Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing most liked content since 04/26/2019 in all areas

  1. 10 likes
    Abbiamo deciso di modificare il nick di Andrea e riportarlo alla versione originale @maxilrosso visto che la nuova era stata usata solo per un mesetto.
  2. 8 likes
    Ho scritto che ha fatto bene il suo lavoro. Cosa devo dire, che lo amo...?
  3. 8 likes
    Ciao a tutti. Finalmente ho finito le terapie, ma soprattutto finalmente il mio amico ha condiviso qualcosa di interessante. Settimana scorsa Binotto ha fatto una mini riunione con il gruppo motoristi in cui avrebbe detto testualmente: Insomma, l'ultimo pacchetto aerodinamico è così importante a livello di sforzo e di speranze che se non dovesse funzionare il mondiale sarebbe definitivamente chiuso già alla quinta gara, perché non avrebbero altre idee per tornare davanti. Tocca sperare in una doppietta, e pure netta. Se non dovesse arrivare, almeno potremmo smettere di soffrire.
  4. 8 likes
    Pazzesco... sono allibito! Non avevo notato l'avviso in rosso (anche perchè non sono stato molto presente) e quando ho letto ho pensato fosse o un ban o un avviso che spamilrosso aveva "lasciato", in senso di mollare, il forum per motivi suoi... poi ho letto il messaggio di bey e mi è cascata la mascella. Non lo conoscevo di persona (come tutti gli altri per altro) ma quando frequenti un forum, alcuni utenti li leggi e li "frequenti" anche per anni, che è quasi come conoscerli di persona. E' come perdere un amico. Mi dispiace molto, sono sicuro che il forum sia stato una delle cose belle della sua vita e che abbia speso volentieri il suo tempo qui, divertendosi e mettendosi alla prova. Ti ricorderemo sempre
  5. 7 likes
    Ragazzi se ci mettiamo a pensare che il problema sia la sospensione cambiata dopo il cedimento invernale ci illudiamo e facciamo del male. Cerchiamo a tutti i costi un motivo contingente che provichi questi ritardi, e la PU, la sospensione, la finestra di utilizzo delle gomme. È chiaramente un arrampicarsi sugli specchi, la verità è che l'auto non è all'altezza del mostro tirato fuori dai tedeschi. Un'auto con delle qualità ma lontana lontana dalla perfezione che serve per battere quelli...è finita.
  6. 6 likes
    Un all -in-quel posto
  7. 6 likes
    potresti continuare spiegandoci cosa sono i fori bucati
  8. 6 likes
    sorprendente come si cada nell'errore logico per cui siccome la Ferrari ha vinto a Silverstone allora tutto ok con la porcata che fecero
  9. 6 likes
    Diciamocelo chiaro: la Mercedes vince da 5 anni solo e unicamente perché è aiutata dalla FIA, dalla Pirelli, dal Signore e dagli alieni.
  10. 6 likes
    Ovviamente non potevano mancare i soliti piagnistei di coloro che invece di constatare la pochezza del team per cui tifano devono tirare fuori i 4mm o Hamilton che prende paga da bottas. Qualcosa su cui dover riversate la propria bile, poveretti
  11. 5 likes
    La pirelli ha perso ogni diritto di parola, e ogni dignità nel 2013. Deve ringraziare qualche santo, di essere ancora un fornitore di f1. Tra test proibiti, continui cambi di costruzione durante l'anno, guardacaso priprio nell'anno in cui la ferrari era forse l'unica a far funzionare bene le gomme, arrivando al gommino fatto su richiesta nel 2018, isola, per andare in tv a metterci la sua faccia (falsa), deve guadagnare piu di hamilton e vettel assieme. Questa azienda è fatta cosi, il peggio dell'italianita' in fatto di servi dei più forti, falsi e icapaci.
