Vai al contenuto


Jean Alesi


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 903 risposte

#1 Guest_andrea81_*

Guest_andrea81_*
  • Guests

Inviato 21 October 2007 - 10:44

Girando ho trovato quest'articolo

http://atlasf1.autos...ra/andrews.html

Jean Alesi:
The Wrong Time and the Wrong Place
by Mark Andrews, England

Jean AlesiAs he flew down the long street under the unusually overcast skies of Phoenix, he decided it was time to make his move, having held back in the belief that the man ahead would have to make a pit-stop. He did not, and now he knew that if he wanted to win he would have to go for it. He waited patiently, then out braked him as they turned to move right into a right right-angle corner. There was no need to close the door as the parallel part of the track was dirty and he could not envisage the other man causing him any problems beyond what he had considered earlier, that this man would be hard to overtake but overtaken him he had and now it was time to drive on towards the certain victory that awaited him.

However, something unexpected happened. The young racer would not yield and instead powered onto the dirty side of the track and darted left into the next corner. That was not meant to be! The crowd roared, the commentators looked on in a mixture of stunned awe and giddy excitement, and the world looked on amazed. Sensssaaaaaational as one commentator might have described it. For this young pretender from France by way of Sicily, had just outmanoeuvred the great Ayrton Senna!

Few could, or indeed would dare such a feat. Yet this fiery young racer had just done it and made it stick! He came at him again the next lap and this time at the same corner took him yet again. This time making sure he closed the door but the Sicilian refused to take no for an answer and carried on trying to race him, side by side and wheel to wheel and into the next corner. Finally Senna got the upper hand and locked himself into the first position. He won the race, but only by eight seconds. Quite an achievement for the second placed man in the modest but agile Tyrrell who had stuck with and held his own to what many considered the greatest driver of all time, driving in the best chassis and with the most powerful engine of them all.

Phoenix 1990 - this was, in explosive fashion, the final confirmation of the arrival of Jean Alesi.

Sadly though, after ten years in Formula One, Jean stands with only one win to his name. The Sicilian has never stopped trying, never stopped pushing and never ever stopped being fast. Sure he has overdriven on a fair few occasions, and sure he has suffered a brain fade on a couple of occasions (the most embarrassing of these being when he let himself run out of fuel needlessly at Melbourne in 1997), but then he has made up for these with awe inspiring performances that only true great drivers could do.

Throughout his Formula One career there have been the highs. The titanic battle at Phoenix, the stunning display at Monaco in 1990, and then there were the moments in the sun at Ferrari during a period dominated by the clouds. The daring display of car control in the woefully uncompetitive F92a on slicks at a rain soaked Magny Cours track in 1992 where, until the magic ended and he spun and had to pit, he was only a second slower a lap in the wet on slicks than the leaders on full wets. Only Alesi could produce such a performance of car control and outright speed in such terrible conditions.

Alesi beats Hakkinen, Estoril 1993Not even Senna could match these performances sometimes. Indeed, a couple of races earlier at Barcelona in another wet race Alesi had gone on a charge after spinning early on. With the rain beating down Alesi went after Senna's McLaren and in the space of two laps had taken 14 seconds out of the Brazilian. Senna then aquaplaned and Alesi took third place with only Schumacher and Mansell in second and first places respectively.

Then there were the other moments such as Estoril in 1993. Alesi made a storming start from the grid and took Hakkinen going into the first corner and led for nearly 20 laps. A novelty for a Ferrari in those days.

And there was the win in Canada in 1995. Fortuitous though the final result may have been, Alesi had got himself into second position in the early part of the race on his own merit. With superb moves on teammate Gerhard Berger and Williams' Damon Hill, he set himself up perfectly for the opportunity when Schumacher's Benetton failed. As he stormed towards the end of the race inside the cockpit he fought back the tears of joy and emotion. He couldn't believe it was really happening after so much pain with the Italian marque. Every time he braked, the tears would fly forward and steam up his visor. He regained his composure and went on to the win. The Quebec crowd broke rank in jubilation and stormed the track, nearly causing accidents for other drivers. For them the true spirit of Gilles Villeneuve, Ferrari No. 27, had come home and he had come home in style.

Sometimes victory would be cruelly robbed from Alesi. Such was the case at Monza in 1994 when he was the class of the field. He had been fastest all weekend and set pole in style with his teammate Berger behind him. In the race he ran away from the rest at nearly a second a lap. But the unreliability would strike and when he made his first of two pitstops on lap 15 the gearbox failed. In disbelief he paused momentarily. Then anger, four years of bottled up anger erupted. He slammed the steering wheel and got out of the car. He hurled his helmet away and stormed off out of the garage to his awaiting car. Ignoring his executive jet waiting at the Milan airport he flew off down the highway at nearly 260 kmph. He got back from Monza in Italy to his home in Avignon in just thirty minutes.

It wasn't until 1995 that the Maranello cars would finally start to come good. Such was the progression of the team. Since the arrival of Luca di Montezemolo, Jean Todt and Niki Lauda throughout 1993 the organisation of the team had steadily been improving. By 1995 it was at a stage where, with few problems in the offices and production plants within Maranello, the cars could finally start to develop to a high standard. With this setting, Jean set out for what would be one of his best years.

The tifosi cheer for their beloved Alesi, Monza 1993With a more reliable Ferrari V12 that was also getting more drivable, Alesi could start to challenge - and occasionally beat - the top runners in the likes of Damon Hill, David Coulthard and Michael Schumacher, and Ferrari could lead the constructors championship after coming away from Montreal with a win. Alesi took full advantage of the improved Ferrari and scored numerous podiums, including that win, including two of his best career performances at the Nurburgring and Suzuka before the season end.

