Vai al contenuto
AVVISO: Aggiornamento Forum in corso Leggi di più... ×
Bigmeu

Mercato piloti 2019

Messaggi raccomandati

 

Già faticano a fare le scelte giuste (e sbagliano ancora) in gara ora che la gerarchia è definita... figuriamoci con due piloti ad armi pari.

 

Forse il problema è proprio questo. Se corri con una punta, quando le cose si mettono male l'altro l'hai già sacrificato per provare a riportare la punta in gioco. Se il tuo numero vincente è il 5, quando non esce non vinci, ma se i numeri vincenti sono 5 e 7 può essere che se non esce il primo esca il secondo.

Così invece è abbastanza ovvio che se sbagli una strategia o succede qualcosa di imprevisto non hai più carte da giocare. Con sta storia della prima punta e del gregario negli anni sono stati fatti una marea di danni e probabilmente persi più punti che con una normale strategia con due possibili vincenti.

 

Ovvio che per investimenti fatti (stipendio) preferirebbero che vincesse quello pagato di più, ma forse, dopo 10 anni di magra sarebbe più importante vincere e basta, indipendentemente da chi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

 

Già faticano a fare le scelte giuste (e sbagliano ancora) in gara ora che la gerarchia è definita... figuriamoci con due piloti ad armi pari.

 

 

Forse il problema è proprio questo. Se corri con una punta, quando le cose si mettono male l'altro l'hai già sacrificato per provare a riportare la punta in gioco. Se il tuo numero vincente è il 5, quando non esce non vinci, ma se i numeri vincenti sono 5 e 7 può essere che se non esce il primo esca il secondo.

Così invece è abbastanza ovvio che se sbagli una strategia o succede qualcosa di imprevisto non hai più carte da giocare. Con sta storia della prima punta e del gregario negli anni sono stati fatti una marea di danni e probabilmente persi più punti che con una normale strategia con due possibili vincenti.

 

Ovvio che per investimenti fatti (stipendio) preferirebbero che vincesse quello pagato di più, ma forse, dopo 10 anni di magra sarebbe più importante vincere e basta, indipendentemente da chi.

 

 

Sono d'accordo e convinto che - nel 2010 - senza il fattaccio di Hockenheim Massa avrebbe portato più punti a Maranello, ne avrebbe tolti alcuni a Vettel e Alonso avrebbe avuto carte migliori da giocare nell'ultima parte di stagione. Magari avrebbe vinto anche il titolo (lo credo possibile, sì) al debutto in Ferrari e senza una vettura dominante.

 

Questo per fare solo un esempio, di possibili ripercussioni psicologiche, che si traducono in peggiori piazzamenti e meno punti, per il team e per la prima guida.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vettel, Ricciardo, kvyat, vergne.

La rb lavora per la Ferrari

 

Ecco perchè non si vince più. Va' a fidarti degli inglesi... e degli austriaci!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mah, rispetto a questo ho qualche dubbio. Se un team gioca con due punte lo preferisco anch'io ma non necessariamente può portare a vantaggi rispetto al campionato piloti. Se tra i due piloti dello stessa squadra c'è competizione, il rischio elevato di rubarsi punti a vicenda è elevato (Germania 2010.. Sarebbero stati 7 punti in meno per Alonso per esempio), non si sa quanti punti avrebbero potuto rubare agli avversari ma senza una macchina dominante, dubito sarebbero stati molti. Discorso diverso per il campionato costruttori, dove naturalmente avere due piloti anziché uno porta sicuramente vantaggi. Giocare a 2 punte per il campionato piloti si può fare solo se si ha la miglior macchina, altrimenti temo sia controproducente. Come ho già detto, io preferirei comunque battaglia aperta (purché corretta) e parità di condizioni perché a me i favoritismi non mi sono mai piaciuti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

https://it.motorsport.com/f1/news/red-bull-aspetta-ricciardo-fino-a-quando-scadra-lopzione-ferrari-1029747/

 

Ad oggi le cose pare siano messe così:

 

- Ricciardo ha firmato da qualche mese un'opzione per passare in Ferrari dal 2019.

- La Red Bull aspetterà la decisione dell'australiano fino al GP di Ungheria, oltre il quale si guarderà altrove.

- Il principale piano per Red Bull sarebbe Carlos Sainz, ad oggi in prestito in Renault.

- Sainz pare aver ottenuto una clausola che gli permetterebbe di rifiutare un ritorno in caso di cambio PU (Honda, presumibilmente).