  12. 5 likes
    Podcast ufficiale sempre con James Allison, un piccolo resoconto se non volete ascoltarvi un'ora e nove minuti: - secondo Allison solo due GP su 4 fino ad ora hanno visto realmente Mercedes in vantaggio. - Ad oggi non svolge più alcun lavoro di design dell'auto come direttore tecnico. Rifiuta categoricamente l'appellativo di "vettura di Allison". La verità è che l'idea che una singola persona possa essere la mente di un intero progetto è completamente non-sense. - Era capo aerodinamico alla Larrousse. Al tempo, nel 1993-94, il team era diviso in due parti, la parte racing e la parte tecnica. In quest'ultima c'erano sole 15 persone. Nel singolo reparto aerodinamico lui e due modelmaker. Secondo lui stesso erano terribili, perché non si può essere altro che quello con così poche persone, ma allo stesso tempo notevoli per aver costruito una vettura di F1 che potesse anche solo finire le gare (e prendere anche qualche punto ogni tanto, con sole sei vetture a punti). - La sua famiglia è sempre stata nel campo dell'aviazione. Lui avrebbe voluto fare il pilota di jet, ma dato il suo daltonismo, l'unica maniera sarebbe stata imbrogliare nel test. Ha scoperto della sua condizione a 10-11 anni. Spiega anche il test che viene fatto, quello dei punti colorati che formano un numero. Lui riusciva a riconoscere, in certi casi, la forma della parte superiore. Sapendo questa, poteva ridurre il numero di opzioni disponibili (lui fa l'esempio del 3 e del 7), scegliendo quella opposta a quella che la sua mente percepiva. I dottori però hanno notato troppo tempo nella risposta e lo hanno sottoposto ad un test definitivo, ovviamente fallito - Il suo primo impiego in F1 è stato in Benetton. Mandò vari curriculum e ricevette due risposte, una da McLaren (grazie, le faremo sapere) e appunto Benetton. Fu fortunato, Benetton pubblicò un annuncio per una posizione da Junior Engineer su Autosport proprio nella settimana in cui Allison inviò il curriculum e il suo fu il primo della lista. - Cita come sue maggiori influenze nella sua carriera Bob Bell e Ross Brawn, del quale apprezza la leadership e la calma nel lavoro. - Pensa che i regolamenti attuali non siano troppo restringenti ma allo stesso tempo pensa che questa "limitazione" aiuti le persone che lavorano all'interno dei team a dare il meglio di loro stesse, al fine di trovare anche i minuscoli dettagli che possano dare un vantaggio. - I primi impieghi fuori dalla fabbrica sono arrivati con il passaggio in Ferrari nel 2000 e l'inizio del dominio durato fino al 2004. Nota come la presenza in pista faccia decisamente andare le emozioni come un roller-coaster ed è molto contento di essere stato parte del team che ha vinto. Ricorda con piacere l'aver trovato la gente festante in aeroporto al ritorno dal Giappone. Afferma che solo due dei campionati vinti (stagioni) siano stati realmente dominati, gli altri sono stati molto combattuti. Dice anche che, a ben vedere, può anche dire che Ferrari fosse il team più grande con il budget più elevato e nemmeno di poco e un pilota magnifico. Secondo lui i team contro i quali Ferrari si è scontrata al tempo non potevano avere quello sforzo (economico) che Ferrari poteva permettersi, era una macchina da guerra. Ritiene che la battaglia attuale tra i 3 top team sia una battaglia tra titani, con squadre estremamente professionali e soprattutto molto ben finanziate e che meriti di essere riconosciuta come notevole. - Sempre sul primo periodo in Ferrari: tutti sapevano che Jean Todt fosse il team principal, come presenza. Gran lavoro per il team, un gran scudo sul team contro le possibili critiche che potessero arrivare dall'esterno. Sapeva far girare il team fluidamente senza intoppi. Nel caso ci fosse qualche problema sapeva risolverlo molto bene, anche cacciando le persone nel caso queste fossero problematiche. - Riguardo a Briatore: preferiva smistare i suoi "doveri" a Bob Bell e Pat Symonds, al tempo capo della squadra racing in Benetton. - Al suo secondo ritorno in Ferrari si è subito accorto che quello scudo che Todt era riuscito a creare fosse ormai esaurito nel corso degli anni, rendendo anche più complesso il lavoro del team, molte pressioni in più dall'esterno. Dice anche che alcune decisioni non fossero necessariamente prese al "giusto" livello dalle persone competenti a farlo. Maggior tendenza a reagire al breve periodo piuttosto che prendere decisioni calme che potessero portare stabilità. Guardando a Ferrari oggi, pensa che abbiano compreso questa cosa e che abbiano degli asset che possano essere molto forti nel caso dovessero riuscire a tenere i nervi saldi. Vettura molto veloce e ottime persone che lavorano su di essa, devono non avere panico. - In F1 puoi avere delle sensazioni particolari, strane. Allo stesso tempo puoi avere molto affetto per posti, persone (dice di avere tutt'oggi numerosissimi amici in Ferrari) e allo stesso tempo il desiderio di schiantarli al suolo (letteralmente to crash them into the ground). Questo ovviamente vale anche al contrario verso di lui, nonostante abbiano passato bei momenti insieme. Spera che a queste persone possa accadere il meglio possibile. - Ritiene che i piloti di F1 siano degli esseri umani "speciali", al di là di quanto si possa pensare. Arrivando in Mercedes si aspettava di trovare un pilota veloce in Hamilton e apprezza una qualità di Lewis: il fatto che sappia guidare un auto molto intelligentemente. Fa l'esempio di Monza 2018, Hamilton ha piazzato l'auto in maniera perfetta, entro le regole, lasciando zero vie per Vettel per uscirne. Conoscendolo meglio ha capito che Lewis fosse tutto questo appena elencato, solo ad un grado ancor più alto. Pensava inoltre di trovare un pilota con un ego smisurato, in realtà è molto più umano e apprezza la sua personalità. - Il modo in cui si è presentato a Lewis è stato particolare, durante i test 2017. Big moment per Lewis in curva 4, termina il run e rientra ai box. Allison era alla telemetria e Lewis gli chiese se avesse visto quello appena accaduto. Allison, per non essere troppo accondiscendente con lui (del tipo "Wow", "si, davvero incredibile), gli rispose "si, l'ho visto, ma la cosa che mi stupisce sempre di voi stronzi è che il giro successivo cerchiate ancora di più la stessa cosa". Nella sua testa pensava che fosse una maniera indiretta per riconoscere l'unicità dei piloti e la capacità di togliersi dalla testa quanto appena accaduto e andare ancora più forte. Questo senza dover per forza dire "si, sei veramente figo". Lewis è letteralmente sbiancato, lo ha guardato piuttosto sorpreso e se ne è andato Più tardi nella giornata Toto Wolff gli ha parlato riferendo i pensieri di Hamilton su di lui, ritenuto rude dall'inglese. Si sono rivisti in fabbrica per un caffè e Allison ha dovuto spiegare cosa intendesse con quelle parole. Quello che lo ha sorpreso molto di Lewis è che immediatamente, non avendo avuto altre chance per farlo, abbia fatto le condoglianze per la perdita della moglie sei mesi prima. Non si sarebbe aspettato che qualcuno riportasse alla luce questa cosa, specialmente un pilota. Oltre a questo gli ha augurato di ritrovarare quanto prima la felicità. Per chiudere Allison ha affermato che per questo "futuro" avrebbe avuto bisogno di parlare con una donna, cosa nella quale non è molto abile. Risposta di Lewis: "beh, non chiamarle stronze" - Riguardo a Schumacher, riconosce che sia stato un pilota molto abile nel costruire un gruppo vincente, rendendo molto partecipi le persone del team dei suoi successi. Molto in forma per gli standard dell'epoca e capace di fare giri da qualifica in gara senza troppo dispendio fisico. A differenza di Hamilton, il quale non apprezza i test nonostante conosca i vantaggi che questi possano portare, Schumacher adorava farli, adorava essere al circuito con il team testing. Ricorda un weekend a Monaco dove dopo le prove del giovedì, volendo fare ulteriori prove di partenza, andò in elicottero a Fiorano giusto per farle. Fu il pilota a fare più km in pista quella stagione e anche per questa disciplina è stato veramente un pilota dominante. - Sorprendentemente, conosce praticamente solo l'italiano come seconda lingua. Ha dovuto impararlo per necessità ma anche come sfida per se stesso, non essendo mai stato un gran studioso di lingue. E' molto contento se qualcuno gli dovesse chiedere in TV qualcosa in italiano. - Su Valtteri, pensa che stia guidando fantasticamente e che l'anno scorso avrebbe potuto avere lo stesso livello di punti. Si chiede se Valtteri possa essere competitivo anche in circuiti a lui non così favorevoli e se la fortuna questa volta girerà bene. Nota una grossa differenza, la determinazione del finlandese. Ha un focus maggiore sulle sue debolezze, specialmente sul passo gara, sulle quali ha lavorato con il suo ingegnere di pista. - Nonostante i 28 anni in F1, ritiene quelli recenti come direttore tecnico come i più divertenti e interessanti. Ripete di non essere in alcun modo una "master-mind", ma che sono le persone che lavorano sotto di lui a portare giusto un pezzettino delle proprie abilità al fine di creare l'auto. E' un lavoro di squadra. - Pensa che la comunicazione e una certa persuasione nel far seguire una certa linea siano i suoi punti forti, più soft skills che design.
  13. 5 likes
    Parlavo con qualcuno di voi nel gruppo su dove scrivere il mio post 1000. Sebbene fossi tentato di dedicarlo a Rio Nero, penso che la cosa migliore sia farlo qui. A me fa ancora specie vederlo in classifica al Fanta Formula 1, per anni ci siamo scontrati anche lì. A volte qui dentro ci si confronta, a volte con opinioni diverse, è pure facile insultarsi, e solo poi ti accorgi che dietro a ciascun nickname si nasconde una persona che alla fine è qui perchè condivide la stessa passione. E' una notizia che mi ha turbato, ci penso spesso quando entro qui da quando l'ho appresa. Alla fine è una cazzata, ma voglio dedicare a lui il post 1000. RIP
  14. 5 likes
    Qualche news: 1) Motore: pare che i problemi di resistenza di quel pezzo siano risolti (al banco), quindi quando verrà introdotto, si spera sarà possibile utilizzare mappature più spinte per più tempo. Le componenti sono state deliberate, ma è molto difficile che si riesca a portarle per sabato prossimo dato che i pezzi nuovi vanno prodotti; va fatto un controllo qualità; assemblati per verificare che funzionino al banco e poi portati in pista (non so preciso in che modo funziona, ma tipo: produco 3 motori identici con i pezzi della stessa partita di produzione: 1 va testato e gli altri 2 poi vengono deliberati in modo definitivo). Qualche piccola speranza di portarle resta dato che il gp è in Spagna e non fuori dall'Europa. In ogni caso sono tranquilli di poter usare questo motore per i prox due gp dato che è stato abbondantemente risparmiato in Australia e il gp di Monaco non è troppo impegnativo. 2) aggiornamenti: Gli aggiornamenti portati a Baku (anticipo di una parte degli aggiornamenti previsti) hanno funzionato come previsto dal punto di vista prestazionale (uno 0.150 al giro a Baku, in condizioni di gomma funzionante). Resta il problema della finestra di funzionamento delle gomme che è ancora troppo stretta. Si spera di aumentarla con i prossimi aggiornamenti. 3) confronto con Mercedes: Mi ha detto una cosa molto banale se vogliamo...cioè: la Ferrari è una buona macchina e se si riesce ad aumentare questa finestra di funzionamento il Mondiale non è ancora chiuso. Allo stesso tempo ha detto anche che: al momento noi stiamo provando a correggere degli errori, mentre loro non hanno particolari problemi e andranno avanti con aggiornamenti e miglioramenti di prestazioni. Succo del discorso: speriamo che si riesca a risolvere il problema della finestra di funzionamento al più presto, così che si possa spingere sugli aggiornamenti.
  15. 5 likes
    Comunque, a onor del vero: in Australia Vettel stava andando più veloce di Leclerc, quando è arrivato il problema (non ricordo più di che natura) che l'ha costretto a rallentare e a farsi raggiungere da Leclerc, altrimenti non c'era confronto. In Bahrain Leclerc è stato più veloce dall'inizio alla fine. In Cina i due si sono equivalsi, con Vettel che ne aveva forse un po' di più. A Baku Leclerc è andato meglio in termini velocistici, ma Vettel ha capitalizzato meglio. Alla fine non è che uno dei due stia distruggendo l'altro, mi pare. Si tratta di una bella coppia, a parer mio.
  16. 4 likes
    Bisogna cacciare Alonso e Domenicali.
  17. 4 likes
    quante sciocchezze , ora iniziamo a smerdare pure lui la Ferrari ha preso un semi rookie di vent'anni e questo è quello che si aspetta da un semi rookie di vent'anni, tanta velocità e peccati di inesperienza
  18. 4 likes
  19. 4 likes
    Dalla famosa 1000km di Barcellona, la quale era già un buon motivo per buttarli fuori, ogni cambiamento alle gomme (comprese le porcate delle modifiche durante il campionato) sono andate a favorire i progetti Mercedes ma solo per caso eh. Posso capire che sia ormai inutile continuare a lamentarsi di una situazione accettata da tutti, Ferrari compresa, basta che non si venga a dire che la povera Pirelli si fa il chiulo per il bene della F1 e il povero Isola riceve troppe critiche perché sarebbe veramente il colmo!
  20. 4 likes
    Fortunatamente no, altrimenti il forum sarebbe già collassato sotto il peso della mia firma.
  21. 4 likes
    Gara 9 - G.P. D'AUSTRIA Ripristino la difficoltà a 90. Si prevede la fine della gara con pioggia leggera. Libere 1. Monto tutti i pezzi n°1, tranne il turbo: devo usare il 2 perché l’1 è andato (91%). Ok il programma conoscenza tracciato (gomme soft), con tutti viola!!!! Non passo gestione consumo carburante, non per il tempo, ma proprio per il consumo! Ok anche il programma strategia di gara nonostante le gomme SS consumate e, incredibile, pure quello di gestione ers (con un treno di SS nuovo e gestendo le impostazioni ad ogni curva)!!!! Ne ho fatti ben 4, che sbadato! 13 giri! Mi sa che qui vado davvero forte. 10° posto a 1” dal primo a parità di gomme, mentre Grosjean è 17°!!! Verstappen mi dà nuovamente strada, incredibile! Libere 2, non passo il ritmo qualifica, nonostante il secondo tempo di sessione! E l’ers in “hot lap” dura appena un giro! Passo gestione gomme ma era una scemenza. Tutti gli obiettivi scuderia li passo. Termino dietro Ricciardo per 2 decimi e Grosjean è 4°, segno che è anche merito della macchina. Ottengo più di 600 punti risorsa tra le due sessioni, ma non posso sviluppare ancora niente di nuovo. Il morale di reparti motore e aerodinamica è già tornato normale, ma come? Nonostante le mie lodi dopo la vittoria? Reputazione massima presso tutte le scuderie tranne la mia, che sta intorno all’85%, e i 3 top team, anche se la Ferrari si avvicina a 90% ed è la più in alto fra le tre (ultima la RB). Dopo le libere, il cambio di prova si è usurato del 12% per 24 giri netti! E il giro è corto…mah, dove stanno le migliorie? 4 su 5 possibili poi… Anche l’MGU-H n°1 è andato, 91% di usura e ha il triangolo rosso. E la prossima volta toccherà all’MGU-K. Oh oh…di quelli ne ho solo 3, saremo al limite a fine stagione… Supero i 7000 km in carriera. Salto le libere 3, come programmato. Col cambio da gara al 59% non dovrei avere problemi. Qualifiche, monto tutti i pezzi numero 2 della PU. Q1, vado bene, 1’06”111 e siglo il miglior tempo! Mi basta un solo tentativo! Grosjean è nei primi 10. Q2, primo set, nuovamente in testa, poi Vettel mi supera momentaneamente, Leclerc mi blocca uscendo dai box e così torno in pista con un secondo set…primo giro fallito, al secondo giro torno in testa con 1’06”007, peccato che le gomme siano usurate al 7% contro il 5% del treno precedente. Grosjean 10°. Q3, uso anche stavolta due treni nuovi. Primo tentativo, subito in pole. Peccato non aver messo in fila i settori migliori. Ma non mi fido e uso l’ultimo set di US nuovo per uno strabiliante 1’05”661…ma attenzione, perché Hamilton scende a sua volta sotto l’1’06” e Bottas fa 1’06”000, quindi ho un po’ rischiato a non tentare un ulteriore crono in un secondo giro lanciato (e comunque l’ers con la miscela max dura di più!). Grosjean 10°. Comunque abbiamo superato la Force India nello sviluppo. Seconda pole consecutiva , seconda stagionale, seconda con la Haas, seconda su 2 in Austria e terza della carriera, grandeee! Ora cerchiamo di muovere in avanti anche la casellina delle vittorie (e dei giri più veloci). Prevista pioggerellina a fine gara, ok si farà tutta con le slick. Sarebbe figo vincere anche qui. Gara! Cambio gomme previsto al 7° giro. Partenza ottima, mantengo la testa…primo giro in 1’11”; poi Bottas mi attacca in curva 3, mi difendo bene ma ne aprofitta Hamilton per passarmi. Sgrrr! Si va avanti, anche Bottas mi attacca, ma mi prende a ruotate!!! Asino! Tutto ok, resto secondo fino al pit, ma mi prendo anche il giro più veloce della corsa. Sono il primo ad entrare! Spingo come un matto dando tutto l’ers, ma forse 1) sono entrato troppo lento nella corsia dei box (Alex isterico: prima mi dice “le gomme vanno bene, teniamole finchè possiamo”, dopo mezzo giro “in questo giro! In questo giro! Forza!”), 2) non ho mollato la frizione alla svelta ripartendo. Esco 15° dietro Sirotkin, e lo supero all’ultima curva con tanto panico e grosso rischio di tamponarlo in pieno. Vedo uno che mi esce un po’ avanti. È Hamilton, forse mi ha ripreso qualche metro. Non guardo le posizioni, pensando “beh, se ce l’ho nuovamente davanti sono virtualmente secondo come prima della sosta”. Infatti dopo un po’ è così, e Bottas nuovamente terzo ma a ben 8” da me! Aah, solo all’inizio doveva rompere i co***i? Allora capisco che era così rompiscatole perché aveva l’ers e la miscela a tutta, mentre io già gestivo un po’…contro le Mercedes…ma bravo…che sgarro! Al primo giro lanciato faccio il giro più veloce della corsa, wow!!! Ma credo che fosse già mio… Intanto con queste gomme ho un grip micidiale, e il distacco da Hamilton si riduce…2”8…1”5…poi posso aprire il drs 3 volte su 3 in un giro al 15° giro, gli sono a tiro ma devo un po’ gestire l’ers…finchè, al 16° giro, alla seconda staccata lo infilo, un po’ da lontano, lo supero con una sportellata (e gli alzo il dito medio), torno in testa e devo anche gestire l’energia e il ritorno di Hamilton (anche a causa di un mio errorino all’uscita della terza curva al penultimo giro). Poi Hamilton ha un problema, mi sa dovuto alla mia botta, e arretra. Io vinco la seconda di fila, con giro più veloce e pole, è il mio primo Hat Trick!!!! Non è Grand Chelem, ma penso che nella F1 moderna sia impossibile già soltanto per i pit stop, se non domini. Dietro di me Bottas e Vettel. Poi Verstappen, Ricciardo, Perez, Raikkonen, Grosjean, Ericsson e Sainz. Hamilton arriva solo 15°. Classifica Piloti: 1° Raikkonen 139 (sarà contento @KimiSanton e come lui tutti gli altri numerosi fans di Kimi), 2° Hamilton 116, 3° Ricciardo e Vettel 109, 5° Verstappen 93, 6° io con 80, 7° Bottas 70, 8° Perez 51. Classifica Costruttori: 1° Ferrari 248, 2° Red Bull 202, 3° Mercedes 186, 4° Haas 99, 5° Force India 74, 6° Renault 59. Passo in vantaggio di 1 nella rivalità con Perez! E manca 1 alla vittoria finale… Reputazione Haas finalmente al 100% e la Ferrari ci è vicinissima! Nell’intervista non mi parla delle botte, strano! Il mio cambio ha resistito, evvivaaa!!! Usura finale 69% e ora si cambia senza penalità! E vista la durata delle gomme, direi che anche lo sviluppo delle sospensioni è stato efficace. Comunque calma e gesso, non mi illudo proprio: ho la sensazione che la pacchia sia finita: in Austria andavo più forte, le prossime gare saranno più toste, specialmente Silverstone (dove non avevo brillato) e dovrò pensare ai punti, altro che continuare a vincere! In Germania forse andrà già meglio.
  22. 4 likes
    Il metodo Rio nero va perfezionato. Invece di puntare alle amiche, fatti la madre. Così quando poi passi alla figlia, la famiglia si spacca e non hai una suocera tra le palle. Win win.
  23. 4 likes
    E caschi male con me su sto campo... io non sto dicendo vettel ridimensionato, sto dicendo dal 2010, vettel sopravvalutato. L'ho sempre detto, e non cambio idea perché guida una ferrari. Mettiti pure in coda con quelli a cui do fastidio......voglio vedere una stagione alla hamilton 2018, e cambierò idea. Per ora aspetto...
  24. 4 likes
    Infatti, il livello di rosicamento napoletano per le vittorie Mercedes è arrivato a livelli insostenibili. E' per questo che da tifoso Ferrari ormai quasi non tifo più. Mi succede lo stesso con i mondiali dove non tifo nè Italia nè Argentina. Non sopporto il tifo di chi perde e automaticamente accusa gli altri di essere dei ladri...infatti da simpatizzante del Napoli ormai gongolo ad ogni loro insuccesso (si sono ridotti ai fuochi artificiali quando perde la Juve). Come vedi, un giornalista spiega le ragioni della superiorità Mercedes ("la Mercedes ha più carico, quindi in caso di mancata aderenza delle gomme, va meglio della Ferrari") e il tifoso napolferrarista si lagna ("la Pirelli ha progettato di proposito gomme critiche per favorire la Mercedes") quando in realtà sia Ferrari che Mercedes cercano di avere il carico più grande possibile. Mi ricorda quando nel 2003 le Michelin andavano meglio delle Bridgestone con il caldo e qualche genio del mio appartamento diceva "quella della Bridgestone sono stupidi perchè progettano gomme per temperature più basse quando si sa già che quasi tutti i GP si corrono in estate"...
  25. 4 likes
    cambiare casacca riesce solo ai mclarinisti a quanto pare
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00


×