Nurburgring was a magical classic Alesi wet weather performance. On a wet rack and in only slicks he drove the race of his life. Not even Hill, who was desperate to win to keep his championship hopes alive, could get the better of Alesi. He tried, but committed an unforced-error and drove off onto the grass trying to take Alesi.

Alesi looked set for another win. But having only pitted once, his tyres were badly worn and Schumacher on fresh rubber was charging him down at around three seconds a lap. To make matters worse, the thirsty V12 was running very low on fuel and Alesi had to deliberately slow down to make sure he got to the end of the race. In the dying laps Schumacher caught him. Alesi defended vigorously and looked like being able to keep the German behind him until the chequered flag. It was impossible though. By now the tyres were so worn that they could give no more. With three laps left to go Alesi could find no grip going into the Veedol chicane and cut across the grass. Schumacher scampered through and after briefly dicing with Alesi, who gallantly fought on to defend his position, he was away.

Alesi almost got his revenge at Suzuka though. Much like many of the races in 1995, Suzuka was a wet one, partially at least. From the start Alesi slotted into second behind Schumacher. Alesi had jumped the start though and on lap five had to come in for a ten second stop-go penalty. This he duly took and came back out. Then two laps later he was back in. What was this? It turned out that Alesi was gambling and going for slicks. He came back out down in 15th but instantly started to charge. His rise was meteoric and with other drivers realising that now the track was drying and pitstoping to take on slicks, he shot back up to third and started his famous charge. Compared to what he was about to do his rise from fifteenth to second was modest and, having recovered from a 360 degree spin now it was time for the notorious Alesi attacco pieno - full attack.

He caught and forced his away ahead of Hill's Williams, then set off after Schumacher. By lap nineteen he was just a second behind the German and looking to have the momentum. But disaster struck. On lap twenty-five he cruised to a stop on the track itself, the gearbox having again failed.

There were, of course, the lows as well during that season of 1995. The Italian Grand Prix at Monza turned into a huge disappointment. Ferrari looked set for a one-two at the end. But the side mounted camera of Alesi's Ferrari up ahead came away and fell backwards into the Ferrari No. 28 of Berger. It impacted into the Austrian's suspension at nearly 290 kmph. Then, nine laps before the end smoke started to appear from one of Alesi's wheels. Several laps later, with only five left to go, Alesi finally pulled off; a wheel bearing had failed and all Alesi could do was reflect on yet another cruelly timed failure and what could have been.

Alesi with long-time teammate Berger, 1995The final insult came at Adelaide that year. With a real chance of finishing third in the driver's championship, ahead of Herbert and Coulthard, Alesi had to hold off the attentions of a very eager Schumacher. The German eventually tried to make his move at the end of the long Brabham straight, but Alesi refused to concede his position. They crunched into the side of each other and the damage was done. Alesi headed for the pits. Having parked the car and stepped out of it the Sicilian calmly walked away and closed the door on one of the most emotionally demanding periods of life. But if Alesi walked out of the Ferrari thinking the troubles were over, he was wrong; they were just about to start all over again at Benetton...

In many ways Jean Alesi's actions have always seem to contradict each other. On one hand he is a fiery and highly charged passionate racer whose emotions can get the better of him sometimes. Yet, as many of those at Jordan who worked with him in F3000 will testify, when it required calm intelligent driving in order to win races and the eventual championship outright, Alesi could do these without needing to be prompted. Indeed, in the race where he only needed one point to clinch the European F3000 championship he did just enough and no more, giving a driver who wanted to overtake him so much room to pass that there would be no risk of a collision. So it was somewhat apt that he would show both sides of these in his time at Benetton.

In his first season at the Italian-British team, Alesi finished on the podium eight times, but also failed to finish at all five times. His second season was opened with his infamous 'brain fade', where he ignored the need to pit and ran out of fuel. However, from that race on, he started to settle down a little more despite relations with team manager, Flavio Briatore, hitting an all time low. Alesi became the most consistent driver of the field in 1997. Scoring several podium finishes and almost winning at Monza, where he was only beaten by the slicker pit-work of the McLaren boys for Coulthard. Alesi would eventually finish fourth in the world championship with the same points tally as David Coulthard (both were promoted to third after Michael Schumacher's standing was disqualified).

Yet perhaps it was the German who caused Alesi some of the greatest problems at Benetton. For they were still besotted with him, and had difficulty coming to terms with his departure. Certainly, the close relationship that the German had taken several years to develop between Brawn and Byrne was no longer there. The director of operations at Benetton, Joan Villadelprat, would later comment to Autosport that "...when [Alesi] came to us in '96, it didn't really work very well. It was probably the wrong time for both of us. He was expecting a world championship-winning team and we disappointed a bit. By the same token, we had just split with the best driver in the world, so our expectations of him were greater than he could deliver."

Alesi left for Sauber at the end of 1997. What many expected to be his pension drive was anything but. He was often sidelined by a lack of reliability but when the car remained good he showed he still had it with performances such as his scintillating drive in the wet at Spa or the challenge for pole position in Austria. Even at Monza he held pole for a short while before a wet track dried out and the faster McLarens and Ferraris took over.