- Horner fa sapere che Renault sarebbe disposta a continuare con Red Bull, ma che Honda si sia proposta.

- Il piano C Red Bull sarebbe Pierre Gasly.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il senso della clausola di Sainz per rimanere col Renault con cui comunque non si vince una mazza ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Renault è l'unico team ufficiale dopo Mercedes e Ferrari e sta investendo molto per tornare al vertice. Non sarà ancora al top, ma è quello che potenzialmente può avvicinarsi di più alla vetta.

Se poi RedBull passasse a Honda non è che ci siano le stesse garanzie che ci sono adesso di lottare. La clausola di Sainz non è per nulla stupida, torna all'ovile se le condizioni sono queste, ma se cambiano lui si riserva il diritto di fare altre scelte.

 

Sainz ha il piede in due scarpe che potenzialmente valgono il team subito dietro i grigi e i rossi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

se è una scusa per poter restare in Renault lo posso capire ma fare lo schizzinoso per una eventuale RB-Honda anziché una RB-Renault lo trovo inutile, comunque un team cliente con Renault non vincerà mai nulla finché ci saranno questi motori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh è solo cautelativo. Se Honda ad Abu Dhabi si mostrasse molto veloce e con un'affidabilità nella media, probabilmente Sainz tornerebbe in RB senza problemi, ma al contrario se i Bibitari decidessero di scommettere sui giapponesi, che ancora non sono alla pari degli altri, solo per avere una motorizzazione esclusiva, probabilmente lo spagnolo preferirebbe restare in Renault.

Tieni presente che potrebbe anche non voler tornare in RB per Verstappen. Sarebbe palesemente una seconda guida e quello sacrificabile in caso di esplosione di nuovi talenti.
Restando in Renault, se si da una svegliata e inizia a battere Hulkenberg, può anche trovare un ruolo decente e stabile in un team ufficiale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh è solo cautelativo. Se Honda ad Abu Dhabi si mostrasse molto veloce e con un'affidabilità nella media, probabilmente Sainz tornerebbe in RB senza problemi, ma al contrario se i Bibitari decidessero di scommettere sui giapponesi, che ancora non sono alla pari degli altri, solo per avere una motorizzazione esclusiva, probabilmente lo spagnolo preferirebbe restare in Renault.

 

Tieni presente che potrebbe anche non voler tornare in RB per Verstappen. Sarebbe palesemente una seconda guida e quello sacrificabile in caso di esplosione di nuovi talenti.

Restando in Renault, se si da una svegliata e inizia a battere Hulkenberg, può anche trovare un ruolo decente e stabile in un team ufficiale.

 

Per ora inizio molto più convincente di Hulkenberg.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il senso della clausola di Sainz per rimanere col Renault con cui comunque non si vince una mazza ?

 

Probabilmente si diverte a prendere mazzate da un pilota normale come hulk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Certo che sta diventando un bel problema per i team puntare sui giovani visto che le categorie inferiori non dicono nulla su quello che sarà il valore del pilota in F1, o almeno è quello che sta succedendo negli ultimi 4/5 anni.

Partendo dal basso, Palmer vince la gp2/f2 ma poi in mezzo ai grandi in F1 si rivela essere un fermone.

Vandoorne è l'uomo dei record, ma poi anche lui, si, benino, ma doveva spaccare tutto (compatibilmente con la macchina a disposizione), e invece anche no.

Wehrlein idem come sopra, meno record ma tante aspettative nom mantenute.

Leclerc è nella stessa situazione di Vandoorne, predestinato, ma solo in mezzo ai dilettanti delle formule minori, almeno fin'ora.

Ora si aspetta Norris ma anche lì potrebbe finire come gli altri.

Sembrerebbe che, quando sei bravo, sia facile fare il fenomeno tra i figli di papà, ma poi quando si fa sul serio..anche no.

Vista così puntare sui giovani contando sui risultati di superformula, f3, f2 e soci sta diventando sempre piu difficile per i team.

Perché secondo voi? Si è abbassato il livello? Contano solo soldi ed appoggi?

Non lo so, ma sono stati in molti a deludere negli ultimi anni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Certo che sta diventando un bel problema per i team puntare sui giovani visto che le categorie inferiori non dicono nulla su quello che sarà il valore del pilota in F1, o almeno è quello che sta succedendo negli ultimi 4/5 anni.

