Vai al contenuto
AVVISO: Aggiornamento Forum in corso Leggi di più... ×
The frog

L'angolo della tecnica di The frog

Messaggi raccomandati

come si fa una nanosfera di metallo liscio ? con cavità in che sezione e rispetto a quale piano ? XD

 

scusa la domanda ^^!

Anche se non fosse del tutto liscia ma contenesse delle nano asperita' esterne non e' un problema, l'importante e' che ruoti tra lo sfregamento delle fasce e la superficie del cilindro, poi ti informo che nell'ambito dei microprocessori sono arrivati a lavorare i singoli atomi, dunque non e' difficile produrre delle nanosfere di qualge Angstrom perfettamente lisce. Infine la nanosfera e' bibucata rispetto a un qualunque piano di riferimento (le bucature sono in asse ma l'asse e' determinato dalla specifica posizione in cui si trova la nanosfera durante il rotolamento). La nanosfera ha una cavita' concentrica rispetto alla superficie esterna metallica.

 

 

 

Best regards a te egregio,

The frog

Modificato da The frog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: gancio baricentrico delle monoposto

Il gancio di sollevamento di una monoposto dovrebbe essere baricentrico, ma causa il peso del motore e della trasmissione posteriori si sa che baricentrico non e'.
Ecco che allora in caso di recupero della monoposto si interviente con cun peso anteriore diciamo di 20Kg da applicare sul muso della monoposto prima di sollevarla. Il costruttore deve indicare a mezzo di una fascia colorata dove applicare il peso anteriore sul muso perche' effettivamente il gancio risulti baricentrico.

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

Regards,
The frog

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: gancio baricentrico delle monoposto

Il gancio di sollevamento di una monoposto dovrebbe essere baricentrico, ma causa il peso del motore e della trasmissione posteriori si sa che baricentrico non e'.

Ecco che allora in caso di recupero della monoposto si interviente con cun peso anteriore diciamo di 20Kg da applicare sul muso della monoposto prima di sollevarla. Il costruttore deve indicare a mezzo di una fascia colorata dove applicare il peso anteriore sul muso perche' effettivamente il gancio risulti baricentrico.

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

Regards,

The frog

 

Si potrebbe anche fare cosi'. Il pilota e' seduto avanti al gancio baricentrico della vettura. Allora si potrebbe disporre nella seduta del pilota un grosso pallone di gomma che viene gonfiato rapidamente con acqua in pressione, fino a raggiungere il peso diciamo di 70Kg (il peso viene indicato con precisione dal costruttore) e in questo modo il gancio ridiventa baricentrico.

Se si vuole utilizzare qualcosa di piu' pesante dell'acqua per essere piu' rapidi nel gonfiaggio del pallone di gomma si puo' utilizzare un fluido fatto di micropalline dì'acciaio.

 

 

 

Opinioni in merito anche a questo sono gradite.

 

Regards,

The frog

Modificato da The frog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Title: gancio baricentrico delle monoposto

Il gancio di sollevamento di una monoposto dovrebbe essere baricentrico, ma causa il peso del motore e della trasmissione posteriori si sa che baricentrico non e'.

Ecco che allora in caso di recupero della monoposto si interviente con cun peso anteriore diciamo di 20Kg da applicare sul muso della monoposto prima di sollevarla. Il costruttore deve indicare a mezzo di una fascia colorata dove applicare il peso anteriore sul muso perche' effettivamente il gancio risulti baricentrico.

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

Regards,

The frog

 

Si potrebbe anche fare cosi'. Il pilota e' seduto avanti al gancio baricentrico della vettura. Allora si potrebbe disporre nella seduta del pilota un grosso pallone di gomma che viene gonfiato rapidamente con acqua in pressione, fino a raggiungere il peso diciamo di 70Kg (il peso viene indicato con precisione dal costruttore) e in questo modo il gancio ridiventa baricentrico.

Se si vuole utilizzare qualcosa di piu' pesante dell'acqua per essere piu' rapidi nel gonfiaggio del pallone di gomma si puo' utilizzare un fluido fatto di micropalline dì'acciaio.

 

 

 

Opinioni in merito anche a questo sono gradite.

 

Regards,

The frog

 

Oppure infine si potrebbe ancora realizzare una zavorra in micropalline di tungsteno, fluido di tungsteno che viene pompato in avanti nella monoposto quando c'e' da sollevarla perche' e' finita fuori pista o perche' e' incidentata.

Nota a margine: onde evitare che il pilota durante la corsa possa attivare la pompa della zavorra inavvertitamente, diciamo che il tasto della pompa per attivare la stessa deve essere premuto per cinque secondi consecutivamente.

 

 

 

 

Opinioni in merito anche a quest'altra soluzione sono gradite.

 

 

 

 

Regards,

The frog

Modificato da The frog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E quest'ultima nota introduce alla zavorra mobile che e' stata miopemente vietata in Formula Uno.

 

 

 

Regards,

The frog

 

Modificato da The frog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: invece della penalizzazione del passaggio lento ai box.

 

 

Nel 2014 ci saranno tutte le opportunita' per non rovinare completamente la corsa a un pilota infliggendogli un inesorabile passaggio lento nella corsia dei box.

 

- Sanzione lieve: KERS (MUG-K) disattivato per un giro

 

- Sanzione media: MUG-H disattivato per un giro

 

- Sanzione pesante: KERS e MUG-H disattivati per uno o piu' giri, a seconda della pesantezza della sanzione.

 

 

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

 

Regards,
The frog

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: radiatori alla Colin Chapman

 

 

Oggi le monoposto di Formula Uno hanno gli sfoghi dell'aria calda delle pance dei radiatori nella zona posteriore centrale. Questo produce un flusso di aria calda e dunque poco densa proprio nella zona dell'estrattore posteriore. Ora io trovo che una delle migliori idee di Colin Chapman prima che inventasse le minigonne fosse quella di montare i radiatori a mo' di alettoni deportanti (mi sembra che fosse la Lotus del "77). Non solo la deportanza dei radiatori montati in quel modo e' centrale e dunque si ripercuote in maniera simile sia sulle ruote anteriori che sulle ruote posteriori, diminuendo di gran lunga i problemi di bilanciamento della monoposto. Naturalmente una simile soluzione va mascherata, con una carrozzeria superiore ai radiatori che e' traforata ma con miliardi di microfori, invisibili ad occhio nudo.

E' tempo di tornare alla vecchia soluzione del geniale Chapman.

 

 

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

 

Regards,
The frog

 

Modificato da The frog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: monoposto a passo variabile

 

Questa e' una mia vecchia idea. Su piste veloci come Monza e SPA serve stabilita' e dunque vetture a passo lungo. Su piste tortuose e cittadine serve agilita' e dunque un passo piu' corto. Allora di potrebbero disporre i bracci dell'anteriore delle monoposto con due attacchi distanziati orizzontalmente diciamo alla distanza di dieci centimetri l'uno dall'altro in modo da avere vetture con passo adeguato alla pista che si affronta.

 

 

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

 

 

Regards,
The frog

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
i bracci dell'anteriore

 

 

scusa quale bracci?

 

:blink:http://forum.quattroruote.it/posts/list/18615.page

 

 

the frog; i bracci non possono assolutamente avere 2 attacchi; mica sono dei LEGO;

 

Il passo non è semplicemente la definizione di "interasse" che si trova in letteratura standard;

 

nella configurazione di un telaio con passo corto/lungo ci sono da considerare tantissimi fattori di carattere dimensionale e di preDimensionamento ;

 

nel caso assurdo che ci fossero attacchi distanziati di 10 cm per i bracci.... si deve riprogettare quasi da zero tutto il comportamento del veicolo in dinamica orizzontale e verticale.

 

Direi che l'idea è farlocca :)

Modificato da f1motors

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

i bracci dell'anteriore

 

 

scusa quale bracci?

 

:blink:http://forum.quattroruote.it/posts/list/18615.page

 

 

the frog; i bracci non possono assolutamente avere 2 attacchi; mica sono dei LEGO;

 

Il passo non è semplicemente la definizione di "interasse" che si trova in letteratura standard;

 

nella configurazione di un telaio con passo corto/lungo ci sono da considerare tantissimi fattori di carattere dimensionale e di preDimensionamento ;

 

nel caso assurdo che ci fossero attacchi distanziati di 10 cm per i bracci.... si deve riprogettare quasi da zero tutto il comportamento del veicolo in dinamica orizzontale e verticale.