Alesi and Schumacher, a friend, 1997Expectations were high for the 1999 season with the addition of a vastly improved Ferrari V10 engine. Putting out nearly 800bhp some believed it would be the third most powerful engine on the grid. But the good looks disguised the lacklustre chassis of a car that was to continually suffer from problems with the gearbox.

Ten years passed since his manager in F3000, Eddie Jordan, told Ken Tyrrell, who was looking for a last-minute replacement for Michele Alboreto, that he should give Jean a try. Ten years of highs and lows and a great promise that never had the proper equipment to allow it to be delivered. "I have no regrets," Alesi said last week, when he was asked to reflect on the passing decade. "I have enjoyed it all and I have some beautiful memories. I raced hard with great champions like Alain, who was my friend. And with Ayrton and Nigel and Michael, of course. We had some great races together and I was always proud to race them."

Ten years on, Alesi's best days seem gone. Or have they? At the time of the French Grand Prix Eddie Jordan was to announce that the replacement of the retiring Damon Hill would come as a surprise and that it would be a man who may not be a top driver right now, but could get on well in the Jordan family atmosphere. There is only one driver who would fit that description and would do it justice.

Could Alesi be heading back to his roots?






Cosa ne pensate del franco siciliano?poteva fare meglio in carriera se non si fosse dato alla Ferrari indecente di quegli anni?Fosse passato alla williams nel 91 avrebbe potuto vincere un mondiale in quegli anni dominati dal team inglese o avrebbe fatto la seconda guida?

  • 0

#2 lucaf2000

lucaf2000

    Team Vodafone McLaren

  • Members
  • StellaStellaStellaStella
  • 22,562 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:Ayrton Senna
  • Team:McLaren

Inviato 21 October 2007 - 10:54

? stato uno dei piloti piu' sopravvalutati della storia...
una mezza pippa...
eppure molto amato dai ferraristi..
checche se ne dica, le ultime ferrari da lui guidate non erano affatto male ed avevano il motore piu' potente del lotto
  • 0

#3 cek

cek

    ristorante da giannino

  • Banned
  • StellaStellaStellaStella
  • 16,846 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:hakkinen
  • Team:mclaren

Inviato 21 October 2007 - 11:08

si ma i ferraristi lo amano perch? credono che scelse la ferrari al posto della superwilliams,peccato che quando firm? per la ferrari era il 90 e la williams era indietro mentre a maranello si giocavano il mondiale.secondo me si star? ancora mangiando le mani per la scelta che ha fatto(e avrebbe ragione da vendere)
  • 0

#4 dave

dave

    Membro Senior

  • Members
  • StellaStellaStella
  • 4,959 Messaggi:

Inviato 21 October 2007 - 11:09

io ho sempre apprezzato Jean, il suo modo di guidare e la sua grinta in pista, non ? detto che per apprezzare un pilota questi deve obbligatoriamente essere il migliore, di piloti piu forti c ? ne sono stati, Jean non era un fenomeno e di certo poteva fare di piu in carriera, ma in pista era un duro, aggressivo, battagliero e sanguigno, e io da sempre ammiro i piloti che hanno queste caratteristiche.
  • 0

#5 Guest_andrea81_*

Guest_andrea81_*
  • Guests

Inviato 21 October 2007 - 11:11

QUOTE(cek @ Oct 21 2007, 01:08 PM) <{POST_SNAPBACK}>
si ma i ferraristi lo amano perch? credono che scelse la ferrari al posto della superwilliams,peccato che quando firm? per la ferrari era il 90 e la williams era indietro mentre a maranello si giocavano il mondiale.secondo me si star? ancora mangiando le mani per la scelta che ha fatto(e avrebbe ragione da vendere)

invece ha sempre detto di non essersi mai pentito.
Era amato perche l'aggressivita che aveva ricordava per certi versi quella di Gilles.
Non ? mai stato in lotta per il titolo ma 2 gp di monza gia vinti li perse con una sfiga incredibile e per lui sarebbero valsi quasi quanto un mondiale
  • 0

#6 luke36

luke36

    bannato per offese allo staff

  • Banned
  • StellaStellaStellaStella
  • 7,138 Messaggi:
  • Gender:

Inviato 21 October 2007 - 11:11

Jean Alesi ? stato un pilota molto talentuoso che ha avuto la sfortuna di incappare nella Ferrari. Paradossalmente la rossa ? stata la sua tomba. Non sto dicendo che Jean fosse un fenomeno. Anzi !!! Era un ottimo pilota, molto irruento e spesso poco propenso a ragionare in pista ma lasciava spazio all'istinto spesso e volentieri. In Ferrari si ? involuto per il semplice motivo che un carattere come il suo non si ? adattato alla situazione di assoluta inaffidabilit? della rossa e quindi pi? rompeva e pi? spingeva e pi? rompeva. Un circolo vizioso da cui non ? riuscito ad uscirne. Il 1994 per me ? una stagione anomala. E' vero che la Ferrari sembrava roprednersi ma ? anche vero che a met? stagione moll? tutto per dedicarsi al futuro e Alesi che poteva fare finalmente una stagione non dico vincente ma almeno decorosa, rimase fregato.

Non credo sia giusto definirlo una pippa. Ma ? ovvio che non avesse qul quid che ne avrebbe fatto un campione del mondo. Ma va comunque riconosciuto che se fosse andato in Williams, non vedo come non avrebbe potuto vincere molte pi? gare e forse ambire anche al titolo nel 2002. Mansell dopotutto si avvicinava molto allo stile di Alesi. Stessa irruenza e poca capacit? di ragionare in pista. Eppure con una Williams fenomenale anche Mansell vinse il suo titolo.

