Vai al contenuto
[LIVE] Stasera h21 Sorteggio Quarti Premio Bannato 2018 Leggi di più... ×
Ferrarista

L'angolo della fisica

Messaggi raccomandati

Allora ... poich? la Fisica mi ha sempre affascinato e se non avessi fatto il medico avrei fatto il Fisico, dico di parlare della cosiddetta "altra fisica" o anche detta fisica quantistica.

 

Vediamo ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Allora ... poich? la Fisica mi ha sempre affascinato e se non avessi fatto il medico avrei fatto il Fisico, dico di parlare della cosiddetta "altra fisica" o anche detta fisica quantistica.

 

Vediamo ;)

Eh...apri uno dei capitolo pi? contorti della fisica. Ora proprio sto seguendo il corso di meccanica quantistica e ti assicuro che non ci si capisce niente...o meglio...la fisica quantistica si riesce a maneggiare e si riesce a comprenderne le leggi che la governano, ma queste leggi non significano assolutamente niente.

 

Parto da alcuni presupposti che hanno costretto i fisici ad abbandonare l'interpretazione classica della meccanica:

- Nel 1905 Einstein pubblica un lavoro importantissimo sull'effetto fotoelettrico: un conduttore investito da luce emette elettroni, ma li emette solo se l'energia che investe il metallo ? hn dove n ? la lunghezza d'onda della luce incidente e h una costante (detta costante di Planck).

- Studiando gli atomi degli elementi idrogenoidi (cio? quelli con un solo elettrone) ci si rende conto che le orbite degli elettroni non sono libere di variare a piacere (come accade per le orbite dei pianeti che orbitano attorno al sole), ma sono costretti a stare su orbite prefissate.

 

Questi ed altri fatti sperimentali (come la legge sui calori specifici di Dulong-Petit) spingono i fisici ad abbandonare la meccanica e la termodinamica classica per tentare un approccio diverso alla comprensione del mondo che ci circonda.

 

Fondamentali in questo senso sono i contributi di gente come Bohr, Planck, De Broglie, Schroedinger, Heisenberg, Born che danno la stoccata definitiva alla concezione classica della fisica: le particelle e le onde elettromagnetiche (come la luce) non sono due entit? distinte, ma semplicemente noi riusciamo a cogliere pi? facilmente solo uno dei due aspetti tra particellare e ondulatorio: in parole povere ogni corpo dotato di quantit? di moto (cio?, in sostanza, velocit?) possiede una natura duale, sotto certi aspetti ? un'onda e sotto certi altri aspetti ? una particella.

Da questo nasce l'idea di fotone come particella e di elettrone come onda.

Successivamente a questa interpretazione ondulatoria (per cui il principe De Broglie vinse il Nobel per la fisica) della materia ci si rese conto che alcune cose non riuscivano ancora ad avere una spiegazione coerente e perci? Born e Schroedinger diedero una interpretazione probabilistica della meccanica quantistica: in realt? un elettrone non ? un'onda, ma semplicemente la probabilit? di trovarlo in un dato punto dello spazio si comporta come un'onda. In sostanza questa ? la meccanica quantistica: non si sa pi? dare una previsione certa dello sviluppo di un dato fenomeno, ma se ne sa dare un probabile sviluppo.

 

Ora la meccanica quantistica ? davvero sconfinata e difficile, ma questi sono i principi basilari che hanno dato origine a questo immenso casino in cui anche i pi? grandi fisici ancora non sanno districarsi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si .... in particolare la fisica quantistica ? stata introdotta proprio per tentare di dare risposte a fenomeni che altrimenti non potrebbero trovare soluzione con la cosiddetta fisica classica. Fu Plank che scopr? che le radiazioni termiche di un corpo surriscaldato, si propagavano non gi? in modo continuo ma a "pacchetti" detti quanti ... come dire che se prendiamo una matrioska che ? energia, le matrioske che in essa sono contenute, in ordine decrescente, sono pacchetti dell'energia di base che la matrioska contenente ?, come dire che l'energia ? una sommatoria di quanti o pacchetti e da qui la famosa costante di Plank che in soldoni ci dice che l'energia emessa pu? variare in quantit? ma deve essere emessa comunque sempre con subunit? costanti e cio? i quanti. Da qui il passo ? molto breve nel dichiarare che la luce non ? altro che un'insieme di quanti (fotoni) o particelle e da qui la natura ondulatoria della luce :) Ma insieme a Plank un ruolo fondamentale nella genesi della Fisica Quantistica (Meccanica) fu Heisemberg di cui il principio di indeterminazione degli ordini di grandezza ? il principio fondante e cio? che non ? possibile sapere con certezza la velocit? di una particella con esattezza seppure ne sappiamo la posizione.

 

Questa ? la "morte" (si fa per dire) della fisica classica o deterministica e cio? che sapendo lo stato di una particella in un momento detto "zero" si pu? sapere la sua evoluzione futura proprio perch? la materia, secondo la Meccanica Quantistica, ? "probabilit?" e non certezza deterministica e da qui la teoria quantistica appunto e parlare di stato quantico significa parlare di uno stato in cui non possiamo sapere in maniera deterministica ne la velocit? e la posizione di una particella.

 

Nel dettaglio il maggiore esponente dei nostri giorni della fisica dei quanti ? il Prof Paul Davies:

 

213px-PaulCWDavies.jpg

 

 

Autore del bestseller "La mente di Dio", che consiglio di leggere. Non solo: la meccanica quantistica entra in ballo anche nella cosiddetta "metafonia" di cui il film Frequency ? il maggior esponente e di cui consiglio vivamente la visione :) Ma sulla metafonia ne parleremo pi? in la ;)

 

Luke 36

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La mia domanda ?: che cos'? l'isola? E perch? Faraday si stupisce del modo in cui si diramano i raggi di sole sull'isola???

Perdona la mia ignoranza...non so a cosa ti riferisci...magari so pure la risposta ma questa storia dell'isola non l'ho mai sentita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si .... in particolare la fisica quantistica ? stata introdotta proprio per tentare di dare risposte a fenomeni che altrimenti non potrebbero trovare soluzione con la cosiddetta fisica classica. Fu Plank che scopr? che le radiazioni termiche di un corpo surriscaldato, si propagavano non gi? in modo continuo ma a "pacchetti" detti quanti ... come dire che se prendiamo una matrioska che ? energia, le matrioske che in essa sono contenute, in ordine decrescente, sono pacchetti dell'energia di base che la matrioska contenente ?, come dire che l'energia ? una sommatoria di quanti o pacchetti e da qui la famosa costante di Plank che in soldoni ci dice che l'energia emessa pu? variare in quantit? ma deve essere emessa comunque sempre con subunit? costanti e cio? i quanti. Da qui il passo ? molto breve nel dichiarare che la luce non ? altro che un'insieme di quanti (fotoni) o particelle e da qui la natura ondulatoria della luce :) Ma insieme a Plank un ruolo fondamentale nella genesi della Fisica Quantistica (Meccanica) fu Heisemberg di cui il principio di indeterminazione degli ordini di grandezza ? il principio fondante e cio? che non ? possibile sapere con certezza la velocit? di una particella con esattezza seppure ne sappiamo la posizione.

 

Questa ? la "morte" (si fa per dire) della fisica classica o deterministica e cio? che sapendo lo stato di una particella in un momento detto "zero" si pu? sapere la sua evoluzione futura proprio perch? la materia, secondo la Meccanica Quantistica, ? "probabilit?" e non certezza deterministica e da qui la teoria quantistica appunto e parlare di stato quantico significa parlare di uno stato in cui non possiamo sapere in maniera deterministica ne la velocit? e la posizione di una particella.

 

Nel dettaglio il maggiore esponente dei nostri giorni della fisica dei quanti ? il Prof Paul Davies:

 

213px-PaulCWDavies.jpg

Autore del bestseller "La mente di Dio", che consiglio di leggere. Non solo: la meccanica quantistica entra in ballo anche nella cosiddetta "metafonia" di cui il film Frequency ? il maggior esponente e di cui consiglio vivamente la visione :) Ma sulla metafonia ne parleremo pi? in la ;)

 

Luke 36

Pienamente d'accordo...quello che hai scritto, in sostanza, ? una integrazione a quello che ho scritto io.

 

Per? vorrei porre l'accento su una cosa particolare (che tra l'altro ha detto proprio oggi il mio prof di meccanica quantistica): la meccanica quantistica non ? tanto la crisi della meccanica classica come qualcosa di intrinseco nella natura, ma ? la presa di coscienza dell'uomo della sua incapacit? di descrivere la natura in modo pieno e soddisfacente. E questo si nota nella cronica incapacit? nella descrizione che traspare in tutta la fisica quantistica: di fronte al problema del corpo nero (quello citato da luke) e di fronte a tutte le contraddizioni quantistiche, l'uomo non ha saputo inventarsi un nuovo modo per descrivere la natura, ma ha usato (oserei dire in modo alquanto goffo) le nozioni che gi? possedeva precedentemente dalla meccanica dei corpi e dalle varie teorie ondulatorie (del suono, della luce etc.).

 

Ci sarebbe un testo non molto divulgativo che spiega un po' come alcune scoperte hanno portato alla crisi della meccanica classica e alla nascita di tre nuove branche della fisica: la meccanica relativistica, la meccanica quantistica e la meccanica statistica...il problema ? che questo testo ? in inglese e, come ho detto, non ? molto di livello divulgativo (anche se io ancora non l'ho letto, quindi non saprei giudicare), quindi non mi sentirei di consigliarlo a un uditorio che non ha grosse conoscenze di fisica di base.

 

Comunque se avete altri dubbi in merito posso provare a rispondere io nel mio piccolo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La mia domanda ?: che cos'? l'isola? E perch? Faraday si stupisce del modo in cui si diramano i raggi di sole sull'isola???

 

LOST

 

un altro dipendente da telefilm...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

un fisico dello utah(non ricordo il nome) disse che per il secondo principio della termodinamica le torri gemelle non avrebbero dovuto collassare in quel modo.qualcuno ne sa qualcosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
un fisico dello utah(non ricordo il nome) disse che per il secondo principio della termodinamica le torri gemelle non avrebbero dovuto collassare in quel modo.qualcuno ne sa qualcosa?

Non dimentichiamoci che le torri gemelle le ha progettate un ingegnere per? :hihi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non dimentichiamoci anche che nessuno prevedeva che le torri gemelle dovessero resistere agli attacchi aerei....

Non concordo...ma qui andiamo troppo fuori argomento.

 

Voglio lanciare un altro argomento: quanto ne sapete della relativit

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non dimentichiamoci anche che nessuno prevedeva che le torri gemelle dovessero resistere agli attacchi aerei....

 

infatti non hanno resistito :hihi:

 

 

Anche se poi che siano stati quelli a farle crollare ? ancora tutto da dimostrare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
un fisico dello utah(non ricordo il nome) disse che per il secondo principio della termodinamica le torri gemelle non avrebbero dovuto collassare in quel modo.qualcuno ne sa qualcosa?

 

Anche diversi geometri e costruttori edili giurano che ? impossibile che siano collassate "naturalmente" in quel modo, ma questa ? un'altra storia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

un fisico dello utah(non ricordo il nome) disse che per il secondo principio della termodinamica le torri gemelle non avrebbero dovuto collassare in quel modo.qualcuno ne sa qualcosa?

Anche diversi geometri e costruttori edili giurano che ? impossibile che siano collassate "naturalmente" in quel modo, ma questa ? un'altra storia...

 

 

non saprei, ma secondo me l'impatto di un aereo non ? sufficiente per farla crollare, cos? perfettamente poi

Modificato da Maverick

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perdonami Ferrarista ma il titolo del tuo thread mi ricorda terribilmente Peter, il personaggio di B.C. che aveva una risposta per tutto.

Un mito della mia adolescenza.

 

hart13.1.1969_22.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×