Vai al contenuto
[LIVE] Stasera h21 Sorteggio Quarti Premio Bannato 2018 Leggi di più... ×
gio66

Circuito di Imola

Messaggi raccomandati

Purtroppo i timori che avevo palesato qualche mese fa, in occasione della gara del WTCC, si stanno trasformando in penosa realt?.

 

Gi? allora (settembre 2008) giravano voci poco simpatiche sulla nuova gestione dell'autodromo, voci che parlavano di fornitori e servizi non pagati fin dall'inaugurazione in pompa magna della scorsa primavera. Proprio durante il weekend del WTCC qualcuno che conosce bene la realt? dell'autodromo e i nuovi gestori mi aveva avvisato: "Questi non arrivano a fine anno". Ahim?, aveva ragione.

 

Mi stavo illudendo che le cose stessero andando per il verso giusto: WTCC confermato per il 2009, SBK ufficializzata.

Addirittura Ezio Zermiani (consulente di Formula Imola, la nuova societ? concessionaria) mi aveva detto personalmente ai Caschi d'Oro, ai primi di dicembre, che stavano tentando di portare la A1GP e si rammaricava del taglio dei test F1 perch?, con l'omologazione avuta, si sarebbe potuto approfittare dell'eventuale esclusione di qualche circuito europeo per tornare nel giro della F1.

 

Come sapete, dopo il fallimento della SAGIS, la Norman 95 Spa, societ? del Gruppo Norman presieduto da Massimo Cimatti e impegnato nel settore dei patrimoni immobiliari, ha ottenuto la gestione dell' impianto imolese per i prossimi 30 anni al canone di 300 mila euro l' anno. Il nuovo concessionario si ? aggiudicato la gara indetta dal Comune di Imola superando la FG Sport di Maurizio Flammini, organizzatore delle SBK e da sempre interessato all' autodromo di Imola.

L'aspetto sportivo della gestione da parte della nuova societ? Formula Imola (partecipata all'80% da Norman e al 20% da una consociata del Comune di Imola) prevedeva un investimento di 11 milioni di euro per i primi 5 anni, soldi che avrebbero consentito la riasfaltatura della pista, la creazione di una tensostruttura per manifestazioni varie, un eliporto e il rifacimento della storica Torre Marlboro, unico manufatto sopravvissuto alla ristrutturazione dell' impianto. Nei piani della Norman 95 c'era l'utilizzo dell'impianto in modo polifunzionale, con l'apertura al pubblico per 340 giorni l'anno e la volont? di ospitare una quarantina di eventi, anche fiere, concerti e spettacoli. I dettagli del progetto, dicevano, sarebbero stati annunciati a gennaio dal nuovo direttore dell'autodromo Pierpaolo Gardella.

 

Ed eccoci a gennaio.

La scorsa settimana il signor Cimatti ha comunicato tramite lettera al Comune di Imola di aver ceduto le sue quote di Norman 95 a Corrado Coen che cos? diventa il nuovo presidente, AD unico, nonch? socio di maggioranza (avrebbe versato 26 milioni di euro) della societ? stessa che ha in corso una ricapitalizzazione per un valore fino a 45 milioni di euro. Per? Cimatti avrebbe tenuto per s? le sue quote di Formula Imola trasferendole ad un'altra societ?, la Cinque Maggio, facente sempre parte del Gruppo Norman.

Nella convenzione stipulata col Comune, la modifica dell'assetto gestionale ? possibile solo dopo aver ottenuto il consenso del Comune di Imola per cui, venendo meno questo obbligo, il Comune potrebbe rescindere unilateralmente la concessione.

Pare che Cimatti sia irreperibile e i siti web grupponorman.com ed autodromoimola.com non funzionano: sar? un caso?

 

A questo punto mi pare evidente che la mossa di Cimatti sia voluta (la stampa locale parla di un buco di 500.000 euro).