Direi che Jean ha compromesso la sua carriera per amore. Si l'amore per la rossa lo ha letteralmente ucciso. In Sauber fece delle belle cose ma anche li l'affidabilit? veniva meno.

Per? c'? da dare merito a Jean di non aver mai rimpianto la sua scelta per la rossa. Nonostante guidasse dei rottami.

Luke 36
  • 0

#7 lucaf2000

lucaf2000

    Team Vodafone McLaren

  • Members
  • StellaStellaStellaStella
  • 22,562 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:Ayrton Senna
  • Team:McLaren

Inviato 21 October 2007 - 11:13

l'unico rottame rosso ? quello del 92.
per il resto poteva fare decisamente di piu', soprattutto con le vetture del 94 e del 95
  • 0

#8 Alesi27

Alesi27

    11 Giugno 1995

  • Banned
  • StellaStellaStellaStella
  • 11,502 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:Jean Alesi
  • Team:Feuaui

Inviato 21 October 2007 - 11:14

quello che penso di lui? E' il miglior pilota della Storia.
  • 0

#9 cek

cek

    ristorante da giannino

  • Banned
  • StellaStellaStellaStella
  • 16,846 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:hakkinen
  • Team:mclaren

Inviato 21 October 2007 - 11:32

QUOTE(andrea81 @ Oct 21 2007, 01:11 PM) <{POST_SNAPBACK}>
QUOTE(cek @ Oct 21 2007, 01:08 PM) <{POST_SNAPBACK}>
si ma i ferraristi lo amano perch? credono che scelse la ferrari al posto della superwilliams,peccato che quando firm? per la ferrari era il 90 e la williams era indietro mentre a maranello si giocavano il mondiale.secondo me si star? ancora mangiando le mani per la scelta che ha fatto(e avrebbe ragione da vendere)

invece ha sempre detto di non essersi mai pentito.
Era amato perche l'aggressivita che aveva ricordava per certi versi quella di Gilles.
Non ? mai stato in lotta per il titolo ma 2 gp di monza gia vinti li perse con una sfiga incredibile e per lui sarebbero valsi quasi quanto un mondiale

"lo ha detto"...
si vabb?,secondo te si sputtanerebbe sulle sue scelte di carriera e,cosa piu grave,si sputtanerebbe davanti a tutti i sui tifosi ferraristi?non lo dir? mai in pubblico che ha fatto una cavolata
  • 0

#10 Guest_andrea81_*

Guest_andrea81_*
  • Guests

Inviato 21 October 2007 - 11:34

QUOTE(cek @ Oct 21 2007, 01:32 PM) <{POST_SNAPBACK}>
QUOTE(andrea81 @ Oct 21 2007, 01:11 PM) <{POST_SNAPBACK}>
QUOTE(cek @ Oct 21 2007, 01:08 PM) <{POST_SNAPBACK}>
si ma i ferraristi lo amano perch? credono che scelse la ferrari al posto della superwilliams,peccato che quando firm? per la ferrari era il 90 e la williams era indietro mentre a maranello si giocavano il mondiale.secondo me si star? ancora mangiando le mani per la scelta che ha fatto(e avrebbe ragione da vendere)

invece ha sempre detto di non essersi mai pentito.
Era amato perche l'aggressivita che aveva ricordava per certi versi quella di Gilles.
Non ? mai stato in lotta per il titolo ma 2 gp di monza gia vinti li perse con una sfiga incredibile e per lui sarebbero valsi quasi quanto un mondiale

"lo ha detto"...
si vabb?,secondo te si sputtanerebbe sulle sue scelte di carriera e,cosa piu grave,si sputtanerebbe davanti a tutti i sui tifosi ferraristi?non lo dir? mai in pubblico che ha fatto una cavolata

scusa eh ma io come tutti non posso leggergli nel pensiero ma mi posso basare su quello che dice e MAI nemmeno con il giornalista amico/confidente/fratello che hanno tutti si ? fatto scappare il minimo rimpianto.

  • 0

#11 DavideHill

DavideHill

    Membro Senior

  • Banned
  • StellaStellaStella
  • 4,512 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:Nigel Mansell
  • Team:Toro Rosso
  • Circuito:Silverstone

Inviato 21 October 2007 - 12:47

Non ho mai amato Jean Ales?, ma era (ed ?) un pilota che correva sopratutto con il cuore. Forse ? stato proprio questo il suo limite pi? grande. Ha la Ferrari dentro, e quando correva per essa, non ha mai fatto nulla per nasconderlo. I Ferraristi lo amarono tanto proprio in virt? del suo amore per il cavallino.

Quoto quelli che hanno scritto che non necessariamente bisogna essere grandi campioni per ricevere l'amore della gente... Tifare il pilota che vince sempre e troppo facile...
  • 0

#12 f1antonio

f1antonio

    Nuovo Arrivato

  • Members
  • Stella
  • 151 Messaggi:

Inviato 21 October 2007 - 19:57

Salve ragazzi, io sono iscritto da poco, non scrivo molto ma vi leggo da parecchio. Ho appena letto questa discussione ed essendo stato un grandissimo tifoso di Jean non posso che non dire la mia in merito anche se potrebbe essere intrepretata come una considerazione di parte.
quoto quanto detto da ***, Jean Alesi ? stato ed ? un grande pilota, caratterizzato da uno stile irruento, molto veloce ma per una serie di circostanze negative...che ha anche lui in qualche modo creato...ha avuto una carriera anomala.
Ha dato tanto alla Ferrari ed ha ricevuto poco...anzi quasi nulla a parte l'affetto dei tifosi e per quelli come me che amano pi? i piloti "umani", combattenti...ma molto spesso sfortunati..e forse per questo apprezzati ancora di pi?.
Mi dispiace leggere alcune considerazioni tipo : Alesi era una pipa o cose del genere, con tanto di rispetto per il pensiero altrui..ci mancherebbe.
Jean era una grande promessa della Formula 1...purtroppo si ? trovato davanti ad un bivio...e con il cuore ha svoltato nella direzione sbagliata..ma chiss?...magari se fosse andato in un'altra scuderia...forse non avrebbe avuto tanti tifosi...sono solo stupide ipotesi ovviamente.
La sua carriera in F1 (quella dei bei vecchi tempi tanto rimpianti) fu una sorta di favola...mi piace ricordare Jean con le parole di un pilota della sua stessa classe...Clay Regazzoni, che in un'intervista di qualche anno fa lo defin? uno dei pi? veloci piloti che la F1 avesse mai avuto..ma che nella sua carriera sbagli? tutto a livello di scelte contrattuali...sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato.... oppure Ayrton che lo soprannomin? il diavolo....e se ricordate bene uno dei sorpassi pi? spettacolari subiti proprio da Ayrton lo fece Jean nel '91.
Nel '90 dopo una stagione a dir poco spettacolare con una Tyrrel....che i critici hanno sempre definito super macchina grazie alle Pirelli (si ma c'erano anche gli altri in pista..e con macchine ben pi? performanti...), aveva gi? un contratto con la Williams per il '91,'92 e '93...chiss? cosa avrebbe fatto con la monoposto inglese.. poi il cuore e il mito del 27rosso lo fece approdare in una scuderia che di bello aveva solo la tradizione ed il cavallino...in netto declino. Si dice sempre che Schumacher quando guid? per la prima volta la 412 T2 disse :"ma come avete fatto a pardere un mondiale con un motore cos??" (frase che data in pasto ai giornalisti fu interpretata in un certo modo..senza mettere in chiaro che attorno ad un motore esiste una scocca e tutto il resto)... per? difficilmente si ricordano un'altra frase detta: "la Ferrari era meno organizzata della mia squadra di Kart"....
Nella sua permanenza alla Ferrari ingoi? spesso bocconi amari senza dire una parola...ricordiamo tutti le parole di Prost invece nel '91...Jean invece, nonostante fu perseguitato dalla sfortuna, continu? caparbiamente nel suo lavoro fino ..naturalmente..ad esplodere poi all'Estoril nel '95.
Forse il pilota pi? sfortunato di tutti i tempi...qualche tempo fa su Autosprint se non erro, venne pubblicato il numero di vittorie perse da Alesi per problemi meccanici. Ricordo che ogni corsa era un'agonia..ad ogni curva si attendeva il consueto sbuffo di olio nebulizzato...per non parlare di tanti altri assurdi ritiri.
Forse non ha mai eccelso in competenza in termini di sviluppo della macchina...ma ? sempre stato umile e sincero anche verso chi era pi? forte di lui...Schumacher...
Inutile ricordare le grandi imprese..i grandi GP fatti con vetture penose...la F 92 era lentissima...in rettilineo perdeva diversi Km/h dalla Dallara che aveva lo stesso motore....e non parliamo delle altre; le 412 avevano si il motore pi? potente...ma anche il pi? pesante, il pi? inguidabile, il pi? assetato, ma soprattutto il pi? inaffidabile del lotto...ed aveva attorno degli autentici camionda F1 seppur belli alcuni anni...(lo disse anche Montezemolo ad una presentazione della macchina del 94 o '95.:"abbiamo la macchina pi? schifosa della Formula1...meglio di cos? non si pu? iniziare..."
Jean fu amato per essere stato accostato al mitico canadese...il quale visse in Ferrari pi? o meno le stesse situazioni...e forse chiss?...se il destino fosse stato diverso...oggi forse avrebbe avuto molte critiche in negativo..chiss?... con questo NON dico assolutamente che Gilles e Jean erano la stessa cosa.
Io ho tifato Alesi perch? ho sempre preferito quei piloti che stanno dall'altra parte di quelli super vincenti ma con poco senso di umanit? e poco spettacolari... per intenderci, mi piace collocare Alesi insieme a Clay, Gilles..ecc.. e dall'?altra gente come Lauda..Prost..e via dicendo.
Quando arriv? in Benetton, la macchina era si la campione del mondo...ma i tecnici che contavano andarono via con Schumacher quindi ? inutile dire che era quasi obbligato a vincere.....la stessa situazione si ? presentata con la Renault di quest'anno....ma non era la campione del mondo????
Tornando alla sua "favola" , beh come non ricordare quel 11 Giugno di 12 anni fa...una vittoria che per me ha quasi lo stesso valore di un titolo mondiale...quante ne dovette sopportare prima di trionfare quella domenica e la conferma di tutto ci? fu il vedere che TUTTI gli addetti ai lavori presenti nella Pit-Lane lo salutarono al suo arrivo gioiendo insieme a lui...mi vengono i brividi ancora adesso...11 giri stile sala travaglio...e chi se li scorda...
Ci sarebbe da dire altro ma solo ora mi sono accorto di aver scritto tanto...ma per ultimo lasciatemi dire ancora una volte una cosa:
Vaaaaaaaaaaiiiiiiiiiiiiiii Jeeeeeeaaaaaaaannnnnnn!!!!
eheheh era da tempo che non lo facevo eheheh
un saluto a tutti



  • 0

#13 Muresan80

Muresan80

    L'utente che dice le cose come stanno.