Partendo dal basso, Palmer vince la gp2/f2 ma poi in mezzo ai grandi in F1 si rivela essere un fermone.

Vandoorne è l'uomo dei record, ma poi anche lui, si, benino, ma doveva spaccare tutto (compatibilmente con la macchina a disposizione), e invece anche no.

Wehrlein idem come sopra, meno record ma tante aspettative nom mantenute.

Leclerc è nella stessa situazione di Vandoorne, predestinato, ma solo in mezzo ai dilettanti delle formule minori, almeno fin'ora.

Ora si aspetta Norris ma anche lì potrebbe finire come gli altri.

Sembrerebbe che, quando sei bravo, sia facile fare il fenomeno tra i figli di papà, ma poi quando si fa sul serio..anche no.

Vista così puntare sui giovani contando sui risultati di superformula, f3, f2 e soci sta diventando sempre piu difficile per i team.

Perché secondo voi? Si è abbassato il livello? Contano solo soldi ed appoggi?

Non lo so, ma sono stati in molti a deludere negli ultimi anni.

Effettivamente emergere tra una schiera di paganti può essere semplice per un fenomeno.

Però c'è da dire che sti ragazzi corrono per anni in categorie monomarca in cui i team sono composti al massimo da una decina di ingegneri in tutto e saltano in F1 dove il breafing più piccolo ha più persone dei team di F2.

 

Anche il fatto che prima giravano per giorni sulle vetture correnti aiutava molto. Conoscere e familiarizzare con il mezzo ti portava al debutto in F1 con un'esperienza maggiore.

Modificato da BigMeu

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Certo che sta diventando un bel problema per i team puntare sui giovani visto che le categorie inferiori non dicono nulla su quello che sarà il valore del pilota in F1, o almeno è quello che sta succedendo negli ultimi 4/5 anni.

Partendo dal basso, Palmer vince la gp2/f2 ma poi in mezzo ai grandi in F1 si rivela essere un fermone.

Vandoorne è l'uomo dei record, ma poi anche lui, si, benino, ma doveva spaccare tutto (compatibilmente con la macchina a disposizione), e invece anche no.

Wehrlein idem come sopra, meno record ma tante aspettative nom mantenute.

Leclerc è nella stessa situazione di Vandoorne, predestinato, ma solo in mezzo ai dilettanti delle formule minori, almeno fin'ora.

Ora si aspetta Norris ma anche lì potrebbe finire come gli altri.

Sembrerebbe che, quando sei bravo, sia facile fare il fenomeno tra i figli di papà, ma poi quando si fa sul serio..anche no.

Vista così puntare sui giovani contando sui risultati di superformula, f3, f2 e soci sta diventando sempre piu difficile per i team.

Perché secondo voi? Si è abbassato il livello? Contano solo soldi ed appoggi?

Non lo so, ma sono stati in molti a deludere negli ultimi anni.

 

1985 Christian Danner
1986 Ivan Capelli
1987 Stefano Modena
1988 Roberto Moreno
1989 Jean Alesi
1990 Érik Comas
1991 Christian Fittipaldi
1992 Luca Badoer Italy
1993 Olivier Panis
1994 Jean-Christophe Boullion
1995 Vincenzo Sospiri
1996 Jörg Müller
1997 Ricardo Zonta
1998 Juan Pablo Montoya
1999 Nick Heidfeld
2000 Bruno Junqueira
2001 Justin Wilson
2003 Björn Wirdheim
2004 Vitantonio Liuzzi
Tutti i campioni della F3000 internazionale. Non tutti esattamente dei campioni in F1. Tre di questi una F1 non l'hanno nemmeno mai guidata.
Questo per dire che il problema non è recente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Metà di quelli citati in f1 hanno fatto buone cose, alcuni ottime, altri sono stati dignitosi professionisti.

Hai dimenticato Massa, anche luo arrivava spinto da un palmares notevole.

Ultimamente però mi pare che non ne venga fuori uno, e che tra questi che non vengono fuori ce ne siano alcuni con la stigmate del campionissimo tatuata in fronte (wehrlein, vandoorne, leclerc) ma che non riescono a combinare nulla.

Probabilmente è un problema sempre esistito, ma che si sta manifestando molto piu pesantemente negli ultimi anni.

Forse per colpa di una f1 che è cambiata e non perdona piu nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Montoya e heidfeld erano tutto fuorché scarsi ma il primo non aveva la testa/ impegno e il secondo l' appeal mediatico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Navigazione Recente   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.



×