Il Comune cerca di fornire rassicurazioni per gli eventi gi? calendarizzati (WTCC e SBK) nel caso che, dopo il chiarimento con Coen, la concessione dovesse essere ritirata: la gestione delle singole manifestazioni verrebbe affidata a privati.

 

Il problema, grosso, ? il futuro dell'autodromo che ? sempre pi? incerto. Per adesso ci sono 36 garages belli grandi sopra ai quali si potrebbero costruire tanti appartamenti.

Quanto al motorsport e alla memoria di Enzo e Dino Ferrari, come direbbe Cetto Laqualunque: 'nt'u culu!

Modificato da gio66

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma prima di acquisire la societ? non hanno chiesto un crrtifiato sui bilanci o che ne so io? :wacko2:

 

Solita storia di speculazione all'italiana...

 

Spero che riescano almeno a far correte la sbk, che quest'anno sar? la regina delle competizione a due ruote, dopo che la motogp ? sempre pi? malconcia e striminzita.

Con un evento del genere non riescono a rientrare di 500.000 euro e neanche in parte? :unsure:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che il gruppo Norman non fosse molto chiaro era ovvio. Secondo me puntavano a costruire appartamenti con la scusa di dover sostenere l'autodromo.

 

Ma lo scandalo veniva gi? prima: la SAGIS ha debiti perch? la FOM chiede pi? soldi per ospitare il GP e il pubblico cala (i biglietti costano tanto e i successi Ferrari ormai non fanno pi? notizia). Nel 2002 si chiedono 10 milioni di euro allo stato per salvare la gara. I tempi della politica sono lunghi e passano due anni prima di approvare il finanziamento. Poi passano altri due anni prima che i soldi arrivino effettivamente.

 

A questo punto siamo nel 2006 e la SAGIS ? infestata da polemiche da paese per vedere chi comanda, allora la FOM non trova un referente con cui parlare del rinnovo del contratto e approfitta di questo per cancellare una delle due gare italiane, ormai il mercato non la richiede come nei primissimi anni '80.

 

Il finanziamento statale serviva a sistemare i box per la F1 ma l'impianto in s? andava perfetto per tutte le categorie extra F1, compreso motomondiale e SBK.

 

Ma il comune continua a dire che far? tornare la F1 con il solo scopo di non farsi scappare quel finanziamento che soddisfa sicuramente a chi viene aggiudicato l'appalto. I soldi non bastano a risistemare l'intero autodromo e serve trovare un imprenditore che si faccia carico di tutto...e arriva Norman...Bates!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dopo settimane di silenzio si ? rifatto vivo Massimo Cimatti.

?Solo ieri, al mio rientro da una breve trasferta all?estero, - scrive Massimo Cimatti nella nota divulgata alla stampa - ho appreso mio malgrado dello schizofrenico susseguirsi a mezzo stampa di articoli relativi alla mia persona, alle mie attivit? imprenditoriali e soprattutto alla societ? di gestione dell?Autodromo di Imola.

Relativamente a detti articoli, mi rammarica in particolare la superficialit? dei giudizi e delle conclusioni di alcuni mentre mi lascia davvero perplesso la totale incongruenza alla realt? nei fatti riportati da altri che, ben lungi dal perseguire la ricerca della verit?, si sono accontentati di alimentare esclusivamente mero pettegolezzo. A questo punto desidero affermare che sono da tempo in corso trattative con il Comune di Imola che potranno definire a breve termine una importante evoluzione nella gestione della struttura sportiva nel rispetto del quadro normativo che regola i rapporti con la cosa pubblica, rispetto che, indipendentemente dagli altrui comportamenti, ha da sempre contraddistinto la mia attivit?, personale e imprenditoriale.

Ritengo che la descrizione delle circostanze e la divulgazione impropria di informazioni sulla mia persona e le Societ? che rappresento siano fuorviate da una chiara volont? di mistificazione della realt? che ? strumentale ad obiettivi ben lontani dalla buona gestione del bene pubblico e dell?interesse dei cittadini. Appena la situazione sar? definita, sar? mia cura ? come d'altronde ? da sempre mia consuetudine - dare adeguata informativa a tutti i pubblici e ai portatori di interesse.?

 

Ed ecco la situazione delle suddette trattative con il il Comune di Imola nelle parole dell'assessore Montroni.

 

La situazione dell?autodromo ? Da maggio 2008, quando il Comune ha consegnato l?autodromo a Formula Imola, la societ? che lo gestisce ha provveduto a completare l?intervento nei box, a attrezzare la sala stampa, ad attrezzare e rendere funzionante la palazzina direzione gara; a effettuare lavori sulla pista (tutti questi interventi vanno a completare i lavori per circa 14 milioni di euro effettuati dal Comune con contributi nazionali e regionali, per realizzare la stecca box e la direzione gara). Inoltre ha ottenuto l?omologazione massima in campo automobilistico, che ha consentito lo svolgimento anche della prova mondiale WTCC ed ha definito con la FIM i lavori per ottenere l?omologazione anche per le gare motoristiche a livello mondiale. Oggi la citt? di Imola, a distanza di 9 mesi da quel maggio 2008, ha un autodromo fra i pi? moderni d?Europa dal punto di vista funzionale ed un importante calendario di eventi 2009, (fra l?altro il WTCC e la SBK) che, al netto della F.1, ? considerato dagli operatori economici locali in grado di consentire all?autodromo di tornare a svolgere la funzione di volano economico.

 

Attivit? dell?autodromo ? ?Garantire il funzionamento e l?attivit? dell?autodromo: questo ? il nostro punto fermo? ha sottolineato Montroni in commissione. A questo proposito fa sapere che ? gi? pronto il progetto esecutivo per le piccole modifiche richieste dalla FIM per ottenere l?omologazione per le moto. I lavori partiranno a febbraio per essere pronti entro marzo. Prossimamente saranno anche perfezionati i contratti per i grandi eventi motoristici in programma, a cominciare dalla prova di WTCC e della Superbike.

 

Rapporti fra Comune e Formula Imola ? ?Per quanto riguarda la gestione dell?autodromo il nostro interlocutore ? Formula Imola? ha affermato Montroni. Fino ad oggi il rapporto non ha evidenziato elementi che potessero mettere in discussione la convenzione. Formula Imola ha rispettato gli elementi fondamentali per la gestione dell?impianto, compreso il pagamento dei 4,3 milioni di euro al curatore fallimentare SAGIS.

 

Formula Imola ? Con.Ami. I rapporti interni alla societ? Formula Imola, composta da Norman 95 che detiene l?80% della societ? e Con.Ami che ne detiene il restante 20%, sono regolati dallo statuto e dai patti parasociali funzionali ad assicurare che le scelte della societ? avvengano nel pieno rispetto degli scopi per i quali ? stata costituita.

A questo proposito, l'assessore Montroni ha informato che pochi giorni fa il presidente di Con.Ami, Nicodemo Montanari, ha rassegnato le dimissioni dal Consiglio di Amministrazione di Formula Imola. Si ? trattato di una scelta condivisa, in attesa che siano definiti gli assetti societari di Formula Imola e per rimarcare la necessit? che la gestione della societ? avvenga nel rispetto dei patti parasociali. A fine settembre, inoltre, Formula Imola ha nominato come sindaco revisore Vittorio Lenzi, come previsto dallo statuto e dalla convenzione che prevede un sindaco indicato dal Con.Ami. Proprio in questi giorni Lenzi ha chiesto al presidente del Collegio dei sindaci una riunione, in programma il 3 febbraio, per la verifica dell?andamento contabile della societ?.

 

Norman 95 ? ?Rispetto alla propriet? di Formula Imola, per noi l?interlocutore rimane Norman 95? ha affermato Montroni. Gi? nel settembre scorso l?allora presidente di Norman 95, Massimo Cimatti, aveva informato il Comune della possibilit? di modifiche nella composizione della societ? stessa, attraverso l?ingresso di nuovi soci e l?aumento di capitale, operazione che non avrebbe comportato un cambiamento nella governance di Norman 95.

Invece, a fine 2008, l?aumento di capitale ha portato ad una variazione della governance di Norman 95 con Corrado Coen che ? diventato nuovo presidente al posto di Cimatti. Proprio ieri il Comune ha fatto pervenire a Norman 95 una lettera in cui si chiede la conferma della validit? della richiesta presentata al Comune da Cimatti quando era presidente di Norman 95 (la richiesta di Cimatti ? datata 23 dicembre ed ? stata consegnata al Comune il 20 gennaio scorso) del passaggio delle quote da Norman 95 alla societ? Cinque Maggio e di esplicitare le caratteristiche della societ? Cinque Maggio da un punto di vista patrimoniale, finanziario e dei requisiti tecnici per la gestione dell?autodromo. ?Ora aspettiamo dal nuovo presidente di Norman 95, Corrado Coen, la risposta. Nel frattempo, per noi il referente all?interno di Formula Imola ? e rimane Norman 95? spiega Montroni.

 

Gli scenari futuri - Il primo scenario, definibile come un?ipotesi pi? teorica che altro, ? che sia gi? avvenuto il passaggio delle quote di Formula Imola dalla Norman 95 alla Cinque Maggio. ?In questa eventualit? dovremo avvalerci dell?art. 14 della convenzione che prevede la revoca della concessione in quanto da un lato non abbiamo autorizzato il passaggio dall?altro non conosciamo le caratteristiche della Cinque Maggio e quindi non abbiamo sufficienti garanzie sotto il profilo patrimoniale, finanziario e dei requisiti tecnici?, ha aggiunto Montroni. Le clausole che portano alla revoca vanno applicate non solo guardando alla mancanza del carattere formale del passaggio, quanto piuttosto alla verifica di un eventuale danno all?interesse pubblico che deriverebbe dal passaggio.

Il secondo scenario ? quello che si basa sul possesso delle quote di Formula Imola da parte di Norman 95. In questo caso le ipotesi sono tre.

In primo luogo Norman potrebbe dire che non ? pi? interessata a cedere le quote alla Cinque Maggio e allora dovrebbe convocare l?assemblea dei soci di Norman 95 e procedere al cambio degli amministratori all?interno di Formula Imola.

In secondo luogo potrebbe confermare che intende cedere le quote alla Cinque Maggio; a questo punto deve esplicitare gli elementi patrimoniali, finanziari ed i requisiti tecnici posseduti dalla Cinque Maggio, per garantire gli obblighi assunti da Formula Imola al momento della sottoscrizione della convenzione.

Terza e ultima ipotesi, Norman 95 intende cedere le quote di Formula Imola ma non alla Cinque Maggio, bens? ad altri soggetti, di cui deve per? fornire le suddette garanzie per ottenere l?autorizzazione del Comune al trasferimento delle quote. In questo caso, il Comune potrebbe tenere in considerazione fra le caratteristiche del nuovo soggetto individuabile per la gestione dell?autodromo anche quello di un suo radicamento nel territorio imolese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervista a Giancarlo Minardi a proposito dell'autodromo e che mi fa incazzare non poco.

 

Un anno fa lei era nella commissione che esamin? e ?scelse? la Norman 95 per la gestione dell?Enzo e Dino Ferrari. Oggi cosa ne pensa?

?E? vero, ero nella commissione che esamin? le richieste pervenute sul bando per la gestione dell?autodromo di Imola. Posso dire che la Norman 95 aveva tutti i presupposti perch? fosse, in quel momento, il miglior gestore per l?Enzo e Dino Ferrari. Alla luce di quanto ? successo in queste settimane, penso che per Imola sia molto difficile anche mantenere quel poco che aveva ricostruito, a partire dalla Superbike e la GranTurismo. Ci sono investimenti da fare, modifiche al tracciato per i motori e tutta la gestione del calendario annuale. Sottolineo inoltre che, personalmente, se fossi stato l?allora sindaco (Marchignoli, ndr) avrei scelto la strada della trattativa privata. C?erano buone occasione da cogliere?.

Si riferisce alla disponibilit? del dottor Flammini?

?A Imola serviva qualcuno che conoscesse il mondo dei motori, che seguisse da subito la parte sportiva. Flammini in questo rappresentava e rappresenta ancora il meglio che c?? sul mercato. A parte l?ipotetico business, non so che stimoli aveva Norman 95 sull?autodromo imolese?. (ma non ha appena detto che Norman era il miglior gestore possibile?)

Oggi lei sarebbe disponibile ad impegnarsi in una nuova gestione dell?autodromo imolese?

?Ho gi? avuto contatti con il sindaco Manca. Perdere un patrimonio come Imola non ? possibile. Personalmente sono disponibile a dare una mano. Sono pronto a mettere a disposizione la mia esperienza, ma che non ? quella economica. Bisogna ricostruire un rapporto forte col territorio, dove c?? ancora una grande passione per i motori (eh, come no!). Certo ? che il circuito ormai ? inattivo da alcuni anni, questo gioca sempre pi? a suo sfavore?.

Come vede l?entrata di alcune cooperative nella futura gestione?

?Sarebbe un bel passo avanti. I benefici di un autodromo attivo ricadono tutti sul territorio, quindi molto bene le coop e anche altri imprenditori locali. Ora bisogna rimboccarsi le maniche, ripartire dalla base e sperare che finalmente tutto fili liscio?.

A Ravenna invece si parla un progetto legato ad un autodromo tutto nuovo. E? necessario, viste le difficolt? di Imola e Misano?

?Premetto che in questo caso non sono mai stato chiamato in causa. Conosco per? il progetto: l?autodromo di Ravenna sorgerebbe in un contesto molto interessante, nella zona dove c?? gi? Mirabilandia. Ben 25 anni fa io trattai col Comune per realizzare una pista da rally, poi per motivi economici il disegno non and? a buon fine. Sinceramente non vedo nulla di male, tra l?altro quella ? una zona a basso costo. C?? vicino la Riviera a disposizione, si potrebbero organizzare eventi tutto l?anno?. (eh gi?, che c'? di male? in fondo ci sono solo Imola e Misano nel raggio di 50 km, complimenti davvero)

Infine dopo i successi del 2008, che 2009 sar? per la Toro Rosso?

?Ripetere il 2008 non sar? facile. La Toro Rosso ha perso Vettel, un pilota che faceva la differenza, auguriamoci pure che i nuovi regolamenti sia stati interpretati bene. I team favoriti? McLaren e Ferrari, le nuove norme sono interessanti, ma complicate. Per lo spettacolo ? meglio cos?, Renault e Bmw si faranno sentire, la Red Bull sar? molto innovativa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

hanno svenduto l'alitalia per un pazzo di pane agli amici di silvio, vi stupite ancora di queste cose?

io non piu' ormai, purtroppo aggiungerei

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Gio.

Tu sei ben informato e ti volevo chiedere novit? sullo stato di salute dell'autodromo. C'era in calendario la gara della Formula 3000, ma ho visto che ? stata cancellata, ma non ho ben capito il motivo.

Ho visto per? che la gara del GT Open si ? disputata.

C'? incertezza e volevo sapere se tu hai notizie rassicuranti. :)

Modificato da Aviatore_Gilles

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao Gio.

Tu sei ben informato e ti volevo chiedere novit? sullo stato di salute dell'autodromo. C'era in calendario la gara della Formula 3000, ma ho visto che ? stata cancellata, ma non ho ben capito il motivo.

Ho visto per? che la gara del GT Open si ? disputata.

C'? incertezza e volevo sapere se tu hai notizie rassicuranti. :)

 

Purtroppo di rassicurante c'? ben poco, anzi direi proprio niente.

 

In origine ci dovevano essere sia l'Euro 3000 che la F3 spagnola che ha fatto l'accordo con la FIAT per la fornitura dei motori FPT ma non so perch? siano state cancellate entrambe.

 

Il panorama ? abbastanza desolante. L'autodromo ? quasi privo di manutenzione, compresa la nuova struttura dei box appena edificata: la gradinata della terrazza box ? ancora vietata al pubblico (non si sa il perch?) e il cemento si sta gi? sbriciolando. Vorrei ricordare che il progetto, finanziato con i soldi della Protezione Civile (cio? di chi paga le tasse), predeva un edificio su due piani. In realt? l'impresa edile Rocco Lupo di Roma che si ? aggiudicata l'appalto ha costruito solo il piano terra e poi i soldi sono finiti.

 

L'impressione ? che dell'autodromo non freghi niente a nessuno, n? alla societ? di gestione, n? al Comune e il futuro ? sempre pi? incerto. Sembra quasi che si aspetti l'intervento di qualcuno che prenda in mano la situazione ma, con questi chiari di luna, non vedo proprio come possa essere possibile.

 

Al momento tutti gli eventi in calendario sono confermati (o forse ? meglio dire che non sono stati ancora cancellati), compresa la SBK (la Aprilia ha gi? pagato le camere dell'albergo nelle quali dormir? la squadra), ma i lavori per l'omologazione del circuito alle gare motociclistiche che erano previsti per febbraio non sono mai cominciati. Qualcuno dice che finch? c'? Gardella alla direzione dell'autodromo Flammini non porter? la SBK a Imola.

 

La vedo sempre pi? nera.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mamma mia, ? messo malissimo.

L'ultima volta che sono stato ad Imola era per il WTCC di settembre e gi? allora circolavano notizie poco rassicuranti.

Sperano in una svolta che in effetti c'? stata, in negativo per?.

Imola ? un pezzetto del mio cuore, una delle piste che amo e sentire queste notizie mi fa una male cane.

Chiss? che mangeria di soldi che c'? stata sotto. Ormai sono pronto al peggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
non ci sono anche le v8 supercar campionato italiano, nel calendario 2009?

 

Lo scorso weekend, oltre al GT Open, c'era il CITE, la Porsche Carrera Cup e le Superstars <_<

 

Il 17 maggio ci sar? il Challenge Ferrari.

 

Il 24 Maggio F.2000 Light e Porsche Targa Tricolore.

 

Il 6 settembre F3, F.Azzurra, GT italiano, CITE e Porsche Carrera Cup.

 

Il 20 settembre WTCC, F.Master, F2.

 

Il 27 settembre SBK.

 

Chi vivr? vedr

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lo scorso weekend, oltre al GT Open, c'era il CITE, la Porsche Carrera Cup e le Superstars <_<

Cia Gi?!

 

Ho seguito le gare de CITE e delle Superstars ed il circuito non mi ? sembrato messo cos? male.

 

Le difficolt? di manutenzione sono limitate solo alla struttura paddock-box?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cia Gi?!

 

Ho seguito le gare de CITE e delle Superstars ed il circuito non mi ? sembrato messo cos? male.

 

Le difficolt? di manutenzione sono limitate solo alla struttura paddock-box?

 

Sono stato solo ai box e alle Acque. Le protezioni in uscita sono vecchie di almeno 3 anni, non sono state nemmeno ridipinte. Nelle vie di fuga in cemento si intravedono ancora le scritte Bridgestone e Allianz risalenti al GP del 2006 che stanno sbiadendo col tempo. Sul cemento delle tribune cresce il muschio. In alcuni punti il muro di cinta in cemento ? stato abbattuto (incidenti? vandali?).

 

Il personale di servizio era inesistente, c'era solo un ragazzo dall'accento straniero a controllare i pass all'ingresso al paddock, non c'era nessun tipo di servizio di soccorso/sicurezza per il (poco) pubblico, il bar dell'autodromo era chiuso cos? come la nuova mediateca inaugurata lo scorso anno. Se non la tengono aperta quando ci sono le gare, allora quando? Per? per tenere aperte delle strutture ci vuole personale, il personale va pagato e la Formula Imola deve ancora pagare chi ha lavorato all'inaugurazione del maggio scorso, figurati un po'.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la mia sensazione ? che imola sia solo uno dei tanti circuiti storici europei che saranno destinati alla morte da qui ai prossimi anni. silverstone, hocknehiem,la stessa spa, magny cours, montreal e sicuramente ne dimentico tanti navigano in cattivissime acque.

 

ci sono tanti fattori determinanti.

 

1) gli unici che possono permettersi di portare avanti eventi di questo tipo in perdita risiedono in arabia e postazzi di xxxxx simili. i vari sceicchi multimilionari a cui non frega un kaiser di buttare un 100 milioncini all'anno per togliersi lo sfizio di vedere una gara nel loro califfato.

l'alternativa ? rappresentata da quei paesi del terzo mondo in via di sviluppo che ricevono ingenti fondi da stato e sponsor per costruire circuiti e organizzare gare al fine di propagandare l'immagine di sponsor e paesi stessi.

 

in poche parole parliamo di situazioni in cui la gestione del circuito pu? permettersi di non avere un ritorno economico per mandare avanti la baracca. pompano solo dei gran soldi che hanno scopi non strettamente inerenti agli eventi stessi.

 

2) a questo cotribuisce l'interesse ormai allo zero che il pubblico ha verso le manifestazioni motoristiche. e qui c'? poco da fare. una situazione che in italia ? ancor pi? grave che altrove. io non posso pensare di andare al mugello il giorno in cui si corrono dtm ed euro3000 ed essere assalito dal dubbio di aver sbagliato giorno per via del deserto trovato al circuito. non parliamo di 2 manifestazioni fra le pi? sfigate. una desolazione unica.

tribune costantemente vuote quasi sempre. apparte forse la ferrari a monza o valentino al mugello. ma 2 gare su quante che si svolgono ogni anno?

se la gente non va al circuito a spendere soldi c'? poco da fare. un anno pu? essereci il comune a tentare di tener su il tutto, l'altro anno lo sponsor...ma poi finisce che nessuno ? pi? disposto a tirare fuori i dindi e va tutto al macero. che poi ? anche un fattore di interesse generale: la gente non guarda le gare dal vivo, ma non le guarda manco alla tv, apparte la solita motogp e la solita f1 (quando vincono gli idoli dei fanboy). e gli sponsor pagheranno sempre meno.

 

ecco perch? si punta ormai costantemente a spostarsi nei cittadini: costi di gestione infinitamente ridotti, palcoscenico "affascinante" (a livello puramente di fronzoli, i tracciati fanno cagare ad essere gentili), gare finanziate da enti locali......tutte caratteristiche che non appartengono a un normale circuito permanente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
la mia sensazione ? che imola sia solo uno dei tanti circuiti storici europei che saranno destinati alla morte da qui ai prossimi anni. silverstone, hocknehiem,la stessa spa, magny cours, montreal e sicuramente ne dimentico tanti navigano in cattivissime acque.

 

Salverei Silverstone, almeno fino a quando il proprietario sar? in vita. :superlol:

 

2) a questo cotribuisce l'interesse ormai allo zero che il pubblico ha verso le manifestazioni motoristiche. e qui c'? poco da fare. una situazione che in italia ? ancor pi? grave che altrove. io non posso pensare di andare al mugello il giorno in cui si corrono dtm ed euro3000 ed essere assalito dal dubbio di aver sbagliato giorno per via del deserto trovato al circuito. non parliamo di 2 manifestazioni fra le pi? sfigate. una desolazione unica.

tribune costantemente vuote quasi sempre. apparte forse la ferrari a monza o valentino al mugello. ma 2 gare su quante che si svolgono ogni anno?

Se la gente non va al circuito a spendere soldi c'? poco da fare.

 

Concordo su tutta la linea. Ed ? ancora pi? frustrante vedere le tribune vuote anche quando ? GRATIS!!!

 

E poi abbiamo anche il coraggio di andare a dire in giro che siamo la T?ra de mut?r...

 

Purtroppo il motorsport (non lo show-business), oltre a costare una valanga di soldi, non attira pi? nessuno.

Domenica nel CITE, una categoria relativamente economica, correvano Luca Cappellari (46 anni), Roberto Colciago (ufficiale SEAT-Italia, 41 anni), Piero Necchi (58), Beppe Gabbiani (52), Michele Merendino (39, un ragazzino), Gianni Giudici (63 anni) e Walter Meloni (67). E molti di questi pagano di tasca loro per correre!

 

Dove sono i giovani? Perch? non vogliono correre? Non stiamo parlando di F1 ma di categorie che, volendo, sono molto pi? accessibili a chi ha un qualche gruzzolo da parte e la voglia di correre.

I pochi giovani che, grazie a pap?, decidono di correre, spesso pensano a tutto tranne che ad andare forte. Lo scorso anno un pilota (o meglio, suo padre) ha acconsentito a pagare il sedile (e il lavoro dei meccanici) solo se il team allestiva un'adeguata hospitality per accogliere sponsor che, naturalmente, non si sono praticamente mai presentati in autodromo perch? non gli fregava niente (a parte le fatture, ovviamente).

 

Evidentemente manca la voglia; se nemmeno chi dovrebbe correre non ha il necessario entusiasmo, come possiamo pensare che il pubblico si riavvicini agli autodromi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo ? vero, gli autodromi sono vuoti.

Ricordo che nel 2006 ho girato quasi tutti i circuiti per assistere al CIV, deserto totale, nonostante le categorie offrissero gare spettacolari, con sportellate e sorpassi.

Ogni anno ho i miei appuntamenti fissi e tranne per il FIA GT di Adria, dove il pubblico ? un p? pi? presente, le restanti gare sono di una desolazione unica.

Il WTCC di Imola ? stato un'appuntamento interessante e c'era parecchia gente, ma hanno fatto entrare tutti gratis. Ok una bella iniziativa, ma come tirano su i soldi cos?? ti credo che poi va tutto in rovina.

Da quanto ho potuto vedere io tanti si credono appassionati, ma pochi poi si presentano in circuito per vivere l'evento. Praticamente sono appassionati solo quando stanno davanti alla tv, nelle altre ore dimenticano tutto.

La maggior parte conosce solo Ferrari e Valentino Rossi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Formula 1: Donington, Jackie Stewart chiede aiuto al governo inglese

Indice Ultim'ora

 

LONDRA - Le difficolta' economiche del Gran Premio di Gran Bretagna, che dalla prossima edizione dovrebbe svolgersi a Donington, hanno spinto Jackie Stewart, uno dei piu' grandi piloti di sempre a intervenire: "Le autorita' devono svegliarsi - ha dichiarato Stewart rivolgendosi al Governo di Londra - non possiamo perdere un gioiello simile, anche perche' in Gran Bretagna circa 50 mila persone vivono grazie all'industria legata alla Formula 1". (Agr)

 

*

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pure Donington? Non se la passano bene nemmeno all'estero insomma.

Ho paura sia una conseguenza di una serie di sprechi in questo settore ed ora si pagano le conseguenze.

Speriamo che tutto si sistemi, non si possono perdere simili patrimoni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×