Vai al contenuto
chatruc

Ma quanto guadagna la gente?

Messaggi raccomandati

si pero' conta che in questi anni e' la norma diciamo regalare al figlio l'auto nuova quando ha 18-20 anni, che usa per girare a zonzo mica per lavorare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una volta c'era solo casa,lavoro e chiesa. C'erano molti meno svaghi, e una vacanza a Rimini era già "chic". Non so se sia meglio oggi o ieri, semplicemente è diverso; ci sono molti più divertimenti e comodità cui molti non vogliono rinunciare. Per il resto se molti giovani crescono male e con le mani bucate è anche perché si ritrovano una generazione di genitori imbarazzanti: social-dipendenti, permissivi, mollaccioni e chi più ne ha più ne metta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me non hanno regalato un ca**o :asd: , ne conosco tanti che girano con una delle 2 auto di famiglia

manco a me :asd:

 

per la verità non conosco nessuno dei miei amici cui abbiano regalato la macchina per qualsivoglia occasione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

si pero' conta che in questi anni e' la norma diciamo regalare al figlio l'auto nuova quando ha 18-20 anni, che usa per girare a zonzo mica per lavorare.

:yes:

 

Io a malapena posso usare quella di famiglia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

30/40 anni fa era un'altro mondo, e con altre pretese.

 

Un'altro mondo perchè, con un minimo di spunto, era piu facile fare qualche soldino. Ad esempio aprivi un bar e potevi sistemare te ed i tuoi figli, oggi apri un bar, lavori 14 ore al giorno e forse porti a casa 1500 euro al mese.

Potevi aprire una profumeria e pensare di viverci, oggi a chi li vendi i profumi, ai bangla? Solo grosse catene in franchising nei centri commerciali.

Potevi metterti a fare l'elettricista o l'idraulico in proprio e pensare di mettere su casa prima di invecchiare, oggi pensi a pagare le tasse e non fallire. Potevi fare il mediatore immobiliare, e pur con la terza media diventare benestante.

Oggi la pressione fiscale, il costo della vita, la clientela che è cambiata (il fruttivendolo in centro chiude perchè in centro ci sono solo ghana che comprano negli african shop gestiti dai loro paesani o dai cinesi), ed i nuovi canali ammazza tutto (comprate pure da Amazon pensando di fare un affare, quando Amazon si metterà a vendere anche quello che trattate voi o i vostri capi non comprerete piu nulla, perchè sarete senza lavoro) sono un mix micidiale che ha impoverito tutti quelli che prima stavano benino (lasciamo perdere i ricchi, se sono ricchi veri resteranno ricchi).

30 anni fa i costi delle case erano ridicoli rispetto ad oggi, un appartamento di 90 metri costava 40 milioni con stipendi di 800 mila lire/1 milione.

Oggi un 60 metri in periferia ti costa 110/150 mila euri (e dico oggi, in pre crisi 150/200) con stipendi di 1000/1200 euri.

Ieri con 40 stipendi comrpavi un appartamento vivibile per spazi, oggi con 120 stipendi compri un loculo, e parlo di paeselli e città piccole.

Non è difficile capire perchè gli uomini di oggi (25-50 anni) non stanno combinando una cazza rispetto a quelli che ieri facevano la casa di 300 metri nel campone pagato due lire per sistemare anche i figli un domani).

 

Poi ci sono le altre pretese: 40 anni fa una famiglia media comprava un paio di scarpe all'anno, uscivano a mangiare una pizza al mese e sembrava natale, si passavano i vestiti dei bimbi tra amici e parenti che li avevano avuti poco prima.

Oggi a 10 anni i bimbi hanno smartphone da 500 carte, e guai se non è così.

Le pizzerie sono diventate cose da studenti, le vacanze sono imprescindibili ed in famiglia girano 2/3 auto.

Anche qui non è difficile capire perchè siamo una generazione di morti di fame.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
manco a me :asd:

 

per la verità non conosco nessuno dei miei amici cui abbiano regalato la macchina per qualsivoglia occasione.

 

Dei miei amici solo 3 fighe girano con la macchina comprata dal papi, 2 500 bianco perlato e una mini cooper.

Bey è proprio ricco sfondato :(

Modificato da Alex_Ferrari

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me non hanno regalato un ca**o :asd: , ne conosco tanti che girano con una delle 2 auto di famiglia

un attimo, neanche io ho l-auto personale, ho sempre usato una delle due auto di famiglia, chiaramente ora che lavoro fuori una auto la uso sempre io quindi indirettamente e' come se fosse sempre mia.

 

cmq ricordo che quando ero a scuola, nella mia classe di 14 studenti all'ultimo anno 3 ebbero regalata l'auto personale, tanto per dire.