  • Members*
  • StellaStellaStella
  • 4,946 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:Michael Schumacher
  • Team:McLaren Honda
  • Circuito:Spa Francorchamps

Inviato 22 October 2007 - 10:14

Un cesso di pilota, sopravvalutato, ha fatto male ovunque ha corso, anche nel DTM...che dire! Anche Irvine era pi? veloce di lui a detta dei tecnici Ferrari e ho detto tutto...si lamentava del V12 Ferrari, ma col V10 Rnault ha fatto m***a lo stesso!!! Alesi non sento la tua mancanza come pilota! Come persona ? un altro discorso...

Poi sento che qualcuno paragona lo stile irruento di Alesi a quello di Mansell, si la differenza ? sostanziale: il leone staccava molto pi? tardi e nei curvoni da sesta pigiava tutto il piede!!! Alesi all'eau rouge tirava la staccatona!!
  • 0

#14 f1antonio

f1antonio

    Nuovo Arrivato

  • Members
  • Stella
  • 151 Messaggi:

Inviato 22 October 2007 - 11:57

mi dispiace, non sono assolutamente daccordo con le tue affermazioni, rispetto il tuo pensiero, ma a me sembra che le tue considerazioni siano frutto pi? di un odio verso questo pilota a prescindere dalla realt?..
Accostare lo stile di Mansell a quello di Alesi ? come mettere sullo stesso piano tanti piloti irruenti...ognuno ha poi qualcosa di suo....a me il Leone mi ? sempre piaciuto....ricordiamoci per? Suzuka '94.....giusto per un esempio
Alesi non tirava le staccate???mah vabb?..forse sono io che ho visto altri GP..
ciao
  • 0

#15 lucaf2000

lucaf2000

    Team Vodafone McLaren

  • Members
  • StellaStellaStellaStella
  • 22,562 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:Ayrton Senna
  • Team:McLaren

Inviato 22 October 2007 - 12:40

QUOTE(Muresan80 @ Oct 22 2007, 12:14 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Un cesso di pilota, sopravvalutato, ha fatto male ovunque ha corso, anche nel DTM...che dire! Anche Irvine era pi? veloce di lui a detta dei tecnici Ferrari e ho detto tutto...si lamentava del V12 Ferrari, ma col V10 Rnault ha fatto m***a lo stesso!!! Alesi non sento la tua mancanza come pilota! Come persona ? un altro discorso...

Poi sento che qualcuno paragona lo stile irruento di Alesi a quello di Mansell, si la differenza ? sostanziale: il leone staccava molto pi? tardi e nei curvoni da sesta pigiava tutto il piede!!! Alesi all'eau rouge tirava la staccatona!!


per una volta la penso esattamente come te...
soprattutto nella frase evidenziata, irvine nei test del 95 andava piu' forte di lui, su una macchina completamente nuova per lui...davvero non serve aggiungere altro

  • 0

#16 f1antonio

f1antonio

    Nuovo Arrivato

  • Members
  • Stella
  • 151 Messaggi:

Inviato 22 October 2007 - 12:53

sar? vero? i test sono sempre stati ad interpretazione e i giornalisti li hanno sempre usati per dire tante fesserie...anche per far contenti gli sponsor
Io onestamente non accosto neanche lontanissimamente Irvine ad Alesi.... beh se era proprio un cesso come pilota, allora i suoi compagni di scuderia che spesso o quasi sempre erano dietro di lui, cos'erano??delle latrine???
Ripeto per me ? un grande poi ognuno ha le sue idee...certo che definire "un cesso", un pilota per il quale invece molti elementi del Circus, hanno sempre avuto opinioni positive...significa che anche loro hanno preso un abbaglio....beh stento a crederci...significherebbe dire che la maggior parte degli uomini che fanno e che hanno fatto parte della F1 non capiscono una mazza...
  • 0

#17 lucaf2000

lucaf2000

    Team Vodafone McLaren

  • Members
  • StellaStellaStellaStella
  • 22,562 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:Ayrton Senna
  • Team:McLaren

Inviato 22 October 2007 - 13:02

guarda, che irvine fosse un cesso ? sicuro, ma che nei test fosse andato meglio di alesi' ? altrettanto sicuro...
che poi alesi' come uomo fosse un grande ? verissimo pure questo, sto solo dicendo che come pilota era uno dei tanti
  • 0

#18 cek

cek

    ristorante da giannino

  • Banned
  • StellaStellaStellaStella
  • 16,846 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:hakkinen
  • Team:mclaren

