due mesi di anticipo siano necessari. Il che sposterebbe la decisione finale a metà febbraio, durante l'apice del contagio.
  19. 1 point
    Due miei amici si sono messi in proprio negli ultimi 10 anni, entrambi sono tornati dipendenti nel giro di un anno, se credete che basti mettersi a fare impresa per cambiare il suv due volte l'anno, basta provarci.
  20. 1 point
    Non capisco perché farne sempre una questione di benaltrismo, degno del miglior capitano. Si possono fare le riforme che chiedi tu in contemporanea a quelle di cui parlo io, le risorse non mancano. E poi il governo attuale dovrebbe avere ancora circa 3 anni di tempo. Pensare che la mancanza di civiltà e diritti non sia un problema strutturale serio è poi quantomeno divertente Poi, ripeto, il partito che fa le cose che vuole la gente è dall'altra parte. Mi auguro che qualcuno abbia il coraggio di andare un po'oltre. in teoria quelli al potere dovrebbero essere un pelino meglio della gente, altrimenti si potrebbe governare tramite sondaggi.
  21. 1 point
    https://www.youtube.com/watch?v=6_FotzVUU-0 notavo come al suo esordio in Ferrari le leve del cambio non fossero nella consueta posizione preferita dal francese (10:10 anziché la consueta 9:15), il che lo costringeva a cambiare continuamente impugnatura.
  22. 1 point
    Si, i piloti sono generalmente piuttosto strani e sicuramente egocentrici. Però sulla moglie di Mansell non sono d'accordo, non esiste solo la bellezza eh e loro due insieme ne hanno passate di tutti i colori, tra incidenti, figli, ipoteche e carriera sempre in bilico sino all'insperato successo, è anzi abbastanza ammirevole che nonostante le possibilità sia rimasto sempre con lei senza buttarsi sulla classica gnocca da pitlane. Io personalmente le battutaccie alla Piquet in proposito le ho sempre trovate molto sciocche e superficiali.
  23. 1 point
    Jean aveva un potenziale enorme, ma frenato dal carattere spesso focoso e impulsivo e da capacità di messa a punto deficitarie. Purtroppo rimase un talento inespresso. Forse l'ambiente Ferrari, unito a vetture poco competitive, non gli hanno permesso di maturare e sviluppare capacità per quel salto definitivo.
  24. 1 point
    Nel 91 sarebbe stato il suo primo anno ad alto livello e la williams era ancora acerba, ricordo tante rotture del cambio nelle prime gare per lorpo alla fin fine è stato meglio avere due piloti esperti; anc'io sono sempre stato un suo fan ma nel 96 ha un po' deluso con la benetton vincente cedutagli da Schumcher. Secondo Mazzola aveva una caratteristica di settare la macchina che lo penalizzava sulla lunga distanza, infatti qualche gare in testa le ha perse contro Schumacher dopo 3/4 gara. Era il migliore assoluto nelle partenze tra l'altro
  25. 1 point
    Credo che Alesi fosse un campione ma non ha maturato perchè è stato troppi anni in un team scarso con macchine scarse e con tanta disorganizzazione. Fosse andato in Williams, avrebbe imparato a vincere. La stoffa c'era. In Ferrari invece ha imparato a non fare le scelte migliori per la vetture ma le migliori per primeggiare sul compagno di squadra e a portare fino in fondo una scelta dei tecnici per dimostrare che i tecnici sono dei cogglioni. Quello non era un team che remava nella stessa direzione.
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00


×