 

 

30 anni fa i costi delle case erano ridicoli rispetto ad oggi, un appartamento di 90 metri costava 40 milioni con stipendi di 800 mila lire/1 milione.

 

 

mi sembrano numeri strani, i miei 25 anni fa acquistarono la casa nuova, in costruzione, nella periferia di Aversa che allora era del tutto isolata, quindi non in centro al Vomero, che e' di 100 mq incluso garage e se ricordo bene il costo si aggiro' sui 230-250 mln. vero che nei primi anni 90 so che ci fu una sorta di bolla immobiliare per cui i prezzi salirono molto, ma non credo che 5 anni prima quella stessa casa sarebbe costata la meta'. mi pare che il prezzo oggi di una casa simile nuova sia comparabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia famiglia ha fatto di recente una valutazione dell'appartamento dove viviamo ora, fa parte di un condominio, 100 mq con circa 190 mq di terra in un paesino fuori Pistoia: 130mila euro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da metà anni 90 è esploso tutto, ma negli anni 70/80 (io parlavo appunto di 30-40 anni fa) i costi erano quelli che ti ho detto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

si pero' conta che in questi anni e' la norma diciamo regalare al figlio l'auto nuova quando ha 18-20 anni, che usa per girare a zonzo mica per lavorare.

 

 

Almeno nella realtà dove sono cresciuto io, appena presa la patente si avevano in mano degli ossi che si smontavano da soli. :asd:

La mia prima auto è stata una ford mondeo prima serie che aveva 310.000km e che non andava neanche a spinta, strisciata e sbattuta da ogni parte e che aveva un valore di 500 euro :asd:

Per gli amici uguale e anche nei ragazzi del paese dove abitavo, auto nuove neanche l'ombra. Probabilmente in altre realtà è diverso, ma se avessi un figlio 18enne col cavolo che gli regalerei l'auto nuova, un bell'osso usato e via.

Modificato da Aviatore_Gilles

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

30/40 anni fa era un'altro mondo, e con altre pretese.

 

Un'altro mondo perchè, con un minimo di spunto, era piu facile fare qualche soldino. Ad esempio aprivi un bar e potevi sistemare te ed i tuoi figli, oggi apri un bar, lavori 14 ore al giorno e forse porti a casa 1500 euro al mese.

Potevi aprire una profumeria e pensare di viverci, oggi a chi li vendi i profumi, ai bangla? Solo grosse catene in franchising nei centri commerciali.

Potevi metterti a fare l'elettricista o l'idraulico in proprio e pensare di mettere su casa prima di invecchiare, oggi pensi a pagare le tasse e non fallire. Potevi fare il mediatore immobiliare, e pur con la terza media diventare benestante.

Oggi la pressione fiscale, il costo della vita, la clientela che è cambiata (il fruttivendolo in centro chiude perchè in centro ci sono solo ghana che comprano negli african shop gestiti dai loro paesani o dai cinesi), ed i nuovi canali ammazza tutto (comprate pure da Amazon pensando di fare un affare, quando Amazon si metterà a vendere anche quello che trattate voi o i vostri capi non comprerete piu nulla, perchè sarete senza lavoro) sono un mix micidiale che ha impoverito tutti quelli che prima stavano benino (lasciamo perdere i ricchi, se sono ricchi veri resteranno ricchi).

30 anni fa i costi delle case erano ridicoli rispetto ad oggi, un appartamento di 90 metri costava 40 milioni con stipendi di 800 mila lire/1 milione.

Oggi un 60 metri in periferia ti costa 110/150 mila euri (e dico oggi, in pre crisi 150/200) con stipendi di 1000/1200 euri.

Ieri con 40 stipendi comrpavi un appartamento vivibile per spazi, oggi con 120 stipendi compri un loculo, e parlo di paeselli e città piccole.

Non è difficile capire perchè gli uomini di oggi (25-50 anni) non stanno combinando una cazza rispetto a quelli che ieri facevano la casa di 300 metri nel campone pagato due lire per sistemare anche i figli un domani).

 

Poi ci sono le altre pretese: 40 anni fa una famiglia media comprava un paio di scarpe all'anno, uscivano a mangiare una pizza al mese e sembrava natale, si passavano i vestiti dei bimbi tra amici e parenti che li avevano avuti poco prima.

Oggi a 10 anni i bimbi hanno smartphone da 500 carte, e guai se non è così.

Le pizzerie sono diventate cose da studenti, le vacanze sono imprescindibili ed in famiglia girano 2/3 auto.

Anche qui non è difficile capire perchè siamo una generazione di morti di fame.

 

 

Vero, purtroppo è così. Aldilà delle spese familiari, un buon stipendio negli anni 80 bastava per tutta la famiglia e ci compravi qualche sfizio. Io mi ricordo che a fine anni 80 mio padre lavorava come dipendente ed aveva una buona retribuzione. Con quello si viveva bene e gli sfizi ce li si cavava senza problemi (ricordo quando portò a casa il Commodore64 o una delle prime videocamere a colori, costavano una follia). Poi le cose cambiarono da metà anni 90, il costo della vita iniziò ad aumentare ed uno stipendio bastava, ma bisogna iniziare ad operare dei tagli e le auto si iniziavano a prendere a rate. Da metà 2000 uno stipendio normale (1300/1400) non basta più se vivi fuori casa, sempre che la casa non te la regalino e quindi non hai mutuo/affitto.

Sono il primo ad ammettere che ora abbiamo molte più distrazioni e che quindi è facile sperperare i soldi, ma la vita oggi costa infinitamente di più e se non si lavora in due è dura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono in giro con una Fiat Idea usata del 2004 e presa nel 2013, ogni tanto con una Fiat Panda del 2011. In realtà i due acquisti in successione sono stati dettati dalle esigenze. Due auto ed entrambe andate kaputt in pochi mesi (incidente in una senza responsabilità, motore esploso in un'altra), si può essere più sfigati?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono in giro con una Fiat Idea usata del 2004 e presa nel 2013, ogni tanto con una Fiat Panda del 2011. In realtà i due acquisti in successione sono stati dettati dalle esigenze. Due auto ed entrambe andate kaputt in pochi mesi (incidente in una senza responsabilità, motore esploso in un'altra), si può essere più sfigati?

 

 

No, ricorda che può andarti anche peggio...quindi sii felice :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Negli anni 70-80 gli sfizi erano un millesimo di quelli di adesso. Non c'era praticamente niente di elettronico ( pc, telefoni , console ), c'era una tv per casa, niente abbonamenti sky, pochi praticavano sport , e sicuramente non lo facevano come lo fanno adesso ( i primi vestiti che capitavano e non le migliaia di euro in mezzi,abbigliamento/trasferte annuali ). La gente usciva poco e niente, adesso la normalità è uscire 3 o 4 volte a settimana per 52 settimane annue, provate a chiedere in giro e come minimo vi diranno che sono stati almeno 2 volte in tutti i locali/ristoranti nel giro di 50 km da casa. Tutta gente che arriva a 40 anni con 1000 € da parte e dà anche colpa allo Stato se non si è messa niente da parte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

assolutamente vero, come dicevo e' proprio cambiato lo stile di vita, cosa che e' in ogni caso dovuta a internet, all'elettronica e alla globalizzazione quindi difficile fermarla. oggi la gente vuole "godersela" e quindi fa spese, regali, viaggi e uscite frequenti. tanti escono a bere o mangiare ogni paio di giorni, e coi costi e soprattutto mode attuali anche una pizza non costa piu' 5 ma 10 euro. questo unito al lavoro precario e in media peggio pagato del passato significa che si mette da parte poco e niente, quindi ai primi problemi o spese extra si cade

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

questo perché ormai non esiste più educazione in Italia, non esiste educazione comportamentale, non esiste educazione alimentare, non esiste educazione critica e di conseguenza non esiste educazione finanziaria.

 

sarà anche che la globalizzazione non si può fermare, ma a me hanno insegnato che posso spendere quello che ho, non quello che voglio e poi si vede che succede; anch'io vorrei uscire 4 volte a settimane ma non posso permettermelo, anch'io vorrei fare 2-3 viaggi all'anno ma non posso permettermelo, anch'io vorrei avere Sky ma non posso permettermelo; sono soldi che non ho e che non spendo.

 

se uno spende quello che non ha perché vuole fare la bella vita è un bel mona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

questo perché ormai non esiste più educazione in Italia, non esiste educazione comportamentale, non esiste educazione alimentare, non esiste educazione critica e di conseguenza non esiste educazione finanziaria.

 

sarà anche che la globalizzazione non si può fermare, ma a me hanno insegnato che posso spendere quello che ho, non quello che voglio e poi si vede che succede; anch'io vorrei uscire 4 volte a settimane ma non posso permettermelo, anch'io vorrei fare 2-3 viaggi all'anno ma non posso permettermelo, anch'io vorrei avere Sky ma non posso permettermelo; sono soldi che non ho e che non spendo.

 

se uno spende quello che non ha perché vuole fare la bella vita è un bel mona.

da mobile le "educazione" sono allineate... un caso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×