Vai al contenuto
lucagt2

Ultimo giro di Senna a San Marino 94: si vedono gli occhi di Ayrton in un fotogramma

Messaggi raccomandati

Quella curva non doveva proprio esserci, l'ipotesi di porre gomme o sabbia ? sempre stata scartata perch? avrebbero aviuto effetti devastanti a quella velocit?, e anche la dissipazione di energia non sarebbe stata ottimale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma ci godete cos? tanto a farvi del male?

 

 

Mamma mia Gio hai proprio ragione che mal di cuore..

Certo che in quel week-end ? successo di tutto, cose mai viste, e secondo me a parte tutte quelle micidiali fatalit? non doveva succedere perch? il circuito doveva essere gi? sequestrato dal sabato...

Comunque ? andata cos? e ormai non possiamo farlo tornare indietro, possiamo solo ricordare i week-end straordinari che ci ha fatto vivere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per? non si pu? neanche far finta che non sia successo nulla e non ci vedo nulla di male a parlarne.

 

Vero ..... ma ne abbiamo discusso in modo talmente approfondito da poterne fare una enciclopedia su tema. Sarebbe meglio riesumare vecchi topic in cui se ne ? parlato in modo amplissimo piuttosto che aprirne di nuovi.

 

Basta solo avere la pazienza di cercarli, anche perch? sono molto ben fatti e soprattutto dirimono molti dubbi a tanti forumisti.

 

 

Io non ne parlo pi?. Per ovvie ragioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vero ..... ma ne abbiamo discusso in modo talmente approfondito da poterne fare una enciclopedia su tema. Sarebbe meglio riesumare vecchi topic in cui se ne ? parlato in modo amplissimo piuttosto che aprirne di nuovi.

 

Basta solo avere la pazienza di cercarli, anche perch? sono molto ben fatti e soprattutto dirimono molti dubbi a tanti forumisti.

 

 

Io non ne parlo pi?. Per ovvie ragioni.

Su questo hai ragione.

 

Ovviamente ognuno ? libero di parlarne o meno :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me se si parla di automobilismo a intervalli regolari bisogna affrontare per forza il tema Ayrton Senna: la carriera, le imprese e anche purtroppo l'incidente e la morte.

Probabilmente chi non c'era o era troppo piccolo non se lo ricorda ma la morte di Senna non ? stato solo uno degli eventi cardine nella storia dell'automobilismo ma anche un vero e proprio shock mondiale.

Mi ricordo come fosse ieri le prime pagine dei giornali il giorno dopo l'incidente, quotidiani come il Corriere o Repubblica dedicarono per 2 giorni l'intera prima pagina al dramma di Imola, le uniche notizie che ebbero lo stesso impatto a mia memoria sono state l'attentato a Falcone e quello alle Torri Gemelle.

Senna all'epoca era certamente lo sportivo pi? famoso al mondo, forse a un livello mai raggiunto prima e dopo da nessun altro e per questo trovo ridicolo quelli che dicono che Senna ? diventato cos? popolare solo dopo la sua morte.

Penso veramente di aver visionato tutti i filmati e i dati relativi all'incidente, molti proprio su questo forum ma secondo me rinfrescarsi la memoria ogni tanto non pu? fare che bene.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma scusate quindi Imola non andava bene così?parlate che volete belle piste ma però le volete modificare

Per me erano le vetture troppo instabili.

Imola non l'avrei modificata.

Modificato da Aleksander87

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non sono d'accordo. Anzi tutto, quello che è accaduto a Senna, potrebbe accadere in qualcunque circuito ed in qualunque momento: se una ruota si stacca, questa (o un altro elemento, come la sospensione) può colpire il pilota esattamente com'è accaduto a Senna. Dunque, al di là della pericolosità del Tamburello, quello che accadde quel giorno fu un caso particolare (come molto originale è la causa che ha innescato l'incidente).

Quanto alla curva, il discorso sarebbe molto lungo e andrebbe approfondito con l'integrazione di testi (se esistono) che possano eventualmente comprovare una tesi piuttosto che un'altra. Non ricordo, tuttavia, che vi sia mai stata alcuna forte sollecitazione da parte dei piloti o altri enti vicini alla F1 nel senso di modificare la curva. Ricordo che se ne parlò più volte e non se ne fece nulla (da una parte gli amministratori e sagis, che mi pare si opposero alla modifica dicendo che la revisione della curva avrebbe causato problemi alla viabilità ordinaria; dall'altra i piloti, una volta sentita le regioni dei gestori dell'autrodromo e verificata l'impossibilità di ampliare la via di fuga, hanno fatto ben poco per far cambiare il layout del circuito). Il problema, in fin dei conti, è che si corse a cambiare il circuito solo quando il mondo intero reagì ai disastri di quel week-end: solo allora la FIA diede imput precisi che comportarono modifiche significative a molti circuiti e portarono ad una revisione significativa dell'approccio alla sicurezza. Insomma, se vuoi scagliarti contro qualcuno, secondo me dovresti farlo contro FIA, associazione piloti (Senna in primis) e quanti avrebbero avuto il potere (forse) di far cambiare quella curva prima che ci scappasse il morto. E che invece hanno agito con mentalità molto 'italiota'...

 

Rispondo e poi chiudo su quest'argomento.

 

@Frontrunner: il fatto che in williams lavorassero degli addetti al controllo qualità dei pezzi che erano trogloditi è un fatto, che quella curva fosse mortale era un fatto noto ed è un altro.

Se chi gestiva la pista dopo l'87 (o dopo l'89) avesse detto "ci è andata bene due volte forse è il caso di intervenire" avrebbe semplicement anticipato la modifica con la S di qualche anno, Ayrton sarebbe con noi. Questo perchè prendere un muro a 220 o 150 kmh è diverso. E se fosse stata modificata anche in caso di cedimento come avvenne la velocità sarebbe stata ridotta perchè la curva non era più da pieno gas.

Senna, che tu includi come rappresentante dell'associazione piloti, aveva fatto tutto quello che era possibile chiedendo che, ALMENO, fosse asfaltato il circuito per evitare il sottosterzo e lo fece a marzo. Se nessuno è intervenuto è colpa di tutti tranne che dell'associazione pilota (Senna in primis...).

Senna faceva sempre tutto quello che poteva per la sicurezza da anni, per questo fu anche ripreso, anche il giorno prima quindi E' COLPA DI TUTTI MENO CHE SUA se quella fottuta curva fu tenuta così e i tuoi amici gestori sono complici di quello che è successo grazie anche alla professionalità di williams e le modifiche regolamentari post '93 della FIA

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

veramente se non ricordo male senna c'era stato assieme a berger, quando correvano in mclaren a visionare quel muro dicendo appunto che se qualcuno finiva fuori strada in quel punto sarebbe andato a sbattere proprio contro un muro.

il problema ? che dopo di esso c'era un fiume e quindi non si poteva mettere una via di fuga.

io cmq resto dell'idea che con la fila di gomme senna sarebbe ancora tra noi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gomme (che probabilmente avrebbero rispedito la vettura a centro pista rischiando il finimondo) o non gomme, curva o non curva Senna è morto per colpa della sospensione, senza quello probabilmente sarebbe uscito da solo dall'abitacolo della sua vettura. Sfortuna e anche tanta.

Un po' (con i dovuti paragoni) com' è successo a Massa, nonostante tutte le precauzioni e protezioni ha rischiato di perdere la vita.

Modificato da Aleksander87

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

veramente se non ricordo male senna c'era stato assieme a berger, quando correvano in mclaren a visionare quel muro dicendo appunto che se qualcuno finiva fuori strada in quel punto sarebbe andato a sbattere proprio contro un muro.

il problema è che dopo di esso c'era un fiume e quindi non si poteva mettere una via di fuga.

io cmq resto dell'idea che con la fila di gomme senna sarebbe ancora tra noi

Ti sbagli,ci ando' solo Berger al sopralluogo ed era la primavera del '93,in occasione dei test invernali.Preso atto che la via di fuga non si poteva ingrandire perche' c'era il Santerno,non se ne fece piu' niente.A quell'epoca comunque non si riteneva il Tamburello cosi' pericoloso,certo anche ai piloti sarebbe piaciuto creare una via di fuga li' ma non era un grosso problema.Imola era considerata una delle piste piu' sicure in quegli anni.L a colpa dell'incidente ha,secondo me,un nome e un cognome ma questo e' un altro discorso.Per quanto riguarda l' incidente io quel giorno ero alla Villeneuve e la cosa piu' inquietante fu il rumore che sentii al momento dello schianto,quello non lo dimentichero' mai.Poi,nel corso della gara,gli speaker(Costa e Bob Costanduros)non dissero MAI le cose come stavano.Dicevano che c'era stato un incidente ai box(Alboreto credo),che una ruota era finita in tribuna centrale,che Senna era uscito al Tamburello.La verita' venne fuori solo in macchina alla radio... :cray:

Modificato da gerardopernientecodardo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti sbagli,ci ando' solo Berger al sopralluogo ed era la primavera del '93,in occasione dei test invernali.Preso atto che la via di fuga non si poteva ingrandire perche' c'era il Santerno,non se ne fece piu' niente.A quell'epoca comunque non si riteneva il Tamburello cosi' pericoloso,certo anche ai piloti sarebbe piaciuto creare una via di fuga li' ma non era un grosso problema.Imola era considerata una delle piste piu' sicure in quegli anni.L a colpa dell'incidente ha,secondo me,un nome e un cognome ma questo e' un altro discorso.Per quanto riguarda l' incidente io quel giorno ero alla Villeneuve e la cosa piu' inquietante fu il rumore che sentii al momento dello schianto,quello non lo dimentichero' mai.Poi,nel corso della gara,gli speaker(Costa e Bob Costanduros)non dissero MAI le cose come stavano.Dicevano che c'era stato un incidente ai box(Alboreto credo),che una ruota era finita in tribuna centrale,che Senna era uscito al Tamburello.La verita' venne fuori solo in macchina alla radio... :cray:

Veramente Berger racconta che lui e Senna andarono al Tamburello per vedere se era possbile togliere il muro ma si accorsero che dietro c'era un fiume.

Disse pure che Senna mor? a circa 5 metri da dove erano loro quel giorno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A volte,pensare a quanto e' successo quel giorno, aiuta ad essere piu' sereni.Le coincidenze irripetibili furono tante e la piu' rara fu' proprio il fatto che il pezzo di sospensione si ando' ad infilare tra la visiera ed il casco!

E poi,il piantone che cede proprio all'impostazione di quella curva e la stessa modifica maldestramente eseguita che non si ruppe sull'altra Williams!E le proteste di Ayrton sui due incidenti gravissimi del giorno precedente ed ancora le parole del brasiliano a Sid Watkins con l'esortazione di quest'ultimo a mollare di fronte ad un Senna sconvolto.

Il malessere psicologico di Ayrton Senna alle prese con una macchina scomoda,rigida,difficile,nervosa.Un po' tutto stava volgendo verso una frattura con quel mondo che non sentiva piu' suo al punto da fargli rimpiangere la presenza di Alain Prost.

E' la cronaca di una tragedia annunciata,un epilogo che probabilmente era ineluttabile,un appuntamento gia' fissato.

Ma come canta Lucio Dalla in ''Ayrton'',quella tragedia ebbe il potere di far tornare indietro il mondo della F.1 e da quel giorno non e' morto piu' nessuno.Il sacrificio di Senna(proprio perche' capito' a lui,non ad un altro) e' stato l'evento che ha salvato piu' vite nel mondo dell'automobilismo sportivo.

Quella tragedia ha avuto l'effetto di dare un impulso straordinario anche alla Fondazione che alcuni di voi contribuiscono ad aiutare fattivamente:il ricordo del brasiliano e' stato piu' forte della sua stessa presenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque la Wolliams in quegli anni l? ne ha combinate di tutti i colori dal punto di vista della sicurezza, a Hill cedettero le sospensioni l'anno dopo, e nel '91 persero una ruota posteriore ai box vanificando la possibilit? di giocarsi il titolo, e anche nell'87 all'Hungaroring. Dopo aver letto l'intervista di Andretti su AS per? mi viene a mente anche che Newey e prima di loro Chapman sono quelli che hanno interpretato le loro macchine nella maniera piu' estrema determinando in tal modo l'equilibrio instabile tra sicurezza e prestazioni a favore nettamente di queste ultime

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A volte,pensare a quanto e' successo quel giorno, aiuta ad essere piu' sereni.Le coincidenze irripetibili furono tante e la piu' rara fu' proprio il fatto che il pezzo di sospensione si ando' ad infilare tra la visiera ed il casco!

E poi,il piantone che cede proprio all'impostazione di quella curva e la stessa modifica maldestramente eseguita che non si ruppe sull'altra Williams!E le proteste di Ayrton sui due incidenti gravissimi del giorno precedente ed ancora le parole del brasiliano a Sid Watkins con l'esortazione di quest'ultimo a mollare di fronte ad un Senna sconvolto.