 

Direi che l'idea è farlocca :)

 

L'idea non e' affatto farlocca: quattro punti di attacco per i braccetti al posto di due e distanziatori per le molle delle sospensioni e per il piantone dello sterzo. Tutto qui.

 

 

 

Regards,

The frog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oggi la Lotus ha portato a Monza una vettura a passo piu' lungo che e' stata scartata. A questo punto anche io penso che allungare il passo dalla vettura su piste veloci serva a poco.

 

 

 

Regards,

The frog

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: Monoposto ad effetto suolo variabile

 

Nel 2014 le monoposto di Formula Uno avranno nuovamente l'effetto suolo (ma senza minigonne). Ora l'effetto suolo e' molto importante nella percorrenza delle curve e in frenata ma e' altamente deprestazionale in pieno rettilineo. Ecco che allora possiamo immaginare che la parte inferiore-posteriore dell'ala capovolta delle monoposto abbia una geometria variabile e precisamente si piecghi verso l'alto creando deportanza in frenata o in curva e viceversa diventi rettilinea quando la vettura e' in piena velocita' sul diritto.

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

Regards,
The frog

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: Monoposto ad effetto suolo variabile

 

Nel 2014 le monoposto di Formula Uno avranno nuovamente l'effetto suolo (ma senza minigonne). Ora l'effetto suolo e' molto importante nella percorrenza delle curve e in frenata ma e' altamente deprestazionale in pieno rettilineo. Ecco che allora possiamo immaginare che la parte inferiore-posteriore dell'ala capovolta delle monoposto abbia una geometria variabile e precisamente si piecghi verso l'alto creando deportanza in frenata o in curva e viceversa diventi rettilinea quando la vettura e' in piena velocita' sul diritto.

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

Regards,

The frog

 

Mi rendo conto che una delle regole e' che le monoposto non possono avere parti aerodinamiche mobili, ma il DRS dove lo mettiamo allora? Si potrebbe almeno fare in modo che il DRS nel 2014 sia completato da questo meccanismo a sua volta mobile. Un DRS a doppio stadio, insomma.

 

 

 

Opinioni in merito restano gradite.

 

 

 

Regards,

The frog

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: angolo di camber elevato delle monoposto

 

Oggi durante i vari commenti del Gran Premio di Monza hanno trattato dell'angolo di camber delle ruote delle monoposto dicendo che e' pari a 2-3 gradi (positivo). Ora la larghezza delle ruote delle monoposto viene presa sull'asse delle ruote. Dunque con un angolo di camber positivo molto piu' elevato il risultato sarebbe quello di allargare l'interasse a terra delle monoposto. Servono pero' gomme coniche, gomme che permettono angoli di camber di 15°-20°. Non solo in questo modo si allarga e considerevolmente l'impronta a terra della gomma.
Unico neo: i piloti non hanno ben chiara la larghezza dell'interasse delle gomme, gomme che non vedono fino a terra.

 

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

 

 

Regards,
The frog

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Title: angolo di camber elevato delle monoposto

 

Oggi durante i vari commenti del Gran Premio di Monza hanno trattato dell'angolo di camber delle ruote delle monoposto dicendo che e' pari a 2-3 gradi (positivo). Ora la larghezza delle ruote delle monoposto viene presa sull'asse delle ruote. Dunque con un angolo di camber positivo molto piu' elevato il risultato sarebbe quello di allargare l'interasse a terra delle monoposto. Servono pero' gomme coniche, gomme che permettono angoli di camber di 15°-20°. Non solo in questo modo si allarga e considerevolmente l'impronta a terra della gomma.

Unico neo: i piloti non hanno ben chiara la larghezza dell'interasse delle gomme, gomme che non vedono fino a terra.

 

 

Opinioni in merito sono gradite.

 

 

 

Regards,

The frog

 

 

Pero' al neo si potrebbe ovviare montando dei laser nell'asse delle ruote puntati in alto che divergono dello stesso angolo di cui divergono in basso le gomme.

 

 

 

 

Opinioni in merito anche a questo sono gradite.

 

 

 

 

Regards,

The frog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Visitatore
Questa discussione è chiusa.

  • Navigazione Recente   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.



×