Inviato 22 October 2007 - 13:03

QUOTE(f1antonio @ Oct 21 2007, 09:57 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Salve ragazzi, io sono iscritto da poco, non scrivo molto ma vi leggo da parecchio. Ho appena letto questa discussione ed essendo stato un grandissimo tifoso di Jean non posso che non dire la mia in merito anche se potrebbe essere intrepretata come una considerazione di parte.
quoto quanto detto da ***, Jean Alesi ? stato ed ? un grande pilota, caratterizzato da uno stile irruento, molto veloce ma per una serie di circostanze negative...che ha anche lui in qualche modo creato...ha avuto una carriera anomala.
Ha dato tanto alla Ferrari ed ha ricevuto poco...anzi quasi nulla a parte l'affetto dei tifosi e per quelli come me che amano pi? i piloti "umani", combattenti...ma molto spesso sfortunati..e forse per questo apprezzati ancora di pi?.
Mi dispiace leggere alcune considerazioni tipo : Alesi era una pipa o cose del genere, con tanto di rispetto per il pensiero altrui..ci mancherebbe.
Jean era una grande promessa della Formula 1...purtroppo si ? trovato davanti ad un bivio...e con il cuore ha svoltato nella direzione sbagliata..ma chiss?...magari se fosse andato in un'altra scuderia...forse non avrebbe avuto tanti tifosi...sono solo stupide ipotesi ovviamente.
La sua carriera in F1 (quella dei bei vecchi tempi tanto rimpianti) fu una sorta di favola...mi piace ricordare Jean con le parole di un pilota della sua stessa classe...Clay Regazzoni, che in un'intervista di qualche anno fa lo defin? uno dei pi? veloci piloti che la F1 avesse mai avuto..ma che nella sua carriera sbagli? tutto a livello di scelte contrattuali...sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato.... oppure Ayrton che lo soprannomin? il diavolo....e se ricordate bene uno dei sorpassi pi? spettacolari subiti proprio da Ayrton lo fece Jean nel '91.
Nel '90 dopo una stagione a dir poco spettacolare con una Tyrrel....che i critici hanno sempre definito super macchina grazie alle Pirelli (si ma c'erano anche gli altri in pista..e con macchine ben pi? performanti...), aveva gi? un contratto con la Williams per il '91,'92 e '93...chiss? cosa avrebbe fatto con la monoposto inglese.. poi il cuore e il mito del 27rosso lo fece approdare in una scuderia che di bello aveva solo la tradizione ed il cavallino...in netto declino. Si dice sempre che Schumacher quando guid? per la prima volta la 412 T2 disse :"ma come avete fatto a pardere un mondiale con un motore cos??" (frase che data in pasto ai giornalisti fu interpretata in un certo modo..senza mettere in chiaro che attorno ad un motore esiste una scocca e tutto il resto)... per? difficilmente si ricordano un'altra frase detta: "la Ferrari era meno organizzata della mia squadra di Kart"....
Nella sua permanenza alla Ferrari ingoi? spesso bocconi amari senza dire una parola...ricordiamo tutti le parole di Prost invece nel '91...Jean invece, nonostante fu perseguitato dalla sfortuna, continu? caparbiamente nel suo lavoro fino ..naturalmente..ad esplodere poi all'Estoril nel '95.
Forse il pilota pi? sfortunato di tutti i tempi...qualche tempo fa su Autosprint se non erro, venne pubblicato il numero di vittorie perse da Alesi per problemi meccanici. Ricordo che ogni corsa era un'agonia..ad ogni curva si attendeva il consueto sbuffo di olio nebulizzato...per non parlare di tanti altri assurdi ritiri.
Forse non ha mai eccelso in competenza in termini di sviluppo della macchina...ma ? sempre stato umile e sincero anche verso chi era pi? forte di lui...Schumacher...
Inutile ricordare le grandi imprese..i grandi GP fatti con vetture penose...la F 92 era lentissima...in rettilineo perdeva diversi Km/h dalla Dallara che aveva lo stesso motore....e non parliamo delle altre; le 412 avevano si il motore pi? potente...ma anche il pi? pesante, il pi? inguidabile, il pi? assetato, ma soprattutto il pi? inaffidabile del lotto...ed aveva attorno degli autentici camionda F1 seppur belli alcuni anni...(lo disse anche Montezemolo ad una presentazione della macchina del 94 o '95.:"abbiamo la macchina pi? schifosa della Formula1...meglio di cos? non si pu? iniziare..."
Jean fu amato per essere stato accostato al mitico canadese...il quale visse in Ferrari pi? o meno le stesse situazioni...e forse chiss?...se il destino fosse stato diverso...oggi forse avrebbe avuto molte critiche in negativo..chiss?... con questo NON dico assolutamente che Gilles e Jean erano la stessa cosa.
Io ho tifato Alesi perch? ho sempre preferito quei piloti che stanno dall'altra parte di quelli super vincenti ma con poco senso di umanit? e poco spettacolari... per intenderci, mi piace collocare Alesi insieme a Clay, Gilles..ecc.. e dall'?altra gente come Lauda..Prost..e via dicendo.
Quando arriv? in Benetton, la macchina era si la campione del mondo...ma i tecnici che contavano andarono via con Schumacher quindi ? inutile dire che era quasi obbligato a vincere.....la stessa situazione si ? presentata con la Renault di quest'anno....ma non era la campione del mondo????
Tornando alla sua "favola" , beh come non ricordare quel 11 Giugno di 12 anni fa...una vittoria che per me ha quasi lo stesso valore di un titolo mondiale...quante ne dovette sopportare prima di trionfare quella domenica e la conferma di tutto ci? fu il vedere che TUTTI gli addetti ai lavori presenti nella Pit-Lane lo salutarono al suo arrivo gioiendo insieme a lui...mi vengono i brividi ancora adesso...11 giri stile sala travaglio...e chi se li scorda...
Ci sarebbe da dire altro ma solo ora mi sono accorto di aver scritto tanto...ma per ultimo lasciatemi dire ancora una volte una cosa:
Vaaaaaaaaaaiiiiiiiiiiiiiii Jeeeeeeaaaaaaaannnnnnn!!!!
eheheh era da tempo che non lo facevo eheheh
un saluto a tutti

guarda,di alesi non ho un'opione precisa,secondo me non era un fermo,neanche un fenomeno per? sicuramente era un pilota che in formula 1 ci poteva stare e alla grande.
quello che non mi va giu ? l'equivoco che gira attorno a lui rigurado alle sue scelte di carriera,nel 90 chiunque tra williams e ferrari avrebbe scelto ferrari,chiunque,non ci creder? mai che lui abbia scelto il cavallino puttosto che andare in williams solo per un fatto di cuore.
  • 0

