Vai al contenuto
Spa_83

Capelli - Alboreto - Patrese - Trulli - Fisichella - Liuzzi

Messaggi raccomandati

 

Chatruc ti sei dimenticato del grande Vittorio Brambilla che vinse anche una (?) gara ma sopratutto del immenso Arturo Merzario, senza il quale, oggi, non potremmo goderci le perle di Nicki Lauda :yes:

 

 

 

Non l'ho dimenticato. Vittorio e Tino Brambilla, Clay Regazzoni, Giancarlo Martini, Arturio Merzario, Lella Lombardi, Giorgio Francia e alti appartengono alla generazione precedente.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti è vero

 

però Regazzoni non è italiano, tiè :asd:

 

Anche Chiesa, Forini e Langes non lo sono ma io parlavo di semi italiani.

 

Capelli forse valeva un Patrese, un Trulli e un Fisichella, Alboreto era nettamente superiore.

 

Liuzzi era molto forte nelle categorie minori ma in F1 non fece altro che raccontare scuse, citando sempre la sfortuna.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

In effetti è vero

 

però Regazzoni non è italiano, tiè :asd:

 

Anche Chiesa, Forini e Langes non lo sono ma io parlavo di semi italiani.

 

Capelli forse valeva un Patrese, un Trulli e un Fisichella, Alboreto era nettamente superiore.

 

Liuzzi era molto forte nelle categorie minori ma in F1 non fece altro che raccontare scuse, citando sempre la sfortuna.

 

 

Capelli quad'era alla Ferrari invece dava sempre la colpa ai freni come a Monza dove si insabbiò alla parabolica, dopo poco gli dettero il benservito. Patrese era più forte. Lasciamo perdere quel campionato dell'88 ma anche dell'89 dove praticamente non c'era nessuno a controbattere le McLaren dove fece comunque bene ma fu aiutato molto dalla macchina progettata da Newey

Modificato da tigre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nannini è un idolo per la sua grande vittoria contro Senna.

 

Trolla e lo fa recuperare, quando sapeva già che sarebbe stato squalificato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alcuni video di una reunion per de Angelis scomparso dopo un incidente a le Castellet con la BT55, circuito parecchio pericoloso tra l'altro. Anche Mansell e Senna ebbero incidenti gravi qui con qualche conseguenza fiica. C'è da dire che de Angelis con questa macchina fece poco o nulla, era rivoluzionaria ma molto difficile da guidare, Patrese da ottimo pilota che era fece bene a Montecarlo prima di ritirarsi dove col passo lungo era invece il territorio meno adatto per questa macchina, Elio fu poi sostiutuito da Warwick per il resto della stagione, il bombardiere era uno dei pochi che poteva guidare sta macchina

 

 

Abbracciato da Franco Lini mitidìco direttore AS e direttore sportivo Ferrari anche

 

 

Modificato da tigre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×