Il malessere psicologico di Ayrton Senna alle prese con una macchina scomoda,rigida,difficile,nervosa.Un po' tutto stava volgendo verso una frattura con quel mondo che non sentiva piu' suo al punto da fargli rimpiangere la presenza di Alain Prost.

E' la cronaca di una tragedia annunciata,un epilogo che probabilmente era ineluttabile,un appuntamento gia' fissato.

Ma come canta Lucio Dalla in ''Ayrton'',quella tragedia ebbe il potere di far tornare indietro il mondo della F.1 e da quel giorno non e' morto piu' nessuno.Il sacrificio di Senna(proprio perche' capito' a lui,non ad un altro) e' stato l'evento che ha salvato piu' vite nel mondo dell'automobilismo sportivo.

Quella tragedia ha avuto l'effetto di dare un impulso straordinario anche alla Fondazione che alcuni di voi contribuiscono ad aiutare fattivamente:il ricordo del brasiliano e' stato piu' forte della sua stessa presenza.

Non mi sembra che anche Hill avesse il piantone modificato. Magari ricordo male io

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondo e poi chiudo su quest'argomento.

 

@Frontrunner: il fatto che in williams lavorassero degli addetti al controllo qualit? dei pezzi che erano trogloditi ? un fatto, che quella curva fosse mortale era un fatto noto ed ? un altro.

Se chi gestiva la pista dopo l'87 (o dopo l'89) avesse detto "ci ? andata bene due volte forse ? il caso di intervenire" avrebbe semplicement anticipato la modifica con la S di qualche anno, Ayrton sarebbe con noi. Questo perch? prendere un muro a 220 o 150 kmh ? diverso. E se fosse stata modificata anche in caso di cedimento come avvenne la velocit? sarebbe stata ridotta perch? la curva non era pi? da pieno gas.

Senna, che tu includi come rappresentante dell'associazione piloti, aveva fatto tutto quello che era possibile chiedendo che, ALMENO, fosse asfaltato il circuito per evitare il sottosterzo e lo fece a marzo. Se nessuno ? intervenuto ? colpa di tutti tranne che dell'associazione pilota (Senna in primis...).

Senna faceva sempre tutto quello che poteva per la sicurezza da anni, per questo fu anche ripreso, anche il giorno prima quindi E' COLPA DI TUTTI MENO CHE SUA se quella fottuta curva fu tenuta cos? e i tuoi amici gestori sono complici di quello che ? successo grazie anche alla professionalit? di williams e le modifiche regolamentari post '93 della FIA

 

Ciao, forse occorre che sintetizzi un concetto che, spiegato per esteso, pu? non essere stato spiegato chiaramente. Il punto ? che la l'accettazione del rischio era diversa, allora. I piloti accettavano pi? facilmente certe situazioni cos? come la gente accettava che su una F1 si potesse morire. Oggi ragioniamo seguendo parametri diversi, secondo un processo iniziato tragicamente proprio allora. Tutto qui.

 

Questo nulla toglie alla pericolosit? del Tamburello: sono d'accordo con te che si sarebbe dovuto fare di pi? per evitare il ripetersi di incidenti potenzialmente letali e penso che siano in tanti (non solo i gestori dell'autodromo - che non sono miei amici, ehm ehm), a doversi vergognare per non aver fatto prima quella modifica. Penso a quelli della FIA, per esempio. Ma anche ai piloti (Senna in primis, oh yes: lui era il leader indiscusso ed ogni sua decisione avrebbe trascinato con un effetto domino gli altri piloti), perch? se avessero preso duramente posizione su questo problema, probabilmente qualcosa sarebbe cambiato. Ma qui si torna al punto iniziale: allora si accettava il rischio in modo diverso da come si fa oggi. Morale della storiaccia: tutti avrebbero potuto far di pi? per cambiare il layout di Imola prima di avere due morti (perch? ci si diementica sempre di Ratzenberger?) ma, come ha giustamente sottolineato il nostro amico forumista poco sopra, mai come in questo caso le tragedie di quel maggio 1994 sono servite per dare un'importante svolta alla sicurezza. Io la vedo cos?, ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

hanno dato un a svolta sicuramente ma hanno anche crato lo sport che ci dobbiamo sorbire ora!noioso!sperando che quest'anno sia ricco di emozioni!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non mi sembra che anche Hill avesse il piantone modificato. Magari ricordo male io

Hill aveva il piantone modoficato anche lui, almeno cos? risult?. Comunque in quei famosi 3d ci dovrebbe essere la documentazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×