#19 ickx70

ickx70

    Membro Junior

  • Members
  • StellaStella
  • 1,451 Messaggi:
  • Gender:
  • ?Preferenze
    Pilota:-
  • Team:-

Inviato 22 October 2007 - 13:59

Anche io penso che la scelta della Ferrari non sia stata solo di cuore ma anche di cervello. alesi era un buon pilota, tenace, veloce, ma con il difetto di non saper curare lo sviluppo della vettura. Per l'epoca comunque era tra i migliori. La sfiga ognuno se la porta dietro e Alesi ne aveva tanta (vedi l'incredibile episodio di Monza). D'altra parte quando si vince molto anche gli episodi sfortunati si dimenticano pi? in fretta perche si ricordano le tante vittorie. Hakkinen ha perso un GP a poche curve dalla fine. Brabham all'ultima curva e via dicendo. Tra gli sfigati in fondo Alesi ? stato il pi?fortunato perch? un GP alla fine lo ha vinto. Altri come Amon, che valeva pi? di Jean,no. E cos? altri buoni piloti che pure sono andati vicinissimi alla vittoria con tantissimi GP disputati (Jarier, de Cesaris, Brundle, per citare a memoria) . Trulli e Button non hanno fatto meglio di lui, per il momento). Non era certo una pipppa il buon Jean.
  • 0

#20 f1antonio

f1antonio

    Nuovo Arrivato

  • Members
  • Stella
  • 151 Messaggi:

Inviato 22 October 2007 - 16:58

sono daccordo sul fatto che la scelta della Ferrari sia stata sbagliata...cuore...o come ho sempre pensato, difficolt? nel sapere scegliere la squadra...ha sbagliato tutto nella sua carriera a livello contrattuale... Certo bisogna dire che nel '90 era difficile pensare ad un rilancio cos? netto della Williams...eppure.. La Ferrari invece doveva percorrere la scia vincente che la port? a sfiorare il titolo '90....invece..
Purtroppo una serie di concause e circostanze strane non hanno permesso ad Alesi di esprimere davvero il suo potenziale...Tyrrel a parte.
Se guardiamo le gare fatte con la ferrari...eliminando i tantissimi ritiri (non solo Monza '94..ma taaaanti altri...si dovrebbe aprire un capitolo a parte)...ha sempre lottato come un leone. Purtroppo in quegli anni come sappiamo, ci furono vetture talmente forti che, anche se un pilota di un'altra squadra lottasse come un dannato..al massimo poteva ambire ad un secondo posto...e se ricordiamo le varie gare ed i corrispettivi risultati...non credo di dire assurdit?.
Che Alesi non abbia mai dato un grande contributo allo sviluppo delle vetture ? un dato di fatto...ma molti altri piloti veloci ed irruenti avevano questo difetto...di campioni completi ce ne sono stati pochi...ma quelli si chiamano Schumacher..Lauda ecc ecc...
Io non dico che Alesi ? stato un supercampione...non lo metto vicino ad uno Schumacher...assolutamente..quello ? il genere di campioni completi (e lo stesso Jean lo defin? "il supercampione"), ma lo metto nella schiera dei piloti velocissimi, spettacolari..con le palle.. un pilota alla Gilles, alla Regazzoni...Mansell (quest'ultimo ebbe la fortuna pi? di una volta di avere la vettura migliore del lotto) uno di quelli che una volta abbassata la visiera spinge e basta...al limite ..anche con dei carri..
Ricordo le sue parole all'Estoril...nel quale Todt gli ripeteva in continuazione di far passare Gerard che era pi? veloce...fece bene ad incazzarsi...se era davvero cos? veloce avrebbe dovuto passarlo lui non aspettare che il compagno di squadra gli desse strada libera...lui lo avrebbe passato ..come successe altre volte. Purtoppo il suo modo di fare non si sposava pi? con un certo tipo di F1...
Sar? anche vero il fatto del test ma Irvine, per quanto mi riguarda, non lo accosterei neanche lontanissssimamente ad Alesi..
Quoto Ickx70 per quanto riguarda gli altri piloti...Amon prima di tutto...forse mi sono espresso male nel dire che fui il pi? sfortunato di tutti..intendevo solo dire che, puntualmente, ogni volta che lottava per un buon risultato...taaac..e partiva qualcosa...era un'oddissea..io stesso quando guardavo le gare contavo i giri alla fine perch? ero sicuro che da un momento all'altro la sua Ferrari si sarebbe rotta...
Oltre alle gare gi? vinte a Monza '94 e '95 perse i modo assurdo..ricordo Suzuka '95...una corsa pazzesca al limite della realt?...sembrava che volasse su quel circuito...ma quando stava per arrivare dietro a Schumacher...ecco che la bella nuvoletta di Fantozzi usc? dal posteriore della sua monoposto..... lo stesso Laffitte rimase incredu?lo nel vedere un pilota molto pi? veloce degli altri....peccato

  • 0




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi